Monti, intervista anonima sull’Osservatore

Radio Vaticana ha mandato in onda alle 13.10 una lunga intervista con Mario Monti: ho scritto un articolo in proposito su Vatican Insider, e qui trovate il testo integrale. Sul blog vi trascrivo questo brano:

«Nella formazione, nell’integrazione, nella responsabilità civile e morale, il contributo della Chiesa è davvero prezioso. Quando ho incontrato il Santo Padre ho vissuto un’esperienza profonda e indimenticabile. È stata una visita ufficiale e spero – pur emozionato – di aver rappresentato il mio Paese in modo adeguato. Le mani del Papa sono mani forti che sostengono il peso di molti; sono mani che rassicurano, perché a loro volta si lasciano sorreggere. Il Santo Padre ha chiaramente affermato che “la distinzione tra l’ambito politico e quello religioso” serve a tutelare la libertà religiosa e a riconoscere la responsabilità dello Stato verso i cittadini. Il Presidente Napolitano ha dichiarato che “il senso della laicità dello Stato abbraccia il riconoscimento della dimensione sociale e pubblica del fatto religioso”. Mi riconosco pienamente nel criterio della distinzione e della reciproca collaborazione. Certamente la fede è un valore, innanzitutto da vivere e da condividere secondo lo stile e la sensibilità propria di ciascuno, dentro un perimetro di libertà comune a tutti. Considero di estrema e immutata attualità le parole scritte da Joseph Ratzinger nel 1968: “Tanto il credente quanto l’incredulo, ognuno a suo modo, condividono dubbio e fede. Nessuno può sfuggire completamente al dubbio, ma nemmeno alla fede. E chissà mai che proprio il dubbio non divenga il luogo della comunicazione”».

L’intervista è stata pubblicata integralmente da “L’Osservatore Romano” di questo pomeriggio. Curiosamente però essa viene pubblicata anonima: senza, cioè, le firme dei due giornalisti di Radio Vaticana che l’hanno realizzata, Luca Collodi e Alessadro Guarasci. Un incidente di percorso simile è accaduto anche a me (si parva licet componere magnis) su La Stampa del 7 gennaio, quando, per un disguido grafico, è saltata la mia firma dall’intervista che ho fatto al neo-cardinale Julien Ries. Mi spiace per questi due bravi colleghi che hanno fatto un vero scoop, intervistando il premier tre giorni dopo la visita a Benedetto XVI. Vedere un testo così lungo con domande e risposte, senza sapere chi le ha formulate e ha raccolto il testo, non fa una bella impressione, tanto più che il quotidiano vaticano sotto la direzione di Giovanni Maria Vian ha curato in modo particolare la valorizzazione delle firme e dei collaboratori come pure dei giornalisti di altri quotidiani i cui articoli vengono spesso ripresi.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Print
Pubblicato il da Andrea Tornielli Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

79 risposte a Monti, intervista anonima sull’Osservatore

  1. Filippo scrive:

    Il professor Monti, pur presunto “salvatore della patria” dopo i guasti nefasti del governo precedente, resta espressione della casta economico-finanziaria che ha costruito l’Unione Europea su basi e radici esclusivamente economicistiche e laicistiche, rigettando la tradizione e i valori cristiani. Quella stessa casta pronta ad inebriarsi di rating e spread per anni, per poi scoprire che un’Europa circoscritta a banchieri e finanzieri non può andare lontano….
    Ci parli pure di dubbi e fede, del ruolo “sociale” della Chiesa, ma provi anche a fare un “mea culpa”, laico…..

  2. Sal scrive:

    No, Non è possibile, non può essere vero: “Tanto il credente quanto l’incredulo, ognuno a suo modo, condividono dubbio e fede. Nessuno può sfuggire completamente al dubbio, ma nemmeno alla fede.” (Joseph Ratzinger – 1968)

    Evidentemente il Vangelo è un optional : “Quindi, se qualcuno di voi manca di sapienza, continui a chiederla a Dio, poiché egli dà generosamente a tutti e senza biasimare; ed essa gli sarà data. Ma continui a chiedere con fede, non dubitando affatto, poiché chi dubita è come un’onda del mare mossa dal vento e spinta qua e là. Infatti, non supponga quell’uomo che riceverà alcuna cosa da JHWH [Geova] è un uomo indeciso, instabile in tutte le sue vie.” ( Gc. 1.5-8)

  3. linus scrive:

    Dott. Tornielli, so che non c’azzecca niente con il suo articolo, ma vedo che si tiene lontano dal tema della settimana (e forse della stagione): il cammino neocatecumenale.

    Leggo uno scontro durissimo in rete tra i numerosi aderenti di questo gruppo e i tradizionalisti, con un suo collega che sta’ facendo da catalizzatore delle posizioni di questi ultimi, i c.d. progressisti apparentemente indifferenti, nel mentre nessuna “velina” vaticana, che succede? Che documenti sono in uscita?
    Leggo anche di missioni laiche, come funzionano? Roba tipo american evangelical?

    Capisco che voglia evitare i soliti 3 trilioni di commenti “fazionisti”, pero’ non si puo’ esimere, e’ un tema che incuriosisce.

  4. luciano27 scrive:

    lasciando da parte i soliti panegirici,vere espressioni di culto della personalità mi colpiscono due affermazioni”la distinzione tra ambito politico e religioso serve a tutelare la libertà religiosa, e a riconoscere la responsabiilità dello stato verso i cittadini” espressa da chi chiedeva un cattolico per quella carica e da chi nella politica statale entra a piedi giunti &”il senso della laicità dello stato(puramente teorica, presidente, non se ne accorge?)abbraccia il riconoscimento della dimensione, sociale e pubblica,del senso religioso”.C’è anche un senso non religioso di cui lo stato deve tenerne conto ed essere responsabile verso i cittadini. Parole di chi vuole essere padronee di chi si inchina a suo servitore,dimenticando la dignità della sua carica, e quella passata sua personale.Questa è pura politica, non fateci entrare Dio, per favore

  5. peccatore scrive:

    Il Prof. Monti non mi convince. Sarà un pregiudizio, ma quel che avverto, a pelle, è molto più di un’opinione o di un fastidio…
    E’ una sensazione di qualcosa di sfuggente e di insidioso. Qualcuno penserà: cavoli tuoi, chi caspita sei per giudicare? E hanno ragione: sono un signor nessuno, cittadino di questo mondo ed in particolare di questo Paese.
    Qualcun altro dirà: il Papa lo ha accolto e gli ha fatto pure i complimenti.
    Altri ancora scriveranno: perchè quello prima di lui era forse meglio?
    Anche costoro hanno ragione.
    Eppure quest’uomo mi sembra particolarmente pericoloso: per come è arrivato dove si trova, per le persone che hanno apprezzato che ci sia arrivato e per le idee che ha su che cosa fare adesso che sta dove si trova.
    Anche in materia di religione: lui deve salvare l’euro. E’ l’euro il suo totem ed il suo vangelo. La religione può fargli comodo, per “tenere unito” il gruppo. Non che gliene importi molto, della fede in Dio. Gli importa la fede come “valore”, da tenere fuori dalla politica e dall’economia, ma utile -così gli pare- per fare una certa politica ed una certa economia… Il Papa nel 2012 ha detto che i nocchieri hanno perso la bussola? E lui va a regalare carte nautiche, atlanti e pure un suo libro al Papa, come ha ben scritto Marco respinti sulla Bussola.
    Questa citazione di quel che scriveva Joseph Ratzinger nel 1968 è artatamente beffarda e provocatoria, utilizzata per insinuare quel che sta a cuore ai professori (credere a mammona e dubitare di Dio, pur servendosene) e per dissimulare quel che sta a cuore ai pastori (credere a Dio e dubitare di mammona, pur utilizzandone).
    Sa tanto di grembiulino, non nel senso però dello scolaretto, ma di chi compassato porta avanti il proprio dubbio con la certezza di sapere cosa devi fare tu, per salvare lui ed i suoi burattinai…
    Ma capisco chi mi dirà che non capisco niente e che il professore è l’uomo della provvidenza, un santo laico, una specie di Robin Hood. E che il Papa, in fondo, è solo un santo Padre, che qualcuno a questo punto ricorderebbe frate Tuck.
    Sapete come la penso su Papa Benedetto XVI: è un dono di Dio.
    Lasciatemi pensare di Monti che “serve per la nostra santificazione”. Senza incensi.

    • Cherubino scrive:

      ridicole queste farneticazioni !
      In ogni caso quelli che prima difendevano con sottili distinguo un Presidente del Consiglio agli antipodi dei valori cristiani, ora invece fanno finta di non vedere che l’attuale Presidente è cattolico, degnamente e sacramentalmente sposato, va a Messa ogni domenica, ha una profonda formazione cattolica che non nasconde, anche nei modi mostra non poche virtù.
      E’ vergognoso attribuirgli una peccato di idolatria (dire che l’euro è il suo totem e il vangelo questo vuol dire) che non è affatto provato e del tutto fuori posto, dato che l’importanza dell’euro è stata ribadita da sempre anche dai pontefici e dai vescovi.
      Insomma bassa propaganda basata su una ancora più bassa “retorica del basso ventre”.

      • luciano27 scrive:

        non capisco a chi è rivolto il suo commento, egr.cherubino, ma prima del famigerato,ma pur sempre lodato per la difesa dei valori non negoziabili, Berlusconi,a parte Craxi,che però ha dato vita a un nuovo concordato, più favorevole alla chiesa abbiamo avuto tutti premier cattolici con tutti i crismi del presidente Monti: cosa ne abbiamo ricavato?una nazione che gradatamente è arrivata allo sfascio. Non bastano i crismi cattolici, egr. cherubino, ci vuole oltre alla capacità politica, una dirittura morale che (parole del papa) bisogna ripristinare anche nella chiesa.perciò, cerchiamo di vedere le cose nella loro realtà. Secondo lei ha agito cristianamente Monti,colpendo i ceti bassi e lasciando intatte ricchezze e privilegi?

      • peccatore scrive:

        Signor Cheburino, il “basso ventre” le si addice come sorgente del suo interloquire.

      • Simone scrive:

        Sarà, Cherubino, ma il fatto che Monti non abbia i capelli finti e le escort, ma una moglie non lo esime dall’essere giudicato come Presidente del Consiglio. Anche Prodi aveva le sue caratteristiche, ma anche il figlio che diceva “sì, sì” nella vigna non ci andava (e Prodi, che viene difeso da certi ambiti con le stesse parole che lei ha usato per Monti, ne stava combinando di cotte e di crude, nella vigna). E Monti secondo me sta facendo male, molto male. Non per difendere tassisti o farmacisti, è ben peggio quello che ha fatto: questo qui ci fa fallire con sicurezza ritardando la cosa di un anno, massimo due, e ci vende alle banche che lo hanno mandato. Il fatto che i vescovi e i pontefici abbiano sostenuto l’euro non mi interessa minimamente come cristiano sa? Non è che i loro interventi in tema di economia siano dogmi, quindi… L’Europa, il modo con cui è stata costruita e lo sciagurato modo in cui ci siamo entrati noi (nonché il comportamento di tutti i nostri rappresentanti al Parlamento Europeo, nonchè i Presidenti del Consiglio, Governi e parlamentari nostri) ci hanno condotti qui.

      • Cherubino scrive:

        bè, intanto per onestà mentale dovrebbe dissociarsi da chi presentava a carico dell’accus contro Monti totem e idoli vari. Non capisco perchè siete così zelanti nel ribattere alle mie obiezioni a tali sciocchezze, staccandole peraltro dal post a cui si riferiscono, e non invece ad almeno prendere le distanze da esse.
        Quindi cado Simone, parto dal fatto che la sua risposta riguardi prima di tutto chi ha tirato in ballo quell’argomento e non chi, come me, lo ha rintuzzato.
        Quanto al giudizio come Presidente del C0nsiglio, l’abissale differenza con il precedente è sotto gli occhi di tutti. Un Parlamento impastoiato dalle vicende giudiziarie dell’ex premier, parlamentari discutibilissimi, anzi inquisiti con riscontri oggettivi ma salvati dal voto garantista a senso unico dei leghisti (forcaioli con i poveracci e garantisti con gli amici degli amici dei camorristi), le regalìe scudate fatte agli evasori fiscali (peraltro giustificati moralmente dallo stesso premier), una politica per la famiglia fondata sul velinismo e sul “trovati un rampollo ricco e sistemati”, una politica economica che ci ha portati sul baratro dal quale Monti ci sta faticosamente allontanando, uno svuotamento della cultura sia formale (valore) sia sostanziale (risorse), tanto che il suo stesso ministro Bondi si era dimesso per “l’impossibilità del ministero di svolgere quell’opera di tutela e sviluppo del patrimonio culturale” a causa dei tagli tremontiani.
        Suvvia, vuol davvero avallare il tentativo elettorale di rifarsi una verginità da parte di Silvio Berlusconi ?

        • Simone scrive:

          Assolutamente no. Il punto che volevo sottolineare è che Monti non è al riparo da un giudizio su di sè solo perchè è a posto coi Sacramenti e ha una moglie sola da tanti anni. Sembra un sant’uomo, da come viene descritto anche da lei, invece a me fa venire i brividi quando parla come un automa e ridacchia sui sacrifici che un sacco di povera gente dovrà fare. Non discuto assolutamente su chi lo ha preceduto (TUTTI quelli che lo hanno preceduto dalla cosiddetta seconda repubblica in qua), solo lo ritengo pericoloso perchè è un lupo travestito da agnello. Inoltre non credo che potrà fare i danni che stava facendo Prodi sui principi cari alla Chiesa (e forse è anche per questo che ahimè gode di troppa simpatia) perchè il Parlamento (che non è cambiato, eh, è sempre quello discutibilissimo), lo silurerebbe in tre secondi.

      • Cherubino scrive:

        quanto al parere dei Vescovi sull’euro è ovvio che non si tratta di dogmi, Però è un parere autorevole perchè diversi di essi hanno competenze in materia o si avvalgono di esperti per valutare le situazioni sociali. Inoltre la loro posizione deriva da un osservatorio più informato sulla situazione reale rispetto al nostro che dipendiamo dalle agenzie e dai giornali.

        • Simone scrive:

          Sì certo, il nostro parere è quello più terra terra di chi non riesce a tirare la fine del mese a causa del valore della poca moneta che ha in tasca, non ce lo possiamo permettere, l’osservatorio.

        • Cherubino scrive:

          a dire il vero, da come parli mi sembri più un ragazzotto di buona famiglia … comunque tutti gli economisti dicono che senza l’euro staremmo molto molto peggio. E poi l’alternativa non è lira – euro, ma dollaro -euro. Vuoi andare a fare la spesa con i dollari ? Io no.

          • Simone scrive:

            Padre, di famiglia (speriamo buona in senso cristiano) … che fa fatica e la vede piuttosto nera da anni, non per l’euro in sè, ma per l’impoverimento che ne è derivato. Bastava che non ci entrassimo con quel cambio lì (piuttosto era meglio 2.000 per un euro, sarebbe stato meno difficile imbrogliare, no?), e che i parlamentari europei impedissero o almeno ostacolassero quelle regole che ci rendono importatori di prodotti che potremmo farci in casa da soli (e meglio), solo per fare due esempi. Uno degli effetti, tra l’altro, è stata giocoforza la diminuzione dell’impegno (in senso economico) nella carità. Una volta che hai tolto tutto il non indispensabile cosa puoi fare?

        • luciano27 scrive:

          commento sparitolo riscrivo egr. cherubino che autorità hanno i vescovi, per parlare di €, tanto più, che come dice lei stesso , “si avvalgono di espertipoi il compito dei vescovi è la cura, o coltura, delle anime, non degli €, infine un suggerimento.quando si è iterpellati è buona educazione rispondere,come si vuole, ma rispondere

          • Cherubino scrive:

            come ho già detto la politica monetaria non è argomento nè di fede nè di morale. Tuttavia non è corretto restringere il campo dell’interesse della Chiesa alla filosofia e alla teologia. La ripercussione sociale di un evento come l’unione europea, di cui, ricordiamolo, l’euro è uno strumento ed espressione, non è affatto ininfluente sull’assetto di un Continente che è stato la culla del cristianesimo e che è intriso di radici cristiane.
            Inoltre, la ripeercussione che l’economia ha sulla povertà, sull’assistenza, sulla morale, sui rapporti interpresonali e principalmente la famiglia, mostra con evidenza che la Chiesa non è estranea al dibattito sull’argomento economico e sulla realizzazione dell’Unione Europea.
            Che poi non vi siano preti e vescovi competenti solo un ignorante lo potrebbe pensare.
            La invito a leggere, ad esempio, su La Civiltà Cattolica del 17 dicembre scorso “La crisi finanziaria dell’Eurozona” del gesuita economista Luciano Larivera.

          • Cherubino scrive:

            ah dimenticavo: non faccia il presuntuoso, rispondo quando ritengo di farlo, e non è detto che i suoi interventi siano meritevoli di attenzione. Inoltre, essendo bersagliato di contestazioni (spesso incoerenti e illogiche), se dovessi rispondere a tutti (lo faccio nelle pause della mia attività) non avrei più tempo per altro.
            E quanto a maleducazione, voler stabilire le regole del blog e decidere al posto degli altri, lo è molto di più di una eventuale risposta.

          • luciano27 scrive:

            cherubino 12,53 la sua protervia e le sue parole si addicono al suo livello intellettivo, bravo!

          • Cherubino scrive:

            non c’è nessun mio messaggio in questo thread alle 12:53 … il che qualifica perfettamente le sue aggressioni.

  6. Reginaldus scrive:

    non riesco a far entrare un mio commento…

  7. Reginaldus scrive:

    riprovo+

    E allora bravo Monti che hai saputo “vivere un’esperienza profonda” incontrando il ‘santo padre’, soprattutto quando hai sentito il ‘santo padre’ benedirti per il lavoro “cominciato benissimo”, sì per il lavoro di torchiamento degli Italiani lavoratori e pensionati e il lavoro di aggiogamento definitivo all’Europa massonica di Comenius di Saint- Yves d’Alveydre, di Coudenove- Kalergi e all’ Europa socialista della Fabian Society che ha il suo fulcro educativo nella London School o f Economics dove altrettanto a suo agio e benedetto da compari suoi si trova lo zelante Monti, il devoto delle due sponde! — E ha la bella faccia Monti di sperare di avere rappresentato degnamento il suo paese….ma di quale paese parla, quello degli eterni pensionandi, quello dei taxisti, quello delle mini pensioni da riscotere con il marchingegno bancario??? E dice che le mani del papa sono forti… forti a reggere che, se tremano nel dubbio??? ……. E poi la chicca finale: quella del Ratzinger più scoperto pre-santo padre ( ma la cosa la ripete ancora adesso da santopadre, se anche in maniera più sfumata…): che tra credente e non credemte non c’è differenza: chi crede è uguale a chi non crede , che il credere è uguale al non-credere… la solita solfa della conciliazione dei contrari. Ma Cristo è altra cosa: quando deve operare un’azione sua divina non dice : non m’ importa quello pensi di me, se mi credi o non mi credi, ma: “Credi tu in me?” Perchè solo a chi crede in Lui, Lui dà la sua Vita… E Cristo non ha pregato per Pietro perché la sua fede non venisse meno e potesse confermare i suoi fratelli? Dove non arriva l’ efficacia della preghiera di Cristo, non può esservi papa…

  8. Reginaldus scrive:

    riprovo col commento ma niente da fare …. è il potere di Monti e di Ratzinger combinato???

  9. Reginaldus scrive:

    pregherei qualcuno che mi spiegasse perché non riesco a fare entrare il mio commento….

  10. bo.mario scrive:

    Ci sarebbe da stendere un velo sulle illazioni della visita di M. al pope. Abbiamo, a forza, messo a capo dell’esecutivo un rappresentante del poteri forti, dei burocrati che stanno portando L’Italia e l’Europa in un vicolo cieco. Che sia cattolico non credo sia un titolo di merito, sono altre le cose che valgono. Il precedente B. era inviso ai poteri forti e ha provato, inutilmente, ad eliminare i burocrati. Che il pope abbia fatto dei complimenti a M. rientra nella ipocrisia, tutta vaticana, di stare con il potere, visto mai che non mi fanno i conti in tasca. Vi ricordo che il capo dei capi della DC va a messa tutti i giorni e ha ridotto l’Italia ad uno zerbino. Ora, impoveriti gli italiani cosa otterremo? niente che non sia fautore di qualcosa di peggio dopo. Questi personaggi sono gli ultimi a cui dare fiducia, fanno solo macelleria sociale. Abbiamo una morchia impressionante che vive alle spalle di chi lavora ma il vaticano non se ne accorge. Plaude ad uno che prima ci frega poi, forse, si parla di crescita.
    Al povero Cherubino, con dispiacere, noto che finito il B. è come avessero tolto l’osso dalla bocca ad un cane, fattene una ragione e capisci che i problemi ci sono e seri e la tua strada è la peggiore per risolverli. Un saluto.

    • Anna scrive:

      Il movimento neocatecumenale è una costruzione iniziata ,se non sbaglio ,con Paolo VI e Ratzinger insieme,due elementi di origine giudaica il primo,il secondo non si sa,ma di famiglia nazista e come si sa,Paolo VI con i nazisti ci andava d’accordo,visto che ha collaborato attivamente a farli espatriare per sfuggire alla giustizia,e pure con al comunismo gli voleva bene.Ilmovimento neocatecumenale è come dicevo una costruzione portata avanti nel tempo per far collassare la religione cristiana,è una setta che ha avuto molte responsabilità nel genocidio in Ruanda. Un movimento che invece di unire per costruire un mondo migliore dove la tolleranza del diverso e l’amore del prossimo devono essere al primo posto nell’agenda dell’Uomo in quanto tale,crea divisioni e odio.Un misto di insegnamenti fatti a piccoli gruppi rigorosamente separati,dove si usano vari libri sacri dall’antico testamento,al nuovo e al talmud.ogni gruppo al il suo libro.Cosa c’entri il talmud in un movimento cristiano è un mistero ancora da spiegare,forse è per questo che non se ne parla.Viene insegnato l’odio anche verso i familiari che non vogliono aderire.Ad alcuni viene insegnato invece.:”Tu sei cristiano e per questo devi portare sulle spalle i peccati del mondo,tu sei nato per il macello”
      Ad altri gruppi invece viene insegnato che sono superiori,da quì l’accusa di molti fuoriusciti che accusano questi pseudo-cristiani di comportarsi in modo arrogante e di sentirsi superiori agli altri.Lo si vede benissmo anche dall’espressione di due suore ruandesi complici del genocidio,che in aula del processo non erano per niente pentite,erano sicure di se,di chi sa di aver fatto una cosa giusta.
      Un movimento costruito appunto per essere simile al nazismo-comunismo,forse in previsione del Nuovo Ordine Mondiale. Un misto di religione cristiana-cattolica e satanica.Appunto quel che serve al Nuovo Ordine.Moltitudini gregge da macellare obbediente e muto perchè è stato creato per questo,e una piccola minoranza di “eletti”superiori ,padroni di vita e di morte di ogni singolo uomo.
      Questo è quello che ho potuto capire io leggendo alcuni testi della catechesi di Kiko Arguello,scritto in collaborazione con Ratzinger e da questi approvato una volta papa.E non credo di essermi sbagliata.
      Saluti cordiali a tutti.

      • andrea scrive:

        Egr. dott. tornielli la prego di intervenire per le gravi diffamazioni contenute nell’incipit di quest post. grazie

      • Sal scrive:

        Facendo proprie le indicazioni di Giovanni Paolo II, alcuni appartenenti al Cammino neocatecumenale hanno acconsentito a predicare per le strade e nei quartieri di Roma, andando di porta in porta. Secondo il quotidiano La Repubblica (18 gennaio 1994), questi “loquaci rivali dei testimoni di Geova” “busseranno di porta in porta per raccontare la vita di Gesù”. Il primo gruppo di catechisti itineranti comprende solo 15 famiglie, ma il papa ha auspicato che l’iniziativa “porti ovunque abbondanti frutti”. Perché questa nuova iniziativa? Le gerarchie cattoliche si rendono conto di aver “perso la propria capacità seduttiva, d’attrazione religiosa”, dice la sociologa Maria Macioti, e il papa incoraggia questi movimenti “perché conquistano adepti, facendo leva su un forte richiamo emozionale”. Lo scrittore cattolico Sergio Quinzio aggiunge: “È come se [Giovanni Paolo II] non volesse lasciar cadere nel vuoto nessuna possibilità, nella speranza, o illusione, che tutto possa servire”. — Corriere della Sera, 18 gennaio 1994.
        Ulteriori e interessanti informazioni su Wikipedia alla voce neocatecumenali:

        “Una prima critica al Cammino venne nel 1983 dal teologo mons. Pier Carlo Landucci (1900-1986), di cui è attualmente in corso la causa di beatificazione. Scriveva Landucci, nel 1983, che nel Cammino neocatecumenale non c’era «alcuna posizione dottrinale o pratica cattolica» che non fosse «gravemente deformata. Il tutto presentato con impressionante grossolanità e confusione teologica e biblica, congiunte all’ostentato atteggiamento di acuta riscoperta e di suggestionanti prospettive di personale, elitario impegno e sacrificio».” Wikipedia

  11. ritaroma scrive:

    REGINALUS,
    forse è un commento esagerato, oppure devi cambiare i termini del discorso, forse altri aggettivi vanno meglio.
    buona giornata

  12. luciano27 scrive:

    dott. Tornielli, buona cosa sarebbe numerare progressivamete gli scritti,in modo da poterli rintracciare più facilmente. la saluto

  13. Cristiana scrive:

    @ Anna
    se hai la pazienza di andare a cercare nell’archivio del blog, troverai tanto di quel materiale
    sui catecumeni e Kiko da sfinirti, unito a centinaia e centinaia di post
    Luisa vs Cherubino e viceversa che eviscerano il problema alla radice .
    Non so gli altri, ma io non ce la posso fare :-)
    ( ovviamente con ironia )

  14. Sal scrive:

    “Certamente la fede è un valore, innanzitutto da vivere e da condividere secondo lo stile e la sensibilità propria di ciascuno, dentro un perimetro di libertà comune a tutti.” Queste le parole di Monti alla luce delle quali è utile una breve riflessione sulla crisi economica e l’ansia di prospettive per il futuro csì ampiamente amplificato dalla Tv.
    Molti commenti indicano che fra i partecipanti, è diffusa l’ansia e la preoccupazione per il futuro, per l’impoverimento di molte classi sociali:
    “scoprire che un’Europa circoscritta a banchieri e finanzieri non può andare lontano….” – Filippo
    “capisco chi mi dirà che non capisco niente e che il professore è l’uomo della provvidenza, un santo laico,” – peccatore
    “l’importanza dell’euro è stata ribadita da sempre anche dai pontefici e dai vescovi.” cherubino (troppo divertente lo svarione, il papa e i vescovi che hanno fede nell’€ invece che in Dio)
    “Monti: cosa ne abbiamo ricavato?una nazione che gradatamente è arrivata allo sfascio” -luciano 27

    Una generale diffusa preoccupazione per il futuro dell’economia e del paese. Ma non dice la Sacra Scrittura che confidando in Dio:
    “E di sicuro confiderai perché esiste speranza;
    E certamente guarderai con cura all’intorno: giacerai al sicuro.
    E in realtà ti stenderai, senza che alcuno [ti] faccia tremare.
    E molte persone ti faranno certamente sentire di umore benevolo;
    ( Gb 11.18-19)

    Non dice la Scrittura : “Onora Geova con le tue cose di valore e con le primizie di tutti i tuoi prodotti. Quindi saranno pieni di abbondanza i tuoi depositi di provviste; e i tuoi propri tini traboccheranno di vino nuovo.” ( Prov 3.9-10) oppure : “E il mio popolo deve dimorare in un pacifico luogo di dimora e in residenze piene di fiducia e in indisturbati luoghi di riposo. ( Isa 32.18); – (Ezechiele 34:25) ‘“ di sicuro farò cessare dal paese la dannosa bestia selvaggia, e realmente dimoreranno nel deserto al sicuro” – (Michea 4:4) “E realmente sederanno, ciascuno sotto la sua vite e sotto il suo fico, e non ci sarà nessuno che [li] faccia tremare; poiché la medesima bocca di Geova degli eserciti ha parlato.”

    Evidentemente se la preoccupazione è così diffusa, i casi sono due, anzi tre, o nessuno crede più alla Sacra Scrittura, oppure tutti,- dai banchieri e da quanti menzionati da Cherubino,- si considerano indegni di quelle benedizioni, sapendo che tutte le promesse scritte non si riferiscono a loro, e per terzo nessuno crede che sia Monti l’uomo dei miracoli.
    Siamo proprio in quei “tempi difficili” di cui parlava Paolo ( 2 Tim 3.1) di cui Gesù dice: “chi ha orecchio ascolti” ( Riv. 2.7; 2.11)
    “Ma sappi questo, che negli ultimi giorni ci saranno tempi difficili. Poiché gli uomini saranno amanti di se stessi, amanti del denaro, millantatori, superbi, bestemmiatori, disubbidienti ai genitori, ingrati, sleali, senza affezione naturale, non disposti a nessun accordo, calunniatori, senza padronanza di sé, fieri, senza amore per la bontà, traditori, testardi, gonfi [d’orgoglio], amanti dei piaceri anziché amanti di Dio, aventi una forma di santa devozione ma mostrandosi falsi alla sua potenza; e da questi allontànati. Poiché da questi sorgono quegli uomini che si insinuano scaltramente nelle case e conducono come prigioniere deboli donne cariche di peccati, mosse da vari desideri, che imparano sempre e non sono mai in grado di venire all’accurata conoscenza della verità. ( 2 Tim. 3.17)
    Che bella foto ! anche ogni dettaglio. E non è anonima !

  15. Anna scrive:

    Cherubino…Lei dice che la chiesa non è estranea al dibattito sull’argomento economico..

    è disposta o meno a pagere le tasse allo stato Italiano che poi le userebbe per diminuire quelle che pagano gli Italiani così che possano non vivere nella povertà???

    è disposta o no?? O le interessa di più salvare le finanze dei ricchi (compresi gli appartenenti al chiesa (istituzione)???

    Monti che è cattolico(presumo anche cristiano)ha chiesto al papa di fare la sua parte,o gli ha promesso che i loro privilegi non saranno toccati??? Il papa lo ha benedetto per questo?? E se gli chiedeva di pagare le tasse a beneficio degli Italiani che sono in difficoltà,lo avrebbe scomunicato? Per questo è andato da lui,per avere la garanzia di non finire all’inferno visto che non stà rispettando il comadamento di DIO,Non rubare??
    Con la benedizione del papa,ha la coscienza tranquilla adesso???

    • Cherubino scrive:

      se lo Stato italiano restituisce i beni ingenti sottratti con le armi …

      • Anna scrive:

        A chi ha sottratto i beni con le armi? Non cominci a dire stupidate Cherubino. Non prenda esempio da Ritaroma,tipica persona senza cervello,Visto quel che scrive sempre.
        La saluto.

        • Cherubino scrive:

          bè, lo Stato della Chiesa ne aveva di beni: non sono stati sottratti con le armi ? Una guerra di aggressione è lecita dal punto di vista del diritto internazionale ? Il bottino di guerra non mi sembra sia previsto …
          Quindi, le agevolazioni fiscali di cui gode la Chiesa sono in parte il frutto di un trattato internazionale con cui sono state sanati debiti derivanti dalla guerra di invasione subita dalla Chiesa, in parte sono comuni ad altre categorie che per la loro rilevanza sociale godono di esenzioni e agevolazioni fiscali.
          La sua è solo propaganda basata sulla “retorica del basso ventre”.

          • Anna scrive:

            Cherubino…glielò già detto una volta che lei non mi piace,non me lo faccia ridire.C’era un motivo se hanno espropriato i beni alla chiesa.Li aveva estorti alla povera gente con tasse oltre ogni misura,e pure con le guerre,non faccia finta di non sapere. Il risarcimento alle vittime delle sue guerre? E quando mai la chiesa lo ha fatto,glielo dico io,MAI.
            Guerra di invasione,e chi la avrebbe fatta,il popolo italiano?? Eh no caro mio,quella era riappropriazione dei beni estorti,anche se poi il popolo è rimasto fregato lo stesso. Come sempre.
            Prima lo impoveriscono e lo costringono alla miseria ,poi questo si arrabbia,fa la rivoluzione o guerra contro i ladri prepotenti e alla fine non solo non ha indietro niente,ma deve pure pagare i debiti della guerra fatta.E ai ladri rimane tutto e ancora di più.
            Altro che polemica da basso ventre(che non so neanche cosa vuolò dire)
            Capito mi ha???

          • Cherubino scrive:

            il popolo italiano era molto meno contento di quanto si pensa.
            Comunque il fatto di non piacerle lo prendo come un grosso complimento.

          • Cherubino scrive:

            e dopo l’unità di Italia è storicamente provato che Cavour distrusse l’economia campana che era pari a quella piemontese, se non più sviluppata.
            Si è visto come il nascente stato ha avuto cura dei “beni del popolo italiano”. Senza alcuna nostalgia, si deve dire che il meridione di Italia è stato umiliato e depresso da Cavour e Garibaldi. Il patto scellerato tra latifondisti meridionali e industriali del nord ebbe l’effetto di rendere “utile” la manovalanza dei mafiosi, il braccio violento della nobiltà per tenere sotto controllo il popolo, quello vero.

        • lauraromana scrive:

          Egregia Anna, SOLTANTO a Roma, sono stato sottratti alla Chiesa il palazzo del Quirinale, il palazzo di Montecitorio, il convento di San Silvestro (dove ora c’è la Posta); ed è soltanto l’inizio. Le par poco?
          In quanto a Monti, mai s’era visto prima che qualcuno venisse santificato saltando tutti i passaggi del processo canonico, a cominciare dal primo e fondamentale, cioè la morte, fino all’ultimo che richiede , prima della dichiarazione di santità, un nuovo ulterore miracolo.
          Monti fin qui miracoli non ne ha fatti ma solo fallimenti; a meno che non si voglia considerare miracolo la moltiplicazione prodigiosa delle sue entrate con l’acquisizione – naturalmente a spese di noi contribuenti – di un vitalizio di 30.000euri al MESE, cifra che molti di noi vorrebbero quale stipendio ANNUO per un figlio.
          …Monti “diverso”? No, senza vergogna come tutti gli altri.

          • Patrizia scrive:

            Scusi lauraromana se mi intrometto tra lei e la sempre ottima sig.Anna,ma lei dice:”Egregia Anna, SOLTANTO a Roma, sono stato sottratti alla Chiesa il palazzo del Quirinale, il palazzo di Montecitorio, il convento di San Silvestro (dove ora c’è la Posta); ed è soltanto l’inizio. Le par poco?”

            Come ha fatto la chiesa a comprare il palazzo del Quirinale,Montecitorio ecc.ecc.?
            La chiesa dei poveri,fondata da nullatenenti venuti da oltremare ad avere così tanti soldi,quando la stragrande maggioranza della popolazione italica viveva nella miseria??
            Sfruttamento dei poveri???

  16. ritaroma scrive:

    Secondo me, Monti, invece di citare la frase” chi più può, più deve e chi meno può, più riceve” del “prossimamente beato” GIUSEPPE TONIOLO, dovrebbe anche pensare e agire come lui…!
    Speriamo che la benedizione del Papa lo illumini sull’essere vero italiano e cristiano nell’infedeltà europea!

    ANNA,
    invece di seguitare a dire le solite str….. te, come ha fatto quella specie di ricerca sui neo catecumenali, faccia altrettanto per la Chiesa ….ma con obiettività, non tanto x chiacchierare e far vedere che ha una testa ed esiste!

    • Cherubino scrive:

      non le sembra che lo stipedio non misero di Presidente del Consiglio, cui Monti rinuncia ogni mese, sia una bella somma ?

      • Reginaldus scrive:

        perché non rinuncia piuttosto ai 30.000 euri mensili da senatore a vita ( da presidente non avrà vita lunga…), , piovutigli addosso per grazia napoletana???? Grande gesto davvero: rinunciare alle briciole e prendersi tutta la torta!

        • peccatore scrive:

          Advisor della GS, ex rettore della Bocconi, opinionista del Corsera, senatore a vita, ex commissario europeo, Presidente del Consiglio, qualche risparmio investito su titoli sicuri perchè lui sa come vanno… sai che sforzo rinunciare ad un piatto quando ne hai dieci dove mangiare.
          Vallo a dire a quelli che rinunciano al mezzo piatto con cui campano a 800 euro (inchino…) al mese, precari o con articolo 18, avendo un mutuo sul gobbo e l’euro, gli eurocrati da mantenere e le piramidi da alimentare …

          • Anna scrive:

            Bravo Peccatore

            Cherubino scrive:
            20 gennaio 2012 alle 00:23
            é quello che ho sempre pensato io.Ma i latifondisti del nord,non erano percaso cattolici convinti benedetti dal papa?? I Savoia erano pagani??E i Borboni che hanno sempre sfruttato il popolo che erano se non cattolici pure loro?? Che poi Cavour non ha rubato un bel niente ai meridionali,erano poveri cosa gli doveva portare via? Ha trasferito le ricchezze borboniche dal sud al nord savoiardo. Semplici beghe di famiglie invidiose,arricchitesi sfruttando i poveri e del nord e del sud.E il vaticano che prendeva con la destra i soldi che gli donavano i savoiardi e con la sinistra quelli donati dai borboni. In più impauriva il popolo con i suoi preti e monaci,li ammoniva ad essere sottomessi alle autorità divine per volere di Dio,non si sa ancora se quello con la maiuscola o minuscola.Obbedite o vi mando l’esercito dicevano i papi,e l’esercito immancabilmente veniva mandato e dai savoia e dai borboni o dai francesi o dai crucchi.
            Esattamente quello che vorrebbero fare nel prossimo futuro con l’Eurogenfer(spero di averlo scritto giusto),Comunque è tutto scritto nero su bianco nel Trattato di Lisbona,dove viene considerata lecita la pena di morte in caso di insurrezioni popolari per fame.
            Il vaticano ne sa nulla?? Eppure è prevista anche nel catechismo della chiesa cattolica la pena di morte.Non è stata affatto abolita da Paolo VI come ci hanno sempre fatto credere.

            Cherubino ho letto che è sotto l’influenza spirituale dei gesuiti .è un prete gesuita per caso??

        • Cherubino scrive:

          bè, però è il primo che lo fa. Si vede proprio che criticate solo perchè fa fare brutte figure al precedente e perchè volete affossare ancor di più l’Italia nella speranza che dalle sue ceneri venga fuori la svizzera-padana.

  17. ritaroma scrive:

    PS:
    Chi è cattolico è anche cristiano….mentre non sempre chi è cristiano è anche cattolico!”

    • Anna scrive:

      infatti Monti da perfetto cattolico,obbedisce senza pensare.
      è docile come un cadavere.Coi forti.

      Perinde ac cadaver
      Motto di un regime ecclesiastico «totalitario, poliziesco e cretino».
      (Yves Congar, teologo e cardinale)

      • Cherubino scrive:

        la sua è una citazione errata ed offensiva. Il grande cardinale domenicano Yves Congar non ha mai detto che la frase ignaziano perinde ac cadaver sia il motto di un regime “totalitario, poliziesco e cretino”. Le parole del cardinale sono solo quelle tra virgolette e non sono riferite al testo ignaziano, ma ad altro. L’accostamento è artificiale.
        Comunque, per inciso, se lei non vuole essere docile a Cristo, tramite la Chiesa, perinde ac cadaver, sarà docile ad un altro che porta ad una morte ben più orrida di quella materiale.

        • mauro scrive:

          “facciamo quanto ci sarà comandato con molta prontezza, gaudio spirituale e perseveranza, persuadendoci che tutto ciò è giusto, e rinnegando con cieca obbedienza ogni parere e giudizio personale in contrario, in tutte le cose che il superiore ordina….. Persuasi come siamo che chiunque vive sotto l’obbedienza si deve lasciar portare e reggere dalla Provvidenza, per mezzo del superiore, come se fosse un corpo morto, che si fa portare dovunque e trattare come più piace”.

          Nella Compagni di Gesu’ si faceva opera affinchè ci si autoconvincesse di essere nel giusto.
          E’ una tecnica che adotta chi intende perorare una causa falsa perchè in tal modo sa che acquista una tal sicurezza e dominio da essere ritenuto nel giusto.
          Non ci stupisce affatto che essa provenga da chi appartiene alla Chiesa, che si dice maestra di insegnamento per i popoli.

          Anche Cherubino adotta tale metodo, essendo figlio spirituale dei Gesuiti, ma le spara tanto alte che sembrano fuochi di artificio, dopo un po’ passa l’effetto sugli altri e tutto torna come è sempre stato.

          “Comunque, per inciso, se lei non vuole essere docile a Cristo, tramite la Chiesa, perinde ac cadaver, sarà docile ad un altro che porta ad una morte ben più orrida di quella materiale.”

          Le prova tutte ma commette delle ingenuità: se si deve obbedire (la docilità) come corpo morto al primo che differenza c’è con l’obbedire ad un altro che porta la morte? Un morto in ogni caso non reagisce, nemmeno ad una morte piu’ orrida di quella materiale perchè se non si vive non si percepisce alcunchè, c’è la cessazione di tutto.

          Provi a domandarsi per quale motivo nella Scheol entrano sia coloro che vi rimarranno che quelli che risorgeranno e se l’inferno è compatibile con entrambi fino al giorno del Giudizio universale in quanto dopo tale giorno chi non risorgerà rimarrà sempre nella Scheol, continuando quella cessazione della vita. Non vorrei che per l’inferno cattolico passassero anche coloro che risorgeranno.

    • Simone scrive:

      Altrimenti un certo giornale si chiamerebbe “Famiglia cattolica”.

  18. bo.mario scrive:

    Non ho idea del perchè della nascita dei neocatecumeni. So bene però a cosa servivano i gesuiti. I lavoro sporco qualcuno lo deveva pur fare. A volte non si capisce il Cherubino. Lo stato pontificio come è nato? Per merito dello spirito santo? sembri ingenuo qualche volta e non credo sia un merito. La storia è fatta di invenzioni a proprio tornaconto? letto sulle edizioni paoline? Un saluto.

  19. bruno frusca scrive:

    ” Il dubbio campo della comunicazione… ?

    Da : Il Vangelo secondo Pilato di Eric Emmanuel Schmitt:
    SCENA FINALE:

    PONZIO PILATO : Prima ero un romano che sapeva, ora sono un romano che dubita…
    CLAUDIA PROCULA : Dubitare e credere sono la stessa cosa, Pilato. Solo l’ indifferenza è atea.

    PONZIO PILATO: Io non sarò mai Cristiano, Claudia. Perchè non ho visto niente, tutto mi è sfuggito, sono arrivato troppo tardi. Se volessi credere dovrei in primo luogo credere alla testimonianza degli altri.

    CLAUDIA PROCULA:

  20. bruno frusca scrive:

    ” Il dubbio campo della comunicazione… ?

    Da : Il Vangelo secondo Pilato di Eric Emmanuel Schmitt:
    SCENA FINALE:

    PONZIO PILATO : Prima ero un romano che sapeva, ora sono un romano che dubita…
    CLAUDIA PROCULA : Dubitare e credere sono la stessa cosa, Pilato. Solo l’ indifferenza è atea.

    PONZIO PILATO: Io non sarò mai Cristiano, Claudia. Perchè non ho visto niente, tutto mi è sfuggito, sono arrivato troppo tardi. Se volessi credere dovrei in primo luogo credere alla testimonianza degli altri.

    CLAUDIA PROCULA:

  21. bruno frusca scrive:

    Riporto l’ ultima battuta…

    CLAUDIA PROCULA: Allora sei forse tu, Pilato, il primo cristiano?

  22. ritaroma scrive:

    BO MARIO,
    non facccia confusione…i neo catecumeni sono una cosa,…i neo catecumenali sono un’altra!
    buona giornata

    • bo.mario scrive:

      Ritaroma potevi spiegarlo visto che lo sai. Come quella battuta del film ” c’è una altra CIA dentro la CIA?. Ciao.

  23. Patrizia scrive:

    Facendo proprie le indicazioni di Giovanni Paolo II, alcuni appartenenti al Cammino neocatecumenale hanno acconsentito a predicare per le strade e nei quartieri di Roma, andando di porta in porta.

    Come i Testimoni di Geova.
    Fusse che fusse che il Woitila apparteneva alla stessa religione che ha dato i natali agli apparteneti alla torre di guardia?

  24. ritaroma scrive:

    BO MARIIO,
    sono due realtà ben distinte.
    I neo catecumeni sono ragazzi e adulti che hanno deciso e scelto di conoscere la religione cattolica e fare un cammino di preparazione, dopo di chè riceveranno i sacramenti dell’iniziazione cristiana ed entreranno a far parte della grande famiglia della Chiesa.

    iI neo catecumenali invece sono un gruppo nato nel 1968 (l’anno delle “rivoluzioni” studentesche, dove chi aveva un pò di vena luciferina ha approfittato del caos momentaneo…) di adulti cristiani cattolici o protestanti che hanno deciso e scelto di fare un cammino di conversione secondo i principi e le tradizioni dell’Antico Testamento….allontanandosi anche dalla tradizione Apostolica!

    PS,
    volevo farti lavorare un pò…..per questo non avevo aggiunto altro.
    come ora… se vuoi altre notizie, stai tranquillo che ne arriveranno a iosa.
    un saluto
    della Chiesa cattolica e creando quindi confusioni e dubbi….

  25. ritaroma scrive:

    è saltata la riga…. ” allontanandosi dalla tradizione Apostolica della Chiesa Cattolica, creando quindi confusioni e dubbi ai “tiepidi”….!

    • Sal scrive:

      “creando quindi confusioni e dubbi ai “tiepidi”….!” Sta mica riferendosi a quei vescovi dell’altro thread ?

  26. ritaroma scrive:

    vedo che lei è un esperto in materia!

    • Sal scrive:

      C’è una differenza tra creare dubbi e testimoniare il Vangelo. I dubbi se li fa venire da sola quando legge il vangelo e lo paragone con le cose che fa e che ha fatto o in cui crede o ha creduto fino ad allora.
      Si chiama coscienza viva.
      Non c’è nessuno che possa obbligare a fare o pensare al contrario di come vogliamo. Ma solo le persone ragionevoli sanno riconoscere la logica dei fatti e la logica degli scritti. Solo i caparbi rifiutano l’evidenza, le persone degne e leali sanno riconoscere l’errore e dire ho sbagliato di fronte all’evidenza.

      “Chiunque è orgoglioso di cuore è qualcosa di detestabile a Jhwh [Geova]. Mano può unirsi a mano, [eppure] non si è esentati dalla punizione.” ( Prov 16.5)
      “L’orgoglio è prima del crollo, e lo spirito superbo prima dell’inciampo.
      “ È meglio essere modesti di spirito con i mansueti che dividere le spoglie con chi si esalta.”
      ( Prov. 16.18-19)

      “Solo sii coraggioso e molto forte per aver cura di fare secondo tutta la legge che Mosè mio servitore ti ha comandato. Non deviare da essa né a destra né a sinistra, affinché tu agisca con saggezza dovunque tu vada. Questo libro della legge non si deve allontanare dalla tua bocca, e vi devi leggere sottovoce giorno e notte, per aver cura di fare secondo tutto ciò che c’è scritto; poiché allora avrai successo nella tua via e allora agirai con saggezza. Non ti ho io comandato? Sii coraggioso e forte. Non provare spavento e non ti atterrire, poiché Jhwh [Geova] tuo Dio è con te dovunque tu vada”. ( Gsè 1.7-9)

      “Ma, essendo atterriti e spaventati, immaginavano di vedere uno spirito. Ed egli disse loro: “Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? ( Lc. 24.36)
      “E continuate a mostrare misericordia ad alcuni che hanno dubbi; salvate[li] strappando[li] dal fuoco. “ ( Giuda 22.23)
      E’ tutto scritto, basta leggere….

  27. ritaroma scrive:

    “………… solo le persone degne e leali”……………….
    la sua presunzione è più grande di lei!
    e cià che ha scritto se lo rilegga attentamente 10 0 20 volte come quando si fanno gli esercizi di ginnastica….ne trarrà giovamento!

    • Sal scrive:

      Perchè vorrebbe estendere i benefici diessere degni e leali anche agli ipocriti ?
      Il suo senso di giustizia è deficitario. Mi spiace per lei.
      Cmq farò ginnastica ne ho bisogno ! Aumenta le endorfine e l’adrenalina.

  28. ritaroma scrive:

    perchè il giudizio finale è di Dio, e solo lui conosce il cuore degli uomini!

    • Sal scrive:

      Allora come mai i beati e i santi li fanno gli uomini ? Sarebbe allora il caso di astenersi “sempre” lasciando fare a Chi lo sa fare meglio e non si fa ingannare dalle apparenze e dalle convenienze.
      Le pare ?

  29. ritaroma scrive:

    perchè sono quelli che da Dio hanno ricevuto il mandato e l’autorità x farlo anche sostenuti dalla Sua grazia e dallo S. S.!!!!!

    • Sal scrive:

      E lei come fa a saperlo ? Perche lo dicono loro ? E che prove hanno, come lo dimostrano ? Con le crociate o con le Bibbie bruciate al collo dei i traduttori ? E come fanno ad essere sostenuti dallo Spirito se diffondono “misteri” e stranezze contrarie al Vangelo ?
      Riprova:
      Quando dunque vedrete presente nel luogo santo l’abominio della devastazione, di cui parlò il profeta Daniele – chi legge, comprenda. allora quelli che sono in Giudea fuggano sui monti,” ( Mt. 24.15 CEI 2008)

      Cos’è l’abominio della devastazione ? dovendola vedere se non sa cos’è, come farà a riconoscerlo per fuggire ai monti ?

  30. ritaroma scrive:

    Luca 4,18-19
    18″ Lo Spirito del Signore è sopra di me;
    per questo mi ha consacrato con l’unzione,
    e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio,
    per proclamare ai prigionieri la liberazione
    e ai ciechi la vista;
    per rimettere in libertà gli oppressi,
    19 e predicare un anno di grazia del Signore”

  31. Sal scrive:

    E questo che c’entra con quelli che hanno ricevuto l’autorità ?
    Comunque lei ha dimenticato una parte, non è corretto togliere dalla scrittura:

    “Lo spirito del Sovrano Signore Jhwh [Geova] è su di me, per la ragione che Jhwh [Geova] mi ha unto per annunciare la buona notizia ai mansueti. Mi ha mandato a fasciare quelli che hanno il cuore rotto, a proclamare la libertà a quelli che sono in schiavitù e la completa apertura [degli occhi] anche ai prigionieri; 2 a proclamare l’anno di buona volontà da parte di Geova e il giorno di vendetta da parte del nostro Dio; ( Isa 61.1-2)
    (Isaia 34:8) “
    Poiché Geova ha un giorno di vendetta, un anno di retribuzioni per la causa di Sion.”
    (Atti 17:31) “Poiché ha stabilito un giorno in cui si propone di giudicare la terra abitata con giustizia mediante un uomo che ha costituito, e ne ha fornito garanzia a tutti in quanto lo ha risuscitato dai morti”.”

    Cos’è questo giorno di vendetta ? o anno di retribuzione ? come lo spiega ?