Quando la religione viene sfigurata

“La religione viene sfigurata quando viene costretta a servire l’ignoranza e il pregiudizio, il disprezzo, la violenza e l’abuso. Qui non vediamo soltanto la perversione della religione, ma anche la corruzione della libertà umana, il restringersi e l’onnubilarsi della mente”. Lo ha detto stamattina il Papa prima di benedire la prima pietra al sito dell’Università cattolica del patriarcato latino di Amman.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Print
Pubblicato il da Andrea Tornielli Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

196 risposte a Quando la religione viene sfigurata

  1. JP scrive:

    Impressionanti le parole del Santo Padre.

    Comunque, da questa parte, vediamo come alcuni giornalisti continuano a leggere questo viaggio in chiave semplicemente politica.

  2. dante scrive:

    Il papa dice cose ovvie

  3. Physikelly scrive:

    Approposito di pregiudizi: su Euronews fanno vedere giordani ancora risentiti per…Ratisbona. Che esigono ‘scuse’ da Benedetto !

    Mi chiedo la realtà dive stia, al di là dei media…

  4. anniballo scrive:

    Le pregiate parole del papa sulla fede sfigurata se serve alla violenza, come tanti altri principi del cattolicesimo, non escono dall’ambito del puro enunciato. All’atto pratico (e da sempre), la religione funziona ed è adoperata quasi esclusivamente per la sua forza identificante. Da una parte, le religioni vorrebbero presentarsi come universalistiche, dall’altra servono esattamente al contrario. Nulla è potente come l’appartenenza religiosa, nulla eccita gli animi e mobilita gli eserciti più della religione. Si aggiunga che le religioni sono di fatto inconciliabili, ciascuna sostenendo una propria verità, a scapito delle altre. Finchè ci saranno religioni, ci saranno incomprensioni tra le stesse; e ,all’occorrenza, ci saranno anche guerre. Ribadisco che nessuno ammazza bene come il soldato che crede in Dio.

  5. Percival scrive:

    per Annibalo: … certo. Per esempio i soldati nazisti e bolscevichi, tutti loro “religiosi” e “cristiani”.
    E che dire de la violenza multiforme di certi atei?
    Non è la religione. È l´uomo. È la passione senza ragione e senza fede autentica. Perche c’è anche San Francesco, Madre Teresa, e moltissimi “religiosi anonimi” costruttori della pace.

  6. S.Banjine scrive:

    Non si può che essere daccordo.

  7. S.Banjine scrive:

    per anniballo. E’ vero quello che dici, la religione è spesso presa a pretesto per affermare il proprio “IO” culturale di appartenenza, per questo è fautrice di scontri e guerre. Ma se non ci fosse la religione a fare da tramite, ci sarebbe, e c’è, comunque qualche altra cosa. Quello che è vergognoso è l’utilizzo di Dio per scopi bassi e guerrafondai. Si strumentalizza Dio per servire il nostro IO ipertrofico. Noi decidiamo cosa dice Dio, cosa fa Dio, chi ama e chi no ecc….. Bello, veramente! :-(

  8. A. scrive:

    “La sinistra vuole un’italia multietnica. La nostra idea è diversa” Berlusconi, 9 maggio 2009

    Viva Berlusconi, che Dio ce lo conservi a lungo. Abbasso Fini, paradigma di tutti gli opportunisti.

  9. Americo scrive:

    Per gli illuministi la religione non era altro che ignoranza, intolleranza e superstizione, e dove sono oggi alcune sette musulmane stava la chiesa solo 240 anni fa, se datiamo dal martirio del Chevalier de la Barre. Oggi ha cambiato di mimetizzazione come un camaleonte, ma non é cambiata, basta dargli la opportunitá, vedi il caso di Ernesto Buonaiuti a meno di un secolo, e agirá come gli ebrei sempre perseguiti nel passato ma oggi spietati persecutori. Non bisogna far caso alle parole di un teologo.

  10. laurentinum scrive:

    Parole giuste

  11. laurentinum scrive:

    Preciso parole giuste quelle del Papa ,
    Ma parole storiche false quelle di Americo, perché il dibattito illuminista era un dibattito all’interno della chiesa in quanto non era un dibattito religioso vs ateo come cercano di pretendere alcuni di oggi, ma un dibattito fra credenti.
    Gli illuministi erano riformatore della chiesa e uomini di fede nella gran parte.
    La Chiesa di oggi ha pienamente per la più grande parte integrato l’illuminismo, mentre la sinistra non li ha mai integrati perché hanno sempre negato la libertà.

  12. Gladiator scrive:

    «Tovia poo-poos the Pope».
    Il titolo appare bello chiaro accanto alla foto di Benedetto XVI per lanciare il programma radiofonico sull’home-page di Arutz Sheva, l’agenzia di informazione dei coloni israeliani. Tovia è il nome di Tovia Singer, il conduttore della trasmissione Tamar & Tovia Dynamite. Ma anche il resto ha bisogno di qualche spiegazione per chi non è ferratissimo sullo slang. Il vocabolario Ragazzini – con eleganza – traduce il verbo inglese to poo-poo con “dileggiare”. Senza spiegare, però, che l’origine del termine è un pochino forte: perché il significato letterale inglese di poo-poo è esattamente lo stesso di pù-pù in italiano.
    Con questo titolo il mondo dei coloni israeliani guarda alla visita di Benedetto XVI in Israele che sta per iniziare. E basta entrare ed ascoltare i 47 minuti di Tovia Singer e Tamara Yonah per capire che quello è appena il titolo. Il Papa – chiamato «il ragazzo di Roma, l’ex giovane nazista» – viene qui da «crociato» per chiederci «di svendere parte della Terra Santa alla sua Chiesa». «Si legga il libro di Zaccaria o la Genesi, al posto di Agostino: questa terra è legata a un’Alleanza, non appartiene a Roma». «Pretende di venir qui nei nostri posti più sacri indossando la croce, senza nessun rispetto: vada a farlo alla Mecca». «Deve venire come una persona umile, non come un usurpatore». «Speriamo che quando va all’aeroporto di Roma il motore dell’aereo non parta». E poi via con tutto il libro nero sulla Chiesa e i cristiani: i crociati che quando arrivarono a Gerusalemme nel 1099 uccisero tutti gli ebrei. I bambini ebrei «rapiti dalla Chiesa anche in Italia; chissà che qualcuno di loro non diventi Papa». «C’era il cardinale Lustiger, il convertito: pensate che alcuni ebrei sarebbero persino stati fieri se fosse diventato Papa. Come siamo ridotti…». «Certo, non tutti i cattolici sono cattivi. Ma è un dato di fatto – sentenzia Tovia Singer -. Quelli che sono amici di Israele lo sono nonostante la Chiesa di Roma». «Dicono di seguire i comandamenti: il terzo dice di non adorare immagini; perché – allora – le loro Chiese sono piene di statue?». Sono solo alcune delle perle di questa trasmissione che chiunque sappia l’inglese può ascoltare a questo link.
    Stiamo parlando ovviamente di una frangia estrema della società israeliana: la maggior parte degli ebrei non la pensa come Tovia Singer. E il governo di Israele – che pure ha nella sua compagine anche deputati molto vicini ad Arutz Sheva – ha detto con chiarezza che il viaggio del Papa sarà un’occasione importante di dialogo e di pace. Detto questo, però, le voci dei fanatici anche in campo ebraico esistono. E per loro deve valere lo stesso atteggiamento che adottiamo -ad esempio – con i fondamentalisti islamici giordani secondo cui il Papa prima di arrivare ad Amman dovrebbe «scusarsi per il discorso di Ratisbona».
    Forse questa trasmissione scellerata è un’occasione per capire un po’ meglio il mondo dei coloni. Non sono quattro avventurieri un po’ naive che con la loro roulotte si piazzano in un posto e creano un insediamento. Sono gente il più delle volte nata e cresciuta negli Stati Uniti, con a disposizione mezzi di comunicazione non marginali attraverso i quali predica l’intolleranza verso tutti gli altri. E certe tesi fanno breccia. Lo stesso sito di Arutz Sheva – sempre oggi – ci informa che un non meglio precisato «Comitato per l’unità del campo nazionalista» contatterà esponenti dei partiti religiosi alla Knesset (il Parlamento israeliano) per chiedere che «il viaggio del Papa sia cancellato, dato che le sue finalità sono più politiche che personali, e per far crescere la consapevolezza sul ruolo del Vaticano nella campagna per indebolire la sovranità israeliana su Gerusalemme e sul resto della Terra Santa». Ovviamente non se ne farà nulla; però queste idee intanto in Israele circolano, seminando altro veleno in una Terra che non ne ha certo bisogno.

    di Giorgio Bernardelli
    http://www.missionline.org 06/05/2009

    I nasoni quando non sono piu perseguitati , spesso diventano subito persecutori !

  13. bo.mario scrive:

    C’è qualcuno che confonde l’illuminismo con qualcosa della chiesa, peccato. Era la verità contro i dogmi assurdi che venivano contrabbandati dalla chiesa. La presa di coscenza era che si faceva vivere la gente con l’ignoranza e alla sua gestione al limite del traffaldino. Non fate confusione dove non ce n’è di bisogno. Un saluto.

  14. Artefice1 scrive:

    Mi sembra un significato Universale, a cui nessun Individuo può sfuggire.
    Nessun Individuo resta immune, quando si manifesta.

    La Volontà non sfugge, l’ignoranza, il pregiudizio, la costrizione ecc.

    Origine della costrizione e dell’abuso sarebbe la Forza?
    Oppure la Riconoscenza?

    La Voluta Violenza origina dai significati?
    Significati immancabilmente Voluti PER Forza?

    Senza la Forza non esisterebbe Significato.
    Mentre il Sentimento sarebbe parimenti Forzato?

    Senza Riconoscenza non esisterebbe il Senso.
    Mentre l’Ispirazione sarebbe indotta Fantasia?

    Cosa manca all’Individuo Forzato PER Essere?
    Il Senso?
    Cosa manca alla Persona PER Esistere CON-Senso?
    La Relazione?

    Può Esistere Relazione priva di Senso?
    Quale aspetto determina la differenza che intercorre tra un miscuglio ed un composto?

    Tale Valenza chi la Governa?

  15. anniballo scrive:

    “Non è la religione, è l’uomo” scrive il gentile interlocutore. Certo, credo anch’io che-in assenza della religione- l’uomo troverebbe altri pretesti per scannare i suoi simili. Nondimeno, è particolarmente grave che il sacro si sia sempre rivelato il più formidabile veicolo di connotazione identitaria (e,dunque, di divisione).Dire che la colpa è dell’uomo mi pare un pò semplicistico e frettoloso; certo non chiude l’argomento e -soprattutto- non deve farci dimenticare che la religione è tutt’altro che innocente.

  16. bruno volpe scrive:

    la religione viene sfigurata anche da certi siti che si burlano dell’Ave Maria. Vi invito a leggere su http://www.pontifex.roma.it editoriale in propossito BV

  17. anniballo scrive:

    Si può ancora aggiungere una considerazione, in aggiunta. Sento ripetere assai spesso che occorre dare la colpa all’uomo per i plurisecolari misfatti basati sulla religione…Ma, se questo è vero, è vero anche che nella religione,dunque, non c’è nulla nè di nobile, nè di sacro, nè di superiore. La religione non sarebbe altro che una funzione “alta” dell’istinto di sopravvivenza e di conservazione; e ,in quanto tale, si presta perfettamente ad essere adoperata come arma di guerra. Dunque, aveva ragione Darwin.

  18. S.Banjine scrive:

    Per Gladiator, che dici, avranno letto gli interventi di Marina su questo blog?

  19. S.Banjine scrive:

    senza dimenticare sasso ed altri…..

  20. amos scrive:

    IL FUTURO DELLA CHIESA PASSA PER IL CAMMINONEOCATECUMENALE I GIOVANI CHE ACCOMPAGNANO IL PAPA SONO LA SPERANZA DELLA CHIESA.

  21. roberto scrive:

    La chiesa è una istituzione morale , il papa la rappresenta , dice cose con cui anche un miscredente senza fede come me può a volte riconoscersi, ne dice delle altre in cui sempre Io sono nettemente contrario e distante, per questo l’etica religiosa deve essere dissociata dalla LEGGE e dallo STATO, la legge e lo stato sono entità in cui tutti gli appartenenti ad una società complessa devono riconoscersi.
    Altra cosa sono i politici……specie quelli nostrani….ferventi cattolici a giorni alterni a seconda delle convenienze…..il papa dice ‘“La religione viene sfigurata quando viene costretta a servire l’ignoranza e il pregiudizio, il disprezzo, la violenza e l’abuso’…….ma come la mettiamo con la deportazione dei disperati della terra verso tripoli?……e come la mettiamo con i comportamenti non proprio cattolici di chi si dichiara paladino della chiesa ed unto del signore?
    L’IPOCRISIA E’ IL PEGGIORE MALE, LA CECITA’ NEL NON VEDERE L’IPOCRISIA E’ ANCORA PEGGIO.

  22. anniballo scrive:

    Bello il contributo di amos. Una frase lasciata cadere dall’alto, apoditticamente, che non mette e non toglie niente alla discussione.

  23. merli paolo scrive:

    questo Papa può parlare bene finchè vuole però nella Chiesa ci sono troppi tettamanzi marchetto gallo ecct. che remano contro,e mi domando come considerano l’insegnamento di Cristo proprio loro che dovrebbero essere di esempio per tutti i cristiani e invece….

  24. Yochanan scrive:

    Catalano,
    ridateci Catalano!!!!

    Shalom

  25. bruno volpe scrive:

    segnalo su http://www.pontifex.roma.it interessante opinione dello storico cardini sul viaggio del Papa Grazie bv

  26. fedenrico scrive:

    Ritratto preciso della religione islamica.

  27. Gladiator scrive:

    Scusate , ma sto cardini da che parte sta?
    Non sarà il solito ” ondivago “,una pandemia che ha preso tutti i cattolici ?
    Ammazza quando guadagna !

  28. Gladiator scrive:

    X S. Banjine

    questa marina stava su un altro forum che hanno chiuso ,almeno mi pare , stava su posizioni pannelliane , una anticlericale radical-chic .
    Si vede che si trova meglio sui forum cattolici invece che su quelli di rifognazione o e altri consimili .

  29. Gladiator scrive:

    sognor robberto ma quanda confusione mentale e contraddizione , parla per parola ,in quello che dice .

    “”il papa dice ‘“La religione viene sfigurata quando viene costretta a servire l’ignoranza e il pregiudizio, il disprezzo, la violenza e l’abuso’…….ma come la mettiamo con la deportazione dei disperati della terra verso tripoli?…”"

    Sa almeno distiguere lo stato dalla chiesa ? Pare che siamo due cose paralelle ma separate .
    Chi è stato il papa,la chiesa , a rimandare indietro i clandestini in Libia ? Lei, se fosse un giudice e dovesse giudicare un assassino , lo perdonerebbe come dice il vangelo sette volte sette ? A livello personale potrebbe perdonare un assisino di un suo familiare o altro,se è cattolico, ma mai a lvello pubblico, altrimenti lei sarebbe uno dalle bustarelle facile o un anarchico corrotto ! Lei invita il cristiano ad essere un corrotto un mafioso che perdona le malafatte a tutti in nome del vangelo, ma è mai possibile una simile abiezione morale ?

  30. anniballo scrive:

    Le parole di Ratzinger contro la violenza, l’abuso ed il disprezzo fanno una bella impressione e -naturalmente- sono del tutto condivisibili. Non è neppure giusto,però,dimenticare che per secoli limpiego della forza, se non della violenza, ha reso eccellenti servigi alla chiesa cattolica. A cominciare da quando Carlo Magno convertì i Sassoni passandoli a fil di spada, passando per la distruzione degli imperi (e degli “idoli”) precolombiani a colpi di crocifisso, fino al sangue versato dalla Lega cattolica in Europa contro i riformati. Per tacere delle stragi perpetrate contro coloro bollati come eretici (vedi gli Albigesi, per esempio), ma anche cento altri, [e per non parlare dei roghi]. Gli esempi potrebbero essere assai più numerosi. Oggi, un papa reso finalmente tollerante dai progressi della coscienza laica, condanna la violenza e l’abuso….Facile! Molto facile! Senza l’uso reiterato e vittorioso della violenza, dico io, i cattolici nel mondo sarebbero la metà della metà, non dimentichiamolo.

  31. Isa scrive:

    Il Santo Padre in questo viaggio parla spesso del rapporto esistente tra fede e ragione. vuole far intendere che la fede non è cieca ( e in certi fondamentalismi obbedienza stupida), ma è sostanzialmente legata alla ragione umana. Solo con la ragione noi possiamo arrivare alle vertità di Dio…e questa ragione accomuna tutti gli uomini: cristiani, ebrei, mussulmani ecc. da qui: la pari dignità di tutti gli uomini del mondo! e qualcuno ancora si ostina a sostenere che questo Papa sia un “discriminatore”…certo la ragione ci accomuna tutti, ma di gente che non vuol vedere solo per rimanere attaccata a stupidi pregiudizi ce n’è ancora molta!!

  32. sasso scrive:

    uno scandalo!la RAI è veramente uno scandalo,ho seguito un pezzo della diretta su RAI 1 ;non si è capita una parola del discorso del papa! ma chi ha messo quell’interprete straniero che parla malissimo l’italiano e con la voce asmatica-sembrava il raglio di un asino-Spero sia diffuso il testo ufficiale!La rai sta diventando un covo di serpi oltre che di incompetenti!
    fortunatamente poi o messo su telepace.

  33. Franco scrive:

    Gladiator, mi sa che pochi a sinistra e nella “nuova” chiesa della accoglienza senza se e senza ma, sappiano cos’è lo stato di diritto, la sicurezza nazionale, gli interessi dei cittadini… ma sappiano molto bene cosa è il businness annesso e connesso all’immigrazione

  34. Gladiator scrive:

    Franco sono gli stessi che straparlano di galileo , giordano bruno , le solite crociate e poi chiudono un occhio sulle religioni del progresso e i loro scheletri come i lagher comunisti, i ghigliottinatori e la vandea ….
    Meglio accusare un tribunale del’inquisizione che parlare dei crimini di Lenin ,l’ebreo che inventò i campi di sterminio.

  35. anniballo scrive:

    Gladiator, Lei fa assai male a denigrare “le religioni del progresso”. Non c’è nessuna remora a parlar male dei disgustosi lager comunisti, si figuri!! Ma non dimentichiamo che,se fosse stato per la chiesa cattolica (e dei suoi interdetti), oggi staremo ancora a curarci con le sanguisughe. Stia bene.

  36. Franco scrive:

    La religione cristiana cosi come è oggi è un serio pericolo per l’occidente, bisogna esserne consapevoli, 23 anni di Giovanni Paolo II sono stati devastanti, “aprite le porte all’uomo non abbiate paura” la famosa frase era rivolta all’occidente verso i potenziali 3/4 miliardi del terzo mondo, non il contrario, la società multietnica DA NOI! non disseminata nel mondo: aberrazione! totale , multietnica poi!…costituita da qualche etnia dominante, il massimo del pericolo per la nostra società, ricordiamoci che la chiesa è stata avvelenata dal concilio vaticano secondo, che non ha condannato apertamente le dottrine comuniste, ha espulso i “conservatori” che avevano ravvisato la deriva mondialista della chiesa denunciando l’intromissione di forze massoniche all’interno
    ..vedi denuncia cardinale Lefevre..

  37. Franco scrive:

    aggiungo che il messaggio cristiano se non tenuto imbrigliato nel contesto degli stati nazione ormai indeboliti è distruttivo solo per noi occidentali, messaggio utilizzato in malafede in termini assistenziali, dalle varie popolazioni mondiali ed attenzione, cristiane ma sopratutto non cristiane, non escluderei finanziamenti occulti da parte degli arabi(un mio parere), e sappiamo che la chiesa non è mai stata insensibile al ..dio denaro..senza contare che la “sua” speranza è quella di milioni di nuovi adepti..e niente di più facile se ti piovono in casa..inoltre mi fa pensare che questi obbiettivi sono guarda caso gli stessi delle banche, delle dottrine socialiste e della massoneria..

  38. Percival scrive:

    Anniballo: tu leggi solo quello che ti conferma nelle tue idee. Che senso ha giudicare l’oggi a partire sempre di quello che si faceva duecento, cinquecento, mille duecento anni fa? Su questa linea, perchè non parlare allora delle lotte “religiose” tra l’ homo sapiens sapiens e i neanderthalensis?
    Franco: hai mai letto il Concilio Vaticano II?

  39. Franco scrive:

    Percival ti rivolgo la stessa domanda, ovviamente la tua è una pretestuosa domanda, gli scritti di monsig. Lefèvre li hai letti? al limite delucidami sulle “innovazioni” del concilio

  40. Franco scrive:

    aggiungo che considero la chiesa (questa è storia) il nostro peggior ostacolo all’identità Nazionale,

  41. A. scrive:

    Spiegate a quel cazzone che si fa chiamare Franco che la frase è “Aprile le porte a Cristo…”.

  42. Franco scrive:

    A.essere abbietto ti qualifichi da solo, intolleranza strarippante da tutti i pori e che sarai mai? un cattocomunita tendente al catto con rabbia? ridicolo, datti una calmata!

  43. Franco scrive:

    A ho riletto quello che hai scritto sotto su Berlusconi e Fini e sono pienamente d’accordo a parte la chiesa che continua a svendere il popolo Italiano, vatti a guardare cosa dicono ogni giorno i “suoi” scagnozzi, cei, conferenza episcopale, ecc, tettamanzi,

  44. mauro scrive:

    Ieri mi trovavo a Gubbio in provincia di Perugia, sulla scalinata della Basilica di S.Ubaldo che sovrasta la cittadina. Ho assistito inconsapevolmente ad un pellegrinaggio di oltre 50 persone che risaliva il monte per raggiungere la basilica, condotto da un frate con tanto di microfono ed altoparlante che li incoraggiava mentre leggeva passi religiosi. La salita è molto ripida, polverosa ma lo stupore è stato vedere una quindicina di bambini in testa al gruppo, il piu’ vecchio di 10/11 anni che ansimavano e si lamentavano strascicando i piedi dalla fatica . Il primo bambino oltretutto portava anche una croce di legno alta quanto lui che teneva fra le mani tutta di traverso.
    Se sono questi gli insegnamenti che dà la Chiesa ai minori, meglio tenerli a casa e mandarli a giocare in un parco. La fortuna di certe persone è che il plagio non è piu’ un reato. Mi domando dove abbiano messo almeno il buon senso.

  45. Francesco scrive:

    Vale anche per la Chiesa Cattolica quando per suoi interessi economici o politici dimentica di essere al di sopra delle parti? Esempio 1929 Concordato sempre rifiutato con i governi liberali pre fascisti, ma non col governo fascista di Mussolini; altro esempio recente col caro Silvio che viene invitato solo a più sobrietà, nonostante il pessimo esempio che dà criticato pesantemente perfino dalla moglie.

  46. bruno volpe scrive:

    cari lettori un of record: il caro amico Barile, direttore di Petrus si candida al Consiglio Comunale di Battipaglia per l’Italia dei Valori di Di Pietro. Saluti cari bv

  47. Sal scrive:

    L’onubilarsi della mente sembra essere una caratteristica di chi dimentica che la religione NON può essere costretta al pregiudizio alla violenza e all’abuso PERCHE’ almeno il fondatore del cristianesimo non c’è stato e ha dimostrato che è meglio il silenzio piuttosto che la lamentela. E’più dignitoso ! Ma si sa che il pianto rende e che i camaleonti sanno come cambiare colore a secondo della convenienza.

  48. Sal scrive:

    Rispondendo a Isa
    “Il Santo Padre parla del rapporto esistente tra fede e ragione. vuole far intendere che la fede non è cieca.. ma è sostanzialmente legata alla ragione umana. Solo con la ragione noi possiamo arrivare alle verità di Dio…” Ecco la Verità di Dio, e sarebbe il caso che la ragione di Isa spiegasse i seguenti:
    Matteo 10.34 “Non pensate che io sia venuto a mettere pace sulla terra; non sono venuto a mettere pace, ma spada.”
    2 Tessalonicesi 1.8 “allorché recherà vendetta su quelli che non conoscono Dio e su quelli che non ubbidiscono alla buona notizia intorno al nostro Signore Gesù.”
    Ebrei 10.26 “Di quanto più severa punizione pensate che sarà ritenuto degno chi avrà calpestato il Figlio di Dio e avrà stimato come di valore comune il sangue del patto mediante il quale fu santificato, e avrà oltraggiato lo spirito dell’immeritata benignità con disprezzo?”
    Non pare che la ragione indichi un’indifferenziata ammucchita di teologi che vanno abbraccetto raccontandosi il più comodo “volemose bene” nè che ci sia spazio per compromessi. o Sbaglio ?
    Saluti

  49. bruno volpe scrive:

    signor Franco. Sono uno che guarda a Lefebvra con occhi benevoli, in parte Lei ha ragione. Ma il Papato di Giovanni Paolo II non è stato devistante, e poi Lefebvre, me lo permetta, non era cardinale. Con amicizia bv

  50. roberto scrive:

    GLADIATOR: ma ha compreso cosa ho detto?…..dalla sua polemica presumo di No…….In parole povere ho detto che Papa e chiesa cattolica possono dire e fare tutto ciò che gli pare, sta ai credenti aderire in tutto al magistero…..Io parlo dei politici IPOCRITI DI DESTRA che tanto di moda vanno tra i cattolici, quei politici che per convenienza si fanno paladini di santa romana chiesa e che per comportamenti politici e personali fanno tutta altra cosa…..dico insomma a quei politici che se vogliono fare i cattolici lo facciano sempre e non a giorni alterni a seconda della convenienza. E dico a tutti quelli che si dicono cattolici e che per esempio votano Lega Nord e gioiscono dei rimpatri forzati dei disperati della terra, di non dichiararsi più cattolici per coerenza.

    Io pur battezzato e pur avendo ricevuto una educazione cattolica, ho votato e fatto campagna referendaria per l’aborto (il divorzio no ero troppo giovane) sono a favore infine dell’eutanasia e della possibilità di scegliere come morire…..per questo non sono cattolico….per coerenza con le mie idee libertarie e socialiste.

  51. S.Banjine scrive:

    Per Gladiator. Marina non può essere nè pannelliana, nè rifondaiola, le idee che esprime lo escludono totalmente.

  52. Gladiator scrive:

    Franceschini boccia i respingimenti decisi da Prodi e Amato, follie da ”multietnicità”
    Scritto da Carlo Panella
    lunedì 11 maggio 2009

    …La sinistra italiana ha una montagna da scalare davanti a sé, prima di potere uscire dalla sua travolgente crisi: smettere di giocare con le parole e fare proprio il principio di realtà.
    Così è anche per ampi settori della Chiesa. Solo la sinistra italiana, per fare un esempio, è capace di attaccare il respingimento degli immigrati nel Canale di Sicilia verso la Libia, attribuendolo a Maroni, quando quell’operazione è stata introdotta da Giuliano Amato, ministro degli Interni del governo prodi nel 2007. Questo straparlare, questo affidarsi solo alla propaganda, ai buoni sentimenti è l’origine prima della crisi di consensi della sinistra –soprattutto nel Nord Italia- e –specularmente- dei successi della lega che sul terreno del contrasto dell’immigrazione illegale si muove con concretezza (anche eccessiva). In realtà, i temi sul tappeto sono due, uno tattico, l’altro strategico. Il primo è semplice e sarebbe comprensibile persino a Franceschini, se solo si fermasse un attimo a pensare: l’unico modo per troncare il traffico di carne umana ad opera di moderni schiavisti nel Canale di Sicilia è quello di rendere impraticabile quel tragitto. Esattamente questo è stato l’obbiettivo del governo Prodi, esattamente questo è quello che è stato fatto sia dai governi di centrosinistra che da quelli di centrodestra nei confronti degli scafisti albanesi. Franceschini non si ricorda più la tragedia del canale d’Otranto del marzo 1997, ma quel disastro umanitario avvenne proprio e solo perché il primo governo Prodi diede ordine alla nostra flotta di “respingere” le imbarcazioni che venivano dall’Albania (senza alcun rispetto per il diritto d’asilo). Chi critica la politica dei respingimenti, dunque, non fa nient’altro che favorire il permanere di questo traffico immondo. Punto.
    Più interessante ancora è il secondo aspetto del problema, quel rifiuto della multietnicità di cui ha parlato Berlusconi e che ha creato nuove onde di critiche. Anche qui la sinistra, e settori della Chiesa, giocano con le parole. E’ ovvio che nessuno, Berlusconi per primo, ma neanche i leader della Lega- è contrario al fenomeno di inserimento in un forte contesto di identità nazionale italiana di quanti immigrati regolari siano utili al nostro sistema paese. Basta pensare –per stare attaccati al principio di realtà- che le città che più si segnalano per capacità di integrare gli immigrati –anche a parere della Charitas migrantes- sono proprio la leghista Treviso e Verona. Ma la “multietnicità” avversata da Berlusconi –e Bossi- è in realtà ben altro, nel linguaggio di buona parte della sinistra e di settori della Chiesa. E’ la riproposizione di un modello americano di società, di un contesto di melting pot che di per sé, sarebbe migliore di un modello identitario italiano, in cui l’identità nazionale viene data non dall’integrazione nel modello italiano di altre etnie, ma in un paritario confrontarsi e ibridarsi di tutte le identità possibili e immaginabili. Questo, in effetti è successo negli Usa, in Canadà, in Australia e altrove. Ma in quei paesi sono stati prima sterminati gli autoctoni e poi si è costruita una popolazione composta tutta e solo da immigrati, con una supremazia degli angloglotti, ben temperata però dai germanici (i cui discendenti sono addirittura oggi più numerosi dei discendenti degli inglesi), italiani, polacchi, ecc.
    Vi è poi una sorta di multietnicità inglese, francese e olandese, ma innanzitutto è fallimentare e ampiamente in crisi –certo non un modello a cui guardare- e soprattutto è prodotta da un feroce passato imperialista che ha prodotto un insediamento multinazionale che nulla ha a che vedere con quello che si sta verificando in Italia. La nostra situazione è invece omologabile a quella della Spagna, della Svizzera e della Germania, paesi in cui gli immigrati sono stati chiamati per pure e semplici ragioni di mercato del lavoro. Paesi in cui peraltro la rotazione –chissà perché la sinistra si dimentica di questo fondamentale fenomeno che riguarda non meno del 20% degli immigrati in Italia, secondo la stessa Charitas- è fondamentale smentita del destini di integrazione che riguarderebbe tutti.
    Insomma, negare la multietnicità –se si parla sul serio- vuol dire semplicemente lavorare per un progetto di integrazione degli immigrati in un contesto identitario italiano, esattamente come fa la Lega là dove governa. Favorire la multienticità alla Livia Turco, o alla monsignor Marchetto, invece, vuol dire seguire un utopia di società che deve costruire una sua identità bilanciando le sue varie etnie. Come tutte le utopie è una prospettiva disastrosa, dannosa che per di più crea –come ha già purtroppo creato anche in Italia- reazioni xenofobe. E per di più il drammatico arretramento elettorale della sinistra al Nord.
    (L’Occidentale dell”11 maggio)

    http://www.carlopanella.it

  53. laurentinum scrive:

    “La religione viene sfigurata quando viene costretta a servire l’ignoranza e il pregiudizio, il disprezzo, la violenza e l’abuso. Qui non vediamo soltanto la perversione della religione, ma anche la corruzione della libertà umana, il restringersi e l’onnubilarsi della mente” su questa frase Voltaire ci avrebbe messo la firma, ma non gli intellettuali di sinistra, moderni grandi preti inquisitori del totalitarismo scientifico e ideologico.

    Per il problema dei barconi , il modo di salvare vità e proppio di rimandarli al mittente perché essa manda un segnale a i trafficanti di uomini che con non possono più esercitare il loro commercio tramite l’uso di questi barconi ,
    dalle difese che questi trafficanti ottengono a livello politico ne devo concludere che parecchia gente mangia su questi traffici inconfessabile.
    Meno queste carette del mare partiranno e meno morirà gente annegata nel mare, il governo con la sua politica sta salvando vità e protegge il popolo Italiano, compito di un governo democratico eletto dal popolo.
    Chi si oppone al respingimento diventa di fatto complice dei trafficanti e commette il reato di associazione mafiosa ed è corresponsabile dei futuri annegati che inevitabilmente verranno. Il vero soccorso sta proppio nell’impedire i barconi di partire. Il modo più efficace che essa avvenga è il loro ritorno sistematico che renderebbe vano nel futuro ogni traversata.
    Chi è contro il respingimento è contro la vità, respingere le barche è dunque una questione etica di difesa della vità.

  54. Marina scrive:

    Nuovo ordine mondiale

    ” ogni cultura deve essere sostituita con la “cultura” sionista, che è fatta di sesso, crimine, droga, pornografia, e amore del denaro. Una distruzione ambientale senza rimedio arriva sulla sua scia. Attraverso l’infiltrazione dei media e con una continua opera di svalutazione degli arabi costoro sono riusciti a diffondere il travisamento e idee fasulle su tutto ciò che riguarda la cultura araba. Ogni tentativo degli arabi di liberarsi dai ceppi sionisti incontrerà ogni sorta di intimidazioni e sabotaggi. Soprattutto attraverso il controllo dei media si spera di turlupinare non solo gli arabi ma, in misura persino maggiore, tutte quelle persone all’interno della cristianità che sono ancora più prigioniere del sistema degli stessi arabi. Il sionista mira al controllo totale del pianeta. Nel mondo occidentale ha già raggiunto l’obbiettivo. Droga, sesso, pornografia, corruzione e crimine avanzano vorticosamente. Un regime prossimo a quello sionista e allineato con esso è il comunismo, che è in effetti un prodotto sionista – una delle ragioni che spiegano come mai i sovietici abbiano lavorato così strenuamente per portare via la Palestina agli arabi per consegnarla al “popolo eletto”. Sia il comunismo che il capitalismo sono schierati insieme per distruggere gli arabi ed entrambi sono prodotti del sionismo.

  55. Franco scrive:

    Marina non sarei tanto d’accordo, i sionisti sono nazionalisti (nel contesto sano di nazione)poi si può parlare delle modalità della nascità di Israele, ma non tutti gli ebrei nel mondo sono sionisti,anzi, si potrebbe parlare della massoneria di origini ebraiche,e della internazionale ebraica , in quanto agli arabi(mussulmani) vogliono sicuramente prevalere su tutte le religioni: il corano non lascia dubbi, sottolinea la nullità e l’annientamento di qualsiasi situazione si opponga al verbo. la religione cristiana , la chiesa fa un grosso errore ad aprire a una situazione demograficamente e religiosamente in espansione, lo fa sia per la propria soppravvivenza sia per la cultura occidentale in genere, gli arabi hanno capito dopo secoli che bastava deporre le armi per acquisire la fiducia dell’occidente…

  56. Franco scrive:

    quella di Gladiator è un’analisi lucida e argomentata. il resto è ideologismo e malafede

  57. marina scrive:

    Vero,non tutti gli ebrei del mondo sono sionisti,però sono i sionisti che hanno in mano le redini e il comando del mondo.Loro hanno il diritto di vita e di morte dei popoli.Loro sono gli sciagurati che ci stanno facendo morire con i loro stramaledetti veleni chimici.Loro sono i responsabili della bancarotta mondiale.Loro sono i proprietari delle multinazionali farmaceutiche che hanno messo le cellule cancerogene nei vaccini che poi iniettano nei nostri bambini.
    Loro infine si sono dimenticati che il mondo non è il loro,il mondo è di tutti.Non sono il popolo eletto, si sono convinti di esserlo perche erano sotto l’effetto di allucinogeni.Sono matti e schizofrenici.

  58. Franco scrive:

    Marina ti do ragione in parte, l’internazionale ebraica è da sempre impegnata nell’economia e influenza e ha influenzato i paesi “ospitanti” ma sul sionismo non sono d’accordo, per esempio lo stato di Israele ha due veri amici e alleati : gli stati uniti e l’Italia, non molti sanno che questi due stati hanno contribuito alla sua nascita e alla sua sicurezza ;una su tutte: una targa con su scritto “il popolo di Israele alla gloriosa Xmas per l’aiuto dato”, si riferisce all’aiuto dato nel dopoguerra da componenti della X alla preparazione dei reparti speciali Israeliani, di contro gli inglesi e francesi filoarabi non lo vedono e non lo hanno mai visto di buon occhio, io dico sempre che una nazione evidente anche israeliana è sana, non lo è “l’internazionale” nascosta nelle pieghe delle altre nazioni, non lo è per i suoi scopi non chiari( e mica tanto) la massoneria…il cui scopo è chiaro : il mondialismo, e utilizza tutte le dottrine da lei create allo scopo, come quelle socialiste, e non escluderei intromissioni nella sua più acerrima nemica secolare: la chiesa, attualmente spostata nelle posizioni della stessa.

  59. laurentinum scrive:

    Marina secondo me sei affetta di paranoia acuta, non controlli più le tue passione esterni a ruota libera. Ti avevo consigliato di trasformare le tue passioni in sentimento tramite l’aiuto del pensiero creatore e infinito. Insomma ho sostenuto che la donna non era condannata a essere schiava delle sue passione e che poteva trasformarli in sentimenti, e che la distinzione di Artefice fra uomo- essere e donna- natura dunque passione mi sembrava non giusto nei confronti della donna, e proprio su di te ho voluto dimostrare a Artefice che si sbagliava, ma devo rendere atto che ha vedere la tua passionalità senza freni che forse Artefice aveva ragione.

  60. laurentinum scrive:

    La decisione dell Italia di essere o non essere un popolo multi etnico é solo decisone del popolo Italiano sovrano nel suo divenire , non possono organizzazioni sovranazionale decidere su questo al posto del popolo italiano e forzare il popolo italiano a essere multietnico contro la sua volontà.
    Le decisione del popolo italiano sovrano devono essere rispettate da organizzazione sovranazionale che fra l’altro sono composte da gente non eletti democraticamente ma grassamente pagate dalle nostre tasse esorbitante (senza contare che le tasse esorbitante frenano lo sviluppo della nostra economia).
    Se tali organizzazioni non rispettano la sovranità italiana devono chiudere le loro sede in Italia, perché la lorro condizione di permanenza in Italia deve essere il rispetto della sovranità Italiana.
    Il popolo Italiano al diritto di esistere e di non scomparire nelle sue etnicità, ha un diritto fondamentale e inalienabile nell’esistenza e di rimanere etnicamente come è.
    Per questo principio per altri drammi nella terra santa si è chiesto due stati due popoli.
    L’autodeterminazione del popolo Italiano come nazione a custode della vita e degli interessi degli Italiani è proppio questo che non va giù a certe organizzazioni sovranazionali, la riaffermazione dell’ Italia come nazione sovrana e che non è terra di conquista da predare.
    L’autodeterminazione di un popolo e il suo diritto all’esistenza come è etnicamente rimangono uno dei diritti più sacri e inviolabile perché essi sono il diritto di vità e di libertà.
    Oggi l’Italia afferma per il suo popolo questi diritti sacri in espressione della volontà del suo stesso popolo.

  61. Quixote scrive:

    La causa prima, il motore immobile non sono stati predicati da alcuno ma sono esigenze e conclusioni della razionalità umana. La percezione di un Dio creatore è quindi aperta a quanti si lascino guidare dalla pura razionalità. Cristo Gesù è venuto a dirci che il Dio creatore non è indifferente, che ci chiede di amarlo e di amarci tra noi. Sapendo di non rivolgersi ad angeli ha lasciato una diffusa esemplificazione degli errori che i suoi stessi seguaci sono stati capaci di compiere. L’errore è esecrabile, l’errante può sempre contare sulla misericordia e sul perdono, solo che dia spazio ad una sincera contrizione. I Cristiani non sono al riparo di errori, come tutti gli altri uomini. Il Cristianesimo respinge tutti i comportamenti che violino la legge dell’amore e condanna chi maliziosamente cerca di farsi scudo della religione per comportamenti che rinneghino la buona novella: “Non chi dice Signore, Signore ma chi fa la volontà del Padre mio …” sembrano parole molto chiare al proposito. La Fede poggia dunque sulla ragione che non può essere rinnegata. La Fede supera la ragione e la Rivelazione è guida alla conoscenza di briciole dell’inconoscibile. Nessuno è costretto a credere anche se tutti sono invitati a farlo. Chi non crede non merita disprezzo o inimicizia perché la Fede non è una conquista ma un dono e non è escluso che sia nella via del Signore anche chi si dice non credente. Saluti a tutti.

  62. bo.mario scrive:

    Quixote, posso fare i complimenti per un pezzo equilibrato e finalmente comprensibile. Dici delle cose vere e spero siano il viatico per una comvivenza paritetica.
    Che gli ebrei, il popolo eletto, possano fare e disfare non mi sento di appoggiarlo in pieno. Marina le intenzioni sono una cosa e la realtà è un altra. Troveranno anche loro una via come il cristianesimo. La religione non può e non deve comandare. Consigliare, nel rispetto del pensiero altrui. Qualcuno, al vaticano, l’ha capito ma i frutti si vedranno tra decenni considerando i tempi della chiesa. Quando in medio oriente ci saranno due stati anche Israele, non più minacciato, si “calmerà”. Un saluto.

  63. silvio scrive:

    OK, una religione viene sfigurata quando viene usata per
    applicare forme di aggressione ed altre schifezze di cui
    l’umanit

  64. Artefice1 scrive:

    laurentinum Scrive: May 12th, 2009 at 2:17 pm

    Caro Laurentium…………come mai dimentichi la Libertà?

    Segui forse una mappa bucata?

    L’InCONfutabile, Naturale, Propensione, Peculiare della Donna, non credo abbia una forza nell’Universo che la possa Interdire.

    La Libera Assunzione della Persona, UNICO ESSERE, vale anche PER il Maschio, Favorito proprio dalle Ragioni esposte.

    Ti Pare chiaro?

  65. Artefice1 scrive:

    Caro Quixote…………..gli ingredienti ci sarebbero tutti.

    Ma la CON-Clusione, auspicabile, viene trasformata il PER-cezione (come dire: Imposta immaginazione.)
    Naturale PER-Versione.

    Come si Sente la Volontà di Dio Padre Creatore, così come l’esempio di Gesù Cristo suggerisce?

    L’Amore del Figlio, Sprovvisto della Misericordia del Padre, ti pare possa MAI funzionare?

    Ho l’impressione che l’Amore privo della Misericordia s’Identifica e dimostra chiaramente d’Esistere (come dire FINISCE) SEMPRE PER VOGLIA.

    Figurati la SUA Pianificazione se può Essere.

    Io dico
    Ma neanche PER chi LO Subisce in proprio!

  66. roberto scrive:

    laurentinum: Il vate Berlusconi influenzato dal grande capo della tribù padana Bossi, dichiara che l’italia non sarà mai multietnica…….Vorrei far notare a questi signori ed a tutti quelli che pendono dalle loro labbra che l’italia è multietnica, che la cultura l’arte l’architettura e persino la cucina nazionale italiana trasudano di mulietnicità….Il cus cus trapanese, l’architettura arabo normanna (bel connubio tra sud e nord) la pizza napoletana e la piadina romagnola derivazioni dirette della pita mediterranea, i carciofi alla giudia, lo spek altoatesino, i croati del molise gli albanesi calabresi, i greci salentini i tedeschi piemontesi, gli austriaci dek sud tirolo, i francesi della val d’aosta, i catalani sardi, i cognomi di diretta derivazione araba che si trovano ad anzio e nettuno ed a genova……Siamo un popolo noi italiani orgogliosamente bastardo e multietnico da millenni …..In barba alle dichiarazioni di Bossi e Berlusconi……Ma questo non c’entra niente con le parole del papa cattolico, c’entra però con l’atteggiamento dei cattolici che fanno i pii seguono i precetti e poi non ci mettono nulla a mandare a quel paese il papa ed i vescovi se si discostano dalla linea stabilita dai nuovi padroni dell’italia…..Siate coerenti seguite sempre e comunque le indicazioni della Vostra chiesa….altrimenti non chiamatevi fedeli della chiesa cattolica romana.

  67. bruno volpe scrive:

    cari amici segnalo su http://www.pontifex.roma.it intervista al vescovo pieronek su giovanni paolo II BV

  68. Gladiator scrive:

    uno si chiede pure una cosa : ci deve essere qualche buon motivo per cui gli ebrei scatenarono tanto odio nei loro confronti fino ad arrivare agli anni ’40 ? Perchè la rabbia di un Hitler giunse a tal segno ? Possibile che nella nostra cultura e letteratura compare solo la leggenda della superiorità della razza ariana ? Ci saranno pure delle tracce di tale nefandezza nella cultura nazista ,ma non spiega da solo l’origine di tanto odio .
    Padre Kolbe che visse quel periodo e poi andò a finire in un campo di sterminio ,nelle sue lettere degli anni ’30 costatava come tutto era dominato a livello mondiale dalla cultura ebraica ; tutti i più potenti giornali e agenzie di stampa stavano in mano ad ebrei sia in europa e sia in america , così l’economia . Questa stampa ebraica poi era ferocemente e quotidianamente contro il cattolicesimo ed il papa. I magiapreti chi li formava a quei tempi ? Ora Padre Kolbe non era Hitler e aveva una visione meno razziale delle cose , eppure costatava questa alleanza sionista o massonca mondiale che avanzava a passi da gigante ogni giorno su tutto il globo terrestre e minacciava di distruggere la Chiesa. Ecco perchè si dedicò al campo dell’editoria. Se leggiamo la storia al di la dei fatti concreti,dove affiorano solo le passione degli uomini e le loro follie e la leggiamo con gli occhi dela fede , ci sono sacrosante spiegazioni a tanti gravi avvenimenti . Avvenimenti però che non potremo mai giustificare sul piano della ragione !

  69. Gladiator scrive:

    roberto gli italiani saranno la sintesi di molti popoli , come tu dici, ma alla fine questi sono diventati ITALIANI ,tutti si sono fusi nel popolo ITALIANO , non sono diventati entità separate, altrimenti non ci sarebbe stato il popolo ITALIANO . C’era la religione cattolica che amalgamava tutti e formava un unico popolo . Invece oggi col sicretismo in atto dappertutto, anche all’interno della Chiesa , non ci potrà mai essere un popolo italiano , specialmente se faccimo il riconoscimento di tutte le religioni e delle culture e diamo un diritto di esistenza a tutti.. Chi viene in italiana , deve diventare italiano e abbandonare la sua cultura ! Alcuni studiosi tedeschi circa 2o anni fa in germania , hanno dimostrato, per esempio , come la comunità turca formava una comunità a parte e non si integrava mai a causa della loro religione . Le altre comunità , alla seconda o alla terza generazione si integravano, ma i turchi non si inegravano mai ! Ora nella bibbia , che pure dice che bisogna compatire lo straniero, l’orfano e la vedova , dice che tutti possono far parte del popolo abraico ma a una sola condizione : debbono abbandonare le loro tradizioni e integrarsi al popolo fino in fondo ! Ma come può avvenire questo con il relativismo delle democrazie esistenti in europa ? Combattiamo il relativismo e risolveremo anche il problema degli stranieri !

  70. laurentinum scrive:

    Gladiatore ti rispondo , Hitler un totalitarista neo pagano che si credeva dio su terra, voleva distruggere l’ebraismo perché erano e sono la testimonianza viva dell’antico libro da quale viene la nuova alleanza, tuttavia come il Papa ha affermato, i nomi non possono essere cancellati.
    L’obbiettivo finale di Hitler era la cristianità perché sapeva che la sua visione dell’uomo era incompatibile con i principi del regime nazista.
    L’ altro motivo poi è la gelosia, la gelosia è sempre stato l’ingredienti dei totalitarismi in particolare quello comunista, ma i nazisti hanno saputo bene utilizzarlo.
    La gelosia ti ricordo è uno dei sette peccati capitali allora non farti trascinare da essa.
    Terzo le dittature per reggersi hanno sempre bisogno di inventarsi un nemico sule quale dirigere l’oddio.

  71. laurentinum scrive:

    Roberto che ti piace o no c’è una decisone del popolo sovrano Italiano quanto al suo divenire e in quale società, vuole vivere, devi rispettare la celta del popolo Italiano. Purtroppo la tua cultura di sinistra ti impedisce di percepire il concetto di democrazia e perciò non sei in grado di rispettare una decisone democratica del popolo sovrano sulla sua autodeterminazione, una decisone che poi salva vite impedendo gente di rischiare la pelle su barconi di ventura in alto mare ( chi sa quante persone sono morte annegate in mare e non lo sapremo mai , ma forse di questo a te come al’ ONU non importa),
    Una decisione che combatte i padrini della mafia del traffico umano, moderni trafficanti di schiavi , ecco Roberto a che punto con la tua filosofia ti sei ridotto, a difendere i negrieri. Io sono sicuro che qualcuno all’ONU e al PD o altri i soldi dei negrieri le riceve come ai tempi del programma ONU food per olio con Saddam Hussein.

  72. mauro scrive:

    Laurentium, la religione non c’entra nulla con Hitler e gli ebrei. Non so proprio come ti vengano in mente certe idee o dove vada a trovarle. Lui combatteva gli ebrei unicamente perchè erano considerati depositari, fin dall’ottocento, di un enorme potere economico (banchieri, commercianti, imprenditori) che poteva sovvertire tutto e tutti, determiando il destino di un popolo.
    Nel 1919 a Monaco un comitato rivoluzionario comunista, capeggiato da tre ebrei, cercò di instaurare un repubblica comunista in Baviera. Poichè la stessa Russia comunista era in mano a Lenin (un ebreo), Hitler, volendo difendere l’integrità della Germania, venne nella determinazione che doveva combattere gli ebrei.
    Se fossero stati mussulmani avrebbe combattuto i mussulmani, indipendentemente dalla religione.
    Tutta la trafila di questo odio l’ho già trattata nel post “Angeli e Demoni, il Vaticano non vuole fare pubblicità”.

  73. Marina scrive:

    La X Mas era fascista.Come è possibile che prima fanno le leggi razziali per eliminare gli ebrei dalla faccia della terra e poi li aiutano a fondare lo stato e diventare potenti?
    Non mi quadra.
    Idem con gli inglesi e i francesi,tutti e due sono filo israeliani.Come è possibile che siano anche filo arabi?

  74. isideo scrive:

    Lei sig Torielli visto che sa, spieghi ai bloggher come si fa a cancellare in nomi dalla storia specialmente quella del cristianesimo. Se vuole puo spiegare come i padri della chiesa hanno cancellato Giacomo il fratello di Gesù con il primo martire della cristianità Stefano. Il coraggio del Papa davanti al muro del pianto è il simbolo della più grande ipogrisia della storia, l’ho visto in difficoltà, perche?, intorno a lui c’era gente che sa come sono andate veramente le cose e anche lei lo sa…. lo dica ai suoi bloggher….e pubblichi questo commento anche se le da fastidio…la ricerca della verità non finirà mai e lei lo sa…
    isideo

  75. Franco scrive:

    Marina la realtà è diversa da quello che si pensa non valgono le ideologie ma gli equilibri geopolitici, nel dopoguerra i nostri migliori esperti di azioni militari speciali venivano da li, Ben Gurion era sicuramente uno di destra(i nazionalisti Israeliani veri), chiese a De gasperi degli esperti(consulenti) e il nostro governo sapeva a chi rivolgersi, si prepararono gli attacchi alle navi egiziane nella famosa guerra(per altro senza intervenire apertamente)L’Italia ha un interesse strategico enorme affinchè israele sia forte nell’area del mediterraneo(senza tralasciare gli interessi arabi ovvio) gli Inglesi e i francesi hanno più interessi petroliferi e hanno sempre finanziato e fornito armi agli arabi, e Israele ha la memoria lunga..

  76. Franco scrive:

    roberto prendiamo la tua affermazione di “varietà” del popolo Italiano e ok diamola per giusta: fatti un po di conti , in quanto tempo è avvenuto? vi dimenticate un piccolo particolare Il TEMPO, adesso da voi si sveglia qualcuno la mattina e dice che in 5/10 anni l’Italia DEVE diventare multietnica con chi? con l’africa?, con il bangladesh?, e via con tutti i paesi del globo terracqueo..senza che il popolo Italiano faccia obbiezioni?
    questa è fusione a freddo! di regimi totalitari partoriti da menti “illuminate” tendenti allo stalinismo.

  77. marina scrive:

    Ben Gurion era un terrorista.

  78. Franco scrive:

    marina è un po azzardata come affermazione, ognuno avrà e ha i suoi scheletri nell’armadio, io reputo terrorista il vigliacco che uccide persone inermi o si fa scudo degli stessi per fini ideologici, religiosi o altro

  79. Gladiator scrive:

    mauro a tutte le tue motivazioni bisogna aggingere quello che disse Benjamin Freedman quando, con prove alla mano ,disse che gli ebrei americani,stampa e banchieri , nel 1918 ad un certo punto decisero di cambiare fronte e far perdere la guerra alla germania che aveva quasi vinto .
    In cambio di che cosa ? Con accordi segreti con l’impero britannico e la società delle nazioni, gli ebrei americani promisero che avrebbero fatto perdere la germania in cambio della promessa di avere un pezzo di terra in israele ! Infatti dopo caporetto arrivarono anche gli amiricani da noi in italia con uomini e soprattutto con molti mezzi , cosi in francia ! La vittoria arrivò poco dopo .
    Ci pensi l’ira di Hitler e dei tedeschi sapendo di essere stati venduti per un piatto di lenticchie ?

  80. A. scrive:

    L’Opportunista ha nuovamente intenzione di promuovere la tutela legale delle unioni erotiche fra persone dello stesso sesso. Oggi ha ricevuto una delegazione delle principali sei associazioni italiane di omosessuali. E pensare che appena dieci anni or sono tuonava contro il negativo influsso sui giovani che avrebbero avuto insegnanti omosessuali.

    E’ incredibile quanto una nullità politica assoluta come lui si affanni per essere qualcuno.

  81. Marina scrive:

    Appunto,Ben Gurion è uno di quelli.Ha sempre rifiutato gli accordi di pacee e dei 2 popoli 2 stati,lui voleva solo la grande Israele e sempre secondo lui i palestinesi andavano sterminati.

  82. mauro scrive:

    Caro Gladiator, le motivazioni che aggiungi alle mie spiegano il motivo per cui gli ebrei d’America decisero di sovvertire l’andamento della IIa guerra mondiale, che in ultima analisi equivaleva a mettere fine allo sterminio degli ebrei europei,loro fratelli.
    Ed era logico che l’impero britannico e la Società delle Nazioni (oggi O.N.U.) si rivolgessero a loro perchè gli ebrei hanno sempre avuto grande potere economico in tutto il mondo, quindi capacità di finanziamento notevoli. Per un concetto transitivo, Hitler è stato sconfitto da quegli stessi ebrei che voleva sterminare anche se la storia parla di vittoria degli Alleati che altro non sono stati che il mezzo utilizzato dagli ebrei americani per sconfiggere Hitler.
    L’unico dubbio che emerge da questa improvvisa svolta interventistica degli ebrei d’America, non spontanea ma su richiesta, in una guerra che pareva già in mano ad Hitler, è capire il motivo per cui non siano intervenuti prima a favore dei propri fratelli europei.
    Che gli ebrei siano pervasi da un forte egoismo personale? O che altro?
    Se si riesce a dare una risposta, forse si capisce come l’ebreo considera il prossimo.

  83. Marina scrive:

    Laurentium lei dice che l’ebraismo è la testimonianza viva dell’antico libro ,come la mettiamo con il talmud?

    Cosa usano gli ebrei,il talmud o la bibbia?

  84. Franco scrive:

    ricordiamoci il potere dell’inghilterra, va al di la della sua apparenza ha quella sua ramificazione postcoloniale che si chiama commonwealth “benessere comune”….vera e propria “comunità politica” senza contare la borsa in europa, e la massoneria di rito scozzese la più potente

  85. Franco scrive:

    aggiungo per ricollegarmi al discorso di prima “inglesi e i francesi sono filoisraeliani” sbagliato, non bisogna guardare alle ovvie affermazioni che dei paesi occidentali fanno in quanto occidentali, non possono essere anti israele ovviamente, ma la formazione dello stato israeliano non fu visto di buon occhio dagli inglesi proprio perchè costituito in un’area critica per i loro interessi, ricordiamoci postbellici, è diverso dall’antianglofonia araba prima e durante la seconda guerra mondiale, per i francesi idem..per l’Italia il discorso era ed è diverso la costituzione di Israele pose le premesse per un controllo(baluardo, deterrente)occidentale nei riguardi di un’area mediterranea a maggioranza araba estemamente instabile e non attendibile. E questo fu prospettato dai rappresentanti Israeliani all’allora governo Italiano per aiuti logistici, nonchè di addestramento delle unità speciali. senza dimenticare che la Francia ha sempre cercato di “foraggiare” l’iraq di Saddam, per la tecnologia nucleare, impedito continuamente dai servizi Israeliani

  86. laurentinum scrive:

    Certo caro Artefice, la libertà naturalmente,
    la passione sfrenata perverte il senso della libertà, la libertà e la parità vengono con l’emancipazione della passione.

    Le passioni antisemiti come altre passioni razziali oltre di fare ribrezzo sono una perversione della religione e della libertà un obnubilamento della mente.

    Marina gli ebrei leggono sia il talmud che la bibbia chiamata la Torà, il talmud é un insieme di insegnamenti e ragionamenti scritti da vari rabbini dopo la ultima distruzione del tempio di dunque molti secoli dopo la bibbia o la Torà, molte Torà ebraiche attuale si rifanno a Bibbie cristiane del seicento quando furono pubblicate dopo l’invenzione della stampa in particolare nel nord Europa, dunque molti rabbini si sono avvalsi del lavoro filologico dei studiosi cristiani e vice versa.

    Mauro il regime nazista era sia incompatibile con la morale cristiana che la morale religiosa ebraica basata su i dieci comandamenti, per costruire un reich di mille anni Hitler doveva dunque distruggere chi avrebbe difeso il senso della dignità umana e chi si sarebbe opposto alla nuova religione della croce uncinata.
    Quanto in Russia gli ebrei furono contro lo czar dato che la sua polizia organizzava periodicamente dei pogrom contro di loro, ma il regime sovietico eredito oltre i campi zaristi, che ampliarono per rinchiudere fino al lavoro forzato e sterminatore quaranta milioni di persone sotto Stalin, ma anche l’oddio anti ebraico.
    Stalin aveva pianificato anche lui una deportazione massiva di Ebrei.
    Fra i principali moderni dissidenti del regime sovietico c’erano dei ebrei come Mitlav Rostropovitch amico personale di Solgenitsin, violoncellista grandioso che seppe meravigliosamente suonare le musiche del cristianissimo Bach ed e rimasto famoso per avere suonato al crollo del muro di Berlino brindando alla nuova Germania liberà.
    Un amicizia profonda creata durante le persecuzioni dei ani Brejnnev e la pubblicazione clandestina dell’arcipelago del Gulag, senza parlare di tanti altri attivisti Ebrei che furono condannati al Gulag.
    Perché l’ebreo credente come il cristiano si batte per la sua libertà di coscienza, che è una coscienza derivata e formata dei dieci comandamenti anche se il conflitto attuale in Israele/ Palestina ingarbuglia le carte, carte che il Papa con grandezza sta smatassando.

  87. laurentinum scrive:

    Roberto mi chiedo come fa l’alto commissariato ONU ai i rifugiati a sapere l’identità delle persone nei barconi ?
    In pocche parole le varie consorterie criminali Italiane, in particolare ma non solo la camorra napoletana, che gestiscono il traffico moderno di schiavo e di organi umani, come fanno a sapere nei campi profughi o in mezzo all’africa chi è solido per il lavoro da schiavo o no? Chi ha i buoni organi da essere espiantati ?
    Come nel XVII secolo i negrieri compravano i schiavi già selezionati da altre tribue che erano nella catena del commercio dei schiavi.
    C’è da chiedersi se l’alto commissariato dei rifugiati Onu non faccia il reclutamento per i negrieri, e decidono nei campi profughi chi deve lavorare e chi deve morire, insomma fanno il “triage” della “merce umana” selezionando la forza di lavoro in buona salute, o quelli che hanno i organi giusti da espiantare poi in Italia.
    In pocche parole l’alto commissariato a i rifugiati del ONU lavora la lavora la mano nella mano con i negrieri del crimine organizzato?
    come reclutatore selezionatore? e se bisogno fare le carte per asilo politico? E stare sicuro che la “merce umana” entra se un paese fa difficoltà? Insomma il grande protettore politico del buseness ?
    In poche parole il cosiddetto concetto multietnico sarebbe un concetto inventato dei negrieri stessi per estendere il lorro buseness?
    Come il Pd potrebbe chiamarsi? Il partito dei Negrieri ?

  88. Marina scrive:

    Il Talmud è l’opposto della “Carta dei Diritti dell’Uomo” dell’ONU,se Israele fosse uno stato democratico lo avrebbe già messo all’indice,e avrebbe già chiuso tutte le scuole talmudiche aperte sia in Israele che in Europa.Da lì escono i rabbini e i coloni intolleranti che attuano una incredibile violenza sugli abitanti palestinesi.Anche i militari dell’esercito israeliano escono dalle scuole talmudiche.

  89. Artefice1 scrive:

    Laurentium……..soffri di allucinazioni?
    Oppure saresti uni direzionabile?

    “””Certo caro Artefice, la libertà naturalmente,
    la passione sfrenata perverte il senso della libertà, la libertà e la parità vengono con l’emancipazione della passione.”””

    ——————————————-

    “natura dunque passione” ???

    Ma ti pare che questo tuo significato CON-Tenga la Libertà???

    “””la distinzione di Artefice fra uomo- essere e donna- natura dunque passione mi sembrava non giusto nei confronti della donna, e proprio su di te ho voluto dimostrare a Artefice che si sbagliava,”””

    Possedere dall’Origine l’essenziale Propensione PER l’Esistente, Natura Separata e Distinta, non significa Identificarsi, ti pare?
    Come dire che la Donna ha un compito Specifico e Peculiare, non un grossolano, scontroso, incivile mandato.

    Sarebbe appunto la Libertà l’elemento capace di trasformare l’Esistenza, (anche della donna) in Essenza Determinante.

    Altrimenti come mai è possibile CON-QUI-STARE la Persona???

    Tranquillizzati dunque, perché avrei detto che:
    Alla Donna femmina, dall’Origine appartiene il caratteristico e conosciutissimo Polo Naturale, mentre all’Uomo maschio appartiene l’Indispensabile Polo Essenziale.

    L’Individuale Libertà (che sarebbe ben altro)
    In un caso CON-Sente ad entrambi aspirare all’Eternità.
    Oppure nell’altro PER-Mette Appassionatamente e basta.

    Che la Felicità possa dipendere dal Polo Adottato ome residenza?

    Cosa Determina la Parità?

  90. Marina scrive:

    “Un ebreo può mentire e spergiurare per condannare un cristiano.
    Il nome di Dio non è profanato quando si mente ai cristiani.
    (BabaKama, 113a, 113b)”

    “Gli ebrei devono sempre cercare di imbrogliare i cristiani.
    (Zohar I 160a)”

    “Al tempo del Cholhamoed il disbrigo di ogni tipo di affare è proibito.
    Ma è permesso praticare l’usura sui Gentili,
    perchè la pratica dell’usura su un Gentile in ogni momento piace al Signore.
    (Schuican Amch, Orach Chailìi, 539)”

    I rapporti sessuali con un bambino al di sotto degli 8 anni d’età sono leciti.
    (Talmud, Sanhedrin, 69b)”

    Tutti i Gentili sono solo degli animali,
    quindi tutti i loro bambini sono bastardi.
    (Talmud, Yebamoth, 98a)”

    “E’ giusto per una bambina di tre anni avere rapporti sessuali.
    (Talmud, Abodah Zarah, 37a, Kethuboth, 11b, 39a, Sanhedrin, 55b, 69a,b, Yebamoth,
    12a, 57b, 58a, 60b).”

    “Voi israeliti siete chiamati uomini, mentre le nazioni del mondo non sono da chiamarsi uomini, ma bestiame”
    (Talmùd, trattato Baba Mezia fol. 114 col. 2)

  91. Marina scrive:

    Carta dei diritti universali dell’uomo

    Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo;

    Considerato che il disconoscimento e il disprezzo dei diritti dell’uomo hanno portato ad atti di barbarie che offendono la coscienza dell’umanità, e che l’avvento di un mondo in cui gli esseri umani godono della libertà di parola e di credo e della libertà dal timore e dal bisogno è stato proclamato come la più alta aspirazione dell’uomo;

    Considerato che è indispensabile che i diritti dell’uomo siano protetti da norme giuridiche, se si vuole evitare che l’uomo sia costretto a ricorrere, come ultima istanza, alla ribellione contro la tirannia e l’oppressione;

    Considerato che è indispensabile promuovere lo sviluppo dei rapporti amichevoli tra le Nazioni;

    Considerato che i popoli delle Nazioni Unite hanno riaffermato nello Statuto la loro fede nei diritti fondamentali dell’uomo, nella dignità e nel valore della persona umana, nell’eguaglianza dei diritti dell’uomo e della donna, ed hanno deciso di promuovere il progresso sociale e un migliore tenore di vita in una maggiore libertà;

    Considerato che gli Stati membri si sono impegnati a perseguire, in cooperazione con le Nazioni Unite, il rispetto e l’osservanza universale dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali;

    Articolo 1
    Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.

    Articolo 2
    1. Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciati nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione.
    2. Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico o internazionale del Paese o del territorio cui una persona appartiene, sia che tale Paese o territorio sia indipendente, o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi altra limitazione di sovranità.

    Articolo 3
    Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della propria persona.

    Articolo 4
    Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù; La schiavitù e la tratta degli schiavi saranno proibite sotto qualsiasi forma.

    Articolo 5
    Nessun individuo potrà essere sottoposto a trattamento o punizioni crudeli, inumani o degradanti.

    Articolo 6
    Ogni individuo ha diritto, in ogni luogo, al riconoscimento della sua personalità giuridica.

    Articolo 7
    Tutti sono eguali dinanzi alla legge e hanno diritto, senza alcuna discriminazione, ad un’eguale tutela da parte della legge. Tutti hanno diritto ad un’eguale tutela contro ogni discriminazione che violi la presente Dichiarazione come contro qualsiasi incitamento a tale discriminazione.

  92. Marina scrive:

    http://www.unicef.it/flex/files/D.91c789321639442e798b/Convenzione_1989.pdf

    Diritto alla vita ed alla salute

    Al necessario per vivere

    All’amore ed alla comprensione

    Alla conoscenza ed alla istruzione

    Alla libertà, alla dignità ed all’uguaglianza

    Diritto alla pace ed a vivere in un clima sereno

    Diritto al gioco

    A non essere trascurato o maltrattato e a non essere oggetto di mercato

    Diritto ad una vita soddisfacente anche se fisicamente o mentalmente svantaggiato

    Diritto ad un nome ed a una nazionalità

    Diritto al primo soccorso in situazioni di emergenza.
    ——————

    Articolo 19
    1. Gli Stati parti adottano ogni misura legislativa, amministrativa, sociale ed
    educativa per tutelare il fanciullo contro ogni forma di violenza, di oltraggio o di brutalità
    fisiche o mentali, di abbandono o di negligenza, di maltrattamenti o di sfruttamento,
    compresa la violenza sessuale, per tutto il tempo in cui è affidato all’uno o all’altro, o a
    entrambi, i genitori, al suo tutore legale (o tutori legali), oppure a ogni altra persona che
    abbia il suo affidamento.

  93. roberto scrive:

    Franco: le invasioni barbariche dell’impero romano dall’est sono avvenute nel giro di pochi decenni, l’invasione araba della sicilia anche, per non parlare dei normanni, degli spagnoli dei francesi , nonchè degli albanesi di calabria veri e propri profughi fuggiti davanti l’avanzata dell’impero ottomano, ed arrivati tutti insieme con un convoglio via mare attraversando le stesse acque attraversate dai loro discendenti qualche secolo dopo.
    Tutti quelli che ti ho citato sono stratificazioni di civiltà avvenute repetinamente in qualche decennio ed altrettanto repentinamente assorbite dalle genti Italiche abituate alla diversità ed all’interculturalità dall’impero romano.
    Quindi l’affermazione del sig berlusconi silvio da arcore inerente il rifiuto del multiculturalismo è una affermazione idiota (poichè non esiste nè la razza italiana , siamo un miscuglio! nè la cultura italiana siamo un miscuglio di culture che variano da nord a sud!….dal mediterraneo alla mitteleuropa) l’affermazione berlusconiana è utile solo agli ignoranti ed agli identitari che cercano un’unica identità dove non c’è.
    Questo per quello che è l’italia, poi basta guardarsi in giro ed incontrare le facce degli italiani , gli odori di cucina nei condomini, la musica nelle autoradio in colonna o nei locali notturni, i modi di pregare e di vestirsi per rendersi conto che siamo multiculturali e multirazziali come lo siamo sempre stati alla faccia dei razzisti lumbard e delle dichiarazioni berlusconiane.
    Questo è il nostro destino di terra in mezzo al mediterraneo un pò africa un pò asia ed un pò europa, e questa è e sarà la nostra forza.

  94. roberto scrive:

    laurentinum: l’alto commisariato ONU per i rifugiati, sta alle statistiche. Ovvero lo scorso anno il 75% delle persone arrivate via mare ha richiesto asilo politico (la maggior parte arriva da Nigeria, corno D’Africa e Sudan…il Darfur le dice niente?) di questo 75% il 50% ha ottenuto l’asilo politico dal governo Italiano, quindi 1 immigrato su 3 circa è una persona che fugge da persecuzioni di varia natura.
    Se la statistica non è un’opinione quindi dei 500 respinti circa 150 avrebbero potuto ottenere l’asilo politico, se solo gli avessero dato la possibilità di richiederlo…..la verità è che berlusconi silvio sta facendo campagna elettorale contro la lega nord sulle spalle dei disperati della terra .
    Per quanto riguarda Franceschini ed il Partito Democratico, stanno semplicemente marcando le distanze da questo governo di destra anteponendo l’UMANITA’ al semplice calcolo elettorale…..Di questo dò atto a Franceschini che in questo caso dimostra essere un politico coraggioso che porta avanti le sue idee anche contro il comun sentire , rischiando anche di pagare lo scotto elettorale.
    Dall’Altra parte i tedeschi della Rosa Bianca erano quattro gatti che non si piegarono alla maggioranza nazista pagando tutti con la vita.
    Caro LAURENTIUM la maggioranza non sempre ha ragione.

  95. roberto scrive:

    laurentinum: C’erano molti ebrei nei gulag durante stalin, ma durante il periodo stalinista c’erano anche molti ebrei nel politburo.
    Lo stato di Israele inoltre è nato anche con il cospicuo apporto dell’unione sovietica che in quel periodo voleva mettere piede in un medio oriente arabo filo inglese, l’unione sovietica anche attraverso il PCI armò la banda stern e l’Haganà, (si legga la storia del carro armato catturato ai tedeschi in fuga dai partigiani Italiani del triangolo Rosso e spedito clandestinamente in Palestina dagli stessi partigiani).
    Quindi Il Partito Comunista dell’Unione Sovieta non era contro gli ebrei in quanto tali , ma perseguitiva i dissidenti in quanto dissidenti………E leggetala la Storia!!!!!
    A proposito i Roshental bruciati sulla sedia dagli americani perchè comunisti erano ebrei.

  96. Artefice1 scrive:

    Marina Cara……..saresti proprio sicura che la Dignità CON-Ferita sarebbe una sola?
    Io direi che sarebbero quattro le Dignità Determinate, Oggettivamente Ordinate.

    “””Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo;”””

    Figurati MAI, quando la Libertà possa determinare la Pace.
    La Libertà Forzata non sarebbe l’Origine di ogni CON-Flitto?

    Direi che la Libertà, CON-Sentendo, può determinare Onestamente.
    L’Onestà favorisce la Giustizia.
    La CON-Sentita Giustizia PER-Mette la Pace.

    Un Bel Lavoro. Ti pare?
    Preliminare di ogni Diritto.

    Mi pare.
    Anche Giusto.

  97. S.Banjine scrive:

    “Il 14 naggio 1948 sir Alan Cunningham, rappresentante della Corona Britannica, si imbarcava ad Haifa: dopo 31 anni di mandato, gli inglesi se ne andavano. Alle due di quello stesso pomeriggio, in una sala del Museo di Tel Aviv, l’orchestra filarmonica delle città, faceva risuonare le solenni note dell’Hatikvà, che acquistava in questo modo la dignità di inno nazionale. Poi il sessantunenne Ben Gurion, proclamò, alla presenza di duecentoquaranta personalità sioniste, la – “fondazione dello Stato ebraico di Palestina, che prenderà il nome di Stato di Israele (Medinàt Israel) – ” Ben Gurion disse ancora, in un estremo tentativo di evitare la guerra: “Noi chiediamo agli abitanti arabi di Israele di mantenersi in pace e di partecipare alla costruzione dello Stato….porgiamo la mano a tutti gli Stati vicini ed ai loro popoli e chiediamo loro di stabilire legami di cooperazione e di reciproca assistenza con il popolo ebraico”. Quindi, come racconta Abba Eban, fu recitata la benedizione ebraica – Che Tu sia lodato o Signore nostro Iddio, Re dell’Universo, che ci hai mantenuti in vita e protetti e ci hai consentito di vedere questo giorno – All’Assemblea generale delle Nazioni Unite, a New York, il dottor Silver interruppe il dibattito per annunciare la costituzione dello Stato di Israele. Otto ore dopo la Dichiarazione di Indipendenza, gli eserciti arabi ne invadevano il territorio da ogni direzione: i libanesi dal nord, dal nord-est i siriani, dal centro le truppe della Transgiordania e dell’Irak, gli egiziani da sud. (tratto dal libro “Hatikvà” di Rosellina Balbi, 1983)

    Ben Gurion, a suo tempo, fece affondare la nave Arcobaleno, carica di armi destinate all’Irgun. Ben Gurion faceva parte della Haganà.

  98. S.Banjine scrive:

    Ben Gurion era socialista. Lo stato di Israele è stato fondato su ideali socialisti, il Kibbutz era/è una realtà sociale, lavorativa e comunitaria comunista. Gli stati occidentali erano più a favore deli arabi (vedere alla voce petrolio), mentre l’Unione Sovietica, per contro, intendeva mettere le mani in medio oriente tramite Israele (senza riuscirci poichè Israele non è nato per fare il lacchè di una qualsiasi super-potenza). Il PC, ai tempi, era fortemente filo-Israeliano. Poi subentrò la guerra fredda, gli schieramenti cambiarono e cambiarono le direttive da Mosca. Buona parte della sinistra odierna è rimasta fedele a quelle vecchie direttive da guerra fredda.

  99. anniballo scrive:

    Basta aprire un forum e subito ci si azzuffa tra ebrei, cristiani islamici e roba varia. Alla faccia del dialogo…La vera verità è che finchè ci saranno religioni ci saranno guerre di religione.

  100. Americo scrive:

    Secondo un illustre illuminista, il Baron d’Holbach, la teologia é l’ignoranza delle cause naturali ridotta a sistema. In conseguenza il signor Ratzinger, professionista di teologia, al eliminare la cause naturali diventa un professionista del meraviglioso, del miracoloso, del misterioso. Solamente la sua lussuosima teatralitá, cominciando dalle scarpine rosse, e il vortice di parole con cui si avvolge lo separano dallo stregone o dal sciaman.

  101. mauro scrive:

    Laurentium, Hitler non faceva distinzione di religione, se il potere economico fosse stato in mano ai mussulmani avrebbe perseguitato questi ultimi. Hitler combatteva chiunque fosse stato in grado di finanziare il sovvertimento dell’ordine dello stato tedesco ed a quell’epoca erano gli ebrei.
    Ripeto: poichè a Monaco gli ebrei capeggiarono un tentativo di instaurare una repubblica comunista perchè Lenin (ebreo e comunista) così facendo voleva impradronirsi prima della Baviera, poi di tutta la Germania per instaurare un regime comunista, Hitler decise che per evitare di cadere sotto il comunismo era necessario eliminare il motore primo, chi finanziava, vale a dire gli ebrei.
    Di qualsiasi fede fossero ad Hitler non interessava in quanto riteneva che il male fosse allora, per la Germania, cadere sotto il comunismo.

  102. Gladiator scrive:

    io sono convinto che l’unico modo di battere il comunismo non è il vangelo , perchè il comunismo non è altro che un vangelo sociale . L’unico modo per battere il comunismo è la via della legge naturale ( o rivelata), senza la quale il vangelo non potrebbe nemmeno esistere . I fascismi , i nazismi sono delle riposte sbagliate alla lotta contro il comunismo . Essi si nutrono infondo degli stessi valori : l’illuminismo ateo .

  103. Marina scrive:

    Ben Gurion era un nazifascista,chi usa la violenza e il terrore contro un popolo o è nazista o fascista o comunista.

    «Dobbiamo usare il terrore, l’assassinio, l’intimidazione, la confisca dei
    terreni e il taglio di tutti i servizi sociali per liberare la Galilea dalla
    sua popolazione araba» (David Ben-Gurion, maggio 1948, to the General Staff.
    Da «Ben-Gurion, A Biography», di y Michael Ben-Zohar, Delacorte, New York
    1978).

    «Dobbiamo espellere arabi e prendere i loro posti» -(David Ben Gurion, 1937,
    «Ben Gurion and the Palestine Arabs» Shabtai Teveth,
    Oxford University Press, 1985).

    «…Uscimmo fuori, e Ben Gurion ci accompagnò sulla porta. Allon ripetè la
    sua domanda: cosa si deve fare con la popolazione
    palestinese? Ben Gurion scosse la mano con un gesto che diceva:
    cacciarli fuori». (Yitzhak Rabin,è un passo censurato delle memorie di
    Rabin, rivelato dal New York Times, 23 ottobrer 1979)

    «I palestinesi sono bestie con due zampe» (Menachem Begin,primo ministro di
    Israele 1977-83, davanti alla Knesset, citato da Amnon
    Kapeliouk, “Begin and the Beasts”, New Statesman, June 25, 1982.)

    «I palestinesi saranno schiacciati come cavallette… le teste spaccate
    contro le rocce e i muri» ( Yitzhak Shamir, primo ministro in carica, in un
    discorso ai «coloni» ebraici, New York Times 1 aprile, 1988).

    «Israele doveva sfruttare la repressione delle dimostrazioni in Cina (nei
    giorni di Tienanmen, ndr.) quando l’attenzione del mondo era
    concentrata su quel paese, per procedere alle espulsioni di massa degli
    arabi dei territori (occupati)» (Benyamin Netanyahu, all’epoca
    vice-ministro degli esteri, già primo ministro, davanti agli studenti della
    t Bar Ilan University; citazione tratta dal giornale isrealiano
    Hotam, 24 novembre 1989).

    «Noi dichiariamo apertamente che gli arabi non hanno alcun diritto di
    abitare anche in un centimetro di Eretz Israel… Capiscono solo la
    forza. Noi useremo la forza senza limiti finchè i palestinesi non vengano
    strisciando a noi» (Rafael Eitan, capo dello stato maggiore
    di Tsahal, citato da Gad Becker in «Yedioth Ahronot», 13 aprile 1983).

    E’ dovere dei leader israeliani spiegare all’opinione pubblica, con
    chiarezza e coraggio, alcuni fatti che col tempo sono stati
    dimenticati. Il primo è: non c’è sionismo, colonizzazione o stato ebraico
    senza l’espulsione degli arabi e la confisca delle loro
    terre» (Ariel Sharon, allora ministro degli esteri, ad un discorso tenuto
    davanti ai militanti del partito di estrema destra Tsomet -
    Agence France Presse, 15 novembre 1998).

  104. Franco scrive:

    S.Banjine, anche Mussolini era socialista no? se io applico il comunismo “nazionale” cosa sono? …ergo mi spiace ma dissento, non è cosi, c’era molta differenza tra le posizioni Usa/Italiane(logistiche)attraversamento preferenziale(di ebrei) tramite l’Italia, e l’inghilterra e la Francia(ripeto filoarabe).

  105. bruno volpe scrive:

    cari amici invito a leggere su http://www.pontifex.roma.it intervista con l’epidemiologo gulisano sulla febbre suina: per lui si tratta di una colossale bufala. In bocca a lupo a Barile, direttore di Petrus candidato con L’Idv, partito di Di Pietro a Battipaglia. Un partito che ha sostenuto e sotiene le coppie gay e l’eutanasia,valori molto… cattolici bv

  106. Marina scrive:

    Per Gladiator
    il comunismo deve essere messo fuori legge.Chiunche inneggia a questa ideologia deve essere perseguito per istigazione a delinquere.

    Chi pubblicamente esalta esponenti, princìpi, fatti o metodi che hanno finalità antidemocratiche devono essere condannati apertamente e sarebbe ora che l’ONU si decidesse una volta per tutte a far applicare la sua “Carta dei diritti dell’Uomo” a tutti e senza usare le bombe per “esportare”la democrazia.
    Le bombe non fanno altro che far aumentare l’odio.
    Con i soldi spesi per le armi se ne farebbero di cose belle,basta averne la voglia.

  107. Franco scrive:

    Roberto, un’altra cosa non indifferente: i mezzi di trasporto e le distanze, oggi un “pastore della mongolia” può prendere un’aereo e in poche ore arrivare dalla sua situazione socio culturale e..sanitaria.in una metropoli europea, senza passare dai “filtri” naturali dati dai mezzi: cavalli, carri, barche a vela..e appunto distanze, teniamo presente che questi filtri naturali..smussavano per cosi dire la provenienza(si aveva il tempo per prepararsi diciamo cosi al cambiamento..)oggi possono arrivare senza “decompressione sociale e culturale” realtà abissalmente distanti, in tutto il mondo, in pochissimo tempo..con tutti i problemi che ciò comporta sia per l’autoctono e sia per l’immigrato.poi non fai un’analisi demografica e ciò permettimi banalizza la tua posizione, l’Italia ha un tessuto antropico localizzato prevalentemente all’esterno del territorio, circa 60.000.000 di persone, che facciamo vogliamo arrivare a 100.000.000/120? in cosi poco spazio? questo l’ho detto è fusione a freddo imposta dall’alto agli Italiani di staliniana memoria

  108. Franco scrive:

    Roberto poi mi spiegate come conciliate la “vostra” posizione sugli accoglimenti..e la questione del lavoro precario(lavoratori Italiani) che continuamente sollevate? a me dell’asilo politico non mi interessa se non mettiamo dei limiti credibili, i principi se parliamo da persone sane di mente si basano su aspetti pragmatici, con l’ideologia su queste questioni ci facciamo il sugo, ok?

  109. Franco scrive:

    Scusami Roberto ma che razza di politico è uno che antepone l’umanitarismo, agli interessi dei suoi elettori? ma si sono bevuti il cervello? magari si eleggeva Madre Tresa di calcutta o Padre Pio ed erano certamente più efficaci, ma stiamo scherzando? è tradimento del mandato elettorale. Non è compito di rappresentanti di destra o sinistra eletti per fare gli interessi primari di chi ha votato avere derive umnitaristiche, ma che si è eletto Ron Hubbard? questo è ecumenismo d’accatto e in malafede!

  110. mauro scrive:

    Continuazione per Laurentium. L’idea di Hitler di difendere la propria integrità territoriale, culturale, politica e sociale non è una novità se consideri che in tutti i tempi si è cercato di ottenerle. Ad iniziare dalle prime comunità dell’uomo primitivo che difendevano il proprio territorio, la propria socialità, il proprio modo di gestirsi, il proprio modo di esistere e vivere da attacchi esterni di altri esseri. Gli animali si comportano in maniera simile per quello stesso istinto di conservazione, patrimonio del mondo animale esclusivo ed originario (anche l’uomo è dello stesso genere), non certo qualcosa che si è aggiunto successivamente come una religione, frutto di un pensiero collettivo.
    D’altra parte è lo stesso concetto che in questi mesi ha portato ad una legislazione in materia di sicurezza in Italia e che stanno approvando in questi giorni.
    Hitler si comportò normalmente, seppur duramente, all’inizio favorendo l’economia del popolo tedesco tramite l’obbligo di evitare di avere contatti con gli ebrei, impedendo agli stessi di svolgere proficuamente un’attività economica. E questo comportamento è simile a quello dell’animale che difende il proprio territorio di caccia in quanto che era il singolo tedesco che con le proprie decisioni impediva all’ebreo di conquistare potere economico.
    Se decise di sterminarli fu perchè mutò il suo obbiettivo, vale a dire che passò dall’idea di difendere la Germania dal comunismo (ripeto finanziato dagli ebrei) a quella di conquistare tutta l’Europa compresa la Russia, la stessa che per tramite degli ebrei aveva cercato di instaurare un regime comunista in Germania.
    Per attuare ciò occorreva che tutti i tedeschi ritenessero che il male per il mondo intero (non per la sola Germania) fossero gli ebrei e per ottenere questo scopo cominciò a sterminarli.Da quel momento la caccia era all’ebreo, in qualsiasi parte dell’Europa fosse ma era anche l’inizio che porterà alla seconda guerra mondiale.
    Vogliamo fare anche una considerazione che ritengo importante per capire gli intendimenti della guerra che iniziò a breve. Mentre il popolo tedesco, opportunamente sobillato dal potere centrale di Hitler, combatteva per eliminare gli Ebrei andando a combattere nell’Europa, Hitler usava la caccia e lo sterminio degli Ebrei per aumentare il suo potere in Europa, per imporre la propria visione nazista.
    Vale a dire che l’Ebreo mentre prima era colui che poteva sovvertire un potere, ora era diventato un strumento di accrescimento di potere, piu’ Ebrei morivano, piu’ il suo potere aumentava in quanto conquistava piu’ territori.

    Visto che tu ne fai un problema di religione, si può dire che mentre prima la religione ebrea voleva destituirlo, ora favoriva Hitler nell’accrescimento del suo potere?
    NO perchè fu quella stessa religione ebrea, che gli avrebbe dato potere,che lo sconfisse e NO perchè furono le truppe che conquistarono territori alla ricerca di ebrei che gli diedero potere.
    Devo dire invece che con le tue affermazioni alimenti l’ennesima guerra fra religioni. Ritengo opportuno, lo dice anche il Papa, riavvicinarle e riconciliarsi.

  111. Tommaso scrive:

    O.T.: L’opera di Kiko Argüello per la famiglia riconosciuta come “honoris causa”

    Dall’Istituto Giovanni Paolo II di Roma

    ROMA, mercoledì, 13 maggio 2009 (ZENIT.org).- L’Istituto Giovanni Paolo II, con sede presso la Pontificia Università Lateranense di Roma, ha consegnato questo mercoledì a Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale insieme a Carmen Hernández e a padre Mario Pezzi, il dottorato honoris causa per la “piena valorizzazione della famiglia come soggetto ecclesiale e sociale, in piena consonanza con l’ideologia di Giovanni Paolo II”.

    Con questo riconoscimento, l’Istituto, fondato da Papa Karol Wojtyła, riconosce il contributo teologico e pastorale del Cammino Neocatecumenale nell’opera di difesa della famiglia, attaccata oggi da una cultura “antifamiliare”.

    “La nostra società sta distruggendo la famiglia – ha detto Kiko Argüello nella sua lectio doctoralis – nei tempi (ritmi di lavoro e orari scolastici), nei componenti (coppie di fatto, divorzi, ecc.), nei modi di vivere, ma soprattutto con una cultura che diventa contraria ai valori del Vangelo”.

    “Siamo convinti che la vera battaglia che la Chiesa è chiamata a sostenere nel terzo millennio, la vera sfida che deve assumere e in cui si gioca il futuro della nostra società sia la famiglia”, ha aggiunto.

    La motivazione del dottorato riconosce a Kirko Argüello e al Cammino Neocatecumenale l’opera per portare le famiglie a riscoprire il dono del Battesimo.

    Nella laudatio don José Noriega, vicepresidente dell’Istituto Giovanni Paolo II, ha spiegato che “avvicinando le persone alle acque del Battesimo ha permesso che il fiume di acqua viva che nasce da Cristo possa restituire la vita lungo le sue rive, facendo sì che le famiglie possano ricostruirsi e fiorire”.

    Tra i tre meriti principali del Cammino e del suo fondatore, Noriega ha sottolineato in primo luogo il fatto di “aver aperto un cammino di fecondità per le coppie”: “le coppie del Cammino hanno voluto vivere il loro amore con una particolare apertura alla vita, sapendosi collaboratrici di Dio nella creazione di persone”.

    Come secondo merito, ha riconosciuto il fatto di aver aperto una via per reintrodurre nella famiglia una liturgia domestica: “uno dei frutti più significativi della missione di trasmettere la fede ai figli ha trovato un ambito proprio nella testimonianza dei genitori, che aiutano i figli a comprendere la rilevanza della Parola nella propria storia concreta”.

    “In ciò si riconosce una delle ragioni principali del gran frutto delle numerose vocazioni suscitate nelle famiglie del Cammino”, ha sottolineato.

    Il terzo merito menzionato è aver stimolato la missione della famiglia: nel contesto della secolarizzazione di “grandi zone della terra in cui la fede è in pericolo di spegnersi come una fiamma che non trova più dove nutrirsi”, il Cammino Neocatecumenale ha saputo “rendere presente Dio in un modo singolare”, riferendosi in particolare “alla testimonianza delle famiglie in missione”.

    Una missione vissuta “da tutta la famiglia come tale, portando alla parrocchia e al mondo la testimonianza di ciò che è una famiglia con le sue difficoltà ma, soprattutto, con le sue grandi speranze”.

    Kirko Argüello ha spiegato dal canto suo che “il Cammino Neocatecumenale ha potuto vedere ciò che ha realizzato finora – famiglie ricostruite, numerosi figli, vocazioni alla vita contemplativa e al sacerdozio… -, ed è stato possibile solo attraverso quest’opera di ricostruzione della famiglia”.

    “Dopo più di trent’anni, uno dei frutti che consolano di più è vedere le famiglie ricostruite, che arrivano ad essere una vera ‘chiesa domestica’. Queste famiglie, aperte alla vita e quindi in genere numerose, assumono il dovere primario delle famiglie cristiane di trasmettere la fede ai propri figli”.

    “Oltre alla preghiera del mattino e della sera, alla preghiera prima dei pasti e ad altre forme di partecipazione insieme ai genitori, le Eucaristie comunitarie, la trasmissione della fede ai figli viene realizzata fondamentalmente in una celebrazione domestica che in genere si svolge nel giorno del Signore”, ha spiegato.

    “In un momento di crisi e disorientamento da parte di molti – ha detto il professor Noriega -, l’accoglienza senza riserve dell’Enciclica profetica di Paolo VI Humanae vitae da parte delle famiglie del Cammino è stata un’autentica testimonianza per tutta la Chiesa, mostrando che, al di là delle nostre paure o delle nostre difficoltà, è possibile vivere quello che la Chiesa segnala come specifico del cammino di santità della coppia se c’è una comunità viva di accompagnamento”.

    L’Istituto Giovanni Paolo II è stato voluto personalmente dal Servo di Dio da cui prende il nome con la missione di approfondire sempre più la conoscenza della verità del matrimonio e della famiglia nella Chiesa e nel mondo.

    Ha la sua sede centrale a Roma (Città del Vaticano), e sezioni a Washington (Stati Uniti), Città del Messico (Messico), Valencia (Spagna), Bahia (Brasile), Cotonou (Benin), Changanacherry (India), Melbourne (Australia) e Gaming (Austria).

  112. S.Banjine scrive:

    Per Franco. Mussolini è stato socialista, era un giornalista dell’Avanti. Poi ha “riveduto e corretto” le sue posizioni. Il nazismo era nazional-socialismo. L’URSS era l’unione delle repubbliche socialiste. Volendo mettere la parola socialismo, la si può mettere ovunque. E’ l’idea di fondo che cambia. Gli USA furono indecisi se riconoscere o no lo Stato d’Israele, poichè le compagnie petrolifere temevano il malcontento arabo. Per loro sarebbe stato più importante avere buoni rapporti con gli stati produttori di petrolio. Ma se l’URSS riconobbe Israele, gli USA non potevano fare diversamente. Che Francia e GB fossero contrarie alla nascita di Israele è vero. Gli inglesi, se ricordo bene, si astennero dalla votazione. Dei francesi non ricordo se votarono contro o si astennero pure loro.

  113. S.Banjine scrive:

    Per Anniballo, è vero la tentazione di azzuffarci è……irresistibile! Molti giornalisti titolari di blog sono disperati per questo. :-)

  114. laurentinum scrive:

    Marina ti sbagli di grosso , non dovresti proiettare questioni personali tue su un intero popolo che non ti ha fatto niente.
    Di più è abbastanza sleale buttare giù elementi del talmud fuori dell loro contesto ,a patto che siano veri elementi senza che ci siano studiosi della questione che possano ribattere.
    Io come uomo e cristiano ti posso dire che l’antisemitismo mi fa ribrezzo, l’ideologia sia nazista che comunista è incompatibile con la morale cristiana , non si puo essere cristiani e essere cato-comunisti o cato-nazisti.
    Mi sembra che il Papa, come i sui predecessori, sono stati molto chiaro su quello.
    Se c’è qualcuno che si sogna che la cristianità cambi direzione si sbaglia, perde il suo tempo.

  115. laurentinum scrive:

    Per Mauro ci sono numerose dichiarazioni di Hitler che confermano che lui era pienamente cosciente dell’incompatibilità della morale cristiana o ebraica con l’ideologia del terzo reich, e che l’Europa doveva essere scristianizzata per essere rimpiazzata con l’ideologia nazionale socialista

  116. laurentinum scrive:

    Roberto stai diventando un negazionista dell’esistenza del popolo italiano cosa vorresti fare un genocidio del popolo Italiano?

    Se le tue teorie storico politiche fossero vere Israele sarebbe una dittatura comunista, non mi pare che sia il caso.
    Ci cono stati dei ebrei comunisti, altri mafiosi, ma molto di più che non lo sono mai stati.
    ( come ci sono stati Italiani d’origine cristiana sia mafiosi che comunisti, ma non la maggioranza).
    L’ideologia comunista è totalmente incompatibile con i dieci comandamenti.

    Il fatto che ci siano numerosi persone che ricevono il diritto d’asilo dai barconi , dimostra che
    è un buseness ben oleato fra il crimine organizzato e l’alto commissariato Onu e i rifugiati
    che si occupano del reclutamento e della protezione politica dei schiavi per conto dei Negrieri.

    Potresti dirmi cosa l’alto commissariato a i rifugiati ha mai fatto contro il crimine organizzato dei trafficanti di uomini e quando? Ha mai denunciato un negriere

    Americo il tuo motto è “insulto dunque esisto” sarebbe questo la tua versione di Cartesio ?

  117. Gladiator scrive:

    X Tommaso

    “Vidi una strana chiesa che veniva costruita contro ogni regola… Non c’erano angeli a vigilare sulle operazioni di costruzione. In quella chiesa non c’era niente che venisse dall’alto… C’erano solo divisioni e caos. Si tratta probabilmente di una chiesa di umana creazione, che segue l’ultima moda, così come la nuova chiesa eterodossa di Roma, che sembra dello stesso tipo…”.

  118. Gladiator scrive:

    Post n. 1Hai scrittoil 3 febbraio 2009 alle 23.31
    Scrive la B. Emmerich il 12 settembre del 1820:

    “Vidi ancora una volta che la Chiesa di Pietro era minata da un piano elaborato dalla sètta segreta, mentre le bufere la stavano danneggiando. Ma vidi anche che l’aiuto sarebbe arrivato quando le afflizioni avrebbero raggiunto il loro culmine. Vidi di nuovo la Beata Vergine ascendere sulla Chiesa e stendere il suo manto su di essa. Vidi un Papa che era mite e al tempo stesso molto fermo… Vidi un grande rinnovamento e la Chiesa che si librava in alto nel cielo”.

    Teresa Emmerich

  119. Marina scrive:

    Laurentium,il popolo ebreo a me personalmente non ha fatto niente.Però io stò dalla parte di chi è oppresso,dalla parte di quei popoli che non hanno mai fatto del male a nessuno e che per colpa di un etnia (sionista)prepotente stà soffrendo.

    Poesia

    E’ giunto il momento che ve ne andiate
    e dimoriate dove volete, ma non tra noi.
    E’ giunto il momento che ve ne andiate
    e moriate dove volete, ma non tra noi.
    Abbiamo nella nostra terra cio’ che fare
    il passato qui è nostro
    è nostra la prima voce della vita
    nostro il presente … il presente e il futuro
    nostra, qui, la vita …e nostra la vita eterna.
    Fuori dalla nostra patria …
    dalla nostra terra … dal nostro mare
    dal nostro grano … dal nostro sale …dalla nostra ferita – Mahmud Darwish, poeta palestinese

  120. mauro scrive:

    Caro Laurentium, l’incompatibilità fra il terzo reich e la religione cristiana od ebrea non significa nulla perchè la prima è relativa allo stato tedesco (concetto laico), la seconda verso tutti quelli che le vogliono abbracciare e seguire (concetto religioso). Quasi mai vanno di pari passo in tutto il mondo, ed anche in Italia è così. Non mi risulta che chi non sia cristiano faccia la guerra ai cristiani tranne che non sia un regime comunista od uno che ad esso si ispiri. Il nazismo non lo era proprio perchè combatteva il comunismo ed aveva le proprie radici nel nazionalismo.
    L’equivoco grossolano è che Hitler perseguitava gli ebrei per raggiungere lo scopo di sconfiggere il comunismo ma è noto che gli Ebrei erano a capo del vecchio regime russo.

  121. bruno volpe scrive:

    segnalo su http://www.pontifex.roma.it intervista alla Mussolini Grazie bv

  122. raffaele savigni scrive:

    “Scusami Roberto ma che razza di politico è uno che antepone l’umanitarismo, agli interessi dei suoi elettori?”
    Io penso incece che i grandi politici mettano giustamente i grandi valori umani al di sopra degli interessi economici e dei calcoli elettorali. Il pensiero cristiano (ma non solo: vedi il caso di Antigone) ha sempre anteposwto il diritto naturale alle leggi positive fatte a tavolino dai potenti di turno per i loro interessi.
    Con buona pace delle meschinità di un Feltri che su “libero” invita a essere “cattivi”. Mi sembra il contrario del Vangelo e dei valori umani autentici.
    ASnche la chiesa si sta rendendo conto che questo governo (soprattutto in alcune sue componenti, come la Lega) non ha molto di cristiano.

  123. raffaele savigni scrive:

    Plaudo alle parole del papa, che duranmte questo viaggio si sta muovendo (mi pare) molto bene, mostrandosi capace di dialogare sia coi musulmani che con gli ebreiu.

  124. laurentinum scrive:

    Ma Marina,
    hai ascoltato la voce dei israeliani?
    ascolti solo i islamici?
    Ma un giudice non dovrebbe ascoltare
    tutte le parti prima di giudicare?
    Sarebbe questa la tua giustizia?
    Unilaterale?
    I accusati non hanno il diritto alla loro difesa?
    Tu condanni prima di giudicare?
    Ma di quale giustizia parli?
    E possibile la giustizia senza la pace?
    La pace non richiede una giustizia ambedue accettata?
    E con quel tipo di poesia che non riconosce
    all’altro il diritto di esistere come nazione
    che difendi la giustizia?
    E diffondendo oddio?
    La poesia non dovrebbe diffondere amore piutosto che oddio?
    La vera giustizia sta nell’amore o nell’odio?
    Il pregiudizio non è una perversione della religione e dunque della libertà?
    non percepisci che la vera giustizia è altra ?
    Non saresti più interessata a difendere la vera giustizia?
    Che quella auto-imposta pregiudizialmente

    Pensiero originale dell’universo
    Ma anche sentimento originale dell’universo,
    l’uomo percepisce il pensiero originale creatore
    la donna il sentimento originale creatore
    Sentimento e pensiero, insieme, permettono di sentire l’infinito.
    Giustizia fra la giustizia.

  125. roberto scrive:

    Franco: il problema non è accogliere o no i disperati della terra. Il problema è essere consepevoli che il problema esiste e che non saranno leggi dal retrogusto razzista a fermare gli sbarchi (gli americani hanno costruito un muro sul confine con il messico e l’immigrazione clandestina non si è fermata) nè dichiarazioni idiote di una persona che è stata eletta dal popolo presidente pro tempore del consiglio (non salvatore della patria) , il problema và risolto alla radice rinunciando noi occidentali ad una parte del nostro benessere pagando per esempio il giusto alle produzioni agricole del terzo mondo, ripensando radicalmente al modello di sviluppo cui siamo abituati….certo politici che applicassero tali soluzioni sarebbero realmente lungimiranti ma non durerebbero molto…..è molto meglio per i politici (e quelli di destra in questo sono campioni) cavalcare le pulsioni populiste e xenofobe nate dall’ignoranza del diverso per incassare i voti di anziani spaventati dall’odore del cumino o del Kebab o della harissa.
    I respingimenti purtroppo si devono fare come sono stati fatti anche da D’Alema , per cercare di regolare un flusso imponente, (con sommo scandalo del rigorista Berlusconi, che allora addirittura si mostrava commosso per la sorte degli albanesi dell’adriatico speronati per errore da una nostra nave da guerra) ,

    quello che non si deve fare è :

    1-Dichiarare che l’italia non sarà mai multietnica (Berlusconi)
    2- Benedire con urina di maiale lumbard i terreni destinati ad una moschea (il ministro leghista calderoli)
    3- chiedere che negli autobus cittadini devono esserci posti per i Lumbard (la giovin promessa leghista di cui non ricordo il nome)
    4- andare sui treni disifettando platealmente i posti occupati da africani. (Borghezio)
    5- propagandare la guerra di civiltà (la somma scrittrice Fallaci)
    6- dichiarare che gli extra comunitari di colore starebbero bene travestiti da coniglietti in modo da poterli cacciare (il sindaco leghista di treviso)
    Insomma quello che non si deve fare è fare propaganda politica sulla pelle dei disperati della terra, quello che non si deve fare è fare una legge che obbliga i pubblici ufficiali a denunciare chi si macchia del reato di clandestinità (mia moglie è medico, vota a destra e non denuncerà nessuno alla faccia vostra).

    Quello che non si deve fare è montare una emergenza quando la maggiore emergenza è la perdita di migliaia di posti di lavoro causati dalla crisi del capitalismo mondiale , pagata dal popolo ma non dai capitalisti.

  126. roberto scrive:

    laurentinum: Non comprendo il tuo post.
    Comunque lo stato di Israele ed il Sionismo che ne è fondamenta sono originariamente correnti del socialismo, Lo stato di Israele inoltre ha forti elementi di comunitarismo nei Kibbutz (fattorie collettive simili ai Kolkoz Sovietici).
    Non solo la rivolta del ghetto di Varsavia fù guidata da Comunisti ebrei, ed i protagonisti di quella rivolta furono poi il nerbo dell’esercito di Israele.
    Leggi la storia!

  127. laurentinum scrive:

    Mauro manchi un punto fondamentale che il terzo reich era una dittatura brutale
    Non c’era la libertà di coscienza e di pensiero e tanto meno di esprimerlo
    e c’era una sola religione imposta quella della razza ariana,
    e con il culto della personalità
    considerata necessaria dal regime
    alfine che la gente non si ribelli
    alle politiche antiumani e eugenisti senza problemi di coscienza.
    il terzo reich prevedeva il genocidio completo di tutte le popolazione est europeo per creare il “lebensraum” perché la nuova Germania Nazista doveva occupare tutto l’est fino alla Siberia
    per un nuovo impero di mille anni
    in questo piano tutte le chiese cristiane dovevano scomparire ,
    la gente dell’ovest doveva fare da schiavo per i nuovi padroni.
    O più esattamente i nuovi dei.
    I centri di resistenze in Germania furono precisamente le varie chiese.

  128. Franco scrive:

    Roberto vedi nell’elenco ti dimentichi non di rumeni impiccati ai lampioni per xenofobia, non di africani bruciati dal ku klux klan ma di tanti Italiani inermi massacrati a casa loro dalla furia animale di clandestini e no rumeni da stupri vili di matrice africorumeno di agressioni continue e vigliacche proprio verso i piu inermi mi fa specie che parli della questione dei pulman. Le dinamiche sociali non hanno colore e la sinistra dimostra di non aver capito nulla

  129. laurentinum scrive:

    Ma Roberto io non ho negato alcune componente socialiste dello Stato d’Israel , ma non c’è solo quello e non si è retto su quello ma il capitalismo occidentale, del resto basta vedere i vari risultati elettorali, e di certo il governo attuale non è un governo di sinistra.

    Le tue diatribe anticapitaliste sulla crisi attuale sono tutte tue, perché dimentichi che c’era alla base un sacco di gente che si è messa a indebitarsi e comprare più di quello che poteva e si è comprato case che non poteva pagare, mi pare che questi consumatori imprudenti avranno anche loro una responsabilità, le banche non hanno fatto altro che prestare sotto pressione della politica in particolari dai democratici U.S., minacciando di proseguirli per discriminazione con una legge ad hoc sui i prestiti che insomma obbligava di prestare a tutti, il tutto per torna conto elettorale.

    La sinistra Italiana vuole aprire le porte per un lurido torna conto elettorale altro che Antigono , avendo visto che il popolo italiano non è di sinistra vanno a caccia di nuovi elettori faccendone venire con i barconi , perché la sinistra non solo vuole fare entrare nuova gente a piena mancia ma vuole anche darli il diritto di voto sperando poi di intascare il voto, dunque la sinistra fa una lurida speculazione elettorale sulla pelle dei italiani il tutto in combutta con il crimine organizzato i lori grandi elettori a Napoli.
    Di più con un enorme massa di musulmani la sinistra spera di distruggere il carattere prelevamento cristiano della popolazione Italiana , dunque la sinistra ha intenzioni culturali genocidi nei confronti del popolo Italiano originale che spera di vedere scomparire reo di non essere comunista.
    Nello stesso modo i palestinesi hanno tentato di giocare la demografia per fare scomparire i Israeliani. Percio Arafat rifiuto di firmare la pace proposta nel 2000, proppio su questa questione perché lui chiedeva che i palestinesi ritornasse in massa in Israele per cambiare la demografia, cioè che avrebbe distrutto il carattere ebraico dello stato di Israele per farne un paese a maggioranza musulmana, condizione che Israel non poteva accettare dato che sarebbe stata la sua distruzione.
    In italia la sinistra spera di fare come Arafat ossia rendere il popolo originale Italiano demograficamente una minoranza, per poi andare al potere con i nuovi arrivanti.
    Il concetto di società multietnica è basato sulla distruzione del popolo originale.
    Il popolo originale Italiano mi sembra ha deciso di non fare la fine del popolo originale hawaiano, ossia scomparire della storia per essere rilegato in qualche riserve.

  130. Franco scrive:

    Raffaele in linea di principio noi votiamo schieramenti,che al loro interno comprendono gia quegli aspetti morali e umanitari condivisi dalla societa’ democratica.
    I politici devono far funzionare la macchina..e lealmente fare gli interessi della nazione e degli elettori, esempio se io sono un appassionato di farfalle non e’ che se vengo eletto mi faro’ paladino delle farfalle perche’ adesso posso farlo, ed e’ giusto secondo me. Non e’ cosi ho un mandato dei miei elettori ai quale del pur nobile problema delle farfalle non interessa nulla, ma sfangare fino alla fine del mese..ecco molto spesso i politici di sinistra mi sembrano degli appassionati di farfalle…

  131. fedenrico scrive:

    Marina, quel Mahmud Darwish da te evocato è sicuramente ebreo.

  132. Silvano scrive:

    L’ecumenismo peloso di tal r. savigni è altrettanto meschino ….

  133. Marina scrive:

    Theodor Herzl, il padre fondatore dell’ideologia sionista, cominciò dal 1895 a tenere un diario dedicato esclusivamente ad annotare gli avanzamenti della «causa ebraica». Il 12 giugno di quell’anno, egli delineava già il programma completo di rimozione delle popolazioni non-ebraiche dal futuro Stato sionista, attraverso l’esproprio dei terreni.

    Non si fonda uno stato eliminando la popolazione esistente.

  134. Marina scrive:

    Quanto agli altri, «proveremo a far sparire la popolazione senza mezzi oltre confine procurando loro impiego nei Paesi di transito e allo stesso tempo negando loro ogni occasione di lavoro nel nostro Paese».

    Dunque già nel 1895 Herzl progettava di costringere i palestinesi poveri all’esodo «volontario», negando loro i mezzi di sussistenza nel Paese. Anche la strategia dell’acquisto segreto di proprietà immobiliari è poi stata sempre applicata, e continua ad essere applicata ancor oggi per occupare le case palestinesi nella vecchia Gerusalemme.

    Lo Stato ebraico vieta ai proprietari di restaurare quelle case, cadenti e bisognose di manutenzione; negli anni recenti in cui Arafat aveva per contro vietato ai palestinesi di vendere le loro case ad israeliani, l’ostacolo era aggirato da «compagnie» estere, spesso con denominazione cristiana, che si offrivano di acquistare gli immobili in rovina e non riadattabili, spesso per un prezzo superiore al loro valore. Risultava poi che queste compagnie fantomatiche erano di «agenti segreti» della lobby.

    Questo è razzismo allo stato puro,dite quel che volete ,ma è Razzismo.

  135. Franco scrive:

    Marina non ho una particolare simpatia per gli ebrei, ma ricordo che l’atteggiamento arabo alla causa palestinese è strumentale, alla giustificazione dell’espansionismo coranico, se non è il problema palestinese, ci sono le crociate..se lo ricordi, per quanto riguarda i palestinesi hanno patito di più con i giordani, scacciati anche da li, ma solo perchè arabi la questione si è persa nell’oblio, ricordiamo che gli israeliani seppero poi utilizzare al meglio le risorse di una terra che è quella che è e le mire degli autoctoni si sono acutizzate vedendo questa valorizzazione..la malafede è anche dall’altra parte..

  136. Oscar scrive:

    Saliéndonos del tema, les notificamos que existe un reciente tutorial-video con la explicación completa de cómo celebrar la Santa Misa tradicional católica.

    Está excelente. Muy útil para sacerdotes que deseen aprender a oficiarla, así como acólitos y laicos que deseen profundizar en la liturgia.Favor de ver en:

    http://catolicidad-catolicidad.blogspot.com/2009/05/como-celebrar-la-misa-catolica.html

  137. mauro scrive:

    Laurentium, tu continui a proporre guerre di religione quando manca la controparte. Il nazismo non era una religione perchè non aveva un dio o dei che lo proteggevano e lo scopo che si prefiggeva era laico, vale a dire sconfiggere il comunismo.
    Il simbolo della croce uncinata (avrebbe dovuto rappresentare il cammino del sole ma era errato perchè in realtà è rovesciato) e il culto della personalità che aveva Hitler non lo fanno assurgere a protettore, semmai a condottiero, guida in quanto ben vivo e presente e propugnatore in prima persona di un’idea.
    Se quegli imbecilli degli ebrei, perchè bisogna chiamarli con il loro nome, fossero stati al loro posto non intervenendo in Germania per instaurare un regime comunista, oggi non si parlerebbe di genocidio degli ebrei e neppure si parlerebbe di quella pseudocultura ottocentesca che attribuiva agli ebrei la volontà e la capacità di impossessarsi di tutto il mondo per il tramite del loro indiscutibile potere economico.
    Considerato che il genocidio c’è stato, che gli ebrei sfruttarono il comunismo come mezzo per ottenere un capovolgimento sociale, gli ebrei avrebbero avuto la possibilità di costituire un regime comunista in Europa grazie alla possibilità di un notevole finanziamento, quello stesso che ha permesso agli alleati di ribaltare gli esiti della seconda guerra mondiale per il tramite degli Ebrei d’America. Se lui riteneva di essere nel giusto nel combattere il comunismo avrebbe dovuto intraprendere contatti con gli altri stati e spiegare cosa stava avvenendo per ottenere un appoggio. Ma fu a causa della straordinaria forza militare, che riuscì a costituire in Germania, che lo convinse a rompere ogni possibile inizio di trattativa. Lui si considerava il salvatore dell’Europa (culto della personalità) dalla prepotente intromissione del comunismo, pericolo imminente, un pazzo proprio perchè dichiarò guerra all’Europa per sconfiggerlo. E non dimenticare che in guerra tutto è permesso per raggiungere il proprio fine, vale a dire che chiunque si frapponga al tuo intendimento viene ucciso (militari, civili, quindi anche cristiani, non si guarda in faccia proprio a nessuno).

  138. Marina scrive:

    Non mi risulta che ci sia mai stata una nazione con il nome di Israele,è sempre esistita la Palestina fin dal 3500 a.c..Le città ora occupate dagli israeliani sono state fondate dagli arabi cananei(antenati dei palestinesi).Perchè doveva essere la Giordania ad occuparsi degli sfollati???
    Avevano già le loro case ,i palestinesi,perchè non li hanno lasciati lì dove erano da milleni prima di Cristo???
    Poi che cosa c’entra che gli israeliani seppero utilizzare al meglio le risorse di una terra che è quella che è.Avevano i soldi delle lobby e comunque questo non li autorizzava ad espellere i palestinesi.Potevano condividere e insegnare loro come si coltiva la terra.Ma questo non lo hanno fatto perchè loro non volevano gli arabi in terra ebrea.Questa è storia.
    E questo non vogliono tutt’ora,tanto è vero che i coloni bruciano i campi di olivo dei palestinesi,obbligandoli di fatto a vivere nella miseria.

  139. Franco scrive:

    le tue argomentazioni vanno bene, il problema è che detto francamente penso alla mia nazione, non parteggio per gli ebrei anzi all’interno delle nazioni non mi stanno simpatici, ma devo dire che neanche i palestinesi, ma a maggior ragione gli arabi, che continuano per me a rappresentare una minaccia per l’occidente e l’islamismo demografico in quest’ambito è il numero 1

  140. laurentinum scrive:

    Marina ti invito a leggere “La guerra giudaica” scritto da Flavio Giuseppe , Flavia Giuseppe Nato a Gerusalemme nel 37 dopo cristo discendeva da una famiglia di grandi sacerdoti ebrei. Per qualche tempo fece la guerra contro i romani , poi dopo collaboro con i romani convinto che il futuro di Israel non poteva essere che dentro l’impero romano. Strano che pero ne Vespasiano, ne Tito ne prima Pompeo primo generale romano a entrare nel tempio di Gerusalemme parlarono dei palestinesi ?
    Il termine Palestina fu poi inventato sotto Costantino, dopo che i ebrei furono cacciati.

  141. laurentinum scrive:

    P.S.
    dopo che i ebrei furono cacciati in seguito al’ennesima rivolta dei Zeloti

  142. laurentinum scrive:

    Marina se neghi l’Israel antico neghi anche Roma

  143. Marina scrive:

    Guardi che gli arabi non hanno mai creato problemi all’occidente,è sempre stata L’Europa e USA a crearne a tutti,non solo ai musulmani.Lei come reagirebbe se venissero in casa sua un giorno si e l’altro pure a prendere tutto quel che lei mette da parte e in più le negherebbero i più elementari diritti come l’istruzione e il diritto alla salute?
    Tutti che si lamentano ma nessuno vuol guardare in faccia la realtà.
    Quando c’è stata la Durban 2 a Ginevra hanno criticato Ahmadinjad e hanno lasciato l’aula scandalizzati,ma io ho visto lo sguardo di alcune donne africane che li osservavano mentre uscivano,ed erano sguardi freddi.
    Il resto del mondo non è scemo,capisce forse molto di più di tanti occidentali cosidetti civili.

  144. Marina scrive:

    Laurentium ,legga bene la bibbia e capirà il perchè gli ebrei venivano cacciati da tutti,è scritto così bene che mi riesce difficile da capire il perchè si vuol negare una cosa del genere.

  145. Franco scrive:

    e no Marina filomussulmani e filoarabi mi spiace no, marina mi parli del corano sura IX : le donne..sugli arabi dice inesatezze, la posso anche seguire su certe questioni degli ebrei e dello stato israeliano. ma fino a un certo punto

  146. Franco scrive:

    Il corano parla chiaro, guardi che stiamo parlando di religioni rimaste inalterate in un contesto agropastorale, chi non segue la parola del profeta o di Halla il misericordioso, è un’infedele punto e basta.

  147. Franco scrive:

    non solo lei parla dei nazisti..i gerarchi nazisti avevano cosi presente il corano, che si dice che ognuno di essi avesse una edizione dello stesso nella scrivania, insieme alla “matita verde” simbolo di una associazione segreta turca, il corano fu preso ad esempio dai nazisti come disciplina religiosa da applicare nella vita di tutti i giorni, ben confacente a quella religione politica che fu il nazismo

  148. Marina scrive:

    “Voi inseguirete i vostri nemici ed essi cadranno dinanzi a voi colpiti di spada. Chinque di voi ne inseguiranno cento, cento di voi ne inseguiranno diecimila e i vostri nemici cadranno dinanzi a voi colpiti di spada.”

    Levitico, cap. 26, vv. 7-9

    “Quando il Signore tuo Dio ti avrà introdotto nel paese che vai a prendere in possesso e ne avrà scacciate davanti a te molte nazioni… quando il Signore tuo Dio le avrà messe in tuo potere e tu le avrai sconfitte, tu le voterai allo sterminio; non farai con esse alleanza né farai loro grazia.”

    Deuteronomio, cap. 7, vv. 1-2

    “…non lascerai in vita alcun essere che respiri, ma li voterai allo sterminio… come il Signore tuo Dio ti ha comandato di fare…”

    Deuteronomio, cap. 20, v. 16

    Gli studiosi della Bibbia non nutrono molti dubbi sul fatto che la Bibbia ebraica contenga alcuni suggerimenti fortemente impregnati di immoralità, alcuni dei quali non sono altro che un invocazione al genocidio. Raymund Schwager, studioso della Bibbia, ha trovato nell’Antico Testamento 600 passi di violenza esplicita, 1.000 versi che descrivono le violente azioni punitive di Dio, 100 passi in cui Dio ordina espressamente di uccidere. A quanto pare, la violenza è l’attività più spesso menzionata nella Bibbia ebraica

  149. Marina scrive:

    I nazisti hanno interpretato la bibbia.Erano cattolici non musulmani.

  150. Franco scrive:

    Marina mi scusi ma si sbaglia, il canto delle ss ” cristo abbassa gli occhi quando passa il fuhrer” è il simbolo di religione politica pagana, fondata sullo spirito delle antiche popolazioni germaniche che combattevano roma. E successivamente sullo spirito delle confraternite cavalleresche germaniche come i cavalieri teutonici, sull’ispirazione alle società segrete razziste turche ecc, Le ricordo che i legami dei nazisti con l’islam e gli arabi furono molto forti, anche in una visione comune anti inglese, un reparto delle ss era mussulmano(il cappello era un fez corredato dal solito teschio di derivazione ussara prussiana)

  151. sasso scrive:

    credo che l’equilibrismo del Vaticano in occasione del viaggio di Papa Benedetto XVIinterra santa meriti un seggio permanente all’ONU.

  152. Liviu Anastase scrive:

    Bellissime parole. Dopo una tale frasi non si può dire che un lungo “Amen”.

  153. roberto scrive:

    Franco : Di Rumeni impiccati au lampioni No! Ma di operai caduti dai ponteggi o schiacciati da gru Sì….magari lavoratori in nero assoldati davanti agli smorzi da Italianissimi imprenditori magari cattolici e magari anche leghisti……La Fiera di milano è stata costruita da Nord africani ed europei dell’est pagati 7 euro l’ora da bravi subappaltatori della Bergamasca.
    Caro Franco non dimentico inoltre i recenti fatti di sangue, gli strupri , le rapine in villa, l’ubriachezza molesta di alcuni, lo spaccio di stupefacienti,…..Chi sbaglia paghi e vada in prigione …..
    Non dimentico inoltre che ci sono Italianissime zone del paese dove Italianissimi delinquenti commettono un omicidio al giorno di media (sui giornali e nei telegiornali ormai forse volutamente mafia camorra e ndrine calabresi non fanno più notizia) .
    Basterebbe che il governo di destra invece di fare demagogia elettorale, desse i soldi per la benzina alla polizia ,invece per esempio di finanziare associazioni di privati cittadini in camicia verde per corsi professionali da rondista di quartiere, ….e sì anche questo contiene il decreto sicurezza….Basterebbe che la magistratura applicasse con severità le leggi vigenti.(per tutti però , anche per i colletti bianchi che hanno truffato centinaia di persone, o per quei politici che si trincerano dietro i voti ottenuti per sfuggire alle giuste manette)
    Per me Rosso giallo turchino marrone verde o a pois se sei un delinquente devi andare in prigione e devi scontare la tua pena…..così anche se sei Rosso giallo turchino marrone verde o a pois e non sei un delinquente e lavori (magari accettando lavori che gli Italiani rifiutano ) devi vivere la tua vita senza che un Gentilini qualsiasi Ti tratti da delinquente abituale.
    Guarda Franco sarei stato anche d’accordo con il governo sui respingimenti in mare se solo il sig berlusconi silvio non se ne fosse uscito con quella idiozia sul multiculturalismo. Quell’uscita insieme con le proposte oscene dei leghisti sui posti riservati sui tram , mi ha aperto gli occhi sulla reale intenzione xnofoba e razzista di questo governo di destra.
    Per questo Voglio rimarcare in ogni sede la mia fede umanista, socialista e libertaria, per dire che non tutti sono allineati dietro la demagogia di questa destra illiberale autoritaria e corporativa.

  154. Cherubino scrive:

    condivido quanto detto da Savigni, in particolare sul fatto che il politico cristiano non segue la logica dell’onda populista ma il vero bene comune e non si basa sui sondaggi (per quanto poi servano) ma sull’arte del discernimento spirituale applicato alla cultura e alle dinamiche sociali.

    Quanto al viaggio del papa e al suo dialogare con ebrei e musulmani, seminando semi di perdono e di comprensione reciproca, è esattamente ciò che avrebbe fatto Cristo in quella situazione.

  155. roberto scrive:

    laurentinum: Era solo per dirti che L’unione Sovieta non era pregiudizialmente anti semita…..in Unione Sovietica andavi nei gulag non perchè Ebreo ma perchè dissidente politico.
    Per quanto riguarda la crisi per capire come sono andate le cose Ti basterebbe paragonare la società americana con la nostra.
    Negli stati uniti non è possibile fare risparmi Tutto si paga , Sanità, Scuola, servizi sociali che per noi sono normali diritti per loro sono oneri da sostenere, non per niente gli Stati uniti hanno un bassissimo debito pubblico ed invece un alto debito delle famiglie.
    Un americano di pari reddito di un italiano se vuole tenere lo stesso tenore di vita dell’italiano deve indebitarsi, (mentre l’italiano risparmia), se a questo ci metti le politiche espansioniste basate sul credito al consumo dei governi americani (democrats o repubblicani è lo stesso)ecco che la crescita basata sul nulla è costruita, tale crescita però non può avvennire all’infinito , ad un certo punto l’ingranaggio si spezza ed allora sono dolori per tutti quelli che si sono abituati ad un tenore di vita non consono alle loro reali possibilità…..La responsabilità di ciò però non è del popolo ma di chi spinge e lucra su queste politiche economiche ……il capitalismo….Lo stesso capitalismo che per crescere ha necessità di pagare poco le materie prime e vendere i manufatti (per la maggior parte inutili) a carissimo prezzo……E qui si chiude il cerchio con l’immigrazione dei dannati della terra, ……se Noi comprassimo direttamente ed ad un giusto prezzo il contadino del Ghana avrebbe di che vivere dignitosamente e non avrebbe necessità di varcare il mediterraneo su un barcone, e noi non avremmo necessità di respingerlo.

  156. roberto scrive:

    Cherubino: Io direi il politico coraggioso e lungimirante, che non mira al consenso solo per il suo edonismo smaccato.

  157. bruno volpe scrive:

    cari amici sulle norme sicurezza invito a leggere su http://www.pontifex.roma.it intervista al Vescovo Bettazzi Ps il direttore di Petrus Barile si candida con l’IDV, partito pro eutanasia e aborto e ostile al Papa e alla Chiesa, il partito che organizzò la guzzantata anti Ratzinger. BV

  158. laurentinum scrive:

    Marina l’islamismo radicale e il nazismo hanno molte cose in commune , del resto il tuo discorso ne è la prova vivente. In particolare annientare l’antico libro per negare il cristianesimo , infatti se come tu dicci l’Israel antico non ha mai esistito allora cristo non avrebbe mai esistito dato che faceva parte dell’Israel antico, esattamente cioè che Hitler voleva fare annientare il libro antico per negare il cristianesimo. Del resto è risaputo che Hitler intratteneva relazioni con il gran Mufti di Gerusalemme.
    Se chiesto la chiami giustizia ?
    Il Papa ha richiamato al Dio commune, se voi difendere la giustizia in medio oriente ti devi richiamare al dio commune e la riconoscenza dell diritto di esistenza mutuale, se non servi che l’intolleranza e il pregiudizio ma non la giustizia.

    “La religione viene sfigurata quando viene costretta a servire l’ignoranza e il pregiudizio, il disprezzo, la violenza e l’abuso. Qui non vediamo soltanto la perversione della religione, ma anche la corruzione della libertà umana, il restringersi e l’onnubilarsi della mente”.

  159. mauro scrive:

    Caro Laurentinum, Il gran Mufti di Gerusalemme appoggiava Hitler perchè lo sterminio degli ebrei gli faceva comodo.
    Mentre Hitler lo faveva per combattere il comunismo, il gran Mufti lo appoggiava perchè già nel 1920 pianificava una strategia per eliminare fisicamente tutti gli elementi sionisti dal territorio mediorientale, tredici anni prima che Hitler salisse alla cancelleria e quattordici anni prima che instaurasse la dittatura in Germania.
    Il Gran Mufti Nel 1929 diede la sua benedizione ad una delle piu’ violente persecuzioni antiebraiche. Nel 1931 sostiene la nascita del Partito Arabo per l’indipendenza. Ma di Hitler non v’era ancora traccia. Nel 1934, con Hitler al potere conferma il suo incondizionato sostegno alla Germania , e chiede fino a che punto il Terzo Reich fosse disposto a sostenere il movimento arabo contro gli ebrei, ricevendone soltanto vaghe assicurazioni.
    Da quel momento ci furono incondizionati appoggi ad Hitler, e ricevette anche aiuti economici quando gli Inglesi spiccarono contro di lui un mandato di cattura ma Hitler passò dalla cautela a non fidarsi piu’ dopo il fallito colpo di stato del 1941 contro gli inglesi da lui organizzato.
    Al Gran Mufti interessava risolvere la crisi mediorientale con gli ebrei (oggi siamo ancora qui che l’aspettiamo) ma Hitler si disse disposto solo a farlo presente alle nazioni sue alleate per contribuire alla sua risoluzione in quanto il medioriente era sotto il dominio di truppe anglofrancesi e reputava pericoloso aprire un nuovo fronte.
    Ora dire che Hitler voleva fare annientare il libro antico per negare il cristianesimo quando la situazione mediorientale proprio non gli interessava è assurdo. E tanto meno gli interessava andare a perseguitare gli ebrei d’America, considerato che alla luce dei fatti, tramite i loro finanziamenti, perse una guerra già praticamente vinta.

  160. Marina scrive:

    Scusi Franco,il nazismo è stato finanziato da una potente lobby ebraica,era sostenuto dal vaticano nella persona di papa Pacelli e da Montini tanto è vero che molti criminali sono stati aiutati a fuggire all’estero proprio da Montini e dal cardinal Siri.Ora lei mi dice che avevano in tasca la “matita verde” simbolo di una associazione segreta,quindi massonica.
    Papa Pacelli era di origini giudaiche,idem la famiglia Montini.
    Quindi riepilogando il nazismo è stato una creatura ebraica come il comunismo.
    I maligni dicono che anche i talebani,i mujaiddin e al qaeida sono creature delle lobby ebraiche.
    I Protocolli dei savi di Sion a quanto pare non erano un falso,ma un progetto di dominio del mondo tramite il terrore e che in parte si è realizzato.
    Metteremo i popoli uno contro l’altro,indebiteremo le nazioni perchè abbiamo il potere di farlo,la stampa è tutta in mano nostra e abbiamo l’oro.Tutte le ricchezze del mondo saranno degli israeliti,questo è scritto anche nel talmud.
    Un cordiale saluto

  161. Marina scrive:

    Scusi Laurentium,perchè non lo dice anche agli ebrei? Se il Dio è comune che bisogno c’è di sfruttare e schiavizzare il popolo palestinese?

    Ama il prossimo tuo come te stesso,questo dice il comandamento di DIO.
    Il DIo non vuole che si torca capello a nessun uomo del mondo,dice il corano.

    Il Talmud cosa dice?? Che gli ebrei sono una razza superiore e tutti gli altri devono essere i loro schiavi.

    Chi odia di più il genere umano???
    Un cordiale saluto

  162. sasso scrive:

    NON SEMBRA BIZZARRO ANCHE A VOI CHE GLI EBREI si schierino a favore del respingimento degli immigrati alle frontiere ? non sono loro forse tutti immigrtati?
    non è bislacca la dichiarazione del presidente degli ebrei italiani RENZO GATTEGNA?
    http://moked.it/blog/2009/05/13/flussi-migratori-accostamenti-azzardati/

  163. Marina scrive:

    Per Laurentium
    “Percio Arafat rifiuto di firmare la pace proposta nel 2000, proppio su questa questione perché lui chiedeva che i palestinesi ritornasse in massa in Israele per cambiare la demografia,”

    Arafat voleva solo la terra che gli ebrei gli avevano espropriato,Arafat si accontentava della terra che l’ONU gli aveva assegnato e che Israele aveva occupato ,illegalmente.Ci sono le risoluzioni ONU che condannano Israele e che vengono costantemente ignorate,perchè Israele ha il diritto di condannare tutti ,ma nessuno deve arrogarsi il diritto di condannare Israele.Quetsa è la mentalità ebrea sionista.

  164. bruno volpe scrive:

    non so come Marina possa serenamente spargere veleni e calunnie contro la Chiesa. Qui non siamo alla libertà di espressione,ma all’insulto gratuito BV

  165. Caro Andrea, ti prego, spiega al tuo giornale che il dato che aontinua a scrivere Fiamma Nirenstein secondo cui i cristiani in Israele sarebbero cresciuti del 250 per cento è CLAMOROSAMENTE FALSO. A parte il fatto che lei confronta due dati non raffrontabili tra loro (parte dell’aumento è dovuto al fatto che nel 1967 Israele ha assunto il controllo di Gerusalemme, dove sfido Fiamma Nirenstein a dimostrare che i cristiani sono aumentati: tutte le statistiche mostrano che sono drasticamente diminuiti…), proviamo a confrontare le percentuali, al posto dei valori assoluti: nel 1948 Israele aveva 650.000 abitanti, oggi ne ha 7,2 milioni. Allora i cristiani erano il 5,2%, oggi sono il 2 per cento. La crescita dov’è? I cristiani, è vero, aumentano in Galilea. Guarda caso proprio in quelle zone a maggioranza araba di cui l’attuale ministro degli esteri israeliano Avigdor Lieberman si vorrebbe «sbarazzare» cedendole all’Autorità palestinesi in cambio delle colonie ebraiche in Cisgiordania. O queste cose la Nirenstein le spiega, oppure la smetta di citare un dato che è una caricatura della realtà.

  166. S.Banjine scrive:

    Evviva il Comunismo e la Libertà: W Marx, W Lenin, W…..Ben Gurion.

  167. mauro scrive:

    Caro Franco, i rapporti di Hitler con l’Islam sono stati anzi deboli e l’hanno comprovato i ricercatori dell’Istituto Simon Wiesenthal di Los Angeles, un centro ebreo di ricerche. Un reparto di SS mussulmane non fa storia. Era quel poco che era riuscito a raccogliere il Gran Mufti con continua propaganda a favore di Hitler. Lo scopo che si prefiggeva invece era quello di raccogliere un vero esercito di mussulmani per convincere Hitler ad intervenire per risolvere la crisi mediorientale con gli ebrei. Un autentico fiasco politico del Gran Mufti.
    Hitler, con il Gran Mufti, passò dalla cautela al non accordargli piu’ fiducia e lo tenne a libro paga solo per la propaganda che riusciva ad organizzare. Nulla di piu’.

  168. bo.mario scrive:

    Marina, la questione palestinese era ad un bivio positivo. Arafat era pronto ad avere le sue terre. Quello che ha creato il problema è che Arafat voleva anche Gerusalemme. Aveva alzato il tiro e il tutto e subito non poteva essere una strategia seria. Osservatori neutrali e chi portava avanti la trattativa hanno capito che Arafat, non il popolo palestinese, cercava un motivo di scontro. Non mi avventuro a dire chi aveva ragione, troppo difficile. A BV devo dire che può rispondere sui concetti e non buttarla sul lamento. Ciao Marina e un saluto a tutti.

  169. Artefice1 scrive:

    Anche i figli,
    Solo DOPO,
    LO Capiscono.

    *********************************

    Papa, amore ci ridoni al silenzio.
    Dio è silenzio: muriamo
    di pietra le porte del tempio
    della cella, del cuore. Diremo poi
    la sola parola
    capace di spegnere l’incendio: dopo,
    dopo i lunghi anni di silenzio
    di amato, divino, salvatore silenzio.

    Papa, non sappiamo nulla
    e ne sapremo ogni giorno di meno.
    Nulla della vita, della morte del tempo;
    nulla
    della fine e del principio.
    Forse gli uomini apprenderanno
    ancor più dal silenzio,
    da una vita murata in silenzio, offerta, consunta
    dal fuoco nel deserto
    dell’abbandono e della “Non-curanza”,
    il fiore del deserto tra le aride pietre.

    Papa, non dire di quanto un uomo è responsabile
    e poi lo espropri della sua coscienza. Non dire
    di come Dio è coinvolto:
    di fronte a un bimbo deforme,
    irrimediabilmente deforme,
    legittima è la bestemmia.

    Papa, non dire di queste cose troppo alte,
    di cosa è il tempo e la storia,
    e ogni apocalisse e la profezia.
    Soli o insieme lo Spirito ci guidi
    a ritrovare il metro delle cose.
    Ritorni il contemplativo,
    uomo della misura: lui solo!

    E dopo anni di benedetto silenzio
    ritorni a dirci, lui solo
    cosa veramente importa. – Ma dopo!

    DAVID MARIA TUROLDO.

  170. Franco scrive:

    Mauro nulla da eccepire il discorso del nazismo e’ molto piu’ complesso di come ce lo si vuole far apparire con una storia da sussidiario. Il fatto e qui rispondo anche a marina, che i nazisti vedevano nel corano una struttura comportamentale, funzionale alla loro religione politica. Marina io sono d’accordo sulla longa mano ebraica. ma accostarmela ai nazisti e’ un po eccessivo. Che ci fossero stati appoggi degli americani e quindi anche “dinari” ebraicoamericani in un’ottica di controllo antibolscevica pure. Che la massoneria, gli illuminati, la tule, i rosacroce, i savi ecc abbiano programmato tutti gli avvenimenti dal 1700 per “il nuovo ordine mondiale” idem, ma sulla storia di pio al contrario, proprio proebraiche non mi pare, anzi. Ps gli arabi non mi vanno granche’ che siano piu’ esterni al problema ti do ragione, ma sulla loro pericolosita’ per l’occidente resto del mio parere.

  171. Marina scrive:

    il viaggio in terra santa ha fatto miracoli,è ritornata la censura.

  172. mauro scrive:

    Caro Franco, anch’io credo che la lunga mano ebraica sui finanziamenti nazisti non abbia a che c’entrare, tranne che non si consideri tali ciò che fu portato via agli ebrei intesi come attività soprattutto industriali ma rimane sempre una forzatura perchè non vi fu la volontà ebrea. Se anche si volesse considerare che chi riforniva armi ad Hitler fosse ebreo, ciò non vuol dire che finanziasse il nazismo, semmai lo sfruttava. E neppure vedo come gli ebrei d’America lo finanziassero quando gli stessi con i loro finanziamenti hanno permesso alle truppe alleate di ribaltare l’esito della guerra considerando anche che Hitler perseguitò gli ebrei europei fino ad arrivare al loro sterminio.
    E’ fin troppo chiaro che i libri di testo raccontano una parte della realtà, quella che dimostra quanto Hitler sbagliasse. Secondo il mio pensiero Hitler voleva sconfiggere il comunismo che si stava facendo strada in Europa tramite l’appoggio finaniziario degli ebrei senza dimenticare che agivano anche in prima persona (i fautori dei moti di Monaco, lo stesso Lenin). Il suo errore fu di considerarsi colui che avrebbe salvato tutta l’Europa imponendo ad essa il suo regime che riteneva inattaccabile da qualsiasi pressione esterna, pressione che ripeto a quei tempi era rappresentata dal comunismo. Tutto ciò in funzione del fatto che per lui gli stati europei erano politicamente troppo permissivi, non in grado di fronteggiare quella minaccia. E’ ritenuto un pazzo proprio per questo comportamento che ebbe nei confronti degli stati europei che lo portò a dichiarare la guerra agli stessi stati, non certo per ciò che si prefiggeva: sconfiggere il comunismo. Ma sui libri non se ne parla perchè la ragione, quindi la verità storica, è sempre dalla parte di chi vince. La stessa cosa è avvenuta tra gli americani e gli indiani d’America, non dimentichiamolo.

  173. laurentinum scrive:

    Caro Cherubino
    La fermezza contro i clandestini e i lori trafficanti é la stessa cosa che la fermezza contro il terrorismo e la fermezza contro il crimine organizzato, è il tentativo di restaurare l’autorità delle Stato nelle zone grigio del territorio dove lo stato di diritto non è rispettato, il bene comune secondo me sta nel restaurare l’autorità dello stato su tutto il territorio, tu invece sembri pensare che nella dissoluzione dello stato ci sia il bene commune. Capisco che come tutti napoletani sei abituato a navigare fra il compromesso con il crimine e lo stato , perciò ristorare l’autorità piena dello stato di diritto è un concetto che ti è per te difficile da percepire.
    Allora ti chiedo, come è meglio servito il bene commune? con la compromissione con il crimine organizzato? o con uno stato di diritto ovunque sul territorio nazionale? Gesù non ha detto diamo a Cesare quello che è di Cesare? Non è il ruolo e un obbligo costituzionale di un governo di fare rispettare lo stato di diritto sul tutto territorio? O devono essere legalizzate zone di non diritto nel paese, dove il pîù brutale comanda?

  174. Marina scrive:

    Potete ingannare tutti per un pò
    Potete ingannare qualcuno per sempre
    Ma non potete ingannare tutti per sempre.

    Abramo Lincoln

  175. roberto scrive:

    laurentinum: E’ vero bisogna dare a cesare quello che è di cesare……..sempre però…..perchè questo governo segue gli editti di oltre tevere a giorni alterni…..contro la libertà individuale si richiama alla dottrina cattolica, esaltando la sua fedeltà ai principi etici del cattolicesimo romano. Quando però la chiesa cattolica romana si ricorda di essere sempre dalla parte degli ultimi e non dei potenti, allora lo stesso cattolicissimo governo si ricorda che ‘il governo’ di un paese è cosa diversa dall’etica religiosa.
    Questa Laurentinum si chiama IPOCRISIA e politicamente si chiama POPULISMO.
    O si è fedeli sempre alla dottrina ed ai richiami di santa romana chiesa o non ci si può definire cattolici.
    Io sono favorevole ad aborto divorzio ed anche all’eutanasia, nel caso della critica ai respingimenti però sono d’accordo con il papa cattolico…..ma non mi reputo per questo cristiano.
    Caro LAURENTINUM Tu! come Ti definisci?

  176. laurentinum scrive:

    Caro Roberto
    La difesa della vità sta proppio nel difendere l’autorità dello stato e lo stato di diritto dato che la vità è il primo diritto , la fermezza contro l’eutanasia, la fermezza contro il crimine organizzato, la fermezza contro il terrorismo, la fermezza contro i clandestini e i trafficanti , derivano tutti dal lo stesso diritto di base che è la difesa della vita, per te è difficile da capire perché vieni da una tradizione politica antidemocratica che ha sempre agito contro il popolo, che giustamente, chiama fare l’interesso del popolo populismo, queste tue dichiarazione riflettono solo il tu oddio del popolo Italiano, oddio che nascondi dietro delle diatribe ideologiche.
    Per la difesa della vità, non si tratta di obbedienza ma di coscienza, Io ho difeso la vità di Eluana come molti altri non per obbedienza ma per coscienza individuale, sarebbe grave che uno l’avesse fatto per obbedienza e non per coscienza.
    La tua incoscienza è solo il tuo manco d’amore del popolo.

  177. Artefice1 scrive:

    Marina…..se LO sai
    Perché Lo Ri-Fai a tuo modo?

    Auspichi l’immunità? (privilegio inattaccabile)

    Ci provi lo stesso insomma?

  178. Franco scrive:

    roberto io penso invece che la chiesa attuale sia la faccia della stessa medaglia del “vostro” socialismo..in quanto ormai mondialista atutto tondo, ricordarsi la chiesa non è dalla parte degli Italiani o degli europei, ma dalla parte dei cattolici.., come i comunisti sono dalla parte dei comunisti.., ovviamente io mi professo di cultura cristiana e Italiano in primis e pongo l’interesse nazionale al primo posto. Purtroppo in Italia c’è chi pone Dio, l’ideologia, il partito, l’associazione ecc e comunque in questo la chiesa non ha mai fatto e non fa la sua parte, specialmente nel nostro paese.

  179. roberto scrive:

    laurentinum: Vedi Ti sbagli di grosso. Io non odio nessuno, perchè dovrei odiare qualcuno?
    Io non odio TE che la pensi in modo diverso da me , non odio i cattolici non odio i musulmani non odio gli ebrei, non odio gli indù non odio i fascisti.

    I miei principi etici sono l’umanitarismo, il socialismo, il libertarismo, La frase fatta ‘Gli uomini sono tutti uguali’ per me è assume la stessa importanza dei vangeli per un cattolico, così come il motto della rivoluzione francese ‘Libertà Uguaglianza Fraternità’.

    Con tali arnesi nel mio bagaglio spiegami chi potrei odiare!
    Una sola cosa però ODIO E NON SOPPORTO…..L’IPOCRISIA.

  180. roberto scrive:

    Franco : ma cosa vuol dire per Te essere Italiano? forse esiste una razza Italica? o forse una cultura comune tra le genti Italiche?
    No caro Franco l’Italia è l’essenza della Multiculturalità ed è sempre stata, è e sarà una nazione multiculturale e multirazziale, questa è stata è e sarà la nostra forza, alla faccia del cattivismo (neologismo coniato dal direttore di Libero)…..basta guardare la differenza di tradizioni ma anche di facce tra un sud tirolese ed un pantesco.

  181. Franco scrive:

    roberto il tuo concetto di unita’ nazionale, e di stati e’ alquanto discutibile, la tua logica di “confine relativo” dovrebbe conprendere pero’ anche casa tua e mia, e le proprieta’ in genere, oppure ho capito male e sei per una regolamentazione? Allora una vera societa’ multietnica innanzitutto e’ distribuita in tutto il globo non unilateralmente nei paesi occidentali, poi attenzione da noi si sta formando una societa bi/o tri etnica e questo e’ socialmente pericoloso, ma questo per voi e’ secondario, che ve ne importa? Va be

  182. Franco scrive:

    Roberto ovviamente recepisco e rispetto la sua opinione, il problema(se non il suo) ma di molti che la pensano come lei e’ farsi prendere da un idealismo svincolato dalla realta’ e dal sentire comune e questa si chiama : superbia. Il suo idealismo acquisterebbe ulteriore nobilta’ se tenesse conto (mi scusi..) dei suoi “vicini,connazionali) i quali sopratutto nelle periferie metropolitane, sperimentano questa “fantastica” visione multietnica..vede io penso che la coerenza e l’esercizio quotidiano sopratutto se ideale come il suo debba trovare una qualche pratica, e non dubito che a differenza mia lei faciliti anche con azioni” forti” ed esemplari la vita all ‘ immigrato di turno.

  183. roberto scrive:

    Caro Franco: scusa ma Voi chi?
    Io parlo per me stesso, dico ciò che Io penso, non sono mai stato intruppato neanche quando ero iscritto ormai molti anni fà al partito comunista, figurati oggi.
    Per quanto riguarda le società multi etniche e multi culturali, basta fare riferimento alle grandi Democrazie:
    Brasile, Stati Uniti, canada, Nuova Zelanda Sud Africa India, Filippine, Argentina, Cile, Messico, la stessa Russia (se vogliamo definirla democrazia) per non parlare degli stati europei dalla spagna (a parte gli immigrati recenti c’è più differenza culturale ed antropologica tra un madrileno un barcellonese o uno di bilbao ed un italiano ed un greco) passando per la francia e il regno unito ed arrivando alla germania ed alla svizzera, (per non parlare della Romania dove all’inizio del novento emigrarono circa trentamila Friulani, che formano ancora oggi una comunità coesa che ha mantenuto la sua lingua) secondo Te sono stati multi etnici e multiculturali o No?…….PS mi sembra che gli stati che Ti ho citato non siano propriamente definibili come repubbliche sovietiche nè che siano in una sola parte del globo.
    E’ il TUO concetto (come noti non uso il plurale) di stato nazionale come comunità pura e coesa che è falso e foriero di guai seri (guarda ciò che è accaduto in Yugoslavia).

  184. roberto scrive:

    Franco: Vedi Io con persone di diversa provenienza ci lavoro tutti i giorni nei cantieri che gestisco.
    Parlo di persone stupende che danno l’anima per il loro lavoro.
    Io con quelle persone ci condivido il pane tutti i giorni (sono quindi miei compagni), non mi interessa se sono Rumeni o slavi di provenienza varia o italiani delle Borgate o medio orientali .
    Sono Compagni e basta.
    Ti posso assicurare inoltre che l’unico operaio che ho contribuito a far licenziare di recente, era un italianissimo cocainomane e ladro.

  185. Franco scrive:

    Roberto guarda ps…se sei un imprenditore come
    Me poi mi interesserebbe sapere come fai ad essere socialista/comunista..anche perche’poi coerentemente devi pagare il giusto gli operai…senza troppo guardare al profitto..io ti dico subito che non ce la farei..comuque, io sono uno che ha una memoria storica, come penso te, e non si dimentica facilmente i morti per l’Italia …e gli Italiani e ti assicuro non e’ retorica ..poi per carita’ c’e chi si commuove ascoltando l’internazionale socialista e chi per l’inno nazionale..per quel che riguarda i rumeni che tra l’altro ho diretto e pagato..in piu di un occasione ti posso dire che la loro e’ ..non mordere la mano che ti da dA mangiare..per il resto hanno un alto tasso di poco di buono e se ti posso dare un consiglio non abbassare mai la guardia con loro…io
    Sommo poi l’esperienza mia , quella di altri colleghi e poi non posso non tener conto delle obbiettive aggressioni efferate nei riguardi di nostri connazionali…le donne poi guardati doppio..gli africani ..lasciamo perdere..utilita’ lavorativa nulla. Ho l’impressione che tu (uso il singolare) veda quelle belle societa multietniche gia confezionate di plastica da film, non e’ cosi .le percentuali di disperati che verranno qui lasciatelo dire faranno il caos

  186. Franco scrive:

    Ps non dimentichiamoci che ovvio c’e delinquenza Italiana .. Siamo in Italia no? Poi un altra cosa i rumeni guarda che spesso mandano tutto in e
    Romania noi siamo la mucca da mungere( tu , io ecc) per il resto non gliene frega nulla, loro sono. Molto empatici e ci fanno…( fanno i latini)..non mi convincono siamo onesti ti servono usali tu guadagni? Loro guadagnano? Ok bene cosi ma lascia perdere a dipimgere il fenomeno in maniera edulcorata…be dopo la tua risposta riparliamo di religione ok?

  187. raffaele savigni scrive:

    “Papa Pacelli era di origini giudaiche,idem la famiglia Montini.
    Quindi riepilogando il nazismo è stato una creatura ebraica come il comunismo”.
    Mi dispiace, qui siamo al delirio.
    Io non faccio patrte di alcuna lobby ebraica, né nazista, Nè comunista. Ma quale altro popolo, perlomeno in Europa,ha avuto SEI MILIONI di morti programmati? Per quale altro popolo è stato PROGRAMMATO lo STERMINIO TOTALE?
    Sono morti, è vero, milioni di Indios in America latina (e sono stati commess crinmini gravissimi da parte dei “conquistadores”): ma la maggior parte di loro per il morbillo, non perché fosse stato programmato il loro totale sterminio (tra l’altro serrvivano come schiavi nelle faziendas).

  188. raffaele savigni scrive:

    IO credo che almeno questa volta il papa si sia mosso molto bene, evitando di identificarsi con l’una o l’altra fazione. Ha dato a tutti una grande lezione: dobbiamo imparare tutti a guardare lontano, lasciando perdere le solite recriminazioni sul passato.Basta coi muri, e basta col terrorismo. E basta con gli incoscienti di casa nostra che invitano ad essere “cattivi” (ad es. con gli immigrati, alcuni dei quali perseguitati politici e religiosi nei loro Paesi e quindi meritevoli di ricevere asilo politico).

  189. Cherubino scrive:

    laurentinum come al solito sguazza nel più becero razzismo e si lancia in definizioni sul popolo napoletano, di cui mi pregio di far parte, che se non fossero delle emerite idiozie su cui potrebbe invocare l’infermità mentale, sarebero passibili di denuncia. Giusto per ristabilire la sovranità dello Stato, che -forse non se lo ricorda- è fatto delle leggi che sta calpestando.
    Quanto al rapporto tra clandestini e sovranità dello Stato, non vedo dove avrei affermato che debba mancare la seconda e dove avrei auspicato la disgregazione di questa nostra sfortunata repubblica televisiva.
    Al contrario, è per me una sofferenza vedere come i giusti vengono infangati e quando ottengono giustizia dai magistrati nessuno lo viene a sapere: ad esempio come per De Magistris, o Genchi… assolti con formula piena da ogni addebito. Si veda http://www.antimafiaduemila.com
    O dove un governo rimanda una norma ormai legge -la class action- e modificandola rendendola irretroattiva impedisce di applicarla ai nobili bancarottieri parmensi.
    O dove si allentano sempre più i vincoli ambientali e i controlli alla frenesia edificatoria, conducendo agli strani effetti sismici, dove edifici e ospedali (peraltro non ancora agibili, seppure attivi) nuovi crollano molto più di quelli centenari…
    O dove la libertà di informazione si riduce sempre più come attestato da organismi indipendenti e autorevoli internazionali…
    O dove si comprano 131 nuovi aerei da caccia inutili, invece di usare questi soldi per un assegno di sostegno vitale minimo a chi perde il lavoro nella drammatica crisi attuale…
    A me sembra che tutta questa storia degli immigrati è solo il modo per spostare l’attenzione degli italiani. La solita tattica del capro espiatorio. La sicurezza degli italiani dipende dal livello di legalità del paese, a cominciare da quella della pubblica amministrazione.
    C’è sicuramente anche quella parte che dipende dalla lotta alla piccola criminalità. Ma qui bisogna essere realiztici e non raccontare frottole: 1) solo una parte molto minoritaria dei clandestini diventa delinquente, la gran parte cerca piccoli lavori, 2) la possibilità di delinquere per il clandestino dipende dalla forza di resistenza della malavita italiana, quindi bisogna combattere prima di tutto questa per debellare quella, 3) esistono leggi nazionali e internazionali che vietano il respingimento indiscriminato, 4) i vescovi stessi hanno deprecato cpn forza tali respingimenti, 5) se vogliamo combattere tutta la criminalità e non solo fare marketing politico dotiamo le forze dell’ordine di fondi e risorse, invece di tagliarli pesantemente.

  190. laurentinum scrive:

    Cherubino speravo in uno scatto morale non in uno scatto di ego e ira fuori posto, che delusione!!

  191. mauro scrive:

    Caro Cherubino, ho letto l’ultima parte in cui enumera a Laurentinum i punti che ritiene basilari per considerare la reale situazione degli immigrati.
    Realismo per realismo? Se vuole realismo, deve anche ammettere che:
    1) proprio quei piccoli lavori, la loro breve durata ed indeterminatezza nel tempo sono l’occasione per la criminalità di assoldare gente, costretta ad accettare per sopravvivere. Se il lavoro fosse sicuro la criminalità non approfitterebbe della situazione degli immigrati ma neppure della situazione in cui versa il meridione tutto. Ma se il lavoro non c’è per i nostri figli, come pensiamo di garantirlo all’immigrato?
    2) Le leggi nazionali che vietano il respingimento non esistono perchè ciò che viene regolamentato è l’accoglimento. O non te ne sei accorto che il concetto è opposto? per quelle internazionali occorre che l’immigrato sia nel territorio nazionale. Avvenendo in mare, in acque internazionali, vige la Legge del mare per cui qualsiasi natante trovato in difficoltà obbliga il soccorritore ad accompagnarlo ed assicuragli l’incolumità fino al porto piu’ vicino.
    3) I vescovi parlano di aria fritta. L’accompagnamento al porto piu’ vicino non è respingimento. E’ salvare la vita a chi si trova in difficoltà. Mi sembrava che la Chiesa desse molta importanza alla conservazione della vita ma forse ho sognato, non era proprio vero. Se ne fregano altamente.
    4) chiunque ritenga di essere nella condizione di poter richiedere asilo, può rivolgersi alle autorità del paese nel quale intende far valere quel diritto, tramite le ambasciate ed i consolati.
    5) nessun stato nega il diritto d’asilo dove esso stesso è previsto e opportunamente regolamentato.
    6) tutta la polizia è encomiabile sotto il profilo della sicurezza che garantisce, fondi o non fondi. Il problema semmai è la magistratura che sembra remare contro l’ordine pubblico e continua a rimettere in libertà chi dovrebbe essere nelle patrie galere (permessi, sconti di pena) ma ci metto anche gli indulti approvati dal parlamento perchè gli stessi parlamentari, in fondo, ne sono gli artefici anche se loro lo fanno esclusivamente perchè le galere sono straboccanti.
    7) Questo ultimo concetto forse, dico forse, può portare a pensare che in Italia siamo veramente troppi e forse, dico forse, la capacità di accogliere gli immigrati proprio non l’abbiamo perchè il nostro territorio proprio non è grande. Gli USA forse, e dico forse, potevano permettersi di accogliere tutti quegli immigrati nei primi decenni del secolo scorso, mossi dalla speranza di un lavoro, di una possibilità di vita, considerando la vastità del territorio e le opportunità ancora latenti di una giovane nazione. Concetto valido anche per il Brasile e L’Argentina la cu popoalazione annovera milioni di immigrati.
    D’altra parte come non considerare che l’Africa si sta spopolando in rapporto alla vastità del territorio ed in Europa si fa a botte per un metro quadro d’aria. Se si vuole fare terra bruciata, mi sembra proprio che ci stiamo riuscendo.

  192. laurentinum scrive:

    Per Cherubino esiste solo l’ideologia e chi non è d’accordo con l’ideologia di Cherubino, è un razzista e un fascista.
    La verità é che Cherubino della gente non li importa niente é solo innamorato delle sue ideologie che antepone alla realtà.
    E interessante di notare come i vescovi Italiani e l’estrema sinistra sono allineati e che tutti due insieme attaccano il governo di centro destra nello stesso tempo , che tempismo!
    Tutti due sembrano interessati a un cambiamento etnico della popolazione Italiana, la sinistra perché con i nuovi immigrati cerca nuovi comunisti per rimpiazzare la diserzione delle sezione, la chiesa italiana nuovi fedeli che non fanno troppe domande sulla fede e siano obbedienti.
    La chiesa Italiana e la sinistra sostengono un cambiamento etnico della popolazione italiana rea di essere secolarizzata e borghese e di pensare per conto suo.
    Questo cambiamento etnico voluto é vero razzismo, Cherubino sei tu il vero razzista, un razzista anti Italiano.
    Questa cosi detta politica dell’accoglienza a poco a che vedere con la carità, ma a motivi di torna conto, conti di botteghe e sacrestie molte oscure.

  193. mauro scrive:

    Caro LAurentinum, aggiungo qualcosa a quanto hai detto Cherubino. Non trovi strano che ci siano cattocomunisti al parlamento? Se si vuole essere sinceri, dipende proprio da quella Dottrina sociale cattolica (DSC) che la Chiesa vuole perseguire e che si rifà a Marx, un ebreo. E’ inbubbio che lo spostamento progressivo verso la sinistra è a causa di una decisione della Chiesa che ricerca la pace sociale. Ma è anche indubbio che la stessa Chiesa fa pressione sul PDL perchè vengano previsti i precetti della Chiesa nella formazione delle Leggi.
    E’ indubbio che la Chiesa voglia reinstaurare quel potere che le fu tolto con l’azione della breccia di porta Pia, ed è indubbio che il primo segnale fu la stipula dei Patti Lateranensi con Mussolini, se ricordo bene nel 1929. Prima la Chiesa se ne sta tranquillamente zitta, non fiatava assolutamente. Non fiatava proprio Pio XII con il fascismo e il nazismo che già dilagavano. Pio XII aprì la bocca solo con la disfatta del nazismo. Ma proclamarsi contro il nazismo ed il fascismo quando non esisteva piu’ si chiama opportunismo non condanna. Ma si chiama anche apparire quello che non si è mai stato perchè la Chiesa li appoggiava entrambi, è ripulirsi il vestito insozzato dal fango quando gli altri non ti vedono perchè sono presi dalla gioia della fine della guerra.

    Ritornando alla DSC, che ritengo la cosa piu’importante, ne ho parlato lungamente in un altro post con Enos. In sintesi. Nella DSC c’è un errore fondamentale, direi un orrore. Si parla di diritti del lavoratore, di doveri dell’azienda e basta. Manca assolutamente il dovere del lavoratore.
    Quando manca questo elemento si da’ adito ad uno scontro, non ad una pace sociale perchè il presupposto per ottenere quest’ultima è che i diritti del lavoratore e dell’azienda si fondano insieme.
    E se vogliamo capire il perchè di ciò è sufficiente leggere quanto ha scritto Marx. E’ il copia ed incolla delle sue teorie proprio perchè anche Marx non parlava dei doveri del lavoratore.

    Se vogliamo esere sinceri, fino in fondo, è inconcepibile che la Chiesa tenga questo atteggiamento nella DSC quando da due millenni ha perseguito esclusivamente i doveri del fedele nei riguardi della religione.

    Allora viene da chiedersi a cosa miri la Chiesa in questi ultimi anni, quali siano i suoi intendimenti.

    Considerando il tutto, lo scopo attuale della Chiesa è rompere tutti gli equilibri laici istituzionali ed assurgere a colei che sa indirizzare nel giusto, nella verità, vale a dire prendere il potere per determinare il futuro del mondo. Ho detto proprio del mondo e non lo smentisco perchè da Pio XII , tutti i pontificati che si sono succeduti lo confermano. E in forza dell’estensione del cristianesimo nel mondo, ancora oggi dopo GPII, continuamente Papa Benedetto bacchetta gli Ebrei, i goverbi, gli scienziati, papà Englaro, chiunque si opponga al suo disegno. Alza la voce con tutti, come se alzare la voce volesse dire “ho ragione”.

    Stiamo ritornando verso quello che noi intendiamo essere il comunismo, il tutto tramite la DSC, i cattocomunisti, i Papi. Era stato sconfitto? Qualcuno si ricorda dell’Araba Fenice che risorge dalle sue ceneri? Appunto.

  194. annarita scrive:

    Vorrei che ci fosse cordoglio, oltre che per i 6 milioni di ebrei uccisi sotto il nazismo, anche per i 100 milioni di morti sotto il comunismo e per i morti cattolici nel Sudan e per gli Armeni, e…e…e
    Nemmeno la morte accomuna gli uomini?
    Stiamo a litigare per chi abbia più diritto ad essere compianto? Ci si litiga sui numeri dei morti, come se fosse un video game a punteggio?
    Ci vorrebbe solo un po’ più di giustizia storica e ognuno piangerebbe i propri morti senza rivalersi sul prossimo.