Un nuovo direttore per i Musei Vaticani: Antonio Paolucci

[photopress:sistinaok.jpg,full,alignleft]Sul Giornale di oggi pubblico la notizia della nomina (ormai prossima, credo martedì) del nuovo direttore dei Musei Vaticani, che sostituisce l’archeologo Buranelli. E’ Antonio Paolucci, uno dei più noti storici dell’arte italiani, già ministro dei Beni Culturali ed ex-Soprintendete per il Polo Museale a Firenze. La scelta di Paolucci, un grande e stimatissimo professionista della cultura italiana, sta a indicare la volontà del Pontefice e del Segretario di Stato Tarcisio Bertone di rilanciare a livello internazionale i Musei Vaticani, con un’attenzione particolare alla salvaguardia, alla conservazione e alla valorizzazione delle opere preziose conservate in quella che Papa Giovanni Paolo II ha definito «una delle più significative porte della Santa Sede aperte sul mondo».

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Print
Pubblicato il da Andrea Tornielli Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Un nuovo direttore per i Musei Vaticani: Antonio Paolucci

  1. massimo de luca scrive:

    Voglio solo invitarvi a controllare la foto pubblicata. Siete sicuri che sia Paolucci e non lo scrittore Gabriele Nissim ? Conosco entrambi, ma quello in effigie mi sembra proprio Nissim. Cordiali saluti

  2. Andrea Tornielli scrive:

    Sul sito compare la foto di Nissim. Ma sul quotidiano cartaceo la foto è giusta, c’è Nissim sotto (un altro articolo) e c’è Paolucci sopra. Grazie della segnalazione!

  3. DANTE PASTORELLI scrive:

    Paolucci è una scelta veramente saggia. L’ho conosciuto ai tempi dell’Università, perché frequentavamo la stessa facoltà, ed allora s’era in pochi.
    Sin da giovane è stato uno studioso appassionato ed una persona riservata ma cortese.
    Poiché non ho avuto più alcun rapporto con lui, essendosi le nostre strade divise, credo che non sarò accusato di piaggeria se dico che è un’autentica gloria della cultura fiorentina. Sarebbe stato un ottimo sindaco, anche per le sue capacità organizzative. Ma il mondo politico in cui si muoveva o a cui più era vicino aveva altri interessi.
    L’arte fiorentina deve a lui veramente molto, anche se spesso è stato oggetto di critiche che non ne intaccano la grandezza.

  4. Luciana Cuppo scrive:

    Paolucci direttore: Deo gratias. Ed auguri, anche se in ritardo, al nostro Andrea Tornielli.

  5. Syriacus scrive:

    “Moonlight Mass with jazz” (sic)

    Disturbing the peace of the dead in the burial crypt of Cathedral of Wuerzburg, of the Diocese of Bad to Wuerzburg :

    http://cathcon.blogspot.com/2007/12/ill-mass-by-moonlight.html