Lo storico annuncio del Papa: quei resti sono di San Paolo

Cari amici, poco fa Benedetto XVI, chiudendo l’Anno Paolino, ha fatto un annuncio storico, rivelando che sono stati eseguiti esami a radiocarbonio sui frammenti di ossa ritrovati nel sarcofago venerato nella Basilica di San Paolo fuori le Mura. Ecco ciò che ha detto il Papa: “L’anno commemorativo della nascita di san Paolo si conclude stasera. Siamo raccolti presso la tomba dell’Apostolo, il cui sarcofago, conservato sotto l’altare papale, è stato fatto recentemente oggetto di un’attenta analisi scientifica: nel sarcofago, che non è stato mai aperto in tanti secoli, è stata praticata una piccolissima perforazione per introdurre una speciale sonda, mediante la quale sono state rilevate tracce di un prezioso tessuto di lino colorato di porpora, laminato con oro zecchino e di un tessuto di colore azzurro con filamenti di lino. E’ stata anche rilevata la presenza di grani d’incenso rosso e di sostanze proteiche e calcaree. Inoltre, piccolissimi frammenti ossei, sottoposti all’esame del carbonio 14 da parte di esperti ignari della loro provenienza, sono risultati appartenere a persona vissuta tra il I e il II secolo. Ciò sembra confermare l’unanime e incontrastata tradizione che si tratti dei resti mortali dell’apostolo Paolo. Tutto questo riempie il nostro animo di profonda emozione”.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Print
Pubblicato il da Andrea Tornielli Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

89 risposte a Lo storico annuncio del Papa: quei resti sono di San Paolo

  1. peccatore scrive:

    Anch’io mi sento emozionato…

    Paolo è lì dove si è sempre ritenuto che fosse, la storia che si riprende i suoi spazi su ogni filosofia, la verità che muove da accadimenti e non da idee.

    Il cristianesimo è figlio della storia: è l’arrendendersi di fronte all’evidenza di fatti che ti sconcertano e ti obbligano a cercare di comprenderli, al di fuori degli schemi precedentemente disponibili, annunciando ciò che è stoltezza e follia per il mondo, ma avendone fatto un’esperienza che non si può tacere.

    La vicenda del Dio incarnato, crocifisso e risorto, diventa la presa d’atto di chi aveva gli strumenti per collocarlo nelle promesse di Dio al suo popolo. Siamo a contatto di un protagonista del messaggio che si è diffuso sui piedi dei suoi messaggeri.

    Un messaggio esigente: Dio ci ama, vuole salvarci, ma non ci salveremo se non lo vorremo fare, perchè la nostra libertà ci giudicherà e Dio la rispetterà. Perciò chi ha tagliato la testa di Paolo e chi taglia la testa al cristianesimo sarà giudicato anche dal suo cuore (in senso biblico): l’ignoranza sarà giustificata, l’indifferenza peserà, l’odio verso lo Spirito santo non otterrà perdono persino da chi per perdonarci è disposto a morire umanamente in croce.

    Domani è festa anche di San Pietro: altro apostolo, altro martire dell’odio del mondo che non sosta davanti ai fatti (le date non sono casuali) ed insegue le ideologie del principe delle tenebre.

  2. Non ho parole.
    Gioisco nella COMUNIONE DEI SANTI.
    le date non sono per niente casuali.
    anzi:niente è casuale.
    (neanche le pseudordinazioni, purtroppo: padre livio parlerebbe di sberleffo satanico).

    Santi Pietro e Paolo, pregate per noi.
    San Giuseppe, Patrono universale della Chiesa, proteggila, come hai fatto con la Sacra Famiglia.
    Mater Ecclesiae, ora pro nobis.

  3. Sal scrive:

    Ecclesiaste 9:5
    Poiché i viventi sono consci che moriranno; ma in quanto ai morti, non sono consci di nulla, né hanno più alcun salario, perché il ricordo d’essi è stato dimenticato. Inoltre, il loro amore e il loro odio e la loro gelosia son già periti, ed essi non hanno più alcuna porzione a tempo indefinito in nessuna cosa che si deve fare sotto il sole.
    Ecclesiaste 9:10
    Tutto ciò che la tua mano trova da fare, fallo con la tua medesima potenza, poiché non c’è lavoro né disegno né conoscenza né sapienza nello Sceol, il luogo al quale vai.
    Matteo 8:22
    E Gesù gli disse: “Continua a seguirmi, e lascia che i morti seppelliscano i loro morti”.
    Luca 16:30
    Quindi egli disse: ‘No, davvero, padre Abraamo, ma se qualcuno dai morti va da loro si pentiranno’. Ma egli gli disse: ‘Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi nemmeno se qualcuno sorge dai morti’”.

  4. ilsanta scrive:

    Radiocarbonio, radiocarbonio, chi era costui?
    Non era forse lo stesso metodo analitico che ha smentito l’autenticità della sindone?
    Un metodo che se conferma funziona e se smentisce non funziona … così sia ….

  5. sasso scrive:

    San Paolo c’è !

  6. igor traboni scrive:

    E’ un’emozione fortissima. E se pregassimo un po’ di più, invece di perderci in tante chiacchiere, probabilmente l’emozione diventerebbe esperienza di vita.

  7. mauro scrive:

    Ma scherziamo con l’accurata analisi scientifica al carbonio! Ma se per la Sindone hanno detto che non era attendibile!
    Un peso due misure, la Chiesa non imparerà mai a gestirsi con dignità. Troppo falsa nell’acconsentire, troppo falsa nel negare.

  8. Artefice1 scrive:

    igor traboni……..provaci a farlo.

    Cosa é PER te la Preghiera???

    CON-Sentirei solo un trattato Essenziale.

  9. bo.mario scrive:

    Che sia una grande notizia, se vera, non risolve nessun problema. Voi avete bisogno di comunicazioni ad orologeria come i segreti di Fatima, beati Voi. Tornielli al post precedente avete parlato di grandi nomine. Quelle piccole, tipo mandare un prete al programma enigma non sarebbe meglio che siano valutate bene. La teoria che ha esposto, in merito all’inquisizione, era che alle vittime gli potevi anche strappare un braccio ma l’importante era la salvezza dell’anima. Contrapporre una cosa reale, il braccio, con una cosa inventata, la fede, è stata, secondo me, una burla o una cosa tragica. Tornielli, capisco la difesa ad oltranza, ma quì, qualcuno, ha sfiorato il ridicolo.
    Un saluto.

  10. Artefice1 scrive:

    BO Mario……….a volte la Causa non coincide coi Fatti.

    Per ciò direi proprio che l’Essenziale Determinante é addirittura Imprescindibile per la Natura.
    Dunque che un braccio non sia indispenzabile sarebbe un fatto sul quale non ci piove.

    La tua questione andrenne affrontata proprio CON: Quello che Manca.

    La CON-Siderazione.
    Come dire che il CON (Sentimento Determinante) Privato dellarto o dell’Esistenza, viene appiedato.
    In altre parole si chiama Rispetto.

    Il comandamento Non Uccidere, (neppure un arto)Manifesta il Senso.
    Che nella tua Proposizione, MANCA.

    Così saresti solo Strumentale, di fatto e di diritto.

  11. Artefice1 scrive:

    Bo Mario…………CON-Cludendo.

    Se non dimostri di CON-Siderare il Senso: Sentimento Dedetminante, Impresso nell’Universo dall’Unico Dio Padre Creatore, (presente anche in te), Sempre UNICO Destinatario del Rispetto, come fai a garantirmicisiviti la tua InCONdizionata stima?

    A tua volta intendi arrogarti il Diritto di decidere in piena Autonomia come fanno gli Aguzzini?

    Non credo possa Essere Soddisfacente.
    Come dire.
    Non sarebbe un Fatto Determinante la Vita.
    Vita = Ciò che resta dopo l’attimo chiamato Fatto.

  12. peccatore scrive:

    C14 a volte si e a volte no…
    L’ignorare è sempre un bell’inizio del parlare a vanvera.
    Nel caso della sindone il campione è dubbio per una serie di ragioni (ci sono libri interi), mentre la determinazione su un osso (non un tessuto) non toccato da secoli è molto attendibile. Nel caso della sindone non è il C14 in discussione, ma la sua applicazione (e la buona fede di certi analisti).
    Non abbiamo bisogno di rivelazioni ad orologeria, ma è l’orologio a smontare i detrattori: si sa, il tempo è galantuomo… E quando non avremo più tempo per cambiare idea, i conti verranno tirati con quello che porteremo in dote, non con le teorie…

  13. Gabriella scrive:

    Anche a me riempie di emozione perché noi abbiamo bisogno di queste cose, di icone, arte, di reliquie, ecc. … siamo fatti di corpo, non solo spirito ;) Comunque, è incredibile che dopo le tante guerre, i saccheggi, i disastrosi incendi, le ossa di San Paolo sono state trovate lì dove abbiamo sempre creduto che fossero  – il tempo e gli eventi non hanno cancellato niente.
    Se non altro, queste ossa sono un segno visibile di una Chiesa che ha duemila anni!

    A parte l’icona di San Paolo trovata nelle catacombe mi sembra che nello Stretto di Messina siano stati trovati i mattoni del tempio di Artemide – il luogo dove San Paolo fece il suo primo discorso in Italia.

  14. Giovanna scrive:

    Ritengo sia davvero una cosa fantastica e oltremodo emoziante che, dopo quasi 2000 anni di dubbio, si sia stabilito con certezza quasi assoluta e grazie alla scienza (che quando serve viene benedetta!!!!!) che nella tomba di Paolo di Tarso ci siano proprio i resti di Paolo di Tarso (o comunque di un individuo della sua epoca) anzichè quelli di Marilyn Monroe. Sarebbe quasi il caso di gridare al miracolo!!

  15. Ubi humilitas, ibi sapientia. scrive:

    Buongiorno a tutti, agli amici “in particolare”.
    Terminato il lavoro è bello dare una occhiatina al blog.
    Non c’è “baraonda” oggi (chissà perchè???) e le finestre sono “aperte”.
    Mi ha colpito la frase di chiusura del post di Peccatore:
    “E quando non avremo più tempo per cambiare idea, i conti verranno tirati con quello che porteremo in dote, non con le teorie…”.
    In pratica “I Novissimi” ricordati e spiegati in una frase di una “semplicità” disarmante, segno però di una “profondità” di giudizio rilevante.
    A “finestre aperte” si sente quando entra “aria buona, fresca”.

  16. Dario scrive:

    Caro ilSanta… “studia” (prima di parlare di cose che CREDI di conoscere) e vedrai che sono gli stessi scienziati che hanno eseguito gli esami sulla sindone (e che 20 anni fa strombrazzavano che era un falso medioevale) che adesso hanno “smentito” il metodo da loro stessi usato e non lo ritengono più “corretto”… concludendo che l’esame è falsato e andrebbe quanto meno rifatto. Ciaooooooo

  17. Dario scrive:

    Cara Giovanna, non c’è proprio nessun miracolo a cui gridare… di queste “conferme” della scienza ce ne sono più di quanto si pensa… è + la regola che l’eccezione! e chi si informa di queste cose lo sa. Ciao

  18. bo.mario scrive:

    Artefice spero che il SENSO l’hai capito. Lo strazio di quelle persone non conta niente? spesso innocenti e preda del delirio religioso degli inquisitori. Spero ricordi la macchietta di A.Sordi in quel film dove non riusciva a salvare l’anima dei due ultimi condannati a morte dallo stato pontificio, emblematica. Erano altri tempi, ne è passata di acqua sotto i ponti, mettiamola così. Quando si và in pubblico, a parlare, bisogna avere la decenza di vergognarsi di certe cose. Artefice la chiesa attuale non usa più quei metodi. Il vangelo che Voi onorate non è lo stesso? Un saluto.

  19. e’ GRAVE. molto grave ciò che accade.
    bisogna che noi ce ne accorgiamo
    e lo teniamo ben presente.
    Nell’Ovile Santo è in atto
    una bufera terribile.
    Aldilà del “colore” delle bufere e degli strappi
    delle provocazioni e delle sfide a muso duro
    ci sarebbe solo e soltanto da pregare per il Vicario di Cristo.
    Invece che succede? Succede che le “fazioni” di disobbedienti(tali sono e tali chiamiamoli)non si arrendono. Sono ostinati. Avete notato che, al 90%, quando qualche tifoso di econe risponde alle sacrosante osservazioni, invece di fare SERIA E SEVERA autocritica(O UN DIGNITOSO SILENZIO), ribattono citando, ACCUSANDOLI, i protestanti e gli ortodossi? Davvero da ridere, se non ci sarebbe da piangere.
    Non è certamente questa la VIA della pace.
    Certamente Fellay non sta aiutando il Papa.
    Certamente quell’uomo di linz con la mazza in mano(e/o chi lo ha manovrato a tale assurda provocazione)non sta aiutando il Papa.
    Certamente chi, a vario titolo, permise che fosse esposta una rappresentazione dell’Ultima Cena come una (mi vergogno solo a dirlo) orgia di invertiti, non ha edificato la Chiesa di Cristo.

    ma, ovviamente, queste NON SONO IMPROVVISAZIONI: son cose meditate e covate in anni di clandestinità. E le convinzioni, è noto, una volta penetrate in un cervello(specie di un fanciullo e/o di un convertito)è difficile toglierle. Non arrivo a parlare di plagio, ma probabilmente, IN CERTI CASI, ci sarebbero gli estremi.

    Pazienza. La Chiesa supererà questa bufera.
    Francamente non so come.
    Mi vien in mente il sogno di don Bosco
    ma per gli intelletuali(di quà e fuori di qua)è troppo poco parlare delle fantasie oniriche(!)sia pure di ungrande santo.
    E allora?

    E allora parlare della imminenza(relativa) del tempo dei dieci segreti per molti di voi è come se volessi provocarvi(ed io vi ASSICURO che non voglio provocare, ve lo dico col cuore)ed allora non posso far niente.
    Vorrei solo, umilmente, ricordarvi che -di là da i “volumoni” pure UTILISSIMI- CIRCOLANO IN ITALIA DEI GRAZIOSI ED ECONOMICI LIBRETTI, curati da una casa editrice che ha la PACE in cima ai suoi pensieri e non il lucro. Sono volumetti snobbati dai piu (mai una recensione su Famiglia Cristiana, ma neppure su Cristianità o Tempi)ma con tanta ricchezza spirituale.

    Shalom!

  20. mauro scrive:

    Caro Ubi humilitas, ibi sapientia, Forse non hai proprio capito quello che affermava il peccatore con quella frase.

    Le teorie non servono a nulla (dire che è vero o falso a seconda dell’opportunità), i conti si faranno con quello che abbiamo dentro (in dote), l’unica cosa che il tempo non può cambiare perchè saremo alla fine della nostra vita.
    Ha espresso un concetto religioso molto piu’ ampio del tuo.

  21. bo.mario scrive:

    DeMatteis, mi auguro per tè, che i dieci segreti non siano come quelli di Fatima. Ricordo anche a te che l’occhio è uno strumento del cervello. Il cervello fà vedere cose che uno cerca. Onirico è dir poco. Un saluto.

  22. mauro scrive:

    Caro Cosimo de Matteis alias Cherubino, direi proprio che al di là del colore non si può dire perchè tu sei cattocomunista a causa delle idee comuniste che ha propugnato GPII per quasi 30 anni. E’ a causa di ciò che tu sei finito lì trasportato inconsciamente da quell’ideologia comunista. Benedetto XVI sa quanto danno è stato fatto è continuamente, quando vi è necessità, invita i cattocomunisti a rispettare le regole morali e ciò che impongono loro di fare nell’approvazione di una Legge. Non so se te nei sei accorto, ne dubito, ma il comunismo si sta impadronendo della religione e la sta adattando alla propria ideologia.
    Si è sempre detto che le idee comuniste assomigliavano troppo alla religione cattolica per rimanere distinte. Si sta avverando.

  23. mauro scrive:

    Caro Cosimo de Matteis alias Cherubino, Famiglia Cristiana sono anni che non fa piu’ parte del giornalismo cattolico. E’ ora passata in mano alla sinistra. Direi che è da evitare al pari delle tue idee comuniste.

  24. Rallegrato scrive:

    Mi rallegro che il gregge di dio sia così felice per una “notizia” di cotanta importanza. Felice che l’esame del C14 abbia confermato che un minuscolo frammento di osso ivi contenuto, sia appartenuto ad un essere umano vissuto tra il I e il II secolo: questo dimostra incontrovertibilmente che si tratti proprio del corpo di S.Paolo e non di un Michelino qualunque. Come dice Zichichi: è scienza! :-) )) Certo che se questa fortuna fosse capitata anche per la tomba di Pietro avreste fatto bingo… Mi chiedo cosa succederebbe se qualcuno ritrovasse in Palestina (in una località a scelta) un frammento d’osso databile a cavallo dell’anno 0: se tanto mi dà tanto, si potrà sempre dire che si tratti di Gesù. O forse no: in quel caso sarete sicuri che si tratta proprio di Michelino… Gesù, come “tutti” sanno, è risorto.

  25. mauro scrive:

    Caro Cosimo de Matteis alias Cherubino, dici:

    ***** E le convinzioni, è noto, una volta penetrate in un cervello(specie di un fanciullo e/o di un convertito)è difficile toglierle. Non arrivo a parlare di plagio, ma probabilmente, IN CERTI CASI, ci sarebbero gli estremi.*****

    Detto da te, rappresenta la conferma al motivo per cui la gente rifiuta il battesimo: il plagio, che purtroppo nel diritto penale non esiste piu’.

    Per una volta ti ringrazio.

  26. mauro scrive:

    Caro Bo.mario, i dieci segreti sono quelli della Madonna di Medjugorje.
    Cagliostro era piu’ onesto, li resi pubblici subito, così tutti hanno avuto la possibilità di constatare che si avveravano nel trascorrere del tempo.

    Il vescovo di Monstar, Pavao Zanić, ha sempre nutrito delle perplessità sulla veridicità di tali presunti fenomeni miracolistici, tanto da definire il caso Medjugorie “il più grande imbroglio nella storia della Chiesa”.
    La Chiesa non ha ancora preso posizione sulla Madonna di Medjugorje eppure i fedeli già pensano a questi 10 segreti. Si direbbe una campagna “Pubblicità Progresso”.
    Pubblicità dei fedeli, progresso della Chiesa (rinsaldo della fede).
    Infatti tra le dichiarazioni del Cardinal Bertone risaltano:
    3- “Nel frattempo sono permessi i pellegrinaggi privati con un accompagnamento pastorale dei fedeli”.
    4- “Infine, tutti i pellegrini cattolici possono recarsi a Medjugorje, luogo di culto mariano dove è possibile esprimersi con tutte le forme devozionali”.

  27. mauro scrive:

    Caro Dario, mi dici quando la Chiesa rifarà quell’esame sulla Sindone? Al piu’ tardi? Sarebbe da fare subito, considerato che quelle sono le spoglie di S.Paolo.
    Forse qualcuno fa il gioco delle tre carte? Non gli scienziati.

  28. mauro scrive:

    Per chi vuole verificare se Cosimo de Matteis è Cherubino, è sufficiente andare nel post del dott. Tornielli del 24 giu 09:La grande statua di Padre Pio e la creatività del Sud.

    cosimo de matteis Scrive: June 26th, 2009 at 10:14 pm;
    Cherubino Scrive: June 26th, 2009 at 10:02 pm;

    Era sufficiente dire che era vero, che gli dispiaceva di aver abusato della fiducia altrui e scegliere con che nome presentarsi definitivamente, per un senso di correttezza verso tutti e soprattutto verso il dott. Tornielli che tiene questo blog.
    Cosa ancor piu’ grave, sfruttava questa doppia identità per rafforzare la veridicità delle proprie asserzioni, confondendo chi scriveva su questo blog.

    Non avendo fatto l’ammissione di pubbliche scuse, non si è comportato da buon cristiano quale invece si proclama.

    Da parte mia non merita alcuna fiducia, nè come Cosimo de Matteis, nè come Cherubino, nè con qualsiasi altro nome vorrà ripresentarsi.

  29. pierluigi scrive:

    Scienza e radiocarbonio 14 sono attendibili quando…..servono. In questo caso, è opportuno dare risalto ad un fatto (già noto, mi sembra): ben venga, dunque, la scienza : purchè sempre ancella della fede ! Che contorsionismi ! La chiesa cattolica non si smentisce mai.

  30. pierluigi scrive:

    Per Artefice1. Perchè ogni volta che Lei scrive “con” usa le maiuscole? Scusi la mia ignoranza, ma non capisco: forse Le si inceppa il tasto shift?

  31. Artefice1 scrive:

    Pierluigi…….solo in apparenza saremmo divini Naturalmente.
    Come dire Infiniti?

    Succede dunque, nell’Esistenza Finita, La Costante, di ripetere, quanto sarebbe già chiaro di SUO.

    COM = Sempre sigla di COM-Andante.

    CON = Essere – Senso – Unicità – PERfezione – ………- TUTTO – DioPadreCreatore.

    In buona sostanza.
    Unico e Solo Punto abbastanza capace, da PER-Mettere la RELAZIONE.!!!

    Può bastarti?

  32. Artefice1 scrive:

    Mario caro…….sarebbe LO STESSO.
    Ma le parole non s’imparano sempre allo stesso modo.

    I casi sono sempre due. Pure PER le parole.
    Si possono Volere.
    Oppure si Sentono.

    Ai tempi del marchese del grillo dominava la Voglia.
    Dopo due batoste mondiali e le dimostrazioni CON-Seguenti, pare che il Dubbio abbia ridimensionato la Voglia Assoluta.

    Ecco.
    Credo sia l’Unico spazio PER-Messo all’Umanità per CON-Sentire.

    Si chiama Senso.

    La Relazione LO Dimostra.

    Cosa vuoi di più?
    Dell’Unico CON-Senso.

  33. mauro scrive:

    Caro Luigi, direi l’inverso di Artefice1

    COM = sempre sigla di COM-andamento
    CON = lo stato in cui ci si trova (l’apparenza)

    Proprio perchè il COM-andamento esige un COM-andante

    D’altra parte CON è sinonimo di insieme a, a fianco di, di conserva a, (sempre disgiungibile), mentre la particella COM è sinonimo di appartenenza, spettanza, dominio, competenza (non disgiungibile).

    Giusto per spiegare perchè Artefice1 è quasi impossibile capirlo.

    Vedrai che reprimenda mi arriverà da Artefice1. Già lo so.

  34. Artefice1 scrive:

    Caro Mauro………prima ti mando un abbraccio.
    Sistemalo come ti pare.

    Se mi senti come fossi una reprimenda, fammi un esempio di come avrei dovuto significarti i miei spunti. (Prova a rifare una mia così detta “reprimenda”)
    Potrei accontentarti.
    Preferisco profumare piuttosto che puzzare.

    “””Proprio perchè il COM-andamento esige un COM-andante”””
    Dunque non aspetto che mi CON-Segni perché puzzo.

    Il COM non sarebbe mai finito! Perciò non finirebbe, né può proprio Finire.
    Come MAI potrebbe, immerso nella EQUAMENTE DIFFUSA Imperfezione?

    Rivedresti almeno un tantino, il CON?
    Prima cosa il CON dipende da te. E non é poco.
    Poi se ti Relazioni sarebbe Finita.
    Come dire:
    Avresti il Tutto senza altre preoccupazioni. (Quelle Voglie dei COM-Andanti. Le conosci?)
    Almeno ti Pare?

    “””D’altra parte CON è sinonimo di insieme a, a fianco di, di conserva a, (sempre disgiungibile), “””
    Pressapoco giusto.
    Ma aggiungerei.
    Sostituendo il “disgiungibile” che quando la cosa Soddisfa, mica Finisce.

    Sarebbe già nata Finita.
    Come dire: COMPLETA.

    “””mentre la particella COM è sinonimo di appartenenza, spettanza, dominio, competenza (non disgiungibile).”””
    Quando mai l’avresti vista questa Felice Coercizione?
    Forse me la sono persa?

    A me pare proprio che il COM cos’ definito sia il fondamento, plinto a sostegno della Scelleratezza.

    Questa tua PER-Cezione mi turva, piuttosto.

    Io resto Indubbia-Mente appiccicato al CON-Senso.
    Anche se non lo dimostri di tuo CON-Senso.
    Poco male.
    Sappi che comunque l’avrei già di mio.

    Sempre che la Libertà possa Ultimare l’Opera.
    Diremmo:
    Perfezione possibile?

  35. steno scrive:

    Il papa non è d’accordo con i cattolici adulti. E con quelli adulteri?

  36. Artefice1 scrive:

    Mauro……..dimenticavo che tu PER-Cepisci a modo tuo.
    Solo la CON-Cretudine però.
    Per questo potresti non capirmi.
    Fino al punto di definirmi Anarchico.

    Allora a scanso d’equivoci.
    Affermo solennemente.
    PER FARE LE COSE può Servire anche la Gerarchia.

    Ricorda bene.
    SOLO PER FARE! Quanto soddisfa l’Esistenza.

    Il mio spunto lo devi riferire ALLA VITA!!!
    Chiaro?

    NESSUNO PUO’ DOMINARLA!!!

  37. Artefice1 scrive:

    Mauro…… ./.

    Il COM-Andamento, calato nell’imperfezione.
    Come già detto
    Non è Finito. Come dire Completo.

    LO COM-Pleti proprio tu LegittimandoLO!!!

    Che significa?

    Un Significato NON HA SENSO!!!
    Fin tanto che la tua Vita LO INCARNA COM-PLETANDOLO.

    Tutto questo cosa MAI potrebbero ESSERE altro che CON-SENSO???

  38. Marina scrive:

    Carissimo Artefice1
    Cosa disse Gesù??
    “il vosto parlare sia ,si,si.,no,no.”
    Dalle mie parti si dice:parlar sincero sempre,e dire le cose fuori dai denti.
    Il tuo è un parlar confuso,non vedi che nessuno ti segue?
    che divertimento ci trovi?

  39. mauro scrive:

    Caro Luigi, scusa se ho fatto quei miei esempi di COM e CON.

    Era l’unico modo per farti leggere qualcosa in piu’ di Artefice1 sui suoi COM e CON. In fondo l’ho fatto a fin di bene, spero di entrambi, perchè in fondo apprezzo Artefice1.

    La vita rimane, essenzialmente, un punto di vista.

  40. Percival scrive:

    C’é un problema con questa scoperta: solo verifica che le ossa appartengono ai primi secoli. Dall’altra parte, questo dato si collega con una tradizione sulla provenienza del reperto. Ma tutto questo, ci conferma che si tratta appunto di San Paolo? Come si arriva a questa conclusione?

  41. Artefice1 scrive:

    Marina……come hai fatto a rispondermi?

    Per dirtela tutta.
    I miei sarebbero solo SI, detti alla mia maniera.

    Mentre i tuoi sono tutti NO.

    Pretendi forse una COM-Promissione?
    Oppure tu saresti perfetta e sarebbe opportuno stessi zitto?

  42. Dario scrive:

    Caro Mauro, e io che ne so quando la chiesa vorrà rifare questo esame??? di sicuro è disponibile a ripeterli, cosa che fino ad oggi non si può dire dei laboratori che si sono sempre rifiutati di farlo… gridando a squarciagola che non c’era nessuna ragione per ripeterli, visto che il metodo seguito era scientificissimo e inoppugnabile…. salvo cambiare loro stessi idea adesso… Cmq non ti preoccupare hei!… se anche fossero capaci di dire che quel lino è dell’anno 30 mese di aprile, di certo non ti convertirai per questa notizia,dunque…che premura hai?? :D

  43. Dario scrive:

    Percival, a queste conclusioni si arriva mettendo insieme i pezzi come in un puzzle e vedendo che si incastrano… la prova definitiva e “certa” non la troverai mai per il semplice fatto che non troverai mai un osso con su scritto “Paolo”… ma, quindi, dicevo, ci si arriva dalla concordanza con una MAREA (come nel caso della Sindone) di altri indizi (che, se mi passi la battuta, già a 3 fanno una prova..) provenienti da una MAREA di discipline diverse (non esiste solo la Scienza “esatta”,che come vedi non ti può dare l’anno il giorno e l’ora esatta) Così, mentre molti si basano sul c14 come un oracolo, in realtà anche i responsi di questo esame VANNO MESSI A FIANCO DI TUTTE LE ALTRE prove o indizi che si hanno…

  44. pierluigi scrive:

    Artefice1
    Non La COM-prendo. Trovo i Suoi post CON-fusi, in-COM-prensibili, COM-plicati, CON-torti. CON-fesso di non essere all’altezza. CON rispetto. Pierluigi

  45. Marina scrive:

    Ecco bravo Artefice1
    meglio zitti che parlare inutilmente.

  46. Marina scrive:

    E sempre in moderazione neh,mi raccomando!

  47. Gladiator scrive:

    Qualcuno mi sa spiegare perchè la Provvidenza non volle che San Paolo ripercorresse la stessa strada di San Pietro
    quando da Antiochia , anzi da Creta veniva condotto prigioniero a Roma costeggiando la Grecia per sbarcare a Brindisi ?

  48. mauro scrive:

    Caro Dario, non è un problema mio quello di fare o meno l’esame di laboratorio alla Sindone. Quello che dovrebbe preoccupare la Chiesa è fare chiarezza. Sono centinaia d’anni che si parla dell’età della Sindone ma non si è risolto nulla,
    poi d’improvviso quello è S.Paolo al primo esame.
    E’ come se si lavorasse in un ufficio e si cominciasse dalle pratiche piu’ recenti. Non se ne verrebe mai a capo.

    Se l’accettazione della veridicità della Sindone fosse un problema di fede, non l’avrebbero fatta esaminare per datarla, ragionamento valido anche per S.Paolo. Non è quindi un problema di fede ed allora vorrei sapere perchè dovrei convertirmi ad un credo diverso dal cristianesimo?

  49. Marina scrive:

    San Paolo di Tarso “cristiano cattolico” ex giudeo

    Dopo la conversione, il centro del messaggio di Paolo è Cristo, il quale gli starà sempre davanti agli occhi e nel cuore. Vita, luce, sapienza, salvezza, norma di vita, “acqua viva”, fonte di grazia ….

    Come si spiega allora il suo odio verso le donne????

  50. Artefice1 scrive:

    Pierluigi……non era mia Intenzione.

    Tralascia pure le divagazioni pertinenti.

    La domanda che mi hai fatto era: “il CON” giusto?

    CON = NON LO VUOI CAPIRE?

  51. Artefice1 scrive:

    Gladiator……….sarebbe previsto da ogni intelligence.

    I Big non viaggiano mai insieme. Immagino.

    Si corre il rischio di azzerare l’insieme ordinato.

  52. mauro scrive:

    Caro Dario, giusto per rimanere nel tema della scoperta della tomba di S.Paolo, certo è che il lino nel I° secolo d.c.non veniva colorato perchè non si riusciva ancora a fissare i colori vegetali sulla fibra, si tingevano solo lana e pelle. Per avere la prima coloritura del lino, si deve attendere la comparsa del medioevo.
    Quindi dire che quel lino colorato apparteneva a S.Paolo non ha fondamento storico.
    E’ vero invece che la Basilica di S.Paolo fuori le Mura è stata costruita su un enorme cimitero cristiano.
    E’ vero invece che dire che era riccamente vestito con lino colorato lo può far assurgere a persona importante.

    Questi non sono indizi che possono fare una prova, sono prove che suffragano gli indizi. S.Paolo non poteva avere un lino colorato ma bianco come il lino della sacra Sindone.

  53. Rallegrato un po' incredulo scrive:

    Leggo che qualcuno parla di MAREA di prove. Sarei curioso di leggerne qualcuna, è possibile? Così, giusto per curiosità.

    PS: leggendo certi commenti imparo anche che la “tradizione” ha valore storico… sarà, ma io ho sempre pensato che una balla, pur ripetuta per 1000 anni, resta sempre una balla e non si muta in verità. Ma sarà che sono antico io…

  54. Gladiator scrive:

    artefice , non ti pensavo cosi intelligente !
    Hai centrato la questione a mio parere !
    Se San Paolo fosse sbarcato a Brindisi come è avvenuto per san pietro e lungo la via Appia Antica e poi via Traiana all’altezza di Benevento , dove fondò moltissime comunità tutte di seguito nel percorso e che hanno tutte per tradizione san pietro all’origine (ancora adesso !), la sua missione sarebbe stata confusa in italia con quella di San Pietro!!!!!
    Mentre, nonostante biblisti asini dicono che San Paolo fondò delle comunità in italia, in realtà non ne fondò nemmeno una ! San Paolo sembrò a molti predicare un vangelo diverso per il semplice fatto che sosteneva che la legge naturale rigurdava ebrei e pagani . San Paolo è colui che dice esplicitamente nella lettera ai romani che la FEDE CONFERMA LA LEGGE !!!!!
    tutte queste tematiche troverai qui :
    http://www.facebook.com/friends/?ref=tn#/group.php?gid=72908332687

  55. Gladiator scrive:

    nei 25 anni che Pietro risiedette in italia e a Roma fondò una miriade di piccole comunità specialmente al centro sud avendo come segretario San Marco spesso.
    Ora San Paolo, nel saluto della lettera ai Romani, dice esplicitamente che lui non ha più un campo di azione perchè ha completato tutti i luoghi assegnatigli organizzando comunità in asia minore . Non gi restava che fermarsi e fare il patriarca…. , mentre la sua miissione era per la prima evangelizzazione dei pagani .Era uno che apriva nuove piste . Ma a Roma, anzi in italia il lavoro era stato fatto e fatto egregiamente da UN ALTRO lui dice nella lettera ai romani, quindi non gli restava che la Spagna .

  56. Gladiator scrive:

    Romani 15,17-24
    17 Questo è in realtà il mio vanto in Gesù Cristo di fronte a Dio; 18 non oserei infatti parlare di ciò che Cristo non avesse operato per mezzo mio per condurre i pagani all’obbedienza, con parole e opere, 19 con la potenza di segni e di prodigi, con la potenza dello Spirito. Così da Gerusalemme e dintorni fino all’Illiria, ho portato a termine la predicazione del vangelo di Cristo. 20 Ma mi sono fatto un punto di onore di non annunziare il vangelo se non dove ancora non era giunto il nome di Cristo, per non costruire su un fondamento altrui, 21 ma come sta scritto:
    Lo vedranno coloro ai quali non era stato annunziato
    e coloro che non ne avevano udito parlare,
    comprenderanno.
    22 Per questo appunto fui impedito più volte di venire da voi. 23 Ora però, non trovando più un campo d’azione in queste regioni e avendo già da parecchi anni un vivo desiderio di venire da voi, 24 quando andrò in Spagna spero, passando, di vedervi, e di esser da voi aiutato per recarmi in quella regione, dopo avere goduto un poco della vostra presenza.

  57. Gladiator scrive:

    ed ecco dove si trova veramente attualmente nascosta l’Arca dell’Allenza
    2Macc.24-8
    Si diceva anche nello scritto che il profeta, ottenuto un responso, ordinò che lo seguissero con la tenda e l’arca. Quando giunse presso il monte dove Mosè era salito e aveva contemplato l’eredità di Dio, 5 Geremia salì e trovò un vano a forma di caverna e là introdusse la tenda, l’arca e l’altare degli incensi e sbarrò l’ingresso. 6 Alcuni del suo seguito tornarono poi per segnare la strada, ma non trovarono più il luogo. 7 Geremia, saputolo, li rimproverò dicendo: Il luogo deve restare ignoto, finché Dio non avrà riunito la totalità del suo popolo e si sarà mostrato propizio. 8 Allora il Signore mostrerà queste cose e si rivelerà la gloria del Signore e la nube, come appariva sopra Mosè, e come avvenne quando Salomone chiese che il luogo fosse solennemente santificato.

    Sul Monte Nebo !!!!

  58. Cherubino scrive:

    ho verificato che Cosimo “sembra” aver postato un post uguale il mio (June 26th, 2009 at 10:14 pm), pochi minuti dopo il mio.
    Il secondo non è certamente mio. Non so se Cosimo abbia voluto fare sue le mie parole ripostandolo. Se così lo invito a chiarirlo.
    Comunque lo ripeto, dall’esame dei “file di log” i tecnici possono agevolmente sapere se i due post sono partiti dallo stesso pc e dalla stessa area geografica.
    In ogni caso lo ripeto: io qui sono sempre e solo Cherubino.

  59. Ubi humilitas, ibi sapientia. scrive:

    Intanto… il Dott. Tornielli ci da una notizia…
    che non può che FARCI IMMENSAMENTE FELICI…
    Grazie.

  60. Luisa scrive:

    Stavo postando il mio commento quando ho letto quello di cherubino, che in parte risponde ai miei dubbi.
    In effetti Mauro pretende che cosimo e cherubino siano una sola e unica persona.
    Io fino ad ora non l`ho creduto e continuo a non crederlo, anche se il dubbio potrebbe inflitrarsi…visto il gioco di ping pong fra i due, cosimo che copia incolla cherubino quando non copia incolla se stesso, cherubino che arriva in aiuto a cosimo e risponde al suo posto, al che cosimo ringrazia, loda e rimette la risposta.
    Forse cosimo ha un`ammirazione sconfinata per il suo maestro cherubino e il maestro protegge il suo allievo, non lo so e, lo ripeto non è che sia importante, ma vorrei dire a cosimo e cherubino che il loro ping pong può suscitare il genere di dubbio che nutre Mauro.
    Penso che cherubino più che altro sia vittima dell`entusiasta ammirazione di cosimo, ma è sempre bene chiarire!

  61. Artefice1 scrive:

    Gladiator……… per così poco?

    Bastava guardare la televisione.

    Piuttosto fammi sapere a che punto sei col CON.
    Potresti servire al Pierluigi.

  62. mauro scrive:

    Cara Luisa, se guardi: mauro Scrive: June 29th, 2009 at 9:30 pm, proprio in questa pagina trovi i riferimenti giusti che convalidano quanto affermo sulla doppia identità con cui si presenta Cosimo de Matteis, l’unica cosa sicura perchè ha un blog e un sito di facebook per soli adepti in quanto l’iscrizione non è libera ma vincolata al gradimento.Si può tranquillamente affermare che è un sito con le caratteristiche segrete proprie della massoneria.

  63. Artefice1 scrive:

    Ma BRAVA Marina……..Qui proprio Ti aspettavo.

    Che anche MENTI Raricali abbiano ad Usare LA FORZA non era per me una Novità.

    Ma come fai Tu “Meglio star zitti” (e lo dici a me che DISDEGNO I SIGNIFICATI)

    Ho l’impressione che hai smobilitato TUTTO.
    Partito e come si dice? (satira?)

    Prova a farlo.

  64. mauro scrive:

    Caro Cherubino alias Cosimo de Matteis, secondo te ci vuole cinque giorni per vedere che lo stesso commento è stato spedito uno prossimo all’altro, visto che è il tuo e l’hai scritto tu. Io ci ho messo 10 minuti ad accorgermene (rif. mauro Scrive: June 26th, 2009 at 10:24 pm) . Già ti ho spiegato che nessuno avrebbe preso quel commento e cambiato il nome se non avesse aggiunto una contestazione od una precisazione. I testi sono identici, quindi sono solo i tuoi.

  65. bo.mario scrive:

    Artefice, alla fine anche simpatico, erano i tempi del marchese del Grillo, non era quello il film. C’era Pasquino, voce del popolo contro il potere. Marina pone l’accento sulla scarsa attenzione verso le donne. Sapete che esiste una teoria, teoria, sulla condizione dei santi che venerate e che hanno fondato il cristianesimo? C’era sempre un diavolo tentatore da combattere. Avete una cognizione storica di cui Vi abbeverate solo a quello che Vi pare. La chiesa di S.Paolo è sorta sopra un vecchio cimitero, fate Voi il resto. Un saluto.

  66. Artefice1 scrive:

    Ma Mario……….sei proprio sicuro?

    “””Marina pone l’accento sulla scarsa attenzione verso le donne.”””

    Te lo dico schietto, schietto.
    Qui.
    Io non mi fido più di nessuno!
    Luisa è un Luis che porta i pantaloni e la zip davanti. Per es.

    Mi vuoi PER-Vertire? Facendomi provare la gaytudine?

    Guarda piuttosto che Marina vuol metterci le pantofole.
    Perché adora la Baldoria tipica, fatta a proprio modo.

  67. Marina scrive:

    Artefice1,piantala di fare lo stupidino.
    E spiegami come può una persona definirsi cristiana e dire che crede in cristo mentre disprezza le donne. Forse che è scritto nel vangelo che noi dobbiamo stare zitte e sottomesse? Se si indicami dove che forse me lo sono perso.
    Può una chiesa cristiana continuare a venerare come santo un uomo del genere?
    Se si spiegami il perchè!
    Buon pomeriggio

  68. Artefice1 scrive:

    Marina sei Stupefacente………..Mi sconcerti.

    Sono sicuro finalmente
    Tu non hai capito come si è Donna!!!

    La Donna Capisce.
    La Donna sa cosa fa.
    La Donna Ricorda, anche i particolari.
    La Donna COM-PENSA!!!
    La Sua COM-Prensione è incondizionata PER: Natura.
    La Donna Vince il Dolore.
    La Donna non perde niente. Quando Sente.
    La Donna Sente, Quando non Pensa.
    Ecc.

    Intanto direi subito che l’invito a star zitto l’ho ricevuto io da te.
    Mentre io non mi permetterei mai, Amando ricevere anche le tue sciocchezze. Dirti di star zitta?
    L’Invito a provare, valeva solo per permetterti di Sentire gli effetti che ho solo disegnati..

    Sienti cosa Sento io.
    Ho l’impressione che Gesù Cristo non sarebbe venuto proprio a spiegare l’AMORE nell’auspicabile caso che le femmine fossero state DONNE.

    Ora figurati meglio il CON.
    PER Chi ce la dovremmo prendere?

  69. Americo scrive:

    Il papa puó dire pezzi paradiso, tutto quello che di certo si sa, é che la basilica di San Pietro fu costruita sugli Horti Domitiani dove avevano le loro ville i ricchi romani. Non si s ha alcuna notizia sul papa e sull’imperatore a cui risale la fondazione di San Pietro, ma si sa che la prima basilica voluta da Costantino fu la del Laterano. Il “Liber Pontificalis” afferma che Costantino, accogliendo la preghiera del vescovo Silvestro, l’avrebbe fatta costruire all’interno del tempio di Apollo, ma ció é noto solo come leggenda. Ci sono due descrizioni topografiche di Roma di quei tempi: la “Notitia” del tempo di Costantino dove San Pietro “non appare” ed il “Curiosum urbis” del tempo di Onorio e Teodosio il giovane dove la basilica di San Pietro sí appare. Per certo gli scavi hanno rivelato che la chiesa venne fondata in quelli che un tempo erano stati i giardini di Agrippina accanto a un santuario di Cibele (vedi Ferdinand Gregorovius, Geschichte der Stadt Rom im Mittelalter I,p.13 Einaudi).
    Infatti la fondazione della Chiesa romana da parte di Pietro non ha alcuna base storica, vedi la discussione storica in Karl Hase Kirschengescichte 1885 I,p.168 Sono tutte favole create nel secondo secolo da Ireneo, Tertulliano(poi dichiarato eretico) e Caio. San Gerolamo ci aggiunge delle sue a questo minestrone affermando che Pietro fu adirittura vescovo di Roma per venticinque anni. mentre il titolo di vescovo e molto posteriore all’inizio delle prime comunitá cristiane.
    Sommando, una favola dopo l’altra per aggiugere attrattivo al pellegrinaggio e cioé soldi alla povera chiesa il cui patrimonio sarebbe stato dimezzato dalla presente crisi, ma chi ci crede?

  70. Marina scrive:

    Perchè io non scrivo stupidaggini come fai te.
    Comincia a scrivere come fanno i comuni mortali e vedrai che nessuno ti dirà più di stare zitto.
    Il dialogo deve essere costruttivo,ma con te non si può.
    Un cordiale saluto

  71. Cherubino scrive:

    Americo stai sbagliando: i vescovi e la successione apostolica è testimoniata fin dalle origini.
    Vedi l’elezione di Mattia al posto vacante di Giuda, vedi la descrizione che ne dà Paolo in Lettera a Timoteo:

    “se uno aspira all’episcopato, desidera un nobile lavoro. 2Ma bisogna che il vescovo sia irreprensibile, non sposato che una sola volta, sobrio, prudente, dignitoso, ospitale, capace di insegnare, 3non dedito al vino, non violento ma benevolo, non litigioso, non attaccato al denaro. 4Sappia dirigere bene la propria famiglia e abbia figli sottomessi con ogni dignità, 5perché se uno non sa dirigere la propria famiglia, come potrà aver cura della Chiesa di Dio? 6Inoltre non sia un neofita, perché non gli accada di montare in superbia e di cadere nella stessa condanna del diavolo. 7È necessario che egli goda buona reputazione presso quelli di fuori, per non cadere in discredito e in qualche laccio del diavolo.”

  72. Artefice1 scrive:

    Ciaooo Marina………ho capito.

    O tratto i tuoi significati (inutili) altrimenti non sarei un comune mortale. Giusto?

    A me i Fatti di tutti gli altri non m’interessano proprio!

    Mi serve solo il TUTTO quanto Resta! Sempre! Capisci???

    Io ti ho capito ed ho cercato proprio di sollecitare il tuo sempre, ma tu mi scodelli soltanto frittate che spariscono in un boccone.

    Come facciamo?

  73. mauro scrive:

    Caro Cherubino alias Cosimo de Matteis, bella quella descrizione che dà Paolo, nella lettera a Timoteo, sull’elezione di Mattia al posto di Giuda.

    C’è un problema però: è stata aggiunta una cosa che non era presente nell’originale.
    al punto 2 : si afferma che il vescovo non sia sposato;
    al punto 4 : si afferma che il vescovo sappia dirigere bene la propria famiglia ed abbia figli sottomessi con dignità.
    al punto 5 : si afferma che se sa dirigere bene la famiglia potrà aver cura della Chiesa di Dio.

    Il punto 2 è in contrasto con i punti 4 e 5.
    E proprio quel “non sposato” del punto 2 che è stato aggiunto.

    Se Leggi bene, non si parla di matrimonio al punto 4 e 5 ma solo di famiglia perchè a quei tempi si conviveva ed il matrimonio era un perfetto sconosciuto.
    Ma quel “non sposato” implica un matrimonio, perciò è stato aggiunto quando il matrimonio sostituì la convivenza. La data del 1215 non ti dice niente?.
    Te lo dico io : La Chiesa istituì il matrimonio come sacramento rendendolo indissolibile proprio perchè la convivenza poteva causare problemi alla famiglia (abbandono del tetto coniugale e convivenza con altra persona). Digressione: direi che l’indissolubilità del matrimonio, comunque, non ha risolto quei problemi della famiglia, ancora esistano.

    Da ciò si evince che è la Chiesa che non vuole che il clero si sposi perchè Paolo contempla che il vescovo abbia una donna (implicitamente) e dei figli accanto a sè.

  74. mauro scrive:

    Caro Americo, sulla menzogna del patrimonio “dimezzato” (meglio “molto depauperato”) direi che hai torto.

    C’è la prova che la Chiesa finanziariamente ha subito un tracollo a causa della crisi finanziaria. Non l’ha detto esplicitamente ma ha ideato una colletta che servirà per offrire un prestito a chi si trova in necessità economiche ristrette.
    Sembrerebbe tutto a posto ad un primo esame: raccoglie aiuti sotto forma di contante e li ridistribuisce a chi ne ha bisogno.

    Ma è quel “prestito” che ribalta tutta la concezione economica della colletta.
    Il prestito implica che chi lo riceve lo restituisca.
    Mettendo per ipotesi che una famiglia sia bisognosa perchè ha perso il lavoro (la capacità economica di far fronte alle esigenze della vita), questa riceverà l’aiuto dalla Chiesa ma quando riotterrà il lavoro dovrà restituirlo. In questo preciso momento la famiglia ritornerà ad avere difficoltà economiche. Quindi il prestito altro non fa che procrastinare il momento di difficoltà economica della famiglia.

    Alla fine della fiera, che corrisponde al momento in cui la Chiesa ricuoterà tutti i prestiti concessi alle famiglie bisognose, questa si ritroverà in mano quei fondi che i fedeli hanno offerto per aiutare chi ha bisogno. Ciò significa che in realtà la Chiesa non ha aiutato nessuno e che il fedele ha ripianato la perdita economica della Chiesa dovuta alla crisi economica mondiale

    Direi che come sistema di raccolta capitali è una bomba. Veloce, sicuro, non si aiuta nessuno e si fa bella figura.

    Morale: Ho perso soldi amministandoli incautamente? Pagano gli altri.

  75. Americo scrive:

    @ Cherubino
    Non c`é dubbio che Timoteo e Tito fossero colleghi di Paolo di Tarso come li menziona egli stesso, peró non é cosí certo per le due epistole a Timoteo e Tito, cioé quelle che si chiamano le epistole pastorali. Esse appaiono linguisticamente scritte dalla stessa mano, non paolina, e che per la maggioranza degli esperti cattolici e non cattolici, come cita il Vielhauser, sono pseudo-paoline, cioé scritte da un membro della chiesa che vuole farsi forte dell’autoritá di Paolo. Le ragioni sono moltissime e fortissime e non é quí il luogo di enumerarle e discuterle. Esse sono state quasi unanimamente datate tra il 100 e il 140 AD, e si preoccupano principalmente della organizzazione e della struttura della chiesa come istituzione, per salvaguardar la vera dottrina.
    In esse appaiono per “la prima volta” le condizioni per diaconi, anziani e vescovi ed anche la necessitá di rimunerarli. Ergo riflettono esattamente la formazione, nel secondo secolo, di una comunitá cristiana organizzata.
    Che appaiano nel Canone non gli conferisce autoritá maggiore di quello che ha determinato la esegesi moderna.

  76. Marina scrive:

    Artefice1

    Digeriscile!

  77. Cherubino scrive:

    caro Americo, l’esegesi moderna non dice esattamente quanto tu riporti un pò semplicisticamente.
    Giusto per rissumere
    - le lettere “pastorali” di Paolo sono state da tutti gli autori dei primi secoli attribuite a Paolo;
    - sono ricche di particolari che contraddicono la tesi della scrittura nel II secolo,
    - tale tesi, avanzata da alcuni esegeti sulla base di supposte discrepanze linguistiche tra alcune lettere di Paolo e quelle “pastorali”, è stata da altri rigettata dato che ogni presunta anomalia linguistica è risultata o inesisistente, o “gonfiata” o spiegabile;
    - se pure la lettera fosse di altra mano, l’esegesi prevalente la pone subito dopo la morte di Paolo, ad opera di un suo stretto collaboratore, quindi intorno tra il 70 e l’80 d.C.

    Per concludere, esse sono considerate di Paolo o di un suo diretto collaboratore da biblisti eccellenti, quali Vigini, Fabris, Ravasi. I primi due, ad esempio, dicono:

    “Se si attribuiscono a Paolo le tre lettere pastorali, 2 Tm può essere stata scritta poco prima della morte, non dopo l’estate o l’autunno del 67. Nell’ipotesi invece che si tratti di opere di un autore anonimo, 2 Tm deve essere stata composta non molto tempo dopo la morte di Paolo, da qualcuno che conosceva bene le vicende dei suoi ultimi giorni ed era perciò in grado di raccontarle in dettaglio, presentandole come il suo testamento d’addio.” (Giuliano Vigini, Rinaldo Fabris, Il nuovo Testamento, ed. Paoline, 2000, p. 769).

    Va poi considerato comunque che
    1) l’esistenza dei Vescovi è testimoniata anche da altre pagine del Nuovo Testamento: l’elezione di Mattia, Filippesi (sicuramente paolina, scritta il 55-56: “Paolo e Timoteo, servi di Cristo Gesù, a tutti i santi in Cristo Gesù che sono a Filippi, con i vescovi e i diaconi.”);
    2) il termine vescovo sostituisce quello equivalente di “apostoli”, che veniva usato sia in “apostoli di Gesù Cristo” per indicare i dodici, e “apostoli della Chiesa”, per indicare i loro successori, affiancato e poi sostituito da “episcopoi” (“coloro che vigilano”, i pastori autorità suprema della Chiesa locale);
    3) già negli Atti, come nelle lettere è ben presente la tripartizione tra vescovi-apostoli, anziani (presbiteri), e fedeli.

  78. Artefice1 scrive:

    Economica Marina…………sarei normalmente Dotata.

    Che mi succede?

    Riflessivamente, mi prende un moto meccanico accidentale e involontario
    PER certe indigeste pretese.
    Determinanti una Liberatoria Iperemesi.

    Come facciamo?

  79. mauro scrive:

    Caro Cherubino alias Cosimo de Matteis,

    Fonte SIR copyrigth 2009 Libreria editrice Vaticana. (28 gennaio 2009)

    “le ultime Lettere dell’epistolario paolino, delle quali vorrei parlare oggi, vengono chiamate Lettere Pastorali, perché sono state inviate a singole figure di Pastori della Chiesa: due a Timoteo e una a Tito, collaboratori stretti di san Paolo.”

    “Le Lettere indirizzate a questi due Pastori occupano un posto tutto particolare all’interno del Nuovo Testamento. La maggioranza degli esegeti è oggi del parere che queste Lettere non sarebbero state scritte da Paolo stesso, ma la loro origine sarebbe nella “scuola di Paolo”, e rifletterebbe la sua eredità per una nuova generazione, forse integrando qualche breve scritto o parola dell’Apostolo stesso. Ad esempio, alcune parole della Seconda Lettera a Timoteo appaiono talmente autentiche da poter venire solo dal cuore e dalla bocca dell’Apostolo.

    Senza dubbio la situazione ecclesiale che emerge da queste Lettere è diversa da quella degli anni centrali della vita di Paolo.”

    Direi che ad Americo hai scritto una fesseria perchè la Chiesa stessa accetta (dando fiato alle tesi dell’esegesi moderna) che sarebbero successive a Paolo in quanto tratterebbero una situazione ecclesiale diversa da quella dei tempi di Paolo. Una situazione ecclesiale non cambia dalla sera alla mattina, ci vogliono anni e poi anni. Ed il II° secolo indicato da Americo è giustificato dai fatti storici.

    rif.http://www.agensir.it/pls/sir/V3_S2EW_consultazione.mostra_paginat?id_pagina=2773

  80. Artefice1 scrive:

    Cara Marina……….mi hai costretto a cambiare di Polo.

    L’Essere sarebbe stato tenuto. A fulminarti in qualche modo, PER quella tua pretesa.

    Mentre la Natura è sempre Femminile. Per chi la Persevera.

    Avendo inteso assecondarti almeno PER una volta, l’ho fatto fino in fondo.
    Snaturandomi.

  81. Ubi humilitas, ibi sapientia. scrive:

    @ artefice.
    Carissimo artefice,
    s’è alzato male stamattina
    mi sia consentito dire
    in questo momento sono serio
    disponibile al confronto
    nella misura in cui
    non rompi le scatole
    alternativo
    alla marea di fesserie
    aliena ogni compromesso
    ahi lo stress
    Freud e il sess c’entrano eccome
    se spari tutti quei post “SENZA SENSO”
    è tutto un cess !
    ci sarà la ress ?
    se quest’estate andremo al mare
    solo i soldi e tanto amore
    e vivremo nel terrore che ci rubino l’argenteria
    è più prosa che poesia la sua, su risponda
    dove sei tu? non m’ami piu’?
    dove sei tu? io voglio tu
    soltanto tu dove sei tu?
    NUNTEREGGAEPIU’

    e visto che è amante del “SENSO” se dico …
    VA DE RETRO!
    capisci che non è “mandarti a quel paese” o peggio ma dire
    “Fatti in disparte”
    dietro, nelle quinte
    perlomeno dai post dove si tratta di Santi.
    Scherza coi fanti, ma non coi santi.
    Capisci il “senso”???
    E tutto questo sai perchè?

    Abbasso e alè
    NUNTEREGGAEPIU’
    abbasso e alè
    NUNTEREGGAEPIU’
    Abbasso e alè
    NUNTEREGGAEPIU’
    abbasso e alè
    NUNTEREGGAEPIU’

  82. mauro scrive:

    Finalmente qualcosa di nuovo su questo blog del dott. Tornielli. Ci si cimenta con una nuova forma d’arte: la POVESIA altrimenti conosciuta come “povera poesia”.
    Un primo giudizio? povera poesia!

  83. anniballo scrive:

    Appena ho letto delle sete preziose e degli ori presenti sui resti mortali, ho capito subito che era il corpo si sanpaolo….

  84. Americo scrive:

    Come diceva San Tommaso: Timeo hominem unius libri.

  85. mauro scrive:

    Caro Cherubino, alias Cosimo de Matteis, per una volta ti ringrazio perchè alla fine mi ritieni giovane, molto giovane rispetto alla mia età. Sarà perchè il cervello è ancora giovane, sarà perchè son vivo, sarà perchè guardo oltre l’orizzonte, sarà perchè , come ha scritto Dario, tre indizi fanno una prova.
    La prova è che io sono molto piu’ vecchio di te, pensa: se io sono allo stato embrionale, tu non sei ancora nel pensiero di nessuno.

  86. Americo scrive:

    @Mauro
    grazie per spezzare una lancia in mio favore, ma é fatica sprecata. Per questo ho citato San Tommaso: Timeo hominem unius libri.

  87. Artefice1 scrive:

    Americo…….se non taggiorni diventi Messico.

    Che sia come dici tu io Mauro o San Tommaso, SEMPRE SIGNIFICATI SONO!!!

    Dunque
    Quello che ti brucia devi spegnerlo col Sentimento.

    Secondo me.

    Figurati se può esistere un Libro vero senza il Sentimento che lo ha Deyerminato.

    Rispondi.

  88. Yochanan scrive:

    Cari amici, sono appena tornato dalla ferie e vi saluto.

    Mi sfugge l’importanza della cosa. Che importanza può avere il fatto che quelli siano o no i resti di Shaul di Tarso? Forse la religione romana si sentirebbe padrona dell’inviato di Yeshua? A discapito magari di tutte le altre cosiddette chiese cristiane. E’ la solita volontà di dominio sul mondo dei Romani?

    Da un punto di vista scientifico comunque la datazione con carbonio 14 non è attendibile da sola.

    Shalom