Il contributo dei cattolici all'unità d'Italia

Oggi il cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone ha consegnato al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano un messaggio di Benedetto XVI in occasione della festa per i 150 anni dell’unità d’Italia, che si celebra domani. Le parole del Papa sono chiarissime: partono dalla consapevolezza che il Belpaese e gli italiani esistevano ben prima dell’unità politica avvenuta con l’avvento Regno d’Italia e ricordano l’apporto fondamentale della fede cristiana e della Chiesa alla costruzione dell’identità nazionale. Ecco alcuni passaggi significativi del messaggio papale:

Il processo di unificazione avvenuto in Italia nel corso del XIX secolo e passato alla storia con il nome di Risorgimento, costituì il naturale sbocco di uno sviluppo identitario nazionale iniziato molto tempo prima. In effetti, la nazione italiana, come comunità di persone unite dalla lingua, dalla cultura, dai sentimenti di una medesima appartenenza, seppure nella pluralità di comunità politiche articolate sulla penisola, comincia a formarsi nell’età medievale. Il Cristianesimo ha contribuito in maniera fondamentale alla costruzione dell’identità italiana attraverso l’opera della Chiesa, delle sue istituzioni educative ed assistenziali, fissando modelli di comportamento, configurazioni istituzionali, rapporti sociali; ma anche mediante una ricchissima attività artistica: la letteratura, la pittura, la scultura, l’architettura, la musica.

Perciò, l’unità d’Italia, realizzatasi nella seconda metà dell’Ottocento, ha potuto aver luogo non come artificiosa costruzione politica di identità diverse, ma come naturale sbocco politico di una identità nazionale forte e radicata, sussistente da tempo. La comunità politica unitaria nascente a conclusione del ciclo risorgimentale ha avuto, in definitiva, come collante che teneva unite le pur sussistenti diversità locali, proprio la preesistente identità nazionale, al cui modellamento il Cristianesimo e la Chiesa hanno dato un contributo fondamentale.

Per ragioni storiche, culturali e politiche complesse, il Risorgimento è passato come un moto contrario alla Chiesa, al Cattolicesimo, talora anche alla religione in generale. Senza negare il ruolo di tradizioni di pensiero diverse, alcune marcate da venature giurisdizionaliste o laiciste, non si può sottacere l’apporto di pensiero – e talora di azione – dei cattolici alla formazione dello Stato unitario.

La costruzione politico-istituzionale dello Stato unitario coinvolse diverse personalità del mondo politico, diplomatico e militare, tra cui anche esponenti del mondo cattolico. Questo processo, in quanto dovette inevitabilmente misurarsi col problema della sovranità temporale dei Papi (ma anche perché portava ad estendere ai territori via via acquisiti una legislazione in materia ecclesiastica di orientamento fortemente laicista), ebbe effetti dilaceranti nella coscienza individuale e collettiva dei cattolici italiani, divisi tra gli opposti sentimenti di fedeltà nascenti dalla cittadinanza da un lato e dall’appartenenza ecclesiale dall’altro. Ma si deve riconoscere che, se fu il processo di unificazione politico-istituzionale a produrre quel conflitto tra Stato e Chiesa che è passato alla storia col nome di “Questione Romana”, suscitando di conseguenza l’aspettativa di una formale “Conciliazione”, nessun conflitto si verificò nel corpo sociale, segnato da una profonda amicizia tra comunità civile e comunità ecclesiale. L’identità nazionale degli italiani, così fortemente radicata nelle tradizioni cattoliche, costituì in verità la base più solida della conquistata unità politica. In definitiva, la Conciliazione doveva avvenire fra le Istituzioni, non nel corpo sociale, dove fede e cittadinanza non erano in conflitto. Anche negli anni della dilacerazione i cattolici hanno lavorato all’unità del Paese.

L’apporto fondamentale dei cattolici italiani alla elaborazione della Costituzione repubblicana del 1947 è ben noto. Se il testo costituzionale fu il positivo frutto di un incontro e di una collaborazione tra diverse tradizioni di pensiero, non c’è alcun dubbio che solo i costituenti cattolici si presentarono allo storico appuntamento con un preciso progetto sulla legge fondamentale del nuovo Stato italiano.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Print
Pubblicato il da Andrea Tornielli Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il contributo dei cattolici all'unità d'Italia

  1. Marco N. scrive:

    C’è da compiacersi per questa “virata” della Santa Sede verso l?unità d’Italia, ma ci stava benissimo, in quanto cattolici, anche lo status quo faticosamente raggiunto e analizzato in modo insuperabile da Giovanni Spadolini nel “Tevere più largo”.
    Ciò perchè, in verità, il mondo cattolico nel processo di unificazione della Penisola assunse posizioni decisamente parcellizzate, se non frantumate, addirittura spesso contraddittorie: dall’apporto teorico e rispettabilissimo,anche in senso federalistico, dell’abate Vincenzo Gioberti fino al leccapiedismo di certo clero meridionale nei confronti dei Borboni.
    Ma questa evidentemente è ormai….un’altra storia.

  2. Interessante ciò che dici, caro Marco.
    Io, tanto per non perdere l’abitudine, segnàlo
    -tramite link-
    una pubblicazione che aiuta molto a far luce sulla annosa quaestio:

    http://cosimino.myblog.it/