Quei segni inaspettati


Come vi ho detto in un post precedente, lo scorso fine settimana sono andato con la mia famiglia a Londra, per trovare mia figlia che ha iniziato l’università in Inghilterra. Il pomeriggio di sabato era dedicato a mantenere una promessa fatta a mio figlio più piccolo, quella di portarlo a vedere Hamleys, il più famoso negozio di giocattoli di Londra: sette piani e 40mila prodotti, con addetti che mostrano il funzionamento delle novità fecendotele provare.

Il negozio era affollatissimo, quasi non ci si muoveva. Chi mi conosce, sa quanto poco ami lo shopping e quanto ancor meno ami star dietro ai miei familiari impegnati nello shopping, specie se ci si trova coinvolti in una bolgia di gente, come accadeva lo scorso weekend nelle vie centrali di Londra.

Due cose mi hanno colpito durante la visita a Hamleys. La prima è stato l’ingresso di due genitori che spingevano una sedia a rotelle, dov’era seduto un ragazzino che avrà avuto dieci anni. Era completamente calvo, aveva il volto sofferente, si vedeva che era gravemente ammalato. La sua presenza è stata come un pugno sullo stomaco, almeno per me. Nel tempio del divertimento, un richiamo alla realtà della vita, alla sofferenza degli innocenti e alla domanda di significato che il loro dolore contiene e grida.

L’altro aspetto che mi ha colpito è stata una piccola, piacevole scoperta. Soltanto apparentemente slegata dalla prima. Nel piano dedicato alle costruzioni, negli scaffali dov’erano esposti i giocattoli con i pupazzetti della Playmobil, era messa in bella mostra una confezione dedicata alla natività, con un mini-presepe Playmobil (fotografato col mio telefonino). Va detto che Hamleys non era ancora addobbato per il Natale (in quei giorni il tema ricorrente era Halloween) e dunque la presenza di questo piccolo ma significativo richiamo cristiano mi ha sorpreso.

Siamo sempre – giustamente – pronti a denunciare lo smarrirsi di alcuni segni tradizionali legati alle nostre radici cristiane, o l’opposizione che viene fatta a questi segni nei luoghi pubblici. Dobbiamo anche prendere atto che, talvolta, sorprendentemente, questi segni riemergono dove meno te l’aspetti, come nel caso del tempio del divertimento di Hamleys, dov’è esposto in un punto di passaggio il presepe Playmobil, che con i pupazzi delle costruzioni raffigura il mistero del Dio fatto uomo, anzi bambino, un bambino “totalmente dipendente dalle cure di un padre e di una madre” che “è il nostro tutto”, come ebbe a dire il beato Giovanni Paolo II a Betlemme nel marzo 2000.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Print
Pubblicato il da Andrea Tornielli Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

122 risposte a Quei segni inaspettati

  1. Mario Montrasio scrive:

    Egregio dott. Tornielli,
    seguo da qualche mese i suoi articoli e li trovo molto validi.
    Non amo scrivere e non mi piacciono questi blog (come strumento, ma è un problema mio), tuttavia volevo raggiungerla via mail e provo con questo mezzo per una segnalazione alla sua attenzione e sensibilità che apprezzo. Spero di fare cosa utile sia per il suo lavoro che per altri.
    Volevo segnalarle un libro molto interessante di due autori tedeschi: Gerhard Lohfink e Ludwig Weimer, “Maria non senza Israele” Una nuova visione sul dogma dell’Immacolata Concezione, Ecumenica Editrice Bari novembre 2010.
    Il primo autore è molto noto, l’altro meno, ma di grande valore, tra l’altro è stato allievo del prof. Ratzinger. Entrambi (come del resto Rudolf Pesch) appartengono alla Comunità Cattolica d’Integrazione -Katholische Integrierte Gemeinde che il prof. Ratzinger ha frequentato a Monaco e anche successivamente. E che lui, da quanto so ha sempre apprezzato, almeno sul piano teologico, tanto che un teologo tedesco tempo fa aveva scritto e più o meno dimostrato che la teologia di Ratzinger viene in parte da lì. Ma penso che queste cose lei le sappia già.
    Comunque il sito con una presentazione è questo:
    http://88.198.21.36/web/kig/theologie/eventi cliccando sotto su “pubblicazione Comunità cattolica d’Integrazione” si apre la presentazione
    Un riferimento è la Cattedra per la Teologia del popolo di Dio alla Lateranense, il cui direttore è il prof. don Achim Buckenmaier.
    a.buckenmaier@pul.ithttp://www.pul.it

    I contenuti del libro rappresentano una novità importante. Spero che lei trovi materiale per una segnalazione e, se lo riterrà valido, anche per articolo.
    Con questa speranza glielo indico.
    Trattandosi purtroppo di una piccola casa editrice di Bari non è semplice trovarlo ed è un vero peccato, dato il valore dell’opera, che oltretutto si legge facilmente. Purtroppo molte librerie seguono una linea “commerciale” e non vedono dei riscontri in libri come questo. E’ la triste realtà, ma almeno chi sa apprezzare il valore può fare qualcosa.
    Le scrivo anche il numero della casa editrice; contattandola può forse riceverlo presto e gratuitamente: 0805797843
    Cordialmente
    M.L.M

    P.S. Trattandosi di un argomento che non interessa il pubblico del blog, se vuole mi può rispondere per mail. Come le ripeto non amo il blog, ma vorrei segnalare la cosa. Grazie e… continui così!

  2. Carla scrive:

    Grazie Andrea , davvero una sentita testimonianza. La presenza di Dio a volte è solo in un piccolo segno, magari dovuto ad un agire non consapevole. Lui non si stanca di chiamarci , ci aspetta sempre, e quando me l’aspettiamo ci da la risposta che stavamo cercando. Una serena domenica nella Luce del Signore.

    • LIBERAMENTE scrive:

      purtroppo temo che rimarrà incosapevole, perchè non è dato a voi singoli fedeli di interloquire con Dio, per la stessa ragione che vi è una gerarchia, stanto all’angeologia e alla vostra stessa credenza nel papa, nei vescovi e nei preti, quindi, una doppia gerarchia, celeste e terrestre, ma quella terrestre di solito non è incline a farsi sostituire dal quella celeste, perchè, al contrario, è quella terrestre che mette in bocca a Dio cose che lui non dice e non ha mai detto o non dirà mai.

      Alla fine anche voi singoli fedeli non potete che mangiare delle bricciole che cadono dall’ex cathedra dei vostri “padroni”, cioè, dipendere da loro per come loro stessi interpretano la presenza di Dio, e dalla loro interpretazione si deduce che le vostre interpretazioni dei segni sono solo soggettive e non hanno fondamenti teologici, a cui spesso voi stessi vi rioferite per dare agli degli eretici.

  3. peccatore scrive:

    Chi guarda gli alberi può perdere di vista l’insieme della foresta. E viceversa: osservando il generale si possono perdere di vista i particolari che fanno la differenza.

    Ad ognuno di noi è richiesto l’olio che non fa spegnere la lampada. E’ un olio fuori mercato, donato da Dio, potenzialmente custodito da ogni cuore, rinnovabile nel viverlo. Chi non ce l’ha non può chiederlo a chi lo possiede: lo riceve ben più abbondantemente da Dio, ma non se ne cura e non lo custodisce, salvo chiederne in prestito con l’aria di chi accusa la chiusura nel non darne un po’ a loro. Una parabola politicamente scorrettissima nel suo redde rationem assai discriminatorio.

    In fondo quell’Amore ci crea in ogni istante: esistiamo perchè amati, adesso. Dio è più intimo a ciascuno di noi di quanto lo siamo a noi stessi. Lui ci conosce: sa quanto Lo riconosciamo e quanto non sappiamo che cosa farcene di Lui. L’Amore ci soccorre: dà olio alle nostre lampade barcollanti. E’ arrivato a prendere carne ed a farsi crocifiggere, in una “fornitura” d’olio eccezionale, persino più decisiva della stessa creazione. Perchè persino l’olio può essere inutile per la lampada se il peccato interviene a spegnere il fuoco togliendogli l’ossigeno della Grazia. Persino l’energia dell’amore può rimanere imprigionata, la natura diventare insufficiente, addirittura ostile: un grande supermarket di illusioni e di fantasticherie in cui una sedia a rotelle ed una malattia stonano nel tentativo di bastare a noi stessi e non dover fare i conti con la realtà.

    C’è dunque un di più, che viene dal Natale: l’incarnazione dell’Amore, per farsi crocifiggere, per Amore. Un surplus cosmico di olio benedetto, più benefico ancora di quello della creazione della nartura intera (lo ha detto il Papa il 3/11). Un Bene maggiore della stessa creazione. Un Amore che è nel cuore stesso di Dio, olio infinito, inesauribile, eterno come Lui. E’ la sola fonte di energia rinnovabile che ci fa muovere quando tutto si ferma, spingendoci oltre la morte.

    Davanti ad un presepe faremo bene a ricordarcene. Finchè siamo vivi, finchè ci si può servire di quest’olio più prezioso del petrolio che muove guerre. Poi saremo giudicati. Con Amore. E giustizia. Qualcuno starà fuori dalla sala del banchetto, il che è normale , se a Natale non nasce qualcosa nel cuore, e non muore il peccato.

  4. LIBERAMENTE scrive:

    Riposto senza offenderla ma sono basito nel vederla spensieratamente trattare cose sue personali mentre nel mondo ci sono argomenti più impellenti che fan discutere forum e blog di ogni filosofia e credenza.

    Perchè non parla di come gli islamici stanno pwerseguitando i cristiani, in Nigeria, in Indonesia, in Pakistan e in altri paesi a prevalenza mussilmana? In Indonesia, per esempio, sono state distrutte addirittura statue della madonna, ma ci si indigna solo se queste cose avvengono in Italia a quanto pare, anche su questo blog.

    Potrei portare molti fatti incontrovertibili dell’attuale legistatura iconoclastica nei paesi mussulmani, ma penso che anche voi siate al corrente di ciò, ma nonostante la persecuzione parta dai mussulmani ve la prendete con il relativismo, con il secolarismo e con gli atei.

    Ah ma poi finite per lamentarvi della grande persecuzione contri i cristiani nel mondo, ma la colpa la date a quella fetta di umanità che vive come se dio non esistesse, e finite per sorridere amabilmente alle autorità islamiche ad Assisi, magari alla luce di quella santa alleanza monoteista che anche l’onorevole Frattini voleva si facesse con il mondo islamico, e intanto si puniscono donne e bambine con mutilazioni al sesso, privazioni e umialiazioni pubbliche.

    I fatti dottore Tornielli, i fatti, e poi non dica che ho astio nei suoi confronti, perchè non è vero, e se lei crede allo Spirito Santo allora lui mi dovrebbe conoscere e ispirarla come trattarmi cristianamente (lo dico per ipotesi in base alla sua di fede).

    Ripeto, in Nigeria son state distrutte chiese e moschee e distrutte vite in nome di un presunto Allah di gruppi talebani che oseri chiamare più terroristi che fondamentalisti.

    A Genova Pontifex.Roma, un articolo a cura di Volpe (suo responsabile), si fa del sarcasmo su Crozza perchè di Genova e si da per certo che il nubifragio sia un castigo di Dio, solo che a Genova c’è anche Bagnasco, forse che Bagnasco abbia controbilanciato il castigo e che magari ci si divova aspettare un’apocalisse?

    Vede, l’nterpretazione dei segni è molto soggettiva, non razionale, come il dar la colpa agli atei e al relativismo e al secolarismo per il disastro ecologico in America, a causa invece di una multinazionale petrolifera inglese, addirittura si pregava che il cielo desse certi segni che il tappo andasse ad impedire altra fuoriuscita del petrolio.

    Prenda per esempio il volto su Marte che a tanti appariva chiaro, io non ci ho mai visto un volto, al contrario, vistolo da vicino mediante strumenti della NASA era tutt’altro che un volt. e così è per tutti i segni che voi credenti incalliti vedete ovunque della madonna, di gesù, di pa Pio, qualcuno addirittura nei cerchioni delle ruote delle aiuto, beh, isomma, certe cose, per effetto della suvggestione cllettiva, di solito le si vede a degli spettacoli di grandi prestigiatori come David Copeperfield, per esempio, ma lungi dal vederle se isolati dal contesto spetacolare, uno di questi contesit potrebbe esser epersino Mediugorie.

    L’astio comunque me l’ha dismostrato lei cancellandomi i post (che non erano offensivi) e ciò dimostra quanto per lei io non conti nulla sul piano umano e cristiano, e per cui la sua compassione cristiana non sia nememno sincera, e anche se non me la espressa, molti la danno per scontata nei miei confronti, attribuendole una meritevole umiltà che non vedo affatto nei fatti.

    Comunque dove lei vede alcuni segni dal cielo altri non vedono le stesse cose e per questo non sono prive di immaginazione o di grazia o di doti sensitive o di altri doni della natura (anche geneticca). Una volta sono stati messi a confronto certi sensitivi e il CICAP ha dimostrato che, non solo, non vedevano le stesse cose, ma non erano nepure d’accordo su come vederle. Buona Domenica.

    • LIBERAMENTE scrive:

      aggiungo: Ho letto ultimamente delle critiche molto forti di utenti nei confronti della chiesa cattolica ma lei non li ha mai cancellati, i mie si invece, quindi, da un analisi del suo comportamento deduco che si possa criticare la chiesa a determinate sue condizioni, a quanto pare, ma questo apre inevitabilmente ad al altre domande sull’obiettività della sua conduzione e anche sul grado di discriminazione da cui io non sono tenuto ad imparare nulla da lei, non serve essere umile nei suoi confronti se è questo il trattamento che ci si deve aspettare.

      Certo, posso anche non postare più, non mi sento legato al blog e del resto lo faccio quando voglio benevolmente farla riflettere sul come lei interpreta il sentimento di astio, interpretazione molto soggettiva da parte sua ma non corrispondente ai miei sentimenti verso le persone qui e ovunque. Ah si ricordi di chiedere a Dio se per lui io conto quanto lei nel blog del Cielo.

  5. LIBERAMENTE scrive:

    Faccio un analisi di alcuni comportementi prevedibili e non prevedibili, segni interpretati da singoli credenti di una certa religione e diversamente interpretabili da altri credenti magari della stessa religione.

    Conoscete il Blu Bean Project? E’ un satellite che, con l’auslio del Warp (mega impianto elettrico statunitense) agisce sulla ionosfera e genera immagini tridimensionali, volti e figure religiose, falsi ufo, soli roteanti. Ormai è di dominio pubblico questo progetto, lo conoscono in molti anche attraverso internet, praticamente serve ad un gruppo detto “degli illuminati” per giocare con la fede dei credenti di varie religioni, responsabile degli effetti strabilianti del fenomeno Mediugorie e altri fenomeni nell’induismo, insomm, dome c’è predisposizione ad interpretare i segni del cielo e sulla terra, ma nella bibbia Dio stesso vi disse di non farsi immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo e di ciò che è quaggiù sulla terra.

    Tuttavia, con l’avvento dell’astronomia e dell’astrofisica, le immagini di ciò che lassù nel cielo ci sono divenute molto familiari e le possiamo scaricare da Internet, la Terra non è piatta e l’abbiamo potuto costatare e così le profondità della Terra stanno per esserci svelate da potenti sonde in Cielo che monitorano geologia, climatologia e il Sole, la stella a cui noi giriamo intorno.

    Interpretare i segni, quindi, è molto soggettivo, non vale per tutti, così doveva essere per i veggenti di Mediugorie e per altri veggenti i passato, doveva rimanere un loro fatto personale, infatti quel che vedono loro (a casua del Blue Bean Project) è dovuto ad un controllo della loro mente, di cui loro in quel momento perdono le redini e subiscono.consenzienti, ma gli altri credono loro anche senza vedere, anche se non è questo tipo di fede che Gesù indicò a Tommaso dopoal sua resurrezione, ma di solito quelli che non vedono le stesse cose che vedono i veggenti interpretano le parole di Gesù a Tommaso come se li riguardassero, quindi, altra interpretazione eretica delle parole di Gesù nemmeno tanto incoraggiate dal Papa dal punto di vista della sua visione di fede.

    • LIBERAMENTE scrive:

      correzione: progetto Haarp e non Warp (legato questo al progetto del Gran Sasso); http://www.mariadinazareth.it/haarp.htm
      Abbinamenti ipotetici tra progetti una volta segreti e non solo infomazione su Internet.
      http://www.youtube.com/watch?v=Jipcy50ogG0

      Sui segni: segno n ebraico è אֹות (ot), in greco è σημεῖον (semèion), il “segno” nella Bibbia è tutto ciò che serve a richiamare qualcosa d’altro, spesso legato ad interpretazioni teologiche o della fede soggettiva, come per vederci un messaggio subliminare.

      Molti segni sono stati profetizzati dai vari veggenti, quello che hanno in comune è che sono maledettamente tutti uguali nel descrivere gli effetti del Blue Beam Project.

    • vincenzo da torino scrive:

      Come predicatore non é male, ma sbrocca penosamente….vuole anche ammaestrare il papa? Si faccia assumere per la predicazione degli esercizi spirituali. Sulla CICAP, utile per smascherare gli imbroglioni, si nutrono molte riserve. Piero Angela disse che la Sindone era sicuramente un dipinto! Peccato che sia stato smentito dai competenti in materia e la Sindone rimane ancora un mistero scientifico oggi. Il Blu Bean Projet era attivo a Fatima dove migliaia di persone videro roteare il sole? Lei parla del cielo, di lassù dove oggi si sa cosa c’è. E’ un pò datato. E’ rimasto a Dante e al medio evo. Il paradiso é uno stato non un luogo definito. Se non sa questo di cosa blatera? Forse Tornielli si é stancato delle sue elucubrazioni senza senso. In effetti anch’io trovo che i suoi post , oltre a essere lunghi, sono confusi come le sue idee e quindi inutili per uno scambio di opinioni.. Senza offesa , ma con sincerità.

      • ilsanta scrive:

        @Vincenzo e Liberamente

        • ilsanta scrive:

          @Vincenzo e Liberamente

          In primis mi scuso per il post vuoto che volendo si può cancellare.
          Comincio da Liberamente e dalle sue convinzioni che sembrano in linea con quelle dei cosidetti “complottisti”.
          Chiarisco subito che le sue affermazioni sono prive di riscontro materiale, prima ancora che scientifico; è sufficiente leggere qualche sito che non sia l’ennesima traduzione o trasposizione delle teorie complottistiche per capire l’origine fantascientifica di queste teorie. Non basta dire frasi del tipo “tutti sanno che” perchè una affermazione sia vera.
          Inoltre i fenomeni da lei descritti (sole che ruota, immagini della Madonna o chi per lei) sono facilmente spiegabili già con le attuali conoscenze sulla fisiologia e sulla psicologia, senza pertanto scomodare satelliti dal cielo.
          A Vincenzo ricordo che il CICAP non è stato citato da Liberamente, il fatto che lei per primo ne parli è indice del fatto che non ne conosce o capisce l’attività. Se fosse minimamente informato in merito avrebbe capito che questo comitato nasce per smascherare tanto i presunti fenomeni paranormali religiosi, quanto le teorie complottistiche proposte da Liberamente.
          In merito alle presunte (da lei) affermazioni di Angela sulla Sindone, vorrei chiederle quali fonti lei abbia, non basta dire o ripetere frasi fatte perchè queste divengano reali.
          Il CICAP non ha mai detto che “sicuramente” si tratta di un dipinto, ha provato materialmente a riprodurre il telo facendo capire come molte delle caratteristiche che a detta dei fedeli sarebbero prova inconfutabile di un intervento divino, siano in realtà riproducibili con tecniche a disposizione nel medioevo.
          Poi se qualcuno si vuole ostinare a vederci il miracolo il CICAP non ci può fare nulla.

          • vincenzo da torino scrive:

            @ il santa. Liberamente cita il CICAP riguardo ai falsi sensitivi. Ho detto che esso può essere utile in certi casi , ma spesso va oltre nel voler dare risposte pur di non ammettere che il fenomeno é inspiegabile. Il caso della Sindone l’ho letto personalmente molti anni fa su un testo scritto da Angela. Riguardo a doti del paranormale o di tipo spirituale come il vedere il pensiero altrui o il futuro tipico di alcuni santi o persone straordinarie come Matuzza Evolo il Cicap può fare poco , poichè la scienza giustamente vuole la ripetibilità e l’osservazione di esperti, mentre si hanno solo testimonianze singole pur in quantità in anni numerosissime. Natuzza, come altri, é stata studiata da esperti senza ricavare un ragno dal buco! Il Cicap non riuscirà mai a spiegare i miracoli di Lourdes. Alexis Carrel (1873-1944) medico di idee positiviste che a 39 anni si guadagna il nobel per le ricerche e scoperte mediche, vide con i suoi occhi guarire l’ammalata che accompagnava! Scrisse un libro come testimonianza ed acquistò la fede.Le apparizioni son fatti privati e quindi non interferiscono con la fede, ma se approvate dalla chiesa dopo accurate indagini non credere diventa voler chiudere gli occhi ad ogni costo.

          • ilsanta scrive:

            @Vincenzo

            Dove lei abbia letto una affermazione così perentoria di Angela rimane un mistero, non metto in dubbio la sua buona fede, ma credo che forse le parole usate dal giornalista siano state diverse da quelle da lei proposte.
            In merito alle verifche su santoni di varia natura è chiaro che l’unica verifica fattibile riguarda le affermazioni di coloro che stanno attorno a questi personaggi. Come tutte le testimonianze sono soggette ad arrichimenti e modifiche, anche involontarie, da parte dei testimoni stessi, anche coloro che credono agli oroscopi possono portare centinaia di testimonianze sulla bontà delle previsioni astrologiche.
            Sui “miracoli” di Lourdes il CICAP si è espresso già più volte. Mi pare sterile continuare una discussione in cui una parte afferma che alcune guarigioni (anche al di fuori del contesto Sacro) sono al momento non spiegabili e un’altra parte che invece si appropria di tali eventi per giocarseli come uno spot pro fede.
            Chi pensa che dietro le guarigioni di Lourdes ci sia il miracolo della Madonna fa il paio con coloro che pensano che gli UFO siano i veicoli degli alieni.

          • LIBERAMENTE scrive:

            Caro Il Santa, grazie per la risposta, ma io sono convinto del complotto, molti sono gli eventi che, ad un attento osservatore della finanza, della politica e della scienza, sfugogno all’attenzione della maggior parte della popolazione mondiale che ancora si illude che scenderà un messia a salvare il mondo o che non credendo a tale messia non ne sente assolutamente la mancamza e il bisogno.

            Se diamo per certo che l’uomo ha costruito le piramidi e le statue dell’isola di Pasqua o le grandi opere dei Maya, e l’attual eteconologia anche nucleare, allora perchè fa difficoltà ad accettare che vi sia un blue beam project?

            Caspita ma sa che ormai i giapponesi sono vicinissimi al cervello di un androide? Non dico esattamente quello chiamato Data in star Trek, ma molto simile, addirittura si stanno lanciando in competizioni marziali tra robot.

            Quando in un post parlavo del CICAP intendevo dire quello che anche lei sostiene, problemi mentali nei veggenti e nei sensitivi e non proprio dimostrazioni di veridicità, mah, insomma non mi baserei mai sulla parola dei veggenti anche se sono d’accordo con lae teorie del cmplotto NWO.

            Il Blue Beam Project è responsabile di alcune apparizioni che filmate coi cellulari hanno mostrato gli effetti della ionosfera, sfarfallii come aloni di immagii di cristo e della madonna, effetti di una reazione fisico-chmica e della distorsione dell’ologramma stesso proiettato dall’orbita, compreso il sole che rotea e ho già detto che normalmente il sole non rotea, e poi di Fatima non ci sono prove del sole che rotea, e non mi èposso fidare sulla parole di quei fedeli di allora, mentre è più plausibile la tesi di Il Santa e della tecnologia olografica attuale.

          • ilsanta scrive:

            @Liberamente

            Per fare chiarezza le comunico che non sono più fra quelli che si aspettano la venuta di un messia, ne che questi sia previsto da qualche religione, ne che questi si presenti a bordo di un disco volante.
            Se lei è convinto che i complotti ci siano mi guardo bene dal volerla convincere a tutti i costi del contrario, così come non è mio intento convincere un credente della falsità della sua fede. Tuttavia dopo una vita spesa credendo in precetti religiosi e dopo essermi ravveduto in merito, non intendo ributtarmi in altre religioni anche se travestite da pseudoscienze, non intendo pendere dalle labbra di altri sacerdoti anche se usano parole o paroloni diverse nella forma ma non nella sostanza rispetto a quelle usate spesso (non sempre) nelle chiese.
            Per quanto riguarda i complotti ritengo che forse vivere un annetto in un laboratorio dove si fa ricerca le farebbe capire quanto sia difficile tenere nascoste certe notizie e certe scoperte, se poi un cellulare basta per smascherare i cattivoni di turno … beh tanto intelligenti questi scienziati non devono mica essere.
            Concludo qui con questo argomento per non andare troppo OT anche per rispetto di chi mi ospita.
            Saluti.

        • Cherubino scrive:

          confermo che le storie di Serge Monast sul PBB non hanno alcun fondamento scientifico: alcune perchè di fatto impossibili (trasmissione di pensieri tramite onde radio) altre perchè sconfessate da ricerche di psicologia sociale e sociologia (nessuno può realisticamente prevedere con reagirebbe una società ipercomplessa ad un evento traumatico mondiale) e non tiene conto dell’elevato livello di riflessività sociale per cui qualsiasi fenomeno è soggetto ad un accanito sezionamento critico.

          Del resto si è scoperto che le storie di Monast sono riprese da un episodio della saga televisiva Star Trek …

          • LIBERAMENTE scrive:

            Mai sentito parlare di massaggi subliminari? Questo è un tipo di controllo invisibile ma che è stato dimostrato persino nella musica E.Metal e altri messaggi publicitari, il satanismo si basa sui massaggi subliminari.

            Un esempio semplice che è capitato anche a me di vedere al LIDL spese identiche di persone che nememno si conoscono, setsse marche di prodotti e stesse disposizioni sul tapirulan prima di pagare, per significare l’importanza gerarchica delle proprie scelte, si deve osservare queste cose quando si vanno ai supermarket.

            Una volta sono stato tentato persino di filmare quel che c’era sul tapirulan mentre mi ero messo in fila con il carrello della spesa ma sarei stato sospettato di qualcosa, seppure le mie intenzioni fossero di osservare le abitudini formulare ipotesi e trovare statisticamente delle conferme alla mia tesi sui messaggi subliminari.

          • LIBERAMENTE scrive:

            Voi sapete che l’euro attuale è tracciabile?
            Ma anche il dollaro è tracciabile e anche altre valute, fra poco arriverà anche la moneta unica già presentata all’ONU, metallo e carta, hanno inserito una nanotecnologia.

            Il telecontrollo ha causato non poche conseguenze sul piano sociale, rigurgiti razzisti, suicidi in aumento, malattie psico-somatiche la cui eziologia è ancora da definire, rigurgiti nazi.fascisti non giustificati oggi da nessun tipo di sociologia e che usano la religione come bandiera per autoconsacrarsi paladini del cristianesimo ariano. Questi fenomeni non sono normalmente antropologici e sociologici, emergono da un passato di cui ancora oggi ci vergognamo (il secolo scorso), da un passato che questa giorventù di oggi non ha vissuto sulla pelle, allora che cosa è che li fa riemergere se non una serie di messaggi subliminari disseminati ovunque in Occidente e anche in Iran a quanto pare (negazionsimo dell’olocausto).

          • Cherubino scrive:

            divertito dalle panzanate con cui alcuni ammorbano questo blog (e sicuramente molti altri) le faccio notare che “subliminari” (termine che lei ripete più volte in questa forma) non esiste.
            Sono messaggi subliminaLi, ossia “sub limine”, sotto la soglia di coscienza.
            E visto che lei chiede se sappiamo cosa siano, le dico che diverse ricerche scientifiche hanno dimostrato la loro scarsa efficacia, tanto che ormai non ci sono pubblicitari seri che ne facciano il minimo uso.

  6. bo.mario scrive:

    Quelli che ha scritto Tornielli è gradevole e non aveva nessuna intenzione di voler dire che Gesù è sempre presente, anche in un market. Qualcuno è andato oltre e confonde i due piani. In un market che ci sia un presepio è normale perchè deve vendere in questo periodo prenatalizio. La presenza di Gesù la lascio a chi va di fantasia, sempre.
    Un saluto.

    • LIBERAMENTE scrive:

      Beh, Mistero (mediaset) aveva dimostrato che due persone diverse tra loro e nemmeno parenti, entrate prima l’una e poi altra nello stesso market, avevano scelto gli stessi prodotti, all’uscita si son convinti che vi è una serie di messaggi subliminali che indirizzano le persone a dei prodotti invece che altri.

      Ci sono dei messaggi subliminali anche nei prodotti di carattere religioso, oltre a quelli più legati alla casa, all’Hi-tek ecc…ecc…anzi, probabilmente esiste un florido mercato già accessoriato di questi messaggi, non è certo Gesù a far scegliere alcuni presepi invece di altri, ma certo ci sono credenti che si convincono che quel presepio, piuttosto che un altro sia un messaggio divino.

      Oggi la scelta dei prodotti non è casuale, chi è abitudinario ormai è già sotto controllo dei messaggi subliminali, di certo non si schioderà dalla sua solita scelta, quelli invece che vogliono cambiare sono anch’essi contemplati dai messaggi subliminali e vi è una vasta gamma di messaggi per tutte le categorie di acquirenti.

      Se per Einstein Dio non gioca a dadi con L’universo, nemmeno il mercato ci gioca con la gente, al massimo gioca in borsa, ma anche li non c’è nulla di casuale, comuqnue Gesù non c’entra in entrambi i casi.

      • ilsanta scrive:

        La trasmissione Mistero non è decisamente quella che definirei una fonte attendibile.
        Se le interessa sul numero di Novembre di Le Scienze, c’è un interessante articolo di Boncinelli sul “libero arbitrio”.

        • LIBERAMENTE scrive:

          aggiungo: http://22passi.blogspot.com/2011/09/il-tricorder-di-star-trek-lo-ha.html
          Il tricorder di Star Trek lo ha inventato un Italiano.

          Provi a dare un occhiata a questi video:
          http://scienzamarcia.blogspot.com/2010/01/blue-beam.html

          Se si trattasse di un credente che mi chiede: “dimostrami che Dio non esiste”, potrei sorridergli e chiedergli che sia lui a dimostrarmi che Dio esiste, ma entrambi verremmo messi sullo stesso piano da un ragionamento agnostico. Perchè? Perchè l’agnostico sospenderebbe il suo giudizio in entrambi i casi.

          Diversamente è il giudizio dell’agnostico se invece di Dio fosse più plausibile la sua di tesi, caro Il Santa, circa il fenomeno del sole che rotea o di luci quà e là in cui si è creduto di vedere la madonna, le croci o Gesù stesso, oppure della mia convinzione che la Scienza, dopo le Piramidi e la ISS, sia davvero in grado di mettere in orbita un satellite capace di proiettare ologrammi di carattere religioso.

          Lei non mi chiederebbe le prove del progetto, perchè lo ha già considerato inesistente a priori, come per me il dire a priori “Dio non esiste” quindi non avendo nemmeno il bisogno di dimostrarne l’inesistenza, allora, da parte mia la invito a fare delle considerazioni sulla realizzazione della scienza e della tecnologia fino a ad oggi e ad ammettere che sia, non solo possibile ma molto probabile l’esistenza stessa del Blue beam e dell’HAARP; lei ha sentito parlare della nuova tecnologia dello scudo stellare già preparato da anni e sempre controverso per via del mal di pancia Russo? Ebbene, il Blue Beam Project e l’HAARP fan parte di questo sistema di difesa e applicano alcuni sottoprodotti delle invenzioni di Tesla.

          • ilsanta scrive:

            @Liberamente

            Quando sento parlare di “vibrazioni” e di fisica quantistica come fossero noccioline mi inizia a prudere il corpo intero.
            Un mio difetto per carità!

        • LIBERAMENTE scrive:

          Caro IlSanta, secondo lei lo scudo stellare che dapprima Bush e poi Obama hanno rilanciato con gran ostilità dei russi, sarebbe una tecnologia utile? E i test nucleari sono utili? Insomma, lo sa anche lei che fino ad ora gli USA hanno speso miliardi di dollari in tecnologia che non è direttamente utile al popolo, al contrario, all’oscuro del proprio popolo.

          veda anche le testimonianze di questi autorevoli personaggi.
          http://www.youtube.com/watch?v=KHU2kaPAd6k
          io me li son visti tutti e 12 i filmati.

    • giovannino scrive:

      @ bo.mario
      Dovunque il guardo giro,
      immenso Dio, ti vedo:
      nell’opre tue t’ammiro,
      ti riconosco in me.
      La terra, il mar, le sfere
      parlan del tuo potere:
      tu sei per tutto; e noi
      tutti viviamo in te.
      ( Metastasio)

    • LIBERAMENTE scrive:

      E’ meglio che si parli al singolare, Dio non riguarda tutti gli esseri umani, anche se in gran parte credenti (?????) e poi è arrogante pretendere di vederlo anche per chi non crede, comuqnue anche la percezione di Dio in se stessi è solo autoconvinzione, ci si convince che sia così e si taccia in se stessi il sussurro della razionalità che, al contrario, afferma che Dio è frutto di una educazione ormai accettata e perpetuata nella propria psicologia con atteggiamenti superstiziosi, vedi lettura e interpretazione dei segni da oggetti artificiali (anche religiosi) e dalla natura ormai anch’essa dominata e manipolata dall’uomo.

      Francamente, nelle scie chimiche, per esempio, che fanno delle nuvolette in cielo, non vedo cosa si possa percepire oltre ad un palese inquinamento atmosferico. Oppure come si possa dedurre l’amore di Dio dalla materia inanimata con forme statuarie o reliquie di cui non si ha alcuna certezza siano appartenute ai santi e ai beati.

      Ma anche nel Sole che rotea non vedo proprio cosa si possa dedurre di spirituale, visto che il Sole rotea solo intorno al proprio asse ed è impercettibile il suo roteare, dato che non si può vedere il sole direttamente in faccia senza subirne delle conseguenze e l’ipotesi più razionale non è che la madonna protegge gli occhi dalla luce del sole che rotea, ma che vi sia un progetto che si chiama Blue Beam ed è più verosimile.

      • emiliano scrive:

        Liberamente quanto è polemico ma non vede che nessuno le da retta! La smetta di sputare sentenze su Dio e sui miracoli se lei non ci crede rimane un suo problema saluti.

        • LIBERAMENTE scrive:

          io la rispetto in un momento in cui lei sta cercando la sua bussola spirituale e religiosa, ma anche se non mi rispondono io so di aver lanciato il sassolino che avrà fatto delle onde.

    • Anna scrive:

      Caro LIBERAMENTE
      i rigurgiti razzisti e nazi-fascisti di cui lei parla,non sono affatto frutto del cristianesimo,ma bensì di un’ideologia malsana portata in Europa da popoli medio-orientali. Il razzismo fa parte di un popolo sparso ai quattro angoli della terra che ha come base comune il talmud.Fino a quando non ci si renderà conto di questo e non si comincerà a prendere le distanze e condannarlo come libro antisociale e pericoloso per il quieto vivere dei popoli,avremo sempre rigurgiti nazisti e comunisti,ideologia questa ,mai condannata e messa fuori legge.
      Nazismo,comunismo,cristianesimo intollerante e fondamentalismo islamico,sono un tutt’uno,legati da un unico filo,e finanziati dalle stesse persone.
      Con la sconfitta della Germania nazista e la morte di Hitler,non è affato stato sconfitto il nazismo,ha solo cambiato nazione,tutto li.
      I gerarchi nazisti(quasi tutti ebrei)hanno trovato rifugio e protezione in America,e da lì hanno continuato tranquilli a portare avanti le loro idee.Ecco perchè ci sono i rigurgiti.
      La “soluzione finale”non era affatto l’eliminazione fisica dell’intero popolo ebraico,come ci hanno sempre fatto credere.La “soluzione finale” era la cancellazione delle religioni e delle nazioni,per instaurare il nuovo ordine mondiale.
      Per quanto riguarda l’Iran,se non sbaglio,il capo del governo è Almadjnejad(ebreo,amico di rabbini ebrei),non nega l’olocausto,ma le cifre.E comunque mi sembra che a farne le spese(se vogliamo confrontare le cifre di questo massacro)sono stati i cristiani(ariani o no ,a me non interessa).
      51.000.000 i morti,tolti i 6.000.000 morti ebrei(cifra alquanto incerta), certa è l’altra-
      Se Almadjneiad(ebreo)contesta tale cifra,avrà le sue fonti,non crede?

  7. Esaki scrive:

    Con i playmobil hanno fatto di tutto. Anche la crocifissione. .http://static.blogo.it/toysblog/PlaymobilJesus.jpg

    • LIBERAMENTE scrive:

      Non male, purtoppo però è capitato nel 2005 a Oristano, un crocifisso ha schiaciato e ucciso una persona, che si doveva pensare? Che era un messaggio di amore di Dio? http://ceghe.splinder.com/post/5465831

      • Esaki scrive:

        Ma che c’azzecca dico io? Ma se al posto del crocifisso cadeva una tegola ti cambiava qualcosa? Ma mi fai ridere. Ci sono migliaia di incidenti al giorno per migliaia di motivi diversi, forse ti domandi per ognuno di essi qual’era il messaggio di Dio? Ma nemmeno per l’anticamera del cervello ti passa.

  8. peccatore scrive:

    La Playmobil è una costruzione.
    C’è modo e modo di costruire.
    http://it.gloria.tv/?media=210695
    E c’è modo e modo di attendere il suono della campanella.
    Finita la “lezione” oppure la “ricreazione”, cambia lo scenario…
    Chi si credeva maestro, “gran mestro”, docente o discente, si trova ad essere discepolo, apostolo o apostata, senz’olio…
    La carrozzella con sopra un malato evidente dovrebbe farci valutare meglio la nostra finta e fragile salute. La salvezza è un’altra cosa. Viene a visitarci. E’ Natale.

    • mauro scrive:

      Finita la lezione ci si ritrova ad essere sè stessi ma se si comincia a valutare la propria finta e fragile salute, non si vive alcuna vita nè da apostolo nè da apostata.
      La salvezza non ha alcuna attinenza con la vita, provi a guardare nel Vangelo se dovesse mai avere attinenza con la morte.
      Non si sa mai, anche il maestro Manzi diceva: “non è mai troppo tard” (per imparare).

  9. LIBERAMENTE scrive:

    Oppure come si può dedurre l’Amore di Dio da fatti come questi?
    21/11/07 – Francia. Ah, la Madonna ! Un pullman di pellegrini polacchi che, invece di recarsi a pregare la propria Madonna Nera di Czestochowa (tanto cara a Wojtyla), hanno preferito raggiungere la Madonna de la Salette in Francia, è precipitato in burrone sulla via del ritorno. 26 morti.
    31/05/07 – Sedegliano (UD). Ieri pomeriggio il parroco di Sedegliano, a bordo della sua Fiat Punto, si è schiantato contro un furgone adibito al trasporto di disabili. L’impatto è avvenuto in prossimità di una curva dove c’è un’edicola votiva dedicata alla Madonna. Il prete è morto, mentre l’autista del furgone è rimasto ferito.
    23/01/08 – Attenzione, le benedizioni uccidono. A Tarquinia (Viterbo) un cavallo muore folgorato dopo la benedizione di S.Antonio. Ma si sa che non cade foglia che dio non voglia
    9/04/06 – Italia. La volontà di dio si manifesta anche a L’Aquila. Un albero secolare, alto circa 20 metri, si è abbattuto ed ha falciato alla stazione una comitiva di sordomuti, in pellegrinaggio per la domenica delle Palme: un morto e sei feriti.
    23/10/05 – Roma: suora investita e uccisa mentre torna dalla processione al santuario del “Divino Amore”. Da http://www.adn.kronos

    E questi sono solo alcuni dei fatti accaduti, ma se se sono scomodi per la fede, allora anche il cattolico preferisce affidarsi alla giustizia secolare, che indaga razionalmente senza tirare in ballo Dio e i santi, solo che però allora dovrebeb anche prendere le distanze da Pontifex.Roma che fa delle affermazioni sul disastro a Genova che lascia davvero basiti e scioccati.
    http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/9367-genova-e-non-solo-la-natura-si-ribella-i-segni-di-dio

  10. LIBERAMENTE scrive:

    Due pesi e due misure anche nell’interpretazione dei segni, sia a livello soggettivo che teologico, cioè, un segno dal cielo interpretato dai Cattolici come benevolo potrebbe essere invece interpretato come una discriminazione da parte di Dio nei confronti di chi non è cattolico o addirittura non credente, per esempio, un qualsiasi evento a favore dei cattolici viene interpretato come una predilezione di Dio verso la Chiesa di Roma, ma se si leggesse un po’ più di storia, Roma non è proprio un esempio di quella “de civitate Dei” raffigurata da Sa. Agostino, al contrario, Alemanno non riesce neppure a tenere sotto controllo la malavita organizzata, e sapete che la sua giunta ha ricevuto l’avvallo del vaticano ed è stata benedetta dal papa.

    La discriminazione nell’uso stesso dei due pesi e delle due misure nell’interpretazione dei segni dal cielo ha portato Pontifex a considerare un miracolo lo scampato pericolo di uno dei fedeli in eventi come l’alluvione a Genova mentre il castigo all’altro fedele per colpa di atei, omosessuali, laicità relativista e secolarizzata, ecc…ecc. ma Bagnasco è anch’esso di Genova come Crozza, solo che né l’uno nè altro hanno scampato il pericolo o subito l’ira di Dio, mentre invece l’hanno subita persone innocenti e che in cuor loro e nella loro fede non possono dirsi miracolate o predilette dall’amore di Dio.

    Il presepe è un’altro panorama in cui la discriminaizone sociale è il luogo stesso di Dio che tra i suoi ricchi sacerdoti, scribi e farisei ipocriti, e il resto del suo popolo eletto, compreso un suo presunto inviato, sceglie i Romani a dettare leggi pagane, poi assunte dai neo cristiani latini che sostituiranno i nomi degli Déi, Lari e Penati, con altrettanti nomi di santi, beati e santini, e statue.

  11. giovannino scrive:

    Non è che siamo un po’ troppo impressionati dagli allarmanti articoli di Tosatti , che descrive Francia e Gran Bretagna come terre ormai perdute alla Cristianità ?

  12. LIBERAMENTE scrive:

    Sigmund Freud. Egli osservò approfonditamente il comportamento umano in ogni sua sfumatura psicologica, nessuno lo può negare, ma è diffusa l’abitudine in chi crede ai dogmi che è meglio non conoscersi approfonditamente e di lasciare questo lavoro al padre spirituale, quindi, rimanendo ignoranti su se stessi, sui meccanismi irrazionali che nella mente del credente preferiscono credere piuttosto che ragionare.

    In questo contesto dogmatico l’interpretazione dei segni risulta superstizioso e non empirico e investigativo, e da ciò la tendenza psicologica dei credenti di tacciare la parte razionale in se stessi per immaginare e percepire l’indimostrabile e, di conseguenza, sentir d’essere portati alla testimonianza di Dio senza però dimostrarne l’esistenza, anzi, contestando animatamente la richiesta razionale degli altri di chiederne conto, anche dal punto di vista dell’esempio in base ai valori su cui si fonda la sua fede.

    Alla fine, non solo non si possono dimostrare realmente i segni tangibili della presenza di Dio ma neppure si dovrebbe pretendere che gli altri si accontentino della fede come testimonianza, perchè, a quanto pare, nemmeno l’esempio filantropico è più richesto dal Papa, in quanto ridurrebbe la testimonianza cristiana a umile servizio filantropico e Gesù relegato a umanitarista, quindi, anche sull’esempio del cattolico non si può fare affidamento o fargli notare su che basi esso predichi l’amore di Dio, dal momento che chi glie lo farebbe notare di solito non viene neppure considerato uomo ma un “peccatore da recuperare”.

    • peccatore scrive:

      Freud è una delle più grosse frustrazioni della sedicente “epoca dei lumi”.
      Ha avuto il merito di indagare aree fin lì poco esplorate.
      Ha avuto il torto di elaborare modelli con la pretesa di applicarli ad ogni situazione in forza della propria teoria.
      Come tutte le ideologie ha fatto grossi danni. E li fa ancora, chi lo segue come un guru. Perchè tutto procede tra la luce dell’amore e la tenebra del peccato, tra la volontà di dio e la sua negazione. Invece nella sistematica freudiana tutto si riduce a molto meno, ridotto a pulsione sessuale, più o meno complessata.
      L’approccio freudiano ha creato reddito: a chi parla con chi sta sul lettino.
      Finchè ascolta fa una cosa meritoria.
      Anche quando consiglia, soprattutto forte di una buona esperienza.
      E’ quando ingabbia la vita altrui nei suoi schemi che fa danni. Grossi danni.
      E per liberarsi bisogna alzarsi dal lettino e saper portare la croce.
      Lì c’è la vera sapienza. Eterna. Non si “fa suicidare”, come Freud stesso, che dopo aver catalogato la sofferenza altrui non seppe gestire la propria. Tipico delle ideologie. Tutte. Tipico di questi secoli bui, che si credono lucenti. Forse sono soltanto particolarmente luciferini.

      • mauro scrive:

        Caro peccatore

        anche i calzolai vanno in giro con le scarpe in cattivo stato, forse perchè sono portati ad aiutare gli altri e mettere sè stessi in secondo piano.
        Dovrebbe rileggersi il Vangelo anzichè parlare di ideologia come volesse mostare di capire.

    • Cherubino scrive:

      Parlare dell’ateismo di Freud richiede delle precisazioni: innanzitutto egli era un ebreo mitteleuropeo del tardo ’800 e la sua idea di religione era filtrata da quella specifica esperienza religiosa. Lo stesso cristianesimo egli lo conobbe con il filtro culturale suddetto.
      Egli quindi partendo da quelle premesse (paradossalmente inconsce) mette i fondamenti della psicologia della religione, campo nel quale diverse sue osservazioni sono valide. E’ infatti innegabile che non di rado dietro o insieme a fenomeni apparentemente spirituali vi siano dinamiche nevrotiche. Il limite è che egli generalizzò queste verità particolari ad ogni fenomeno religioso e non seppe (o non fu aiutato a) distinguere la Legge dal Vangelo.

  13. mauro scrive:

    Caro Dott. Tornielli

    Che per lei sia stato un pugno nello stomaco vedere quel ragazzino in tali condizioni è perchè lei è fatto così e non potrà certo cambiare ma pensi a quel ragazzino che nel grande magazzino intendeva far sì che la sua vita fosse normale come lo è per gli altri, ovvero dimenticare le sofferenze e non ricordarle.

    Perchè dovrebbe richiamare la realtà della vita, le sofferenze degli innocenti e non la sua voglia di vivere?

  14. Simone 2 scrive:

    Il “perché” è piuttosto semplice: tutti gli adulti in grado di ragionare e quindi anche il dr. Tornielli, sanno che la vita può anche essere una grande fregatura accompagnata da continue illusioni se la buona sorte non ci da una mano fin dalla nascita consentendoci di farlo sani e scegliendo per noi un luogo e dei genitori favorevoli. Nascere per esempio in qualche continente dove la maggior parte dei bambini muore di stenti e di malattie nei primi anni di vita non è certo un buon affare.
    Non dipende certo da noi, ma accade e soltanto la sorte può offrirci un’opportunità migliore.
    Vedere un bambino su una sedia a rotelle, sofferente e per giunta completamente calvo procura alla stragrande maggioranza delle persone proprio quel pugno allo stomaco che ha avvertito Tornielli.
    Ciò accade perché quei segni per un adulto che non vive soltanto di fantasie sono inequivocabili e qualche volta senza speranza, anche se in modo spontaneo siamo disposti a sorridere a quel bambino e a dirgli di farsi coraggio, perché la vita è bella e prima o poi gli riserverà tante cose belle.

  15. Andrea Tornielli scrive:

    Gentile Mauro, mi chiede: “Perchè dovrebbe richiamare la realtà della vita, le sofferenze degli innocenti e non la sua voglia di vivere?”

    Perché a me ha richiamato questo. Vi ho semplicemente raccontato un’esperienza vissuta, non posso dire di aver provato o pensato cose diverse da quelle che ho provato e pensato…

    • Simone scrive:

      Già, solo che quando si riportano le esperienze personali con gli accenti che ha posto lei, è come se scattasse l’ordine di Massimo Decimo Meridio Cinematografico: “Al mio segnale…”

  16. Carlo scrive:

    La prima è stato l’ingresso di due genitori che spingevano una sedia a rotelle, dov’era seduto un ragazzino che avrà avuto dieci anni. Era completamente calvo, aveva il volto sofferente, si vedeva che era gravemente ammalato.
    #####################
    1)Questi “casi” si trovano in ogni angolo. C’è quel vicino di casa a cui è morto il figlioletto di leucemia. C’è quell’altra famiglia che lotta per salvare il figlio da un grande male. Basta andare in un ospedale pediatrico per uscirsene pieni zeppi di pugni!!!

    2)E nonostante tutto ciò , questi stanno ancora a blaterare sul Dio Buono ed Onnipotente. Se una semplice persona come me, e tanti altri tra voi… ricevono un pugno nello stomaco a tali viste, Dio cosa fa? Semplicemente se ne sbatte sia di quel bambino che di tutte le sofferenze dell’umanità.

  17. Cristiana scrive:

    Andrea, è molto bella la tua testimonanza, è sempre piacevole vedere con quanto garbo e sensibilità osservi
    i “piccoli” GRANDI segni che il signore ci dà nei posti e nei luoghi più impensati.
    Certo, magari tanti nella confusione non avranno notato nulla, ma tu si’, e porti frutto con quello che puoi, e con quello che hai.
    Altrettanto qui, alcuni non vedono nulla, ma come ben sai, ai più piccoli i particolari non sfuggono.
    Grazie di cuore.
    Io sono da poco tornata da Medjugorje, e ho passato giorni ad arrovellarmi sul perchè dopo 4 anni sono stata chiamata di nuovo laggiù e in modo tanto “repentino” perchè avevo tutt’altro in testa.
    L’ho scoperto solo l’altra sera…adesso so, perchè in poche ore ci è sembrato essere un gruppo affiatato che si conosceva da anni,
    so perchè Maria oltre a noi ha scelto per accompagnarci un sacerdote in particolare ( che a sua volta ha fatto di tutto per non venire perchè come me aveva altro per la testa, e per altro intendo ben altri progetti)
    Ecco, è nato un altro piccolo gruppo dedicato a Maria Regina della Pace, ha scelto noi, e noi dobbiamo impegnarci a portarlo avanti.
    Tranquilli, ;-) vi ho ricordati tutti, e questo blog, chi lo gestisce e chi lo frequenta sarà sempre presente nelle ns intenzioni di preghiera

  18. Teseo scrive:

    I segni che lei ha recepito, caro Tornielli, sono probabilmente eventi neutri filtrati dalla sua cultura particolare, ma ben venga una riflessione da essi innescata. Diciamo che forse la confusione è sempre troppa in questo mondo (figuriamoci in quei magazzini di Londra) e ci impedisce di riflettere.
    A volte penso che essere un vaticanista tolga qualche prospettiva sulle reali questioni di fede, come essere un uomo tutto sommato a suo agio nel mondo d’oggi, tolga qualche altra prospettiva sul nostro essere “di Cristo”. Per capire di nuovo il senso di esser cristiano, con la testa annebbiata da moralismi e polemiche, ho dovuto rileggere il San Francesco dei Fioretti. Per fortuna lo scempio della figura del Santo (ecologo, animalista, pacifista…) è cessato, e su di lui è calato l’oblio. Il mondo non lo ama perché è duro oggi seguire uno che non ha bandiere se non vivere Cristo. Forse è questo aver dimenticato Cristo il peggior male, aver creato un simulacro chiamato con lo stesso modo e averlo riempito delle nostre idee, dal moralismo alla carità materiale, dall’ecumenismo all’incredulità.

  19. bo.mario scrive:

    Che liberamente scriva cose condivisibili è certo Se cercasse di fare qualche sunto e non pagine si seguirebbe meglio. Se ne è sentita una sintomatica. Dio che fa ribellare la natura e giù alluvioni? dio che manda la peste come castigo, dio che ammazza pure bambini ad Haiti, ecc. ecc. ecc. Peggio di Giove, almeno quello lo faceva quando era arrabbiato. Si cerca sempre la giustificazione divina, non andate sul ridicolo, ci siete vicini. Basta questo? no! perchè sembra che dal vaticano sia in corso un tentativo di repressione verso il sesso e affini. Noi non dobbiamo essere liberi perchè abbiamo bisogno di tutele, qualcuno che decida per noi, poveri noi. Un saluto.

    • LIBERAMENTE scrive:

      Roma – Il raggio traente, quello di Star Trek, esiste: lo hanno inventato presso la Australian National University. Qui i ricercatori hanno usato nient’altro che “luce” per spostare un oggetto di vetro per un metro e mezzo, e sarebbero potuti andare molto oltre se il tavolo fosse stato più lungo.

      Il trucco consiste nello “sparare” un raggio laser cavo contro l’oggetto da spostare, sfruttando poi la differenza tra la temperatura dell’aria intorno a esso per far muovere l’oggetto nella direzione e alla velocità desiderate. Dunque niente raggi traenti nello spazio – dove l’aria e le particelle scarseggiano – ma la possibilità di sfruttare il sistema per svariate applicazioni pratiche qui sulla Terra.

      Il principio di funzionamento è il seguente: il raggio laser viene sparato contro alcune particelle dell’oggetto di vetro da muovere, riscaldando le suddette particelle mentre quelle al centro del fascio luminoso (che è cavo) rimangono a temperatura ambiente. Una parte dei raggi luminosi filtra all’interno del percorso cavo riscaldando l’aria e spingendo l’oggetto per tutta la lunghezza del raggio laser.

      Questi sono alcuni dei segni tecnologici che ci fan ben sperare in un risparmio ecologico in molti settori industriali e del genio civile, nello spazio per ora non sarebbe poi necessario, non c’è gravità, non ci sono da spostare oggetti pesanti, gli attracchi alla ISS sono tutti automatizati.

      Altre avvenieristiche invenzioni in Star Trek sono l’attuale cellulare, dal più semplice al più evoluto, la Tac, il tricorder da poco inventato e che fa l’analisi del sangue senza prelievi, i termometri moderni, l’ebook, la Cibernetica, il Pc quantico è di fatto una realtà grazie ai Ricercatori della Delft University of Technology, che sono riusciti ad effettuare dei calcoli con due ‘bits quantici’, in Giappone è stata inventata una lavatrice che usa gli ultrasuoni per pulire meglio il bucatoe potrebbe essere un primo passo verso una doccia sonica per umani, nel 1996 la 3D Systems di Valencia, California, ha inventato qualcosa di simile ad un replicatore. Si tratta in pratica di un fax tridimensionale, con il quale possono essere trasmesse copie di oggetti attraverso una linea dati, cioè, un laser alla postazione di partenza legge la forma dell’oggetto, quello alla postazione di arrivo riproduce la forma originale solidificando in punti ben precisi un polimero plastico liquido.

      Ma vi sembra possibile che con tutti i satelliti in orbita e addirittura una stazione spaziale internazionale, non si sia riusciti a costruire un Blue Beam per proizioni olografiche? A parte che l’ologramma ormai è un invenzione già molto in evoluzione ultimamente, per non parlare del progetto di inviare dei films alle sale cinematografiche mediante satelliti (http://www.cinemaraffaello.it/digitale.php), ma se avete capito come funzona la ionosfera, dal basso gli ologrammi incontrerebbero dei forti attriti ma è meglio dall’alto in orbita, poichè la luce incontra meno resistenza e si possono proiettare immagini di cristo, della madonna o di Maonetto e o di altre divinità indù, e questo oggi è possibile.

      • ilsanta scrive:

        @Liberamente

        C’è una fondamentale differenza fra la possibilità di costruire un oggetto e il fatto che tale oggetto sia utile all’umanità o a parte di essa.
        La stessa differenza che c’è fra il Nobel e l’Ignobel.
        Mi riferisco in particolare all’utilissimo laser spingente e al satellite segretissimo che proietta ologrammi inutili.
        Saluti

        • LIBERAMENTE scrive:

          Caro IlSanta, secondo lei lo scudo stellare che dapprima Bush e poi Obama hanno rilanciato con gran ostilità dei russi, sarebbe una tecnologia utile? E i test nucleari sono utili? Insomma, lo sa anche lei che fino ad ora gli USA hanno speso miliardi di dollari in tecnologia che non è direttamente utile al popolo, al contrario, all’oscuro del proprio popolo.

          veda anche le testimonianze di questi autorevoli personaggi.
          http://www.youtube.com/watch?v=KHU2kaPAd6k
          io me li son visti tutti e 12 i filmati.

          • ilsanta scrive:

            @Liberamente
            Ancora confonde l’utilità di una ricerca con la “bontà dello scopo” a cui viene asservita.
            Cercare di formulare un nuovo panino per un fast food non è certo utile all’umanità, ma lo è per la catena che vende i panini.
            In merito ai video di cui lei riporta il link ho smesso di guardarli a quota 4. Sinceramente sorbirmi i sentito dire di una serie di persone di cui non si sà nulla più di ciò che essi stessi dichiarano non è prova di nulla.
            Saluti.

  20. Sal scrive:

    Due cose mi hanno fatto riflettere sull’ argomento proposto. La prima incommentabile. L’autore parla di una “piacevole sorpresa”; non essendo ancora il negozio nemmeno addobbato per natale, ha mescolato in mezzo agli altri 40mila prodotti che gli addetti fanno provare e dei quali mostrano il funzionamento, il richiamo cristiano. Chissà se gli addetti avranno anche spiegato il significato di quel prodotto ridotto a merce che mescolato insieme agli altri oggetti di puro divertimento viene perfino degradato ad oggetto di svago perdendo di dignità e importanza. doveva essere un addestramento ad una vita meno permissiva, meno tollerante èdivenuto solo divertimento, dove il sacro è ridotto a giocattolo in mezzo al profano. Non mi pare che ci sia nulla di cui essere piacevolmente sorpresi, magari scandalosamente scioccati per la religione fatta commercio, per il sacro divenuto profano. I soliti mercanti nel tempio. Nulla di cui meravigliarsi e a cui nessuno fa più caso tanto tutto è permesso tutto si perdona, tutto si può dissacrare nel nome del profitto. I preti intervistati dalle iene lo dicono : “ma che te ne fai dei comandamenti”. Non servono più. Come hanno ragione !

    La seconda a cui ho pensato, leggendo del bimbo calvo in carrozzella è stato: “ chissà perché, se Gesù avesse voluto suscitare tanta compassione e pietà per la sofferenza, non è nato anche lui con qualche menomazione, magari piccola, così tanto per accontentare gli amanti del pianto. Avrebbero dato loro un motivo in più per strapparsi le lacrime e farsi sanguinare il cuore gonfio di compassione per le disgrazie altrui. Si sarà mica sbagliato nascendo bello sano e robusto ? Hai visto neanche un bruffolo, neanche una piaghetta. Che peccato è andato a morire da adulto, mica da bambinello. Ma così ha deluso gli amanti della pietà e del pietismo…. Che fregatura.
    Non ditemi che sono strano. Lo so da me !

    • LIBERAMENTE scrive:

      Beh, è un punto di vista valido quello del bimbo di cui parli, come quello di chi avrebbe, perchè negro, immaginato la sacra famiglia di colore.

  21. ritaroma scrive:

    come al solito quello che si legge non è mai preso per quello che è, ma bisogna fantasticarci sopra, trovarci un altro significato e disprezzare i sentimenti e le emozioniPoi parlano di libertà e di consapevolezza….

    Dr TORNIELLI,
    la semplicità del suo cuore è grande come la pazienza che ha verso il suo stesso blog.
    quel mini presepe sarà pure fatto ” con le costruzioni” ma è pur sempre un pensiero gradevole segno di un sentimento religioso anche se nascosto da parte di chi l’ha costruito….l’ha fatto solo per interesse? questo lo sa solo lui e Dio…chi vuole lo compra, chi non è interessato ne fa a meno….ma è inutile riderci sopra…è come “piangere sul latte versato” il Dio-Uomo è tra noi. e ci ricorda che tutto quello che accade è colpa nostra, delle nostre incongruenze, indifferenza, incapacità, stoltezze, superbie, arroganza ecc ecc e invece di pensare che quello che accade ci deve ricordare la nostra nullità e limitatezza, e che non possiamo da soli cavare un ragno da buco….con ironia sentiamo dire…dov’è questo Dio, dov’è il tuo Dio?

    Dal Vangelo secondo Luca 13,1-4
    “In quel tempo, si presentarono a Gesù alcuni a riferirgli circa quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva mescolato con quello dei loro sacrifici.
    Prendendo la parola, Gesù rispose: “Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo.
    O quei diciotto, sopra i quali rovinò la torre di Siloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme?
    vi assicuro che non è vero, anzi , se non cambierete vita finirete tutti allo stesso modo”

    • Sal scrive:

      @ ritaroma
      Ma che brava ritaroma, finalmente ha capito !
      “come al solito quello che si legge non è mai preso per quello che è, ma bisogna fantasticarci sopra, trovarci un altro significato”

      Lei ammette che le cose possono avere significati diversi e che ciascuno riesce a vederne solo uno secondo la sua educazione. Nulla di male fino a qui. Ma chi le assicura che quel modo di vedere sia quello corretto, se ce ne possono essere anche altri ? Da che cosa stabilisce che è più giusto l’un modo di vedere piuttosto che l’altro ? Perché deve prevalere l’uno piuttosto che l’altro ? Solo perché le piace di più ?

      “invece di pensare che quello che accade ci deve ricordare la nostra nullità e limitatezza, e che non possiamo da soli cavare un ragno da buco….con ironia sentiamo dire…dov’è questo Dio, dov’è il tuo Dio?” – Perciò non abbiate timore: voi valete più di molti passeri. ( Mt. 10.31) Gesù non è del suo parere.

      “vi assicuro che non è vero, anzi , se non cambierete vita finirete tutti allo stesso modo” – Allora non saranno tutti perdonati. Non andranno in paradiso, ma sotto la torre. Forse perché vedono nel modo sbagliato ? L’argomento andrebbe approfondito piuttosto che lamentarsi e presumere.

  22. Anna scrive:

    Caro LIBERAMENTE
    i rigurgiti razzisti e nazi-fascisti di cui lei parla,non sono affatto frutto del cristianesimo,ma bensì di un’ideologia malsana portata in Europa da popoli medio-orientali. Il razzismo fa parte di un popolo sparso ai quattro angoli della terra che ha come base comune il talmud.Fino a quando non ci si renderà conto di questo e non si comincerà a prendere le distanze e condannarlo come libro antisociale e pericoloso per il quieto vivere dei popoli,avremo sempre rigurgiti nazisti e comunisti,ideologia questa ,mai condannata e messa fuori legge.
    Nazismo,comunismo,cristianesimo intollerante e fondamentalismo islamico,sono un tutt’uno,legati da un unico filo,e finanziati dalle stesse persone.
    Con la sconfitta della Germania nazista e la morte di Hitler,non è affato stato sconfitto il nazismo,ha solo cambiato nazione,tutto li.
    I gerarchi nazisti(quasi tutti ebrei)hanno trovato rifugio e protezione in America,e da lì hanno continuato tranquilli a portare avanti le loro idee.Ecco perchè ci sono i rigurgiti.
    La “soluzione finale”non era affatto l’eliminazione fisica dell’intero popolo ebraico,come ci hanno sempre fatto credere.La “soluzione finale” era la cancellazione delle religioni e delle nazioni,per instaurare il nuovo ordine mondiale.
    Per quanto riguarda l’Iran,se non sbaglio,il capo del governo è Almadjnejad(ebreo,amico di rabbini ebrei),non nega l’olocausto,ma le cifre.E comunque mi sembra che a farne le spese(se vogliamo confrontare le cifre di questo massacro)sono stati i cristiani(ariani o no ,a me non interessa).
    51.000.000 i morti,tolti i 6.000.000 morti ebrei(cifra alquanto incerta), certa è l’altra-
    Se Almadjneiad(ebreo)contesta tale cifra,avrà le sue fonti,non crede?

    • LIBERAMENTE scrive:

      Non sono d’accordo, cara Anna, il cristianesimo ha in passato perseguitato gli ebrei, poi ha causato milioni di morti in Africa, con evangelizzazione+virus ocidentali e schiavitù e oggi con lo sfruttamento delle risorse e sono tutti capitalisti che battezzati e che vanno a messa, che hanno dei valori, ovviamente l’OPEC (quando è nato), soppiantando alcune lobby occidentali, non avevano diversi obiettivi, anzi, in nome di Allah, il loro petrolio lo han sempre fatto pagare a caro prezzo fino ad oggi.

      Il cristiansimo che poi è stato organizzato in religioni di stato, ancora fino ad oggi, ha avuto una grossa responsabilità nella discriminazione omofoba, islamofoba, antisemita, ateofoba, ecc….ecc….

      La storia, cara Anna, non parla di un cristianesimo molto tollerante con chi la pensava diversamente, ma sullo stesso piano ci metterei l’islam cristianofobo, ateofobo, omofobo, antisemita, e chissà perchè hanno lo stesso Dio anche se con nomi diversi.

  23. ritaroma scrive:

    Sig. SAL,
    come al solito lei è tra quelli che capisce il contrario o meglio vuole vederci il contrario di quello che è scritto!
    Non ho detto che uno legge”o capisce ” secondo la sua “educazione, ma che legge e capisce secondo il proprio tornaconto anche momentaneo….l’educazione non ha niente a che vedere con l’interesse del momento….
    lei può essere stato educato bene con tanto di bon ton ed essere o comportarsi come un cafone patentato….
    Intanto le scelte vanno ponderate , il discernimento è al primo posto !
    il mio essere cristiano non deriva solo dalla famiglia, ma da un insieme di situazioni, studi e scelte …che alla fine mi hanno confermato lo splendore del mio credo! E non mi sognerei mai, per nessuna ragione di essere altro da ciò che somo ….e sempre con l’aiuto di Dio…non ho la pretesa di saper fare tutto da sola nè di non aver bisogno di un mediatore…la presunzione è il primo e più grave peccato- errore dell’uomo!
    Dixit:
    “vi assicuro che non è vero, anzi , se non cambierete vita finirete tutti allo stesso modo” – Allora non saranno tutti perdonati. Non andranno in paradiso, ma sotto la torre. Forse perché vedono nel modo sbagliato ? L’argomento andrebbe approfondito piuttosto che lamentarsi e presumere.
    ————
    il brano invita alla conversione, ….non alla mancanza di perdono se si riconosce il proprio errore, o se la scelta fatta è in buona fede….
    io non sono giudice delle scelte o azioni di Dio…lui conosce il cuore degli uomini e lui giudicherà!
    in quanto a lamentarsi e presumere, ha scelto la persona sbagliata…si rivolga altrove!

    • Sal scrive:

      A proposito di “segni inaspettati,” ma la foto riproduce una capanna o un albero di Natale ? Mica per niente, perché non era una capanna : “E partorì suo figlio, il primogenito, e lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché nell’alloggio non c’era posto per loro.” Facile dedurre che era la mangiatoia della stalla dell’albergo che non aveva posto.
      Quindi la foto non è una capanna ma è un albero di natale. Sacro e profano mischiato come sempre insieme strettamente collegati fra loro per la gioia dei semplici e il profitto degli speculatori.
      Auguri !

      p.s. quale sarebbe il mio “tornaconto” ? Mica le ho chiesto di cambiare religione o di venire a stare con me a fare la mia discepola ! Quindi qual è il mio tornaconto se non farle notare le incongruenze del cattolicesimo ?
      Cosa spinge a fare i complimenti a quanto si mescola l’albero di Natale con Cristo ? Ci guadagno io ?

    • Sal scrive:

      SCusi ma nel suo post nemmeno compare la parola tornaconto. Si sente bene ?

  24. ritaroma scrive:

    PS. se Gesù Cristo fosse nato brutto, storpio e calvo, lei come altri avreste cmq avuto molto da ridire!
    si risparmi il commento

    • Anna scrive:

      ritaroma

      Gesù è diventato famoso anche per i miracoli,perchè non comincia a farli anche ora ,partendo dai reparti pediatrici di oncologia,facendo guarire tutti i bimbi ammalati di tumore,per finire con il fulminare chi usa il nucleare per distruggere vite umane,oltrechè danneggiare per migliaia di anni il territorio,provocando così per diversi anni a venire la nascita di bimbi deformi e migliaia di morti per tumore indotto,e non naturale?
      Lei ce l’ha una risposta sul perchè non lo fa??

  25. Anna scrive:

    Il cancro si sta diffondendo come un incendio violento in Iraq

    http://saigon2k.altervista.org/2010/01/in-iraq-aumenta-il-cancro-per-via-delle-armi-ad-uranio-impoverito/

    i Presidenti USa giurano tutti sulla Bibbia prima di insediarsi alla casa bianca.
    Bush giovane ha detto che è stato dio a dirgli di fare la guerra contro l’Irak.Cifre ufficiose parlano di 1.500.000 di civili morti,Quanti ne moriranno ancora nel prossimo futuro ancora non si sa.
    Il tutto per vendicare la morte di 3.000 americani,per colpa (si dice )di Bin Laden,alleato USA.
    Quando le tv di tutto il mondo hanno fatto vedere le immagini del finto Bin Laden morto,il premio nobel per la pace Obama(che ha giurato anche lui sulla bibbia) ha detto:ora giustizia è stata fatta.
    Occorreva fare una strage del genere per uccidere un uomo(tra l’altro morto di cancro alcuni anni prima),per fare giustizia?E ora chi farà giustizia dei morti irakeni? Usando lo stesso metro degli USA-Israel,dovremmo aspettarci decine di migliaia di morti americani e occidentali.Poi per vendicare gli occidentali,altra strage di musulmani,e via così,come nelle faide mafiose di qualche decennio fa in Italia.
    Dio è d’accordo che uomini che gli giurano fedeltà compiano tali stragi?

    • LIBERAMENTE scrive:

      Son d’accordo con lei Anna, a questi autorevoli presidenti Dio parla mentre ai fedeli è dato solo di accontentarsi delle bricciole che cadono dall’ex cathedra dei loro pastori, mgra consolazione per miliardi di persone che dipendono o pendono dalle labbra dei loro leader religiosi e politici.

  26. Anna scrive:

    ho sbagliato,invece che decine di migliaia di morti,avrei dovuto scrivere decine di milioni.

    • LIBERAMENTE scrive:

      se le interessa, questi sono altri segni della nostra civilità cristiana:

      Un sondaggio dell’Osservatorio sul Nord Est di Demos & Pi, pubblicato oggi dal Gazzettino, ha rilevato che il 62% del campione si è dichiarato molto o moltissimo d’accordo con l’affermazione “quando una persona ha una malattia incurabile, e vive con gravi sofferenze fisiche, è giusto che i medici possano aiutarla a morire se il paziente lo richiede”. La percentuale si riduce al 40% tra chi frequenta assiduamente la messa. In base all’appartenenza politica, si dichiarano favorevoli all’eutanasia il 94% degli elettori di Sel, il 76% della Lega Nord, il 70% del Pd, il 67% dell’Idv, il 55% dei ‘grillini’, il 53% di Fli, il 48% del Pdl e il 35% dell’Udc.

      E la stragrande percentuale di ste gente ancora sostiene che l’Italia deve difendere i crocofissi appesi alle pareti e a dichiarare l’Italia fondamentalmente cattolica. Veda lei se già queste stime non sono anomale con ciò che invece si dichiara dell’Italia, di cui i cittadini non sono tutti credenti e nemmeno quelli che credono sono tutti cristiani.

  27. ritaroma scrive:

    se il mio Dio non fa tutti i miracoli che lei vorrebbe, li domandi al suo Dio, chissà, può darsi che glieli fa!

    • Anna scrive:

      ritaroma,come al solito da risposte del cavolo.
      Lei è brava solo a pregare per i suoi fratelli in cristo Luis e Umberto.
      Che la pace sia con loro.Amen

      Preghiamo

      O Dio, nostro Padre,

      tu hai voluto che la Chiesa continuasse nel mondo l’opera di Cristo

      e fosse il segno vivente di lui.

      Ti preghiamo che la Chiesa, che siamo noi, imiti il suo Capo.

      Come Cristo ha compiuto la redenzione

      attraverso la povertà e le persecuzioni,

      così anche la Chiesa prenda la stessa via

      per comunicare agli uomini i frutti della salvezza.

      Come Cristo è stato inviato da te, padre,

      a dare la buona notizia ai poveri,

      a cercare e salvare ciò che era perduto,

      così anche la Chiesa circondi di affettuosa cura

      quanti sono afflitti da umana debolezza

      e riconosca nei poveri l’immagine

      del suo Fondatore, povero e sofferente,

      e si metta il loro servizio con amore.

      Gesù Cristo, pur essendo Dio, spogliò se stesso

      prendendo la natura di servo,

      e per noi da ricco che era si fece povero.

      Così la Chiesa non cerchi la gloria della terra,

      ma diffonda l’umiltà e l’abnegazione.

      ti preghiamo per la Chiesa:

      trovi sempre in cristo risorto,

      vincitore della morte e del peccato,

      la forza per vincere con pazienza e amore

      le sue interne ed esterne difficoltà,

      e sveli al mondo con fedeltà

      perchè trovino il coraggio di verificare la vita

      alla luce dell’esempio di Maria,

      • Anna scrive:

        mi sono dimenticata di scrivere:anche noi (credenti in un dio diverso da quello di ritaroma)vicino al preghiamo.

  28. LIBERAMENTE scrive:

    Ormai, i segni dei tempi ci sono tutti, la svolta dell’umanità in questo scorcio di crisi ha solo un’alternativa, lo sviluppo e la giustizia, e per giustizia non intendo i tribunali, ma il rispetto dell’eguaglianza di tutti i cittadini del mondo, anche perchè non è più giustificabile lo sbilanciamento economico che si è venuto a creare per colpa di egoismi corporativi e statali, leggi ad personam, leggi per mantenere discriminazioni sociali ed economiche anche tra i ceti medi, discriminazioni su base religiosa, etnica e soprattutto politica.

    Chiunque, ateo o credente, è sulla stessa barca e non non può ritagliarsi dal drammatico contesto una propria oasi di benessere, una garanzia per i propri risparmi, il futuro per se e per la propria famiglia, insomma, non ci si può più illudere di salvare l’universo ignorando le sue varie parti che per entropia si allontano sampre più le una dalle altre (sto usando una metafora) affindando al proprio ululato solitario il lamento della cicala che, a differenza della formica, non hga saputo essere previdente e lungimirante.

    Per quanto non mi piacia Berlusconi, le sue dimissioni sono un fallimento della democrazia in Italia, e parlo anche delle colpe della sinistra che lo hanno voluto loro al timone nonostante ne chiedessero più volte le dimisssioni.

    Non si può dire che la mia preoccupazione come ateo sia di disperazione perchè sono senza Dio, ma se la crisi è così seria è perchè il comando di Dio di signoreggiare sulla Terra non ha tenuto conto degli effetti imprevedibili di tale comportamento consumistico e di estremo sfruttamento delle risorse, che a quanto pare, l’ONU afferma essere in via di estremo consumo senza essere rimpiazzate in tempo, insomma cosa stiamo lasciando alle generazioni future?

    Possono risultare più ottimisti i credenti in questa crisi? No di certo, ecco perchè…
    http://esr.oxfordjournals.org/content/early/2011/09/22/esr.jcr072.abstract
    In tempi di crisi, ci si aspetterebbe una ripresa della fede ma lo studio realizzato da Tim Immerzeel and Frank van Tubergen, dell’università olandese di Utrecht, ha cercato di comprendere meglio le implicazioni del fenomeno analizzando i dati di 26 diversi paesi europei.

    Quindi, non è tanto la crisi di una nazione ad avere effetti sulla religiosità individuale, quanto i problemi personali a cui vanno incontro i singoli individui. In Serbia alcune centinaia di operai han chiesto al ministro della Giustizia di essere ospitati nelle patrie galere assieme ai propri familiari, perchè oltre ad essere stati licenziati non sono stati neppure pagati, quindi, onde evitare che siano costretti a rubare per vivere, han chiesto l’arresto preventivo.

    Si, alla faccia della fede e della speranza siamo a questi livelli di guardia, ma non credo che le parole del Papa risolvano al momento questi problemi economici e sociali, e comunque, nelle migliori ipotesi dei credenti, sarebbe proprio il momento di un bel miracolo, ma forse è il caso di dirlo, in questa crisi anche il credente è stato licenziato e soffre per la propria famiglia ed è per questo soggetto a depressioni, ma da chi andrà per farsi curare se poi i porblemi li avrà anche dopo la seduta dallo psichiatra o dopo il confessionale.

    Ci sono situazioni in cui la luce è molto in fondo al tunnel.

    • LIBERAMENTE scrive:

      Correzione. …..ma da chi andrà per farsi curare se poi i problemi li avrà anche dopo la seduta dallo psichiatra o dopo il confessionale?

      • Riccardo scrive:

        Guardi, che di credenti a parole ed ‘atei utilitaristici ‘ nei fatti, ci sono anche nella Ecclesia titolata della Chiesa , a partire dai vari Romano Prodi e Giulio Andreotti ,che con il loro comportamento omissivo hanno ,il primo, fatto diventare l’Europa il motore dell’aborto nel mondo(cfr. Avvenire) ,l’altro, confermato la legittimitá della legge italiana sull’aborto (, cfr. http://difendilavita.altervista.org/aborto_25_anni_vergogna.html) .
        Rifletta, pero’, che prima di loro ci fu un certo Giuda .il quale tradi’ Nostro Signore e cio’ nonostante- anzi, grazie a quella ingiuria e la successiva crocefissione- il cristianesimo si diffuse nel mondo.

    • Anna scrive:

      Bravissimo LIBERAMENTE

      LIBERAMENTE scrive:
      9 novembre 2011 alle 00:26

  29. umberto scrive:

    Un carissimo saluto a tutti i fratelli in Cristo del blog, in particolare a Ritaroma e Luis.
    Un caro saluto anche a te Anna, leggendo il tuo post delle 11,21, hai suscitato in me un sentimento di tenerezza e, un sorriso, comunque grazie per l’augurio di pace. DIO ti ama, gratuitamente, così come sei, spero che la tua ricerca ti porti ad incontrarlo nella tua storia.
    Carissimi Ritaroma e Luis, vi leggo sempre con tanto piacere, spero stiate bene. In questo periodo ho avuto diversi impegni, oltre al lavoro, stiamo preparando la convivenza di riporto, per questo fine settimana. Ci aspettano tre bellissime giornate piene della parola di DIO, una parola viva, attuale che opera concretamente nella nostra vita, una parola che ci chiama a conversione.
    Spero che DIO illumini la nostra vita, per dare testimonianza ogni giorno del suo amore.
    A presto.

    • Anna scrive:

      madonna che dolcezza,Umberto.
      Il raggio dello Spirito Santo l’ha illuminata.Che bravo,che bravo.
      Ora sò che Dio mi ama.
      Ma cosè la convivenza di riporto?

  30. Riccardo scrive:

    Segnali piu’ che prevedibili dai “cattolici” democratici ed ossequiosi dell’insegnamento morale della….poltrona :
    da Libero on line di oggi:
    Casini va a caccia di voti Comincia da quelli dei gay
    Prova generale di larghe intese in Sivilia: grazie ai centristi passa la mozione per aprire il registro dei matrimoni omo

    Larghe intese: l’Udc fa una sorta di prova generale a Palermo. Intesa con il Pd e le opposizioni palermitane, ma anche intesa su una questione molto delicata. Infatti i centristi del Consiglio comunale hanno sostenuto la mozione per l’istituzione del registro delle unioni civili anche tra persone dello stesso sesso.

  31. bo.mario scrive:

    Definire un partito UDC mi pare prendersi in giro. Quelli vanno dove ci sono poltrone da arraffare. L’etica cristiana? questi sono cattolici, con tutto quello che ne consegue. Per fare un esempio dal vaticano la crisi attuale deriva dall’etica e la cultura. Ora che per anni ci sia stato dentro Marincus con i colleghi Voitila e Razinger la dice lunga sulla credibilità di tali affermazioni. Un errore può capitare? si bastava non fare pope gli altri due colleghi, si era più credibili. Si sono scordati del scagli la prima pietra….
    Un saluto e buon pomeriggio.

  32. Filippo scrive:

    Nunc videmus per speculum et in aenigmate….
    Neppure San Paolo, pur folgorato da Dio sulla via di Damasco, nascondeva la difficoltà di decifrare e comprendere ciò che ci accade sulla terra ed, in particolare, il senso del dolore, caro Andrea.
    L’unica consolazione che un cristiano ha è la fede e la speranza in un Cristo che non spiega con logica e razionalità cosa sia il dolore, ma lo prende su di sè, accompagnando il nostro cammino sulle strade del mondo, un cammino fatto di gioie e dolori, senso e non-senso.
    Un Cristo che ci insegna la carità di lenire ogni sofferenza che incontriamo, senza perderci in spiegazioni impossibili o semplicistiche.

    • Sal scrive:

      @ Filippo
      Piacevolmente “folgorato” dalle sue deduzioni avrei qualche domanda chiarificatrice per riflettere meglio sul dolore.
      Ha senso dire che il dolore è una protezione ? Perché il dolore permette di salvare la mano, per es. se fossi nella condizione di bruciarmela o che per non aggravare un problema, il dolore mi informa che qualcosa non funziona bene e che devo indagare per riportare alla condizione di originaria funzionalità dell’organo dolorante onde evitare ulteriori danni ? E’ d’accordo che il dolore è una protezione ? Un avviso di malfunzionamento ? Bene.
      Allora non c’era bisogno che Cristo spiegasse la logica e la razionalità del dolore. Perché lo sanno pure i somari che quando qualcosa non funziona “ragliano” per avvertire il contadino che si sono fatti male e devono essere curati.

      Se poi si riferisce al dolore “morale -spirituale” la cosa non è diversa, non cambiano i termini perché sempre un sintomo di malfunzionamento rimane. Altrimenti l’Apostolo non avrebbe scritto : “Siate sempre allegri.” ( 1 Tess. 5.16) Ergo se non è allegro qualcosa sta funzionando male. Significa che il suo organismo nella parte fisica o nella parte “morale-spirituale” non funziona, o sta funzionando male per cui il consiglio del fratello di Gesù è sempre rimasto lo stesso : “C’è qualcuno malato fra voi? Chiami gli anziani della congregazione presso [di sé], e preghino su di lui, spalmando[lo] d’olio nel nome di Geova.” ( Giacomo 5.14) Anche questo concetto andrebbe approfondito dato che in molti sono morti pur volendosi curare solo con le preghiere. “I sani non hanno bisogno del medico, ma quelli che stanno male sì.”. (Luca 5.31)

      Quanto poi a Cristo che prende su di sé, se così fosse stato, non ci dovrebbe essere più alcun dolore nel mondo dato che lo avrebbe preso tutto Lui, ma dato che ce n’è ancora molto in giro, evidentemente le cose non stanno come pensa lei. Lui non ha preso nulla su di sé. Altrimenti non sarebbe scritto “ Poiché ciascuno porterà il proprio carico.” ( Galati 6.5) Lo avrebbe portato Lui per gli altri.
      Quanto alla scrittura “affinché si adempisse ciò che fu dichiarato dal profeta Isaia, che disse: “Egli stesso ha preso le nostre malattie e ha portato le nostre infermità”.” ( Mt. 8.17) come può leggere, lo scrittore ( Matteo) sta riportando ( citando) una profezia precedente ( Isaia 53.4) mediante la quale il profeta stava indicando a chi avesse avuto la capacità di ricordarselo, ciò che sarebbe successo. E tanto per riflettere se il significato fosse stato letterale, anche in quel caso il dolore e le malattie avrebbero dovuto essere completamente estirpati fra il popolo di Israele, mentre storicamente risulta che i Giudei furono distrutti, con molte sofferenze e almeno 1 milione e mezzo di persone quando Gerusalemme fu distrutta per opera del generale romano Tito, molti altri furono ridotti in schiavitù e portati a Roma. Quindi anche in quel caso la profezia si sarebbe rivelata non veritiera se fosse stata quella l’applicazione da farne. Ne conviene? Quindi evidentemente sia Isaia sia Matteo voglio dire qualcosa di diverso meno semplicistico. Auguri.

  33. ritaroma scrive:

    UMBERTO.
    ben tornato, sono sicura che andrà tutto bene, Dio ti benedica!
    ————————————————————————
    ANNA, ha ragione oltre a pregare so dare ” risposte del cavolo”!

    S: PAOLO scrivendo ai cristiani di Corinto diceva che se un membro della comunità soffre, tutti gli altri soffrono con lui” (1 Cor 12,16)
    Gesù si è addossato tutte le nostre sofferenze , dimostrando xhe non c’è medicina migliore dell’amore!
    Il Vangelo è pieno di persone che sembrano l’icona della sofferenza e della malattia….il cieco nato, l’ emorroissa, la figlia del capo della sinagoga…ecc—
    Il dolore e la malattia sono, nelle varie, forma esperienza quotidiana e che lascia spesso senza parole.
    Gli squilibri si alterano e il dolore sconvolge la vita…Giobbe, addirittura, maledice il giorno in cui sua madre l’ha dato alla luce…!
    Il dolore è un’ esperienza umana non un’emozione, e la malattia è pari a un fallimento… i progressi della medicina non hanno ridotto il numero dei malati, anzi spesso stabilizza la malattia e prolunga nel tempo la condizione di malato (cronico)…..l’uomo che si ritiene perfetto, autosufficiente, bravo, deve fare i conti con questa realtà e non può addossare né la colpa a Dio né ad altri…,,,,non siamo di ferro…ma anche il ferro è attaccato dalla ruggine….
    Si pensa, anzi, molti pensano che la malattia sia un castigo di Dio che colpisce anche chi non ha fatto nulla di male, per cui è facile sentirsi arrabbiati con il mondo e con Dio…” dove sei, chi sei, cosa fai”
    Sembra un Dio silenzioso, lontano che ci lascia soli…anche Gesù nel Getsemani ha avuto la stessa impressione….
    Dio ci vuole sani nello spirito e nel corpo….Gesù –Salvatore ha trascorso la sua vita predicando e guarendo, e molti brani confermano il suo interessamento verso i sofferenti!
    Tuttavia è spesso difficile giustificare la sofferenza, la malattia, il dolore se non è visto alla luce dell’amore di Cristo….l’uomo davanti al mistero del dolore e della malattia che può colpire chiunque e in qualsiasi momento deve elaborare dentro di se questo “ mistero” perchè la sua libertà non le darà risposte ma deve chiedersi che cosa può realmente dar valore alla vita!
    Cicely Saunders, la donna che ha avuto l’esperienza delle cure palliative del dolore può dire” la risposta cristiana al mistero della sofferenza non è una spiegazione, ma una presenza!”

    • ilsanta scrive:

      @Ritaroma

      Commenti ad alcuni suoi passaggi.

      “Il dolore è un’ esperienza umana non un’emozione, e la malattia è pari a un fallimento… ”
      Fallimento di cosa? Di chi? Perchè un malato dovrebbe sentirsi un fallito? Potrebbe essere comprensibile se tutte le malattie dipendessero da comportamenti errati del malato, ma sappiamo bene che non è così.

      “i progressi della medicina non hanno ridotto il numero dei malati, anzi spesso stabilizza la malattia e prolunga nel tempo la condizione di malato (cronico)…..”
      Non so dove lei abbia vissuto negli ultimi secoli, ma la scienza ha ridotto notevolemnte il numero dei malati, eccome. L’alternativa alla cronicizzazione delle malattie era la morte, oggi contiamo molti malati in più rispetto agli inizi del ’900 solo perchè la popolazione è aumentata e perchè è invecchiata. Non si tratta di un fallimento della scienza, forse è il fallimento di una certa fede che vede soppiantare il ruolo delle preghiere con quello dei farmaci.

      “l’uomo che si ritiene perfetto, autosufficiente, bravo, deve fare i conti con questa realtà e non può addossare né la colpa a Dio né ad altri…”
      E chi avrebbe detto che l’uomo si ritiene perfetto? Se la smettesse di pronunciarsi per frasi fatte sarebbe meglio.

      “l’uomo davanti al mistero del dolore e della malattia che può colpire chiunque e in qualsiasi momento deve elaborare dentro di se questo “ mistero””
      Eccoci giunto al nocciolo della questione, quando non si hanno risposte efficaci e logiche da dare si ricorre al mistero …

      • ilsanta scrive:

        Correggo la frase sul numero di malati ….
        il numero di malati è aumentato ma è diminuita la percentuale di malati nella popolazione, almeno nei Paesi avanzati.

  34. Carlo scrive:

    “l’uomo davanti al mistero del dolore e della malattia che può colpire chiunque e in qualsiasi momento deve elaborare dentro di se questo “ mistero”.

    Solita risposta da arrampicata sugli specchi dei cattolici. Prima ci dicono che esiste un Dio buono ed onnipotente, poi messi di fronte alla realtà delle cose (che cozza contro quanto affermano) si rifugiano nel mistero.

    Solita solfa trita e ritrita.

    Avete mai visto Dio guarire qualcuno? Io no!!! L’unica cosa da fare è sovvenzionare la ricerca , medico-scientifica. Questa (con tutti i suoi limiti) è l’unica che cerca di alleviare le sofferenza umane. Fortunatamente, ne vedo uscire molti dall’ospedale guariti.

    Il resto è buono solo per le favolette

    • LIBERAMENTE scrive:

      Sono d’accordo con lei Carlo, ma io invito i credenti ad essere più spirituali e liberi dalla religiosità “conditio sine qua non”, la quale tende a imporre dei diktat teologici alla testimonianza spirituale per costringerla ad essere guidata dalla gerarchia ecclesiastica.

      Il dialogo a volte lo si ha più volentieri con il credente spirituale, il quale trascende la religiosità per la spiritualità, mentre con quello religioso-teologico neppure Filippo riuscirebbe bene a parlargli.

      Quello spiriruale è molto libero di avere una propria autonomia nell’interpretare la presenza di Dio, quello religioso è costretto a vederla dove il papa glie la indica e ha come delle briglie simili a quelle che metti ai cavalli, insomma, il papa ti dice “non avrai alro Dio se non quello che io ti indico e io sono infallibile”.

      Quando mi è capitato di parlare con un credente spirituale, libero dalla religiosità e dalla teologia, mi son sentito più vicino al suo dio, mentre continuerò a negare l’esistenza di un dio teologico freddo e distaccato, creato a tavolino dai teologi, politicamente affine con gli interessi di Cesare (potere secolare) e che nella storia ha unito la religione al potere (il papa-monarca) opprimendo popoli nel proprio nome, facendo loro credere di essere l’unico Dio e che quello degli altri è il diavolo.

      Sono ateo anc he perchè non credo a nessun Dio che si impone a tutti mediante gerarchie e politici asserviti alla religione e che tradiscono i principi laici della nostra Costituzione.

      Apro a chi come libero credente spirituale mi parla sinceramente e senza che la gerarchia lo costringa a pesare le parole anche nel testimoniare la propria spiritualità, ed è proprio perchè libero spiritualmente gli viene dalla gerarchia imposto il “si si, no no teologico” perchè si teme che la sua esperienza spirituale privata e libera cada nel complesso di Edipo nei confronti della gerarchia paternalistica, ribellandosi ai diktat catechetici, che a mio parere finiscono per mortificare lo spirito della sua fede in nome di una prudenza che alla fine è un chiudere il regno dei cieli proprio agli stessi fedeli.

      Quanti credenti nella stessa chiesa sono stati mortificati in nome della prudenza, quanti in nome del “si si, no no teologici” non han più potuto esprimere il proprio libero spirituale pensiero, e solo perchè non erano in linea con la teologia ufficiale. Questo è quello che si dice “chiudere il regno dei cieli agli altri e impedir loro che vi entrino spiritualmente” eh si, perchè secondo il papa vi devono entrare solo alle condizioni teologiche da lui poste in base alla prorpiaq fredda interpretazione della Bibbia.

  35. Carlo scrive:

    Fortunatamente, ne vedo uscire molti dall’ospedale (guariti).

    Il resto è buono solo per le favolette

  36. ritaroma scrive:

    sig CARLO,
    in quanto a favolette pure lei non scherza! Anche lei, mi pari che s’arrampica sugli specchi….stia attento a non scivolare…. quando uno meno se lo aspetta, mette un piede in fallo e …scivola giù!
    Io sono strafelice quando vedo uscire gente guarita o quasi dagli ospedali, ma ne vedo anche tanti che escono x i piedi e spero sempre che abbiamo ricevuto la” benedizione”.
    la “grattatina” non serve…non si prende in giro Dio, anche se lei non ci crede. c’è!
    stia bene

  37. ritaroma scrive:

    Ilsanta.,
    la vita di per se – E’- un mistero….anche lei è un mistero, o pensa di conoscersi così bene da sapere cosa farà o deciderà più tardi?
    Con tutti i programmi che posso aver fatto da svolgere per la giornata non sò affatto cosa o come reagirò più tardi di fronte ad un fatto, un’idea, una situazione improvvisa….
    Infatti, non è il malato che deve ritenersi un fallito…non è colpa sua la malattia, m,a è la presunzione umana che si ritiene infallibile che deve abbassare la testa davanti al male, al dolore, alla sofferenza…..la vita presente non ha le caratteristiche di un periodo di premio, perchè le gioie non sono molte e i dolori non mancano… Dio ( c’è) ha creato gli uomini per farli felici e non per farli soffrire….
    non è colpa sua degli errori nostri….lei dirà subito….che c’entra un bimbo? niente ma come prendiamo il colore degli occhi e dei capelli dei nostri genitori ci carichiamo anche dei “difetti” genetici….purtroppo! ed anche di altro…..ma è inutile parlarne
    Argomento chiuso…….una “cavolata più una meno” accontentiamo ANNA!

    • Anna scrive:

      ritaroma
      Grazie per avermi accontentata.(è una cavolata,infatti)

      Dio c’è,ci ha creato per farci felice,ma soffriamo.Nasciamo con difetti genetici e ci ammaliamo.
      Ma se Dio ci ha creato a sua immagine e somiglianza,doveva crearci perfetti,come lui.Si è mai ammalato di tumore? Non credo neanche che abbia difetti fisici. E allora?
      Non poteva già che c’era farci morire,visto che comunque dobbiamo morire,(dal momento che non ha creato altre terre per farci vivere tutti per millenni come lui.)di morte naturale a novantanni?Così come una candela quanto è finita si spegne da sola,anche la vita umana dovrebbe concludersi così,se ci voleva veramente felici.O no?

    • ilsanta scrive:

      @ritaroma

      Nella vita ci sono cose note e cose non note.
      La ricerca, anche spirituale, dovrebbe spingersi verso la maggior conoscenza possibile degli aspetti “misteriosi”.
      C’è però una grossa differenza fra chi crede in Dio e chi non crede o crede diversamente. Chi non crede non deve giustificare il “mistero” con una volontà di un essere superiore, semplicemente accetta di non sapere e si prodiga per svelare il mistero.
      Chi crede a volte attribuisce a Dio i misteri e li accetta come tali (spesso rinunciando a cercare).
      Non capisco poi cosa centri la presunzione con la malattia. Non conosco nessuno così stupido, credente o meno, che si ritenga infallibile e non soggetto alla malattia e alla morte, pertanto perchè dovrei smettere di essere quello che già non sono, ossia presuntuoso?
      In merito al peccato che anche i bimbi si portano dietro e che sarebbe, a suo parere, causa dei mali del mondo, sono lieto di sapere che il Dio in cui lei crede è così misericordioso da non considerare che la responsabilità delle azioni che si compiono è personale. Ma Lui è così buono che dopo qualche millennio si diverte ancora a lascir morire qualche bimbo nei reparti di oncologia pediatrica, tanto per ricordare quanto stupidi siano stati i nostri progenitori …

  38. bo.mario scrive:

    Ritaroma leggendo non si capisce dove stia la logica. Ad ogni argomento ci si mette di mezzo sempre la divinità, nel bene e nel male. Il tuo è un discorso semplice e dice che le cose le manda la divinità ed la giustifichi sempre. Ora scienziati, ospedali non servono perchè c’è un disegno superiore. Ti leggo volentieri perchè sei pugnace ma non trovo, quasi mai, una logica nei tuoi ragionamenti. Le cose terrene sono terrene e la vita si deve vivere al meglio possibile. Il dolore esiste e non l’ha inventato lui, quello c’è sempre stato e abbiamo, in tutti i modi, cercato di alleviarlo, se aspettavamo lui….
    Prova a farti leggere con un pò di logica nelle cose. Ciao e buona serata.

  39. Filippo scrive:

    Forse il Papa, quando parlava bene degli agnostici e della loro capacità critica, aveva in mente l’enorme numero di agnostici ( ed atei, forse..) che popolano questo blog.
    Chissà…
    Ad ogni modo, quantomeno per la virulenza con cui esprimono la propria posizione, i vari Sal, Carlo, ilsanta, bo.mario etc. meritano una risposta, che provo a riassumere in quattro punti:
    1. Il cristiano non perde tempo a cercare l’origine ontologica o filosofica del dolore.
    Ognuno di noi sa che il dolore resta un mistero ed il “mysterium iniquitatis” è senza soluzione razionale. Il cristiano sa che è chiamato a lenire le sofferenze del fratello. Anzi, sa pure che, in ogni fratello e sorella che soffre, c’è Cristo che attende il nostro aiuto.
    2. La ricerca della verità non passa attraverso la disamina incrociata, capziosa e strumentale dei testi biblici. Anche in tal caso San Paolo mi è di conforto: “Spiritus vivificat, littera occidit”.
    3. La scienza non è incompatibile con la fede. Tuttaltro. La scienza può contribuire a combattere il dolore, a curare la malattia e a difendere la vita. Leggete il giuramento di Ippocrate, che non appartiene a quella “stolta superstizione” a cui ascrivete la fede in Cristo.
    4. Noi crediamo che Gesù Cristo è guaritore delle anime e dei corpi. E sappiamo che la preghiera allo Spirito Santo aiuta a guarire anima e corpo, se questa è la volontà di Dio.
    Il Signore vi benedica

    • Sal scrive:

      @ Filippo
      Sig. Filippo, deve perdonare se so fare solo discorsi semplici e spesso devo usare l’enciclopedia per capire i termini. Esaminando i suoi 4 punti lei dice : “Il cristiano non perde tempo a cercare l’origine ontologica o filosofica del dolore.” Infatti ha ragione , ho controllato, “L’ontologia è lo studio dell’essere, quindi significa “discorso dell’essere” mentre “La filosofia è amore per la sapienza” e “Il dolore rappresenta il mezzo con cui l’organismo segnala un danno tissutale.”
      Ma ha ragione solo per il dolore, perché sull’ontologia (studio dell’essere) dovrebbe prendere in considerazione le parole “conosci te stesso” perché se così non fosse, non sarebbe in grado di capire quali sono i cambiamenti che deve apportare alla sua personalità per essere in armonia con il volere del Creatore.
      In quanto a lenire le sofferenze del fratello, non lo dica in giro perché altrimenti tutte le case farmaceutiche che vendono analgesici faranno la caccia al cristiano che gli ruba l’esclusiva. E mi risulta che i cristiani non sono in maggioranza infermieri.
      Al punto due dovrebbe chiarirmi cos’è la ricerca “capziosa” dei testi. Il Dizionario spiega che capzioso è “che tende a sorprendere la buona fede di una persona disattenta o non pratica” Secondo lei il cristiano potrebbero essere “disattento o poco pratico ? In quel caso potrebbero raccontargli che nel calice c’era il sangue anche se c’è scritto che era vino, e potrebbero fargli credere magari che Gesù aveva dei cugini mentre nel testo c’è scritto fratelli. Secondo lei è capzioso chiedere spiegazioni ? O è capzioso credere al Testo piuttosto che alle chiacchiere ?
      Lei dice poi che la scienza non è compatibile con la fede. E’ una bestemmia ! E come potrebbero gli scienziati continuare a ricercare se non avessero fede di poter scoprire ? E’ la fede che li spinge altrimenti se non ci fosse niente da scoprire e continuassero a cercare sapendo di non trovare nulla sarebbero da neuro no ?
      Al punto 4 dice “noi crediamo che Gesù è guaritore delle anime e dei corpi. Vorrà considerare anche la possibilità che essendo la parola di Dio eterna ( 1 Pietro 1.25) e non potendo Dio andare contro se stesso, non potevano essere reali i miracoli che sconvolgono il senso delle leggi naturali. Perché mai avrebbe dovuto fare il miracolo al cieco ( una preferenza ) facendo rimanere molti altri in condizioni disagiate. Non sarebbe logico né equo. Forse allora quegli episodi andrebbero letti in modo diverso. Non dico che Dio non sia in grado di farli, ma “poiché le sue invisibili [qualità], perfino la sua sempiterna potenza e Divinità, si vedono chiaramente fin dalla creazione del mondo, perché si comprendono dalle cose fatte, così che sono inescusabili;” ( Romani 1.20)
      Non c’è necessità che aggiunga ulteriori spettacolarizzazioni per fare in modo che alcuni credeno in Lui, senza considerare che credere di fronte al miracolo non è una libera scelta, ma è una impossibilità a non credere, un divieto di scelta dato che il dubbio non avrebbe spazio, non può più essere invocato. Quindi secondo lei, Dio avrebbe fatto il prestigiatore per convincere alcuni sempliciotti che in quel caso sarebbero obbligati a credere in qualcosa che non potevano neanche esaminare come Garlaschelli che ha rifatto la sindone. Le pare ?
      Non credo che Dio abbia bisogno di questi trucchetti per trovare persone ragionevoli . Lei che ne dice ? Si diventa cristiano solo per gli effetti speciali o perché il cristianesimo racchiude un segreto che ancora non hanno capito in molti ? E che la religione non ha saputo capire ? Dato che parla di Misteri ?
      Stia bene

    • ilsanta scrive:

      @Filippo

      Punto 1
      Strano che il cristiano perda invece tempo in preghiere nella chiesa sotto casa o in santuari affollattissimi per cercare di sfuggire al dolore delle cui origini, secondo lei, il cristiano poco si interesserebbe.

      Punto 2
      La Bibbia ed i Vangeli sono l’equivalente di un armadio 4 stagioni. Dentro ci trovi sempre qualcosa che vada bene qualsiasi sia il “clima”, per tale motivo concordo con lei, una disamina dei sacri testi è inutile.

      Punto 3
      E’ vero, la scienza non è incompatibile con la fede perchè la scienza non si occupa di fede. Il contrario spesso non è vero, infatti spesso è la fede che è incompatibile con la scienza e per tale ragione, ritenendo che la fede debba prevalere sulla scienza, cerca di ostacolare i progressi scientifici negli ambiti in cui vi sia difformità di “vedute”.

      Punto 4
      Dio quindi è come un medico. Il medico è pagato per guarire le persone (e sembra ci riesca meglio di Dio) ma non dobbiamo pregarlo di intervenire. Dio invece da una parte vuole che la sua Chiesa abbia i soldi ed in più si fa pregare per intervenire e quando gli gira guarsice altrimenti schiatti.
      Questo Dio che mi descrive è così buono …

  40. bo.mario scrive:

    Filippo cerca di spiegarci l’origine del dolore come mistero. Perchè dovremo soffrire? chi ce l’ha ordinato? Se il pope voleva il dialogo con atei, agnostici e spiriti liberi avrà capito, leggendo quì, come stanno le cose. Il dialogo avviene mettendo sul tappeto la visione completa e sopratutto reale della vita. Le fantasie ve le lascio perchè sembra sia il vs pane. Immagino che un papa come GPI non si sarebbe messo sul pulpito a parlare con altri, se l’avesse voluto fare. Non lo possiamo sapere perchè è stato tolto dalla circolazione. Ancora non abbiamo capito come ci ha lasciato, anche la Orlandi per questo e vogliamo parlare della guardia svizzera? ecc. Per essere credibili bisogna essere credibili. Quì si scambiano opinioni, non ci si mette sul piedistallo. Un saluto.

  41. Carlo scrive:

    Finalmente posso scrivere con calma e senza fretta. Allora….osservate le risposte di Ritaroma e Filippo, e ditemi se esse non sono un concentrato di illogicità.
    Ritaroma viene a dirci che “Dio c’è ed è Buono”. Ma lei cara Ritaroma Dio lo ha mai visto??? Come fa a sapere che è Buono, quando la realtà ci racconta cose diverse???
    Poi sempre Rirataroma dice: “Dio ( c’è) ha creato gli uomini per farli felici e non per farli soffrire…non è colpa sua degli errori nostri….lei dirà subito….che c’entra un bimbo? niente ma come prendiamo il colore degli occhi e dei capelli dei nostri genitori ci carichiamo anche dei “difetti” genetici….purtroppo! ed anche di altro…..ma è inutile parlarne.
    Altro concentrato di illogicità. Ritaroma parla di difetti genetici. E perchè ci sono questi difetti genetici? Perchè mai nella creazione sono stati previsti difetti genetici? Ve lo immaginate un padre terreno che nella costruzione della propria abitazione inserisce delle trappole per i propri figli???

    Filippo poi si supera!!! Infatti dice che i cristiani non perdono tempo nel cercare l’origine ontologica o filosofica del dolore.
    Ma se è proprio “speculando” sulla paura della morte e della sofferenza che fate “fortuna” da secoliii!!!!!!!

    Caro bo.mario è impossibile dialogare con questi. Sebbene “una cosa affermata senza prove può essere, allo stesso tempo, negata senza prove” noi cerchiamo nonostante tutto di portare ragioni logiche per affermare l’illogicità delle loro credenze. E questi ti rispondono con il mistero, dogma ecc ecc.

    Ecco perchè il dialogo è impossibile. La religione va relegata nell’ambito strettamente personale e privato. Non voglio che mi venga imposta una cosa che è un mistero finanche per loro!!!!

    • Sal scrive:

      @ Carlo
      Sig. Carlo, davvero non ho potuto trattenermi e devo complimentarmi per la logica della sua considerazione. Ferrea inappuntabile precisa. Davvero mi ci ritrovo con tute le scarpe come all’inferno.
      “Ve lo immaginate un padre terreno che nella costruzione della propria abitazione inserisce delle trappole per i propri figli???”
      “Ma se è proprio “speculando” sulla paura della morte e della sofferenza che fate “fortuna” da secoliii!!!!!!!
      “è impossibile dialogare con questi. Sebbene “una cosa affermata senza prove può essere, allo stesso tempo, negata senza prove” noi cerchiamo nonostante tutto di portare ragioni logiche per affermare l’illogicità delle loro credenze. E questi ti rispondono con il mistero, dogma ecc ecc.”
      “e questi” – questa è la parte migliore ! Caffè pagato !
      “La religione va relegata nell’ambito strettamente personale e privato. Non voglio che mi venga imposta una cosa che è un mistero finanche per loro!!!!” sottoscrivo.

  42. Filippo scrive:

    @bo.mario
    Nessuno si erge sul pulpito o sul piedistallo. Ho solo provato a spiegare in cosa crede un cristiano, in cosa spera, in cosa cerca di impegnarsi. E’ totalmente fuori luogo il suo riferimento a papi e drammi “più o meno” vaticani.
    @carlo
    La logica è la vostra gabbia. I cristiani non fanno”fortuna” da secoli: cercano Cristo e sperano di trovarlo, anche nel dolore e nelle mille contraddizioni di questo mondo.
    Il dialogo tra credenti e non credenti è tale se resta un confronto sereno, anche ironico se si vuole, ma in ogni caso privo di saccenza. Non le si vuole imporre alcuna fede, egregio figlio dei lumi.
    Buonanotte

    • ilsanta scrive:

      @Filippo

      “La logica è la vostra gabbia.”

      La logica è logica, o la si usa o non la si usa.
      La logica per natura è aperta, i dogmi per natura sono chiusi.
      La logica evolve e muta nel tempo, le religioni si basano su miti e libri immutati da secoli.
      Chi è che starebbe in gabbia?

  43. ritaroma scrive:

    Filippo,
    Sal paga il caffè a Carlo, io la ringrazio e se le piace le offro una bella cioccolata calda con un profumatissimo cornetto con la panna!
    Auguri e che Dio la benedica

  44. ritaroma scrive:

    “i miei pensieri, non sono i vostri pensieri, nè le mie vie sono le vostre vie” dice il Signore (Isaia 55,8) e ” non confermtevi alla mentalità di questo mondo…” (Rm 12,1 ss)
    e siccome la logica di Dio è un’altra, sono contenta di apparirvi illogica…!

    • ilsanta scrive:

      @ritaroma

      Se la logica di Dio fosse altra rispetto a quella umana poco importa, sempre una logica sarebbe.
      L’illogità è invece l’assenza di logica, divina o umana che sia.

    • Sal scrive:

      @ ritaroma
      Perché cerca sempre di bleffare ? o non ha capito ?

      “Quindi vi supplico per le compassioni di Dio, fratelli, di presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, accettevole a Dio, sacro servizio con la vostra facoltà di ragionare. E cessate di conformarvi a questo sistema di cose, ma siate trasformati rinnovando la vostra mente, per provare a voi stessi la buona e accettevole e perfetta volontà di Dio.”</i< ( Romani 12.1)

      La logica di Dio è che lei usi la sua facoltà di ragionare come può leggere, non di dire cose senza senso e giustificarsi come se fosse colpa del Dio che gliele fa dire. Perché se insiste devo pensare che non ha ancora capito. Come può nella messa offrire a Dio il sacrificio di Gesù se deve presentare il sacrificio del suo corpo ?
      La logica del Dio non è quella cattolica, per questo lei è illogica e anche in malafede. Oppure non sa leggere.

    • Sal scrive:

      @ ritaroma
      Perché cerca sempre di bleffare ? o non ha capito ?
      “Quindi vi supplico per le compassioni di Dio, fratelli, di presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, accettevole a Dio, sacro servizio con la vostra facoltà di ragionare. E cessate di conformarvi a questo sistema di cose, ma siate trasformati rinnovando la vostra mente, per provare a voi stessi la buona e accettevole e perfetta volontà di Dio.” ( Romani 12.1)
      La logica di Dio è di usare la sua facoltà di ragionare come può leggere, non di dire cose senza senso e giustificarsi come se fosse colpa del Dio che gliele fa dire. Perché se insiste devo pensare che non ha ancora capito. Come può nella messa offrire a Dio il sacrificio di Gesù se deve presentare il sacrificio del suo corpo ?
      La logica del Dio non è quella cattolica, per questo lei è illogica e anche in malafede. Oppure non sa leggere.

  45. bo.mario scrive:

    Ritaroma peccato che siamo lontani perchè quel cornetto and chocolat l’avrei preso volentieri, slurp e straslup. Filippo lo scantonamento è nella vs logica non nella mia. Il riferimento a fatti più o meno vaticani, molto più che meno. servivano per farvi capire che per essere credibili bisogna esserlo veramente. Cerchi una tua via per capire la fede? perchè volete imporla? Non essendo aggressivo come altri penso che sei sincero. Non cambia la visione del dialogo. Per voi il pope è su un piedistallo mentre per noi è un interlocutore che deve dare risposte, non fantasie. Se vuoi continuo… Un saluto.

    • Carlo scrive:

      Il pope risposte non può darne, semplicemente perché nemmeno lui le ha.Un ragazzino gli ha chiesto perché avesse il cancro…sta ancora aspettando la risposta.

  46. Filippo scrive:

    Ai maestri della logica vorrei umilmente ricordare che i bambini, i poeti, gli innamorati ( oltre che gli asceti e i mistici,… ma questo è terreno minato sul quale non vi conduco…) utilizzano categorie diverse dalla vostra arte razionale.
    In parole povere, la logica non è l’unico strumento per la comprensione di questo mondo, nè tantomeno dell’altro….
    A Ritaroma un grazie per l’offerta di prelibatezze…Anche noi cristiani apprezziamo le gioie della vita, seppur fugaci, e non ci fossilizziamo sui dolori
    Buona festa di San Martino a tutti

    • LIBERAMENTE scrive:

      1. Il cristiano non perde tempo a cercare l’origine ontologica o filosofica del dolore.
      Guardi che vi è una causa psico-somatica, è questa la più probabile delle spiegazioni, non il male o il diavolo molto generalizzati e discriminanti, perchè alla fine il cristiano tende a relegare nei novisismi quelli che sono cattivi, quelli che sono meno cattivi, quelli che sono meno buoni e quelli che sono buoni o santi.

      il punto 2 l’ha trattato discriminado chi tra i cristiani non appartiene solamente alla Chiesa cattolica ma ad altre confesisoni cristiane e queste hanno altri criteri per interpretare la Bibbia, persino gli ortodossi interpretano la Bibbia in maniera diversa dai cattolici, pur avendo in comune alcuni fisse teologiche. Quale spirito vivifica la parola se dipendete dall’interpretazione del papa? la sua interppretazione è prima di tutto teologica e tende a limitare la libertà di intrepretarla spiritualmente se non alle sua condizioni teologiche.

      il punto 3 è stato forzato ad personam, per la sua incapacità di interpretare la scienza per quella che è e, se la conoscesse bene, saprebbe che la fede non può far ragionare la scienza al fine di farle ammettere l’esistenza di Dio o dei suoi dogmi, la scienza può eprimere la parola “inspiegabile per ora” ma non potrebbe ami dire è un miracolo questa guarigiono o questo segno del divino che arriva dal cielo.

      il 4 punto punto è legato solo alla sua di fede e non deve valere per quei pazienti che si affidano alla medicina ufficiale evitando di cadere in cure carismatiche che mai potrebbero sostituirsi alla medicina, anche perchè se qualcuno morisse sotto le vostre carismatiche mani andreste nei guai e non potreste i tal caso sentirvi martiri impugnando la volontà di Dio per la morter del povero malcapitato che Gesù non ha potuto o voluto guarire.

  47. Sal scrive:

    @ ritaroma
    Perché cerca sempre di bleffare ? o non ha capito ?

    “Quindi vi supplico per le compassioni di Dio, fratelli, di presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, accettevole a Dio, sacro servizio con la vostra facoltà di ragionare. E cessate di conformarvi a questo sistema di cose, ma siate trasformati rinnovando la vostra mente, per provare a voi stessi la buona e accettevole e perfetta volontà di Dio.” ( Romani 12.1)

    La logica di Dio è di usare la sua facoltà di ragionare come può leggere, non di dire cose senza senso e giustificarsi come se fosse colpa del Dio che gliele fa dire. Perché se insiste devo pensare che non ha ancora capito. Come può nella messa offrire a Dio il sacrificio di Gesù se deve presentare il sacrificio del suo corpo ?
    La logica del Dio non è quella cattolica, per questo lei è illogica e anche in malafede. Oppure non sa leggere.

  48. Carlo scrive:

    @Filippo. C’è anche chi con l’illogicità delle cose, fa affari!!! Ecco perché quando ti dicono qualcosa, prima di credere cerca di fare qualche domanda.
    Se poi vuoi credere agli asini che volano…fai te….

  49. Filippo scrive:

    @Carlo
    Io non faccio affari con Cristo. Nè i preti fanno affari con me.
    E poi, egregio seguace dei lumi, anche i cristiani fanno domande e si fanno domande…La fede in Gesù è la loro risposta.
    Quanto agli asini, anche loro potrebbero volare se salissero su di un aereo o se fossero risucchiati in un cunicolo spazio-temporale….

  50. Carlo scrive:

    E poi, egregio seguace dei lumi, anche i cristiani fanno domande e si fanno domande…

    Però vedo che non ha risposte!!! Si rende conto che per fede si può credere in tutto?

  51. ritaroma scrive:

    FILI’.
    lascia perdere…è de’ coccio!
    noi crediamo agli asini che volano…lui li vede!
    un saluto

  52. Carlo scrive:

    @Ritaroma: Il toro da del cornuto all’asino!!!

  53. Pingback: Natali di plastica « Segnalibri

  54. ritaroma scrive:

    il toro avrà pure le corna ma è di tutt’altra stazza!
    e le corna sa bene come usarle!

  55. ritaroma scrive:

    e per chi volesse fare dello spirito satirico aggiungo che
    non è un’offesa x me la battuta di Carko, anzi un onore essere paragonata all’Evangelista S.Luca rappresentato nei simboli proprio con il Toro o Bue!