Nuova bufera sullo Ior

Il clamoroso arresto di un prelato in servizio presso l’ente vaticano che amministra il patrimonio della Santa Sede porta nuovamente alla ribalta la gestione dello Ior e delle finanze d’Oltretevere. E permette di leggere sotto una luce diversa la drastica decisione di Papa Francesco, che appena tre giorni fa ha nominato a sorpresa una commissione d’inchiesta per far luce su ogni attività della «banca vaticana», mostrando così di non accontentarsi delle voci rassicuranti che gli erano giunte dall’interno dei sacri palazzi dopo l’elezione.

Sarà la magistratura ad accertare quali effettivamente siano le responsabilità di monsignor Nunzio Scarano, titolare di due conti nell’Istituto per le Opere di Religione – da uno di questi nel 2009 sarebbero usciti quasi 600mila euro in contanti – indagato un mese fa per riciclaggio dalla Procura di Salerno e ora arrestato su richiesta della Procura di Roma perché avrebbe organizzato un rocambolesco rientro di venti milioni di euro dalla Svizzera in Italia. Le autorità d’Oltretevere hanno dichiarato di voler assicurare la massima collaborazione agli inquirenti. I magistrati hanno descritto la disinvoltura con cui il prelato movimentava ingenti quantità di denaro: l’Aif, l’organismo di vigilanza finanziaria vaticana, seguiva i movimenti dei suoi conti, ma la decisione di sospendere monsignor Scarano dal suo ufficio d’Oltretevere è stata presa in seguito all’inchiesta della Procura italiana.

Nel 2010, Papa Benedetto XVI aveva inaugurato una nuova cammino di trasparenza, per portare non solo lo Ior ma tutti gli enti della Santa Sede ad applicare le normative internazionali antiriciclaggio. Un cammino che si è poi trasformato in un percorso a ostacoli. Ciò che appare oggi evidente è l’impossibilità di derubricare quanto sta emergendo soltanto a piccoli episodi isolati, cercando magari di coprire tutto con operazioni di immagine per ristabilire la «buona fama» dello Ior presso l’opinione pubblica.

Non c’è dubbio che l’Istituto per le Opere di Religione abbia svolto e svolga un compito prezioso nel sostegno a tante realtà della Chiesa nei Paesi poveri, anche se questi capitoli della sua storia passata e recente sono quasi sempre rimasti nell’ombra. Ma è altrettanto chiaro che esistono problemi di management, di personale, di atteggiamenti ormai stratificati. Le norme antiriciclaggio e le regole di trasparenza hanno bisogno di uomini che le facciano decisamente proprie, così da evitare che la disinvoltura di qualche correntista Ior diventi abitudine all’impunità.

Solo chi non ha ascoltato, o ha fatto finta di non ascoltare, le parole ripetute da Francesco in questi primi mesi di pontificato, ha potuto pensare che anche nella gestione delle finanze tutto potesse continuare come prima. «San Pietro non aveva un conto in banca», o «lo Ior è necessario ma fino a un certo punto», non erano battute ad effetto. Quello di Bergoglio non è un rigorismo d’immagine. Il Papa non si muove con iniziative ad uso mediatico, per salvare la faccia dell’istituzione.

La forza tranquilla del suo modo di procedere deriva piuttosto dalla percezione che anche in queste vicende a essere chiamata in causa è la natura stessa della Chiesa e l’agire che ad essa conviene. Si tratta di portare a termine quanto iniziato dal predecessore, per «consentire ai principi del Vangelo di permeare anche le attività di natura economica e finanziaria».

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Print
Pubblicato il da Andrea Tornielli Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

912 risposte a Nuova bufera sullo Ior

  1. macv scrive:

    Si tratta di portare a termine quanto iniziato dal predecessore.
    verissimo.
    Ma da molti su questo il blog , il “predecessore” cioè Benedetto XVI era davvero stimato ed amato? ne dubito!
    sembrerebbe proprio di no visto il coro di applausi che ha accolto le sue dimissioni ( finalmente si leva dai piedi!) e la successiva nomina di Bergoglio.: Ah finalmente ! : Ora sì, che si cambierà! Ora cambierà tutto! Ora sì che è finito il tempo della Curia corrotta!
    Fatemi capire! i giornalisti e i vaticanisti i n particoloare sono è piuttosto ambigui della serie “qui lo dico e qui lo nego” : allora si ammette che l’inizio dell’opera di risanamento della Chiesa è stata iniziata dal tanto bistrattato RATZINGER? Ho capito bene??

    • italicus scrive:

      ma che modo è questo di trattare persone e situazioni? è mai possibile avere un linguaggio del genere anche se virgolettato o tra parentesi? un pò di rispetto a tutte le persone, soprattutto se rivestono ruoli importanti come Benedetto e altri… la democrazia e il populismo danno alla testa alle galline che a poco a poco si ritengono aquile… non si scrive solo perchè si ha una tastiera davanti, ci vuole un cervello e un cuore per muovere i tasti! (prima di tutto un cervello)

  2. peccatore scrive:

    “anche in queste vicende a essere chiamata in causa è la natura stessa della Chiesa”.

    Ottima sintesi. Bravo Andrea Tornielli.

    La natura della Chiesa è a rischio snaturamento da tanti punti di vista.

    Lo IOR, cioè la gestione dei soldi, è uno.
    Un altro campo molto sensibile è lo snaturamento della missione: da annunciare e testimoniare Cristo, vero Dio e vero uomo, rivelatore del Padre e redentore del mondo, troppi sono passati a un generico “vivere i valori cristiani”, inseguire una vaga “spiritualità comune a tutti gli uomini”, incarnarsi in un “fare” che ci identifica assai più dell’essere e ritenerci artefici delle nostre opere invece che beneficiati da doni che precedono i nostri eventuali meriti. Abbiamo prediletto l’al di qua e scimmiottato il mondo nell’ingraziarsi l’uomo, non sapendo bene che farcene della grazia di Dio. Abbiamo lasciato “Dio” nell’ideale, quasi che nel reale fosse solo l’uomo a contare.

    Lo IOR è un gene mutante, ma di mutazioni in corso ce ne sono altre e l’organismo ne esce malato e sfigurato. Perchè a creare è Dio, non l’evoluzione. Le mutazioni sono in genere patologiche, dato che l’originale è perfetto. La Chiesa per essere semplicemente se stessa deve essere una con il Suo Signore, non tacerLo per accreditarsi meglio con commensali, colleghi, soci d’affari e alleati, vicini di palco nei teatri della mondanizzazione.

    • murmex scrive:

      Peccatore,concordo sulle sue sagge considerazioni,tranne che su quella,presa da Tornielli,che sia in gioco in queste vicende finanziarie LA NATURA STESSA DELLA CHIESA,cioè la sua essenza divino-umana,che Mai, (è di Fede)potrà essere cambiata a causa delle umane miserie,anche cardinalizie o addirittura papali.E questo nonostante tanti,anche teologi o addirittura pastori.con una cecità che mi stupisce,l’abbiano tentato e ancora lo tentino

      • murmex scrive:

        Mi aggancio a questa considerazione per riportare le parole del nostro amato e ottimo Vescovo,mons.Oliveri,dal suo intervento su”Il domani-terribile o radioso?-del dogma” di E M Radaelli”.”… La Chiesa ha il suo ESSERE,sta lì,e soltanto lì,sta dove deve stare con il suo ESSERE e con la sua azione,in conformità alla volontà di Dio,per comunicare il Mistero diDio,,di Dio TRINITA nella INFINITA PROFONDITA DEL SUO ESSERE,ed il Mistero del VERBO DI DIO INCARNATO”.Occorre avere questa visione metafisica della Chiesa per cogliere la sua essenza,per capire che benchè certo occorra che tutti i suoi membri(anche i prelati incaricati della gestione finanziaria ,dunque;lungi da me volerli giustificare se sbagliano)tendano alla santità,l’essenza della Chiesa non possa essere scalfita.

        • murmex scrive:

          Però,ripeto,il tentativo di scalfirla,questa essenza,è in atto anche in alto loco.Non riuscirà,ce lo dice la Rivelazione,ma intanto semina distruzione.

      • murmex scrive:

        Mi stupisce anche il dottor Tornielli:chi fa questo lavoro per mestiere, non dovrebbe farsi un punto d’onore di essere più accurato nelle sue esternazioni?

    • peccatore scrive:

      Papa Francesco è un gesuita vecchio stampo, davvero ignaziano.
      Il fondamento è:
      “L’uomo è creato per lodare, riverire e servire Dio e per alvare mediante ciò l’anima”.
      “Tutto ciò che esiste è stato creato per concorrere a tale fine, per cui l’uomo se ne serve quanto lo aiuta e deve liberarsene quanto glielo impedisca”.

      Nell’esercizio spirituale detto “delle due bandiere” i gonfaloni sono quelli di Cristo e di Lucifero. Nei due accampamenti i rispettivi condottieri “indottrinano” i rispettivi eserciti. Nell’accampamento di Lucifero si raccomanda di tentare con la cupidigia delle ricchezze, per passare agli onori della vanagloria e alla superbia; nell’altro accampamento si insegna la povertà spirituale (e persino -se necessario- quella materiale) e che il disprezzo del mondo conduce all’umiltà.

      L’ufficiale gesuita ha vegliato come sentinella, di ronda da un capo all’altro dell’accampamento. Ha ben chiaro che, pur attendati nel perimetro “amico”, più d’uno sibila discorsi che dovrebbero ascoltarsi dall’altra parte. Perchè c’è molta lotta nel cristianesimo, non è roba per mammollette e per le sale da the. A un bel momento c’è da soffrire. Il venerdì santo. Poi il sabato santo… Infine, ma dopo, per chi resta, la Pasqua!

      • murmex scrive:

        Bellissime e sacrosante,Peccatore,queste parole di S Ignazio.Ma temo che la parte umana della Chiesa post conciliare se ne sia allontanata alquanto,,,Gli esempi sono innumerevoli,ed investono anche ,purtroppo,i Pastori e talvolta gli stessi Papi.Dai testi conciliari stessi(pastorali, non dogmatici,grazie al Cielo l’assistenza divina impedisce di dogmatizzare gli errori),che costituiscono la radice della crisi presente,per es. si evince che:1 ) l’uomo è la sola creatura c reata PER SE STESSA,il che CONTRADDICE la Sacra Scrittura e il Magistero perenne ;2)le creature non sono buone in quanto ordinate al fine soprannaturale dell’umana salvezza , come risulta dai pensieri ignaziani da lei riportati,ma IN SE STESSE.Sente mai,nelle prediche,nella Catechesi,ripetere le parole,veramente fondamentali,da lei riportate?Sente mai dire che la stessa solidarietà,accoglienza ecc. di cui tanto si parla(prima si chiamavano opere di carità,e non sottovalutiamo le variazioni linguistiche)non servono per la vita eterna se non si innestano su questa retta intenzione di lodare e servire Dio ?

  3. peccatore scrive:

    @ macv

    Benedetto XVI è un grande!

    • macv scrive:

      io sono d’accordo con te Peccatore! ma quanti “lupi ” l’hanno morsicato, poveraccio, nell’indifferenza totale ( anzi con un certo godimento!) dei cosidetti cristiani adulti !!!

      • macv scrive:

        Il problema dello Ior, il problema della Curia il problema di ogni comunità umana ( persino il problema del matrimonio)! è uno solo: la qualità degli uomini., la stoffa di cui sono fatti
        Archimede aveva detto : datemi un leva e vi solleverò il mondo!
        Un Papa potrebbe dire: datemi dei preti, dei cardinali onesti, retti, disinteressati, non ambiziosi, puri, casti, sinceri e vi rivoluzionerò la Curia Romana e la renderò un modello di santità! Già ma dove trovarli?
        <un uomo potrebbe dire datemi una moglie gentile e buona e affettuosa ( o un marito gentile e buono) , e il mio matrimonio non finirà in un divorzio e in mano agli avvocati e coi figli contesi !
        Un presidente della repubblica potrebbe dire datemi dei politici onesti e competenti e vi risolleverò le sorti dell' Italia! Già ma dove trovarli?
        Datemi una leva e vi solleverò il mondo: sì ma quella leva
        non c'è!!!! datemi dei preti onesti ecc, e vi rivoluzionerò la Curia.. già ma dove trovare il "materiale umano"? Datemi dei banchieri corretti e vi rivoluzionerò lo IOR.. già , ma dove trovare i banchieri corretti?
        Sono troppo pessimista? no, solo realista! Il materiale umano è quello che è , persino Gesù dovette accontentarsi di dodici di cui uno , GIuda, lo tradì per soldi , l'altro Pietro , lo rinnegò per vigliaccheria, , altri ( Giovanni e suo fratello) tramavano e brigavano per essere i primi a sedersi alla sua destra e sinistra ecc. ecc.
        insomma il materiale umano è quello che è. Sperimo solo in DIO!

        • Marino scrive:

          @macv
          Ottima riflessione. Lucida, immediata, sincera. La ringrazio per quel che ha scritto. Davvero è il caso di dire “beato l’uomo che spera nel Signore” e guai all’uomo che confida nell’uomo.
          E Benedetto XVI è stato un dono del Signore. Purtroppo ci sono stati due problemi nel suo pontificato. Il primo, uno sbaglio nelle nomine di alcuni collaboratori (non faccio nomi , ma è palese a chi mi riferisco). Il secondo, un problema di immagine. E qui ci sarebbe davvero da piangersi addosso per la drammaticità di questo punto. Però purtroppo è stato così. Benedetto XVI non ha avuto come ‘alleati’ i media, anzi… Per certi aspetti forse c’è stato pure un vero e proprio complotto mediatico contro di lui.

          • murmex scrive:

            Marino,se c’è stato un complotto mediatico contro Benedetto,mi chiedo e le chiedo,come mai ora è tutto sopito,ora va tutto bene?Forse, dico forse,lo stile di questo pontificato è più gradito ai poteri forti?E ,se si; perchè?

    • italicus scrive:

      solo la storia potrà darci la corretta immagine di Benedetto XVI! ora noi siamo impastoiati di cronaca e miopi per valutare le cose…

  4. Eremita scrive:

    Io mi sono riavvicinato alla chiesa con Benedetto XVI, nonostante una forte diffidenza iniziale, ed ho imparato ad apprezzarlo leggendo “fra le righe” della sua gestione, dei suoi interventi e dei suoi scritti. Non ne potevo più di una chiesa tutta grandi manifestazioni e spettacolo, e non mi parve vero di trovarmi con un papa colto, riflessivo e profondamente teologico che sapeva trasmettere contenuti profondi. E’ una persona estremamente gentile, rispettosa e delicata, proprio per questo non aveva le doti per affrontare direttamente quel mondo ecclesiastico che Peccatore definisce “un posto non per mammolette”: ma non è stato inattivo, e questo nuovo corso verso la trasparenza e la correttezza è in gran parte reso possibile dai suoi anni trascorsi a capo della chiesa. Senza la sua fermezza gentile e molto sofferta e mai venuta meno e scambiata spesso per debolezza, il nuovo papa si ritroverebbe di nuovo in un contesto in cui non sarebbe in grado di esigere correttezza e trasparenza .

  5. peccatore scrive:

    Ci siamo: il materiale umano è quello che è.
    E non bisogna essere “perfetti” per essere santi: è il mondo a pensarla così. Il mondo che si “rifà” di chirurgia estetica e “aiutini” per “essere sempre al top”, apparendo.
    Diciamo che potremmo accontentarci di peccatori convinti di esserlo e desiderosi di conversione, confidando innanzitutto in Dio e fidandosi dei Suoi metodi, senza scimmiottare quelli del mondo, ritenendoli “più adeguati”.
    Papa Francesco è tanto apparentemente moderno quanto è semplicemente “antico”.
    Papa Benedetto è stato così disprezzato da troppi, da diventare più umile di tutti.
    Il Signore ci concede vicari di Cristo problematici e con problemi, perchè è Lui a condurre la Chiesa, ben prima dei suoi vertici. Perciò nemmeno plotoni e reggimenti di laici, intellettuali, catechisti, sacerdoti, teologi, vescovi e cardinali pencolanti tra apostasia ed eresia riusciranno a scalfire la fede semplice, dono di Dio e non nostra costruzione. E con quella fede e il nostro sì, come Maria, apriremo la strada per il Salvatore che abita la storia (e non è l’uomo, anche se si è fatto uomo per visitarci).

    • Eremita scrive:

      Peccatore, bello il suo intervento, ma per fare l’avvocato del diavolo immagino che la chiesa che ha in mente e ci prepara Dio dal momento che è Lui ad operare (speriamo!), può spesso essere diversa da quella che ci immaginiamo noi…e francamente, diversa ma non certo peggiore .

      • peccatore scrive:

        Caro eremita,
        penso che il problema non è immaginarsi questa o quella Chiesa, perchè non c’è proprio nulla da “inventare” o “costruire”, poichè dobbiamo solo “scoprire” (nel senso di svelare, cioè portare alla luce) quella che da sempre è nel cuore (cioè nella volontà) di Dio. Una Chiesa che agisce troppo attenta al mondo, dimenticandosi che quest’ultimo ha il suo principe (falsario e omicida), così come una Chiesa che fa dell’uomo il suo centro (si sa che di buone intenzioni si lastricano le grandi autostrade che conducono alla reggia di questo principato) è semplicemente “altra” da ciò che ha insegnato Gesù, nostro re e sovrano del regno di Dio, in cui sua madre (e nostra madre) è regina. Tutto qui. Due vessilli, due bandiere, volontà diverse, belligeranti. Per chi ha fede si sa già chi vince, eppure c’è chi preferirebbe il pareggio, oppure di fatto crede che tutto sommato bisogna tenersi buono il principe, fidandosi fino a un certo punto del re.

  6. Giorgio BG scrive:

    Peccatore – macv – Marino – Eremita – murmex, concordo pienamente con tutti voi: grazie e avanti così.
    Dio protegga la sua Chiesa, Papa Francesco, Papa Benedetto e tutti noi, servi nella Sua Vigna.

  7. Nella scrive:

    Omelie di papa Francesco a Santa Marta. Un bell’esempio di come il pontefice sta conducendo la chiesa verso una purificazione e una rinascita.

    http://www.youtube.com/watch?v=nIBlcE1wNmc

    • murmex scrive:

      Intanto sembra che abbia anche detto che dobbiamo imparare dagli scismatici la collegialità e la sinodalità.Grazie al Cielo queste esternazioni non costituiscono Magistero,ma la confusione,che già appariva insopportabile ,non fa che aumentare

      • murmex scrive:

        Aggiungo che purtroppo anche persone bene intenzionate come il Peccatore non si rendono conto che lo scivolamento verso il baratro continua,il miscugli di verità e ambiguità ormai diventato pressochè la regola è il più pernicioso perchè ha più potenza d’inganno,e anche se sappiamo che la Chiesa non può mutare nella sua essenza,tuttavia mentre attendiamo il ristabilimento del suo splendore ora offuscato molte anime possono rimanere sviate.Il Papa un gesuita vecchio stampo?Mi sembra comico.Non è stato Arrupe il suo mentore?

        • peccatore scrive:

          murmex,
          essere prevenuti non è il modo migliore per capire; così il fraintendere, il distorcere e il travisare diventano possibili derive di una lettura “agitata” delle parole altrui (in questo caso il santo padre, vescovo di Roma). L’agitazione, lei mi insegna, viene dal demonio, pessimo consigliere. Così anche qualche eventuale ragione, che avrebbe il merito della varietà e concorrerebbe alla bellezza del mosaico, nell’unità dell’immagine della Chiesa, unico corpo di Cristo, finisce con l’essere una cellula o un organo che si autoespelle o che -finchè grida il suo dolore- non mostra tanto interesse a che l’organismo guarisca, ma solo a dire ancor più malate le membra che potrebbero guarirlo: non ci si salva da soli. Ci salva Cristo, ma nella Chiesa, quella che c’è, che non si bea dei propri confini, ma sempre li allarga, estendendoli, come chi prende il largo, fidandosi di Gesù e spinto dal vento dello Spirito. In riparazione dei peccati, degli oltraggi e dei sacrilegi, per la salvezza di tutti gli uomini. Papa Francesco è su quella barca. E noi faremmo meglio a remare o a pregare, invece di forare la chiglia o strappare le reti… Non è che la ciurma sia fatta da santi e i gaglioffi non mancano. Quello che per il mondo è una bagnarola apparentemente alla deriva è il solo mezzo con una rotta ben precisa, dal momento che CHI ha fatto il mare, la terra, i pesci, il vento, gli uomini e le barche, ha stabilito dove condurla. Anche quando le onde sono più forti, mi ci aggrappo. Buttarsi fuori è la tentazione. Starci sopra credendolo il paradiso è un’illusione. Fidarsi di Dio è ciò che ci è chiesto, anche discutendo animatamente di troppe cose che a bordo fanno veramente venire il voltastomaco più dei marosi…

          • Lt scrive:

            che non si bea dei propri confini, ma sempre li allarga, estendendoli,

            qui sta il grande inganno che acceca da decenni milioni di anime:
            si espande rapidamente come l’universo dopo il big-bang, vero ?
            senza chiedere ALCUNA conversione (“metànoia”) ?
            e FIN DOVE li allarga quei confini ? fino ad includere ERETICI E SCISMATICI, senza che essi si convertano alla unica vera Chiesa nella Fede cattolica, col riconoscimento primato di Pietro ?
            fino ad includere entro quei confini tutto il pianeta, credenti, pagani ed atei, in una chiesa mondialista che non bada alle differenze, tutti “cristiani e cattolici senza neanche saperlo” ?
            ma questo è il progetto NWO portato avanti dai poteri occulti, -l’INIMICA VIS ben nota ai santi papi del 18-19-20. sec.- al lavoro (sotterraneo, infiltrato nel seno della Chiesa) da oltre un secolo,e noi vogliamo dargli non solo una mano e la mente, ma tutta la nostra anima ? fede nel DOGMA ONNI-INCLUSIVO indifferentista, inaugurato con scuola visiva da Assisi1-2-3 ?
            allora non c’è bisogno di un Gesù Salvatore del mondo, a cui convertirsi, per allargare quei confini: è il conciliov2 che si presenta (per ora) come “salvatore dell’umanità”, col grande cieco amore inclusivodituttoedipiù.
            Il cv2 è il “nuovo verbo” della neo-chiesa mondialista che predica la conversione al “dialogo a 360°” che ACCOGLIE tutte le diversità,
            anzichè conversione al Vangelo, preso integro e senza cambiare uno iota.

            Il neo-verbo si sostituisce subdolamente -giorno dopo giorno, mentre le masse affascinate dalle novità NON se ne accorgono- al Verbo di Dio, e la neo-chiesa (scimmia di quella vera di Cristo) cresce ormai a vista d’occhio (visibile certo a chi li tiene gli occhi aperti, non incantati-ottenebrati dalla propaganda di regime mondial-ecumenista)

          • Lt scrive:

            ….concorrerebbe alla bellezza del mosaico….

            più che mosaico, sarà una chiesa-patchwork-arlecchino: unità illusoria, fondata su IRENISMO, indifferenza buonista verso le circolanti menzogne ed eresie, pur di mixare fattori comuni e non comuni, col massimo esponente (di confusione),
            precisamente quella prevista dalla Beata Emmerich

          • murmex scrive:

            Scusi,peccatore,questo modo di argomentare non è corretto.Si confutano le idee,non le persone,fra l’altro senza fondamento perchè non si conoscono.Chi le dice che io sia “agitata”(e questo addirittura mi esporrebbe al demonio?).Lei per es.non comfuta il fatto che Bergoglio sia stato pupillo di Arrupe(e sappiamo bene chi è)quindi che sia Gesuita “VECCHIO STAMPO”è ridicolo,carriera non ne avrebbe fatta.Il rispetto non fa chiudere gli occhi davanti ai fatti,come non fa chiudere gli occhi davanti ai numerosi gesti di rottura che tutti abbiamo visto,tutti univoci e unidirezionali.Ultima cosa grave:il discorso sulla “sinodalità” che è ancor peggio della “collegialità”,perchè il sinodo è qualcosa di limitato e transeunte.Tutto è partito dal concilio vat2,seguito dal gravissimo gesto di deposizione della tiara,simbolo della triplice potestà papale,per poi andare anche qui,come in tutto il resto,in un crescendo di confusione(per riprendere il suo pensiero,il diavolo gode della confusione), del tentativo di erosione (in sordina ,e non evidentemente con dichiarazioni dottrinali) del munus petrino,l’autorità papale su cui si regge la Chiesa e conseguentemente il mondo tuttoPer il lettore che volesse approfondire(perchè magari da tempo si interroga,come è successo a me,e qualche scaglia comincia a cadergli dagli occhi)consiglio il sito Chiesa e post concilio,serio e documentato,che proprio oggi ne parla.

        • Teobaldo scrive:

          e FIN DOVE li allarga quei confini ? fino ad includere ERETICI E SCISMATICI, senza che essi si convertano alla unica vera Chiesa nella Fede cattolica, col riconoscimento primato di Pietro ?

          ———–

          CERTAMENTE questo è il programma del NWO….. e i beoti che vanno in disibilio, per ogni starnuto del papa, i talebani post conciliari sono gli integralisti del NWO.

          Da notare che i migliori alleati, del NWO, sono i novi ovi evangelizzati, post conciliari, sono i non cattolici, eretici, scismatici di ogni risma e fazione.

          Da notare inoltre come costoro siano entusiasti, dell’ operazione di ‘ pulizia ‘ all’interno dello IOR, come se la banca de UE o d’oltre oceano, fossero integerrime.

          Il discorso di papa Bergoglio, sul denaro non mi è affatto piaciuto, anzi rispecchia il pensiero dei nemici della Chiesa, che vorrebbero ridurre al lastrico e così poter rubare i beni della Chiesa.

          papa Bergoglio, prima di dire che S. pietro non aveva il conto in banca, anche se storicamente vero, dovrebbe informarsi meglio sul significato di AVIDITA’ e di AVARIZIA.

          Tra i due chi è servo di mammona è l’ AVARO…. colui il quale sotterra il denaro e lo tiene per se….

          l’avido invece lo accumula per spenderlo ….anche se sono peccati da non commettere tra i due commette grave abuso l’avaro.

          da un papa mi sarei aspettato una catechesi diversa e una maggiore attenzion, anche alle forze mondialiste che vogliono controllare i beni altrui…magari con la scusa dell’evasione fiscale…dove i cittadini, saranno controllati anche dell’euro che spendono e dovranno rendere conto dell’ elemosina….

          eppure papa Bergoglio, dovrebbe conoscere le tattiche della massoneria che vuole controllare tutto e tutti….ma forse non ha conosciuto abbastanza il Beato Papa Pio IX, S. Pio X etc….. capisco…..

          • peccatore scrive:

            Lt e Teobaldo,
            il vangelo è chiaro: “andate… annunciate… fate che siano discepole tutte le nazioni… nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo” (finale di Matteo), sino alla consumazione del secolo. Il NWO (che qualcuno effettivamente vorrebbe, basti pensare al delirio eugenetico, sui “diritti”, la dittatura relativistica e l’adorazione di mammona, vivendo “etsi Deus non daretur”) c’entra come i cavoli a merenda con la missione e le modalità di condurla, che non prevede mai l’imposizione ma solo l’offerta; mai l’odio per il nemico ma il pregare per lui; mai lo sradicamento della zizzania ma sempre la cura delicata per ogni spiga di grano buono…
            C’è un primato della coscienza, abitata dallo Spirito, che conduce nella verità alla santità. Con l’umiltà di Benedetto XVI, lodata da Francesco. Con la fermezza di chi pota la propria vigna, senza però diserbare i vitigni altrui.
            Si convertiranno a Cristo coloro che non lo credono il Signore, unico Salvatore?
            Non lo sappiamo. La missione è quella di annunciare il Regno, non di estenderlo a colpi di carroarmato o con i dadi, come nel Risiko. Quella è la mentalità del mondo. Per chi vuiole combattere c’è già la nostra coscienza, dove -volendo- c’è da stare davvero in trincea. Per chi vuole fare guerre agli altri c’è bisogno di conversione. Poi, come segno dei tempi, c’è la tecnica “false flag”, molto efficace per il falsario. E non nego che dentro la Chiesa alberghino eresie e apostasia, come ampiamente predetto nel vangelo. Lasciando perdere -per questi timori- il Papa e la Chiesa che annuncia Cristo. Rivolgersi a quelli che non si convertono e non portano la croce, ma la tirano in testa a quelli che non si inginocchiano…

          • Teobaldo scrive:

            Peccatore,

            il suo discorso non farebbe una piega se…..

            ella, non considerasse grave il pericolo del NWO, ben presente e ben radicato nella società. Pericolo che è entrato all’interno dell’Una Santa, proprio perchè ha abbassato la guardia.

            Il termine carroarmato, dadi etc… non è conforme a ciò che è stato scritto negli interventi di Lt e nei miei, i talebani sono annidati altrove e torno a ripetere sono i novi ovi evangelizzati post conciliari, i non credenti gli eretici di ogni risma e fazione che sono in combutta con il NWO, proprio perchè l’unico scopo è di distruggere la Chiesa spirituale e materiale.

            Il primato della coscienza è una nuova dottrina post conciliare che non c’entra nulla con lo stimolo alla retta coscienza che invece è cattolica apostolica romana.

            Vedo che lei insiste a lodare gli ultimi papi, come se la Chiesa cattolica non ne avesse conosciuti altri…. ebbene lei sbaglia perchè il Papa prima di tutto deve piacere se è pastore delle anime, e non perchè più simpatico di un altro. I novi evangelizzati post conciliari, pongono la loro fede nelle persone più che al Deposito ed è il virus del NWO, che pone l’uomo al centro dell’universo……con ciò colui che così agisce si pone sullo stesso piano di quanti vogliono imporre con il carroarmato le proprie idee.

            La Tradizione il Deposito, è ciò che potrà fermare qualsiasi logica di potere e di sopraffazione….oppure lei vuole insinuare chwe prima del cv2 la Chiesa Cattolica procedeva con carroarmato e dadi di risiko?

            Non credo che, i papi ante cv2, avessero meno gatte da pelare ….. ma sapevano individuare il virus e lo eliminavano dal corpo, prima che questo potesse far ammalare il paziente…
            non lo hanno incluso come invece da prassi cv2.

          • italicus scrive:

            “gravissimo gesto della deposizione della tiara” o meraviglioso gesto di “liberazione” di inutili orpelli medievali? la chiesa ne ha tratto un vantaggio enorme dal gesto saggio e lungimirante… ben vengano altri esempi significativi come quello, compiuto da un GRANDE Papa!

  8. Bortignon scrive:

    Se è Dio a condurre la chiesa, direi che la conduce male : preferisco pensare che siano,invece, gli ometti che vediamo protagonisti di cronaca bianca, rosa e nera.
    Peccatore ha la mente bloccata, crede ancora al diavolo e che a creare non sia l’evoluzione, figuriamoci….

    • peccatore scrive:

      Se lei pensa che a “creare” (spero conosca il significato del verbo) sia “l’evoluzione” significa per lei “l’evoluzione” sarebbe “dio”. Di fronte a simile scienziato come può la ragione non piegarsi all’evidenza? Il demonio (falsario) esiste!

      • Lt scrive:

        SE l’inferno e satana non esistono, la Chiesa è istituzione del tutto inutile,
        ed è anche inutile che stiamo sui blog a parlare di questa istituzione inutile (o addirittura dannosa).
        Inoltre Gesù Cristo non aveva alcun motivo di venire nella storia umana, nell’anno 753 di Roma,
        nè ha alcune senso che sia stato crocifisso, che vada “oltre” quello storico, di una condanna a morte, secondo le leggi vigenti presso quel popolo, di un comunissmo imbroglione, uguale alla condanna di tanti altri malfattori della storia.

        Non si capisce che ne parliamo ancora a fare, trascorsi 1980 anni da quell’ evento senza alcun rilievo.
        E non si capisce a quale pazzo sia venuto in mente di numerare gli anni della storia d’Occidente a partire dalla sua Nascita: follia collettiva che si protrae nei secoli .

        • giovannino scrive:

          Caro Lt , inutile è soprattutto la monocorde ripetitività dei tuoi commenti. Sembri conoscere bene Satana però…

    • murmex scrive:

      I talicus,vantaggi enormi!?Ma la vede come è ridotta la Chiesa (militante)?Abusi liturgici che talvolta sfociano nel sacrilegio(si documenti su internet),errori dottrinali lasciati correre impunemente,episcopati sull’orlo dello scisma(vedi quello tedesco;ma non si arriva al punto di rottura a causa delle laute prebende),ignoranza diffusa dei laici anche sui fondamenti della Fede(provi a chiedere a qualcuno quali sono i DUE MISTERI PRINCIPALI della Fede)scandali morali e finanziari,movimenti laicali settari e in opposizione fra loro,crollo delle vocazioni religiose(le province devono venire accorpate per mancanza di vocazioni,come del resto le parrocchie per mancanza di preti) ecc..,potrei continuare con cose altrettanto gravi.Vorrei che,a fronte di tutto ciò,mi indicasse uno di questi enormi vantaggi.Oltre a tutto ,mi chiedo.ma possibile che proprio dopo la “svolta antropologica” conciliare, dopo che si è detto che bisogna introdurre nella liturgia gli elementi culturali,simbolici,dei vari popoli,si ignori il valore antropologico dei simboli?

    • Reginaldus scrive:

      evoluzione… da: e-volvere, ‘e’ o ‘ex’ come preposizione di ‘moto da’… e quindi, dire e-voluzione, significa anche dover spiegare ‘da dove’ parte questo ‘volgere’ … DA DOVE, appunto???

  9. Lia Orsenigo scrive:

    A proposito di corruzione nello I.O.R., “Transparency International” evidenzia ancora una volta che i paesi storicamente cattolici sono invariabilmente più corrotti di quelli storicamente protestanti: l’America del Sud è (molto) più corrotta dell’America del Nord; e Italia, Portogallo, Spagna, Austria, Irlanda e Francia (rispettivamente ai posti n. 72, 33, 30, 25, 25 e 22) sono più corrotte di Olanda, Norvegia, Svizzera, Svezia, Finlandia e Danimarca (rispettivamente n. 9, 7, 6, 4, 1 e 1).
    Per quanto riguarda le differenze sulla prevalenza della corruzione, esiste un intuitivo legame con i mezzi che il fedele ha a disposizione per raggiungere la salvezza. Il Cattolico (come previsto dal dogma delle buone opere) deve passare attraverso l’intermediario clero, che di volta in volta comunicherà il tipo di servizio o penitenza necessario al fedele per accedere al regno dei cieli.
    Non ci sono regole prestabilite: dipende tutto dalla decisione momentanea dell’intermediario. In altre parole la salvezza del fedele dipende dalla concessione arbitraria di un essere umano in carne e ossa.
    Il Protestante invece, come prevede il dogma della predestinazione, non può fare nulla per cambiare il suo stato di eletto o meno, il quale è stato stabilito da Dio nella notte dei tempi e non è conoscibile da nessuna entità terrena. Nessun essere umano in carne e ossa ha il potere di sapere se si finirà all’inferno o in paradiso, e nessuno ha il potere di cambiare e controllare questa scelta divina.
    Il Cattolico dunque coltiva la consapevolezza che tutto si può comprare, persino la vita eterna, se si riesce a compiacere (leggi: corrompere) persone abbastanza potenti. E se si è costretti a corrompere, si cercherà per compensazione di essere corrotti a nostra volta, perché è così che le cose funzionano, nella teologia e nella cultura cattolica. Il Protestante, invece, non deve compiacere nessuno e non ha nessuno da corrompere. L’unica cosa che può dare sollievo è il riconoscimento oggettivo del proprio valore da parte della collettività impersonale, della società anonima, nel suo complesso: perché ciò dà la sensazione soggettiva (ma più oggettiva possibile) di essere un eletto, di essere destinato al regno dei cieli. Ma al fine di ottenere il riconoscimento della collettività impersonale (che può essere incarnato ad esempio dal successo sul mercato) piuttosto che di singole persone potenti, il Protestante è incentivato, piuttosto che a corrompere e a essere corrotto, al miglioramento personale, all’autonomia di pensiero e di azione; e alla coerenza morale e comportamentale (chiamata in inglese “integrity”, che è l’opposto esatto di “corrupted”).

    Figuriamoci, poi, quando è la medesima chiesa, attraverso le sue banche o la depravazione dei suoi ministri pedofili, a dare cittadinanza al suo stesso interno di manifestazioni di corruttela.
    Morale : Cristo SI, chiesa NO.

    • peccatore scrive:

      Occhio a questa “morale”: il moralismo legalistico e ipocrita dei “dotti”, dei “sapienti”, dei “potenti”, dei “giudici” e dei “religiosi”, ha avuto il suo peso nel condannare Cristo…

      • Lia Orsenigo scrive:

        Col sistema teorico di Peccatore si assolve tutto e si perdona tutto. Questo è ciò che desidera ogni peccatore, si capisce, e Peccatore non è da meno : già dal nickname si capisce che il senso di colpa la fa da padrone e la povera ebbrezza del cattolico è mendicare il perdono dai furbi che te lo smerciano.

      • Mimma scrive:

        L’orgoglio e la superbia invece inibiscono all’uomo di riconoscersi peccatore e umile creatura davanti alla Maestà del Creatore.
        Nessuna relazione con Dio è mai possibile in questo stato.
        Può esserci solo fredda e sterile criticità che lascia l’essere umano in perenne condizione di insoddisfazione e vuoto interiore colmato superficialmente da sicurezze materiali.

        • Lia Orsenigo scrive:

          Simpatica Mimma,
          Ella vede solo la realtà che Le piace vedere e teorizza molto erroneamente condizioni di insoddisfazione e vuoto interiore. Le cose non stanno affatto così ed Ella attribuisce ad altri uno smarrimento che sarebbe solo il Suo, se venisse privata dei valori in cui Le piace credere.
          Ieri sentivo una intervista alla Hack, in cui la scienziata ha detto una verità enorme e con una disarmante semplicità : ha detto, assai giustamente, che l’idea di Dio non può convincere perchè “è insoddisfacente”.
          Una posizione apparentemente paradossale, ma che rivela la capacità di riflettere, di pensare criticamente, di usare in modo evoluto il proprio giudizio, nella libertà e nella maturità.
          Ed ha ragione la Hack : a voler riflettere seriamente, l’ipotesi-Dio è precisamente questo : insoddisfacente.
          Un calzante aggettivo cui non occorre aggiungere altro.
          Occorre solo istruzione, coraggio ed intelligenza, che per noi donne italiane, purtroppo, non è poco.
          L.O.

          • Mimma scrive:

            Gentile Lia,
            la povera Hack in questo momento ha già avuto modo di ricredersi sulla “verità enorme”(come la definisce lei) e per una volta avrà scoperto qualcosa che nel passaggio terreno non aveva mai considerato.
            Forse proprio come lei signora… essendosi sempre lei basata su sicurezze tangibili e scientificamente dimostrabili.
            Forse Dio è per lei insoddisfacente perchè non ha mai avuto occasione di incontrarlo, o meglio, ne ha rifiutato l’incontro.
            Sa, gentile Signora, il fatto di avere all’attivo del suo ordine araldico degli alti prelati, non necessariamente le da la possibilità di incontrare Cristo, specialmente se non sgombra il cuore dalla zavorra dell’IO.
            Le assicuro inoltre che l’istruzione, il coraggio e l’intelligenza non sono prerogative indispensabili a quest’incontro.
            Guardiamo alla figura di grandi santi della storia completamente analfabeti… se la sua poi voleva essere allusione al mio grado culturale, beh, ne conosce già la risposta.
            Cari saluti.

          • giovannino scrive:

            L’ ipotesi Dio sarà insoddisfacente per la Hack , ma per me è bellissima. E poi Dio è eterno , mentre la Hack , che riposi in pace, è mortale.

          • cuba_libre scrive:

            @ Peccatore, Lia, Mimma, Giovannino

            Scusate se mi intrometto nel vostro discorso, ma temo che state girando attorno ad uno stesso problema che ciascuno vede a modo proprio, e quindi forse non ci si rende conto che ha dei lati comuni. Se poi ci si innestano anche frasi dette da personalità per quanto prestigiose, solo per dare forza maggiore alle proprie tesi, ecco che l’incomunicabilità e’ totale.
            Cerco di andare per gradi: Lia, e’ vero che il cattolico osservante si basa sui dogmi e se il rapporto con la Divinità dipende da un intermediario, tutto in teoria puo’ essere possibile, ma questo vale appunto …. in teoria. Perche’ se tanto per dire, i confessione trova un prete che le dice che per ottenere la penitenza deve uscire fuori dalla parrocchia e ballare in reggiseno e slip il rock’n'roll in mezzo alla strada per dieci minuti, penso che anche al cattolico piu’ osservante qualche dubbio venga! Basta dare uno sguardo alle Sacre Scritture per capire che c’e’ una abissale discrepanza fra quello che in quel momento ti dice il prete e quello che in realtà sia giusto per ottenere l’assoluzione (ovviamente ho fato un esempio spiritoso per rendere l’idea). Comunque in linea di massima lei non ha torto: nei secoli bui della santa inquisizione era proibito per il volgo leggere le sacre scritture: solo i Vescovi erano autorizzati a farlo e a trasmetterlo alla gente e il motivo e’ facilmente comprensibile, tenuto conto dell’associazione a delinquere che era e che e’ responsabile di milioni di morti. Ma senza andare troppo lontano le potrei citare diversi esempi di mia conoscenza di come agisce oggi per esempio la Sacra Rota e di quanti milioni rapina ai poveri creduloni (forse e’ meglio chiamarli coglioni, e’ più adeguato) . Gent. Lia, io il problema l’ho risolto da parecchio tempo; non ho bisogno di intermediari, mi basta la mia coscienza, o meglio gli intermediari me li scelgo io, quando voglio io, e se lo voglio io. Per il cattolico ovviamente questa e’ un’eresia, ma la cosa non i tange.
            Egr. Peccatore, se io prendo una forchetta in mano e invece di usarla per lo scopo per cui e’ stata ideata e progettata, cioe’ una semplice posata per afferrare meglio gli spaghetti, la utilizzo per conficcarla in un occhi a qualcuno che mi sta sulle scatole non me la posso prendere con la forchetta o col suo progettista, ma con me stesso che ne ho fatto un uso errato. E non e’ certo un rimedio tornare a mangiare con le mani, per evitare il verificarsi di simili episodi potenziali. Quindi, il fatto che i dotti, i sapienti , giudici etc. abbiano messo Cristo in croce, non vuol dire affatto che se invece costoro fossero stati analfabeti l’epilogo sarebbe stato diverso; la cultura e’ e deve essere un mezzo per comunicare con la gente e propagare il verbo alla gente, e NON uno strumento di dominio verso la gente (e il blog ad esempio, pullula di tali personaggi), quindi non riesco a vedere il nesso fra quello che lei sostiene e la risposta che vorrebbe dare a Lia… o forse ho capito male io!
            Mimma, con te sarei d’accordo su tutta la linea… dico “sarei” perche’ non sono affatto sicuro che tu abbia interpretato bene quello che Lia volesse dire: Lia voleva, credo, affermare che la gerontocrazia vaticana, che poi fa perno sul cattolicesimo, si arroga il diritto di manipolare a piacimento la vita del fedele sulla base di un potere dato dai dogmi, non ha affatto parlato di Fede verso Dio, e fra Religione e Fede corre un abisso, in quanto una religione, in quanto tale, necessita per forza di una fede verso i suoi dogmi e/o le sue dottrine, ma non e’ vero il viceversa.
            Infine la questione Hack, che e’ stata portata a mo’ di esempio.
            Lia, e’ troppo riduttivo, incapsulare il pensiero della Hack nei confronti del Creatore nell’aggettivo “insoddisfacente”. In realta’ la Hack, che io ho avuto l’onore di conoscere tanti anni fa durante una conferenza scientifica, non viveva affatto di certezze ma in realtà l’unico limite che riconosceva alla ricerca scientifica era il “dubbio”. Era quella la spinta propulsiva che ha caratterizzato tutta la sua vita verso la continua ricerca. In realtà lei non diceva che la ricerca di Dio era qualcosa di “insoddisfacente” ma che Dio era un comodo paravento per risolvere dei problemi complessi.
            Ovviamente con questa filosofia di vita si puo’ concordare o discordare, io per esempio, con tutto il rispetto e l’ammirazione che ho sempre avuto per lei, che fra l’altro era una persona rispettosissima per chi aveva fede, non posso concordare, perche’ sono un fautore della posizione che ragione e fede non sono affatto incompatibili , a meno che quest’ultima non derivi da dogmi precostituiti, allora li’ non c’e’ ragione che tenga.
            Infine, Mimma (e Giovannino): tu affermi che la Hack per tutta la sua vita sia e’ basata su sicurezze tangibili e scientificamente dimostrabili, ma ammesso che sia cosi’ (e non lo credo fino in fondo perche’ lei si poneva sempre il dubbio), stai agendo alla stessa maniera perche’ da cio’ che scrivi sembra che tu abbia l’assoluta sicurezza che “in questo momento ha già avuto modo di ricredersi sulla “verità enorme”(come la definisce lei) e per una volta avrà scoperto qualcosa che nel passaggio terreno non aveva mai considerato”. Scusa, ma cosa ti da’ questa certezza? Mi potrai rispondere: “la mia Fede” . Benissimo, ma allora a maggior ragione anche lei poteva accampare dal suo punto di vista le sue sicurezze, proprio perche’ le poteva dimostrare tramite le scienza, senza far ricorso ad alcuna fede.
            Giovannino, mi perdoni ma ha appena detto un’eresia (questa si’): cosa vuol dire che Dio e’ eterno mentre la Hack e’ mortale??? Forse per il solo fatto che la Hack era atea non possedeva un’anima? O forse che invece Gesu’ con il corpo e’ morto solo apparentemente perche’ aveva una natura divina??
            Chiedo scusa se ho detto inesattezze, ma ho solo cercato di dare un’interpretazione ai vostri (rispettabilissimi) pensieri.

          • Mimma scrive:

            Grazie Cuba per la tua abituale gentilezza,
            la certezza che io rivendico viene non da una mera conoscenza intellettuale di Dio o da una fede astratta,ma da un incontro reale e concreto con la persona di Gesù Cristo Vivo.
            Anche questa che per me è concretezza è impossibile da definire a parole, se non attraverso una conoscenza di una realtà che auspicherei divenisse anche tua.
            Un caro saluto.

    • Eremita scrive:

      Lia Orsenigo, lo stesso tema viene trattato dal punto di vista economico nel famoso testo di Max Weber, “L’etica protestante e lo spirito del capitalismo”. Di fatto lo sviluppo economico ha avuto luogo nei paesi protestanti e molto meno nei paesi cattolici. E’ una tesi che mi è cara e che trovo chiarificatrice di molti problemi attuali, tanto che quando discussi la tesi di laurea un esaminatore mi contestò ironicamente consigliando la conversione al protestantesimo dei paesi cattolici come metodo spiccio per ovviare ai problemi del sottosviluppo. Oggi sarei più cauto nell’entusiasmo per l’etica protestante, a me sembra che nella sua rigidità sia poco adatta ad evolvere, e che pur avendo dimostrato una grande efficienza nei tre secoli trascorsi sia ora poco capace di adattarsi alle nuove situazioni. Darwin ci ha detto che certi organi sono efficienti in certe situazioni ambientali, ma non in altre, Theilard de Chardin ci ha detto pure che “la spécialisation paralyse, l’ultra-spécialisation tue”, e l’etica protestante è senza dubbio un apparato molto specializzato. Proprio per questi motivi concederei ancora qualche opportunità alla flessibile morale cattolica perchè nei fatti è molto più inclusiva che esclusiva, ovviamente purgandola dal suo difetto peggiore che è la tendenza a deresponsabilizzare gli individui rendendo spesso più redditizie le trasgressioni che i comportamenti corretti, persino ai vertici della chiesa dove le promozioni abbondano per certi spregiudicati e sono precluse ad altri più corretti ma considerati meno “furbi” (e forse questo dipende più dalla “romanità” della Curia Vaticana che da altro).

  10. Nella scrive:

    la verità vi farà liberi
    Sono uno che ricerca la verità e che non si accontenta di wikipedia. Se dici che la verità non esiste, sbagli, perché ne hai già affermata una. Se poi dici che la ricerca della verità non ti interessa, allora non te la prendere troppo quando qualcuno ti vuole ingannare.

    Cristo e la Chiesa

    I numerosi post riguardanti la religione cristiana che circolano nei social networks ci fanno capire due cose:

    - il problema religioso è molto più sentito di quello che si voglia far credere; proprio come dice Heinrich Böll: “gli atei parlano sempre di Dio”;

    - chi parla di cristianesimo, spesso non conosce quasi nulla dell’argomento. “Conoscano almeno qual è la religione che combattono, prima di combatterla”, diceva Pascal a proposito dei liberi pensatori del suo tempo.
    Mi pare che non siano cambiati.

    Voglio perciò puntualizzare, in qualche post, alcuni aspetti essenziali della fede cristiana, senza la conoscenza dei quali discutere mi sembra una perdita di tempo.

    È vero che chi le spara più grosse in genere attira più attenzione; ma a me non interessano gli imbonitori e le telepromozioni; a me interessano solo i fatti, quelli sui quali si fonda la fede cristiana.
    Le chiacchiere mi annoiano.

    Il primo aspetto da chiarire è il rapporto che lega Gesù Cristo e la Chiesa.

    Si sente infatti dire: la Chiesa cattolica non ha niente (o ha poco) a che fare con Cristo; oppure, Cristo mi interessa, la Chiesa no; o ancora, l’insegnamento di Cristo non è quello della Chiesa; e così via.

    Chi fa queste affermazioni non sa evidentemente che la figura di Cristo e il suo insegnamento ci sono noti solo attraverso la Chiesa, cioè la comunità dei credenti guidata dagli apostoli con a capo Pietro.

    Gesù Cristo non ha lasciato un libro; non ha lasciato nulla di scritto. Ha lasciato invece dodici persone che sono state testimoni della sua predicazione, della sua morte e della sua risurrezione. Dodici persone, gli apostoli, ai quali ha dato l’incarico di predicare, di battezzare, di rimettere i peccati, di celebrare l’Eucarestia, e di radunare un popolo che da un confine all’altro della terra riconosca di essere la comunità dei figli di Dio (chiesa=comunità).

    I Vangeli, che i denigratori della Chiesa di cui abbiamo parlato contrappongono proprio alla Chiesa, sono stati scritti dagli apostoli o discepoli di apostoli, e senza neppure un comando da parte di Gesù. Se non avessero scritto nulla, il messaggio di Cristo sarebbe giunto lo stesso fino a noi nello stesso modo, attraverso la predicazione della Chiesa.

    Se abbiamo i Vangeli lo dobbiamo proprio alla Chiesa, quella guidata da Pietro, cioè dal papa di Roma. E la Chiesa ha vigilato fin dall’inizio che i Vangeli fossero solo quelli autentici, non quelli apocrifi, perché il messaggio di Gesù fosse salvaguardato nella sua pienezza.

    L’espressione “Chiesa cattolica” viene ormai compresa come “Chiesa universale”. Ma la giusta traduzione è “Chiesa che ha la verità completa” (katà òlon=secondo la totalità), e questa espressione nacque proprio nei confronti delle chiese eretiche, che sceglievano solo alcuni aspetti dell’insegnamento di Cristo, negandone altri (“eretico” da airèo=scelgo).

    Quindi, se abbiamo il Vangelo lo dobbiamo alla Chiesa cattolica, che ce lo ha trasmesso nella sua integrità, salvandolo dalle manomissioni degli eretici.
    Questo aspetto viene completamente “dimenticato”, ad esempio, dai protestanti, ai quali bisogna invece ricordare che senza Chiesa cattolica, niente Vangelo, niente Nuovo Testamento.

    L’insegnamento di Cristo è quello che trasmette la Chiesa cattolica, quando parla di fede e di morale.

    Ecco alcune delle moltissime ed esplicite espressioni di Gesù rivolte agli apostoli e alla Chiesa da loro guidata:

    “Gesù disse agli apostoli: Mi è stato dato ogni potere in cielo e in terra. Andate dunque e insegnate a tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (Vangelo di Matteo 28, 18-20).

    “Chi ascolta voi, ascolta me; chi disprezza voi, disprezza me; e chi disprezza me, disprezza colui che mi ha mandato” (Vangelo di Luca 10, 16)

    “Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi. Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi” (Vangelo di Giovanni 20, 21-23).

    “Questo è il mio corpo, che è dato per voi. Fate questo in memoria di me” (Vangelo di Luca 22, 23; I Corinzi 11, 24).

    “Tu sei Pietro, e su questa pietra edificherò la mia Chiesa, e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli; tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli; tutto ciò che scioglierai sula terra sarà sciolto anche nei cieli” (Vangelo di Matteo, 16, 18-19).

    “Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera” (Vangelo di Giovanni 16, 12-13). La venuta dello Spirito Santo è nel giorno della Pentecoste (Atti, 2, 1-4).

    Quindi, non solo la Chiesa insegna la verità insegnata da Gesù Cristo, Figlio di Dio, ma ha l’autorità di sviscerarla in pienezza, senza essere un’impersonale ripetitrice di parole.

    Come prima clamorosa dimostrazione di questo fu l’abolizione della circoncisione, nel Concilio degli Apostoli a Gerusalemme: “Abbiamo deciso, lo Spirito Santo e noi…” (Atti 15, 28).
    Gesù e gli Apostoli erano tutti circoncisi. Ma quel giorno, nell’anno 50, a Gerusalemme la Chiesa abolì la circoncisione, perché non considerata più una parte essenziale della fede cristiana; con Cristo era iniziata la nuova alleanza, segno della quale è il Battesimo.

    Cristo e la Chiesa formano un’unica realtà, un corpo vivo di cui Cristo è il capo, come dice S. Paolo (Lettera ai Colossesi 1, 18); e secondo l’espressione di S. Agostino, il Cristo totale (“Christus totus”).

    Separare Cristo dalla Chiesa, staccarlo dalle sue membra che vivono nella storia, significa decapitarlo, dopo che qualcun altro lo ha messo in croce.

    Qualcuno ci prova…

    http://semperamicus.blogspot.it/2009/08/cristo-e-la-chiesa-1.html

    • Sal scrive:

      @ Nella
      “Sono uno che ricerca la verità e che non si accontenta di wikipedia. Se dici che la verità non esiste, sbagli, perché ne hai già affermata una.”

      Distinta Nella, si sta avventurando in sentieri che non le sono familiari.
      Lei cerca la verità ? Ma qual è la Verità ? Ce ne sono un’infinità di verità, ognuno ha la sua verità. Lei quale cerca ?
      Se si riferisce a quella di Gesù, provi con questo, ma poi non continui con le solite lenzuolate senza capo né coda, provi a riflette con il suo cervello.

      Quando Gesù arrivò per il matrimonio, entrarono solo le vergini sagge, e quando arrivarono le altre, e bussarono Gesù disse : “‘Vi dico la verità: Non vi conosco’.” ( Mt 25.12)
      Disse una bugia ? eppure in effetti le conosceva, solo che non volle farle entrare. Perché una bugia è verità ?
      Può una bugia essere la verità ? Però se cerca trova… così dice il Signore ( Mt 7.7)
      Non servono le lenzuolate, basta il seme piccolo come il granello di senape a far crescere un albro maestoso. La verità sta nelle cose semplici.

      Ps.
      “Chi fa queste affermazioni non sa evidentemente che la figura di Cristo e il suo insegnamento ci sono noti solo attraverso la Chiesa, cioè la comunità dei credenti guidata dagli apostoli con a capo Pietro.”

      Non dica fesserie o meglio non le copi nemmeno rimangono fesserie. Ma se lo vede Pietro a capo dei quaranta ladroni banchieri disonesti ? Rimanga nelle cose semplici. A suo livello. E ricordi la chiesa il vangelo lo bruciava, ne ha fatto roghi e lo appendava anche al collo di quelli che lo possedevano anche se non sapevano leggere. Altro che il vangelo lo dobbiamo alla chiesa cattolica.
      Lo sa chi fu che fece la prima traduzione in cinese ?
      Notte serena e sogni la verità !

      • vincenzo da torino scrive:

        il suo livello lo sta dimostrando a iosa, anche con questo post sconnesso” Vada a pesca!

      • minstrel scrive:

        E perché il Vangelo di Matteo riporterebbe le vere parole di Gesù?! Chi lo dice?!

    • giovannino scrive:

      cara Nella , non è corretto sul piano storico ( tralascio per il momento ogni considerazione strettamente teologica , data la mia incompetenza in materia ) identificare la chiesa di gesù con la chiesa cattolico-romana . Solo qualche osservazione a conferma :
      1. Gesù ha scelto i suoi Apostoli in Palestina e lì ha dato a Pietro il primato , dunque la Chiesa esisteva già prima che il principe degli Apostoli si trasferisse a Roma.
      2. l’ effusione dello Spirito Santo( Pentecoste) ha avuto luogo a Gerusalemme
      dunque la Chiesa esisteva già a Gerusalemme , prima che a Roma.
      3. l’ Apocalisse parla già di chiese al plurale e tutta la tradizione è concorde nell’ affermare che ovunque c’è un Vescovo , successore degli Apostoli, c’è una chiesa cristiana.
      4.le chiese non episcopali sono comunque formate da battezzati e Gesù ha detto che dovunque ci sono due persone riunite in Suo nome , Lui è presente.
      5. la Riforma non ha avuto origine al di fuori della Chiesa , ma all’ interno della stessa. Da un punto di vista umano , una continuità con la chiesa cattolico-romana è evidente. Non a caso si parla di riforma e non di rivoluzione. Personalmente poi , ritengo apprezzabili le ragioni teologiche dei cristiani ex cattolico-romani , ora separati e non mi convincono del tutto le tesi della grerchia cattolica , che riconosce alle “chiese” protestanti uno status inferiore di “comunità ecclesiali”. Ma anche tralasciando questa disputa teologica , affermare che la Chiesa è tale solo se dipendente dal Papa è contrario alla sacra Scrittura , alla sacra Tradizione e , per quanto ne so , anche alla teologia del teologo più “papista” , cioè san Tommaso.
      Un buon cattolico-romano può al massimo sostenere che la chiesa di Roma presiede alle altre chiese e che queste sono imperfette , se non in comunione con la chiesa di Roma. Non riconoscere i cristiani membri di chiese non in comunione con Roma come tali , è inaccettabile. Siamo tutti fratelli in Cristo in quanto abbiamo fede in Gesù e in forza della grazia di Dio .

  11. Sal scrive:

    “Omelie di papa Francesco a Santa Marta. Un bell’esempio di come il pontefice sta conducendo la chiesa verso una purificazione e una rinascita.”

    Sembra proprio vero….
    Dopo aver letto la difesa di Tornielli mi è venuto in mente il povero Gabriele e spiego perché.
    Dice il tema :“Solo chi non ha ascoltato, o ha fatto finta di non ascoltare,… ha potuto pensare che anche nella gestione delle finanze tutto potesse continuare come prima. «San Pietro non aveva un conto in banca», o «lo Ior è necessario ma fino a un certo punto», non erano battute ad effetto. Quello di Bergoglio non è un rigorismo d’immagine. Il Papa non si muove con iniziative ad uso mediatico, per salvare la faccia dell’istituzione.”

    Sembrerebbe vero. Una severità di quelle integerrime e invece……? Mica è in intervenuta la guardia svizzera vaticana ad arrestare il prelato che movimentava come è successo con il povero Gabriele che voleva salvare santa romana, e in un battibaleno si è trovato segregato nelle segrete.
    No, in questo caso malgrado i ripetuti appelli di Bergoglio sono dovuti intervenire i magistrati italiani. Ma che strano…. ? santa romana si affida proprio a quei magistrati che come ha dimostrato Vaticano Spa prima ha cercato di fregare, ora si lascia fregare il merito e la gloria proprio da quelli che non aspettavano che la rivincita. Sai come se la staranno ridendo sotto i baffetti ?

    Ma se Bergoglio sapeva e faceva sapere che sapeva, poteva intervenire lui con la sua potente armata svizzera che bisogno aveva di dire come il gatto al topo: “se t’acchiappo” senza acchiapparlo mai e laciare che fosse un altro gatto rivale ad acchipparlo … altrimenti poi che altro avrebbe da dire ? Non potrebbe più fare il martire in mezzo alla gabbia dei leoni che fa finta di ruggire mente fa il verso del coniglio.
    E’ come il Berlusca, lo hanno fatto martire a furia di pestarlo ma lui ci gode da matti sapendo che acquisisce consenso. Gli stanno facendo un favore. Invece Bergoglio non ha fatto bau bau, ma solo micio micio.

    • Mimma scrive:

      @Sal guardi meglio dentro le bugie geoviste, che ce ne sono a bizzeffa.

      TESTIMONI DI GEOVA

      BUGIE TEOCRATICHE E VERITA’ CRISTIANE.

      Troviamo un esempio evidente di bugie teocratiche geoviste a pagina 29 della Torre di Guardia del 1° febbraio 1993 nell’articolo “Buon giorno! Sa qual è il nome di Dio?”.

      Due gemelle brasiliane di 12 anni scrivono alla filiale geovista che a scuola hanno allestito una mostra di pubblicazioni bibliche incentrate sul nome di Geova. È chiaro che le gemelle del raccontino non hanno altro da esporre che chilogrammi di materiale cartaceo geovista. Tuttavia per non far vedere che il termine Geova esce solo dalla carta stampata della Società, cercano di fare la famosa ammucchiata con la quale il geovismo fa passare spesso un grosso errore (di nascosto) fra cose vere di molta o poco importanza. Per maggiore chiarezza vediamo l’ammucchiata riproducente il nome di Dio.

      Nell’ammucchiata c’è una riproduzione ingrandita delle parole del salmo 83:18, avendo l’accortezza di nascondere che si tratta di un ingrandimento di un versetto della cosiddetta Bibbia geovista con il nome “Geova”.
      Roba fatta in casa. Gli altri non c’entrano.

      Poi sono messe sul tavolo “diverse traduzioni della Bibbia che usano il nome “Geova”. L’ammucchiata. Il lettore (naturalmente sprovveduto) pensa a qualche centinaio di Bibbie, poiché le Bibbie ne esistono un migliaio. Intendo un migliaio di traduzioni diverse in varie lingue.
      Ma quali sono queste “diverse” traduzioni della bugia teocratica geovista?

      Quali sono le Bibbie “varie” (aggettivo ripetuto ad arte) che le gemelle mostrano?

      Lo dice il raccontino: sono tre,

      Quella di Almedia,
      La Bibbia di Gerusalemme,
      La traduzione del Nuovo Mondo.
      Scartiamo la Traduzione del Nuovo Mondo perché essendo la Bibbia edita dai Testimoni di Geova, non può entrare nelle “diverse” e “varie” Bibbie del mondo, se non si vuole sostenere se stessi con se stessi.

      Ma delle “varie” Bibbie rimangono altre due. Prendiamo quella di Gerusalemme citata per notare che qui il geovismo non si vergogna di raccontare una bugia grossa come il mondo (sia pure teocratica).

      Tutti sanno che la Bibbia di Gerusalemme non conosce “Geova”. E per dimostrare questo, mostrerò solo quello che dice lo stesso geovismo in “Tutta la Scrittura è ispirata da Dio e utile” – 1990, pagina 322 e SAPRETE che la Bibbia di Gerusalemme in inglese, in portoghese, in francese, ha Yahweh, Yahweh, Yahvé. “Geova” non esiste. Quindi il geovismo ha raccontato una grossa bugia.

      Delle tre Bibbie citate, abbiamo dimostrato chiaramente che due o sono false o non dimostrano nulla. Rimane la terza, che adopera “Geova”. Ed è vero. Troverete nello specchietto delle Bibbie offerte dal geovismo nel gruppo Bibbie portoghesi, che Almeida adopera il termine “Jehovah”. Ma andate alla colonna della data di pubblicazione e troverete che Almedia fu edita nel 1681 e riedita nel 1750. Una Bibbia vecchiotta, di alcune centinaia di anni fa. Questa è l’unica bibbia “varia” che il geovismo porta per affermare che ci sono “diverse” Bibbie che adoperano “Geova”.

      Ma c’è di più.

      Quelle gemelline della fantasia degli scrittori geovisti Brukliniani, ormai sono tutti convinti che il geovismo sia un bugiardo teocratico, hanno dimenticato di portare a scuola tutte quelle altre Bibbie elencate nel libro “Tutta la Scrittura”, per non far vedere ai visitatori che fatta qualche rara eccezione, tutte le Bibbie hanno “Signore”, “Lord”, “Yahweh”, “Senor”, “Herr”, “Eternel”, “Seigneur”, tutte parole che non sono “Geova”. Tale nome è rimasto solo in qualche Bibbia antica e nell’odierna Bibbia geovista.

      Dalla pagina 322 di “Tutta la Scrittura…” risulta, inoltre, che le poche Bibbie che riportano “Jehovah” (solo 7 su 54; altre 3 indicano “Lord”, e “Jehovah” alcune volte) sono molto vecchie e in ogni modo anteriori al 1930, anno in cui il termine “Geova” fu ripudiato da tutti gli studiosi perché ritenuto un errore di trascrizione invalso dal 1530 al 1930. L’unica Bibbia recente (1961) la “New English Bible” indica “Lord”, e “Jehovah” solo alcune volte.

      In ogni caso anche il Corpo Direttivo dei testimoni di Geova, riconosce che la pronuncia corretta è “Yahweh” e non “Geova”.

      “Mentre siamo inclini a considerare la pronuncia ‘Yahweh’ come la più corretta, abbiamo ritenuto la forma ‘Jehovah’ perché conosciuta dal popolo sin dal 14° secolo. Inoltre, essa preserva ugualmente, con le altre forme, le quattro lettere del tetragramma JHVH.”

      (La Torre di Guardia 1 febbraio 1961 p. 95)

      http://www.roccopoliti.it/?p=1649

      • Sal scrive:

        @ Mimma
        Vede che non capisce ?
        Io ho fatto un ragionamento e lei comincia la solita tiritera contro i TdG dei quali non mi interessa un fico.

        Nessuna meraviglia se poi come le vado dicendo da un pò fà un cattivo servizio alla sua causa. Si capisce perchè a voi è facile propinarvi qualunque madonna chiacchierona. Dev’essere il sangue alcolico di prima mattina.
        Stia bene e sorrida ogni tanto
        ps.
        Si tolga il chiodo fisso non sarà quello a farle ottenere il paradiso.

      • Sal scrive:

        @Mimma
        C’era bisogno di fare tutta questa tiritera ? Bastava mettere il riferimento a Wikipedia e alla voce Tetragramma e avrebbero tutti trovato tutte le spiegazioni sul significato del Nome di Dio.

        Ma perchè lei, dice “non v’è certezza” ?
        Umberto Eco, filosofo e linguista, ha scritto qualche tempo fa sull’Espresso (23 febbraio 1986) che due lettori lo hanno rimproverato. Perché? A quanto egli afferma, “mi hanno fatto notare che non devo dire Geova per indicare il dio dell’Antico Testamento, ma ‘Iahveh’ o ‘Yahveh’, perché Geova lo dicono solo i testimoni del medesimo”. La sua risposta?
        “Questa è una balla, perché i dizionari registrano ‘Geova’ come la italianizzazione corrente di Iahveh”
        Lo vada a raccontare a lui !

        E si informi meglio invece di sparare a salve “Jehovah” lo ha usato per primo Galatino confessore di Leone X nel 1516
        h**p://etymonline.com/index.php?term=Jehovah

        Perchè non si aggiorna ? O vuole rimproverare quel papa !

        “In 1278 a spanish monk, Raymundo Martini, wrote the latin work PUGIO FIDEI (Dagger of faith). In it he used the name of God, spelling it Yohoua. Later printings of this work, dated some centuries later, used the spelling JEHOVA.”
        h**p://www.yhwh.com/jehovah.htm

        • minstrel scrive:

          Ma Eco risponde per uno cui il nome non importa nulla. Che il tetragramma sia quel coso li geovista oppure sia leggibile come adachesetipigliotimollounasassatachericordifinchèscampi! a lui poco tange. Come poco tange a noi, capit? Tant’è che nel NT NON C’E’ TRACCIA di tetragramma!
          Chissà come mai…

  12. Mimma scrive:

    Ma Sal non è libero di farlo perchè è succube della Guida delle menti esercitata dai testimoni di Geova.

    http://www.roccopoliti.it/?p=1114

  13. Mimma scrive:

    Testimoni di geova: macchina per fare soldi: Altro che Ior, sparaballe di un Sal. Si informi sulla sua setta, vero paradiso fiscale per nababbi che volano con aerei privati e viaggiano in limousine.

    http://www.pallequadre.com/2012/05/testimoni-di-geova-macchina-soldi.html

    • Sal scrive:

      @Mimma
      Fa male la concorrenza vero ?
      E’ finito il dominio esclusivo della paura della morte.
      Che vuole ci si dovrà abituare. Ne vedremo ancora delle belle.

      • Mimma scrive:

        @Sal
        La paura della morte per estinzione, caro Sal, tra voi tdg è in atto da molto tempo. E vi terrorizza pure. Ve lo dicono le statistiche. E ve lo dicono i milioni di fuorisciti dalla galera geovista e che voi perseguitate con l’ostracismo disumano.

        http://www.roccopoliti.it/?p=1779

  14. Mimma scrive:

    A tutti gli uomini e donne di buona volontà.

    Il Signore ci doni la forza dell’Annuncio che fu dei primi Apostoli.

  15. Mimma scrive:

    Papa Francesco all’Angelus: sempre e soltanto l’amore di Cristo manda avanti la Chiesa

    Dopo la Messa nella Basilica Vaticana, Papa Francesco si è affacciato alla finestra del Palazzo Apostolico per la recita dell’Angelus. Ad attenderlo in Piazza San Pietro migliaia di fedeli e turisti di tutto il mondo. Il servizio di Roberta Gisotti:

    “E’ sempre e soltanto l’amore di Cristo che genera la fede e che manda avanti la Chiesa”. Cosi Papa Francesco tornando a parlare del martirio di Pietro e Paolo, su cui si fonda la Chiesa di Roma, ricordando che tutto il Popolo di Dio è debitore dei due Apostoli “per il dono della fede”. Pietro è il primo “a confessare che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio. Paolo ha diffuso questo annuncio nel mondo greco-romano”, e la Provvidenza ha voluto che ambedue giungessero a Roma e qui versassero il sangue per la fede”:

    “Per questo la Chiesa di Roma è diventata, subito, spontaneamente, il punto di riferimento per tutte le Chiese sparse nel mondo. Non per il potere dell’Impero, ma per la forza del martirio, della testimonianza resa a Cristo!”.

    Ha poi spiegato come Pietro, quando confessò la sua fede in Gesù, e Paolo che, prima era nemico dei cristiani, la diffuse, agirono “non per capacità umane”.

    “Ecco l’esperienza della misericordia, del perdono di Dio in Gesù Cristo: questa è la Buona Notizia, il Vangelo che Pietro e Paolo hanno sperimentato in se stessi e per il quale hanno dato la vita. Misericordia, perdono; il Signore sempre ci perdona, il Signore ha misericordia, è misericordioso, ha un cuore misericordioso e ci aspetta sempre”.

    “Questa è la fede che Pietro e Paolo hanno ricevuto da Cristo e hanno trasmesso alla Chiesa.”

    “Cari fratelli, che gioia credere in un Dio che è tutto amore, tutto grazia!”.

    Francesco ha, quindi, ricordato l’apostolo Andrea, fratello di Simon Pietro, patrono del Patriarcato di Costantinopoli.

    “Tutti insieme mandiamo il nostro saluto cordiale al Patriarca Bartolomeo I e preghiamo per lui e per quella Chiesa”.

    E, dopo un’Ave Maria recitata tutti insieme per Bartolomeo I, il Papa ha chiesto di pregare per gli arcivescovi metropoliti di diverse Chiese del mondo, che hanno ricevuto il pallio, “segno di comunione di unità”, rivolgendo un pensiero speciale:

    “Prego per tutte le loro comunità; in particolare incoraggio il popolo centroafricano, duramente provato, a camminare con fede e speranza”.

    • Sal scrive:

      @ Mimma
      CL perde la causa ? Ma come avevano detto che avrebbero pagato IMU !
      E si sono messi a fare i furbetti del quartierino.
      Il lupo perde il pelo ma non il vizio ! 65.000€ …. Però ! Mica ci vanno leggeri sti predicatori.

      h**p://www.ilgiornale.it/news/milano/cl-perde-causa-comune-sullici-931665.html

  16. Lt scrive:

    La “Vergine degli ultimi tempi” ha dato i suoi messaggi ad un veggente:

    Messaggio del 06/04/2010

    Cari figli vi amo tutti e vi benedico. Figli miei, presto vi sarà un cambiamento all’interno della Chiesa:
    molti scandali verranno allo scoperto e, a causa di ciò, il Santo Padre sarà perseguitato da molte Nazioni. Pregate per il Santo Padre, perché grazie alle vostre preghiere egli si rialzerà e porterà la Chiesa e il popolo di Dio alla salvezza.*
    Poi mi fu rivolta la parola del Signore: Atti degli Apostoli 7-6-10
    ——————————
    era l’anno 2010, il Santo Padre era BXVI.

    Sarà vero, sarà falso, sara ferguson ?

    (tante cose si sono avverate, ma non ci voleva molto acume a prevederle….)

  17. Lt scrive:

    Apostasia e perdita di fede
    Messaggio dell’ 01-01-2013. Cari figli vi amo tutti e vi benedico. Grazie per avermi fatto compagnia in questo incontro di preghiera del primo martedì del mese.
    Figli miei,
    questi sono i tempi della grande apostasia: vi sarà una grande perdita di fede in tutto il mondo come già profetizzata dai profeti della Sacra Scrittura.
    I cristiani verranno perseguitati ovunque,
    ma molti di essi non crederanno più alla dottrina di mio figlio Gesù e si raffredderanno a causa degli scandali che vedranno attraverso i mezzi di comunicazione. Voi però non temete tutto questo, continuate a pregare il Santo Rosario tutti i giorni, ed io vi proteggerò sotto il mio manto.

    ——————
    sarà vero, sarà falso, sarà ferguson ?

    ” non crederanno più alla dottrina di mio figlio Gesù”
    Apostasia dilagante: l’aveva già detto il card. Pacelli nel 1936, nella sua lettera al conte Galeazzi; e così e tanti mistici e santi di tutti i secoli, ma l’aveva detto la Madonna a Fatima, nella parte occultata dalle gerarchie ecclesiastiche.
    Apostasia confermata da papa GPII in varie occasioni, spec. anno 2000, rif. al XII libro dell’Ap.

  18. Lia Orsenigo scrive:

    Signora Nella.
    Ella interviene per “dare una sistemata” a problemi tipo Chiesa, apostoli, vangeli eccettera.
    Le do, in replica, la mia opinione.
    Chiesa deve intendersi come la comunità dei credenti e non come Istituzione organizzata, verticistica, autocratica, politicamente rilevante, finanziariamente potente e socialmente prestigiosa, facente capo addirittura ad uno Stato,con proprie banche, propria diplomazia e propri eserciti. Personalmente, mi rifiuto di credere che il cristo avesse in mente una mostruosità simile all’enorme costruzione della teocrazia papale assoluta, quale s’è venuta formando nei secoli.
    I dodici press-agents di cui Ella parla sono soggetti all’entusiasmo partigiano di tutti i neofiti e bisogna armarsi criticamente nei confronti di tali personalità. Inoltre, le loro testimonianze sono anche differenti, quando non discordanti, (come ben sa la polizia che sempre accade quando raccoglie testimonianze su eventi vari).
    I vangeli sono stati sottoposti , per soprammercato, ad una selezione : nessuno sa in base a quali criteri si decise di sceglierne quattro eliminando tutti gli altri. Ciò è perlomeno sospetto.
    Ancora più sospetto è che essi presentino disomogeneità ed interpolazioni, forse modifiche dei testi o chissà che altro : i secoli sono stati lunghi e può esser successo di tutto.
    Senta Nella, mi creda, la mia non è una posizione preconcetta di chi ama sottolineare i punti meno chiari per spirito di polemica o perchè ami l’ateismo : però credo che non si debba abbracciare una credenza purchessìa con frettolosità e superficialità. Invece, vedo che –in materia di religione– tantissima gente non si preoccupa affatto di approfondire la realtà delle cose e ,spesso, neppure di documentarsi a dovere : abbraccia la fede magari già all’eta di cinque o sei anni ,solo perchè così viene insegnato poi persevera in essa per abitudine, per conformismo, per inerzia o anche solo per l’invidiabile stato psichico di lieta sicurezza che essa dà.
    L’atteggiamento critico è sempre una buona cosa, invece, e non si vede perchè la chiesa debba esserne esente.
    L.O.

    • Eremita scrive:

      Nella cita Pascal: “Conoscano almeno qual è la religione che combattono, prima di combatterla”, diceva Pascal a proposito dei liberi pensatori del suo tempo. Io parlo dall’interno della chiesa cattolica di cui faccio parte, ed ho avuto la possibilità di conoscerne sia gli aspetti deteriori che quelli migliori, e non cado nella tentazione di porre tutti i difetti nella chiesa materiale, istituzionale, organizzativa, e tutti gli eventuali pregi in una astratta chiesa spirituale. Riesco a convivere con i peccati della chiesa pur rigettandoli e rifiutandoli, ma per uno che vive all’esterno questo diventa difficile, perchè quello che vede sono proprio sempre gli aspetti deteriori. Quelli di cui parla Pascal conoscono la chiesa da quello che vedono, e se non riescono a vedere la chiesa spirituale non sarà mica sempre colpa loro. A noi tocca ridurre le distanze fra la chiesa spirituale e quella materiale, non inveire contro chi la critica.

      • Lia Orsenigo scrive:

        Un complimento ad Eremita per l’estremo senso della misura che dimostra nei suoi pacatissimi interventi.
        Ciò detto, caro Eremita, sono d’accordo sia con Lei che con Pascal…
        Il punto, sfortunatamente, sa qual’è? Che io conosco meglio di molti altri la chiesa : nella storia della mia famiglia ci sono anche alti prelati, si immagini un pò.
        Non aggiungo altro.
        L.O.

    • cuba_libre scrive:

      Gent. Lia,

      In linea di massima concordo con lei: la chiesa che Gesu’ voleva edificare sullla sua pietra (rivelazione) non era affatto quella che poi si e’ rivelata
      che fosse.
      Avrei pero, qualcosa da dire sulle apparenti contraddizioni dei Vangeli di cui lei parla: dobbiamo contestualizzare il periodo in cui furono scritti: allora per spostarsi da un punto all’altro della Palestina si andava a piedi, ad andar bene sull’asino, quindi gli evangekisti portavano ognuno la propria testimonianza che poteva essere diversa una dall’altra. Tantl per fare un esempio della fuga in Egitto di Giuseppe ne parla solo Matteo, non gli altri tre. Questo potrebbe significare che o gli altri tre non ne fossero al corrente o che Matteo abbia avuto notizie non vere. Ma il problema non e’ questo: secondo me e’ irrilevante se Giuseppe sia fuggito in Egitto, o in Mesopotamia, o in Asia Minore o in Siria, o se non si sia mosso dalla Giudea (tesi questa che m sembra piu’ attendibile: vi potete solo immaaginare Giuseppe che con una puerpera attraversi su di un asino il deserto del Sinai??!!) Il punto base e’ che Gesu’ sia venuto al mondo per compiere la sua missioe, tutto il resto, anche le apparenti contraddizioni dei Vangeli devono essere valutate tenendo conto la realta’ dell’epoca. La saluto.

  19. Sal scrive:

    @Mimma
    “E c’è gente che si chiede:
    “Perchè in questo momento di crisi i Testimoni di Geova non pagano le tasse sugli incassi delle riviste?”

    Cara signora, e perché lo chiede a me ? Dica a quella gente interessata di rivolgersi presso la sede dei TdG e fare le loro richieste e saranno esaudite. Non ne ho idea e neanche mi interessa. Lei deve essere fissata con i TdG. Si potrebbe dubitare della sua sanitàmentale se continua di questo passo.

    • Sal scrive:

      @ Mimma
      “sparaballe di un Sal.”

      Se tutti i cristiani sono come lei, si può giustamente dire che avevano ragione i mussulmani a chiamarli “crociati” e infedeli !
      Le mie balle sono tutte documentate con riferimenti, link e articoli di giornali. E lei chiama me spara balle ?
      Guardi che non l’ho mica inventato io il chiacchiericcio della pedofilia per cui la chiesa si è rivelata ricettacolo di furfanti, dall’aspetto mite, travesti da santi, ma dentro furfanti. I corvi e le lobbies mica le ho inventate io, in quella santa apostolica dove stanno tutti a battersi il petto con l’occhio rivolto a scoprire chi possono truffare, tenendo la manina sul portafoglio. Ma dai non faccia ridere i polli ! Lo ricordi a Bagnasco che deve pagare l’Imu….. e non faccia il furbetto che già di favori ne hanno avuti a iosa.

  20. Lt scrive:

    una blogger parla di “teocrazia papale assoluta” ecc….

    ma dove, ma quando ? ? al tempo di Cenerentola forse ?
    per caso la gentile sognatrice di TEMPI PASSATI si è addormentata davanti alla TV che trasmetteva uno di quei polpettoni storici del 18.mo secolo ( o tipo “Il marchese del Grillo” ?) o sta facendo un sogno (pre)romantico ambientato nel medesimo secolo ?

    egr. sig.ra si svegli: lei sta raccontando da volenteroso cicerone, ai visitatori incolti, le vestigia di una città sontuosa e barocca (imponente e prestigiosa, fascinosa e ieratica) che NON ESISTE PIU’ !
    lei sta descrivendo (denunciando) la facciata di un antico edificio, che crediamo in tanti di dover ammirare e rimpiangere (o molti di schernire e satireggiare) o abbattere in nome dell’
    egalité-liberté-fraternité o di altri ideali umanitari…
    ma quella parete sontuosa è solo una FRAGILE FACCIATA: dietro sta crollando TUTTO, una picconata dopo l’altra, iniziando dal fatidico 11 ottobre 1962 ….e tra poco (pochissimo tempo) vedremo una vasta distesa di macerie: un gran rudere resterà di ciò che lei stigmatizza, e se ne stupirà……come tantissimi cadendo dalle nuvole,
    perchè non ha seguito con attenzione la serie dei PICCONAMENTI susseguitisi in questi 50 anni, senza sosta, nell’INTERNO dell’Edificio ( ecco perchè non ha visto, lei che sta fuori), dalle fondamenta, mentre all’esterno tutto sembrava resistere in CONTINUITA’:

    una continuità fasulla -MITIZZATA con slogan ripetuti per incantare il popolo-bue- che ancora incanta solo gli sprovveduti che invocano di restare in piacevole narcosi….
    o i ciechi volontari, che purtroppo sono milioni nel mondo, quelli che come la blogger giustamente dice, non si informano,
    non hanno alcuna voglia di approfondire gli ACCADIMENTI, I NESSI STORICI tra cause ed effetti, non rintracciano i fili della storia.

    Ora cerchi, chiunque voglia vedere la VERITA’ delle cose concrete, (non ciò che gli piacerebbe, ma solo la cruda REALTA’) di aprire gli occhi su ciò che sta accadendo:

    il Primato di Pietro è crollato, in questi ULTIMI GIORNI, sotto l’ultima picconata infertagli esattamente dal papa attuale, di nome “Francesco” .

    LEGGERE i discorsi ufficiali, ATTENTAMENTE, (dico a chi ne sia capace di lettura attenta, visto chè oggidì la gente sa leggere solo volantini di supermercati o news calcistiche)
    per rendersene conto !

    • Teobaldo scrive:

      Il Primato di Pietro è crollato, in questi ULTIMI GIORNI, sotto l’ultima picconata infertagli esattamente dal papa attuale, di nome “Francesco” .

      ———-

      Si, l’ultimo mattone l’ha tolto l’attuale papa, ma NON dimentichiamo che il Primato di Pietro quindi DOGMA, è cominciato a degradare e a rovinare, grazie a GPII, per finire con l’atto finale dell’ abdicazione di Benedetto XVI ….imposta o voluta poco importa… i segnali erano li per chi voleva vedere.

      Fu loro ( GPII – Benedetto XVI, ) infatti l’enciclica UT UNUM SINT, dove chiaramente si chiedeva di ridiscutere una forma di Primato di Pietro che potesse andare bene a tutti.

      Ricordo su un blog di discussione post conciliare non ne vollero sapere di discutere … ben prima degli avvenuti avvenimenti…… che dire, se non ravvedere una cecità e un certo equilibrismo che in tempi funesti come questi non sa da fare?

      Eppure il Dogma Pastor Aeternum dichiara ANATEMA chiunque avesse, avuto l’ardire di cambiare ciò che lo stesso Dogma decretava…e il solo volere discutere una nuova forma di Primato di Pietro che vada bene a tutti….. pare sia condannata dal Dogma Pastor Aeternum!!!

      • Lt scrive:

        caro Teobaldo,

        anch’io leggevo con attenzione quel dialogo importante,
        stavo seguendo su quel blog col fiato sospeso
        la drammatica discussione che toccava questi argomenti di VITALE IMPORTANZA per la sopravvivenza della Santa Chiesa….

        ma all’improvviso, con mio sommo stupore, vidi censurare senza validi motivi coloro che con MOLTA ATTENZIONE e senso di rispetto per la verità storica, stavano conducendo un’analisi inoppugnbabile….

        all’improvviso -puff! – scomparvero dalla scena del dialogo i bloggers attenti e sagaci, zittiti dalla redazione…censurati, diffidati ? e perchè ? non l’ho ancora capito, sa?
        forse come si dice “chi tocca i fili muore” ?
        ma io dico:
        una sentinella che segnala, AVVISA dell’arrivo di uno tsunami, descrivendo CIO’ CHE HA VISTO, I SEGNI chiari e inconfutabili di un EVENTO IN ATTO,
        deve essere incolpata del cataclisma in arrivo ?

        se il termometro sale, SEGNALANDO il caldo in aumento, o il baromentro segnala variazione di PRESSIONE atmosferica,
        bisogna dare a loro LA COLPA degli eventi atmosferici ?

        assurdo: fa pensare a quella scena manzoniana al pranzo di don Rodrigo, quando l’illustre ospite proclamava che

        “l’AMBASCIATORE è…bastonabile, bastonabilissimo!”

        • Lt scrive:

          Teobaldo, corregga la svista:

          Pastor AeternUS…

          e sul contenuto gravissimo, inoppugnabile, che lei segnala,
          mi chiedo QUANTA GENTE, sul web, sui media e nelle parrocchie “belle addormentate”
          ne sa qualcosa ? o si rende conto della gravità delle MUTAZIONI in atto da decenni, con vertiginosa accelerazione negli ultimi anni e mesi ?

        • Teobaldo scrive:

          all’improvviso -puff! – scomparvero dalla scena del dialogo i bloggers attenti e sagaci, zittiti dalla redazione…censurati, diffidati ? e perchè ? non l’ho ancora capito, sa?
          forse come si dice “chi tocca i fili muore” ?

          ————–

          Bravo carissimo Lt !!!

          Azzeccato in pieno.

          • Teobaldo scrive:

            mi chiedo QUANTA GENTE, sul web, sui media e nelle parrocchie “belle addormentate”
            ne sa qualcosa ? o si rende conto della gravità delle MUTAZIONI in atto da decenni, con vertiginosa accelerazione negli ultimi anni e mesi ?

            ————
            Carissimo Lt, vi sono persone addormentate, dall’anestesia del cv2…. ma vi sono vari gradini di responsabilità.

            Dal canto mio, non riesco a giustificare quei religiosi che pur avendo capito hanno taciuto per molti anni, e hanno lasciati soli i veri combattenti…..anche se, sono migliori di chi continua tutt’ora a tacere o a collaborare con i nemici della Chiesa.

            Poi vi sono i nemici travestiti da religiosi che dovrebbero essere cacciati dall’Una Santa, come era un tempo molto lontano …. il Sant’ uffizio fu costituito a tal scopo.

            per quanto rigurda l’Orbe cattolico, anche quì, si possono giustificare coloro che non hanno la possibilità di leggere o informarsi, come gli anziani o persone che non hanno il tempo materiale per farlo….ma ORA COME ORA, nessuno che si dice cattolico è GIUSTIFICABILE, perchè vede ma non provvede, ossia tace e per comodità infila gli occhiali rosa …. ormai è fin troppo chiaro TUTTO!!!

            Far finta di combattere coloro che sono all’esterno per distogliere i nemici all’interno è gioco di coloro che vogliono distruggere dal suo interno l’Una Santa.

            Chi tace o sorvola abusi, menzogne tranelli ed intrallazzi è complice.

            Il cv2 con la colleggialità e poi con la Ut Unum Sint, ha prodotto questo gravissimo atto contro il Dogma per eccellenza della Chiesa Cattolica Apostolica Romana…..ossia il Pastor Aeternus….e grazie della correzzione…. sviste della fretta…..

      • giovannino scrive:

        cari Teobaldo , quanto sostieni è totalmente falso. Il Papa sta semplicemente cercando di focalizzare meglio il primato petrino e di adeguarlo al divenire storico, com’è suo diritto e dovere .

        • Teobaldo scrive:

          primato petrino e di adeguarlo al divenire storico,
          ———-
          questa è semplicemente un’eresia!!!

          Il Dogma NON PUO’ MUTARE al divenire storico…. …… ..auguri…..

    • Lia Orsenigo scrive:

      Lt.
      Ho trovato un forumista acceso e passionale, come non avrei mai creduto!
      Penso che quanto Ella scrive sia vero per molti aspetti, ad ogni modo, io mi riferivo a quello che la chiesa è stata per tempi lunghissimi, certo tramontati. Anche se è importante il tipo di mentalità che si è venuta costituendo nel nostro popolo in forza di quel tipo plurisecolare di struttura autorevole ed autoritaria.
      Se la chiesa oggi appare in una fase di indubitabile tramonto, ciò è dovuto a vari fattori; ora è inutile elencarli, ma è possibile una considerazione di fondo : nulla è immobilmente parmenideo, tutto è Evoluzione (come scrive sempre Peccatore, che la sa lunga), ed anche le fedi e le istituzioni religiose non sono da meno.
      Sul che non sarà fuori luogo meditare.
      L.O.

      • Teobaldo scrive:

        Se la chiesa oggi appare in una fase di indubitabile tramonto, ciò è dovuto a vari fattori; ora è inutile elencarli

        ————

        PRIMA DI LEI E MEGLIO DI LEI, VI è QUALCUNO CHE LI HA ELENCATI!

        7 marzo 2013
        Una Jihad anticattolica dichiarata dalle potenze protestanti

        Nella quale vengono usati come devastanti strumenti di offesa anche l’euro e persino lo spread

        «Pur avendo vinto la guerra fredda, il Vaticano sarà sconfitto nel prossimo futuro, perché è venuto a mancare il suo storico avversario», vale a dire il Grande fratello sovietico e la sua guerra alla religione. «Questa la tesi radicale che aleggia in alcuni circoli del Nordeuropa», scrive Massimo Franco nel suo ultimo libro, La crisi dell’impero vaticano, che ha per sottotitolo «dalla morte di Giovanni Paolo II alle dimissioni di Benedetto XVI», ovvero «perché la Chiesa è diventata il nuovo imputato globale», Mondadori 2013, pp. 139, 17,50 euro, ebook 9,99 euro. Sono «gli stessi circoli», scrive ancora Franco, «che vagheggiano un’alleanza virtuosa delle nazioni protestanti e finanziariamente affidabili contro il «lassismo» fiscale e impunito dei paesi cattolici del Mediterraneo, a cui si aggiunge il sovraccarico della Grecia ortodossa».

        Vasto affresco della crisi del cattolicesimo (la cui influenza declina e la cui stessa esistenza è minacciata ovunque nel mondo, a partire dall’Africa che nel XX secolo era stata largamente cristianizzata e che, oggi, sta passando all’islamismo radicale dei nuovi stati canaglia). La crisi dell’impero vaticano è soprattutto un libro sull’Italia e sull’Europa. È un libro sull’Occidente, di cui la Chiesa è stata nei secoli il pilastro. Ma ecco che, d’un tratto, complicati dai dogmi della teologia, come un tempo i calcoli dell’impero sovietico erano complicati dalle profezie del materialismo storico e dialettico, i calcoli dell’impero vaticano non tornano più: il primato morale è stato sospeso, le finanze vaticane sono sempre più chiacchierate, lo scandalo della pedofilia dilaga e, quanto alle guerre intestine, sono sempre più simili a quelle che negli anni Trenta squassavano l’Urss (compresa un’ombra di Terrore, come quando Ettore Gotti Tedeschi, licenziato in tronco dallo Ior, «la banca del Papa», confida ai magistrati di temere per la sua vita).

        In cima a tutto, mentre l’Europa si sfarina a sud e si consolida a nord, c’è la jihad anticattolica dichiarata dalle potenze protestanti, sia politiche che finanziarie, contro le economie del debito. Tanto che «c’è da chiedersi», scrive Franco, «come debba essersi sentito in questi schemi un pontefice tedesco e bavarese come Benedetto XVI. Il papa si è ritrovato, suo malgrado, al centro di questo scontro; e lo ha vissuto nella doppia veste di cittadino d’uno stato ipercritico verso la cultura economica cattolica, e di capo del cattolicesimo».

        Probabilmente le radici del suo «gran rifiuto» non affondano soltanto negli scandali sessuali e in quelli economici. Forse affondano anche nella guerra dello «spread», uno scontro finanziario e culturale che ormai si combatte anche sul piano «georeligioso». Si profilano sull’orizzonte, neanche troppo lontano, altre Riforme e Controriforme: di qua le economie che piacciono all’Altissimo, di là le economie che lo offendono. Ciò non promette niente di buono per la tenuta dell’Europa. Perché, «se lo spread è anche una colpa da confessare e un peccato da espiare, per i quali l’assoluzione non è giustamente più scontata, le scomuniche e i presunti primati geoeconomici e georeligiosi minacciano di diventare scorciatoie destinate a ricacciare indietro la storia d’Europa non di qualche anno ma di decenni: quelli più bui».

        Dell’Europa, anzi di quella che alcuni chiamano «l’utopia europea», non rimane più granché quando si «propugnano nuovi isolazionismi, ostinati nazionalismi e miopi «fai da te» nella convinzione che, da soli, ci si possa salvare meglio. Una solitudine accarezzata in primo luogo dalla Germania che si definisce luterana, e da paesi a maggioranza protestante come Finlandia, Olanda e via risalendo e soprattutto escludendo. Al punto che si è arrivati a teorizzare che se Martin Lutero, il teologo e riformista tedesco del XVI secolo, avesse potuto essere presente a Maastricht nel 1992, quando furono gettate le basi dell’unione monetaria europea, avrebbe bocciato qualunque possibilità di fare aderire le nazioni cattoliche». E ancora: «Alla base delle nazioni «viziose» ci sarebbe l’incapacità d’emanciparsi dal cattolicesimo: una cultura, prima ancora che una fede, passata dalla pratica delle indulgenze, del denaro dato alla Chiesa per farsi perdonare i peccati, a un’eccessiva tolleranza in materia di «peccati fiscali». Secondo questa tesi, che si è diffusa in circoli culturali sempre più ampi in Nordeuropa, la tendenza di massa a non pagare le tasse, i casi di corruzione diffusa sono figli legittimi del «non protestantesimo». Italia e Grecia, ma anche Spagna sono afflitte da «malattie cattoliche» che significano colpevole tendenza a perdonare i peccati, siano essi fiscali o no».

        Anche la solidarietà tra curia romana e centrodestra italiano (un centrodestra da ridere, guidato da «un clown») non dev’essere piaciuto granché ai leader protestanti europei. Saranno rimasti un po’ raggelati quando un «eminente monsignore sudamericano» ha commentato così l’Affaire Ruby, finito in prima pagina sui giornali di tutto il mondo: «Alessandro Magno aveva la sifilide, ma è rimasto Alessandro Magno. Allo stesso modo, Berlusconi andrà pure con delle ragazze molto giovani, ed è male, molto male, sia chiaro. Però non si può dimenticare quel che ha fatto per la Chiesa. E se pure s’allea con Putin e in cambio garantisce gli approvvigionamenti energetici all’Italia, ben venga il rapporto col presidente russo». Con quel che ha fatto per la Chiesa, via. Agostino e il Doctor Angelicus non avrebbero detto meglio.

        di Diego Gabutti

        Fonte: Italia Oggi

        http://www.nocristianofobia.org/la-crisi-dellimpero-vaticano-il-nuovo-libro-di-massimo-franco/

        • giovannino scrive:

          caro Teobaldo, questo articolo dimostra il contrario di quello che pensi. Evidentemente il futuro , anzitutto spirituale , dell’ Europa e dell’ Occidente dipende dal prevalere della comune appartenenza alla Cristianità. Se invece prevarranno fondamentalismi protestanti e tradizionalismi cattolici e ortodossi , l’ Europa e l’ Occidente si spaccheranno in due .

          • Teobaldo scrive:

            Se invece prevarranno fondamentalismi protestanti….

            ———

            infatti l’articolo parla di questo…. non di tradizionalismi…..

            L’Europa finchè era unita alla sua Tradizione, era una potenza, non solo economica ma anche morale…. poi arrivò il protestantesimo fondamentalista e talebano…. così come lo è oggi.

  21. Lt scrive:

    tantissima gente non si preoccupa affatto di approfondire la realtà delle cose e ,spesso, neppure di documentarsi a dovere ….

    esatto, è proprio così cara signora !
    ma questo è appunto il tremendo stato di ottusità (uno stato semicomatoso permanente della ragione = narcosi + disinformatjia di regime)
    a cui il “popolo-diDio” è stato condotto da chi, insediatosi con abile colpo di mano negli alti seggi, ha fatto di quel “pastorale” concilio21 (che “non voleva affermare nuove dottrine” nè ribadire con chiara certezza le antiche) null’altro che un INSTRUMENTUM REGNI, sovvertendo tutto l’ordine della Chiesa, a colpi di silenzi e fatti compiuti, PRASSI IMPOSTE dall’alto, tese a CAMBIARE le basi stesse della Fede cattolica, e la struttura della Chiesa, soprattutto con la riforma della S. Messa in senso protestante : come prevedeva Lutero “toccate la Messa (“papista” diceva lui) e crollerà la Chiesa!”
    ma le picconate decisive bisognava darle anche al Primato di Pietro ….
    ed eccole >

  22. murmex scrive:

    Lt ,credo che purtroppo la sua diagnosi sia azzeccata,tranne che per il fatto che il primato di Pietro sia crollato,perchè essendo di istituzione divina questo non può succedere.Però il tentativo(folle,cieco)è in atto,e si manifesta nella volontà che questo primato(che sempre esiste e che verrà restaurato,pechè le porte degli inferi non prevarranno)non venga esercitato e che pian piano anche svapori nella percezione dei fedeli e del mondo.Tutto ciò viene portato avanti CON ATTI NON INFALLIBILI(non sarebbe possibile,Dio non lo permetterebbe),questo è il PUNTO SALIENTE e fondamentale,che ci permette di capire che la Chiesa nella sua essenza di roccia basata su Pietro è salva,nonostante la bufera si infittisca,e che ci permette anche di valutare tutto ciò per quello che è ,senza temere di essere,come subito si viene bollati,irrispettosi o addirittura scismatici o eretici(!!!)

    • Lt scrive:

      cara Murmex, accetto e condivido la sua valutazione, che mi sembra lucida ed equilibrata, e degna di ricavarne serie riflessioi, su tutti i risvolti da lei toccati (con la consueta precisione e competenza); ed io non faccio che ricorrere alle sue ottime puntualizzazioni per aiutare tanti ad aprire gli occhi….quando è possibile.

      E’ vero:
      si farà in modo “che pian piano anche svapori nella percezione dei fedeli e del mondo….” e i picconatori folli avranno raggiunto ANCHE solo con questo SVAPORAMENTO di consapevolezza lo scopo tenebroso prefisso, da secoli forse, come i santi Papi del calibro di Leone XIII e PIo X ben sapevano, conoscendo la natura e potenza dell’INIMICA VIS….,
      e come tutto ciò che sta accadendo si debba compiere, secondo le Scritture !
      avranno successo, come da PROGRAMMA (che ho riportato qui nei giorni scorsi, tra il dileggio degli stolti catto-ottimisti) stilato negli ultimi secoli,
      punto per punto.
      Uno dei punti essenziali di quella “vis” era l’abbattimento del Papato.

      • murmex scrive:

        Grazie per l’apprezzamento,caro Lt;io cerco di scrivere cose che non siano farina del mio sacco,ma sempre basate sulla dottrina perenne,che desumo da catechismo,encicliche,scritti di Santi e Dottori,o anche su libri di scrittori lucidi e sicuramente cattolici,quali Amerio e Radaelli.Per la parte dottrinale cerco di non dire inesattezze,è cosa troppo importante .Naturalmente sono ben felice di accettare le correzioni(non dei confusionari modernisti)che mi fanno veramente piacere .Per l’analisi dei dati di fatto direi che sicuramente le variazioni rispetto alla dottrina perenne sono inconfutabili,sono dei dati di fatto su cui ragionare(e ripugna alla ragione ritenerle “approfondimenti”,sarebbe come dire che a furia di “approfondire” il bianco si trova il nero);quello che è veramente problematico è l’avallo papale.L’unica soluzione che ho trovato è proposta da Amerio(e poi ,mi pare,da Radaelli)ed è imperniata su un ragionamento di metafisica,cioè sulla impossibilità di mutare l’ESSENZA della Chiesa,pur nelle palesi variazioni che hanno investito con la loro furia distruttrice tutto(Liturgia,Dottrina,pastorale ,,missioni, catechesi, arte e musica sacra…)perchè questa distruzione è avvenuta in modo pastorale,senza toccare l’essenza della Chiesa ,che è dogmatica,(tutti gli altri linguaggi ,pur necessari,ad esempio quello pastorale,devono essere imperniati su quello dogmatico,e spero di non sbagliare se questo mi sembra anche il pensiero del nostro ottimo e coraggioso Vescovo)e non può essere altrimenti,perchè Corpo mistico di Gesù Cristo,che è la Verità in persona.Questi linguaggi,non imperniati sul dogma,mi pare che Radaelli li consideri nulli, parvenze,inganni che tuttavia continuano a seminare morte e distruzione

    • Teobaldo scrive:

      cara Murmex ….. non sia così sicura che un papa falso, collaboratore del nemico qual’ora fosse intenzionato, non decida di avvalersi di un atto di carattere infallibile….. ed è per questo che necessariamente, chi si accorgerà di questo gravissimo e alto tradimento, saranno coloro che, conosceranno ciò che l’Una Santa Cattolica Apostolica Romana ha sempre conservato e tramandato….. questa è la Tradizione e non quella geneticamente mutata in senso evolutivo per adattarla ai tempi, con l’uso di termini edulcorati, così come è stato fatto da 50 anni a questa parte……

      Certo le porte degli inferi non prevarranno, ma nel senso che non prenderanno la supremazia …. che poi la Chiesa venga offuscata e dispersa a causa dell’apostasia nei vertici ….. è già stato reso noto sia a la Salette che a Fatima.

      • murmex scrive:

        Teobaldo,allora finalmente le cose si chiarirebbero.Chi non solo tentasse,ma riuscisse a compiere una cosa simile,non sarebbe Papa,ma antipapa.Però non credo che accadrà,perchè come potrebbero poi i fedeli rinvenire il vero Papa,se esistente in incognito?Che garanzie ci sarebbero?Almeno ai tempi del grande scisma d’occidente, si poteva sapere che uno dei pretendenti al Soglio era il vero Papa ,anche se non si sapeva individuarlo sicuramente.A meno che questo non accada durante l’attuale pontificato,mentre è ancora in vita Benedetto.Però sono ipotesi che danno le vertigini.

        • murmex scrive:

          Tuttavia,confrontando Magistero perenne,profezie approvate(non la sviante Med.)il dato di fatto incontrovertibile del degrado liturgico,dottrinale ,pastorale,dai quali discende quello morale,degrado che ora sembra aumentare (dopo i timidi tentativi di Benedetto),c’è veramente da temere

        • Teobaldo scrive:

          Però non credo che accadrà,perchè come potrebbero poi i fedeli rinvenire il vero Papa,se esistente in incognito?
          —–
          cara Murmex, ai fedeli sarà dato di capire, così come ora è dato di capire malgrado 50anni di dittadura integralista talebana dei modernisti protestanti, che hanno imposto alla Chiesa un nuovo magistero, una nuova messa, una nuova catechesi……

          L’ignoranza nella Fede, voluta o trascurata è un peccato grave.

          La voce del Buon Pastore …… ha detto Gesù…… le pecorelle sagge sapranno riconoscerla……

          • giovannino scrive:

            A giudicare dal seguito di Papa Francesco , sembra che le pecorelle abbiano orecchie per udire. Tu invece sei sordo.

          • Teobaldo scrive:

            A giudicare dal seguito di Papa Francesco
            ——–
            si la piazza piena di ogni sorta di diversamente credenti…turisti per caso….

            a giudicare…… il seguito vien da chiedersi …molte cose….

          • murmex scrive:

            Grazie,Teobaldo,per questa rasserenante citazione lella divina Parola.FOrse alcune pecorelle potranno essere aiutate in questo riconoscimento della voce del Pastore anche da umili laici,Dio ama servirsi anche di strumenti deboli ,poveri,inutili Però continuo a non capire come potrebbe sopravvivere la Chiesa (e sappiamo che non potrà perire)in mancanza del solido fondamento,la Roccia di Pietro.Quindi penso che la successione dei Papi non possa interrompersi,nonostante l’inadeguatezza o addirittura i peccati contro la Verità delle persone che rivestano quella suprema Autorità,fino all’avvento di un Papa santo che restauri tutto.A questo punto i veri fedeli riconosceranno, attraverso lui, la Voce del Pastore,e lo seguiranno se necessario anche al martirio

  23. Lt scrive:

    leggevo dunque su Avvenire questo frammento del discorso papale:

    “E la vostra presenza oggi, cari Confratelli, è il segno che la comunione della Chiesa non significa uniformità.
    Il Vaticano II, riferendosi alla struttura gerarchica della Chiesa afferma che il Signore
    «costituì gli Apostoli a modo di collegio o gruppo stabile, a capo del quale mise Pietro, scelto di mezzo a loro»
    (ibid., 19). Confermare nell’unità: il Sinodo dei Vescovi, in armonia con il primato. Dobbiamo andare per questa strada della sinodalità, crescere in armonia con il servizio del primato. E continua, il Concilio: «questo Collegio, in quanto composto da molti, esprime la varietà e universalità del Popolo di Dio» (ibid., 22).
    Nella Chiesa la varietà, che è una grande ricchezza, si fonde sempre nell’armonia dell’unità,
    ecc……”
    ————–
    nella mia grande ignoranza, ho fermato un attimo con stupore lo sguardo su quella frase:
    il Signore «costituì gli Apostoli a modo di collegio o gruppo stabile, a capo del quale mise Pietro, scelto di mezzo a loro»

    questo afferma il Vaticano II ? ?
    è la prima volta che leggo questo stralcio di quel doc. (Lumen gentium) e dicevo, pur nella mia ignoranza di tante elucubrazioni attorno ai mitici testi conciliari, ho cercato di ricordare DOVE FOSSE….. ma non ho rintracciato nella memoria del Catechismo essenziale di S. Pio X O DEL VANGELO NESSUNA FRASE che corrisponda a questa assurda affermazione !
    e continuo a chiedere (a chi ne sa più di me):
    QUANDO, DOVE, CON QUALI PAROLE, Gesù Cristo avrebbe “fondato un collegio”
    o “gruppo stabile” (come quello dei fedeli del MP per caso?) ?
    da dove traggono questa convinzione gli autori di Lumen gentium ?
    e perchè non la raccontano giusta al popolo-bue ?
    e che Gesù avrebbe “scelto Pietro da quel gruppo”, ma come ce la possono dare a bere ? ? ?

    certo Teobaldo, il papa attuale NON è autore di questa idea,
    ma la usa efficacemente, grazie al dialoghismo ecumenista imperante, e la porta alle fisiologiche ed ESTREME conseguenze, decisive per la Chiesa ufficiale (detta “visibile”) nel momento presente: l’inclusività di tutte le forme “di cristianistà”, aperta -in progress- “a tutte le forme del credere”. E’ proprio l’ultimo mattone di una programmata decostruzione-”ricostruzione”.
    Senza colpo ferire: quanti cattolici avranno notato quel mattone ? pochissimi, tanto è stato graduale il processo di mitridatizzazione delle coscienze in questi 4 decenni e mezzo: gutta cavat lapidem.
    Frutto maturo del concilio-egalité.

    • Teobaldo scrive:

      Caro Lt, la Lumen gentium è un documentaccio, così come tutti quelli usciti dall’anomalo cv2, un concilio dal titolo ecumenico…..

      Ho già detto che i concili ecumenici nella storia della Chiesa, furono indetti per dichiarare e condannare e con ciò a buon titolo furono Dogmatici….

      il cv2 invece pur non dichiarando e condannando nulla nei documenti, di fatto ha condannato e si è dichiararto contro la Chiesa di prima, ossia la Tradizione. hanno potuto con ciò costruire un novo magistero parallelo perchè senza toccare il Vero Magistero….. è così che, sono riusciti nell’intento.

      Ha sovvertito subdolamente l’ordine e i Dogmi precedenti…. ecco che mattone dopo mattone, siamo arrivati sin quì.

      Però mi chiedo, come mai nessuno dei religiosi che si sono adagiati ai nuovi insegnamenti, non hanno battuto ciglio, riguardo il fatto che TUTTO il magistero uscito dopo il cv2, quindi encicliche, quindi discorsi lettere, nuovo catechismo voluto da GPII, Codice diritto canonico etc… rimandi al 90 e passa % esclusivamente , ai documenti vaticanosecondisti, senza fare riferimenti ai Documenti o Encicliche ante cv2, che è parte integrante e inviolabile del Deposito?

      Questo è un mistero iniquitatis…… è grazie a costoro che siamo arrivati sin quì!!!

      dell’attuale papa Bergoglio, non posso certo ralleggrarmi…. su di lui ho grandissime riserve e in negativo…. però almeno è chiaro nei suoi intenti…gli altri non lo erano affatto!!!

      • murmex scrive:

        In effetti anche Benedetto pronunciò una certa critica sulla Lumen Gentium,dicendo che avrebbe potuto avere una migliore formulazione.Detto da lui.persona mite e prudente,e non certo contrario al Vat. II,(cui peraltro dette un apporto importante come perito di Mons.Frigs,uno dei novatori),è già significativo.Certo le affermazioni dogmatiche nessuno si sognerebbe di dire che vadano formulate meglio(nessuno di cattolico,s’intende),e questo concorda con l’altra affermazione di Benedetto che il magistero conciliare si pone su un piano più modesto(cioè pastorale,come tanti continuano a negare per paura di veder crollare il castello di carte

  24. vincenzo da torino scrive:

    La collegialità del governo della Chiesa è una delle richieste forti del Concilio Vaticano II ed è un ritorno alle origini della chiesa apostolica. Una necessità sorretta anche dalle dimensioni mondiali della chiesa cattolica che nei secoli non ha mai trovato una guida valida per l’accentramento vaticano , forse necessario in quei tempi, che tenga conto della missione specifica indipendente e responsabile che Gesù ha dato agli Apostoli, i quali sono assistiti dallo Spirito Santo nella predicazione in egual misura con l’unica , fondamentale ed importante obbligo di essere uniti a Pietro. In fondo sono i Concili, quindi i successori degli apostoli, che hanno guidato la chiesa, sempre in unione con il Papa. L’accentramento vaticano è frutto dei tempi e della necessità contingenti, non certo molto in sintonia con quanto Gesù ha stabilito. Il Vat I diede al papa l’infallibilità personale (solo quando lo ritiene veramente necessario e ben espresso) , molto contrastata, ma forse necessaria per contrastare il conciliarismo. Nella collegialità il primato pietrino rimane intatto. Un esempio è stata la decisione di Paolo VI di evocare a sé la questione degli anticoncezionali contro il parere della maggioranza dei padri conciliari. Comunque, ogni decisione del Sinodo deve avere l’approvazione del papa, sempre. Significativa è stato il dissidio tra Pietro e Paolo nel primo concilio di Gerusalemme dove fu Paolo a prevalere contro Pietro, il quale però ritenne poi giusta la posizione di Paolo. Se avesse imposto Pietro il proprio punto di vista come sarebbe stata la chiesa? Un esempio di come sia necessaria la collegialità. Finalmente si ritorna alla responsabilità dei vescovi rappresentati dai padri sinodali ed è finita l’idea del papa-re assoluto , che in parte rimane, contrario a quanto stabilito da Gesù. Se l’ingranaggio funziona avremo una chiesa veramente cattolica, cioè universale nella guida, sempre e solo in unione con il papa.

    • Teobaldo scrive:

      La collegialità del governo della Chiesa è una delle richieste forti del Concilio Vaticano II ed è un ritorno alle origini della chiesa apostolica.

      ————

      certo infatti è il cavallo di battaglia dei prtestanti eretici e scismatici…..

      basta guardare alla storia….. Papa Innocenzo II, che seppur deciso a voler ricomporrelo Scisma d’Oriente del 1054, ma non rinunciò mai al Primato di san Pietro impedendo di fatto la riconciliazione.

      E quale riconciliazione ci può essere, se scismatici ed eretici, nati in seno alla Chiesa Cattolica, pretendono di rimodellare a se’ il PRIMATO DI PIETRO?

      Il cv2, con la colleggialità che è contro il Dogma Pastor Aeternus, di fatto vuole tornare indietro ai periodi del disordine imposto dalle eresie nate in seno all’Una Santa.

      In questo si …il cv2 ci ha azzeccato!!

      Ho già detto, che la colleggialità di fatto toglie il potere a Pietro che lo equipara a tutti gli altri vecovi…non a caso Bergoglio si fa chiamre vescovo di Roma…. un titolo che nemmeno GPII, ha mai voluto considerare…ma questo perchè i tempi non erano ancora maturi….

      Tutto sembra studiato a tavolino…. tempi e modi….

      così che il popolino bue cattolico, non abbia di che acccorgersi di ciò che sta bollendo in pentola!!!

      • vincenzo da torino scrive:

        @Teobaldo. Vedo che non coglie il senso del mio post e svicola. La collegialità è stata voluta da Gesù stesso! Non ha scelto lui i dodici apostoli ed ad essi non ha dato il potere di “sciogliere e legare” che determina la potestà in fede e morale? Allora?. In questo i protestanti e scismatici hanno ragione. Sbagliano quando non accettano il primato pietrino che non viene intaccato dalla colleggialità. Quindi Innocenzo III aveva pienamente ragione. Lei dice “la collegialità di fatto toglie il potere a Pietro che lo equipara a tutti gli altri vescovi” Quando mai, e perché? Una emerita stupidaggine su cui dovreste meditare a lungo e smetterla di prendere in giro quelli che lei definisce “bue cattolico” espressione della sua alterigia oltre a cecità degna di migliore causa. Ripeto: la collegialità equipara il papa ai tre poteri(sciogliere e legare, sacrificio nella messa,perdonare i peccati), dati da Gesù agli Apostoli, ma è subordinata al primato Pietrino. Pietro, per dirla in modo comprensibile, ha sempre l’ultima parola, a cui i sinodali devono0 obbedienza.

        • Teobaldo scrive:

          @ da torino

          1) dovrebbe ella smettere di scrivere cretinate in sostegno della colleggialità, che non vedo come e cosa ad ella possa servire….a meno che ne non ne sia invischiato personalmente per appartenenza protestante, il che da ciò che scrive si evince in un modo chiaro.

          2) Gesù scelse i 12 Apostoli, MA SOLO A PIETRO HA DATE LE CHIAVI!!! e ciò che ella scrive è PRETTAMENTE PROTESTANTE!!!

          3) Allora vediamo un po’ cosa dice il DOGMA Pastor Aeternus:

          [...] A questa chiara dottrina delle sacre Scritture, come è sempre stata interpretata dalla Chiesa cattolica, si oppongono senza mezzi termini le malvagie opinioni di coloro che, stravolgendo la forma di governo decisa da Cristo Signore nella sua Chiesa, negano che Cristo abbia investito il solo Pietro del vero e proprio primato di giurisdizione che lo antepone agli altri Apostoli, sia presi individualmente, sia nel loro insieme, o di coloro che sostengono un primato non affidato in modo diretto e immediato al beato Pietro, ma alla Chiesa e, tramite questa, all’Apostolo come ministro della stessaChiesa.

          Se qualcuno dunque affermerà che il beato Pietro Apostolo non è stato costituito da Cristo Signore
          Principe di tutti gli Apostoli e capo visibile di tutta la Chiesa militante, o che non abbia ricevuto dallo
          stesso Signore Nostro Gesù Cristo un vero e proprio primato di giurisdizione, ma soltanto di onore: sia
          ANATEMA

          ( Pastor Aeternum cap.1)

          Dopo è arrivò il cv2 e dopo ancora l Ut unum Sint … questa pessima enciclica di GPII, pietra angolare dei demolitori del Primato Petrino Universale e con ciò di giurisdizione, voluta e studiata a tavolino per compiacere a tutte le chiese separate protestanti scismatiche ed eretiche….

          Se lei non sa di cosa si sta parlando le consiglio di studiare e di leggersi entrambi i documenti, non di meno si legga tutti la produzione di discussioni, avvenute dopo la Ut Unum Sint.

          Lei dovrebbe fare attenzione a non prendere per stupidi i suoi interlocutori…..

          • Sal scrive:

            @ Teobaldo
            “1) dovrebbe ella smettere di scrivere cretinate in sostegno della colleggialità, che non vedo come e cosa ad ella possa servire…

            Che per lei il vangelo fosse come l’ostrogoto lo si sapeva…..
            “ Quando non c’è abile direzione, il popolo cade; ma c’è salvezza nella moltitudine dei consiglieri.” (Prov. 11.14)

            “I piani sono frustrati dove non si parla in maniera confidenziale, ma nella moltitudine dei consiglieri c’è la riuscita.”(Prov 15.22)
            Perché non studia un po’ di più invece di pontificare a suo danno ?

            Lei dovrebbe fare attenzione a non prendere per stupidi i suoi interlocutori…..” (Teobaldo) Già !

  25. Teobaldo scrive:

    pardon….

    Papa Innocenzo III

    • Eremita scrive:

      Cerco di riassumere il pensiero di Teobaldo e compagni che con l’andar del tempo si fa sempre più contorto mordendosi la coda: il primato di Pietro è assoluto, divino, intangibile, sempre che a qualche papa non venga in mente di esercitarlo in modo contrario alle fissazioni maniache di qualcuno che però sostiene anche ferocemente il primato di Pietro. Ma che primato è, se dipende dagli umori depressivi di qualche gruppetto settario? Come quella moglie che dice al marito: Tu sei il capo della casa, sempre e quando tu faccia quel che ti dico io.

      • Teobaldo scrive:

        Come al solito eremita, produce discorsi sconclusionati e privi di ogni reale connessione con la realtà, oltre che con il VERO magistero.

        Ma che primato è, se dipende dagli umori depressivi di qualche gruppetto settario?

        appunto, glielo vada a chiedere a chi ha voluto la colleggialità per ritornare ai vecchi tempi…della ‘chiesa primitiva’ sic….

        • vincenzo da torino scrive:

          @Teobaldo. Lei nega che Gesù abbia dato agli apostoli i tre suddetti poteri tra cui quelli di “legare e sciogliere”?

          • vincenzo da torino scrive:

            Aggiungo. Se i successori degli apostoli non avessero questi poteri perché essi si riuniscono in concilio per discutere e prendere decisioni su fede e morale? Sono solo dei consulenti?

          • Teobaldo scrive:

            # da torino

            qui si sta parlando di Primato di Pietro, di Giurisdizione suprema di Pietro SU TUTTA LA CHIESA UNIVERSALE…..

            cosa c’entra il potere di legare e sciogliere ai 12 Apostoli?

            La Chiesa Cattolica è stata fondata da Cristo sulla roccia di Pietro….. con ciò i 12 Apostoli sono i suoi subalterni …sublaterno lo dice la parola stessa ….. non sono alla pari di Pietro il capo supremo…. e le decisioni Pietro può prenderle in autonomia senza sinodalità….

            SE LO STAMPI A MEMORIA:

            [...]forma di governo decisa da Cristo Signore nella sua Chiesa, negano che Cristo abbia investito il solo Pietro del vero e proprio primato di giurisdizione che lo antepone agli altri Apostoli, sia presi individualmente, sia nel loro insieme,…..

            HA LETTTO BENE?

            sia presi individualemte che NEL LORO INSIEME…con ciò è chiaro che il Dogma Pastor Aeternus

            RIGETTA LA COLLEGGIALITA E SINODALITA’ ‘…. ANZI LA DICHIARA ANATEMA!!!

          • Sal scrive:

            Stavano facendo un corso per i nodi da marinaio, nodo piano, nodo scorsoio… quello per impiccarsi.

          • Mimma scrive:

            @Sal

            Soprattutto questi nodi terribili e fanatici.

            http://www.roccopoliti.it/?p=1769

          • murmex scrive:

            VIncenzo,(vedi intervento sotto)i Vescovi NON si riuniscono in concilio,MA SONO CONVOCATI DAL PAPA,senza di ciò o almeno se non con convocazione,con consenso papale,il concilio sarebbe nullo;chi affermasse il contrario(valore del concilio superiore o indipendente dal Papa)cadrebbe nell’ERESIA CONCILIARISTA

        • vincenzo da torino scrive:

          @Teobaldo. Allora perché il papa convoca il concilio e richiede una maggioranza per decisioni riguardanti la fede e la morale? Non può decidere tutto da solo? Perché Pietro convocò il concilio di Gerusalemme e sottostò a Paolo? Mi chiede cosa c’entra “legare e sciogliere” ? Vale per gli Apostoli come per Pietro. In fatti Gesù lo dice agli apostoli e poi anche a Pietro, aggiungendovi il “pascere”, quindi una giurisdizione speciale. Quello che è fondamentale è che Gesù ha voluto che la chiesa fosse guidata dai apostoli uniti a Pietro e non dal solo Pietro, come dimostra il concilio di Gerusalemme. Glielo ripeto: perché Pietro non usò del suo primato subito con Paolo? Prima del primato viene “lo sciogliere o legare” dato a tutti gli apostoli e ripetuto a Pietro personalmente. In questo Pietro è uguale agli Apostoli. La collegialità nella guida della chiesa , da non confondere con il conciliarismo, è stata voluta da Gesù stesso e non contrasta col primato pietrino. Sarebbe un assurdo.

          • Teobaldo scrive:

            Glielo ripeto: perché Pietro non usò del suo primato subito con Paolo? Prima del primato viene “lo sciogliere o legare” dato a tutti gli apostoli e ripetuto a Pietro personalmente.

            ———-
            Vincenzo ma non ho capito (dico sul serio …), cosa ella intenda dire con quel ” perchè Pietro non usò subito il Primato con Paolo” etc…

  26. Sal scrive:

    @ Teobaldo
    “mi chiedo QUANTA GENTE, sul web, sui media e nelle parrocchie “belle addormentate” ne sa qualcosa ?

    A dire la verità distinto sig. Teobaldo, è da parecchio tempo che ne vado scrivendo. Ma sembra che a nessuno interessasse, oltre che continuare a cantare le lodi di santo romana, ragionare sui documenti.
    Lo scopo primario del CVII era quello di aprire alle altre religioni cristiane. Solo che Paolo VI provò a rallentare perché non voleva perdere il predominio.

    “ il 21 novembre 1964 papa Paolo VI promulgò il Decreto sull’Ecumenismo. Nell’introduzione esso affermava: “Il ristabilimento dell’unità da promuoversi fra tutti i Cristiani, è uno dei principali intenti del Sacro Concilio Ecumenico Vaticano II”. — I Documenti del Concilio Vaticano II, Edizioni Paoline, 1966, II ediz., p. 311.
    “sotto il titolo “il cattolicesimo romano dopo il Concilio Vaticano II”, un’enciclopedia diceva ottimisticamente: “La Chiesa Cattolica ha abbandonato ufficialmente la sua posizione di ‘sola vera chiesa’”. — The New Encyclopædia Britannica.

    Pietro non è mai stato capo di nessuno, ma uno fra i tanti.
    Peccato che alcune pretese sono state una delusione per chi non lo aveva capito.
    E che insegni a farli ragionare.
    Il popolo che Dio si è scelto è un altro.
    “poiché tutto il popolo dei trafficanti è stato ridotto al silenzio; tutti quelli che pesano l’argento sono stati stroncati.” ( Sof. 1.11)

    • Mimma scrive:

      @Sal
      queste stupidaggini che lei dice si trovano suolo nella bibbia manipolata e satanica dei tdg. Il Vangelo di Gesù Cristo invece parla chiaro sul ruolo di Pietro. Tranne che per le fanatiche bugie geoviste.

      http://www.roccopoliti.it/?cat=58

      • Sal scrive:

        Cos’è Mimma, l’isterismo le sta rodendo il fegato per le evidenze che il cattolicesimo sta offrendo al mondo ?
        Lei non fa altro che aggiungere pena a pena, tristezza a ignoranza. Non fa un buon servizio alla sua causa.
        Sarebbe più indicato il silenzio ( come dice il vangelo)

        “Il Vangelo parla chiaro sul ruolo di Pietro” Sì è vero, Pietro era un satana, un truffatore ipocrita violento e spadaccino. Non è cambiato molto.

  27. mauro scrive:

    Caro teobaldo,

    Gesu’ dice: “fonderò la mia chiesa…” ed è un tempo futuro, non presente e poiché nel Vangelo non dice che durante la propria vita l’abbia fondata, direi che lo fece quando risorse nel Regno dei Cieli e proprio perchè chi è fondatore è anche capo appare evidente che fosse così in quanto Dio lo mise a capo del Regno dei Cieli in attesa di coloro che sarebbero resuscitati.
    Quella Chiesa è nel Regno dei Cieli e Gesu’ ne è capo.

    Forse si è dimenticato, lei spesso ci ricade, che Gesu’ disse che nessuno degli apostoli era superiore agli altri 11 ed è evidente che in tal modo non vi sia un capo sulla terra che possa fondare qualcosa. Bisognerà aspettare 3 secoli perchè qualcuno fondi una sua Chiesa sulla terra ma purtroppo era un imperatore. Oltre tutto aveva il titolo di “pontifex maximus” di tutte le religioni dell’impero. Pontefice le dice qualcosa?

    • Mimma scrive:

      @Mauro

      Le scemenze dementi che lei afferma sono facilmente dimostrabili con la Scrittura. Il geovismo le ha fatto fare tilt al cervello. Si faccia un bel corso di purificazione da settarismo geovista.

      http://www.roccopoliti.it/?p=980

      • mauro scrive:

        Cara mimma,

        Non serve il Vangelo per dimostrare che “fonderò” (io, Gesu’) è un tempo futuro, è sufficiente una grammatica italiana, così come è storia che gli apostoli fondarono delle comunità, chiamate Chiese, e quella di Antiochia di Siria fu retta da Pietro per trent’anni. Ognuno di loro aveva la propria ed è evidente che Gesu’ ne avrà avuta un’altra in quanto lui stesso afferma che la fonderà. Che non vi fosse un’unica Chiesa, e quindi non fosse quella di Gesu,’ lo comprovano i Concili nei quali le diverse comunità raggiungevano, dopo discussioni, un consenso attorno a un argomento riguardante la fede o per prendere decisioni di natura pastorale. I concili dimostrano anche che nessuna comunità aveva il primato in quanto è ovvio che chi lo detenesse avrebbe imposto le proprie decisioni senza alcuna necessità di proclamare un Concilio.

        Considerato che lei è così sicura, dimostri con la scrittura la mia parzialità considerato che su essa fa affidamento.

        • Mimma scrive:

          Il Vangelo smentisce in pieno le sue elucubrazioni. E che la chiesa non era nel futuro ma realtà già presente tutto il NT lo afferma. Se Cristo parla al futuro è perchè parla dell’evento pasquale e pentecoste da cui nascerà la chiesa che ancora non era realizzato nel momento in cui parla.. Lei legge bibbie troppe manipolate.

          Matteo 16,3Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». 14Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti». 15Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». 16Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». 17E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. 18E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. 19A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli». 20Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

          At 5,11 Un grande timore si diffuse in tutta la Chiesa e in tutti quelli che venivano a sapere queste cose.

          At 8,1b In quel giorno scoppiò una violenta persecuzione contro la Chiesa di Gerusalemme; tutti, ad eccezione degli apostoli, si dispersero nelle regioni della Giudea e della Samaria.
          At 8,3 Saulo intanto cercava di distruggere la Chiesa: entrava nelle case, prendeva uomini e donne e li faceva mettere in carcere.

          At 9,31 La Chiesa era dunque in pace per tutta la Giudea, la Galilea e la Samaria: si consolidava e camminava nel timore del Signore e, con il conforto dello Spirito Santo, cresceva di numero.

          At 11,22 Questa notizia giunse agli orecchi della Chiesa di Gerusalemme, e mandarono Bàrnaba ad Antiòchia.

          At 11,26 lo trovò e lo condusse ad Antiòchia. Rimasero insieme un anno intero in quella Chiesa e istruirono molta gente. Ad Antiòchia per la prima volta i discepoli furono chiamati cristiani.

          At 12,1 In quel tempo il re Erode cominciò a perseguitare alcuni membri della Chiesa.
          At 12,5 Mentre Pietro dunque era tenuto in carcere, dalla Chiesa saliva incessantemente a Dio una preghiera per lui.
          At 13,1 C’erano nella Chiesa di Antiòchia profeti e maestri: Bàrnaba, Simeone detto Niger, Lucio di Cirene, Manaèn, compagno d’infanzia di Erode il tetrarca, e Saulo.
          At 14,23 Designarono quindi per loro in ogni Chiesa alcuni anziani e, dopo avere pregato e digiunato, li affidarono al Signore, nel quale avevano creduto.
          At 14,27 Appena arrivati, riunirono la Chiesa e riferirono tutto quello che Dio aveva fatto per mezzo loro e come avesse aperto ai pagani la porta della fede.
          At 15,3 Essi dunque, provveduti del necessario dalla Chiesa, attraversarono la Fenicia e la Samaria, raccontando la conversione dei pagani e suscitando grande gioia in tutti i fratelli.
          At 15,4 Giunti poi a Gerusalemme, furono ricevuti dalla Chiesa, dagli apostoli e dagli anziani, e riferirono quali grandi cose Dio aveva compiuto per mezzo loro.
          At 15,22 Agli apostoli e agli anziani, con tutta la Chiesa, parve bene allora di scegliere alcuni di loro e di inviarli ad Antiòchia insieme a Paolo e Bàrnaba: Giuda, chiamato Barsabba, e Sila, uomini di grande autorità tra i fratelli.
          At 18,22 Sbarcato a Cesarèa, salì a Gerusalemme a salutare la Chiesa e poi scese ad Antiòchia.

          At 20,17 Da Mileto mandò a chiamare a Èfeso gli anziani della Chiesa.
          At 20,28 Vegliate su voi stessi e su tutto il gregge, in mezzo al quale lo Spirito Santo vi ha costituiti come custodi per essere pastori della Chiesa di Dio, che si è acquistata con il sangue del proprio Figlio.
          Rm 16,1 Vi raccomando Febe, nostra sorella, che è al servizio della Chiesa di Cencre:
          1Cor 1,2 alla Chiesa di Dio che è a Corinto, a coloro che sono stati santificati in Cristo Gesù, santi per chiamata, insieme a tutti quelli che in ogni luogo invocano il nome del Signore nostro Gesù Cristo, Signore nostro e loro:
          1Cor 4,17 Per questo vi ho mandato Timòteo, che è mio figlio carissimo e fedele nel Signore: egli vi richiamerà alla memoria il mio modo di vivere in Cristo, come insegno dappertutto in ogni Chiesa.

          1Cor 6,4 Se dunque siete in lite per cose di questo mondo, voi prendete a giudici gente che non ha autorità nella Chiesa?
          1Cor 10,32 Non siate motivo di scandalo né ai Giudei, né ai Greci, né alla Chiesa di Dio;
          1Cor 11,22 Non avete forse le vostre case per mangiare e per bere? O volete gettare il disprezzo sulla Chiesa di Dio e umiliare chi non ha niente? Che devo dirvi? Lodarvi? In questo non vi lodo!

          1Cor 12,28 Alcuni perciò Dio li ha posti nella Chiesa in primo luogo come apostoli, in secondo luogo come profeti, in terzo luogo come maestri; poi ci sono i miracoli, quindi il dono delle guarigioni, di assistere, di governare, di parlare varie lingue.
          1Cor 15,9 Io infatti sono il più piccolo tra gli apostoli e non sono degno di essere chiamato apostolo perché ho perseguitato la Chiesa di Dio.
          2Cor 1,1 Paolo, apostolo di Gesù Cristo per volontà di Dio, e il fratello Timòteo, alla Chiesa di Dio che è a Corinto e a tutti i santi dell’intera Acaia:
          Gal 1,13 Voi avete certamente sentito parlare della mia condotta di un tempo nel giudaismo: perseguitavo ferocemente la Chiesa di Dio e la devastavo,
          Ef 1,22 Tutto infatti egli ha messo sotto i suoi piedi
          e lo ha dato alla Chiesa come capo su tutte le cose:

          Ef 3,10 affinché, per mezzo della Chiesa, sia ora manifestata ai Principati e alle Potenze dei cieli la multiforme sapienza di Dio,
          Ef 3,21 a lui la gloria nella Chiesa e in Cristo Gesù
          per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli! Amen.

          Ef 5,23 il marito infatti è capo della moglie, così come Cristo è capo della Chiesa, lui che è salvatore del corpo.
          Ef 5,24 E come la Chiesa è sottomessa a Cristo, così anche le mogli lo siano ai loro mariti in tutto.

          Ef 5,25 E voi, mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei,
          Ef 5,27 e per presentare a se stesso la Chiesa tutta gloriosa, senza macchia né ruga o alcunché di simile, ma santa e immacolata.
          Ef 5,29 Nessuno infatti ha mai odiato la propria carne, anzi la nutre e la cura, come anche Cristo fa con la Chiesa,
          Ef 5,32 Questo mistero è grande: io lo dico in riferimento a Cristo e alla Chiesa!
          Fil 3,6 quanto allo zelo, persecutore della Chiesa; quanto alla giustizia che deriva dall’osservanza della Legge, irreprensibile.

          Fil 4,15 Lo sapete anche voi, Filippesi, che all’inizio della predicazione del Vangelo, quando partii dalla Macedonia, nessuna Chiesa mi aprì un conto di dare e avere, se non voi soli;
          Col 1,18 Egli è anche il capo del corpo, della Chiesa.
          Egli è principio,
          primogenito di quelli che risorgono dai morti,
          perché sia lui ad avere il primato su tutte le cose.

          Col 1,24 Ora io sono lieto nelle sofferenze che sopporto per voi e do compimento a ciò che, dei patimenti di Cristo, manca nella mia carne, a favore del suo corpo che è la Chiesa.
          Col 4,15 Salutate i fratelli di Laodicèa, Ninfa e la Chiesa che si raduna nella sua casa.
          Col 4,16 E quando questa lettera sarà stata letta da voi, fate che venga letta anche nella Chiesa dei Laodicesi e anche voi leggete quella inviata ai Laodicesi.
          1Ts 1,1 Paolo e Silvano e Timòteo alla Chiesa dei Tessalonicesi che è in Dio Padre e nel Signore Gesù Cristo: a voi, grazia e pace.

          2Ts 1,1 Paolo e Silvano e Timòteo alla Chiesa dei Tessalonicesi che è in Dio Padre nostro e nel Signore Gesù Cristo:
          1Tm 3,5 perché, se uno non sa guidare la propria famiglia, come potrà aver cura della Chiesa di Dio?
          1Tm 3,15 ma se dovessi tardare, voglio che tu sappia come comportarti nella casa di Dio, che è la Chiesa del Dio vivente, colonna e sostegno della verità.
          1Tm 5,16 Se qualche donna credente ha con sé delle vedove, provveda lei a loro, e il peso non ricada sulla Chiesa, perché questa possa venire incontro a quelle che sono veramente vedove.

          Gc 5,14 Chi è malato, chiami presso di sé i presbìteri della Chiesa ed essi preghino su di lui, ungendolo con olio nel nome del Signore.
          3Gv 1,6 Essi hanno dato testimonianza della tua carità davanti alla Chiesa; tu farai bene a provvedere loro il necessario per il viaggio in modo degno di Dio.
          3Gv 1,9 Ho scritto qualche parola alla Chiesa, ma Diòtrefe, che ambisce il primo posto tra loro, non ci vuole accogliere.
          3Gv 1,10 Per questo, se verrò, gli rinfaccerò le cose che va facendo, sparlando di noi con discorsi maligni. Non contento di questo, non riceve i fratelli e impedisce di farlo a quelli che lo vorrebbero e li scaccia dalla Chiesa.
          Ap 2,1 All’angelo della Chiesa che è a Èfeso scrivi:
          «Così parla Colui che tiene le sette stelle nella sua destra e cammina in mezzo ai sette candelabri d’oro.
          Ap 2,8 All’angelo della Chiesa che è a Smirne scrivi:
          «Così parla il Primo e l’Ultimo, che era morto ed è tornato alla vita.
          Ap 2,12 All’angelo della Chiesa che è a Pèrgamo scrivi:
          «Così parla Colui che ha la spada affilata a due tagli.
          Ap 2,18 All’angelo della Chiesa che è a Tiàtira scrivi:
          «Così parla il Figlio di Dio, Colui che ha gli occhi fiammeggianti come fuoco e i piedi simili a bronzo splendente.
          Ap 3,1 All’angelo della Chiesa che è a Sardi scrivi:
          «Così parla Colui che possiede i sette spiriti di Dio e le sette stelle. Conosco le tue opere; ti si crede vivo, e sei morto.
          Ap 3,7 All’angelo della Chiesa che è a Filadèlfia scrivi:
          «Così parla il Santo, il Veritiero, Colui che ha la chiave di Davide: quando egli apre nessuno chiude e quando chiude nessuno apre.
          Ap 3,14 All’angelo della Chiesa che è a Laodicèa scrivi:
          «Così parla l’Amen, il Testimone degno di fede e veritiero, il Principio della creazione di Dio.

    • Sal scrive:

      @ Teobaldo
      Secondo lei, dire “edificherò la mia chiesa” (Mt 16.18) equivale a dire “edificherò la tua chiesa” ?
      La grammatica italiana ha ancora qualche senso per lei ? Mia è diverso da Tua anche se sono aggettivi possessivi .
      E secondo lei, per entrare nel Regno dei cieli, sono necessarie della chiavi ? E di che tipo ? se quel regno è spirituale ? Dove si trovano quelle chiavi nello IOR dentro il torrione dei preziosi ?
      Che se ne fa Pietro delle chiavi se non le può consegnare a nessuno ?

      • Mimma scrive:

        Matteo 16,19A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».

        La chiesa è di Cristo, Pietro ne è il fondamento visibile di essa. Altrimenti le parole di Mt 16,19 suonerebbero come una bestemmia. Eppure sono parole di Gesù. Semmai la WTS è del CD dei tdg. Quella certamente. La chiesa è di Cristo. Lo ha detto anche papa Benedetto e Francesco.

        “La Chiesa è di Cristo. È lui che l’ha acquistata a prezzo del suo sangue. E in questa Chiesa, come nella rete di Pietro il pescatore, finiscono pesci di ogni tipo. E insieme ai pesci qualcosa che con il mare non dovrebbe avere niente a che fare. La Chiesa è sua, ma è affidata a noi. A noi che dovremo tremare ogni volta che accostiamo un fratello per annunciargli il Regno. Dio nessuno mai lo ha visto. Ai suoi figli è affidato il compito di renderlo presente agli uomini. E la nostra serietà, la nostra coerenza, la nostra santità possono facilitare l’incontro. Quale responsabilità. Una missione ardua, affascinante, unica, certamente. Ci mette al riparo da ogni sciocca presunzione il fatto che non siamo stati noi, ma Lui a volere così. Fu Lui infatti che, pur sapendo di rischiare, volle mettere nelle nostre mani la Parola e i Sacramenti” (Benedetto XVI).

        “..L’antico Tempio era edificato dalle mani degli uomini: si voleva “dare una casa” a Dio, per avere un segno visibile della sua presenza in mezzo al popolo. Con l’Incarnazione del Figlio di Dio, si compie la profezia di Natan al Re Davide (cfr 2 Sam 7,1-29): non è il re, non siamo noi a “dare una casa a Dio”, ma è Dio stesso che “costruisce la sua casa” per venire ad abitare in mezzo a noi, come scrive san Giovanni nel suo Vangelo (cfr 1,14). Cristo è il Tempio vivente del Padre, e Cristo stesso edifica la sua “casa spirituale”, la Chiesa, fatta non di pietre materiali, ma di “pietre viventi”, che siamo noi. L’Apostolo Paolo dice ai cristiani di Efeso: voi siete «edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, avendo come pietra d’angolo lo stesso Cristo Gesù. In lui tutta la costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo del Signore; in lui anche voi venite edificati insieme per diventare abitazione di Dio per mezzo dello Spirito» (Ef 2,20-22). Questa è una cosa bella! Noi siamo le pietre vive dell’edificio di Dio, unite profondamente a Cristo, che è la pietra di sostegno, e anche di sostegno tra noi. Cosa vuol dire questo? Vuol dire che il tempio siamo noi, noi siamo la Chiesa vivente, il tempio vivente e quando siamo insieme tra di noi c’è anche lo Spirito Santo, che ci aiuta a crescere come Chiesa. Noi non siamo isolati, ma siamo popolo di Dio: questa è la Chiesa! (Papa Francesco)

  28. vincenzo da torino scrive:

    @Teobaldo.”Vincenzo ma non ho capito (dico sul serio …), cosa ella intenda dire con quel ” perchè Pietro non usò subito il Primato con Paolo” etc…” E’ semplicemente la dimostrazione che Pietro ebbe necessità di un Concilio per una decisione fondamentale per la chiesa e non usò il suo potere di giurisdizione. La cosa che fa riflettere è che Pietro dovette ammettere di avere torto. Dove era lo Spirito Santo? Con Pietro o con il Concilio? Dove va a finire la giurisdizione assoluta che voi pretendete? Il Concilio è il massimo esempio di “collegialità. Lo stesso Pio XI nella “Pastor aeternus” dice “avendo avuta l’approvazione del Concilio, ecc” Perché non usò il suo potere supremo senza concilio? Perché, una risposta credo valida, perché “la chiesa non erra” va intesa come papa, vescovi e la tradizione perpetuata presente nei fedeli. Ossia, la collegialità è un elemento essenziale nella guida della chiesa e raramente il papa decide senza l’approvazione dei vescovi, pur essendone superiore per autorità. Perché? Perché lo Spirito Santo è presente in ogni successore di Pietro, ma anche degli apostoli e serve a guidare la chiesa.

    • Sal scrive:

      @ vincenzo da torino
      “perchè Pietro non usò subito il Primato con Paolo” etc…” E’ semplicemente la dimostrazione che Pietro ebbe necessità di un Concilio”

      Nessuno le ha mai fatto osservare che il primo concilio fu deciso da Giacomo ?

      “Dopo che ebbero smesso di parlare,[Pietro, Paolo e Barnba] Giacomo rispose, dicendo: “Uomini, fratelli, uditemi. Simeone ha narrato…. Quindi la mia decisione è di non turbare quelli delle nazioni che si volgono a Dio, ma di scrivere loro di astenersi … dal sangue.” (Atti 15.13-20)
      Quel sangue che i cattolici ignari, bellamente si bevono ad ogni messa.
      Lo ha stabilito Giacomo, non Pietro.
      E’ stato scritto sempre così. Anche in italiano.

      • vincenzo da torino scrive:

        Legga bene. Astenersi dal sangue dei sacrifici immolati agli idoli! In altre parti vuol dire semplicemente “non uccidere”. Non continui, come fanno i Tdg, a condannare innocenti con la supposta richiesta divina. Per gli Ebrei il sangue vuol dire vita. La vita viene solo dal sangue? La smetta di dire scemenze emerite!

    • vincenzo da torino scrive:

      Pardon. Pio IX

  29. Mimma scrive:

    Buongiorno blog.
    Se volessimo incamminarci per la via della santità con fare “sicuro” potremmo tenere conto di questo…

    http://it.gloria.tv/?media=466982

  30. roberto scrive:

    e ora la commissione senta Ettore Gotti Tedeschi, l’unico che davvero può sapere cosa sia e come sia fatto e quali siano i veri problemi dello IOR, non si può ricostruire senza sapere la verità
    E Gotti Tedeschi per la verità, per la trasparenza è stato brutalmente fatto fuori.
    Lui forse aveva chiesto la testa del Direttore Generale e del suo vice, lui così voleva rompere i silenzi.
    e invece………

  31. Lt scrive:

    “Il mio Cuore sanguina.”
    (così dice Gesù Col suo Divino Cuore, trafitto di spine per i nostri peccati, oltraggi, indifferenza e ingratitudine)

    Editoriale di “Radicati nella fede” [anno VI, luglio 2013, n° 7]

    Quando si parla di “continuità” nella Chiesa tra prima del Concilio Vaticano II e dopo il Concilio Vaticano II, non si arriva mai a spiegare nel concreto, dentro le cose, come si mostra questa continuità. Certo, si tratta sempre della Santa Madre Chiesa, sia prima che dopo il Concilio, ma in quello che nella Chiesa di oggi si dice e si fa, appare questa continuità? È proprio difficile dimostrarlo.

    Prendiamo un tema specifico, quello della “missione”: si può dire che la missione, dopo il Concilio, sia intesa e vissuta come durante i primi diciannove secoli di storia della Chiesa? Provate in una classe di scuola ad introdurre il tema con i ragazzi, che ancora frequentano il catechismo delle parrocchie, chiedendo loro cos’è la missione: vi diranno che è andare ad aiutare i poveri del terzo mondo.
    Da dove prendono questa risposta? Dal nuovo vissuto e dalla nuova coscienza di missione, che sono radicalmente cambiati nel Cattolicesimo: di fatto i fedeli, quando si parla di missione, non intendono più quello che la Chiesa ha inteso in tutta la sua storia.

    E anche quando qualcuno non scadrà nella banalità generale di scambiare la missione cristiana con la filantropia, con l’aiutare semplicemente i poveri, vi parlerà di cristianizzazione o di evangelizzazione, ma non in modo drammatico, dimenticando che è in gioco la salvezza delle anime!:

    • Lt scrive:

      è ormai così… prima mettiamo avanti la libertà di coscienza, quello che l’uomo vuole o decide, poi se c’è spazio parliamo anche di Nostro Signore Gesù Cristo… affrettandoci però a dire che l’importante è
      “credere in qualcosa” e che “tutti si salvano seguendo la loro religione o il loro agnosticismo”, che “Cristo è proposto ma non imposto”… insomma mettiamo l’uomo prima di Dio: e questa la chiamiamo continuità tra prima e dopo il Concilio? Beh, ci vuole del coraggio ad affermarlo.

      Basta leggere la vita dei santi, il loro zelo perché Cristo sia conosciuto e amato, per avvertire che qualcosa di tragicamente grave è accaduto nel Cattolicesimo.
      Ne volete un esempio? Lo prendiamo dalle lettere di un grande monaco cistercense, Dom Jean-Baptiste Chautard, abate di Sept-Fond (1858-1935), autore tra l’altro di uno dei testi fondamentali della spiritualità moderna, “L’anima di ogni apostolato”. Sentite cosa scrive durante un viaggio in Cina e Giappone, per andare a visitare i giovani monasteri cistercensi là fondati:
      “Davanti ai 400 milioni di pagani cinesi e ai 60 milioni di pagani giapponesi che non conoscono Nostro Signore, il mio cuore sanguina”, e aggiunge rivolto ai suoi monaci di Francia “vorrei che anche il vostro cuore sanguinasse. E nel concreto troverete in questo dolore uno stimolo per essere più vigilanti, più uniti a Dio, più generosi nel vostro amore per Gesù e per le anime ch’Egli vuole innestare nella sua Umanità santa, a condizione che noi non ci sottraiamo dall’offrire ciò che manca alla sua Passione”.….
      [....]
      Proprio oggi noi perdiamo il senso della missione, mentre siamo invasi dai pagani che da terre lontane vengono a noi. Chi oserebbe ancora dire “il mio cuore sanguina” perché non conoscono Gesù Cristo e “vorrei che anche il vostro cuore sanguinasse”? E mentre non ci preoccupiamo dei pagani che arrivano,
      siamo castigati nel registrare il paganesimo in tante nostre case, nelle quali si vive come se Dio non ci fosse. E ricordiamoci che è in gioco la salvezza eterna!: “…chi crederà e sarà battezzato sarà salvo…” (Mc 16,16).

      Carissimi, stiamo in
      continuità con la Chiesa di sempre, con i cristiani di sempre, con i santi di sempre, il cui cuore sanguina perché Cristo non è conosciuto.

  32. Cherubino scrive:

    come al solito il pensiero di Teobaldo è mondano e anti-evangelico nell’interpretazione che dà delle cose cristiane. Così è anche per il primato petrino e la collegialità dei vescovi.

    Ma prima qualche punto fermo.
    Gesù ha istituito sia il collegio apostolico sia il primato del papa su esso. I vescovi agiscono da soli, in un certo modo, e collegialmente, in un modo diverso. Basta guardare come i vangeli e gli Atti usano un termine divenuto tecnico sul piano ecclesiale: i Dodici. Quando l’autore sacro usa il termine i Dodici, intende il Collegio apostolico, dotato di una sua configurazione che supera quella dei singoli apostoli. Nello stesso tempo la parola di Gesù sul fatto che uno dei vescovi abbia un primato sugli altri vescovi è indiscutibile, e questo primato non può essere che “pieno”, tanto è vero che si parla di “plenitudo potestatis”.

    Allora, da buon illuminista che si fa passare per cattilico, Teobaldo argomenta, contravvenendo lo stesso dato scritturistico, che se il potere è tutto del papa, al Collegio non resta niente, quindi non esiste.
    Se fosse una monarchia mondana ciò sarebbe vero, e ovviamente si capisce anche qual’è il vero punto di vista di Teobaldo, politico ideologico, dove di cristiano in realtà non c’è nulla.

    La domanda su come si concilia la plenitudo potestatis del papa e l’autorità del Collegio apostolico si risolve solo ricordando che si sta parlando di un’autorità spirituale, che è essenzialmente SERVIZIO. Gesù dice infatti :
    «Voi sapete che coloro che sono ritenuti capi delle nazioni le dominano, e i loro grandi esercitano su di esse il potere. Fra voi però non è così; ma chi vuol essere grande tra voi si farà vostro servitore, e chi vuol essere il primo tra voi sarà il servo di tutti. Il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti» (Marco 10).

    Questa parola è di una potenza immensa e presenta una radicale critica di ogni potere e ogni visione della Chiesa e del Regno di Dio ridotta a fenomeno umano. Il papa è il servo dei servi. Egli è servo di tutti da un lato da solo, dall’altro insieme agli altri servi, dove insieme non sta ad indicare una mera procedura, ma la comunione che unisce in Cristo i vescovi tutti tra di loro, e quindi con il papa, perchè comunione non è assenza di diversità.
    E’ questa comunione il potere della Chiesa e come ogni entità spirituale non è qualcosa che se viene divisa con gli altri diminuisce, al contrario cresce. Il primato non è opposto all’autorità del Collegio apostolico, non diminuisce quando il papa lo “divide” con il Collegio – pensiamo ai Concilii ecumenici in cui il papa E i vescovi pregano, discernono, decidono – ma si amplifica quando agisce con esso. Tanto è vero che lo stesso Magistero ordinario diventa infallibile quando è universale, e questo lo dice il Concilio Vaticano I (primo) ! Quindi il Magistero ordinario del papa (da solo) ha un’autorità inferiore al Magistero ordinario del papa E dell’universalità dei vecovi, segno che questa condizione non è acqua fresca. In questo caso infatti la presenza di una comunione particolare (universale tra vescovi e papa) garantisce la presenza dell’infallibilità del Magistero ordinario.

    L’autorità come servizio mostra quindi che nella comunità cristiana ogni servizio ha di mira finale l’accrescimento della capacità di servizio dell’altro. Io cresco nel mio servizio, che è vita divina operativa in me, se nel compierlo aiuto te a crescere nel tuo servizio. Cresciamo insieme. Quando il papa chiede ai vescovi di aiutarlo in un discernimento, la sua autorità non ne esce sminuita, al contrario si rafforza. Quando i vescovi ascoltano il papa e si lasciano guidare da lui, la loro autorità non viene sminuita, ma al contrario si rafforza. Così Gesù non ha considerato un tesoro geloso la sua uguaglianza con il Padre, ma si è svuotato (kenosis) di tutto per darlo a noi: la sua figliolanza, il suo Spirito, la sua vita immortale. E poi in modo diversificato secondo il bene di ciascuno e di tutti: la sua stessa autorità. Tutto egli ci ha donato, fino al suo Corpo e al suo Sangue. Si è “consegnato”, “tràdito” ai suoi traditori, Vita a coloro che lo assassinavano (cioè tutti, eccetto Maria e noi compresi).

    • gibici scrive:

      Caro Cherubino,
      non contesto quello che lei dice sul servizio, ma la compatibilita’ tra collegialita’ e primato si puo’ solo comprendere in analogia con le strutture del potere politico dove, appunto ci sono organismi collegiali e individuali che devono collaborare “al servizio” della comunita’.

      • vincenzo da torino scrive:

        Non credo che lei abbia molta ragione facendo analogia con il potere politico. Gesù non ha fatto di Pietro un monarca nel senso storico del termine. In questo caso Gesù avrebbe scelto Pietro a cui demandare ogni potere, il quale a sua volta poteva scegliersi dei “consiglieri” . Gesù ha istituito i “dodici” con pieni poteri con a capo Pietro. Questo indica che la chiesa è essenzialmente guidata dai successori degli apostoli( a volte singolarmente, altre volte collegialmente) con a capo Pietro, garante ultimo di ogni atto collegiale. Solo con il Vat I si è avuto da parte dei vescovi un ulteriore rafforzamento del potere pontificio con la concessione dell’infallibilità ex cattedra. In questo caso siamo vicini al concetto di monarchia assoluta, che è attenuato dalla sua eccezionalità. Piaccia o no Gesù ha istituito la collegialità, non la monarchia come comunemente si intende. Sarebbe una grande eresia. Da ricordare che saranno i vescovi con il papa che decideranno come organizzare fattivamente questa collegialità. In questo i protestanti come gli ortodossi hanno pienamente ragione. Peccato che poi abbiano scantonato clamorosamente ed in senso anti-evangelico e Tradizione demolendo il primato pietrino.

        • gibici scrive:

          @Vincenzo,
          fino a Paolo VI il papa portava il triregno, cioe’ la triplice corona, che forse qualcosa voleva richiamare. Ora non la porta piu’ ed anche questo vuol essere un simbolo.
          Non parlo di monarchia assoluta per cui i vescovi siano in tutto subordinati al papa. Se pero’ il papa ha un’autorita’ superiore ai vescovi, vuol dire che c’e’ qualcosa, non tutto, che lui puo’ fare e i vescovi no. Questa situazione richiama la combinazione che c’e’ negli stati contemporanei tra autorita’ individuali e collegiali. ho pensato da tempo che l’unica possibilita’ di una comprensione analogica sia quella derivante dallo studio delle dottrine politiche. Il richiamo ad un’analogia ha due fondamenti, uno teologico e uno storico. Quello teologico e’ che non si e’ trovato altro modo di comprendere le realta’ soprannaturali che l’analogia con le cose create. Quello storico e’ che, sempre, l’autorita’ ecclesiastica si e’ modellata, adattandola, sulle istituzioni civili. E’ avvenuto anche il contrario, ma questo conferma ancor piu’ la relazione tra i due tipi di autorita’.
          Infine, e’ vero che per cambiare qualcosa la decisione sara’ presa dal papa e/o vescovi, ma deve essere preparata da qualcuno, cioe’ dai teologi.

    • Teobaldo scrive:

      mi dica ‘cherubino’ ella che ha difeso le ragioni del don gallo, ( pro aborto, pro matrimoni gay, pro cannabis, favorevole ad un papa gay etc…) di card. martini, che appartiene ad un movimento pseudo ecclesiale che si rifà ai rituali catari eresia condannata dalla chiesa…..mi dica ….se io son mondano, illuminista … sarebbe lei il ‘cattolico’?

      lei è un lupetto vestito d’agnello…. e oltr possiede tanta crassa ignoranza da far paura.

      appena trovo il tempo le posto le dovute confutazioni alle sua ennesima pirlata!!!

      stia bene

      • vincenzo da torino scrive:

        Risponda a tono, anziché cercare di delegittimare la persona. Esempio tipico dei telebani. Bravo! pescato in castagna, scantona, il supposto bravo teologo.

    • vincenzo da torino scrive:

      @Cherubino. Qualche mia considerazione. “Quindi il Magistero ordinario del papa (da solo) ha un’autorità inferiore al Magistero ordinario del papa ” Centrato il problema della insostituibile essenza della “collegialità” voluta da Gesù nella guida della chiesa e nel concetto della “la chiesa (non il papa da solo, salva la prerogativa datagli dal Conc. vat I in casi eccezionali) non erra” . Ricordo ancora la frase di S.Paolo ” anch’io ho lo spirito di Dio” I vescovi successori degli apostoli sono , assieme al papa, la vera ed unica guida della chiesa, come i fatti in tutta la storia della chiesa hanno dimostrato. Quindi la collegialità è essenziale e fondante per la chiesa. Il Concilio Vat. II è magistero straordinario e l’universalità delle sue decisioni prese in unione con il papa sono vincolanti per tutti. Hanno trovato l’inghippo: concilio pastorale. snaturandone il senso vero. Per essi sono più importanti le encicliche contro contro il medernismo(frutto di una parziale comprensione del fenomeno modernista) che non godono dell’infallibilità ed hanno meno valore delle decisioni conciliari. Si stanno contorcendo vanamente….

      • Marino scrive:

        Signor Vincenzo grazie per i suoi interventi e grazie per la pazienza dimostrata nel replicare tanto cortesemente a chi invece è in grado solo di (s)cadere in attacchi personali. Grazie per tanta chiarezza. È quel che ho cercato di spiegare anche io, prima di stufarmi nel ripeterlo per un’ennesima volta, nello scorso 3d. La collegialità non è un’eresia. La collegialità episcopale l’ha voluta ed istituita Cristo stesso come completamento e sostegno al Primato. Non è ne facoltativa ne di serie B. La collegialità è complementare al Primato. La collegialità non è un’invenzione del Concilio. È parte integrante della Tradizione che discende direttamente dall’insegnamento degli Apostoli. Ripeto: il Vaticano I si era dovuto interrompere per motivi politici ed aveva proclamato il dogma dell’infallibilta senza toccare il punto collegialità. Anche il questo senso il Vaticano II continua il I.
        Ps auguri di buon onomastico al signor Teobaldo, se è il suo vero nome.

        • vincenzo da torino scrive:

          grazie a lei. Se Teobaldo e C. si impegnassero a leggere e meditare scritti “sani” forse riuscirebbero anche a cominciare a mettere in dubbio le loro certezze, frutto di letture “malsane” nel senso di ideologicamente deviate ed eviterebbero di fare gli “assatanati” contro il ConcilioVat. II e papi , ritenendosi puri e duri. La critica è sempre ben accetta se ponderata, la disobbedienza al Magistero autentico porta allo scisma e al pericolo per la propria salute spirituale. Pensare che i lefreviani potevano essere un argine contro gli abusi interpretativi del concilio Vat. II, se ne accettavano i documenti! Così si mettono contro la chiesa ed ho paura, vista la testardaggine, l’astio ,la presunzione, che siano irricuperabile . Un vero peccato! Ci vuole un vero miracolo…Magari la Madonna ci potrà mettere lo zampino. .benché l’orgoglio è una brutta bestia da domare, soprattutto quando si pensa di difendere la Verità evangelica e la Tradizione, concetto questo piuttosto bistrattato da essi. Speriamo e preghiamo. saluti.

        • murmex scrive:

          Riservandomi di approfondire il tema collegialità,Marino,vorrei solo chiederle:ma come è possibile che un conc. non dogmatico,espressamente e formalmente non dogmatico,così dichiarato per bocca dell’Autorità suprema che lo ha convocato(e questo è stato confermato anche da Benedetto,dicendo che il suo insegnamento si pone su un piano più modesto),possa “continuare” un conc. dogmatico,introducendo un nuovo dogma?

          • gibici scrive:

            @Murmex.
            Se lei intende per dogma una definizione dogmatica non la trova nel Vaticano II. Ma se per dogma lei intende correttamente una verita’ di fede, questa puo’ trovarla in un concilio pastorale e certamente in numerosissime affermazioni precedenti e successive. Il magistero e’ originariamente e soprattutto pastorale e solo in casi eccezionali si serve di definizioni dogmatiche per precisare. Nel blog precedente avevo scritto su questo alcune risposte.

          • Marino scrive:

            Sottoscrivo al sig Gibici. Senza dubbio ha insegnato in un modo diverso rispetto ai Concili precedenti, ma questo non toglie la continuità. È stato poi convocato dalla relativa autorità (quindi esige rispetto ed obbedienza esattamente come gli altri 20 concili) e questo fa a tutti gli effetti del Concilio Vaticano II il ventunesimo Concilio della Chiesa Cattolica.
            Non concorda?

  33. Eremita scrive:

    Nonostante mi infastidisca il tono querulo, amaro e lamentoso al limite del masochismo dei loro interventi, e mi riferisco a Teobaldus, Lt ed altri, cerco di capirne le ragioni, e mi rendo conto che sono convinti che nel passato vi è stata una età dell’oro della chiesa che invece ora è in fase di decadenza, e che sia necessario riportare indietro le lancette del tempo ed azzerare tutto per rimediare. Ma è pura mancanza di senso della storia, è impossibile tornare indietro, ed anche gli eventuali ricorsi storici si danno solo per aspetti secondari e superficiali. Hanno poi una visione materialista della fede, perchè la legano indissolubilmente agli aspetti esteriori di formulazioni e rituali propri di una cultura e di una epoca, come se la fede non potesse esistere ed esprimersi al di fuori della cultura europea del XVI secolo ed oltre. Hanno anche una visione “tribale” della religione, che viene associata al benessere economico e sociale di una etnia, sia pur ampia ed indefinita come quella europea la cui decadenza, vera o presunta che sia, viene motivata con la decadenza di un cattolicesimo immaginato più che reale. Infine, non so l’età di coloro che intervengono, ma ho l’impressione che l’età dell’oro della chiesa che per loro si è interrotta con Pio XII non l’abbiano mai conosciuta di persona, ed anche solo per quel che riguarda i riti e le cerimonie degli anni quaranta, in cui “servivo messa” come chierichetto il mio ricordo va ad ambienti scuri, a riti incomprensibili, ad una celebrazione della Pasqua del sabato santo alle sei del mattino, con poche vecchiette che recitavano le preghiere per loro conto mentre il sacerdote benediva il cero e l’acqua in fretta e nell’indifferente incomprensione dei fedeli. Francamente, non so dove siano stati, se c’erano, in quell’epoca.

    • murmex scrive:

      Essendo “vecchietto” anche lei,non dovrebbe disprezzare così le vecchiette,che magari recitando il rosario perchè ignoranti e non in grado di seguire il messalino(ne ho parecchi in casa,erano di nonne e zie che invece ignoranti non erano e lo seguivano eccome )sono ora ascese alla Gloria del Paradiso.Anzi è proprio grazie ai preziosi insegnamenti di queste nonne che ,pur essendo ancora bambina quando si è verificato il disastro liturgico,ho poi maturato nel tempo la comprensione della incommensurabile differenza fra i due Riti,il primo veramente cattolico,il secondo,a dire dei cardinali Ottaviani e Bacci,”drammaticamente in contrasto con la teologia cattolica della S Messa”,quindi non buono,perchè oggettivamente inducente a mentalità protestante,e anche a rischio per la conservazione della Fede.Infatti,ma mi sembra strano che lei non lo sappia e non rifletta,fu costruito a tavolino,con partecipazione di “osservatori” protestanti,proprio per eliminare gli elementi che potessero dispiacere a questi eretici (per gli scismatici “ortodossi”il discorso è diverso,credo che non accetterebbero mai che si modificassero i loro riti di grande bellezza e dignità)

      • gibici scrive:

        @Murmex
        Ha ragione Eremita sui difetti del vecchio rito, anche se non doveva essere abolito come e’ stato, in modo autoritario e teologicamente discutibile. Mi ricordo che la mia reazione di allora fu di disgusto, anche per la perdita di tutta un tradizione musicale, che era popolare e degna di essere conservata.
        Ma citare un paio di vescovi di allora per sostenere che la nuova liturgia sia un principio di eresia, e’ veramente da eretici, che si ergono contro tutta la Chiesa. E’ una posizione che puo’ essere sostenuta da lei e dai gruppi tradizionalisti per la grande ignoranza che vigeva nel popolo della chiesa preconciliare sulle dottrine cattoliche. Un concilio pastorale e’ stato solo la presa di coscienza che molto andava cambiato per trasmettere il cristianesimo e cambiare la messa, anche se in malo modo, e’ stato uno dei tentativi in questo senso.

        • murmex scrive:

          Gibici,veramente il Rito gregoriano non è MAI STATO ABOLITO (parola di Benedetto XVI),come hanno tentato di farci credere,nè poteva esserlo.Il “paio di Vescovi” sono due Cardinali(che si sono basati sugli studi di altri Vescovi)di cui uno emerito Prefetto del S.Uffizio,è quindi uno studio teologico serissimo.E anche la maggioranza dei Vescovi nel mondo aveva dato parere negativo.!In realtà Paolo VI,colui che ha deposto la tiara, simbolo della sua triplice potestà ha poi agito in un modo estremamente autoritario (altro che collegialità !)nell’imporlo,praticamente azzerando in poco tempo in nome dell’obbedienza,un Rito venerando.Ma non le vedete le contraddizioni?

    • murmex scrive:

      Marino,una Verità da credere di Fede è per l’appunto un dogma,e il Vat. II,.esplicitamente,non doveva definire dogmi.Questo fu detto chiaramente dal segretario generale del concilio .che affermò CHE ERA DA CONSIDERARSI DOGMA SOLO CIO CHE ERA ESPLICITAMENTE DICHIARATO TALE.(a meno che ovviamente non lo fosse già da prima).Quindi,siccome di dogmi (=Verità da credere di Fede) NON NE SONO STATI DEFINITI,la collegialità ,che è una novità,non lo è assolutamente.Anche questo concetto è stato fatto passare col solito manto della pastoralità.Mons.Staffa, della Curia romana,il 16 sett.1964,chiese ai moderatori la parola,perchè dopo lungo studio sulla collegialità voleva evidenziare come questa si oppone alla dottrina dei Santi Padri,all’insegnamento comune dei Pontefici romani,dei sinodi,dei Dottori della Chiesa,dei teologi e canonisti.Nonostante ne avesse diritto a norma del regolamento del concilio,questa non gli venne concessa.Questa è storia.Perchè non vi fate qualche domanda,cercate di approfondire un pò?

  34. Lt scrive:

    Basta leggere la vita dei santi, il loro zelo perché Cristo sia conosciuto e amato, per avvertire che qualcosa di tragicamente grave è accaduto nel Cattolicesimo.

    Proprio oggi noi perdiamo il senso della missione, mentre siamo invasi dai pagani che da terre lontane vengono a noi. Chi oserebbe ancora dire “il mio cuore sanguina” perché non conoscono Gesù Cristo e “vorrei che anche il vostro cuore sanguinasse”? E mentre non ci preoccupiamo dei pagani che arrivano,
    siamo castigati nel registrare il paganesimo in tante nostre case, nelle quali si vive come se Dio non ci fosse. E ricordiamoci che è in gioco la salvezza eterna!: “…chi crederà e sarà battezzato sarà salvo…” (Mc 16,16).

    Carissimi, stiamo in
    continuità con la Chiesa di sempre, con i cristiani di sempre, con i santi di sempre, il cui cuore sanguina perché Cristo non è conosciuto.
    …….
    —/radicatinellafede.blogspot.it/

  35. mauro scrive:

    Cara mimma,

    Mt 16,18E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la MIA (APPARTENENTE A GESU’) Chiesa.

    Un’unica Chiesa e non tante Chiese ognuna delle quali retta dagli apostoli in modo paritario, tanto da doversi riunire in Concilio per decidere.

    Petra in greco significa ROCCIA (e non pietra) mentre petros è una PARTE DI ROCCIA che si identifica con PIETRA.

    Chi sia la “ROCCIA” è detto nel versetto precedente.

    17 E Gesù: “Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l’hanno rivelato, ma il PADRE MIO che sta nei cieli.

    L’eguaglianza fra Dio=ROCCIA è presente nel salmo 143 (Inno per la vittoria e la pace), in Is 26,4, in Mt 7,21-25.

    Il versetto Mt 16,18 mette in relazione l’esistenza di Pietro con l’esistenza di Dio (Roccia) tanto da affermare che fonderà la propria Chiesa che non può essere che là dove è Dio, nel Regno dei Cieli, in quanto gli apostoli fonderanno le proprie sulla terra in modo paritario, ovvero senza che vi fosse il primato di alcuno di loro. Il primo Concilio fu indetto da Giacomo (!!) che evidentemente si trovava con un problema da risolvere ed aveva necessità, sentiti gli altri apostoli, di risolverlo. E per far ciò aveva necessità di CONCILIARE le proprie idee con quelle degli altri apostoli.
    Ciò si identifica con una scelta fra le tante possibili e non un indirizzo unico come era quello portato da Gesu’: la conversione.

  36. antulio scrive:

    Lo diceva Marcinkus che la chiesa non si conduce con avemarie.

  37. timorato scrive:

    x Teobaldo

    grazie per la pazienza e gli insegnamenti, i nostri amici protestanti mascherati di cattolicesimo adulto, presenti in questo blog, ATTESTANO con il loro odio verso la Sua persona, la SACRALITA’,la SANTITA’, la VERITA’ di tutti i Suoi interventi!!!
    Che la Beata Vergine La protegga da questi sventurati e gli dia sempre la Sua Grazia

    A.M.D.G.

  38. Sal scrive:

    @ vincenzo da torino
    “Legga bene. Astenersi dal sangue dei sacrifici immolati agli idoli! In altre parti vuol dire semplicemente “non uccidere”.”

    Distinto vincenzo, io leggo bene, a volte posso anche sbagliare, e conto sulla sua acuta precisione nell’essere corretto da lei, ma non questa volta.
    Se fosse come dice lei, se quell’ “astenersi dal sangue” fosse riferito al “non uccidere”, avrebbe qualche spiegazione circa il fatto che i bestemmiatori, i ladri, venivano uccisi a norma di legge ? e tanto per ricordarlo le donne adultere venivano lapidate ? Quelle morti erano forse esentate dal “non uccidere?”

    Provi a pensarci e scoprirà che la traduzione cattolica è sbagliata. Perché essendo la pena di morte parte della legge, la legge non avrebbe potuto dire “non uccidere” vero ? Dovevano farlo per adempiere alla legge.
    Quindi “astenersi dal sangue” non ha relazione con non uccidere, ma con Levitico 17.10
    Ci vuole ripensare ?
    “Chi colpisce un uomo così che in effetti muore dev’essere messo a morte immancabilmente.” ( Eso 21.12)
    “E chi rapisce un uomo e in effetti lo vende o gli è trovato in mano dev’essere messo a morte immancabilmente.”
    “E chi invoca il male su suo padre e su sua madre dev’essere messo a morte immancabilmente.(Eso 21.16-18)

    E ricordi che Gesù disse anche : ““Non pensate che io sia venuto a distruggere la Legge o i Profeti. Non sono venuto a distruggere, ma ad adempiere” ( Mt 5.17)
    E se non ha distrutto…… è ancora in vigore ! O No ?

    • minstrel scrive:

      La legge è per gli ebrei.

      • Sal scrive:

        @ Minstrel
        Lei ha torto sig. minstrel perchè Gesù dice il contrario. Non è venuto a distruggerla ma ad adempire. Se non ha distrutto gli stessi principi restano tutt’ora attuali con la differenza che la pena di morte non è più a discrezione umana da essere applicata.

        Bentornato si sentiva lamancanza di un cervello illuminato. Dopo tanto fanatismo controproducente.

        • minstrel scrive:

          L’affermazione va contestualizzata con la teologia paolina della coscienza e con i versetti nei quali Gesù dice che la legge fu fatta per i duri di cuore ecc.
          Grazie del bentornato. :)

  39. Sal scrive:

    “A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».”

    In che modo e in che tempo avrebbe consegnato quelle chiavi ?
    Avevano anche il portachiavi o erano portate a spalla !
    Se la profezia dice :
    “E certamente metterò la chiave della casa di Davide sulla sua spalla, ed egli dovrà aprire senza che nessuno chiuda, e dovrà chiudere senza che nessuno apra” ( Isa 22.20-22)
    Se la chiave l’aveva Eliachim [Gesù]figlio di Ilchia,[Jehovah] ed è divenuto il nuovo padre per Gerusalemme e Giuda, quale successore di Davide, come avrebbe potuto darla a Pietro che non è di quella casata ? E poi era una sola !

  40. timorato scrive:

    x cherubino in rif. post ore 10,55

    mi può spiegare dove si leggono le concezioni antievangeliche in Teobaldo?

  41. mauro scrive:

    Cara mimma,

    “A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli”.

    Gesu’ affida a tutti agli apostoli la continuazione della predicazione che lui, Gesu’, faceva presso il suo popolo ed a loro insegnava allo stesso tempo, ovvero portare a conoscenza dell’uomo che oltre la vita terrena ve ne sarà un’altra, offerta da Dio e non piu’ soggetta alla morte (eterna, ovvero senza piu’ un termine finito nel tempo).

    Il Regno dei Cieli è un ambito spirituale essendo identificato come Regno di Dio. Le chiavi, la cui funzione è aprire o chiudere quel Regno, sono pertanto figurative di un’azione che gli apostoli andranno a svolgere su invito di Gesu’: la predicazione.
    Predicare vuol perciò dire far conoscere e la predicazione porta a due risultati: l’accettazione da parte di chi ascolta od il rifiuto di chi non vuole ascoltare. Quando vi è chi accetta la predicazione l’apostolo lo legherà a Dio e Dio, allo stesso modo, lo legherà al Regno dei Cieli mentre quando vi è chi la rifiuta l’apostolo lo scioglierà da Dio e Dio non potrà che scioglierlo dal Regno dei Cieli.
    Legare e sciogliere sono figurative dell’aprire o chiudere alla conoscenza attraverso una chiave altrettanto figurativa.

    Se pensassimo che legare e sciogliere non fossero figurativi dovremmo considerarle azioni reali e pertanto corrisponderebbero solo ad imprigionare o rimettere in libertà a causa di quel legare che corrisponde a togliere la libertà a qualcuno. E’ fuor di dubbio che così facendo si andrebbe a negare la libera scelta dell’uomo: accettare o meno Dio avendo l’uomo la capacità di distinguere il bene dal male che, secondo Genesi, fu una facoltà data direttamente da Dio all’uomo, dopo la cacciata di Adamo ed Eva.

    Pur dicendo “a te” non sono affatto esclusi gli altri apostoli. Pietro stette trent’anni ad Antiochia di Siria, altri ad Alessandria d’Egitto, a Roma, a Corinto etc. ed allora dovrebbe spiegarmi , secondo l’interpretazione cattolica, come avrebbero fatto gli altri apostoli dovendo riferirsi sempre e solamente a Pietro. Gli mandavano una e-mail considerato che nelle lettere degli apostoli non vi è traccia di iniziative di tal genere da rivolgere a Pietro? Dovrebbe anche sapere che nei Concili si discuteva di fede e pastorale.
    E’ indubbio che ogni apostolo fosse autonomo nella gestione della propria Chiesa, diversamente avrebbe dovuto rivolgersi sempre a Pietro, in quel di Antiochia di Siria che non era affatto a Km 0, così come avrebbe dovuto essere Pietro ad indire il primo Concilio e non Giacomo. Gli apostoli erano su un piano di perfetta parità. Forse dimentica che Gesu’ si mise al loro servizio ed altrettanto chiese ad ognuno di loro di farlo nei confronti degli altri apostoli. Così facendo nessuno di loro aveva il primato (supremazia) e ciò va a confermare quanto Dio andava chiedendo all’uomo: la fratellanza dove nessuno è di grado superiore all’altro in quanto si è tutti fratelli.

  42. Sal scrive:

    @ minstrel
    Lei mi è simpatico sig. minstrel allora le offro materiale su cui riflettere senza richiedere alcuna ricompensa in cambio e senza la pretesa che la debba accettare, giusto per meditare….
    Quando Gesù spiegò a Pilato che lui era venuto a testimoniare la verità, Pilato rispose “cos’è verità” ?
    Ebbene cos’è per lei la verità ? Gesù ? Ma lui non poteva esserlo se la testimoniava no ? E come lo faceva ? Con la parola che era la SUA verità, ma ogni uomo ha una sua verità perché dipende da ciò di cui è convinto e da ciò che lui CREDE essere vero alla luce del proprio comprendonio. Ergo, ogni uomo è Verità a se stesso, è via a sé stesso e quindi vita a se stesso.
    Fila ?
    Protagora “tutte le opinioni sono vere” (Platone Teeto 166 d sg,) “L’uomo è misura di tutte le cose” Quindi aveva ragione Pilato dal suo punto di vista e aveva ragione Gesù dal suo punto di vista.
    La dialettica come sostiene Platone “serve a ridurre le contraddizioni” Come Paolo : “La fede segue ciò che si ode” da cui Gorgia (Platone) “L’essere non è e se anche fosse non sarebbe conoscibile e se anche fosse conoscibile non sarebbe comunicabile”
    Nessuno può trasmettere la propria immagine di Dio perché è spirituale quindi personale quindi diverso per tutti e se poi muore il suo Dio scompare. Quindi anche la verità è temporanea. Dura il tempo della vita. Per questo servono i quattrini del torrione.
    Stia bene

    p.s. porga i miei saluti a Mimma e ai suoi TdG.

    • vincenzo da torino scrive:

      come al solito ha brindato abbondantemente! Commenti confusi o meglio anarcoidi. Tra l’altro confonde il potere delle leggi con la legge fai da te. Incredibile! E’ Sal , che ci volete fare?

      • Sal scrive:

        @ vincenzo da torino
        Però, però, oltre a fare battute non sa fare altro. Le avevo proposto il problema “astenersi dal sangue “ che non significa non uccidere e lei fa il vago.

        Ma bravo il mio cattolico che non sa come altro parare.
        Eh… dica, quando lei sarà morto, Dio esisterà ancora ?
        Se sì, come potrà verificare, se no, come potrà verificare ? Se impara a ragionare, forse smetterà di essere cattolico, ma questo è il suo timore perché dopo, chi potrà darle qualche certezza fasulla ?
        Pecore senza pastore e senza cervello appesi alla superstizione. Che pena !

        • vincenzo da torino scrive:

          Mi dispiace, ma la pena che si prova a leggere i suoi post da troll è già tanta e condivisa dai più che …le conviene veramente che si dedichi alla pesca dove forse è più utile e qualcosa prende…Tra l’altro ripete ossessivamente le stesse cose e fa le stesse domande da anni, a cui è stato risposto da più persone inutilmente. Cosa vuol dimostrare? Lo sappiamo già chi è. Male, a mio giudizio, fa chi le da retta, salvo qualche occasionale e breve intervento. Lei è uno sconclussionato professionale e basta. Non faccia perdere tempo…

    • Mimma scrive:

      @Mauro
      Un padre della chiesa ben più importante di lei è più preparato ha risposto ai suoi sproloqui.

      Dai «Discorsi» di sant’Agostino, vescovo
      Disc. 295, 1-2. 4. 7-8; PL 38, 1348-1352)

      Questi martiri hanno visto ciò che hanno predicato
      Il martirio dei santi apostoli Pietro e Paolo ha reso sacro per noi questo giorno. Noi non parliamo di martiri poco conosciuti; infatti «per tutta la terra si diffonde la loro voce ai confini del mondo la loro parola» (Sal 18, 5). Questi martiri hanno visto ciò che hanno predicato. Hanno seguito la giustizia. Hanno testimoniato la verità e sono morti per essa.
      Il beato Pietro, il primo degli apostoli, dotato di un ardente amore verso Cristo, ha avuto la grazia di sentirsi dire da lui: «E io ti dico: Tu sei Pietro» (Mt 16, 18). E precedentemente Pietro si era rivolto a Gesù dicendo: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente» (Mt 16, 16). E Gesù aveva affermato come risposta: «E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa» (Mt 16, 18). Su questa pietra stabilirò la fede che tu professi. Fonderò la mia chiesa sulla tua affermazione: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». Tu infatti sei Pietro. Pietro deriva da pietra e non pietra da Pietro. Pietro deriva da pietra, come cristiano da Cristo.
      Il Signore Gesù, come già sapete, scelse prima della passione i suoi discepoli, che chiamò apostoli. Tra costoro solamente Pietro ricevette l’incarico di impersonare quasi in tutti i luoghi l’intera Chiesa. Ed è stato in forza di questa personificazione di tutta la Chiesa che ha meritato di sentirsi dire da Cristo: «A te darò le chiavi del regno dei cieli» (Mt 16, 19). Ma queste chiavi le ha ricevute non un uomo solo, ma l’intera Chiesa. Da questo fatto deriva la grandezza di Pietro, perché egli è la personificazione dell’universalità e dell’unità della Chiesa. «A te darò» quello che è stato affidato a tutti. E` ciò che intende dire Cristo. E perché sappiate che è stata la Chiesa a ricevere le chiavi del regno dei cieli, ponete attenzione a quello che il Signore dice in un’altra circostanza: «Ricevete lo Spirito Santo» e subito aggiunge: «A chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi» (Gv 20, 22-23).
      Giustamente anche dopo la risurrezione il Signore affidò allo stesso Pietro l’incombenza di pascere il suo gregge. E questo non perché meritò egli solo, tra i discepoli, un tale compito, ma perché quando Cristo si rivolge ad uno vuole esprimere l’unità. Si rivolge da principio a Pietro, perché Pietro è il primo degli apostoli.
      Non rattristarti, o apostolo. Rispondi una prima, una seconda, una terza volta. Vinca tre volte nell’amore la testimonianza, come la presunzione è stata vinta tre volte dal timore. Deve essere sciolto tre volte ciò che hai legato tre volte. Sciogli per mezzo dell’amore ciò che avevi legato per timore.
      E così il Signore una prima, una seconda, una terza volta affidò le sue pecorelle a Pietro.
      Un solo giorno è consacrato alla festa dei due apostoli. Ma anch’essi erano una cosa sola. Benché siano stati martirizzati in giorni diversi, erano una cosa sola. Pietro precedette, Paolo seguì. Celebriamo perciò questo giorno di festa, consacrato per noi dal sangue degli apostoli.
      Amiamone la fede, la vita, le fatiche, le sofferenze, le testimonianze e la predicazione.

      • Sal scrive:

        @Mimma
        Ma Pietro di chi era figlio di Giovanni o di Giona ?
        Sembra una domanda sciocca, ma in realtà, nasconde un problema:

        “Felice te, Simone figlio di Giona, perché non te [lo] hanno rivelato la carne e il sangue, ma il Padre mio che è nei cieli.” (Mt 16.17)

        Sembrerebbe che la chiesa sia stata fondata su Simone figlio di Giona (Ma figlio di Giona in ebraico è Bar-Jona mentre in greco Barjona è “partigiano”)

        Però c’era anche un Simone figlio di Giovanni:
        “Gesù, guardatolo, gli disse: “Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa” (che si traduce Pietro). (Gv 1.42)
        A quale Simone Gesù ha affidato le chiavi ? Al figlio di Giovanni che è Cefa e non pietro o al partigiano taglia orecchie figlio di Jona ?
        2000 anni di credulità superstiziosa senza spiegazioni …..
        Che pena !

      • Sal scrive:

        “Un padre della chiesa ben più importante di lei è più preparato ha risposto ai suoi sproloqui.”

        E come la valuta la preparazione ? In base a che cosa ?
        Gli apostoli erano tutti “illetterati e comuni” Perchè a lei piacciono quelli più preparati ?
        Va a simpatie ?

      • mauro scrive:

        Cara mimma,

        Si legge subito, in ciò che ha postato, che si confonde petra=roccia con petros=pietra ovvero Dio=roccia con Pietro=pietra, e come le ho scritto in un post precedente è lo stesso Matteo che scrive che Dio è roccia (petra).
        Gesu’ dice”E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa roccia (petra)….” riferito al Padre che è nei Cieli del versetto precedente.
        Immagianarsi se Dio e Pietro sono roccia mentre Gesu’ è solo pietra angolare!

        «A chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi» (Gv 20, 22-23). Questo passo di Giovanni, azione di rimettere i peccati altrui , corrisponde a ciò che ogni cristiano promette nel Padre Nostro, insegnato da Gesu’ Cristo.
        ” …. Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori …”.
        Chissà quante volte lo ha recitato ma per quanto volte l’abbia fatto nemmeno se n’è accorta.

        • Mimma scrive:

          @Sal e Mauro
          Si vede subito che siete testimoni di geova, che non sanno riflettere che con la testa della WTS. Le vostre risposte sono sceme come chi le posta.

          Sal, Pietro non era certo figlio dell’anticristo Russel e dello schiavo infedele e crudele. si dia pace.

          Si salvi anche lei dalle “grinfie” dei Testimoni di Geova

          http://www.roccopoliti.it/?p=1828

    • minstrel scrive:

      Sal, ma perché si fa male da solo ogni volta.
      Lei che ha certamente letto i due DIALOGHI di Platone “Teeteto” e “Gorgia”, che son dialoghi – se ne sarà accorto – si ricorda chi dei duellanti dice queste frasi?
      Vede, io non li ho mai letti, ne ho solo studiacchiato alcune parti per diletto, eppure so benissimo che Platone FA DIRE A Protagora nel Teeteto che “tutte le opinioni sono vere” in modo da OBIETTARE poi che se tutte le opinioni sono vere , é vera anche l’ opinione che sostiene che non tutte le opinioni sono vere e , quindi , anche quella che sostiene che la tesi di Protagora é falsa.
      E il Gorgia? Anche qui, lei lo sa che Gorgia era un filosofo no? Era uno dei maggiori SOFISTI dell’epoca e Platone scrisse il cosidetto “Gorgia” proprio per distruggere le sue tesi (fra le quali spicca la dissoluzione metafisica dell’essere). Fra l’altro la tesi di Gorgia E’ OPPOSTA A QUELLA DI PROTAGORA (per Protagora l’uomo misura e ciò che misura è vero, per Gorgia l’uomo non può misurare e tutto è falso!) ed entrambe sono demolite da Platone.
      Le ricordo che dopo Platone arrivò un certo Aristotele che portò la metafisica in altissimo, poi ci furono le scuole di entrambi i pensatori che ne rimodellarono i tratti e solo in quel casino irrompette il messaggio cristiano e la riflessione razionale teologica di Paolo.

      Ora capisce perché Vincenzo leggendo il suo commento dica che lo trova quanto meno incredibile? Cita Protagora da un’opera che lo demolisce seguito da Gorgia che diceva esattamente il contrario di Protagora, sempre in un’opera che demolisce anche lui; quindi -incurante! – cerca di unire queste due affermazioni contrarie in una sua rivisitazione inventata per far funzionare una esegesi di teologia paolina scritta 400 anni dopo.
      0_0

  43. timorato scrive:

    x eremita

    l’eta dell’oro della Chiesa era considerata tale fino a fino a Pio XII, perché questo santo Pontefice riusciva ad assicurare al Suo Gregge la Sana Dottrina!

    Siccome lei riduce il Cristianesimo – con molte errate interpretazioni di matrice politico-ideologico – ai soli fini sociali, ecco la sua intolleranza per la Tradizione!

    riguardo poi “i riti incomprensibili”, da ciò si capisce, che lei non ha proprio capito ancora nulla di Quel Dio che è e sempre rimane MISTERO alla nostra superbia.
    Lasci da parte lo storicismo applicato ai rituali e ripassi S.Agostino che parla di una: Bellezza antica e tanto nuova

    A.M.D.G

  44. Marino scrive:

    @murmex
    Ottima domanda.
    Anzitutto teniamo conto che noi stiamo confrontando otto anni di Benedetto e quattro mesi di Francesco. Quindi… Il confronto ha senso fino a un certo punto. La sua domanda può aver un senso pieno solo alla fine del pontificato di Francesco. Mi sembra un dettaglio piuttosto significativo.
    Secondariamente, come già ho detto, i collaboratori. La scelta dei collaboratori del Papa è fondamentale. Assolutamente fondamentale. Quanti “scandali” mediatici si sarebbero potuti evitare se chi di dovere avesse compiuto il proprio dovere sotto il pontificato di Benedetto? Quanti? Uno? Due? No… qualcosina in più mi sa.
    Terzo. Lo stile di insegnamento di Papa Francesco è molto differente da quello di Benedetto. Papa Francesco è molto più diretto, più immediato, ha un grandissimo carisma comunicativo.
    Queste sono le prime tre cose che di getto mi verrebbe da risponderle. Cosa ne pensa? Cosa risponderebbe lei alla sua domanda? Grazie in anticipo per la pazienza nel rispondere.

  45. timorato scrive:

    x eremita

    l’eta dell’oro della Chiesa era considerata tale fino a fino a Pio XII, perché questo santo Pontefice riusciva ad assicurare al Suo Gregge la Sana Dottrina!

    Siccome lei riduce il Cristianesimo – con molte errate interpretazioni di matrice politico-ideologico – ai soli fini sociali, ecco la sua intolleranza per la Tradizione!

    riguardo poi “i riti incomprensibili”, da ciò si capisce, che lei non ha proprio capito ancora nulla di Quel Dio che è e sempre rimane MISTERO alla nostra superbia.
    Lasci da parte lo storicismo applicato ai rituali e ripassi S.Agostino che parla di una: Bellezza antica e tanto nuova

    A.M.D.G

  46. murmex scrive:

    Gent. Marino,ha ragione , stiamo confrontando solo l’inizio di un pontificato,e uno già concluso,ma rimanendo sul tema dei media,mi pare che le bordate contro Benedetto iniziarono subito.Ricordiamo tutti il “pastore tedesco”.Benedetto era fine teologo,era stato prefetto dell’ex S Uffizio,per quanto di carattere mite,non impositivo,forse non appariva manipolabile.Lo scandalo maggiore che ha travagliato la Chiesa è quello della pedofilia, molti casi risalgono al periodo precedente,quando erano rimasti piuttosto coperti,e proprio Benedetto cominciò una opera di pulizia.Eppure ci fu chi ipotizzò addirittura il mandato di cattura per il Papa(!),che “non poteva non sapere”.Ora tutto tace,possiamo credere che improvvisamente si siano tutti pentiti o siano stati rimossi?Lo stile comunicativo piu diretto,la “simpatia “?Ma davvero lei crede che ai poteri forti che manovrano i media gliene importi qualcosa di quanto il Papa è simpatico? A loro importa che non venga disturbato il manovratore.E infatti finora è stato così,nessun disturbo sui temi scottanti,solo prediche dal contenuto piuttosto impreciso che non danno fastidio a nessuno

    • Marino scrive:

      Temi di comodo? Temi tranquilli che non danno fastidio a nessuno? Linguaggio politicamente corretto? Lei ha voglia di scherzare. Forse non ha seguito con sufficiente attenzione i (quasi) quattro mesi di pontificato. “Se cadeva un mattone era un dramma, se cadeva un operaio non succede niente”…Non le dice nulla? Non è forse un tema scottante? Le pare qualcosa di comodo denunciare che oggi fa più notizia il mercato che cala che un precario che si suicida? Le pare un discorso di comodo denunciare la “dittatura invisibile”del mercato? No mi dica… Perché se per lei sono argomenti di comodo oggi…
      E’ un discorso di comodo denunciare la tiepidità dei cristiani (“cristiani da salotto” è stata la definizione)? E’ un tema di comodo denunciare l’opulenza della Chiesa? E’ un tema di comodo… Mi dica lei…
      Sono molto di fretta. Per ulteriori informazioni compri un giornale.

      • murmex scrive:

        Gent.Marino,anch’io sono di fretta,le rispondo molto semplicemente che certamente questi sono temi di comodo,perchè non sollevano nessuna polemica,almeno a parole, TUTTI SONO D’ACCORDO,i poteri forti possono continuare indisturbati i loro traffici.Beatà ingenuità di Marino!Non lo sa che i figli delle tenebre,nelle loro opere malvagie,sono astutissimi?(Lo dice il Vangelo,che sono così)Se invece venissero sollevati i temi scottanti che riguardano il sovvertimento della legge naturale nelle legislazioni statali e nella percezione del popolo(portata avanti con mezzi mediatici,anche apparentemente innocui quali film , ecc.,mezzi politici,mezzi culturali,e con la desistenza oserei dire vile di autorità ecclesiastiche)sovvertimento ancora più grave degli scandali finanziari,dell’ingiustizia sociale ecc.,perchè riguarda la costituzione METAFISICA , dell’essere umano,di cui si vuole negare la CREATURALITA’,per renderlo arbitro assoluto di se stesso, vedremmo che sicuramente il coro” apoteosico” cesserebbe all’istante.Finora silenzio assordante,speriamo nel futuro.

        • murmex scrive:

          Noto che il sign.Marino non ha risposto.Difficile,vero,l’arrampicamento sugli specchi?

          • Marino scrive:

            Mi scuso se le rispondo solo ora, ma con così tanti commenti perdo il filo e non ritrovo più quelli a cui non ho replicato. Ho poco da replicale a una persona che, con tutto rispetto, viene a dirmi la vita umana è un tema di comodo. Perché sempre di vita umana stiamo parlando. E’ limitante ed unilaterale pensare che difendere la vita umana significa solo ed esclusivamente denunciare l’aborto. C’è anche questo, sì, importantissimo, senza dubbio. Ma non solo. Ora il Papa vuole porre l’accento su un’altra questione, vuole accendere i riflettori su un tema un po’ troppo spesso dimenticato, o ancor più grave, ritenuto un problema di serie B. La visita del Papa a Lampedusa è uno schiaffo all’egoismo, per riprendere il titolo di qualche giorno fa di Vatican Insider. L’egoismo. Ci rifletta più calma. Temi scottanti ne ha sollevati parecchi Papa Francesco. Ne sta sollevando parecchi. Alcuni gliene ho già citati (veda IOR, povertà, economia, ecc). Non voglio arrampicarmi sugli specchi, non ne sono capace, non ci riuscirei. Cerco solo di ragionare con la mia testa. Lei invece? E’ convinta di quel che scrive?

  47. vincenzo da torino scrive:

    Per tornare al tema del blog. I guai della chiesa , può sembrare strano, derivano dal fatto che essa si regge sulla fiducia che una volta data ad una persona chiamata ad un incarico di qualunque natura rimane inalterata senza alcun controllo successivo, salvo mancanze eclatanti. Se poi si maneggiano soldi il rischio è veramente grosso per quella forma di complicità e dipendenza che si crea nel gruppo e la possibilità quindi di maneggi oscuri , magari coperti e giustificati anche con buone intenzioni. Non è il caso di dedicarsi agli 007, ma un controllo sistematico e approfondito diventa indispensabile e deve riguardare anche i piani alti. Si sarebbero evitati tanti guai, poiché la tentazione è presente sempre anche tra i prelati. Mi pare evidente che GPII non sapesse cosa veramente combinava Marcinkus. Perché è successo? Perché il sistema lo permetteva. E’ il sistema che va cambiato rapidamente

    • murmex scrive:

      Marino,mi ripeto:è un tema comodo denunciare ingiustizie sociali, povertà ,suicidi di precari ecc.,perchè tutti lo fanno,non credo ci possa essere nessuno al mondo che si dichiari a favore.Tutte queste cose tutti le dobbiamo combattere,ma ovviamente le nostre forze sono molto limitate,e inoltre sappiamo dal Vangelo che non verranno mai totalmente eliminate ,sono la triste conseguenza del peccato originale.Comunque penso che la maggioranza dei cattolici non sia costituita da biechi affamatori di poveri,da egoisti sordi di fronte alle richieste di un assetato.La Chiesa nei secoli ha sempre predicato e attuato le opere di misericordia,non vengono scoperte adesso.Solo adesso è invece in atto un attacco senza precedenti alla Legge divina,attacco che,e questa è la differenza col passato,non viene solo attuato tramite il peccato,ma tramite la TEORIZZAZIONE DEL PECCATO COME COSA GIUSTA,CIVILE,DESIDERABILE .Questo dunque è il tema scomodo,che interromperebbe immediatamente il clima idilliaco.Una piccola postilla sul tema dell’aborto,cui il mio sentimento materno mi rende particolarmente sensibile:lo sa che strage inaudita di piccoli esseri TOTALMENTE INNOCENTI si sta consumando?

      • Cherubino scrive:

        Inaccettabili dicotomie.

        La Legge divina ?

        “uno di loro, dottore della legge, gli domandò, per metterlo alla prova: «Maestro, qual è, nella legge, il gran comandamento?» Gesù gli disse: «’Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente’. Questo è il grande e il primo comandamento. Il secondo, simile a questo, è: ‘Ama il tuo prossimo come te stesso’. Da questi due comandamenti dipendono tutta la legge e i profeti».

        Murmex dimentica che la Legge divina, secondo la rivelazione biblica, è una legge di fraternità. La fraternità di Dio verso l’uomo, che inizia nella creazione, per manifestarsi nella storia di Abramo e divenire piena con l’incarnazione di Dio in Gesù di Nazareth (si legga le splendide pagine della lettera agli Ebrei).
        Fraternità dell’uomo con l’uomo, perchè il peccato di ribellione verso Dio è immediatamente offesa e separazione verso il fratello e la sorella: Adamo ed Eva si nascosero a Dio e l’uno verso l’altra (la vergogna della nudità).

        Adoperarsi per la giustizia può soggettivamente avere diverse motivazioni ed origini, ma comunque noi in foro interno non possiamo giudicare. Resta il fatto che oggettivamente ogni atto giusto è realizzazione della legge divina. Se un atto realizza una maggiore fraternità, una migliore dignità dell’uomo, esso è oggettivamente conforme alla volontà di Dio, che è volontà di amore verso la sua creatura preferita.
        “Cosa è l’uomo perchè te ne curi ? Eppure lo hai fatto poco meno degli angeli, di onore e di gloria lo hai coronato“. E voi vorreste far credere che ciò che è in linea con questa volontà di servizio verso l’uomo sia opponibile a Dio stesso ?

        Voi non siete cristiani, non conoscete il vangelo e non pensate con la mentalità di Dio che è quella rivelata da Cristo sulla Croce. La Croce è la fonte dell’amore di Dio che si riversa negli uomini, rende il loro cuore un cuore di carne capace di amare, amare Dio E amare i fratelli.
        E come disse s. Giacomo, se dici di amare Dio e poi non fai ciò che puoi per risollevare dalla miseria il fratello, stai semplicemente mentendo.

        Quanto alla frase di Gesù a Giuda, che contestava lo “spreco” di ricchezza con la scusa dei poveri, forse sfugge a murmex il senso di quel testo. Gesù non dice affatto di non occuparsi dei poveri “tanto” si saranno sempre e non contrappone l’amore verso di Lui e quello verso i poveri. Il gesto dell’unguento non è infatti un gesto di onore qualsiasi, ma è “in vista della sua sepoltura”. E’ la centralità della sua morte (e resurrezione) che Gesù pone, come fonte inesauribile della carità. Se i poveri ci saranno SEMPRE, occorre attingere ad una forza di servizio che dura SEMPRE, un FONTE inesauribile di amore. altrimenti prima o poi ci stanchiamo, molliamo o scambiamo i bisogni degli altri con i nostri e andiamo fuori strada.
        E lo stesso di quando Gesù profetizza che “fiumi di acqua viva sgorgheranno dal seno” di colui che crede in Lui. La fonte del nostro amore è povera, secca presto, ma quella che viene da lui no, è eterna e più la usi più aumenta (visione di Ezechiele 47).
        Questa fonte talvolta può agire anche in persone che hanno una fede implicita e inconsapevole (lo diceva già Pio IX). Noi non possiamo quindi giudicare chi fa opere di carità in base ad una appartenenza formale. Al contrario, da opere oggettivamente caritative possiamo e dobbiamo “sospettare” una grazia implicita dello Spirito Santo.

        • Lt scrive:

          La fraternità di Dio verso l’uomo,
          cosa ? ?
          questa è un’idea falsa e fuorviante per i suoi esiti morali pratici:
          Dio è PADRE Celeste, non “fratello” degli uomini !
          E mantiene tutte le caratteristiche del Padre: Provvidente, Onnipotente e Giusto nel suo Amore, anche quando ammonisce e/o castiga i figli per correggerli e salvarli dalla rovina.
          Ma è proprio quella scuola di fraternité (massonica)-democratizzante, che ha rovinato le coscienze cattoliche, per due generazioni e mezzo di allattamento conciliav2ista:
          quel pernicioso errore educativo che ha spinto i genitori a diventare “amici o fratelli” dei loro figli,
          con tutte le NEFASTE conseguenze che vediamo da 40 anni, ovvero i genitori hanno perso la sacra autorità, e i figli hanno preso il potere”, asservendo i genitori ai loro capricci, in nome di una malintesa “emancipazione” che diventa spesso (sempre più spesso nel corso degli ultimi 3 decenni) acquiescenza alle strade del vizio, finchè i figli, diseducati del tutto a qualsiasi idea di disciplina, e minimo rispetto di sè e degli altri, diventano animali ben pasciuti, egoisti e consumisti, e incapaci di fondare una famiglia che -a sua volta- formi veri cristiani:
          perchè non hanno più la fermezza dei valori della morale cristiana (quella di sempre) da TRASMETTERE, non avendola mai ricevuta dai propri genitori !
          Una perversa catena di lassismo e relativismo morale, iniziata con il crollo del principio d’autorità, proprio nella Chiesa, in quell’ottobre 1962.

          • Cherubino scrive:

            ah ah ah e dite pure di essere tradizionalisti !!! E invece cadono in vere e proprie eresie …
            Lei lo sa che nella diversità delle Persone divine tutto ciò che esse compiono va detto di tutte e tre ? Lei confonde le relazioni sussistenti con il concetto di accidente, che in Dio non può essere.

            Il Figlio si incarna, ma in esso è Dio che si incarna, mica solo un pezzettino di Dio !!! Lei confonde pesantemente ed ereticamente le Persone con la Sostanza divina.
            In Gesù opera la pienezza della divinità e chi vede lui vede il Padre ! C’è sempre stato chi ha sminuito questa rivoluzionaria realtà, tanto che Giovanni ammonisce di considerare anatema chi nega che Dio, proprio Lui e non un’immagine o un “pezzo” o qualunque cosa sia meno di Diom abbia vissuto in mezzo a noi nella persona di Gesù di Nazareth. Su questo punto sono caduti Nestorio e i suoi seguaci, e su questo punto la Chiesa ha definito il dogma di Maria Madre di Dio !
            Ora, se la missione di Gesù è stata radicalmente l’essere in tutto fratello nostro (legga la Lettera agli Ebrei che per sua comodità le riporto sotto), allora ciò si può e si deve dire di Dio interamente. Così come l’essere nostro Padre del suo Padre celeste si può e si deve dire di Dio interamente.

            D’altra parte lei ha una visione distorta della fraternità, come se fosse incompatibile con altri ruoli. Lei vede della parternità solo l’autorità, ma anche l’autorità si basa su una fondamento fraterno. Basta pensare che la moglie è anche “sorella” spiritualmente e affettivamente. Il principe del Cantico dei Cantici chiama “sorella mia sposa” la sua adorata.
            Così un genitore è anche un pò fratello e sorella dei propri figli, e deve saper conciliare la dimensione verticale, intergenerazionale (imprescindibile, guai ad essere tutti uguali in famiglia), con quella fiducia di chi sa che oltre i ruoli e le differenze c’è il fondamento della condivisione fraterna. Lei si ferma ai ruoli formali, agli schemi, all’ideologia. Applica parole senza badare alla sostanza. Oppone e divide, perchè questo è il vostro spirito.

            Lettera agli Ebrei, cap. 2:
            Ed era ben giusto che colui, per il quale e del quale sono tutte le cose, volendo portare molti figli alla gloria, rendesse perfetto mediante la sofferenza il capo che li ha guidati alla salvezza. [11]Infatti, colui che santifica e coloro che sono santificati provengono tutti da una stessa origine; per questo non si vergogna di chiamarli fratelli, [...]
            Poiché dunque i figli hanno in comune il sangue e la carne, anch’egli ne è divenuto partecipe, per ridurre all’impotenza mediante la morte colui che della morte ha il potere, cioè il diavolo, [15]e liberare così quelli che per timore della morte erano soggetti a schiavitù per tutta la vita. [16]Egli infatti non si prende cura degli angeli, ma della stirpe di Abramo si prende cura. [17]Perciò doveva rendersi in tutto simile ai fratelli, per diventare un sommo sacerdote misericordioso e fedele nelle cose che riguardano Dio, allo scopo di espiare i peccati del popolo. [18]Infatti proprio per essere stato messo alla prova ed avere sofferto personalmente, è in grado di venire in aiuto a quelli che subiscono la prova.

        • murmex scrive:

          cherubino,non è molto” fraterno” il suo”voi non siete cristiani,non conoscete il Vangelo,non pensate secondo la mente di Dio.”Questi “fratelli” vogliamo sceglierceli solo come piacciono a noi?Facciamo pure,ma almeno risparmiamoci le prediche.Io non ho detto niente di quello che lei mi fa dire(ma sa leggere?)Che i poveri ci saranno sempre lo dice il Vangelo,non io,e questo vuol dire che ci sarà sempre occasione di esercitare la carità materiale(doverosa,lo ripeto,se uno può) senza dimenticare che esiste anche quella SPIRITUALE,oserei dire ancora più importante,perchè riguarda l’anima e il suo destino eterno,e non il corpo comunque mortale.La mia risposta a marino verteva comunque su un argomento limitato,la scomodità di certi temi,e mi sembra che nessuno possa negare che certi temi non sono scomodi(anche l’atea sinistra ne parla sempre),altri sì,e sono quelli che investono il riconoscimento dell’uomo come CREATURA,dotata di un’ESSENZA non manipolabile a piacere,come invece si sta tentando di portare avanti.Da questa negazione di subordinazione a Dio in quanto creature(non dotate di essere per se stesse,ma che lo ricevono da Dio) negazione istigata dal diavolo (NON SERVIAM!),omicida fin dall’inizio,discendono tutti i peccati,comprese le ingiustizie l’oppressione dei poveri, e aggiungerei a questi peccati anche L’OMICIDIO DI INNOCENTI, che non mi sembra un peccato meno importante.Dove la vede la dicotomia?Si può fare una cosa senza omettere l’altra.

  48. Sal scrive:

    @ minstrel
    “Tant’è che nel NT NON C’E’ TRACCIA di tetragramma! Chissà come mai…”

    Eppure lei è uno preparato sig. minstrel, mi va a cascare sul cecio ? come Mimma ? No dai !

    Ha mai sentito parlare dell’Esapla di Origene 245 ev ? – Commentando Salmo 2:2, Origene scrisse a proposito della Settanta: “Nei manoscritti più fedeli IL NOME ricorre in caratteri ebraici, ma non nei [caratteri] ebraici odierni, bensì nei più antichi”.
    Solo successivamente la Settanta fu manomessa con Kyrios. La settanta fu iniziata nel 280 ev.
    W. G. Waddell dice: “Nell’Esapla di Origene . . . le versioni greche di Aquila, di Simmaco e dei LXX rappresentano tutte JHWH con ΠΙΠΙ; nella seconda colonna dell’Esapla il Tetragramma era scritto in caratteri ebraici”. (The Journal of Theological Studies, Oxford, vol. XLV, 1944, pp. 158, 159)

    Altri ritengono che il testo originale dell’Esapla di Origene contenesse il Tetragramma in caratteri ebraici in tutte le colonne.

    Nel IV secolo E.V., Girolamo, il traduttore della Vulgata latina, dice nel prologo ai libri di Samuele e Re: “In certi volumi greci troviamo tuttora il nome di Dio, il Tetragramma [cioè, יהוה], espresso in caratteri antichi”.

    In una lettera scritta a Roma nel 384 E.V., Girolamo dice: “Il nono [nome di Dio] è composto di quattro lettere (tetragramma); lo si pensava anecfòneton, cioè ineffabile, e si scrive con queste lettere: iod, he, vau, he. Ma alcuni non l’hanno decifrato a motivo della rassomiglianza dei segni; e quando lo hanno trovato nei libri greci l’hanno letto di solito [ΠΙΠΙ, lettere greche che corrispondono alle romane PIPI]”. — Le lettere, Roma, 1961, vol. I, pp. 237, 238; cfr. J. P. Migne, Patrologia latina, vol. 22, coll. 429, 430.

    Ha mai riflettuto sul significato del nome Gesù ? significa “Jehovah è salvezza.” Solo in Matteo compare 152 volte. Marco 85 Luca 94 Giovanni 245 Atti 71 ecc. faccia un po’ lei il conto. Sì, non compare nel nuovo testamento. Ma chi gliele racconta queste storielle……? Non c’è traccia …. Per chi non sa leggere !
    p.s.
    mi saluti Mimma e la sua ossessione per i TdG. Se scopre che il Nome Jehovah compare così tante volte le piglia un colpo !

    • Piru scrive:

      Jehova’s witnesses are always trying to destroy the Catholic Church, founded by Jesus’s words: you are Peter and upon this stone I build my Church [not the 30.000 evangelical/protestant/JehowahsWitnes/Pentecostelian/Mormon sects/denominations etc. “and the gates of HELL will NOT prevail against IT”

    • Mimma scrive:

      @Sal

      Si chiarisca le idee che ce l’ha molto confuse. Non siamo nelle sale del regno dove può dire tutte le cavolate che vuole davanti ai poveri polli che mangiano il cibo avvelenato del geovismo.

      http://www.infotdgeova.it/bibbia/vengo.php

    • minstrel scrive:

      Sal, la Exapla di Origene parla SEMPRE del VECCHIO TESTAMENTO, MAI del NUOVO che ai tempi – glielo ricordo – NESSUNO sapeva cosa fosse (visto che non c’era manco un canone).

      Se lei è confuso dalle “shit”ate geoviste mi dispiace, ma se lo sa e scrive queste “shit”ate per confondere gli altri le sembra giusto?

      • Sal scrive:

        @ minstrel @Mimma
        “SAPRETE che la Bibbia di Gerusalemme in inglese, in portoghese, in francese, ha Yahweh, Yahweh, Yahvé. “Geova” non esiste. Quindi il geovismo ha raccontato una grossa bugia. ”

        Distinta Mimma, il fatto che la traduzione Almeida sia del1681 non cambia il senso. E se ha la cortesia di verificare in Wikipedia Troverà scritto:
        “Geova è una delle forme italiana di יְהֹוָה. I primi testi che contengono יְהֹוָה, con la fonetizzazione ottenuta dal testo masoretico, sono stati scritti nel 1270 d.C. (“Jehova”), stessa forma nel 1707[14], 1546 d.C. (“Ieova”)[15], 1561 d.C. (“Iehova”)[16] 1721 d.C. (“Jehovah”)[17].

        Forse non sa che perfino Verdi usò quel Nome nel Nabucco, anche nel film di Indiana Jones, nel film la storia di Ruth, anche Beethoven nel suo oratorio”di Cristo sul monte degli ulivi op.85, perfino Bach in lied BWV e nella corale BWV 299 “usa Jehovah” e in molti altri che può consultare su Wikipedia.

        Tutti scemi ? Se poi vuole consultare i dizionari può provare con “il dizionario bibiclo di Mc Kanzie, IL grende diionario dell’Utet, anche Il Zanichelli 1964 p.626 XI ediz. “Regno di Geova”
        Ma di che parla ? Perché le piace fare brutte figure ?

        La Biblia di Antonio Brucioli, 1530 rev. 1551. Protestante.Usa Signore tranne in Esodo 6:3 dove usa Ieova. Nella revisione del 1562 stampata dall’editore Francesco Durone la forma ‘Iehova’ o ‘Iehovah’ ricorre decine di volte. Esempio Genesi 28:13

        La Sacra Bibbia di Giovanni Diodati. 1607 riedita 1946. Protestante. Usa Signore. In alcune edizioni riporta il nome di “Geova” nell’intestazione di pagina 584 e nella sovrascritta di Isaia 41.

        Sacra Bibbia di Antonio Martini, 1778 riedita 1963. Cattolica. Usa Signore. Nella nota di Esodo 3:14-15 ha Jehovah

        Versione Riveduta di Giovanni Luzzi, 1925 riedita 1966. Protestante. Usa Eterno. Nelle note a Esodo 3:15 e 6:3 usa la forma Jahveh.

        La Bibbia, Eusebio Tintori, 1945. Cattolica. Usa Signore. Nelle note ha Jahve.

        La Sacra Bibbia, Ricciotti. 1955. Cattolica. Usa sempre Signore e ha Jahvè in alcune note come Esodo 3:14; 6:2,3; Gioele 3:12; Giona 4:10,11.

        La Bibbia, Edizione Paoline. ediz. 1958 e seguenti. Cattolica. Usa Signore tranne in Esodo 6:2-3 (e relativa nota) e Geremia 1:6 dove usa Jahvé (ediz. 1958 e seguenti). Usa Jahvé In salmo 83:19, al posto di “Il Signore” delle edizioni precedenti (ediz. 1970 e seguenti). A seconda delle edizioni usa Jhwh nelle parentesi nel testo di Esodo 6:3 (ediz. 1997).

        La Bibbia a cura di Fulvio Nardoni, 1960. Cattolica. Il nome Jahweh vi ricorre più volte nel testo ad esempio in Esodo 6:2,3,6,8; Isaia 1:24; 3:1; 10:33; 26:4; 40:10; 51:22; 61:1; ecc..

        La Sacra Bibbia, Pontificio Istituto Biblico 1961. Cattolica. Oltre a Signore usa varie volte nel testo Jahve, ad esempio in Esodo 3:15; 6:2; Salmo 83:19.

        La Sacra Bibbia ed. Garzanti imprimatur 1964. Cattolica. Usa “Yahvè”, es. pag 952 Salmo 83:19 ed altre;

        La Bibbia di Mons. Garofalo, 1964. Cattolica.Usa sempre Jahve, ma solo nell’Antico Testamento. Nel Nuovo Testamento tale nome non viene mai riportato anche quando sono citati versetti biblici dell’Antico Testamento in cui il nome compare, ne è un esempio Luca 4:18 in cui Gesù legge Isaia 61:1.

        Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture. Testimoni di Geova. 1967 ed. riv. 1987.Usa sempre Geova.

        La Bibbia Concordata, 1968. Interconfessionale.Rende Signore tranne Salmo 83:19 dove usa Iavè.

        La Sacra Bibbia, Galbiati, Penna e Rossano. Cattolica. 1968. Usa sempre Iahvé .

        La Sacra Bibbia CEI, 1974. Cattolica. Rende Signore. Nella nota in calce a Esodo 3:14,15 ha JHWH. Nella nota a 1 Maccabei 3:18 usa Jahveh.

        La Bibbia di Gerusalemme, 1974. Cattolica. Ha lo stesso testo della CEI. Nelle note menziona Jahveh, come quelle su Esodo 3:13, Isaia 42:8, ecc. (Il testo originale francese, La Bible de Jérusalem, usa sempre Yahvé)

        Nuovissima Versione della Bibbia Edizione Paoline. 1967-1980. Cattolica. Usa Signore. Nella nota ad Esodo 6:2-8 usa Jahveh.

        La Nuova Diodati. Protestante. 1991. Usa sempre Eterno. Nella prefazione usa Jehovah e Yah.

        In nomi composti come Genesi 22:14 usa Jehovah.
        Il libro di Isaia, Moraldi. 1994. Cattolica. Usa sempre Jhwh.

        La Bibbia. Versione Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra. 1994. Protestante. Rende il tetragramma con ‘SIGNORE’ tutto in maiuscolo per distinguerlo dalla parola ebraica signore “adhonai”. Nella prefazione usa YHWH.

        La Bibbia, Oscar Mondadori. 2000. Aconfessionale. Usa sempre Jhwh.

        La Sacra Bibbia, ed. dott. Armando Curcio, 1866, versione mons. Antonio Martini arciv. Firenze. alla pagina 50 in Esodo capitolo 3 versetto 14 usa Adonai, ma nella nota dice: “Denotasi con questo nome, che si pronuncia Jehovah, ….”

        Ho dimenticato l’American Standard che nella prefazione dice : “I revisori americani, dopo attenta riflessione, sono giunti all’unanime convinzione che la superstizione giudaica, secondo cui il Nome Divino era troppo sacro per potersi pronunciare, non doveva più condizionare la versione inglese o alcun’altra versione dell’Antico Testamento, come fortunatamente non avviene in numerose versioni fatte da missionari odierni”.
        Così hanno ripristinato il nome Jehovah in sostituzione dell’antico signore.

        I tempi cambiano, deve cambiare anche lei altrimenti rimane indietro. Si aggiorni
        p.s.
        @ minstrel
        ma secondo lei se nel VT si chiamava Jehovah, perchè mai avrebbe dovuto cambiare Nome nel NT ?
        E non trova un pò ipocrita segnalarlo in alcuni versetti o nelle note o nella prefazione poi non usarlo nel testo ?
        Mentalità cattolica, ma il papa ha detto che si sono sbagliati molte volte, chissà se intendeva dire anche in questa storia di nascondimenti.

  49. Piru scrive:

    a stato provvidenziale che von Freyberg, nuovo arrivato nel posto de banchiere del Vaticano, non conosceva bene a Cipriani e suoi amici, né sapeva come hanno operato per modo che potessero ingrandire e vedere come hanno fatto il fraude millionario. Un tedesco pulita in tre mesi, che gli italiani avevano nascosto tre decenni, dal momento che la mafia ha ucciso la Banca Ambrosiana. L’Stampa non importava allora, quando ci fu piena corruzione, perché preoccuparsi ora che la corruzione è stato scoperta? hmmmm

  50. Sal scrive:

    @ vincenzo da torino
    “Per gli Ebrei il sangue vuol dire vita. La vita viene solo dal sangue? La smetta di dire scemenze emerite!”

    La ringrazio per la gentile risposta. E’ anche lei ebreo ?

    “‘In quanto a qualunque uomo della casa d’Israele o a qualche residente forestiero che risiede come forestiero in mezzo a voi il quale mangi qualsiasi sorta di sangue, certamente porrò la mia faccia contro l’anima che mangia il sangue, e in realtà la stroncherò di fra il suo popolo. Poiché l’anima della carne è nel sangue, e io stesso ve l’ho messo sull’altare per fare espiazione per le anime vostre, perché è il sangue che fa espiazione mediante l’anima [in esso]. Per questo ho detto ai figli d’Israele: “Nessun’anima di voi deve mangiare sangue e nessun residente forestiero che risiede come forestiero in mezzo a voi deve mangiare sangue”. ( Lev 17.10-12)

    Lei non sa neanche leggre sig. vincenzo mi perdoni, ma “il sangue non vuol dire vita “ Il sangue “fa espiazione mediante l’anima in esso” Che tradotto dal volgare significa che alcuni moriranno come riscatto per altri.

    Il malvagio è un riscatto per il giusto; e chi agisce slealmente prende il posto dei retti.” ( Prov 21.18)
    Perdoni se ho scritto scemenze emerite !

  51. Mimma scrive:

    Le cavolate sono sempre biblicamente smentibili.

    http://www.infotdgeova.it/dottrine/anima.php

    • Sal scrive:

      @ Mimma
      Le scritture citate sono “cavolate” ?
      Ah ecco, ho capito perchè non tiene conto dell’invito a tacere (1 Tim 2.11)

  52. peccatore scrive:

    Per stare sul pezzo:

    Cipriani e Tulli “si sono fatti da parte”.
    Von Freyberg rileva ad interim le funzioni.
    Già nominati altri professionisti: Rolando Marranci e Antonio Montaresi.

    Forse si smuove qualcosa… Gotti Tedeschi fu defenestrato con ignominia.
    Le carte scritte di proprio pugno da Joseph Ratzinger avranno “ispirato” il successore?

    Comunque non cantiamo vitoria: veleno in giro ce n’è parecchio e pure denti da cobra.

  53. timorato scrive:

    vincenzo da torino scrive:
    1 luglio 2013 alle 17:55

    “…………grazie a lei. Se Teobaldo e C. si impegnassero a leggere e meditare scritti “sani” forse riuscirebbero anche a cominciare a mettere in dubbio le loro certezze, frutto di letture “malsane” nel senso di ideologicamente deviate ed eviterebbero di fare gli “assatanati” contro il ConcilioVat. II e papi , ritenendosi puri e duri. La critica è sempre ben accetta se ponderata, la disobbedienza al Magistero autentico porta allo scisma e al pericolo per la propria salute spirituale. Pensare che i lefreviani potevano essere un argine contro gli abusi interpretativi del concilio Vat. II, se ne accettavano i documenti! Così si mettono contro la chiesa ed ho paura, vista la testardaggine, l’astio ,la presunzione, che siano irricuperabile . Un vero peccato! Ci vuole un vero miracolo…Magari la Madonna ci potrà mettere lo zampino. .benché l’orgoglio è una brutta bestia da domare, soprattutto quando si pensa di difendere la Verità evangelica e la Tradizione, concetto questo piuttosto bistrattato da essi. Speriamo e preghiamo. saluti.”

    sempre la solita minestra!!!
    ( intanto non si permetta mai più di usare un linguaggio cosi blasfemo, quando vorrà invocare l’intervento di Nostra Signora; consideri che lo zampino si addice solo al demonio, Maria Santissima, può solo degnarsi di volgere il Suo Sguardo, sia a noi, ma soprattutto a voi cattoprogressisti che, per mille fini diabolici, credete di poter giostrare anche lo Spirito Santo…….!!!!)

    Errare è umano ma perseverarvi è diabolico, recita il detto!
    Perché continua a dire falsità sulle posizioni dei tradizionalisti?

    Quante volte le ho detto che la questione del Vat.II, non è collegata alle problematiche di tipo morale del Clero! è solo una QUESTIONE FILOSOFICO-INTELLETTUALE.

    Noi non siamo duri e puri!
    Che significa “l’orgoglio”? guardi che noi difendiamo qualcosa che non è frutto delle nostre elaborazioni!!!

    Può illustrarli lei gli scritti sani da meditare?

    Lei mi parla di disobbedienza!!!quando lei con tutti i Papi conciliari disobbedite costantemente a tutta la Tradizione, cioè a tutti i Papi preconciliari, che al di là dei pronunciamenti -infallibili o no- hanno saputo spiegare secondo Verità e Logica, perfettamente il Vangelo!!!

    Voglio vedere poi, se saremo dannati noi che ci “ostiniamo” ad ubbidire al solare Magistero dei Papi preconciliari o voi, che usando ed abusando della Cattedra di Pietro, volete far dire all’Unico Pietro e con Lui allo Stesso Spirito Immutabile, allo Spirito della Immutabile Verità, quello che Questa Verità non solo non ha detto mai, ma ha scomunicato dall’eternità perché inconciliabile con Se Stessa!!!

    Si ricordi: anche i papi e con loro il gregge che li segue, pur essendo la Chiesa visibile, possono cadere nel peccato di scisma!

    A.M.D.G.

    • vincenzo da torino scrive:

      @Timorato. Il termine zampino è usato , per fortuna, non solo riferito al diavolo, ma in molte situazioni a significare un intervento particolare. Anche qui dimostra la sua ottusità e chiusura mentale per la quale solo lei sa dare i giusti significati alle parole. Sono un grande devoto della Madonna da sempre e non mi permetterei mai alcuna minima offesa. Per il resto faccio una sola osservazione. Il Concilio è magistero straordinario e unito al papa è il più autorevole, quindi obbliga tutti i cattolici all’obbedienza. Diversamente si è scismatici. Pertanto ho la certezza assoluta di essere cattolico romano , lei no.
      Lei, come spesso rivelato da molti e pure dal papa GP II, ha una errata concezione di Tradizione di cui abusa e in cui si rifugia. Io sono certo che sono nella Tradizione dei papi preconciliari come dei papi post conciliari. Lei accettando solo la Tradizione dei papi preconciliari è in grave rischio di salute spirituale. Le ricordo che in tutti i secoli è sempre stato così. Le consiglio vivamente di dedicarsi a letture più “sane” e non farsi impapocchiare dai vari unavox. Libero di stare dove si trova con il rischio reale di essere sbattuto fuori definitivamente dalla chiesa cattolica romana. Dovrebbe poi giustificare termini come “abusare della cattedra di S. Pietro” che è irriverente , ed offensivo o semplicemente direi ridicolo. Dunque: la maggioranza di un Concilio assieme al papa erra? Roba da non credere…Sarebbe finita la Chiesa, anzi non ci sarebbe più la chiesa da un bel pezzo. Dal primo concilio di Gerusalemme! Non si offenda, ma sono anch’io un poco stufo delle vostre capriole…Fate una vostra chiesa ed un vostro papa e ..vivete felici e contenti!

    • murmex scrive:

      Ha ragione,Timorato,volevo rilevarlo anch’io.Il linguaggio denota,consciamente o inconsciamente,quello che alberga nei nostri cuori e nelle nostre menti.

  54. peccatore scrive:

    PUNTATE PRECEDENTI
    Da un articolo di Paolo Rodari del giugno 2007

    … A partire dal prossimo ottobre Paolo Cipriani sarà il nuovo direttore generale –al posto di Lelio Scaletti– dello Ior, la banca vaticana nella quale fino a oggi egli ha ricoperto il ruolo di vice direttore generale.
    Ratzinger ha preso atto della nomina uscita dalla mente della commissione cardinalizia di vigilanza sullo Ior presieduta del cardinale Angelo Sodano.
    Cipriani dovrà rendere conto del proprio lavoro al presidente della banca, il professor Angelo Caloia. Quest’ultimo dovrebbe rimanere al suo posto almeno fino al prossimo 23 novembre, quando Sodano compirà ottant’anni e non presiederà più la commissione di vigilanza. Solo da quel momento si potrà anche sapere se il segretario personale di Sodano, monsignor Pioppo, nominato prelato dello Ior pochi mesi addietro dalla stessa commissione (la carica non esisteva più dal 1993 e da sei anni era stata cancellata dall’annuario pontifico) manterrà il suo incarico o meno.

  55. Mimma scrive:

    Il Papa: pregare con coraggio e insistenza per toccare il cuore di Dio

    Dobbiamo pregare con coraggio il Signore, anche con insistenza come ha fatto Abramo. E’ quanto affermato stamani da Papa Francesco nella Messa alla Casa Santa Marta. Il Papa ha ribadito che pregare è anche “negoziare col Signore”, diventare perfino inopportuni come ci insegna Gesù. Alla Messa, concelebrata dal cardinale Kurt Koch e da mons. Brian Farrell, ha preso parte, tra gli altri, un gruppo di sacerdoti e collaboratori del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani. Il servizio diAlessandro Gisotti:

    Abramo parla con coraggio e insistenza al Signore per difendere Sodoma dalla distruzione. Papa Francesco svolge la sua omelia partendo dalla Prima Lettura e subito osserva che “Abramo è un coraggioso e prega con coraggio”. Abramo, ha detto ancora, “si sente la forza di parlare faccia a faccia col Signore e cerca di difendere quella città”. E lo fa con insistenza. Nella Bibbia, dunque constata il Papa, si vede che “la preghiera deve essere coraggiosa”:

    “Quando noi parliamo di coraggio pensiamo sempre al coraggio apostolico, andare a predicare il Vangelo, queste cose… Ma c’è anche il coraggio davanti al Signore. Quella parresia davanti al Signore: andare dal Signore coraggiosi per chiedere le cose. Un po’ fa ridere, va bene ma fa ridere questo perché Abramo parla col Signore in una maniera speciale, con questo coraggio e uno non sa: è davanti a un uomo che prega o davanti a un ‘commercio fenicio’, perché lui tira sul prezzo, va, va… E insiste: da cinquanta è riuscito ad abbassare il prezzo a dieci. Lui sapeva che non era possibile. Soltanto c’era un giusto: il suo nipote, il suo cugino… Ma con quel coraggio, con quella insistenza, andava avanti”.

    A volte, ha detto, si va dal Signore a “chiedere una cosa per una persona”, si chiede questo e quello e poi si va via. “Ma quella – ha avvertito – non è preghiera”, perché “se vuoi che il Signore dia una grazia, devi andare con coraggio e fare quello che ha fatto Abramo, con quell’insistenza”. Il Papa rammenta che è Gesù stesso che ci dice che dobbiamo pregare così come la vedova col giudice, come quello che va a bussare di notte alla porta dell’amico. Con insistenza: “Gesù ci insegna così”. E infatti, ha osservato, Gesù elogia la donna siro-fenicia che con insistenza chiede la guarigione della figlia. Insistenza, ha affermato il Pontefice, anche se stanca, ed “è stancante davvero”. Ma questo, ha detto, “è un atteggiamento della preghiera”. Santa Teresa, ha ricordato, “parla della preghiera come un negoziare col Signore” e questo “è possibile solo quando c’è la familiarità col Signore”. “E’ stancante, è vero – ha ribadito – ma questa è la preghiera, questo è prendere da Dio una grazia”. Il Papa ha così sottolineato l’argomentazione che Abramo utilizza nella sua preghiera: “Prende gli argomenti, le motivazioni dello stesso cuore di Gesù”:

    “Convincere il Signore con le virtù proprie del Signore! Quello è bello! L’esposizione di Abramo va al cuore del Signore e Gesù ci insegna lo stesso: ‘Il Padre sa le cose. Il Padre – non preoccupatevi – manda la pioggia sui giusti e sui peccatori, il sole per i giusti e per i peccatori’. Con quell’argomentazione Abramo va avanti. Io mi fermerò qui: pregare è negoziare col Signore, anche diventare inopportuno col Signore. Pregare è lodare il Signore nelle sue cose belle che ha e dirgli che queste cose belle, ce le mandi a noi. E se Lui è tanto misericordioso, tanto buono, che ci aiuti!”

    “Io – ha detto il Papa – vorrei che oggi, tutti noi, cinque minuti, non di più, durante la giornata prendessimo la Bibbia e lentamente dicessimo il Salmo 102”, recitato oggi fra le due Letture:

    “‘Benedici il Signore anima mia, quanto è in me benedica il suo nome. Non dimenticare tutti i suoi benefici. Egli perdona tutte le colpe, guarisce tutte le infermità, salva dalla fossa la tua vita, ti circonda di bontà e di misericordia…’. E con questo impareremo le cose che dobbiamo dire al Signore quando chiediamo una grazia. ‘Tu che sei misericordioso, Tu che perdoni, fammi questa grazia’: come aveva fatto Abramo e come aveva fatto Mosè. Andiamo avanti nella preghiera, coraggiosi, e con questi argomenti che vengono proprio dal cuore di Dio”.

    • Sal scrive:

      “Il Papa: pregare con coraggio e insistenza per toccare il cuore di Dio”

      Si chiama impietosire. Arruffianarsi il giudice che si fa corrompere.

    • Sal scrive:

      1. “Il Papa ha ribadito che pregare è anche “negoziare col Signore”,”
      Si, come lo fanno anche al suk del Cairo e se non contratti molto per loro vuol dire che hai poco onore.

      2. “Abramo, ha detto ancora, “si sente la forza di parlare faccia a faccia col Signore e cerca di difendere quella città”.” – Errore Abraamo non pregava per la città, ma per i 50 giusti che avrebbero potuto abitarci ma non ne furono trovati neanche 10.

      3.“Soltanto c’era un giusto: il suo nipote, il suo cugino…”
      Ma era nipote o cugino ? ( Sa, c’è differenza) E poi… giusto ? chi…. Lot ? quello che ha messo incinta le figlie ?
      Le quali erano talmente in mala fede che lo sbronzarono prima… (Gen 19. 30-38)

      4.“Convincere il Signore con le virtù proprie del Signore! Quello è bello!”
      Già, fare un po’ di ammuina, ed è bellissimo tanto Quello si commuove e dice : “Guarda questo, quanto è commovente con la sua ipocrisia. Gli farò la grazia. Lo faccio fallire. Ma quali sono le virtù del Signore ?

      5. “Egli perdona tutte le colpe, guarisce tutte le infermità,”
      Beh, non è proprio vero. Sta andando fallita la sanità tanti sono i malati ! E poi ….”ma a chiunque parli contro lo spirito santo non sarà perdonato, no, né in questo sistema di cose né in quello avvenire.” ( Mt 12.32)
      Ma che bella predica coraggiosa !

  56. timorato scrive:

    x mimma

    la finisca di invadere il blog, ormai lo sappiamo tutti che è questo il suo scopo, giusto per far stancare chi legge e distrarli da un discorso serio.

    Si converta lei , che ne ha più bisogno dei tdg, o quantomeno cerchi di usare più rispetto per noi tutti ma sopratutto per il dott. Tornielli!

    • Mimma scrive:

      Timorato
      @Timorato
      Il suo parlare sempre delle stesse cavolate e ripetere sempre le stesse idiozie non le sembra che annoia più di ogni cosa e mostrano come è sempre lei ad allontanarsi dal tema? Mi dica cosa ci sia di attinente ai thread nelle scemenze che scrive ogni volta. Si rilegga e vedrà che non ha nulla di cui vantarsi. Le sue noiose elucubrazioni da pseudotradizionalista ci hanno davvero stancato. Almeno ascoltare il Papa che ogni giorni ci da spunti per riflettere serve allo spirito. Le sue idiozie non servono a nessuno, se non alla sua superbia e megalomania patologica. Si faccia un bell’esame di coscienza, prima di puntare il dito sugli altri.

    • Mimma scrive:

      @Timorato
      Sono spiacente di dirle che non nutro per lei neppure l’un per cento della stima che nutro per Tornielli.
      L’invasione del blog appartiene piuttosto ai maestri farisei come lei e suoi compagni pseudotradizionalisti che andate propagandando un falsissimo cattolicesimo dove il messaggio evangelico viene abilmente nascosto dietro a un pericolosissimo terrorismo fondamentalista che mai Gesù Cristo ha annunciato.
      La prego vivamente di sviluppare i COMMENTI SUOI!
      Le urta forse che mettiamo in evidenza la giusta stima per il nostro Pontefice?
      Se è stato battezzato nel nome della SSMA TRINITA’ le ricordo che è anche il suo Papa!

      • Sal scrive:

        “Sono spiacente di dirle che non nutro per lei neppure l’un per cento della stima che nutro per Tornielli.”

        Si chiama “Captatio benevolentiae” ! ( Ruffiano)

  57. timorato scrive:

    x Giovannino

    Innanzitutto che cos’è la massoneria? qual è la natura della massoneria? Bisogna distinguere tra i concetti filosofici o pubblici (conosciuti da tutti) della massoneria (e Giuliano di Bernardo ha scritto un libro edito dalla Marsilio di Venezia: La Filosofia della Massoneria, come dire: la massoneria è una società segreta, ma ha una filosofia pubblica che è conosciuta da tutti); poi ci sono anche dei concetti segreti o iniziatici i quali sono conosciuti soltanto dagli iniziati, da coloro che entrano nella massoneria: non solo vi aderiscono, ma fanno tutti i passi che occorre fare per arrivare sino alla cima della massoneria.

    Allora, iniziamo. Quali sono i concetti pubblici che tutti conoscono e che hanno ispirato il mondo moderno a partire da Cartesio sino ad oggi? Sono, come spiega Di Bernardo stesso -che è stato il Gran Maestro della Massoneria- il soggettivismo e il relativismo.

    Vedete, Maritain ha scritto un bel libro, I tre riformatori, che sono Cartesio, Lutero e Rousseau, e lui dice: sono i tre filosofi che hanno riformato il mondo e lo hanno reso moderno, nel senso non attuale… “moderno” è un mondo che rifiuta la realtà, l’oggettività, un Dio trascendente, la capacità dell’intelligenza di conoscere la realtà come è e non “come mi pare” perché sono soggettivisti. Per Cartesio è l’io cogitans in cogito che crea la realtà. Non lo dice esplicitamente, ma i filosofi idealisti (Kant, Fichte. Schelling, Hegel, fino a Giovanni Gentile) espliciteranno questo soggettivismo e relativismo filosofico di Cartesio.

    Il secondo riformatore è religioso, è Lutero, il quale applica il soggettivismo alla religione: la religione non è qualche cosa che Dio ha rivelato, non è qualche cosa che ha dei significati dogmatici oggettivi, non c’è un magistero che mi spiega il Papa, i Padri della Chiesa, oltre la Sacra Scrittura, la Tradizione orale che mi dicono il significato della Scrittura. [Per] i protestanti ognuno soggettivamente interpreta come sembra a lui, “a me sembra che…”; quando Gesù dice: “Questo è il mio Corpo, questo è il mio Sangue”, Lutero dice: per me significa questo è il simbolo del mio Corpo, questo è il simbolo del mio Sangue. Quindi non c’è presenza reale, fisica, sostanziale di Gesù sotto le specie del pane e del vino, al massimo si può parlare di comparazione, ma non di transustanziazione. Allora vedete il soggettivismo religioso…

    Il terzo [riformatore] è Jean Jacques Rousseau, lo svizzero di Ginevra, il quale ha applicato il soggettivismo alla politica e ha fondato il mito del democratismo, per cui il miglior sistema di governo non è la democrazia classica, come la intendevano Aristotele e San Tommaso d’Aquino……
    (continua a leggere)
    http://www.doncurzionitoglia.com/testo_conferenza_vaticanoII_massoneria.htm

    • giovannino scrive:

      caro timorato, sono d’ accordo con parte della tua analisi. Il pensiero umano è molto avanzato dai tempi di san Tommaso , in tutti i campi . Attribuire tutti questi progressi alla massoneria è , invece insostenibile , fino al ridicolo . Il progresso delle lettere, delle scienze e delle tecniche ha visto il contributo di studiosi delle più diverse convinzioni , cattolici , protestanti , ebrei , atei e certo anche qualche massone. Se invece volevi dire che la massoneria è stata più abile della chiesa cattolico-romana a cogliere lo spirito della modernità , questo è discutibile e , nella misura in cui è vero , è deprecabile e in pratica va sanato. In ogni caso il progresso non è così lineare non è finito , il soggettivismo della modernità ha mostrato dei limiti , così che , in un certo senso , i cattolici possono quasi giovarsi di aver perso un tempo della partita e adesso rientrare dalla panchina più freschi degli epigoni dell’ Illuminismo. Ma , evidentemente , il superamento del pensiero moderno starà in idee nuove , non nella ripresa di Tommaso, Aristotile o Parmenide ecc. Per questo ogni cattolico colto può dare il suo piccolo contributo . Anche tu timorato , se ti facessi venire qualche idea per svecchiare e aggiornare la cultura cattolica, faresti bene. E’ però importante sottolineare che tutto questo ha a che fare con la religione , la cultura , la civiltà , ma non con la fede. Un semplice pescatore potrebbe avere tanta fede da essere un degno capo della Chiesa , questo ci dice il Vangelo. Per questo non do torto a gibici , quando scrive che è bene che il Papa regnante non sia un teologo. Tuttavia meglio un teologo di valore ( Ratzinger) che un teologo dilettante ( Sarto) . Tradizionalisti e , a fortiori , pseudotradizionalisti, non sanno , o non vogliono , distinguere tra la civiltà cristiana e la fede. E forse anche Ratzinger , sia pure in modo più raffinato e intelligente di Sarto , inclina in questa direzione. Stiamo a vedere se l’ imminente enciclica sulla Fede farà luce su questo punto, cioè sulla possibilità della fede in Cristo di innestarsi differenti culture.

  58. timorato scrive:

    x mimma

    lasci stare le mie idiozie, visto che non è in grado di riconoscere la Tradizione della Chiesa la vera Voce del Papa Eterno, ci faccia la carita di non invadere il blog, non è questione di ripetere le stesse cose (dicevano cosi anche a San Giovanni, quando parlava della Carità) MA SOLO QUELLO DI NON INVADERE IL BLOG!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Mimma scrive:

      @Timorato
      Non le sembra di peccare un tantino di superbia paragonandosi a S. Giovanni????
      Ma ci usi lei la carità di lasciarci vivere la nostra FEDE in santa pace e la smetta lei di ergersi a GIUSTO GIUDICE dell’umanità!

      • Teobaldo scrive:

        di lasciarci vivere la nostra FEDE in santa pace

        ————
        ??????????????????????????????????

        UNA SOLA E’ LA FEDE VERA, UNO SOLO IL PASTORE UN’UNICO OVILE…..

        ed è INSITO nella Tradizione!!!!!!!

        Quella Tradizione che ABBRACCIA 1960 ANNI DI MAGISTERO ,il quale ha sempre parlato alle sue pecorelle con lo stesso ed unico linguaggio!!!!

  59. timorato scrive:

    X mimma

    certo che è anche il mio Papa (per il Quale- seppur indegnamente-prego giorno e notte) ma non è il mio Dio, Quello è solo l’Adorabile Gesù Sacramentato!

    Della sua stima non so che farne e credo pure il dott. Tornielli, visto che una che si fa supercristiana come lei, poi risulta essere tuttaltro,per gli insulti che lancia a destra e a manca,per come non risponde ai suoi doveri di stato presenziando sempre nel blog e soprattutto ,promuovendo l’abolizione del sacro Celibato che tanto dispiacerebbe al Cuore di Gesù!

    • Mimma scrive:

      @Timorato
      Ma chi si crede di essere? Con quale inusitata superbia e arroganza lei si permette di dire che io non rispondo ai miei doveri di stato? Che ne sa lei della mia vita? E lei lo fa? “Scriba e fariseo ipocrita, direbbe Gesù, togli prima la trave che è nel tuo occhio e poi togli la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello”. Lei puzza del peccato di satana: La superbia. Dai frutti si riconosce l’albero.

      Lasci al dottor Tornielli, che è una persona intelligente e saggia, di giudicare chi tra noi due “occupa” il blog. Lei, se si rilegge si scoprirà un talebano del pensiero. Si vergogni per tanta arroganza e superbia. Quanto al celibato per me è il dono più bello che Dio ha fatto alla chiesa cattolica. Lei non ha avuto l’intelligenza di capire quel post dove chiedevo di riflettere sul problema, con lo scopo di preparare i seminaristi alla maturità del dono del celibato. Ma da bravo fanatico lei traviso, come fanno i suoi amici tdg, le mie parole.

  60. timorato scrive:

    x mimma

    certamente il suo scopo di falsa cattolica è quello di demonizzare i veri cattolici, affinché le Cose Sante che quest’ultimi propagano siano boicottate, si ricordi che con Dio non si scherza!
    I tradizionalisti non sono nulla di quello che lei dice, ma solo coloro i quali vogliono difendere la Tradizione della Chiesa che non è opera(consuetudine) umana!

  61. Mimma scrive:

    @Timorato
    Senta falso e ipocrita cattolico e traditore della chiesa di Cristo, lei non ha nulla da dire se non le solite demenze sconclusionate di un tdg travestito da tradizionalista. Mi saluti la sua controfigura: SAL!!!! SI RITIRI LEI DAL BLOG! Sarà una gioia per tutti.

    • Teobaldo scrive:

      ma brava ecco la personcina dabbene, che avrebbe la pretesa di definirsi cattolica…..

    • Mimma scrive:

      @Teobaldo
      Lei certo come vescovo non può dire di elevare il vessillo del bon-ton!

  62. Mimma scrive:

    Se per difendere la tradizione cattolica dovete uccidere il messaggio di Cristo… invito anche lei a riflettere sul fatto che con Dio non si scherza!!!

    • Sal scrive:

      @ Mimma

      “Con Dio non si scherza”

      Già è vero, ma non ha specficato di quale Dio sta parlando perchè lei on sembra averre così tanto timore. Chiacchiera troppo.
      “ La donna impari in silenzio con piena sottomissione” (1Tim 2.11)

      Ma lei sembra non badarci troppo.

      “‘Dalla tua propria bocca ti giudico, schiavo malvagio” ( Lc 19.22)

    • murmex scrive:

      Mimma lei rivela definitivamente il suo NON ESSERE CATTOLICA.Se lo fosse saprebbe che la TRADIZIONE e la S.SCRITTURA costituiscono LA RIVELAZIONE, ossia il Messaggio di Cristo.Attendo confutazione nel merito e non con i soliti insulti

  63. timorato scrive:

    x mimma

    è alla portata di tutti che è sempre presente sul blog, quindi a quali doveri corrisponde?

    Lasci stare la questione del Celibato -ho ancora registrato il suo post- che ha voluto trattare appositamente per lanciare un implicita intimidazione alle Gerarchie ecclesiastiche, opponendo la forza dei numeri e la forza “dell’amore”, di quale amore?

    • Mimma scrive:

      E poi… provi a sbandierare davanti all’Altissimo la sua “eterna fedeltà di uno senza peccato” semmai ne avesse il coraggio, ipocrita!
      Lasci stare i doveri di stato altrui che peraltro sconosce e provi a fare un esame introspettivo circa la SUA FEDELTA’ a Dio e al SUO STATO!
      E’ colpa di quelli come lei se milioni di cattolici sono rimasti fuori dalla porta della chiesa!

      • Teobaldo scrive:

        E’ colpa di quelli come lei se milioni di cattolici sono rimasti fuori dalla porta della chiesa!

        ———-

        questa troll…..ha perso la bussola, non solo della fede, ma della ragione…..

        elenchi quali che siano le colpe di Timorato, le quali avrebbero tenuto fuori dalla porta milioni di cattolici…

        ma le elenchi una ad una…..

        • Mimma scrive:

          44Guai a voi, perché siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo”.
          45Intervenne uno dei dottori della Legge e gli disse: “Maestro, dicendo questo, tu offendi anche noi”. 46Egli rispose: “Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito! (Luca 11, 44-46)

  64. Mimma scrive:

    @Timorato
    Lei ha registrato nel cervello solo una idiota e continua fluttuazione di vaghe fanatiche e senza senso. Si registri tra i prenotati ad un TSO in psichiatria. Farebbe meglio. Registri e li metta in scaletta le sue scemenze e vedrà chi è l’onnipresente scervellato del blog: Timorato e i suoi compari.

    • murmex scrive:

      Veramente,Mimma,ricordo anch’io qualcosa da lei detto sul celibato ecclesiastico(pregherei Timorato di riportare le sue parole)e anche la sua irrisione a Reginaldus(che lei affermava essere un monsignore),col dire che sarebbe stato più equilibrato se fosse stato ammogliato.Questo suo modo di interloquire,oltre che irrispettoso con i fratelli nella Fede,è anche poco serio,spero che ormai sia palese a tutti,specialmente a quelli che potrebbero essere attirati dai suoi fervorini sulla gospa

      • Teobaldo scrive:

        Cara Murmex …. non a Reginaldus ….ma a me, questa troll/blogger avrebbe detto a più riprese, che da monsignore (quale per’altro non sono affatto) avrei fatto meglio se fossi ammogliato…..

        che come ‘monsignore’ gemma avrei tradito la Chiesa e Cristo….

        E’ evidente che la troll, mi ha scambiato per Mons. Gemma, dopo che io postai, ciò che questo grande Monsignore ebbe a dire contro la gospa balcanica…..

        l’odio proferito è lo stesso che manifestò il fanzaga, quando uscì quell’intervista di Monsignore…. ricordo che, ululò, che se gli fosse stato difronte, gli avrebbe tirato addosso gli scarponi di montagna……

      • Mimma scrive:

        @Murmex
        Veramente credo che l’incalzare dell’età la stia mettendo a dura prova…
        Quando parlavo di monsignore mi riferivo non a Reginaldus ma a Teobaldo il quale come può essere facilmente etto non ha disdegnato di tessere sulla mia persona una calda coperta di insulti ed impropreri di ogni genere perchè anche lui misogino poverino….
        Cara sorella , dico a lei quanto ribadito a timorato: COLTIVI I COMMENTI SUOI!

        • timorato scrive:

          X MIMMA

          dovrebbe avere lei la grazia di arrivare all’eta di Murmex ( che tralaltro credo sia ancora una bambina, visto lo splendore del suo intelletto) e soprattutto dovrebbe avere la grazia di essere un tantino più educata e più degna di convivere con le persone civili e non con i selvaggi che saltano addosso!

          • murmex scrive:

            Grazie Timorato,credo di essere più giovane di Mimma perchè lei ricorda (come da lei affermato tempo fa)i tempi intorno al concilio,io no perchè bambina piccola.Ma l’età anagrafica non conta.Grazie al Cielo vedo sempre più giovani(fra cui i miei figli),e, cosa più importante,giovani preti ,,avvicinarsi con gioia alla Tradizione,vedo anche anziani meravigliosi nel loro impegno,e vedo purtroppo che spesso sono gli anziani i più chiusi a ogni riflessione,forse perchè deformati dai 50 anni di indottrinamento

        • timorato scrive:

          qui troverà anche il famoso post, con cui promuoveva l’abolizione del Sacro Celibato

          Mimma scrive:

          31 maggio 2013 alle 17:16

          @Andrea Tornielli

          Vorrei lanciare un sasso contro questo blog, certa di colpire una certa fetta di prelati tradizionalisti che qui scrivono “rivestiti ” di gloria e di onore.
          Mi domando se oggi la Chiesa non debba prendere atto anche di situazioni come queste….

          http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/pretisposati/dibattito_1269810195.htm

          http://www.cdbchieri.it/rassegna_stampa_2004/barbero_sessualita_preti.htm

          http://www.vocatio2008.it/CONTRIBUTI/LETTERA4.HTM

          Replica

  65. Mimma scrive:

    DOPO IL PRIMO AFFACCIO ALLA LOGGIA CENTRALE SI È LEVATO UN CORO D’ESTETICHE PREFICHE: «NON HA INDOSSATO LA MOZZETTA ROSSA!»

    Sì, era senza mozzetta rossa. Ma convocare un Concilio Vaticano III per questo motivo non sembra proprio il caso…

    Da questo momento in poi userò la parola “tradizionalismo” e “tradizionalisti” secondo l’accezione impropria ormai in uso nel linguaggio corrente, nello stesso modo in cui è impropriamente usata la parola “laico”. Ogni buon cattolico dovrebbe infatti essere un tradizionalista, se per tradizione si intende la salvaguardia e la tutela teologica e dogmatica del deposito della fede e della scrittura sulla quale la tradizione si regge e si sviluppa. Così come la parola “laico”, che nel linguaggio ecclesiale indica tutti quei fedeli cattolici e religiosi consacrati che non hanno ricevuto i sacri ordini; parola invece usata nel corrente lessico per indicare impropriamente non cattolici e non credenti.

    Certi ultra progressisti che da alcuni decenni scempiano la sacra liturgia con abusi e creatività d’ogni mala sorta e certi cosiddetti tradizionalisti auto elettisi custodi della vera e unica tradizione liturgica, hanno in comune agli opposti antipodi la stessa cosa: il senso di ribellione all’autorità della Chiesa e all’occorrenza al suo Supremo Pastore. Gli uni come gli altri sono mossi da tutte quelle “migliori intenzioni” di cui sono lastricate le vie dell’Inferno. A maggior ragione valga per gli uni e per gli altri, da qui a seguire per tutto lo scritto, la precisazione “certi” e “alcuni” e giammai “tutti”.

    Io non sono mai stato contrario al motu proprio circa il Vetus Ordo Missae, ma questo autentico florilegio isterico di persone che in giro per la rete si stanno dando a pianti d’ogni sorta e che in questi giorni hanno toccato l’apice del cattivo gusto in svariati commenti ingiuriosi vergati nel frequentatissimo blog del sito Messa in Latino, [vedere qui], mi stimolano a un certo ripensamento, come spiegherò più avanti. Molti di questi commentatori sono infatti giunti a trascendere nel vero e proprio oltraggio alla sacra persona del Successore di Pietro; e ciò niente di meno che in difesa della tradizione (!?!). Forse sarà il caso di ricordare a questi soggetti non facili da indurre alla ragione che la tradizione cattolica apostolica romana risiede in Pietro, pietra angolare edificante. Una Chiesa senza Pietro non è pensabile, anzi non può esistere proprio, sebbene taluni si siano inventati persino il sedevacantismo, teoria che trascende nella pura idiozia, perché l’eresia ha una sua dignità di pensiero e di conseguenza ce l’hanno gli eretici dotati di intelletto e talento, cosa che i sedevacantisti non hanno, tanto da non poter essere chiamati nemmeno eretici, poiché relegabili senza pena di offesa nell’ambito della demenzialità pseudo teologica e pseudo ecclesiologica.

    So bene che citare a certe persone i documenti del Concilio Ecumenico Vaticano II li indurrebbe a reputare il tutto come richiami a “fonti sospette”, per ciò vedrò di accontentarli citando la costituzione dogmatica di un altro concilio ecumenico, la Pastor Aeternus del Vaticano I, promulgata dal Beato Pontefice Pio IX [vedere qui], utile e preziosa per chiarire anche e soprattutto la figura di Pietro, il suo ruolo, il suo alto ufficio la sua infallibilità quanto si esprime ex chatedra su verità di fede.

    Anche la fonte giudicata da certi tradizionalisti sospetta, vale a dire il Concilio Ecumenico Vaticano II, non lascia spazio a dubbi e nella costituzione dogmatica sulla Chiesa Lumen Gentium, ricalcando la Pastor Aeternus del Vaticano I, al n. 22 scrive: «Il collegio o corpo episcopale non ha però autorità, se non lo si concepisce unito al Pontefice Romano, successore di Pietro, quale suo capo» [vedere qui]. Tema sul quale ritornerà il Prefetto della Dottrina della fede Cardinale Joseph Ratzinger sempre basandosi sulla Pastor Aeternus e sulla Lumen Gentium [vedere qui].

    Ciò detto, casomai Pietro non fosse gradito a certi “cattolici” custodi autentici della vera e sola tradizione, esiste da sempre una via conosciuta e praticata sin dai primi secoli di vita della Chiesa: l’eresia e lo scisma. Come successe con lo stesso Vaticano I, dal quale si scissero dall’alveo cattolico i cosiddetti vetero cattolici, anch’essi custodi della “vera tradizione” [vedere qui], oggi ridotti a fare “pastoralterapia” … “Joga esicastico” e amenità varie [vedere qui]. I vetero cattolici custodi della vera tradizione cattolica oggi “ordinano” le vescovesse lesbiche che a loro volta “ordinano” preti omosessuali che poi celebrano nozze gay, per dire a cosa spesso può portare la difesa della “vera” tradizione cattolica in ribellione a Pietro e a un Concilio Ecumenico della Chiesa [vedere qui]

    Se difatti oltre ai canti gregoriani — di cui da sempre sono sia cultore sia esecutore — certi soggetti che da giorni sparano raffiche verso il nuovo Romano Pontefice in nome della difesa della tradizione, conoscessero un minimo di storia della teologia dogmatica, di storia della cristologia e di dogmatica sacramentaria, saprebbero in qual modo i primi otto secoli di vita della Chiesa siano stati corollati incessantemente da eresie e scismi, basati però, grazie a Dio, su cose serie, dinanzi alle quali verrebbe voglia di parafrasare il titolo di un vecchio libro di Mario Capanna: “Formidabili quegli anni” [ed. Rizzoli, 1980]. Sì, formidabili quei primo otto secoli turbolenti, perché da sempre la Chiesa teme molto più l’idiozia, che non la raffinata eresia portata avanti da figure di talento e di alta cultura come Ario e Pelagio. Dalle eresie ariane e pelagiane combattute da Padri della Chiesa come Atanasio e Agostino, è nata e si è solidificata la nostra migliore teologia, mentre dall’idiozia è nata solo e di prassi sempre altra idiozia, mai la migliore teologia, tanto meno la vera difesa della tradizione cattolica.

    http://www.papalepapale.com/develop/persino-il-pio-v-che-fingono-di-conoscere-li-avrebbe-spediti-allinquisizione-certi-tradizionalisti/

  66. Nella scrive:

    @Mimma
    Carissima Mimma, ti propongo l’atto di confidenza, composto da S. Claudio La Colombière che lui soleva recitare ogni giorno. E’ un bell’esempio di abbandono fiducioso tra le braccia del Padre, che manterrà sempre il nostro cuore calmo e sereno, anche tra le prove e le persecuzioni. Ti auguro la pace e la serenità dello spirito. Non ti lasciare rubare la pace e la speranza. Ti auguro ogni bene nel Signore.

    “Mio Signore e Dio, io sono così convinto che Tu hai cura di tutti quelli che sperano
    in Te e che niente può mancare a coloro che aspettano tutto da te, che ho deciso, per
    l’avvenire, di vivere senza alcuna preoccupazione e di riversare su di Te ogni mia
    inquietudine.

    Gli uomini possono spogliarmi di tutti i beni e del mio stesso onore; le malattie
    possono privarmi delle forze e dei mezzi per servirti; col peccato posso smarrire
    perfino la tua grazia, ma non perderò mai e poi mai la mia fiducia in Te. la
    conserverò fino all’estremo della mia vita e il demonio, con tutti i suoi sforzi, non
    riuscirà mai a strapparmela.

    Altri aspettino pure la loro felicità dalle ricchezze e dal loro ingegno; facciano anche
    affidamento sull’innocenza della loro vita, sui rigori delle loro penitenze, sulla
    quantità delle loro opere buone e sul fervore delle loro preghiere; per me tutta la mia
    confidenza è la mia stessa confidenza; confidenza che non ha mai ingannato nessuno.
    Ecco perché ho l’assoluta certezza di essere eternamente felice, perché ho
    l’incrollabile fiducia di esserlo e perché lo spero unicamente da Te.

    Per mia triste esperienza devo purtroppo riconoscere di essere debole ed incostante;
    so quanto le tentazioni possono contro le virtù più affermate; eppure nulla, finché
    conserverò questa ferma fiducia in Te, potrà spaventarmi; starò al riparo da ogni
    disgrazia e sarò certo di continuare a sperare, perché spero questa stessa immutabile
    speranza.

    Infine, mio Dio, sono intimamente persuaso che non sarà mai troppa la fiducia che
    ho in Te e che, ciò che otterrò da Te, sarà sempre al di sopra di ciò che avrò sperato.
    Spero anche, Signore che Tu mi sorreggerai nelle facili debolezze; mi sosterrai negli
    assalti più violenti; farai trionfare la mia fiacchezza sopra i miei temuti nemici.
    Ho tanta fiducia che Tu mi amerai sempre e che anche io, a mia volta, ti amerò per
    sempre.

    E per portare al più alto grado questa mia fiducia, o mio Creatore, io spero Te da Te
    stesso, per il tempo e per l’eternità. (Disc. 68).

    • Mimma scrive:

      @Nella
      Conosco bene la spiritualità del padre de La Colombière, direttore spirituale si Santa Margherita Maria Alacoque, ho avuto modo di leggere alcuni suoi scritti dietro suggerimento del mio padre spirituale.
      Raggiungere tale confidenza nel Creatore è per me ancora un’utopia e ritengo coloro che l’hanno acquisita “figure angeliche” già in puro spirito.
      Per quanto salda la mia fede, talvolta risulta vacillare sotto i colpi della prova…

      • Nella scrive:

        @Mimma
        Carissima Mimma ti invio questa bella catechesi di papa Francesco che ha tenuto in occasione del Convegno della diocesi di Roma lo scorso 17 Giugno. E’ davvero bella e profonda. E’ da meditare e soprattutto da vivere. Buona notte e tanta pace nel Signore.

        https://www.youtube.com/watch?v=MVuPvZskLwI

        • Mimma scrive:

          @Nella
          Grazie, in questa notte ti porterò al cuore eucaristico di Gesù dal quale sgorga la sorgente di ogni perfezione.
          Santa notte e pace e gioia al tuo cuore.

  67. Sal scrive:

    @ Mimma
    “Sì, era senza mozzetta rossa. Ma convocare un Concilio Vaticano III per questo motivo non sembra proprio il caso…

    Ma no….. ? Il Concilio lo convocano perché hanno deciso di cambiare il simbolo.

    Il Nuovo simbolo è questo :
    (“$ – € – £ “) Non avrai altro dio al di fuori di me ! E’ sempre una trinità !

    • Eremita scrive:

      Sal è uno che fa già pietà di per sè, ma quando cerca di fare battute cretine è peggio ancora.

    • Mimma scrive:

      @Sal
      Ha ragione $, Imbrogli, mainipolazioni sono le coordinate essenziali del geovismo. La Torre di guardia ai soldi geovista ha cifre di capogiro… Un bell’esempio di outing. Continui…..

      “…..Le dottrine, le interpretazioni bibliche, la riabilitazione di persone che prima erano “fallite” e oggi, grazie ai tdG si sono reintegrate nella società come risorsa per se stessi e per la loro famiglia, sono solo la parvenza, ma il vero successo, la WTS (Watch Tower Society), lo ha ottenuto accumulando un patrimonio in proprietà, donazioni e la vendita di libri e riviste. Ovviamente, le cifre sono da capogiro!

      Si potrebbe affermare che c’è un ingranaggio totalitario nel sistema geovista che non permette all’uomo di raggiungere il suo vero fine, coltivare la propria umanità. C’è una folla di persone omologate nello spirito da innumerevoli forme comportamentali che condizionano e creano forti sensi di colpa di cui l’adepto difficilmente ne realizza l’inganno.

      Analizzando il pensiero del corpo direttivo dei testimoni di Geova si nota un continuo revisionismo dell’intendimento delle Scritture che aggiorna con una certa frequenza la “verità”. In questo modo si eliminano o si correggono tutti i precedenti articoli e libri. Si continua a scrivere così nuovi articoli e nuovi libri da vendere. Si continua anche a dominare il pensiero degli adepti che ricevono sempre istruzioni su cosa fare e dire.
      Sembra, per estremizzare, di leggere il libro di Orwell “1984”!
      Nel 1925 venne stampato dalla Watch Tower Society un libro, “Milioni ora viventi non moriranno mai”, scritto dal secondo Presidente della WTS, Joseph Franklin Rutherford. Sono morti!

      Giuseppe Lupo

      http://www.articolotre.com/2011/07/testimoni-di-geova-una-torre-di-guardia-ai-soldi/17885

      • Sal scrive:

        @ Mimma
        “Ci sono anche conti importanti da verificare. Non siete certo in belle acque di splendidi conti trasparenti.”

        A parte il fatto che non è bello nascondere la propria sporcizia dietro quella altrui….. ma quelli non hanno mica fatto il voto di povertà !

        • Mimma scrive:

          @Sal
          Nessuno nega le colpe altrui, ma i moralisti e quelli che vorrebbero fare la lezione agli altri e apparire candidi sono più sporchi degli altri. Nulla di cui vantarvi “quelli” di cui lei fa parte sono abbastanza sporchi da non potere dire agli altri che si debbano lavare. Qualcuno dei suoi confratelli si pone domande intelligenti al contrario di lei.

          “Ora che ci penso, avete tutti ragione,

          la Società accetta anche denaro perché sia usato a livello mondiale con la clausola che la somma venga restituita in caso di bisogno.

          La Società può decidere dunque di gestire una parte del patrimonio dato “in prestito” dai fratelli. Se tutto questo denaro viene usato subito (non so, per fare un esempio banale, per comprare carta) se la somma viene chiesta all’improvviso, in caso di bisogno, la Società dirà “non possiamo restituirla, l’abbiamo spesa tutta”?

          • Sal scrive:

            @ MImma
            Non sono interessato alle questioni economiche dei TdG. Non hanno fatto voto di povertà.

            Mi preoccupa di più chi predica il vangelo trasgredendolo.
            Ecco, lei non è un bell’esempio di integrità.
            Non ha libertà di parola. ( 1 Tim 2.11)
            “‘Dalla tua propria bocca ti giudico, schiavo malvagio” ( Lc 19.22)

        • Mimma scrive:

          @Sal
          Furbacchione, non giochi a fare l’atarassico disinteressato. La perdoniamo solo perchè sappiamo che la strategia teocratica vi permette di mentire alla grande. Di geova infatti non ve ne frega niente. Interessa solo ai Betheliani, per vivere da nababbi. Geova è solo una formula per polli.

          http://www.roccopoliti.it/?cat=4

      • Sal scrive:

        @ Mimma
        Povera mimma, copia e incolla senza nemmeno sapere di che parla …..

        “Nel 1925 venne stampato dalla Watch Tower Society un libro, “Milioni ora viventi non moriranno mai”, scritto dal secondo Presidente della WTS, Joseph Franklin Rutherford. Sono morti!”

        Lei ha dimenticato ….: “Ma che i morti siano destati lo ha rivelato anche Mosè nel racconto del roveto, quando chiama Geova ‘l’Iddio di Abraamo e l’Iddio di Isacco e l’Iddio di Giacobbe’. Egli non è l’Iddio dei morti, ma dei viventi, poiché per lui sono tutti viventi”. “ (Lc 20.37-39)

        Deve mirare prima di sparare. Non può sparare a casaccio e aspettarsi di fare centro.
        Possibile che la crassa ignoranza le fa dimenticare perfino il Vangelo ? Ha dimenticato 1 Tim 2.11 ….Cos’ha anche lei la nuova trinità in mente ? (“$ – € – £” – Non avrai altro Dio all’infuori di me”)

        • Mimma scrive:

          Si ma quei milioni che vivevano allora sono morti. Lasci stare Sal Le faccio lo spelling del “Dio” che adorate voi tdg:

          G = Grande Giro
          E = Economico
          O= Organizzato
          V= da Veri
          A= Affaristi.

          E’ un Dio lucroso e che permette ai Betheliani di viaggiare in aerei privati, limousine, usare saune , idromassaggi e fare una vita da nababbi, mentre dei poveri polli vanno in giro a fare questua per loro. Coraggio Sal. La verità è dura da accettare. Si consoli.

          • mauro scrive:

            Certo che chi vive di rendita, per quell’8 per mille, non può che vedere gli altri come persone avide di denaro.
            Il defunto Don Verzè del S.Raffaele, che aveva un jet privato da 20 milioni di euro, era un collezionista, prima di denaro, poi di aerei.
            Che c’è di male a fare il collezionista quando ci sono dei polli cattolici che l’aiutano nella sua collezione?

          • Mimma scrive:

            @Mauro
            Altro che don Verzè. Il CD della wts supera alla grande ogni possibile idea di speculazione. Veda ad esempio:

            http://www.hedgefundintelligence.com/Product/13793/Forthcoming-Events/InvestHedge-Forum-2011.html?ElementId=9679

            Si vede che siete il lato comico della WTS.

          • Mimma scrive:

            @Mauro
            Se lo chieda anche lei come tanti altri magari. Se usa ancora autonomamente la materia grigia.

            http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=17&t=7707

          • mauro scrive:

            Ma non possiamo dimenticare l’8 x mille che va alla Chiesa, compresa la parte destinata allo Stato che assomma a circa un miliardo di Euro, non volendo dimenticare le beneficienze che riceve da tutto il mondo.
            Don Verzè era solamente un parallelismo a quanto lei aveva scritto su aerei privati dei Tdg.

            Ciò che meraviglia è che fa del gossip (sui Tdg) dimenticando di guardare nella sua Chiesa e trarne le dovute conseguenze.
            Tecnicamente è una manovra diversiva che ha la valenza di una merenda a base di cavolo: nulla!

          • Mimma scrive:

            @Mauro
            Siete mitici nell’evasione fiscale e fate la morale agli altri?

            http://www.testimonigeova.com/LaMiticaOnestaDeiTdg.pdf

          • gibici scrive:

            Poi la solita ignoranza presuntuosa: “ma loro – cioe’ i TdG – non fanno il voto di poverta’ “.
            Cio’ che Sal non sa e’ che il clero cattolico non fa il voto di poverta’, anche se spesso la vive. Il voto di poverta’ e’ fatto dai religiosi, dei quali qualcuno e’ sacerdote.

          • Mimma scrive:

            @Mauro
            E quanto a soldi che ricevete dallo stato quelli si che vi piacciono. Lo sterco di satana dei governi satanici quello lo amate alla grande.

            http://www.roccopoliti.it/?cat=42

          • Sal scrive:

            @ Mimma
            Se lei invece di tacere, come la invita a fare il vangelo, (1Tim 2.11) continua a voler ribaltare le colpe della chiesa su altri, (tanto così fan tutti) fa un ancora cattivo servizio alla sua causa.
            Perché non siamo qui per dimostrare le colpe di altri (pagani o eretici ) Lo scopo dovrebbe essere quello di far risaltare la Giustizia di Dio o “fare discepoli” insegnando loro ad osservare le cose comandate.
            Il suo è proprio il modo opposto. Non è così che porterà discepoli alla sua causa ma otterrà l‘effetto contrario. Le ho già scritto che non si nascondono le colpe della chiesa dietro quelle di altri. Non diverrà giusta perché gli altri sono colpevoli. La colpevolezza della chiesa si somma a quella degli altri. Ma lei sembra avere un ossessione e dice pure che si arrabbia dimostrando che i suoi giudizi non sono sereni ma lei è spinta dalla passione, quindi il suo giudizio è criticabile e inutile.

            Lei dice anche “la verità è dura da accettare” ma di quale verità parla ? della sua ? ma già sappiamo che di insensatezze lei ne ha sparate un mucchio. Non ha mai proposto alcun ragionamento sensato oltre citare il suo sito favorito atto a demolire i TdG. Ma non è demolendo che si costruisce. Chi abbatte non accresce. Fa solo rovine oppure pensa che criticando gli altri accrescerà il suo gregge che non c’è più ?

            Allora mi permetta ricordarle che ha dimenticato ancora una volta, purtroppo (sic !) il vangelo : “E ora, nelle presenti circostanze, vi dico: Non vi immischiate con questi uomini, ma lasciateli stare; (perché, se questo progetto o quest’opera è dagli uomini, sarà rovesciata; ma se è da Dio, non li potrete rovesciare); altrimenti, potreste trovarvi a combattere effettivamente contro Dio” ( Gamaliele Atti 5.38-39)
            Non dovrebbe essere il vangelo il suo faro, la sua luce, il suo manuale operativo, il suo codice di comportamento ?
            Lei ha la pessima abitudine di sparare senza mirare. Non farà mai centro così. Si calmi, rifletta, si metta in pace e rifletta su ciò che può fare per dimostrarsi cristiana non “crociata”. I Cristiani devono “porgere l’altra guancia” che tradotto significa “voltarsi e andarsene” invece lei vuol fare la “crociata”, la difesa di un baluardo cattolico ormai devastato accusando altri, agendo nel modo contrario a ciò che il Vangelo le comanda. Può essere più sciocca ? Dio avrà mai la possibilità di notarla se agisce nel modo opposto alla sua Parola ?
            Forse dovrebbe andare a farsi curare le rotelle. Continui a pregare la sua nuova trinità ($ – € – £)

          • Mimma scrive:

            @Sal
            Come gliel’ho dimostrato il suo misoginismo è comprensibile. Visto che voi tdg, come il suo confratello di cui le parlavo l’altra volta vedete le donne “da una prospettiva troppo bassa” tipica dei guardoni. Si curi bene e non si lasci rubare il cervello dalla WTS. Se ne riappropri.

            http://www.roccopoliti.it/?p=1676

  68. Lt scrive:

    ….Lutero, il quale applica il soggettivismo alla religione: la religione non è qualche cosa che Dio ha rivelato, non è qualche cosa che ha dei significati dogmatici oggettivi, non c’è un magistero che mi spiega il Papa, i Padri della Chiesa, oltre la Sacra Scrittura, la Tradizione orale che mi dicono il significato della Scrittura. [Per] i protestanti ognuno soggettivamente interpreta come sembra a lui, “a me sembra che…”; quando Gesù dice: “Questo è il mio Corpo, questo è il mio Sangue”, Lutero dice:
    per me significa questo è il simbolo del mio Corpo, questo è il simbolo del mio Sangue.
    Quindi non c’è presenza reale, fisica, sostanziale di Gesù sotto le specie del pane e del vino, al massimo si può parlare di comparazione, ma non di transustanziazione. Allora vedete il soggettivismo religioso…”
    ———–
    grazie Timorato; don Nitoglia sempre da seguire con attenzione per il suo amore alla Verità dottrinale eterna, e verità delle nefaste MUTAZIONI liturgiche-dottrinali, verità di fatti storici, le cui disastrose conseguenze sono sempre in atto, in peggioramento rapidissimo….

    non c’è presenza reale, fisica, sostanziale di Gesù sotto le specie del pane e del vino,
    esatto.
    Questo è il modo di pensare di tutti i catto-protestanti odierni, che grazie al concilio, hanno propagato i loro falsi insegnamenti nelle parrocchie, inquinando la Fede del popolino, grazie soprattutto al potere (subdolo) “suasivo” e “formativo” della Messa NO, che ripete da 46 anni:

    Beati gli invitati alla CENA del Signore….
    Il Sacrificio trasformato il cena : con tutto quel che ne segue, di degrado profano,
    a scapito della Fede cattolica, basata sul Dogma della tranzustanziazione, vanificato nelle prassi dissacranti, favorite dall’ALTERAZIONE DELLE FORMULE e dell’intero impianto della S. Messa, come Paolo VI +Bugnini &protestanti vollero !
    ….e così aumentano gli sciagurati che non credono più alla Presenza Reale, e si comportano come fossero andati a consumare un “panino” benedetto, ricevuto “IN MEMORIA” di qualcuno che FECE qualcosa in un lontano passato…..si risiedono a chiacchierare pensando ai fatti loro……
    qualcuno =>personaggio STORICO, che noi COMMEMORIAMO,
    ma in quanto NOI = PRESIDENTE+ASSEMBLEA, protagonisti dell’ACTIO liturgica = teatrale, con tanto di canzonette, chiasso, frivolezze e profanazioni, talora blasfeme, come in quel funerale di noto giovane personaggio, dove -alla S. COMUNIONE!- fu fatta risuonare nella chiesa una canzone “escrementizia” di Ligabue: musica liturgica in onore del Santo SAcramento, davvero sacra e foriera di DEVOZIONE AL SANTO DI DIO!
    SOLO uno dei mille passi verso l’ABOMINIO NEI LUOGHI SANTI, predetto dalla Madonna a La Salette.

    • Cherubino scrive:

      ma che bel raccontino … l’ha letto sull’ultimo numero di “Favole lefebvriane” ?

  69. john coltrane scrive:

    Grazie del’allegato, gentile Mimma; se ne scoprono sempre di nuove,
    sui simpatici testonidigeova: il fondatore bevitore è davvero mitica.
    Se non esistessero bisognerebbe inventarli.

  70. timorato scrive:

    x lt

    carissimo, senza voler perdere la speranza, la situazione è davvero tragica.
    Nessuno riesce a riflettere nemmeno un pò, tutti credono che Dio stesso si è aggiornato alle loro eresie che fanno passare come acquisizioni !!!

    grazie di tutti i Suoi interventi.

    come insegna il Salmista:”nella loro malvagità continui la mia preghiera”. Preghiamo senza tregua.

    un caro saluto

    • Cherubino scrive:

      certo, a vedere come si riducono quelli come voi, c’è da pensare che la situazione sia veramente tragica …

  71. Mimma scrive:

    @john coltrane
    Gentilissimo john coltrane
    Vede, nessuno nega che la chiesa non abbia i suoi errori e le sue pecche, non è questo il mio intento. Ma sentire dei personaggi come i tdg che pontificano su questo blog e che fanno la morale agli altri quando sono una vera organizzazione di speculazione e non hanno nulla da insegnare agli altri, questo si che mi fa arrabbiare. E quindi non posso tacere e non rimandarli a guardare meglio dentro casa loro. Saluti.

    • john coltrane scrive:

      Certamente, gentile amica; il fatto poi che una simile parodia
      da avanspettacolo della religiosità come quella dei testoni abbia un
      certo successo, ci fa meditare su quanto poco si conoscano
      le parole della Scrittura.
      Per dire, da Brooklin hanno insegnato per decenni che DIO
      “abita” nella costellazione delle Pleiadi: dunque, che simili deliri
      farseschi non vengano immediatamente riconosciuti come tali,
      fa riflettere.

  72. Eremita scrive:

    Oggi sono andato a riparare dei letti e degli apparecchi per sollevare le persone in un ricovero per anziani dove faccio un pò di volontariato, e sono passato dalla saletta dove erano riuniti alcuni di loro: seduti in circolo, ognuno ripeteva come un mantra le frasi solite e le solite ossessioni, incurante ognuno dei mantra e delle ossessioni degli altri, all’infinito. Poi vengo su questo blog, e mi ritrovo la stessa scena.

    • gibici scrive:

      Grazie eremita,
      la sua inserzione mi ha fatto ridere di gusto. Credo che piu’ o meno molti siamo vecchietti!

  73. timorato scrive:

    x cherubino

    quindi sarebbe un raccontino l’analisi di lt?

    per uno come lei che con le sue personalissime esegesi storico-teologiche, deve portare sempre acqua al suo mulino, capisco bene quando la disturbano certe constatazioni!
    Che significano poi le imperfezioni di alcuni -E RIPETO SOLO ALCUNI- della Frat. San Pio X?

    Poni mente a ciò che è detto e non badar a chi l’ha detto insegna l’Imitazione di Cristo!

    Lei cosa insegna coi fatti! quello di adorare solo il papa del presente quasi fosse più autorevole di Dio, solo perché si può adattare alla sua ideologia?

    lei che con i fatti, nega la Regalità di Cristo e non ne difendee i Suoi Diritti!
    lei che con i fatti, disprezza, demonizza e disubbidisce a tutti i Papi preconciliari presentandoli come tiranni e antievangelici!
    lei che mai ha voluto parlare dalla trasgressione scandalosa e più che evidente della Bolla Quod Primum Tempore di quello che è l’Indulto perpetuo da essa imposto, al rito tridentino!
    lei che mai ha voluto parlare di eresia e di eresia modernista, sorvolando colpevolmente sull’enciclica Pascendi!
    lei che difende card. martini e don gallo solo perché la S.Sede non ha prodotto carte bollate contro questi !
    lei che etc.etc.!
    si converta ,come diceva il vostro giovanni paolo santo prima della nascita: un giorno verra il giudizio di Dio

    A.M.D.G.

    • gibici scrive:

      Guardi che sono d’accordo anch’io con Cherubino nel non apprezzare nulla degli interventi di Lt ne’ dei suoi. Naturalmente apprezzavo molto Martini.
      Ma lei :
      -pone sullo stesso piano bolle occasionali e concili ecumenici
      -dice stupidaggini ad es. che disprezziamo la regalita’ di Cristo.
      - insulta un sacco di ottimi papi e ottime persone: per noi i papi preconciliari sono papi e talora sono stati grandi papi, talora un disastro.
      - ha una concezione assurda della Tradizione e della storia della Chiesa: viva l’ottavo sacramento (= l’ignoranza che salva tutti, non il nostro buonismo) per cui perdoniamo le sue sciocchezze AMDG, anche se dovrebbe essere piu’ accorto o piu’ umile, perche’ e’ troppo sicuro che cio’ che dice sia vangelo, ma e’ tutt’altro.

  74. peccatore scrive:

    Sembrerebbe che stare a tema disturbi…

    La plateale defenestrazione di Gotti Tedeschi, scelto da Benedetto XVI…
    Le strane “veline” che hanno minato da dentro la curia nel biennio 2011-2012 logorando il pontificato di Benedetto, fino a determinarlo, in coscienza, a farsi da parte…
    Le carte scritte di proprio pugno da Joseph Ratzinger trasmesse al successore.
    Personaggi che per anni hanno “remato contro” la pulizia, sugli scandali a sfondo
    sessuale e sulle abitudini finanziarie e di potere, non necessariamente separate visto il potere di ricatto, mentre il Papa poteva dire “quanta sporcizia”…
    Ogni eventuale responsabile ha goduto di coperture e referenti.
    E penso sia interessante risalire, almeno tanto quanto è indispensabile appurare le responsabilità di chi ha sbagliato e si è fatto pizzicare, rimanendo con il cerino in mano.
    Veleno in giro ce n’è parecchio e pure denti da cobra, dietro maschere da agnello.
    Interessanti le nomine e i nominatori, le cordate e i referenti, i potenti sulla carta e quelli che non hanno mai rinunciato ad esercitare il potere…

    Nessuno è colpevole senza prove e anche per chi è nemico bisogna pregare. Ma guai a voler rinunciare a capire. Stavoltà la verità è prossima a venire a galla. Perciò sono ore particolarmente insidiose. Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. Non è solo questione di Ior…

  75. Mimma scrive:

    Messaggio dato dalla Madonna a Medjugorje il 2 Luglio 2013 a Mirjana:

    “Cari figli, con amore materno vi prego, donatemi i vostri cuori per poterli offrire a mio Figlio e potervi liberare. Liberarvi da tutto quel male che vi rende schiavi e vi allontana dall’unico Bene, che è mio Figlio, da tutto ciò che vi porta sulla strada sbagliata e che vi toglie la Pace. Io desidero condurvi verso la libertà promessa da mio Figlio, perché desidero che qui si realizzi in pienezza la Volontà di Dio affinché attraverso la riconciliazione con il Padre Celeste, attraverso il digiuno e la preghiera, nascano apostoli dell’Amore di Dio. Apostoli che con l’Amore e con la libertà divulgheranno l’Amore di Dio a tutti i miei figli. Apostoli che diffonderanno un Amore fiducioso nel Padre Celeste e apriranno le porte del Paradiso. Cari figli, date gioia e amore ai vostri pastori e date loro sostegno, come mio Figlio ha chiesto loro di darlo a voi. Vi ringrazio.”

  76. peccatore scrive:

    Molto interessante il messaggio da Maedjugorje.
    Per “liberarci dal male” la verità fa bene.
    Diciamo allora, amando i nostri pastori e pregando per loro, che ce ne sono alcuni “furbi” e altri “polli”. E che il sostegno va dato a tutti indistintamente in qualità di pastori, ma particolarmente ai “polli”, quando rischiano il tiro al piccione.
    Un personaggio sicuramente rivelatosi inadeguato e perciò dannoso è l’attuale Segretario di Stato, il quale è sicuramente “pollo”.
    Quanto sia stato messo in condizioni di cercare di riparare, pasticcio su pasticcio, alle proprie ingenuità e ai propri difetti lo saprà dire la storia.
    Che però qualcuno assai più “furbo” lo abbia cucinato a fuoco lento è innegabile.
    E che adesso pensi di starsene attorno al grill senza pensare di scottarsi le dita è anacronistico…
    Anche in Curia c’è stato chi era troppo abbarbicato al proprio potere: in buonafede non accorgendosi di fare il gioco del nemico e in malafede facendo proprio il contrario di ciò che chiede la Madonna (liberatevi … da tutto ciò che vi porta sulla strada sbagliata e che vi toglie la Pace).
    Preghiamo con la Madonna e affidiamoci al Signore, per assecondare il messaggio:
    “Io desidero condurvi verso la libertà promessa da mio Figlio, perché desidero che qui si realizzi in pienezza la Volontà di Dio” .
    Comunque fare luce sullo ior aiuterà… e cambiare discorso sui blog non servirà.

    • Mimma scrive:

      Carissimo peccatore, dare voce ai messaggi della Madonna su questo blog non ha come obbiettivo cambiare discorso o cercare di occultare il marcio che purtroppo c’è ancora all’interno della Santa Chiesa.
      Dare voce a Lei è dare spazio a mio avviso alla più autorevole delle voci fra tutte dopo quella dello Spirito Santo.
      Preghiamo uniti con l’unica intenzione di portare quante più anime a Dio.

  77. timorato scrive:

    x mimma

    dare voce alla gospa balcanica è dare voce al demonio!

    il demonio che dice 99 cose buone e l’1 % cattive, in modo che con l’alibi delle 99 cose buone dette prima, riesca a far passare come buone quel 1% e cosi riuscire ad attuare il suo inganno!!!

    lei se ne frega assolutamente dell’autorità della Chiesa, quando propaga i diabolici messaggi!!!!!
    i Vescovi del luogo come l’illustre Vescovo esorcista Mons. Gemma hanno proibito di seguire queste false apparizioni!

    lei si traveste di fervente cattolica e propaga il vero male!

    CHE IL SIGNORE LA CONVERTA

    A.M.D.G.

    • gibici scrive:

      Abbia Timore di esagerare! E’ lei che dice che le apparizioni in questione siano opera demoniaca, finora non la gerarchia. Quardi che queste esagerazioni possono veramente essere opera demoniaca.

      • murmex scrive:

        Veramente vari Vescovi,fra cui quelli competenti,si sono pronunciati,quindi perchè non esercitare la virtù cardinale della prudenza?Se le apparizioni sono false,e c’è una fortissima probabilità di questo,sono come tutte le falsità ,opera direttamente o indirettamente demoniaca e sviante;se sono autentiche,non sono comunque necessarie alla salvezza.Perchè non fare una scelta razionale?

  78. mauro scrive:

    Cara mimma,

    l’errore le è famigliare, fa parte del suo DNA. “sono mitici …..” avrebbe dovuto scrivere ma già ha dato dimostrazione che i verbi non sono il suo forte e mi riferisco a Mt 16,18 dove non non sa proprio che “edificherò” è in relazione alla prima persona singolare (io, Gesu’) e non seconda persona singolare(tu, Pietro) con la relativa voce verbale attinente (“edificherai”)

    Forse non sa che esiste anche una morale civile, quella che ha accompagnato l’uomo fin dalla sua comparsa sulla Terra e che la morale religiosa è piuttosto recente ma non ha certo scalzato quella civile in quanto patrimonio naturale ed universale dei popoli.
    Certo che mi piacciono i soldi che ricevo dallo stato tutti i mesi, non vorrà certo che rinuncia alla tanto agognata “pensione”, dopo tanti anni di lavoro, solo per darle ragione. Capisco che a lei facciano schifo e dunque vi rinunci se ne percepisce.

    Si vede lontano un miglio che da tempo è alla frutta per quel attribuire falsità come fossero caramelle regalate ai bambini.
    Oltre allo schermo, di fronte a lei, non c’è un bambino che con qualche caramella si zittisce e nemmeno con due alzate di voce si impaurisce.

  79. timorato scrive:

    x peccatore

    carissimo, mi dispiace moltissimo che la sua cara persona di vero amico della Verità, continui a seguire le falsita della gospa balcanica!
    Lei dice” non è solo questione di Ior”,certmente! Se nella Chiesa di oggi ci fosse più rispetto e considerazione per la Madonna Santissima, non saremmo in questo fango.
    Ma il mistero dell’iniquità, deve svolgere la sua “missione” ed ecco che è normale! le propongo la visione del famoso quanto boicottato Segreto della Madonna de La Salette:

    Attualità del messaggio della Santa Vergine

    IL SEGRETO DE LA SALETTE
    (5/95)

    Il 19 settembre 1846, a Melania Calvat e a Massimo Giraud apparve la Madre di Dio
    L’attualità del messaggio loro trasmesso lascia ancora stupiti.

    Da qualche tempo si sente parlare di statuette della Madonna lacrimanti sangue: l’opinione pubblica, cattolica e non, ne è rimasta turbata o stupefatta.
    Indipendentemente da quelle che possono essere le convinzioni personali su queste manifestazioni, esse inducono a riflettere sul significato che sempre nella storia della cristianità siffatte realtà hanno rivestito.
    Lasciando alle legittime autorità ecclesiastiche il giudizio definitivo sui recenti avvenimenti, osserviamo che, già nel secolo scorso, la Santa Vergine, in apparizioni riconosciute autentiche dalla Chiesa, ha affidato a veggenti messaggi e profezie poi puntualmente verificatesi.
    Qui intendiamo parlare della apparizione della Madonna sulla montagna del La Salette, (paesino del Delfinato, poco distante da Corps, sulla strada tra Grenoble e Gap), perché il messaggio della Santa Vergine è insieme molto attuale e poco noto: la sua diffusione, infatti, fu ostacolata a causa del contenuto, in particolare di quella parte che oggi ci riguarda piú da vicino.

    Il 19 settembre 1846 Melania Calvat, assieme a Massimo Giraud, raccontarono di aver ricevuto un messaggio e un segreto durante una apparizione della Madonna.
    Dal 1860 Melania, poi entrata in religione con il nome di Maria della Croce – Vittima di Gesú, procedette a diverse redazioni del suo segreto, finché ne venne dichiarata autentica una, pubblicata nel 1879 con l’imprimatur del Vescovo di Lecce, mentre l’autorità ecclesiastica francese per qualche tempo non volle concedere il riconoscimento ecclesiastico. Il racconto della apparizione della Madonna a La Salette, (dove oggi sorge un grandioso santuario, meta di una importante processione il 19 settembre di ogni anno), si può considerare, per i nostri scopi, composto essenzialmente di due parti principali.
    Nella prima parte vengono descritti gli avvenimenti che interessarono buona parte dell’Europa di allora, e che si verificarono puntualmente: guerre civili in Francia, (la Comune di Parigi), in Portogallo, (lotte per l’istituzione della repubblica), in Italia, (guerre di Indipendenza); fine del potere temporale dei papi, (breccia di Porta Pia del 1870); carestie; lotte contro la religione, (legge sui frati del governo Cavour, politica ecclesiastica di Gambetta e Ferry in Francia); lassismo morale; decadimento ecclesiastico.
    La seconda parte, (che riportiamo nella sua completezza nelle pagine che seguono affinché ciascuno possa valutare e giudicare in coscienza), è la parte piú discussa del segreto, perché riferentesi alla venuta dell’anticristo ed alla diffusione dell’eresia all’interno stesso della Chiesa.
    Si dice chiaramente nella profezia che Roma perderà la fede e diventerà la sede dell’anticristo.
    Sono parole estremamente gravi, che vanno collegate a quelle che seguono nel messaggio stesso, e cioè alla indefessa sicurezza della vittoria finale del bene sul male, all’invito alla perseveranza nella fede cattolica apostolica romana, all’assistenza continua per gli apostoli degli ultimi tempi.

    La parte di messaggio, che riportiamo, è una traduzione del testo approvato in lingua francese, come riportato nel libro Bénédictions et malédictions, prophéties de la révélation privée di JEAN VAQUIÉ, Dominique Martin Morin Editore, 1987, ISBN 2-85652-094-4, che, a sua volta, fa riferimento a M.CALVAT, L’apparition de la Très Sainte Vierge sur la montagne de La Salette, Imprimatur: Mgr. Zola, Lecce (Italie), 15 novembre 1879, Rome, 1922 (Societé St-Augustin).
    Il libro può essere richiesto a Diffusion de la pensée française, B.P. 1, F-86190 Chiré-en-Montreuil, Francia, e vale la pena di procurarselo per avere il messaggio completo e altre rivelazioni contenute nella corrispondenza della veggente, rivelazioni che qui non possiamo riprodurre.

    ——————————————————————————–

    (omissis)
    …I governanti avranno tutti un medesimo progetto, che sarà di abolire e fare scomparire tutti i principi religiosi per sostituirli con il materialismo, l’ateismo, lo spiritismo, e ogni sorta di vizi.
    Nell’anno 1865 si vedrà l’abominio nei luoghi santi; nei conventi i fiori della Chiesa saranno putrefatti e il demonio diventerà come il re dei cuori.
    Coloro che sono a capo delle comunità religiose si guardino dalle persone che esse devono ricevere, perché il demonio userà tutta la sua malizia per introdurre negli ordini religiosi delle persone dedite al peccato, perché i disordini e l’amore dei piaceri carnali saranno diffusi su tutta la terra.
    La Francia, l’Italia, la Spagna e l’Inghilterra saranno in guerra: il sangue scorrerà per le strade; il francese combatterà contro il francese, l’italiano contro l’italiano, vi sarà poi una guerra generale che sarà spaventevole. Per qualche tempo Dio non si ricorderà piú della Francia né dell’Italia, perché il Vangelo di Gesú Cristo non è piú conosciuto.
    I malvagi userano tutta la loro astuzia; ci si ucciderà, ci si massacrerà reciprocamente perfino nelle case.
    Al primo colpo della Sua spada fulminante le montagne e la natura tutta tremeranno di spavento perché i disordini e i crimini degli uomini trafiggono la volta celeste.
    Parigi sarà bruciata e Marsiglia inghiottita; molte grandi città saranno scosse e inghiottite da terremoti; si crederà che tutto è perduto; non si vedranno che omicidi; non si sentiranno che colpi d’arma e bestemmie.
    I giusti soffriranno molto, le loro preghiere, la loro penitenza e le loro lacrime saliranno fino al Cielo e tutto il popolo di Dio chiederà perdono e misericordia e chiederà il Mio aiuto e la Mia intercessione.
    Allora Gesú Cristo con un atto della Sua misericordia grande per i giusti comanderà ai Suoi angeli che tutti i Suoi nemici siano messi a morte.
    Improvvisamente i persecutori della Chiesa di Gesú Cristo e tutti gli uomini dediti al peccato moriranno e la terra diventerà come un deserto.
    Allora si farà la pace, la riconciliazione di Dio con gli uomini; Gesú Cristo sarà servito, adorato e glorificato; dappertutto fiorirà la carità.
    I nuovi re saranno il braccio destro della Santa Chiesa, che sarà forte, umile, pia, povera, zelante e imitatrice delle virtú di Gesú Cristo.
    Il Vangelo sarà predicato dappertutto e gli uomini faranno grandi progressi nella fede perché vi sarà unità tra gli operai di Gesú Cristo e perché gli uomini vivranno nel timor di Dio.
    Questa pace tra gli uomini non sarà lunga: venticinque anni di abbondanti raccolti faranno loro dimenticare che i peccati degli uomini sono causa di tutte le pene che arrivano sulla terra.
    Un precursore dell’anticristo, con le sue truppe di parecchie nazioni, combatterà contro il vero Cristo, il solo Salvatore del mondo, egli spargerà molto sangue e vorrà annientare il culto di Dio per farsi guardare come un Dio.
    La terra sarà colpita da ogni sorta di piaghe, (oltre la peste e la carestia che saranno dovunque), vi saranno delle guerre fino all’ultima guerra, che sarà allora fatta da dieci re dell’anticristo, i quali re avranno tutti lo stesso progetto e saranno i soli a governare il mondo.
    Prima che ciò succeda vi sarà una specie di falsa pace nel mondo; non si penserà che a divertirsi; i malvagi si abbandoneranno a ogni sorta di peccato; ma i figli della Santa Chiesa, i figli della fede, i miei veri imitatori crederanno nell’amore di Dio e nelle virtú che mi sono piú care.
    Felici le anime umili guidate dallo Spirito Santo! Io combatterò con esse fino a che esse saranno nella pienezza dell’età. La natura chiede vendetta per gli uomini ed essa freme di spavento nell’attesa di ciò che deve arrivare alla terra insudiciata dai crimini.
    Tremate terra e voi che fate professione di adorare Gesú Cristo e che dentro di voi adorate solo voi stessi; tremate perché Dio sta per consegnarvi al Suo nemico, perché i luoghi santi sono nella corruzione, molti conventi non sono piú le case di Dio, ma i pascoli di Asmodeo e dei suoi.
    Sarà durante questo tempo che nascerà l’anticristo da una religiosa ebrea, da una falsa vergine che sarà in comunicazione con il vecchio serpente, il padrone dell’impurità; suo padre sarà Vescovo, nascendo vomiterà delle bestemmie, egli avrà dei denti, in una parola sarà il diavolo incarnato; egli lancerà delle grida spaventose, farà dei prodigi, non si nutrirà che di impurità.
    Egli avrà dei fratelli che, sebbene non siano dei demoni incarnati come lui, saranno dei figli del male; a dodici anni essi si faranno notare per le prodi vittorie che otterranno; presto essi saranno ognuno alla testa degli eserciti assistiti dalle legioni dell’inferno.
    Le stagioni saranno cambiate, la terra non produrrà che frutti cattivi, gli astri perderanno i loro movimenti regolari, la luna non rifletterà che una debole luce rossastra; l’acqua e il fuoco daranno al globo terrestre dei movimenti convulsi e degli orribili terremoti che inghiottiranno delle montagne, delle città.
    Roma perderà la fede e diventerà la sede dell’anticristo. I demoni dell’aria con l’anticristo faranno dei grandi prodigi sulla terra e nell’aria e gli uomini si pervertiranno sempre piú.
    Dio avrà cura dei suoi fedeli servitori e degli uomini di buona volontà; il Vangelo sarà predicato dappertutto, tutti i popoli e tutte le nazioni conosceranno la verità.
    Io rivolgo un appello urgente alla terra; Io chiamo i veri imitatori di Cristo fatto uomo, il solo e vero Salvatore degli uomini; Io chiamo i miei figli , i miei veri devoti, quelli che si sono dati a Me perché io li conduca dal Mio divin Figlio, quelli che Io porto, per cosí dire, nelle mie braccia, quelli che sono vissuti del Mio Spirito; infine Io chiamo gli Apostoli degli ultimi tempi, i discepoli di Gesú Cristo che sono vissuti nel disprezzo del mondo e di loro stessi, nella povertà e nell’umiltà, nel disprezzo e nel silenzio, nella preghiera e nella mortificazione, nella castità e nell’unione con Dio, nella sofferenza e sconosciuti al mondo.
    È tempo che escano e vengano ad illuminare la terra.
    Andate e mostratevi come i miei cari figli; Io sono con voi e in voi purché la vostra fede sia la luce che vi illumina in questi giorni di disgrazia.
    Che il vostro zelo vi renda come gli affamati per la gloria e l’onore di Gesú Cristo.
    Combattete, figli della luce, voi, piccolo numero che ci vedete, perché ecco il tempo dei tempi, la fine delle fini.
    La Chiesa sarà eclissata, il mondo sarà nella costernazione.
    Ma ecco Enoch ed Elia riempiti dello Spirito di Dio; essi predicheranno con la forza di Dio e gli uomini di buona volontà crederanno in Dio e molte anime saranno consolate; essi faranno grandi progressi per virtú dello Spirito Santo e condanneranno gli errori diabolici dell’anticristo.
    Sciagura agli abitanti della terra!
    Vi saranno guerre spaventose e carestie; pesti e malattie contagiose; pioverà una grandine spaventosa di animali; tuoni che scuoteranno le città; terremoti che inghiottiranno paesi; si udiranno delle voci nell’aria; gli uomini batteranno la testa contro i muri, essi chiameranno la morte, da un’altra parte la morte li supplizierà; il sangue scorrerà da ogni parte.
    Chi potrà vivere se Dio non diminuirà il tempo della prova ?
    Dal sangue, dalle lacrime e dalle preghiere dei giusti Dio si lascerà placare; Enoch ed Elia saranno messi a morte; Roma pagana sparirà; il fuoco del cielo cadrà e distruggerà tre città; tutto l’universo sarà colpito dal terrore e molti si lasceranno sedurre perché essi non hanno adorato il vero Cristo vivente tra loro.
    È tempo, il sole si oscura; la fede sola vivrà.
    Ecco il tempo, l’abisso si apre.
    Ecco il re delle tenebre.
    Ecco la bestia con i suoi sudditi, sedicente salvatore del mondo.
    Egli si alzerà con orgoglio nell’aria per andare fino al Cielo; egli sarà soffocato dal respiro di San Michele Arcangelo.
    Egli cadrà e la terra che da tre giorni sarà in continue evoluzioni, aprirà il suo seno pieno di fuoco; egli sarà sprofondato per sempre con tutti i suoi nei baratri eterni dell’inferno.
    Allora l’acqua e il fuoco purificheranno la terra e consumeranno tutte le opere dell’orgoglio degli uomini e tutto sarà rinnovato: Dio sarà servito e glorificato.

    ——————————————————————————–

    Non intendiamo fornire interpretazioni di un testo legato ad espressioni profetiche ed apocalittiche, pienamente intelleggibile solo al momento della sua realizzazione, e nemmeno intendiamo infoltire la schiera dei millenaristi che, soprattutto in àmbito protestante, indicano scadenze precise per la parusia, ma neppure possiamo non interrogarci sul significato di questo messaggio, forse oggi troppo trascurato dalla Chiesa ufficiale, che collima con l’Apocalisse, dove si parla di martiri che rimarranno fedeli alla parola di Dio e che non avevano adorata la bestia e del príncipe delle tenebre che dovrà essere sciolto per un breve tempo, (Apocalisse, XX, 1-10).
    Come sostiene uno dei piú famosi studiosi del settore, il gesuita Ugo Vanni, il riflettere sui messaggi escatologici ci «mette in guardia sia dal disimpegno di un pessimismo inerte, sia dall’illusione di un paradiso in terra […] richiede che ci assumiamo la responsabilità di una fede robusta, la quale, (consapevole come è di collaborare con un Cristo sempre presente e attivo ma trascendente), si sforza di dare il meglio, ma senza pretendere di controllare il risultato». (UGO VANNI, La struttura letteraria dell’Apocalisse, Morcelliana, Brescia, 1980 ).
    Ammonisce l’esortazione evangelica: Ideo et vos estote parati, quia qua nescitis ora Filius hominis venturus est , (Quindi anche voi siate preparati, perché il Figlio dell’uomo verrà nell’ora piú impensata), (Matteo, XXIV, 44).

    Luc de Pollien

    A.M.D.G.

    • Teobaldo scrive:

      Grazie carissimo Timorato per aver postato una pagina IMPORTANTISSIMA della VERA VOCE DELLA SS. MADRE DI DIO!!!!

      Fa piacere rileggerla e sapere che è presente.

      Un caro saluto!!

      • gibici scrive:

        Anche le apparizioni de La Salette non sono state riconosciute come autentiche.

        • timorato scrive:

          x gibici

          è falsissimo che le apparizioni di Nostra Signora de La Salette non sono state riconosciute!!!!

          Sono solo state boicottate perché scomode!!!

          Serva la Verità e si converta, non parli tanto per seminare il dubbio e non insulti per screditare i veri servi della Verità!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

          A.M.D.G.

          • minstrel scrive:

            Allora è chiaro che l’Autorità per lei è lei stesso.
            Va benissimo eh, basta che lo accetti e se ne renda conto.

        • Teobaldo scrive:

          singolare che i protestanti CHE FANNO FINTA DI COMBATTERE i tdg, solo per CONFONDERE e deviare I CATTOLICI DAI VERI PROBLEMI, abbiano a cuore la gospa balcanica…. davvero illuminante!!!

          La Salette non è stata riconosciuta?

          da chi da voi protestanti….e che ci vuole basta dirlo….

          non è una novità, i protestanti di varie risme a fazioni, tutte eresie nate in seno alla religione della sinagoga …

          non credono alla Trasuntantanzione, ai Santi , ai Miracoli, alla MONARCHIA DEL PONTEFICE ….

          ma… ma…. attenzione…. MONARCHIA VALIDA SOLO SE LO STESSO PONTEFICE, e’ IN CONTINUITA’ DOTTRINALE DAL 1 d. C. fino al 1958/60…. anno in cui la SS. Vergine a Fatima ha DATO ORDINE SENZA ESSERE ESEGUITO ….. DI LEGGERE IL 3° SEGRETO ……

          dove avvertiva dell’Apostasia in seno ai vertici della Chiesa….. ma guarda un po’….. prima dell’ annuncio della convocazione del cv2….. ma guarda un po’

          invece la gospa/ satana….. invita alla pace amore unità… di donare alla gospa /satana i cuori a ‘lei’ di modo che ‘lei’ li consegni a suo figlio……. senza MAI DIRE GESU’ CRISTO MIO E VOSTRO SIGNORE…

          NON VI PARE STRANO CHE IN 32 ANNI DI CHIACCHIERE INUTILI…. la gospa nomini poche volte il SACRATISSIMO NOME DI GESU’?

      • murmex scrive:

        Grazie anche da parte mia

  80. Teobaldo scrive:

    RISPONDO alle preposizioni SCISMATICHE ed ERETICHE, circa Infallibilità Papale e COLLEGGIALITA’ di: ‘cherubino’, vincenzo da torino, marino, eremita e gli altri compari alla pari dei tdg, che fanno finta di combattere, per darsi manica di difendere la Chiesa….

    Ora ben sapendo che ciò che sta scritto nella Scrittura e nella Tradizione E’ VERITA’ RIVELATA E MAGISTERO INFALLIBILE, chi va contro anche ad una sola VIRGOLA CON ATTI GESTA E PAROLA, di queste Verità e Magistero Infallibile = Tradizione perenne ed immutabile, è da considerarsi APOSTATA ERETICO e quindi SCISMATICO che significa rottura.

    Tutti indistintamente, hanno scritto che Dio diede il potere di sciogliere e di legare AL PARI DI PIETRO anche agli altri 11 Apostoli, mettendoli così sullo stesso piano di Pietro salvo una piccola differenza di primato di onore, quindi un Primus inter pares (“primo tra i pari”), un rappresentante allo suo stesso livello e con pari dignità, con funzione di coordinamento, ma che i suoi poteri sono vincolati dalla condizione stessa di essere a capo di persone sue pari.
    In base alla Tradizione e alla Sacra Scrittura, quindi un Pietro “primo tra i pari”, è ERESIA insita nelle congregazioni protestanti, derivate dalle dottrine eretiche calviniste, luterane ortodosse/greche e anglicane, come è sempre stato nella storia della Chiesa. Già al Concilio di Sciolan (Francia)nel 650 d.C. vi fu’ la necessità di RIPETERE CHE LA CHIESA NON POTEVA che avere UN SOLO MONARCA e che tutti i vescovi, non potevano avere la pretesa di governare in autonomia la loro diocesi, nessun patriarcato nessun metropolita re, ma subalterno alla Chiesa di Roma sotto il monarca Pietro, PENA LA VERA UNITA’ DELLA CHIESA….. che ovviamente è ben lontana dall’unità massonica uscita dopo il cv2.
    INVECE

    SOLO A PIETRO e ai legittimi Successori di lui,( da S. Pietro in avanti) Gesu’ diede quel sommo potere di sciogliere e di legare. Mt. 16, 18-20

    E io ti dico: TU sei Pietro e sopra questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte dell’ inferno non prevarranno contro di essa. A TE darò le chiavi del regno dei cieli e tutto ciò che TU legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che TU scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli. Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

    ANCORA Gv. 2, 15-17

    Quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: Simone, figlio di Giovanni, mi ami TU più di costoro?. Gli rispose: Certo, Signore, tu lo sai che ti amo . Gli disse: Pasci i miei agnelli. Di nuovo gli domandò: Simone, figlio di Giovanni, mi ami TU?. Gli rispose: Si, Signore, tu sai che io ti amo. Gli disse: Pasci i miei agnelli. Per la terza volta gli chiese, Simone, di Giovanni, mi ami TU?. Pietro s’attristò perché gli aveva detto per la terza volta, mi ami TU ?, ed esclamò Signore, tu sai ogni cosa, tu sai che ti amo . Gli disse Gesù: Pasci le mie pecore.

    Ora è interessante quel “mi ami TU più di COSTORO?” proferito da Gesù, RIVOLGENDOSI ESCLUSIVAMENTE SOLO A PIETRO, perché questa NETTA distinzione, pur essendo apparso ai Discepoli nel mare di Tiberiade e con loro ebbe a condividere il pranzo? Per i Cattolici Apostolici Romani, non deve esserci ALCUN DUBBIO, Gesù, dopo la sua Morte e Resurrezione (e così per la seconda volta) CONFERMA PIETRO, COME UNICO E SUPREMO PASTORE DI TUTTi I SUOI AGNELLI, compresi TUTTI i vescovi.

    Mentre per i protestanti, ortodossi greci di tutti i tempi, allora come oggi questo è il problema……NON VOGLIONO SENTIR RAGIONE, e si arrampicano in mille sconclusionati ragionamenti in perfetto stile e dottrina eretico protestante modernista, vaticano secondista.
    Per COSTORO ( quel costoro che usa Gesù) gli Apostoli altri, avrebbero la pretesa di considerarsi monarchi al pari di Pietro.
    INVECE I VESCOVI vengono confermati solo da Pietro. Chi non riconosce questa VERITA’ di Fede automaticamente si pone fuori dall’Una Santa, quindi diventa ERETICO E SCISMATICO. Ecco che il Dogma Pastor Aeternus pone chiaramente i paletti ai vari galletti del pollaio insiti nella galassia protestante e ortodossa greca e non solo….

    ECCO dove si pone l’ERESIA DELLA COLLEGGIALITA’, scritta nella lumen gentium….. detronizzare Pietro, costituito monarca da Cristo in persona……

    COLLEGGIALITA’ già nell’antica Roma significava al pari di… il modo dell’ esercizio del potere da parte dei magistrati, questi lavoravano sempre in coppia, così che il potere di veto fosse reciproco, ed i due poteri si temperassero a vicenda.

    il Concilio ecumenico di Firenze (1431-144 Basilea- Ferrara- Firenze- Roma), decretò:
    Definiamo, che la Santa Apostolica Sede e il Romano Pontefice tiene il Primato in tutto il mondo , e lo stesso Romano Pontefice è successore di San Pietro PRINCIPE degli Apostoli vero Vicario di Gesù Cristo, è Capo di tutta la Chiesa, è Padre e Tutore di tutti i Cristiani e ad esso in S. Pietro fu dato da nostro Signore Gesù Cristo PIENA POTESTÀ’ DI PASCERE , REGGERE e GOVERNARE LA CHIESA UNIVERSALE , come definito negli Atti dei Concili ecumenici e nei Sacri Canoni.
    Dunque Il Papa è al di sopra di tutti i Prelati dispersi nel mondo, e anche se vi fosse l’unione di tutti i prelati, questi insieme non aumenterebbero il loro potere, giacché la podestà Ecclesiastica è immediatamente da Dio e immediatamente al Papa è comunicata da Dio e mediante il Papa è comunicata alla Chiesa ed ai Prelati.
    Il Papa ha giurisdizione sopra TUTTA la Chiesa e le chiese sparse nel mondo, giurisdizione legislativa, punitiva e coercitiva.
    Il Signore fondò la sua Chiesa su S. Pietro in UNA Cattedra SOLA, quella di Pietro, Cristo ha formato l’origine e il fondamento della VERA UNITA’ dei fedeli.

    S. Cipriano nelle sue Epistole, scrive; “Dio è UNO, UNO è Cristo, UNA è la Chiesa, e UNA LA CATTEDRA sopra S. Pietro fondata colla voce del Signore. Altro altare non può costituirsi nè ALTRO SACERDOTE NUOVO al di fuori di UN ALTARE e di UN SACERDOTE.”
    S. Cipriano sempre nelle sue Epistole affermò che Papa S. Cornelio disse: “Pietro, SOPRA CUI dal medesimo Signore era stata edificata la Chiesa” il Santo Papa Martire indicò nel libro dell’ Unità della Chiesa queste parole: “ Il Vescovado è UNO, di cui ciascuno solidamente è tenuta una parte.”

    Queste parole sono state intese dagli Avversari( greci, calvinisti luterani ecc..) come se i vescovi avessero pari dignità di potestà, ma questo è ingiurioso, eretico e scismatico.

    Non si può dedurre dalle citate parole, che in questo Vescovado non sia UNO che tenga le parti tra il Collegio dei Vescovi e che sopraintenda tutti; anzi non sarebbe UNO il Vescovado, se non avesse l’origine della sua unità PER UNA PERSONA, capo supremo di tutti i Vescovi, i quali tutti sono soggetti, e devono ubbidire al Capo UNICO, e SUPREMO di tutta la Chiesa: e questa dipendenza di tutti i membri da UNO mirabilmente conferisce all’ UNITA’ del corpo intero della Chiesa, così come la dipendenza di tutte le Chiese particolari, che sono parti della Chiesa universale da UNA PRINCIPALE che è la ROMANA, così tutti i Vescovi e Sacerdoti , che tengono le parti del Vescovado.

    Papa S. Cornelio scrivendo a Fabio Vescovo di Antiochia intorno a Novaziano, che aveva avuto ardire d’ invadere il Pontificato Romano, dopo averlo egli validamente, e legittimamente occupato disse: “Esser necessario, che sia UN SOLO Vescovo nella Chiesa Cattolica” UNO è il Vescovo della Chiesa Cattolica che è quel di Roma la Chiesa non farebbe UNA, se non avesse UN solo Vescovo, che le sia fondamento e origine dell’ UNITA’.

    Dopo aver dato una rispolverata dottrinale, che pensare della COLLEGGIALITA’?

    L’ha voluta Cristo come ripetono i vari protestanti di ogni risma e fazione, presente in questo blog oppure bene fa chi ad essa, da Cattolico Apostolico Romano si oppone? Da questo si riconosce chi è VERO CATTOLICO APOSTOLICO ROMANO.

    Dogmi e Dottrina dicono di si, e i papi postconciliari, che hanno messo in pratica la collegialità come si pongono di fronte ai decreti infallibili circa il Primato Petrino?

    Possono costoro, dirsi in continuità con la Sacra Scrittura e la Tradizione? NO!!!

    Un papa può proclamare errori/ ERESIE? Gesù ha promesso assistenza al re della sua Chiesa, Pietro e i suoi successori fino alla fine dei tempi…. Ma non ha detto che questo non potrà mai accadere….il termine prevarranno significa NON AVRANNO L’ULTIMA PAROLA…..

    Chi può dire che in futuro, questo non possa succedere considerando che i papi postconciliari automaticamente seguendo i documentacci usciti dal cv2, hanno rotto=SCISMA con la Tradizione dei loro predecessori riguardo, MONARCHIA e potestà suprema affidata ad ogni successore di Pietro?

    Così come l’ecumenismo, la libertà religiosa… quindi chi può essere certo che questi, con deliberato consenso volendo continuare la strada che li ha condotti in rottura=scisma con la Tradizione, siano ancora assistiti al pari di coloro che queste eresie vecchie e sempre nuove, le avevano condannate?

    Chi può dire, che i papi postconciliari a partire da GXXIII, (con decreto di PVI) i quali HANNO DEPOSTO IL TRIREGNO, siano ancora MONARCHI DELLA CHIESA FONDATA DA CRISTO?

    Il Triregno, la Corona Reale, donata dall’Imperatore Costantino a Papa S. Silvestro…e da allora, SIMBOLO INEQUIVOCABILE E QUINDI diventato DOGMATICO per Rivelazione e Tradizione……

    Se questi papi postconciliari, saranno ugualmente assistiti dallo Spirito Santo, questo sarà solo per LA MISERICORDIA DI DIO…. Per eretico che sia un papa, il dogma dell’infallibilita’ resta intatto, ma se il papa non decidesse di definire, nelle condizioni di rottura con la Tradizione potrebbe anche proporre al gregge delle eresie.

    Bene ma, considerando che i papi postconciliari hanno rotto con la Tradizione e sono divenuti Primus inter pares (“primo tra i pari”) deponendo la Corona Reale voluta da Cristo per i suoi Pietro….potrebbe egli proporre al gregge delle eresie, pur avvalendosi del Primato che con la collegialità egli stesso ha rifiutato?

    PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA DELLA CHIESA, ABBIAMO DUE PAPI …. E sempre per la prima volta nella Storia della Chiesa, abbiamo un vescovo di Roma che dice e manifesta collegialità e sinodalità spinta all’ennesima potenza …. lui è uguale a tutti i presenti nella piazza, ha detto mercoledì scorso…..

    LE PORTE DEGLI INFERI NON PREVARANNO …. Significa che se anche dovesse sedere sul trono di Pietro satana, la bestia NON POTRA’ prendere la supremazia….verrà fermato prima…. E con ciò non prevarrà.

    nemmeno i Santi DI TUTTI I TEMPI, hanno mai immaginati una cosa del genere …. solo la S. Vergine a La Salette e a Fatima, ci ha messo in guardia da questa apocalisse consumata all’interno del Sacro ed UNICO Ovile, con a capo il Monarca Coronato del Triregno ……

    Ai Cattolici Apostolici Romani, è obbligo ancorarsi al Catechismo di S. Pio X e studiare la Storia della Chiesa, leggere le Encicliche e gli Atti di Tutti i Concili Dogmatici….. scoprirete così gli impostori!!

    La Santissima Vergine a Fatima, ci mise in guardia…. L’APOSTASIA salirà sino ai vertici della Chiesa …mentre la gospa balcanica che si spaccia per la S. Vergine, parla di pace amore unità….. il catechismo di satana, che parla di pace invita alla pace, quando il mondo è in guerra con Dio…. Invita alla pace, quando pace non c’è… il compito della gospa/satana è quello di addormentare le coscienze.

    APOSTASIA = abiura, rinnegamento, ripudio, defezione gli stessi ingredienti insiti negli ‘insegnamenti’ del cv2 portati avanti a tutta birra, dai papi postconciliari, in particolari da quest’ultimo!!!

    La voce del Buon Pastore …… ha detto Gesù…… le SUE pecorelle sapranno riconoscerla……

    • Cherubino scrive:

      Le sue lenzuolate servono solo a non far accorgere degli errori che dice.
      Lei confonde Sacra Scrittura, Tradizione e Magistero. Soprattutto quando dice che tutta la Tradizione è Magistero infallibile. Ora anche i bambini sanno ormai che il Magistero può essere infallibile (quello straordinario del papa e quello ordinario universale), ordinario, autentico (che è comunque non erroneo).

      Quindi non tutta la Tradizione è infallibile, anche se tutta la Tradizione non è erronea nelle cose di fede e di morale.

      Il suo catechismo è sbagliato e serve solo ad impressionare i non informati e a far credere che voi siete i difensori della Chiesa, invece volete essere semplicemente i padrini della Chiesa.
      Per fortuna però essa ha pastori in grado di svelare i vostri giochini e ad impedire le vostre rapine. Fellay e i suoi amici se ne sono accorti amaramente.

      • murmex scrive:

        Cherubino,la sua ignoranza(nel senso etimologico)è veramente abissale al pari di quella di Mimma .TRADIZIONE e s.SCRITTURA SONO LE DUE FONTI DELLA RIVELAZIONE

    • Cherubino scrive:

      “Chi può dire, che i papi postconciliari a partire da GXXIII, (con decreto di PVI) i quali HANNO DEPOSTO IL TRIREGNO, siano ancora MONARCHI DELLA CHIESA FONDATA DA CRISTO?
      Il Triregno, la Corona Reale, donata dall’Imperatore Costantino a Papa S. Silvestro…e da allora, SIMBOLO INEQUIVOCABILE E QUINDI diventato DOGMATICO per Rivelazione e Tradizione”

      Sa che lei ha dei seri problemi ? E da quando nel Credo diciamo “credo nel Triregno …” ?
      Le spara talmente grandi che ci si potrebbe scrivere un libro di barzellette. Ci pensi, farebbe un sacco di soldi !

      • Teobaldo scrive:

        …….. poveraccio del ‘cherubino’ suvvia cambi spiritello….. …

        cominciamo:

        1) Il TRiregno ABIURATO dai papi postconciliari, è un atto di ROTTURA= SCISMATICO, inoltre ho sottolineato che ABIURARE il Simbolo del Triregno, nel dizionario = APOSTASIA…. la stessa DENUNCIATA dalla Santissima Vergine a Fatima……

        Il Simbolo del Triregno E’ MAGISTERO INFALLIBILE nel frattempo divenuto TALE, in quanto CREDUTO E ACCETTATO DA TUTTA LA CHIESA UNIVERSALE PER SECOLI E SECOLI precisamente 1647 anni …..

        IL RIFIUTO ha comportato L’INIZIO DEL RIFIUTO DEL PRIMATO DI PIETRO, con ciò scontrandosi e quindi contro IL DOGMA PASTOR AETERNUS!!! Andare contro significa non accettare e NON ACCETTARE il Dogma significa divenire eretici!!!!

        lE sue pirlate stanno a zero e l’accostamento delo Triregno con il Credo è una BUFFONATA …..

        le sbrodaglie protestanti insite nel vostro cv2 per divenire INFALLIBILI DEVONO aspettare 1647 anni …dove TUTTA LA CHIESA universale crede e professa….. ma siccome prima di allora VERRA’ IL PADRONE DELLA MESSE…. state pur certi voi modernisti summa di tutte le eresie…. che non vedrete compiersi il vostro miserabile progetto di distrugere la Chiesa….. ARRIVERA’ IL PADRONE DELLA MESSE…..

  81. timorato scrive:

    x teobaldo

    Grazie di cuore che il Signore La protegga!

  82. Lt scrive:

    Dialogo sabotato, giorno dopo giorno, con dilagare di aria mefitica di falsi problemi, suscitati ad arte dai MISTIFICATORI, ben lieti di depistare ogni seria ricerca di verità:

    è ormai diventata insopportabile l’arroganza di una falsa cattolica (& colleghi artisti di confusione) che si permette di accusare a casaccio i bloggers di “eresia”, senza MAI dimostrarne i fondamenti, solo per demolire interlocutori e dialogo, per calpestare i “rivali”, anche con begli epiteti tipo
    “pazzo, pallone gonfiato, fatti un TSO, scervellato ecc.” (in perfetta aderenza ai moniti del Vangelo “chi dice pazzo a suo fratello merita la geena”)
    mentre lei -con toni di untuosa devozione di facciata- infesta lo spazio quotidiano del blog con le sue sceneggiate di confutazioni a Sal, ottimi DIVERSIVI, che le fanno molto COMODO per rendere il blog illeggibile circa gli argomenti GRAVI E GRAVISSIMI riguardanti l’ora presente della Chiesa, che è di fitta tenebra, nel crollo inarrestabile degli ultimi “bastioni” del cattolicesimo (v. primato petrino) travaglio inenarrabile del Corpo Mistico, di fronte al quale i TdG sono l’ULTIMO dei problemi.
    Solo gli sciacalli possono divertirsi a seminare confusione, alimentando un simile stucchevole TEATRINO DI FINTE confutazioni, mentre la Casa brucia, e la linea di fuoco che avanza non risparmia neanche gli eletti (penso soprattutto al povero A. Socci, cattolico di così bella intelligenza, ora in preda ad abbagli colossali, da alcuni anni…)

    iN REALTà
    Stanno DENTRO la Chiesa i suoi nemici peggiori, e qui alcuni scriteriati continuano a lanciare polvere agli occhi dei lettori, per addormentarli coi falsi problemi, come i Tdg, che se la ridono semplicemente osservando il crollo dell’Edificio bimillenario, dovuto ai picconatori INTERNI, ai gruppi di potere posti “in alti seggi”, ED ANCHE in piccoli circoli diocesani e parrocchiali, confortati da “promozioni e sostegni dall’alto” !

    Dagli amici mi guardi Iddio, che dai nemici mi guardo io !

    • gibici scrive:

      @Lt
      guardi che e’ lei con i suoi colleghi subito sopra che fa il troll in questo sito di cattolici con le sue geremiadi pseudotradizionaliste, ripetitive, lunghe e incomprensibili.
      Stimo Mimma che mi sembra avere dieci volte la sua cultura e la sua capacita’ logica.

      • Teobaldo scrive:

        @gbc

        HA DECRETATO IL (G)ran (B)ugiardo (C) alvinista luterano….

        ossia il qui, onnipresente povero gbc…..onnipresente come i tdg, che voi fate finta di combattere….in realtà state facendo a loro a voi una grande pubblicità….

    • Mimma scrive:

      @gibici
      Grazie gibici per la stima, ciò che non capiscono è che si sono trincerati dietro alla strenua difesa di un passato che non appartiene più alla Chiesa e che il tempo che viviamo è da gestire nell’incontro e nell’accoglienza dell’altro chiunque esso sia che pure è parte integrante del creato.
      Non capiscono che il messaggio evangelico è stato indirizzato a TUTTI e che TUTTI sono chiamati all’accoglienza dell’Amore crocifisso offerto da Cristo.
      Non capiscono che le contestazioni continue e interminabili contro il Magistero della Chiesa non solo li rendono eretici , ma ne rivelano una assoluta mancanza di fiducia nello Spirito di Dio che da sempre la guida e la governa.
      Come si può ben comprendere si arrogano un diritto di giudizio che va oltre l’Onnipotenza di Dio.

      • Teobaldo scrive:

        ciò che non capiscono è che si sono trincerati dietro alla strenua difesa di un passato che non appartiene più alla Chiesa

        ————

        BESTEMMIE PROTESTANTI proferite senza vergogna da coloro che si spacciano per cattolici.

        La VERA UNITA’ della Chiesa è insita nei Concili, nei Documenti, del PASSATO ….CHE SONO LA VERA CHIESA CATTOLICA APOSTOLICA ROMANA!!!

        La Vera Unità della Chiesa è il Sovrano Pontefice con la Corona (Triregno)….. UNO il Pastore, UN solo Ovile …..

        i papi postconciliari grazie al cv2 HANNO DEPOSTO IL TRIREGNO, hanno IMPOSTO le ereie della colleggialità, della libertà religiosa di coscienza, e l’ecumenismo.

        http://www.fatima.org/it/crusader/cr79/cr79pg57.asp

        …da leggere attentamente !!!!

      • timorato scrive:

        x mimma

        la Chiesa non ha ne passato ne futuro, ma solo Eternità, se si “accorge” sempre del Suo Divino Fondatore, del Suo Divino ed unico Capo!!!

        il Messaggio evangelico -come lo chiama la sua eresia (più che provata) non è stato dato affinché servisse il Filantropismo di matrice massonica che lei serve e che vuol
        passare come detto da Cristo!
        Nostro Signore è più fondamentalista e radicale di noi tutti,quando si tratta di zelare la Gloria del Suo Nome e della Sua Casa!

        Vediamo se ha il coraggio di rispondere alla mia domanda!

        Dove le ha messo quelle pagine di Vangelo che mostrano un Cristo esigente e rigoroso, in cantina?

        A.M.D.G.

        • gibici scrive:

          La sua domanda? Quella con i punti esclamativi?
          Se e’ cosi’, ne faccia una alla volta se ha il coraggio. Naturalmente sarebbe meglio se invece di fare domande, andasse a studiare la risposta, che e’ stata data moltissime volte, sia in lungo sia in breve.
          E la smetta di dire sciocchezze con la presuntuosa conclusione AMDG.

  83. peccatore scrive:

    Bene Lt: sembrano “contro” tra di loro, ma vanno d’accordo nell’impedire di stare a tema… Basta non crederseli, ora l’uno ora l’altro, a supporto della Tradizione, della Gospa o del Concilio: a loro interessa che non si vada a snidare il serpente. Finchè quello sta nella tana che li garantisce, si può far finta di chiacchierare…

    • gibici scrive:

      Vale anche per lei quanto detto a Lt. Siete voi i troll. Andate sui vostri blogs o, se intervenite su questo, fatelo con correttezza.

      • timorato scrive:

        x gibici

        stima mimma? forse per tutti gli insulti che ci ha lanciato?

        Noi saremmo i troll, e da dove si evince ?

        Ah, sicuramente dal fatto che riportiamo alla luce la Tradizione della Chiesa, sempre riscontrabile dai suoi sommi documenti e che lei e i componenti la ciurma protestante non gradite, per ovvie ragioni, perché: vi smascherano!

        A.M.D.G.

        • gibici scrive:

          Caro Timorato,
          certo che non stimo gli insulti, e anche con voi ritengo che un dialogo sarebbe possibile ed utile. Ognuno vede i difetti dell’altro, forse per questo ha l’impressione che le accuse vengano principalmente da voi: i papi e noi saremmo eretici, protestanti, modernisti, massoni, le apparizioni di Medjugorie degradate a manifestazioni demoniache, ecc. Questi sono gli insulti minimi (accidenti!) che ci lanciate ad ogni intervento. Mi sembra che se non si cambia metodo e’ inutile chiudere sempre in gloria, AMDG.

          • Teobaldo scrive:

            Quindi ……ricordare le VERITA’ di fede che SMASCHERANO, eretici, protestanti, modernisti, massoni, le apparizioni di Medjugorie ….per questi personaggi, SIGNIFICA INSULTARE?

          • timorato scrive:

            x gibici

            “….nulla possiamo contro la Verità ” dice San Paolo; la gente come lei che giocano -con dati di fatto- a fare le vittime e/o fare discorsi ambigui e a lanciare insulti in maniera subdola, mi dica: che familiarità ha con la Verità?

            E poi quale dialogo vuole instaurare quello che ci deve portare a dar ragione alle bestemmie storiche e teologiche di gente di parte?

            RISPONDA ALLE DOMANDE E NON GIRI COL SOLITO CERCHIOBOTTISMO!

            A.M.D.G.

          • gibici scrive:

            Siete completamente incapaci di portare qualsiasi argomento:
            per la cosa piu’ stupida, cioe’ l’accusa di insultare, ho richiamato le vostre pesanti e assurde accuse, ma per voi e’ solo dire la verita’.
            La verita’ e’ che vi comportate da idioti.
            Buona giornata, ma andatevene con i vostri simili, Teobaldi senza cultura, Timorati del fischio, Lt la prefica dei minestroni mistici.

        • minstrel scrive:

          sicuramente dal fatto che riportiamo alla luce la Tradizione della Chiesa, sempre riscontrabile dai suoi sommi documenti e che lei e i componenti la ciurma protestante non gradite

          Sorry, ma io non ho mai visto uno straccio di fonte dai vostri scritti. Piuttosto mi è sempre sembrato che vi si risponde con tanto di note bibliografiche. Note che, naturalmente, voi non accettate perché spesso (NON SEMPRE e quando succede silenzio tombale…) derivanti da tomi successivi al Vaticano II.
          E allora andate ad Econe e tanti saluti, no?

          • Teobaldo scrive:

            ahahhahaha

            perchè il minestrone e compari….che note hanno messo finora?

            link link link di discutibili gruppetti che si mettono a fare i teologi….. secondo la visione distorta del cv2….

            il minestrone quindi…..non guarda al contenuto….no, lui guarda alle note.

            Lei, mio caro non conosce ciò che implica una seria ricerca storico culturale….. con ciò abbiamo detto tutto….il blog, non è una tesi il blog è un luogo di discussione, dove si possono cogliere notizie tutte da verificare… e ciò che scrivo sono VERIFICATE….

          • minstrel scrive:

            Me lo provi!
            Perché lei per me non ha nessuna credibilità.
            Nes
            su
            na.
            Lo dimostri oppure è tutto, al solito, un commento ad hominem e come tale inutile.
            Non l’avevo già scritto?
            Mah, mi sbaglierò…

  84. Lt scrive:

    la Tradizione non è un partito, o una new di calcio o varia attualità “esterna” alla Chiesa, tal che possa essere argomento OT, e sia quindi rilevante o NON-rilevante parlarne !
    Quando si Parla di Chiesa cattolica si torna sempre alla Tradizione, che è, con la Scrittura, UNA DELLE DUE FONTI DELLA RIVELAZIONE.
    Quindi, se la Chiesa oggi ci mostra il suo spaventoso declino MORALE (pedofilia e scandali finanziari), ingravescente dal cv2 in poi, ciò è dovuto al suo degrado iniziato con la devastazione della Liturgia, sotto il nome di “riforma”, evento nefasto MAI accaduto in 19 secoli, come bene mise in luce il card. Ratzinger
    prima nel 1971 e il teologo Joseph Ratzinger – che pure era stato un uomo del Concilio – denunciò l’immane disastro “progressista” del post Concilio, indicando a chiare lettere la grave responsabilità di tanti Vescovi:
    “In base a queste istanze (progressiste), anche a dei Vescovi poteva sembrare ‘imperativo dell’attualità’ e ‘inesorabile linea di tendenza’, deridere i dogmi e addirittura lasciare intendere che l’esistenza di Dio non potesse darsi in alcun modo per certa (…). Per questo sono certo che si preparano per la Chiesa tempi molto difficili. La sua crisi vera e propria è solo appena cominciata”. E infatti la crisi è divampata e a farla esplodere è stato innanzitutto l’attacco alla liturgia che della Chiesa è il cuore.
    Da cardinale tutore della fede, nel 1997, Ratzinger scriveva:
    “sono convinto che la crisi ecclesiale in cui oggi ci troviamo, dipende in gran parte dal crollo della liturgia”.
    Tale devastazione è un’AUTODEMOLIZIONE, inevitabile quando si demoliscono le fondamenta di UN EDIFICIO, caro peccatore: crolla tutto, come Lutero ben sapeva.

    Non dimentichiamo dunque:
    Lex orandi -lex credendi – lex vivendi.
    Questa sequenza è sempre verificata, da 50 anni in negativo.

    E’ inutile pensare che il papa possa usare il “bisturi” per risolvere, a livello di piaga PERIFERICA, quel che è l’ESITO ultimo (dopo lunga catena di cause-effetti ) di un male remoto, le cui CAUSE prime non si vogliono affatto curare: l’abbandono della Tradizione e lo stravolgimento della Liturgia, voluto, promosso e portato alle estreme manifestazioni di de-sacralizzazione per poter attuare il falso ecumenismo del concilio, che vuole realizzare l’UNITA’ universale della religioni, quella fraternité massonica delle credenze messe tutte alla PARI: FALSE = VERA !
    Ha capito ora peccatore, qual è la meta finale dell’ecu-massonica unione delle variegate credenze ?
    e si renda conto di quanto essa sia favorita dalla gospa, filo-mondialista, che NON VEDE DIFFERENZE tra le religioni, anzi raccomanda il rispetto verso tuttel, come da cv2 !

    La gospa, col suo glissare sulleVerità eterne e sul grave declino ecclesiale, è la negazione vivente ed eloquente (=tacente) della Madonna di Fatima, Quito, Lourdes e La Salette; e di tutte le apparizioni in cui Ella ha parlato del suo Cuore Immacolato, (cosa mai sentita a Medjugorie).

    Infine ricordo ciò che diceva S. Kolbe:
    L’ecumenismo è il nemico dell’Immacolata
    pensi un po’:
    proprio quella è la direzione in cui va (e ci porta) questa chiesa conciliar-ecumenista, che procede nell’abbattimento dei dogmi fondanti del cattolicesimo, in vista della fraternità mondiale, (come Assisi docet): quella contraria all’Immacolata, tanto che vuole festeggiare Lutero nel 2017; vede peccatore che bella coerenza cattolica ? e la gospa tutta contenta, non fa parola alcuna della protestantizzazione in atto da 50 anni, nè riferimento alle sue parole gravissime dette nel 1917 (e anni segg a suor Lucia) circa l’auto-demolizione della Chiesa; ma continua con i suoi intrattenimenti scialbi e inconsistenti a farci da passatempo-diversivo….mentre la Casa brucia la gospa ci canta la ninna-nanna:
    occhio non vede cuore non duole.

    • gibici scrive:

      Lt
      Che cosa diceva Kolbe? la chiesa conciliare-ecumenista? Ma quando l’ha detto? profetizzava il concilio?
      Si spieghi un po’ meglio.

      • Teobaldo scrive:

        la crassa ignoranza dei novi ovi evangelizzati, pro medjugorie, pro colleggialità, pro ecumenismo ecc………di scuola protestante….

        S. Kolbe…. NON ha nominato espressamente la chiesa conciliare…ma BENSI’ ha fatto di meglio, ha NOMINATO L’ERESIA della chiesa conciliare….

        S. Kolbe…. NON MI PARE , fosse in vita, quando venne convocato il cv2…..

        • minstrel scrive:

          E’ Santo per Giovanni Paolo II o sbaglio? Ma non era già in piena eresia la Chiesa allora? E allora perché Kolbe deve essere Santo se è Santo per una Chiesa eretica?
          E ancora: si rende conto che l’ecumenismo nei primi del ’900 significava praticamente sincretismo? Ovvio che lo si bocci, come lo si boccia da sempre, come l’ha bocciato il Vaticano II e sempre si boccierà.
          Ma l’ecumenismo del CVII non è sincretismo, ne un suo lontano parente come già si discusse e dimostrò in altri interventi.

          • Teobaldo scrive:

            E ancora con sta storia….. se il GPII, ha proclamato Santi, persone VERAMENTE SANTE… significa che la chiesa postconciliare è in continuità con la Preconcilare…. ma guarda un po’ l’accozzaglia protestante dove si appiglia….

            1) si da’ il caso che anche un PESSIMO PAPA, può decidere di fare cose giuste…raramente ma lo può fare…. così come satana, per guadagnare gli stolti e cechi, sa’ perdere un poco per poi guadagnare molto di più.

            2) La causa di beatificazione di S. Kolbe, così come quella si S. Emmerich, erano cominciate prima che il GPII, firmasse il decreto di approvazione sulla Santità.

            E il minestrone pare, dimenticare che GPII, ha sfornato una miriade di nuovi Santi… con ciò, perchè lasciar fuori proprio coloro che già avevano tutti gli attributi per essere tali?

            E il minestrone, pare dimenticare, che il GPII, ha cambiato le regole per la santità… ha dimezzato il numero di Miracoli che prima erano necessari…. con ciò per S. Kolbe e S. Emmerich, stando alle nuove regole ne avevano facoltà….

            suvvia minestrone ….faccia il serio….

          • Teobaldo scrive:

            si rende conto che l’ecumenismo nei primi del ’900 significava praticamente sincretismo? Ovvio che lo si bocci, come lo si boccia da sempre, come l’ha bocciato il Vaticano II e sempre si boccierà.

            Ma l’ecumenismo del CVII non è sincretismo, ne un suo lontano parente come già si discusse e dimostrò in altri interventi.

            ———–

            questa POI E’ DA INCORNICIARE…. mai sentita una BESTEMMIA COSì grossa!!!

            povero minestrone taizeniano…. ella dimostra di essere stato, ‘educato’ DA CATTIVI MAESTRI protestanti, che come da prassi, vanno in giro a predicare, bestemmie storiche e dottrinali….. e come un leone ruggente, va in cerca chi divorare!!!

          • minstrel scrive:

            Teobaldo dimostra di essere il Papa di sé stesso (come è che si chiamano quelli lì?! osti, non ricordo ora…) e di saper confutare solo ad hominem, cioè è incredibilmente capace di produrre il nulla.
            Mia mal.

            Rimetto le fonti della mia affermazione. Fonte naturalmente che sua santità teolbaldo non può accettare, pena il decadimento della sua autorità terrena. Capissciammé

            “Il movimento ecumenico nasce agli inizi del XX secolo fuori della Chiesa cattolica. Nel 1948 si giunge alla creazione in Amsterdam del Consiglio Mondiale delle Chiese (WCC), a cui però non prende parte la Chiesa cattolica in ragione della scorretta ricerca dell’unità da questi perseguita. Con la creazione del Segretariato per l’Unità dei Cristiani (1960) da parte del b. Giovanni XXIII cambia l’atteggiamento di reticenza verso questo movimento e, in qualche modo, lo sforzo di unità perseguito, sorto «per grazia dello Spirito Santo», è “recepito” nel Vaticano II. Dice infatti il proemio di Unitatis redintegratio (UR) n.1:

            «Ora, il Signore dei secoli, il quale con sapienza e pazienza persegue il disegno della sua grazia verso di noi peccatori, in questi ultimi tempi ha incominciato a effondere con maggiore abbondanza nei cristiani tra loro separati l’interiore ravvedimento e il desiderio dell’unione. Moltissimi uomini in ogni dove sono stati toccati da questa grazia, e tra i nostri fratelli separati è sorto anche per grazia dello Spirito Santo un movimento che si allarga di giorno in giorno per il ristabilimento dell’unità di tutti i cristiani. A questo movimento per l’unità, che è chiamato nuovamente ecumenico, partecipano quelli che invocano la Trinità e confessano Gesù come Signore e Salvatore, e non solo presi a uno a uno, ma anche riuniti in comunità, nelle quali hanno ascoltato il Vangelo e che essi chiamano la Chiesa loro e la Chiesa di Dio. Quasi tutti però, anche se in modo diverso, aspirano a una Chiesa di Dio una e visibile, che sia veramente universale e mandata al mondo intero, perché questo si converta al Vangelo e così si salvi per la gloria di Dio».

            b) C’è un passaggio/sviluppo significativo rispetto alla Mortalium animos di Pio XI (1928), giustificato non solo in ragione di una nuova situazione storica creatasi ma dello stesso desiderio, vivificato da Dio, di giungere all’unità visibile di tutti i cristiani. J. Feiner (in LTK 13,42) definisce questa nuova percezione ecumenica un asserto di fede perché fondato sulla grazia. Condivisibile o esagerato?

            C’è da notare però che il riconoscimento dell’azione dello Spirito Santo, che muove i cuori nella ricerca della visibile e piena unità di quelli che sono fuori della Chiesa cattolica, era già presente nell’Istruzione del S. Uffizio, De motione oecumenica del 20.12.1949. Questa Istruzione si rallegrava del desiderio di verità e di ritorno all’unità di molti dissidenti, desiderosi di essere uno con i discepoli del Signore.

            Pio XI, comunque, metteva in guardia dal pericolo che quel modo di adunarsi acattolico scadesse in una visione “pancristiana”, in cui, intenti ad unire le Chiese, si cercava una carità a danno della fede rivelata circa l’unità e l’unicità della Chiesa. Immediatamente prima e poi col Vaticano II, invece, mantenendo ferma la professione dell’unica Chiesa costituita da Cristo, si intraprende la via del dialogo, che con una nuova metodologia teologica dovrà trovare nuove strade per ricucire la ferita nella comunione ecclesiale. Cosa lodevolissima ma non facile. Un accento importante è posto sulla preghiera e sulla conversione dei cuori per superare il vero nemico della divisione che è il peccato.

            c) Chiaramente cambia la prospettiva ecumenica: si passa da una visione del “ritorno” dei dissidenti, a volte concepita teologicamente in modo statico e bloccante, allo sforzo per l’unità delle Chiese e delle comunità separate. L’accento con Lumen gentium (LG) si sposta da una visione personale a una comunitaria grazie alla riscoperta della Chiesa locale. Si avrà un passaggio di conseguenza dal De membris al De populo Dei. Questo sarà salutato in campo ecumenico come superamento dell’ecumenismo dallo stile unionistico o del ritorno degli scismatici all’unica Chiesa di Cristo per andare verso l’unità nella comunione dell’unica Chiesa.

            L’ecumenismo, basato essenzialmente sul dialogo, sul confronto dottrinale e esperienziale, ha però un diverso approccio. Da parte cattolica si ricerca la piena comunione visibile di tutti i battezzati nell’unica Chiesa di Cristo, la Chiesa cattolica, riconoscendo la pluralità degli statuti ecclesiali e una molteplicità di elementi ecclesificanti o di santificazione e di verità. Da parte non cattolica invece si ricerca la comunione e l’unità visibili, che però non sono già date o già esistenti – altrimenti annullerebbero, a loro dire, la stessa necessità del dialogo – ma da ricercare e conseguire insieme mediante il confronto e uno spirito di collaborazione. Per i non cattolici – ahimè sovente e superficialmente anche per alcuni cattolici – l’unità (della Chiesa) è da ri-costituire. Ciò che manca talvolta è una chiara distinzione tra unità della Chiesa, quale sua proprietà o nota essenziale e imperdibile, e unità dei cristiani ferita dalle scissioni. L’ecumenismo si occupa solo di quest’ultima.”

            Lanzetta, Serafino M., L’ecumenismo e il Concilio Vaticano II. Risultati e problemi aperti, h**p://www.conciliovaticanosecondo.it/articoli/lecumenismo-e-il-concilio-vaticano-ii-risultati-e-problemi-aperti/, 21 gennaio 2013

          • Teobaldo scrive:

            da spiaccicarsi dalle risate…. sicchè l’ha detto il lanzetta …l’ecumenismo di oggi, non è sincretista…ma il lanzetta che appertiene ai francescani dell’ Immacolata…. dove ha studiato, dove ha appreso il suo ‘sapere’?

            Sempre più chiaro chi siano questi tradimodernisti…..che ovviamente hanno firmato accettato e quindi si sono sottomessi ai documentacci del cv2…. ibridi tra protestanti e pseudo tradizionalisti….

            Il lanzetta, come lo spiega l’ecumenismo ‘puro’ buono ottimo del cv2, agli incontri raccappriccianti di Assisi, dove ogni sorta di rito pagano si è compiuto nelle stanze appositamente destinate ai rappresentatnti delle false religioni li presenti?

            Vada a raccogliere pomodori e si prepari un buon minestrone…..

            poveri noi…..

            dica al suo lanzetta che impari a memoria, senza purghe moderniste la MORTALIUM ANIMOS di Papa Pio XI e ancor prima che si impari A MEMORIA , la HUMANUM GENUS di Papa Leone XIII.

          • minstrel scrive:

            Così parlò papa teobaldo! Augh!

            Naturalmente senza argomenti e senza fonti, ma amen. Chi sono io per contraddire l’unico vero papa possessore della verità tutta intera?

          • Teobaldo scrive:

            perchè minestrone, la MORTALIUM ANIMOS di Papa Pio XI e la la HUMANUM GENUS di Papa Leone XIII, per lei minestrone NON SONO FONTI AUTOREVOLI?

            con ciò sarebbe più ‘autorevole’ un lanzetta?

            ecco il taizeniano dei miei stivali…alla riscossa

            taizeniano, = appartenente alla comunità protestante di taizè……

            altro pseudo movimento che raccoglie protestanti e novi ovi evagelizzati…..

            di cui è grande estimatore un certo teleradio imbonitore megiugoriano certo fanzaga!!!

          • minstrel scrive:

            Non è autorevole la sua lettura di quei documenti. Anzi non ha nessuna credibilità la sua lettura.
            nes
            su
            na

            non l’avevo già scritto?

          • Teobaldo scrive:

            minestrone ho capito bene?

            la MORTALIUM ANIMOS di Papa Pio XI e la la HUMANUM GENUS di Papa Leone XIII, per lei minestrone NON SONO FONTI AUTOREVOLI?

            ma bravo il taizeniano….bravo protestante!!!!

            si occupi di qualcos’ altro invece di ciarlare inutilmente!!!!

          • minstrel scrive:

            minestrone ho capito bene?

            Assolutamente no, come al solito.
            Le encicliche sono autorevolissime, la sua lettura fondamentalista e lesiva della Tradizione assolutamente no.
            In primis perché smentita dai fatti (CVII), poi dagli studiosi (vedi Lanzetta che non è magistero, ma è certo più autorevole di lei ai miei occhi) in ultimo perché la sua opinione è totalmente insignificante vista l’assenza di credibilità dei suoi scritti.
            Salutammo.

          • Teobaldo scrive:

            Le encicliche sono autorevolissime, la sua lettura fondamentalista e lesiva della Tradizione assolutamente no.

            ———
            sicchè il minestrone, dice che leggere così come SONO STATI EMANATI I DOCUMENTI , è fare lettura fondamentalista…. senta protestante dei miei stivali, non è CERTO lei la persona AUTOREVOLE, ne ciò che posta, a rendere più autorevoli I DOCUMENTI AUTOREVOLI PRECONCILIARI, punto primo!!!

            2)
            In primis perché smentita dai fatti (CVII), poi dagli studiosi (vedi Lanzetta che non è magistero, ma è certo più autorevole di lei ai miei occhi) in ultimo perché la sua opinione è totalmente insignificante vista l’assenza di credibilità dei suoi scritti.

            ————
            smentita dal cv2 pastorale? Lanzetta e chi come lui, che di peggio c’è il povero Cantoni, (quello delle cantonate pro megiugorie per intenderci e assoluzione del cv2 ) sono e sarnno autorevoli, quando NON INTERPRETANO, ma quando RIBADISCONO CIO’ CHE I DOCUMENTI HANNO EMANATO.

            e vada a leggersi topolino o il signore degli agnolotti…..invece di ciarlare inutilmente!!!

            NESSUNO può INTERPRETARE, i documenti già emanati…sono già chiari e sigillati….che poi a voi protestanti conciliaristivaticanosecondisti e per di più taizeniani….non siate d’accordo, a me sinceramente non me ne po’ fregà de meno!!!!

          • minstrel scrive:

            E’ più che lecito per lei pensare che io non sia autorevole.
            E’ più che lecito per me sorridere ad ogni suo apoftegma gratuito poiché le sue opinioni sono totalmente irrilevanti.
            Io ho fornito quello che ho fornito, se lei non è in grado di sfruttarlo non posso certo farneme una colpa.

  85. Lt scrive:

    accoglienza dell’altro chiunque esso sia….

    accoglienza de che ? de chi ? dove ? come ?
    a casa tua accogli chi ti pare, e come ti pare, ma nella Chiesa i nemici di Cristo non si accolgono, a meno che NON SI CONVERTANO, COL SANTO BATTESIMO, e diventino figli di Dio, rinati in Cristo Gesù !

    quando mai nella Chiesa sono entrati cani e porci, a devastare l’ovile sbranando gli agnelli ?
    ah già……… cerchiamo ciò che ci unisce! allora ecco precisiamo, l’eLEMENTO DI UNIONE quale sia: SOLO il peccato originale unisce gli uomini nella “comune umanità”, quella natura di essere PECCATORI perchè figli di Adamo; ma finchè non siamo rinati in Cristo NELLA CHIESA CATTOLICA, e per mezzo della Grazia santificante, restiamo solo creature, perdute, destinate alla dannazione a causa di Adamo ! salvo “desiderio del Battesimo” che non si sa però da chi venga inculcato, se non ci sono più Apostoli di fatto, ma solo DIALOGANTI CHE CONFERMANO NEGLI ERRORI e nei falsi culti.
    altrimenti spiegate perchè Gesù Cristo ha detto:

    Andate predicate BATTEZZATE, FATE DISCEPOLE TUTTE LE GENTI, insegnando loro AD OSSERVARE ciò che vi ho comandato.
    Chi crederà e SARA’ BATTEZZATO SARA’ SALVO, chi non crederà sarà condannato

    E spiegate perchè S. Paolo dice:
    “Guai a me se non evangelizzassi!”

    Ma oggi si falsificano alla grande queste divine parole, cercando “nuove ” e disoneste interpretazioni, impugnando la Verità conosciuta, a fini masso-mondialisti, per accogliere il regno della Bestia che verrà, uguagliando tutti i nati da donna (senza gender precisato) nella massima bestialità umana pensabile (v. leggi pro gay e aborto > peggio delle bestie, che normalmente generano i cuccioli, li curano e li ALLEVANO, non li uccidono nel grembo materno!)
    Oggi si pretende di evangelizzare dicendo agli uomini : rimanete pure bestie come siete, anzi peggio che potete…..il Signore vi ama così COME SIETE, non cambiate, perchè ha “fatto tutto Lui”, lasciatevi cullare, animali tra altre specie, senza cercare di migliorarvi con la Grazia, se no…..sareste “superbi” a voler coltivare virtù cristiane incomprensibili (i Santi SONO DEL PASSATO!): via libera a tutti gli istinti, comuni e non comuni col massimo esponenente ! pecca fortiter….e Lutero stravince.

    Questa gente cari Timorato e Teobaldo, non capisce più che cosa sia la
    COMUNIONE DEI SANTI:
    CHIESA TRIONFANTE
    CHIESA PURGANTE
    CHIESA MILITANTE
    E parlano di passato, non credono che i Santi (comprese anime purganti) sono vivi in mezzo a noi, PREGANO CON E PER NOI, NELLA SANTA MESSA,
    e poi vengono a sproloquiare di “Gesù vivo”…..ma de che !
    costoro rinnegatori della Chiesa bimillenaria che ha forgiato i Santi,
    credono che Gesù abbia buttato via il passato, 2 millenni di santità e fedeli suoi servi e testimoni (anche col SANGUE) nella discarica dei nostalgici bigotti ideata da noi retrò:
    come se Egli non fosse Dio, Eterno Presente, e i Santi viventi in eterno con Lui, quindi PRESENTI NELLA CHIESA, che è mistero trascendente, (non PARTITO POLITICO, che debba aggiornarsi di continuo) accolti nella gloria per la loro conformazione a Lui ! altro che passato.
    Gesù ridotto a un leader social-futurista, grande sovversivo innovatore, che vive alla giornata (adeguato all’uomo moderno), rinnega il passato e rifiuta la Tradizione, il pilastro della Verità rivelata insieme con la Scrittura: quindi nega il proprio essere Dio che E’ che ERA e che VIENE !

    • timorato scrive:

      x Lt

      OTTIMO! OTTIMO!OTTIMO!

      Si degni la Regina dei Martiri e Madre dei veri Cristiani, Maria Santissima Addolorata,di convertire questi sventurati nemici della Chiesa che non hanno capito niente !
      La ringrazio immensamente per i suoi “santissimi” interventi!

      un saluto

    • Teobaldo scrive:

      Gesù ridotto a un leader social-futurista, grande sovversivo innovatore, che vive alla giornata (adeguato all’uomo moderno), rinnega il passato e rifiuta la Tradizione, il pilastro della Verità rivelata insieme con la Scrittura: quindi nega il proprio essere Dio che E’ che ERA e che VIENE

      ———–

      Infatti COSTORO, rinnegano la storia della Chiesa, tacciano chi quella Storia e Memoria difende, ….ma la fanno rivivere come ai loro bei vecchi tempi….

      E’ SOLO CONOSCENDO LA STORIA che si riconoscono i FALSI PROFETI gli impostori…..

      la folla inferocita scelse barabba, …. COSTORO si aspettavano ……..

      un leader social-futurista, grande sovversivo innovatore…..

      • gibici scrive:

        E’ perfettamente superfluo che vi acclamiate a vicenda nella vostra cecita’, piena di ripetute sbrodolature e di stucchevoli insulti.

        Trolls incapaci di dialogo e forse di pensare.

        • Teobaldo scrive:

          da che pulpito il povero gbc …… osa pontificare…. uno che basta scorrere indietro e leggere i vari 3d….. ci ci potrebbe formulare un dizionario, di insulti ed umiliazioni, lanciati contro chi difende la Tradizione….

          troll protestanti, che si assurgono il diritto di insegnare ai Cattolici Apostolici Romani, come essere tali….

    • murmex scrive:

      Minstrel,l’unico vero ecumenismo è quello del “ritorno”di coloro che si sono separati dalla Chiesa Una,Santa,Cattolica,Apostolica.Se così non fosse,noi mentiremmo quando recitiamo il Credo (ma forse lei non lo recita),il Credo sarebbe fallace perchè afferma che la Chiesa è UNA,mentre se fosse formata di comunità(mi rifiuto di chiamarle chiese)separate sarebbe in realtà smembrata.Prego confutare nel merito,.Questo dell’ecumenismo come è ora inteso,è appunto uno di quei casi in cui il Vat. II ha preteso di innovare (pastoralmente)la dottrina perenne

      • minstrel scrive:

        Legga Lanzetta che ho qua riportato e avrà le risposte.
        Nessuno dice che il CVII non ha creato delle questioni che sono ancora aperte, ma questo non significa che sia da rigettare o sia erroneo, pena il decadimento della Tradizione perenne tutta!

        • murmex scrive:

          Minstrel,il conc.vat.II.,PASTORALE quindi NON DOGMATICO,non ha affermato Verità’ di Fede(tranne quelle chew lo erano già).Su questo non ci piove.PIU MODESTO,l’ha definito Benedetto XVI.Che abbia aperto questioni nuove,questo è vero,purtroppo.Infatti ha sostituito,nelle menti dei fedeli, delle serene,incrollabili certezze,con dei problemi e delle ambiguità;non per niente il Papa ha dovuto parlare di ermeneutica(insieme di regole per l’interpretazione di qualcosa),sforzandosi di utilizzare L’ERMENEUTICA DELLA CONTINUITA’,ma non riuscendo a portarne le prove neppure lui che è un fine teologo.Quindi la Tradizione(=VERITA’) non c’entra assolutamente niente.L’insegnamento conciliare ,se lo vuole accogliere,lo accolga così com’è:un insegnamento pratico,per sua natura privo della garanzia della Verità,transeunte,e ormai datato.

          • murmex scrive:

            Padre Lanzetta,con tutto il rispetto,non esprime magistero.E il dato incontrovertibile è che nessun Papa ha osato suggellare con la sua autorità petrina le eretiche novitànonostante le suppliche rivoltegli,e nonostante questo ,se fosse stato fatto(ma è chiaro che Gesù Cristo ha voluto difendere il suo mistico Corpo,impedendolo)avrebbe risolto tutti i problemi ermeneutici

          • minstrel scrive:

            Si, ma restando nella sua metodologia non vedo dove contrasti con la Tradizione a questo punto il CVII.

          • Teobaldo scrive:

            lei non lo vede minestrone?…. certo!!!

            se ha detto che la la MORTALIUM ANIMOS di Papa Pio XI e la la HUMANUM GENUS di Papa Leone XIII, non sarebbero autorevoli……

            e la smetta di parlare di lettura e interpretazione dei documenti preconciliari….. I DOCUMENTI PER ESSERE TALI, non hanno bisogno di essere interpretati….ma lei con chi crede di avere a che fare, con degli idioti?

            Chi afferma che il Magistero Preconciliare debba essere reinterpretato o interpretato, COMMETTE UN ABUSO ed è persona non credibile già in partenza!!!!

          • minstrel scrive:

            I DOCUMENTI PER ESSERE TALI, non hanno bisogno di essere interpretati

            Ermeneutica mia, portami via. Con questa affermazione, che riporto in fondo in grassetto di nuovo per farla vedere a tutti, dimostra il suo grado di compentenza.
            Totalmente Irrilevante.

            I DOCUMENTI PER ESSERE TALI, non hanno bisogno di essere interpretati

            buahahha

        • murmex scrive:

          MINSTREL,restando nella “mia metodologia”(veramente mi rifaccio all’ allocuzione di GIOV.XXXIII,è lui che ha voluto imprimere la forma “pastorale”)il conc. non ha potuto modificare nella sua essenza la dottrina perenne(non l’avrebbe ovviamente potuto fare neppure se fosse stato dogmatico come tutti gli altri,ma l’avrebbe potuta approfondire come succede agli organismi in crescita che rimangono sempre se stessi)che rimane intatta nel deposito della Fede,anche se taciuta e contraddetta,però il problema c’è ed è enorme: gli errori vengono subdolamente divulgati nella PRASSI(liturgia,predicazione,pubblicazioni,arte ecc.)

          • Cherubino scrive:

            il beato Giovanni XXIII non ha impresso alcuna forma pastorale al Concilio Vaticano II. Mi citi il decreto o la bolla, il motu proprio, o altro documento che abbia la dovuta forma necessaria per cambiare il codice di diritto canonico che non prevede alcuna distinzione tra Concili ecumenici.

    • murmex scrive:

      Per Minstrel,che vedo scrivere in toni più pacati anche su Chiesa e post conc.vorrei che lei mi spiegasse qual è l’interpretazione fondamentalista(presumo che voglia dire errata,se volesse dire “che si adegua ai fondamenti” sarebbe solo un complimento),di cui accusa Teobaldo,e quale invece quella giusta,di questa proposizione:[è uno dei principali errori dell'età nostra affermare che]“è libero ciascuno di abbracciare e professare quella religione,che colla scorta del lume della ragione avrà riputato essere vera”.O anche di Questa.Oppure , di questa:[è uno dei principali errori che ]“gli uomini nell’esercizio di qualsivoglia religione possono trovare la via dell’eterna salute” .O anche di questa:[ è errore dire che]” almeno si ha a ben sperare della eterna salvezza di tutti coloro che non sono nella vera Chiesa di Cristo”.Questi errori ,insieme ad altri,sono comunemente propagati dai pulpiti in questo periodo post conciliare,e sono stigmatizzati in un documento che gode dell’infallibilità,per la presenza della sue 4 condizioni,documento ripreso dal Magistero successivo e costante,quindi infallibile anch’esso.Minstrel,è lei che non cita le fonti,a meno che non vogliamo considerare fonte magisteriale lo stimabile P.Lanzetta(nemmeno il Papa parla autorevolmente quando lo fa da dottore privato) che comunque penso voglia affermare che comunità RITORNATE IN PIENO ALLA CHIESA CATTOLICA,possano conservare la ricchezza di tradizioni,usanze,riti,che non contrastino con la Fede cattolica(gli anglicani della chiesa alta hanno per es.un rito molto più bello e dignitoso del N. O.,sarebbe una crudeltà dopo la conversione,imporgli il rito riformato.Peccato che lo stesso caritatevole riguardo non sia stato usato per i Cattolici,investiti dallo tsunami distruttrice)

  86. Lt scrive:

    IN una parola, i catto-modernisti, allattati al mitico concilio21,

    non credono nell’ALDILA’ e nella sua serietà:
    MORTE-GIUDIZIO-INFERNO-PARADISO.

    si son fatti una religione a modo loro, che non prevede premi e castighi.
    Tutta centrata-schiacciata sull’aldiqua:
    facciamo un girotondo, che abbracci tutto ilmondo
    (we are the world…..we are the children)
    che sarà di là ?……..boh, poi si vedrà, no problem. Chi vuol esser lieto sia…

    e ci credo che fiorisce la corruzione, a tutti i livelli, civili sociali, ecclesiali,
    iniziando da bambini a non credere più alle Verità eterne, insegnate fino al 1960 senza variazioni ed “evoluzioni”!

  87. peccatore scrive:

    wow…

    fuoco di sbarramento e sorvoli minacciosi sulla Bosnia Erzegovina…

    vengano sIORre e sIORri, al circo si replica con saltimbanchi, elefanti e tanti pagliacci!

    (PS: Segno di nervosismo?).

    • Teobaldo scrive:

      egregio peccatore la sua IORironia lascia il tempo che trova….

      segno di inequivocabile gospo nervosismo?

      se non è in grado di capire la gravità della pseudo apparizione bosniaca, a che pro la sua amara ironia?

      che forse, la sua comparsata, getti discredito a chi GIUSTAMENTE SI OPPONE alla gospa/satana da lei tanto ammirata?

      Non credo affatto, anzi….. dimostra che i seguaci della gospa balcanica sono cechi e sordi….. non posso dire muti, perchè la propaganda del fanzaga, oramai ha raggiunto livelli inaccettabili!!!

      che mi dice delle voci i corridoio, dove pare che il frate scelto per annunciare al mondo intero, i pseudo segreti….tale Petar….forse non sarà più lui ad avere tale ‘onore’?

      che mai dirà ai suoi figliolini la gospa balcanica? ….che dirà?

      siamo tutti in attesa…… dopo 32 anni di chiacchiere INUTILI, deve ancora arrivare il 1° dei dieci ‘segreti’…… e il 3° il più bello, l’indistruttibile …..che fine ha fatto?

      e la pergamena…… che mai ci sarà scritto? la pseudo veggente….. ha NEGATO LA COMMISSIONE DI ESAMINARLO…..

      e i peccatori AUMENTANO……

      p.s. ora capisco, il suo malessere contro Bertone ….. colui che HA AVUTO IL CORAGGIO malgrado, egli stesso non brilli per virtù…. di andare contro la gospa…. idem per Mons. Gemma Esorcista…. offeso, odiato umiliato dai medjugoristi….

      • framp scrive:

        “…se queste cose non sono da Dio, come altre avvenute, non datevi pena si sgonfieranno da sole… ma fate attenzione, state attenti che non vi capiti di mettervi contro contro all’Immacolata.”

        Troppa sicurezza Teobaldo, troppa spavalderia e troppa convinzione basata su poco. A fronte di alcuni “illustri”citati ce ne sono decine e decine altri che la pensano diversamente…. conviene la prudenza e lasciar fare a chi di dovere che di sicuro riuscirà a far emergere la verità.
        Poi ne riparleremo.
        saluti
        framp

        • Teobaldo scrive:

          Troppa la sua sicurezza e spavalderia ….caro framp…

          quella che lei chiama spavalderia e convinzione basata sul poco….. sono, cose così note, denunciate non solo dai VESCOVI DEL LUOGO e Cattolici, ma pure da atei…tanto sono ridicole e fallaci…… e aggiungo anche …tanto ai nemici della Chiesa se la ridono, questo è per loro oro colato…..

          Quì non si tratta, più di aspettare con prudenza( de che?) dopo 32 anni siamo sempre punto e a capo ….intanto il Sacro Edificio crolla….le evidenze sono palesi!!!

          I nemici della Chiesa, se la godono e se laridono….. e par di sentirli…. quanto idioti sti cattolici……

          si, la sua framp è troppa spavalderia e sicurezza, nell’accreditare prudenza ad una pseudo apparizione ..

          • framp scrive:

            tutto ciò è palese e chiaro e scontato ma solo nella sua testa. Io non le ho detto che darei la vita per sostenere la tesi opposta alla sua, le ho ricordato solamente che c’é una commissione che sta lavorando ormai da quasi 2 anni e ciò vuol dire anche che la questione tanto semplice e chiara non è altrimenti tutto (se fosse così chiaro come lei sostiene) sarebbe già concluso da mò!! e con questo la risaluto e chiudo
            framp

          • Teobaldo scrive:

            tutto ciò è palese e chiaro e scontato ma solo nella sua testa.

            ——–

            e ancora insiste……. ma perchè non si fa una capatina nel sito della diocesi di Mostar e legge ciò che ha pubblicato i Vescovi preposti?

            mi faccia il piacere……

  88. giovannino scrive:

    Vorrei ringraziare i commentatori che si beccano insulti , frizzi e lazzi da personaggi inqualificabili , sia geovani sia pseudotradizinalisti , ma non lasciano passare tutte le falsità e le menzogne che infestano ormai il blog , un tempo più leggibile , di Tornielli.

    • timorato scrive:

      x Giovannino

      il probema è che lei parla ma non li confuta mai le cosidette falsità, sarebbe lei il vero tradizionalista?

      Di quale tradizione, quella delle insalate russe?

      • Teobaldo scrive:

        sparisce un certo gbc e riappare un’altro che di nome fa giovannino…..

        stesso ‘acume’ protestante…stesse parole…stesse accuse…stessa pseudo moralità rivolta ai cd.tradizionalisti…sia l’uno che l’altro accusano chi difende la Tradizione di essere dei pseudo tradizionalisti…come se egli il giovannino….che ha come padre spirituale un ex prete sposato, potesse conoscere la Tradizione….

        ridicoli impostori ……

      • minstrel scrive:

        Faccia una domanda, precisa, e poi vedrà che le si risponde.
        Anche se, mi creda, non servirà a nulla.

        • Teobaldo scrive:

          minestrone caro… e queste ‘risposte’ sareste voi, appartenenti alla ‘tradizione’ protestante coloro ai quali, tutti dovremmo pendere e attingere?

          ma vada a raccogliere i pomodori suvvia….. rendono il minestrone, molto saporito sa?

  89. vincenzo da torino scrive:

    @Teobaldo. In risposta la suo post delle 15,17. Premesso che ha una grande confusione sul concetto di Tradizione e di Magistero, imputa ai cattolici di ritenere il primato di Pietro solo “primus inter pares” che è degli ortodossi. Quindi dice una falsità plateale , frutto di una sua personale interpretazione deduttiva. Lei stoltamente o per ignoranza sospetta dimentica di citare Mt 18, 15-20 dove il “legare e sciogliere è indirizzato a tutti gli Apostoli e dove Pietro non è neppure nominato. La conferma viene da S. Paolo in Corinti 7, 10-16. S. Paolo dice ” Agli sposati poi ORDINO…” giustificando questo comando in altre parti con “anch’io ho lo Spirito di Dio”. S. Paolo autonomamente applica il “sciogliere e legare” perché convinto che da vescovo possa farlo. Non si sa se il tutto sia stato concordato con gli altri Apostoli e Pietro. Di certo agisce in prima persona con imperio senza riferimento alcuno ad altri.
    Va sempre ricordato che il sacerdozio viene direttamente da Gesù e riferito ai soli dodici Apostoli, non da Pietro come dovrebbe essere in una monarchia, con il conferimento dei tre poteri già espressi in misura uguale ed indipendente, salvo lo “sciogliere e legare” che deve essere, quando la gravità della decisione lo richiede, collegiale con Pietro garante ultimo della fede e dottrina a cui va l’approvazione o no. La storia dei Concili lo dimostra ampiamente con l’espressa richiesta della maggioranza prima del pronunciamento definitivo da parte del papa. Negare la collegialità episcopale è vera Eresia ed antistorico. Se si mettesse di impegno a capire quanto io, nel mio piccolo, Cherubino ed altri cercano stanno tentando di metterla nella retta via, farebbe meno figuracce. Invece le piace seguire la faziosità dei siti della Fraternità di PioX ed altri, e rimane bellamente impapocchiato… e sismatico. Contento lei. Me ne dispiaccio…

    • Teobaldo scrive:

      Lei stoltamente o per ignoranza sospetta dimentica di citare Mt 18, 15-20 dove il “legare e sciogliere è indirizzato a tutti gli Apostoli e dove Pietro non è neppure nominato

      ___________

      Ecco chi è lo stolto e l’ignorante….uno che prende una parte del Vangelo che RIGUARDA IL CAPITOLO del perdono Cristiano e lo assoggetta a ciò che da scismatico e protestante vorrebbe far credere e poi caro da torino…. S. Pietro non è nominato? ….. ah! si è nominato al versetto n.21….

      RIPETO LEI STA RIPETENDO CIO’ CHE NEI SECOLI, han sempre detto gli AVVERSARI scismatici greci, sin dai primi secoli della chiesa…poi sono arrivati i loro amici protestanti… accumunati dallo stesso prurito…essere pari a S. Pietro!!!

      SOLO A PIETRO e ai legittimi Successori di lui,( da S. Pietro in avanti) Gesu’ diede quel sommo potere di sciogliere e di legare. Mt. 16, 18-20

      E io ti dico: TU sei Pietro e sopra questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte dell’ inferno non prevarranno contro di essa. A TE darò le chiavi del regno dei cieli e tutto ciò che TU legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che TU scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli. Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

      ANCORA Gv. 2, 15-17

      Quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: Simone, figlio di Giovanni, mi ami TU più di costoro?. Gli rispose: Certo, Signore, tu lo sai che ti amo . Gli disse: Pasci i miei agnelli. Di nuovo gli domandò: Simone, figlio di Giovanni, mi ami TU?. Gli rispose: Si, Signore, tu sai che io ti amo. Gli disse: Pasci i miei agnelli. Per la terza volta gli chiese, Simone, di Giovanni, mi ami TU?. Pietro s’attristò perché gli aveva detto per la terza volta, mi ami TU ?, ed esclamò Signore, tu sai ogni cosa, tu sai che ti amo . Gli disse Gesù: Pasci le mie pecore.

      Ora è interessante quel “mi ami TU più di COSTORO?” proferito da Gesù, RIVOLGENDOSI ESCLUSIVAMENTE SOLO A PIETRO, perché questa NETTA distinzione, pur essendo apparso ai Discepoli nel mare di Tiberiade e con loro ebbe a condividere il pranzo? Per i Cattolici Apostolici Romani, non deve esserci ALCUN DUBBIO, Gesù, dopo la sua Morte e Resurrezione (e così per la seconda volta) CONFERMA PIETRO, COME UNICO E SUPREMO PASTORE DI TUTTi I SUOI AGNELLI, compresi TUTTI i vescovi.

      Mentre per i protestanti, ortodossi greci di tutti i tempi, allora come oggi questo è il problema……NON VOGLIONO SENTIR RAGIONE, e si arrampicano in mille sconclusionati ragionamenti in perfetto stile e dottrina eretico protestante modernista, vaticano secondista.
      Per COSTORO ( quel costoro che usa Gesù) gli Apostoli altri, avrebbero la pretesa di considerarsi monarchi al pari di Pietro.

      lei è uno di questi COSTORO!!!

      Invece di ciarlare datevi pena di studiare i documenti che la Chiesa Cattolica Apostolica Romana, HA EMANATO A PROPOSITO….

      se non le piace, se a lei non sta bene che UNO SOLO E’ IL MONARCA, si vada a lamentare con Cristo ….. che SOLO A S. PIETRO HA DETTO DI PASCERE I SUOI AGNELLI….

      la colleggialità NON ESISTE NELLA CHIESA CATTOLICA APOSTOLICA ROMANA ne’ mai è ESISTITA , sino al pastorale cv2 ed è CHIARAMENTE UN’ERESIA!!!

      Ci sono stati FIOR di Concili Dogmatici e non, che lo hanno RIBADITO … chi sia il SOLO MONARCA della Chiesa Cattolica Apostolica Romana…..quindi chi commette peccato di scisma?

      • vincenzo da torino scrive:

        @Tante parole da esagitato per ridire le stesse cose e capirci poco. Il concetto di monarchia è un abuso dialettico. La collegialità dei vescovi in unione con il papa non è ne monarchia né democrazia, per essere chiari. Se il papa fosse monarca assoluto lo avrebbe fatto Gesù, ma così non stato. Il primato petrino non è equiparabile in nessun modo alla monarchia. Infatti la storia della chiesa dimostra chiaramente che il papa ha usato poco il suo privilegio di giurisdizione la plenitudo potestatis. Un altro esempio si è avuto con papa Leone nel concilio, ma la norma è che il papa governa con i vescovi tramite i Concili, poiché la potestà dei vescovi deriva direttamente da Gesù. Lo Spirito aleggia sul Concilio e sul papa.
        Le ho citato il versetto è lei ironizza stupidamente. Forse è meglio anche per lei che si dedichi a qualcosa in cui è meglio ferrato… Poi, si faccia la sua chiesa come è successo ai conservatori del Vat I. E farà la loro fine. Si è letto il sito citato da Mimma? Ne faccia tesoro. A volte siete veramente patetici oltre ad arroganti. Lo ripeto: non vi va il Concilio e i papi post conciliari. Togliete il disturbo senza frignare troppo. Tanto la Chiesa non torna indietro,per fortuna e voi rimarrete in eterno scismatici se non vi pentite. Questi sono gli unici fatti che contano.

        • Teobaldo scrive:

          senta da torino ….la faccia corta….

          che lei capisca niente questo è chiaro….. lei è uno che, come tutti i protestanti passati presenti e futuri, andranno sempre a ribadire lo stesso concetto…..

          andranno sempre a selezionare come ha fatto lei, quelle parti di Vangelo che fanno al caso vostro….non è una novità.

          La Chiesa Cattolica Apostolica Romana, NON A CASO ha dovuto nel corso di quasi 2000 anni RIBADIRE SEMPRE GLI STESSI CONCETTI…. questo perchè quelli come lei, protestanti e quindi scismatici, hanno portato avanti e quindi INFETTATO LA SOCIETA’ CRISTIANA di bestemmie storiche e dottrinali….

          LE RIPETO

          la COLLEGGIALITA’ all’interno della Chiesa è sempre stata trattata da ERESIA , fino al cv2 E’ SEMPRE STATA COMBATTUTA …… vuoi vedere che, il cv2 è l’unico concilio valido, tanto da CANCELLARE 2000 anni di DOTTRINA CATTOLICA sul PRIMATO DI PIETRO?

          lei è un medgiugoriano e da ciò si evincono molte cose…. quanto a ferrato in materia di Fede e di Dottrina ….. guardi a se stesso e pensi alla sua congrega …non ho bisogno che lei venga ad insegnare a me le VERITA’ DI FEDE ne’ tantomeno la Dottrina Cattolica!!!!

          stia bene…..

          • Mimma scrive:

            ….Quanta umiltà eccellenza!

          • Teobaldo scrive:

            la papessa protestante e le allucuzioni interiori ovvero …. la papessa protestante nel meglio dei suoi istinti tribali….

            poveraccia…….

          • Mimma scrive:

            …che carità cristiana eccellenza!

          • Teobaldo scrive:

            eh si vede che la papessa è abituata a parlare dal pulpito……

            i sepolcri imbiancati…sono vivi e vegeti…..

          • vincenzo da torino scrive:

            @Teobaldo. Vedo che ha perso completamente il controllo dei nervi e del… cervello…e sragiona.E’ meglio che si riposi! Io protestante? E’ lei che protesta contro il Concilio e la chiesa, pertanto di certo protestante è lei. Io non accetto nulla del protestantesimo che sia contrario alla dottrina della chiesa romana apostolica ed il papa. Non sa più cosa inventarsi. Si può sempre sollazzarsi con il veleno che proviene dai siti tradizionalisti-lefevriani e così poco a poco ne rimane intossicato senza scampo. Perché non cerca qualcosa di valido ad esempio su http://www.papalepapale, dove può confrontarsi e…salvarsi? Un consiglio da chi cerca sinceramente il suo bene, se vuole. Sappia che non pretendo di essere un esperto né un teologo, ma mi impegno con onestà intellettuale a conoscere la dottrina cattolica per me innanzitutto e se serve anche per alcuni del blog. saluti

          • Teobaldo scrive:

            senta da torino….si rilassi lei che ne ha bisogno, io son tranquillissimo mio caro…..

            come le ho già detto, le sue ‘perle’ protestanti e i suoi discorsi, non mi interessano…

            ha voluto insistere sulla colleggialità senza sapere cosa in realtà sia…anzi dopo averglielo spiegato più volte, ha parato estrapolando una parte di Vangelo come da prassiprotestante, per far dire a Gesù quello che voleva lei….. tra l’altro roba vecchia che risale ai tempi delle numerose diatribe che l’Una Santa Cattolica Apostolica, ha dovuto combattere sin dall’inizio….

            con ciò stia sereno…. e si metta il cuore in pace…. da giorni imperversa attaccando destra e manca….sforzandosi di mostrare un pseudo self controll

          • Marino scrive:

            Ora ben sapendo che ciò che sta scritto nella Scrittura e nella Tradizione E’ VERITA’ RIVELATA E MAGISTERO INFALLIBILE, chi va contro anche ad una sola VIRGOLA CON ATTI GESTA E PAROLA, di queste Verità e Magistero Infallibile = Tradizione perenne ed immutabile, è da considerarsi APOSTATA ERETICO e quindi SCISMATICO che significa rottura.

            Ma vede che le cose le sa signor Teobaldo? Allora perché continua ad esporre un’originale e personalissima dottrina sulla tradizione? Perché quella di cui scrive lei è tradizione, non Tradizione. Non esiste, ripeto, non esiste Tradizione se questa non è in linea con il Magistero della Chiesa di cui il detentore è il vescovo di Roma. Apostata, eretico e scismatico vada a dirlo alla FSSPX.
            Collegialita non significa detronizzare il Papa. Cosa glielo fa credere? Ripeto, il suo concetto di tradizione è molto originale, ma non è la Tradizione.
            Il primato petrino è un ruolo, la collegialità è un altra cosa. Non si confondano. Ora se non vi è l’obbedienza a Pietro, non esisterebbe alcuna collegialità. Al contrario l’esercizio di Pietro potrebbe resistere da solo. Fin qui ci siamo mi pare. Ma è assolutamente evidente che la collegialità viene confermata dalla presenza stessa di Pietro e dalla sua professione di fede.

          • minstrel scrive:

            Come mai quando Vincenzo argomenta arriva dalla controparte solo una raffica di urla indistinte che somigliano a degli insulti, ma che insulti non sono poiché, per essere tali, dovrebbero quanto meno provenire da fonte autorevole?

          • Teobaldo scrive:

            @minstrel

            povero minestrone….. esso, il minestrone ha un modo tutto personale di distinguere ciò che apparentemente sa leggere….abituato com’è ai suoi minestroni pseudo filosofici e retorica da strapazzo….scambia le risposte decise con l’insulto.

            Dove sarebbero le argomentazioni di tale vincenzo?

            Moralismo puritano tipicamente taizeniano ossia protestante….

          • minstrel scrive:

            Ma caro il mio papa teobaldo, se le fonti non le vede, le chieda e vedrà che le saranno rese note!

            Inoltre ha capito quello che ho scritto? I suoi non possono essere insulti poiché l’insulto è etimologicamente ciò che malmena, che urta e il nulla non può materialmente malmenare né urtare.
            Ora capisce perché siamo certi, dal suo comportamento nervosissimo, che i nostri scritti fondati la colpiscano duramente. Come capirà perché i suoi tentati insulti ad hominem non producono né nervosismo né ira in nessuno.
            Faccia un buon cammino.

          • Teobaldo scrive:

            oh minestrone caro…. che dire se non farmi crasse risate?

            i vostri scritti pseudo tradizionali, ossia il nuovo modo di intendere la Tradizione ‘evolutiva’ ? mi faccia il piacere disse Totò…e non si preoccupi, sono super tranquillo….. anzi siete voi talebani, vaticanosecondisti modernisti che siete un tantino nervosi…..

            suvvia … lasci perdere il moralismo puritano….resti a tema….. e non scambi insulto con risposte decise….da quì si evince quanto basso sia il suo ‘sapere’…..

          • minstrel scrive:

            zzzzzzz

        • timorato scrive:

          x vincenzo

          togliete voi il disturbo perché la Chiesa non è vostra ma di Cristo, noi ci siamo gia da ora nella Chiesa vera di Cristo, non abbiamo bisogno di farne un altra! e questo il Mistero che ne lei ne gli altri sventurati potrete mai gustare!!!
          A.M.D.G.
          la monarchia è di Diritto divino, come già fu detto nell’Antico Testamento dove i Re venivano unti col sacro Crisma come i Profeti e i Sacerdoti!
          Tanto più lo deve essere il Papato che “nell’Ufficio di rappresentanza” fa le veci di Colui che per natura, per diritto e per conquista è Re(Pio XII).
          Se poi ci saranno dei blasfemi cherubini o degli ambigui gibici, che per detronizzare il Nostro Adorabile Padrone e Signore Gesu Cristo, si appelleranno alle Stesse Parole della Rivelazione per negare la Regalità: sappiano che Gesù non ha il Regno come di quelli di questo mondo, certamente per dirci che non lo possiede con i limiti e i peccati di quelli di questo mondo, ma tuttavia sempre e solo Re Egli è, di quelli che lo amano e lo servono e di quelli che lo odiano e lo perseguitano!

          • Teobaldo scrive:

            senti senti l’educato ( si fa per dire ovviamente….)

            certo marino…. colui che ha giustificato, bagnasco e luxxuria…colui che non ha visto nulla di male, nell’aver presieduto al funerale dell’eretico gallo….

            dica dica …. dove sarebbe la mia personale un’originale e personalissima dottrina sulla tradizione?

            dica dica ella che giustifica abusi, come la Comunione a luxxuria…. quale sarebbe per lei la Tradizione?

            poi il poveraccio ha il coraggio di scrivere:

            Non esiste, ripeto, non esiste Tradizione se questa non è in linea con il Magistero della Chiesa di cui il detentore è il vescovo di Roma.

            ———-

            or bene egregio, modernista quindi summa di tutte le eresie… dica dica….di quale Tradizione sta parlando? quella sua? ossia quella modernista?

            Perchè vede, io sto parlando di quella SEMPRE UGUALE, quella PROFESSATA DA TUTTA LA CHIESA UNIVERSALE IN 2000 ANNI ….

            e non quella nata dopo il cv2 …..quella la professano e la difendono i protestanti .

            il cv2 PASTORALE ha rotto con la Tradizione e glilelo ripeto un’altra volta:

            ROTTURA = SCISMA…..

            Apostata, eretico e scismatico vada a dirlo alla FSSPX.

            dica dica …cosa c’entra quì la FSSPX?

            l’odio che lei dimostra ….la dice lunga ….

            e la smetta di fare il saccente….lei è uno che non conosce nemmeno il significato delle parole, figuriamoci se conosce la Tradizione….

            conoscerà la tradizione dei protestanti e degli scismatici …NOTORIAMENTE PRO COLLEGGIALITA’…COME IN EFFETTI HA DIMOSTRATO SIN QUI!!!!

          • Cherubino scrive:

            Teobaldo che emana violenza ogni volta che apre bocca ha pure il coraggio di accusare gli altri di “odiare” la FSSPX ?
            Qualcuno che gli compra uno specchio non lo trova ?

          • Marino scrive:

            Lei è bravo solo a (s)cadere nel personale. Ciò che volevo dirle glielo ho già detto. Alle domande che mi ha posto io ho già risposto.
            Poi… la prego… Legga ciò che scrive prima di cliccare “commento all’articolo”. “Odio”… ma sa cosa significa questa parola? Mi spiace signor Teobaldo ma finché lei non si tranquillizza un po’ abbiamo poco da dirci. Se ha bisogno di uno sfogo frequenti la palestra, non questo blog.
            Ad ogni modo… Lei non era andato ad aspettare lungo la riva di un fiume come i veri cattolici dovrebbero fare? Si è portato il pc sulla riva del fiume? Non mi risponda. Non lo voglio sapere. Un saluto.

          • Teobaldo scrive:

            @ marino e colleggiato ‘cherubino’

            le ho già detto egregio marino, che non si deve preoccupare, son tranquillissimo…quello/i agitati, siete voi, che non sapendo cosa rispondere, usate moralismi da strapazzo che lasciano il tempo che trovano….

            E’ insito nella ‘tradizione’ secolare protestante, il travestimento da puritani, lo hanno fatto i vostri maetri vcalvino e lutero e prima di loro altri eretici, formatisi in Terra Santa….critiche, menzogne, giudizi temerari e moralismi da strapazzo…non è una novità..

            L’odio che avete contro la FSSPX, vi ha fatto cadere la maschera e dirò di più, grazie al vostro odio, coloro che come il sottoscritto non appartiene alla FSSPX, ha capito che Mons. Lefebvre HA AVUTO RAGIONE e credo che al contrario di tanti subito santi postconciliari, si stia godendo la Luce del Padre!!!

            vedano i loschi signori, appartenenti alla ‘tradizione’ protestante di rispondere a merito, con sostanza e verità, invece di ciarlare a vanvera con le solite moene obsolete e stantie…
            come i tdg vostri amici.

            I tdg sono una branchia separata del protestantesimo, non lo si dimentichi, quindi siete fratelli nella fede …così come lo sono i movimenti ‘ecclesiali’ all’interno dell’Una SAnta..

          • Teobaldo scrive:

            Ottimo Timorato, concordo anche le virgole!!!

            Gli impostori, i lupi i leoni ruggenti per ingannare gli agnelli di Cristo…. si sono sempre travestiti …..non è una novità….. basta conoscere Storia della Chiesa e Tradizione = Deposito millenario….. per smascherarli…..e poi ricordiamolo sempre, satana fa le pentole, MA I COPERCHI SON DI DIO!!!!

          • vincenzo da torino scrive:

            @Timorato. Voi lefreviani siete sismatici, con tanto di documentazione papale regolarmente eletto , unico autorizzato a tale atto. Punto. Non fate più parte integrante della chiesa, se non vi ravvedete. E’ inutile inventarsi un papa eretico, da parte di uno sparuto gruppo telebano che si si permette di eleggere vescovi senza autorizzazione papale. Siete una contraddizione vivente e incasinati logicamente. – “la monarchia è di Diritto divino”. Si sente bene? L’autorità e di diritto divino, non una specifica forma di stato. Allora vigeva la monarchia come unica forma di stato e per forza veniva detto che la monarchia è di diritto divino. Lei ha qualche problemino di comprensione.., mi scusi.- Certamente la chiesa è prima di tutto di Gesù, ma è Gesù che ha voluto la chiesa costituendo “i dodici” con a capo Pietro. Voi che rifiutate il Concilio,costituito daii successori degli apostoli, e negate l’autorità del papa che conferma la volontà dei padri conciliari , avete rifiutato l’unica vera chiesa fondata da Gesù. Potete piangere cinese, ma sarà sempre così, se non vi pentirete. Non vi è scampo . E smettetela di arrampicarvi sui vetri..

  90. peccatore scrive:

    ottimo teatrino, niente da dire…
    il pubblico è già uscito di sala preferendo astenersi da commenti sulle marionette…
    dietro le quinte i burattinai sembrano agitarsi…

    -in fondo è da un po’ che si parla di misericordia…
    -è da un po’ che si dice di abbandonare il peccato senza averne nostalgia…
    -è da quattro mesi che il più umile intelligente di tutti ha spiazzato la “compagnia stabile” con le sue commedie e le sue tragedie.
    -è da più di tre mesi che la scena principale è stata sottratta ai burattinai rendendo desolatamente vuoto il palazzo in cui persino i muri erano controllati.
    -è da qualche tempo che mettendo in fila nomi e date certi personaggi emergono sempre con la loro rete di fili in fondo ai quali i pupazzetti danno voce ai ventriloqui…
    -insomma, finchè è durata è durata.
    -il più umile e intelligente ha passato le info al più scaltro, abile, simpatico e coraggioso
    -così anche i più accaniti nel non mollare l’osso stanno rischiando la dentiera…

    -the end

    • Teobaldo scrive:

      bravo!!! peccatore caduta la mascherina….di buon medgiugoriano…

      immagino che sia arrabbiato, perchè ad un certo punto del teatrino, non se l’è più sentita di postare gli sms balcanici cui lei è da sempre gran stimatore…..

      i bambini piangono e si lamentano…. …. le accuse di ingerenza …… i bambini piccioli piangono….perchè qualcuno gli ha rotto il giocattolino….

      i bambini viziati…. piangono si stracciono le vesti…vanno dalla mamma e chiedono di cacciare via quei bambini guastafeste….. accidenti….. ma che cosa hanno combinato al povero tesoro…… hanno smascherarto le bugie dei bambini viziati…….

      ecco il vero teatrino……. dei novi evangelizzati…….

      coloro che si son ralleggrati, che il novo papa finalmente ha cominciato a far pulizia…… in sintonia con i protestanti e nemici della Chiesa….come se il vero problema fosse lo IOR…

      i bambini viziati, non si sono accorti che, controllare lo IOR, non sia in realtà una manovra per prendere il controllo sull’ autonomia dello Stato pontificio….. solo in questo modo, la massoneria ha finalmente messo gli artigli dove ha sempre sperato di metterli…e il novo papa ….. ha detto che S. Pietro non aveva un conto in banca…. il novo papa, colui che vuole la colleggialità eresia modernista protestante vecchia come il mondo, ha anche detto che, lo IOR non è indispensabile….. poveretto ……. si studi la storia della Chiesa, prima di sparare le solite pasticche……

      • peccatore scrive:

        @gitatissimo Teobaldo,
        se lei sa che sono interessato ai messaggi di Medjugorje (ed è vero) significa che segue il blog da molto tempo, cioè da prima che il suo nick imperversasse opportune et importune come ora.
        Non è che sono così sciocco da non sapere che lo IOR potrebbe anche essere utile, ma il problema è se questo IOR sia compatibile con la missione di annunciare e testimoniare il vangelo di Nostro Signore che non è un libro, ma la persona vivente del Signore Gesù Cristo.
        Dunque i veleni di curia, gli sgambetti tra Segretari di Stato ex ed uscenti, il piazzare uomini propri contro quelli altrui e tutte le bassezze che hanno contraddistinto la pessima aria che ha dovuto respirare l’amatissimo Benedetto XVI, c’entrano come i cavoli a merenda con l’utilità dello IOR, tanto più che a silurare Gotti Tedeschi, proposto dal Santo Padre, sono state manovre di palazzo in quota a chi aveva il potere di architettarle.
        Adesso c’è chi, spiazzato a metà febbraio e ancor più a metà giugno, comincia a non trovare più terra sotto i piedi e sceglie o di strillare alla luna o di finge di stracciarsi le vesti per i rischi di infiltrazioni massoniche potenziali, come se finora non ce ne fossero o come se certi scandali, a sfondo sessuale, non venissero da un clima di coperture, ricatti e lobbies certamente non estranee al tentativo di minare la Chiesa, Una e Santa, dall’interno.
        Rimarco che parlare dello IOR a molti provoca strane allergie e che si grattano andando a parare sui TdG o Medjugorje…
        E attendo che chi ha spadroneggiato, sentendosi un padreterno, accetti non dico la galera o la scomunica, ma almeno la rinuncia al proprio smisurato orgoglio ambizioso e desideri una sana conversione, non preoccupandosi se la sceneggiatura non la potrà scrivere più lui. Tanto è Dio a scrivere anche sulle nostre righe storte. A Medjugorje è chiaro: chi invece sorvola a bassa quota (e bassissimo livello) mitraglia ad altezza d’uomo parlando di “bene della Chiesa”…

        • Teobaldo scrive:

          ma com’ è acuto lei…… peccatore …..

          in effetti la mia comparsa nel blog risale a molto ma molto fa….. e se percorre la via troverà i miei interventi sul 3d che riguardava il card. martini ….. non ho mai smesso di leggere, con ciò sapevo benissimo che lei è un medgiugoriano….non a caso ha ripreso poche volte la sua amica certa mimma….. mai una volta è intervenuto per riprendere i suoi numerosi insulti….certo postare gli sms balcanici, cancella ogni colpa…… cose da pazzi…..

          infatti mi son sempre chiesto come mai non postasse più gli sms come la sua amica papessa protestante, che si ostina a vedere il povero mosignor Gemma ovunque….sarà perchè è un esorcista e alla papessa fa paura al sol pensiero?

          Cominciamo con il dire che gli agitati e i nervosetti sono altri, punto primo

          2) lei scrive:

          Rimarco che parlare dello IOR a molti provoca strane allergie e che si grattano andando a parare sui TdG o Medjugorj

          ———

          guardi che ha sbagliato bersaglio mio caro…. e se paragona la giusta condanna che si rivolge alla gospa, come se si volesse mascherare i fatti dello IOR …significa che ella non ha capito proprio un gran che.

          3) lei scrive:
          o di strillare alla luna o di finge di stracciarsi le vesti per i rischi di infiltrazioni massoniche potenziali, come se finora non ce ne fossero o come se certi scandali, a sfondo sessuale, non venissero da un clima di coperture, ricatti e lobbies certamente non estranee al tentativo di minare la Chiesa, Una e Santa, dall’interno.

          ———

          quindi ora anche lei comincia a aprlare di massoneria, lobby gay etc…. E PRIMA DI ADESSO DOV’ERA LEI?

          era troppo occupato a seguire gli sms balcanici?

          Non si è mai accorto prima, che all’interno della Chiesa sono entrati i lupi? e di chi la colpa? scommetto che anche in questo caso lei abbia la ‘bontà’ di scagionare tutti i papi postconciliari che a partire da PVI, hanno a poco a poco demolito tutto ciò che c’era da demolire…compresi gli errori anche se meno evidenti commessi da Benedetto XVI…..

          per non parlare del GPII…..

          stia sereno non si agiti…. voi state tifando per una chiesa che NON è quella voluta da Cristo……

          verrà verrà….. il giorno in cui Cristo dirà basta…. e i cechi che hanno voluto rimanere tali , malgrado le evidenze …. Dio saprà come ricompensarli….

          A Medjugorje è chiaro: chi invece sorvola a bassa quota (e bassissimo livello) mitraglia ad altezza d’uomo parlando di “bene della Chiesa”…

          ———

          ecco questa me la deve tradurre …i sofismi non mi sono mai pisciuti… sono irrispettosi verso il proissimo…..

          • peccatore scrive:

            il sofisma sei tu, con mimma e gli altri teatranti.
            guardatevi allo specchio e spiegatevi da soli.

          • Teobaldo scrive:

            Le ho chiesto di tradurre il suo sofisma …non di rispondere con un’altro sofisma….

            e mi deve anche spiegare, come mai solo ora pare accorgersi che la tizia ‘mimma’ sua amica è una teatrante….perchè forse ha capito che fa fare brutta figura alla gospa balcanica?….. oh non si preoccupi….. la troll finta antitdg….. è stata solo la ciliegina sulla torta…

            P.S. non si preoccupi allo specchio mi guardo, credo che lei debba fare altrettanto!!!

          • Mimma scrive:

            @peccatore
            Avrei piacere che lei potesse chiarire il termine a me attribuito di “teatrante”.
            penso di poter dire con certezza che la doppiezza non mi appartiene. Vorrebbe darmene gradite spiegazioni?

    • murmex scrive:

      Marino,lei continua a non capire che il Vat.II NULLA HA A CHE FARE CON LA TRADIZIONE,,perchè è magistero pastorale,come dichiarato da Giov. XXIII,che ha impresso al conc. tale FORMA(forma=ciò che fa essere qualcosa ciò che è,e in un secondo significato,ciò che manifesta la sua essenza)La forma pastorale è inidonea ad esprimere una Verità di Fede,è per definizione qualcosa che deve solo divulgare,far comprendere,in maniera anche transeunte,questa Verità IMMUTABILE,apodittica,dogmatica,che esiste e mai può essere cambiata ma solo approfondita e chiarita nella sua immensa ricchezza come hanno fatto i 20 concili DOGMATICI,cioè dotati di quella forma la sola adatta a ciò,e sempre lasciando il dogma intatto nel suo stesso senso e significato.Chiaramente un conc. pastorale può solo concretizzare un magistero rispettabile in ciò che dice di vero,ma di rango inferiore,cioè magistero pastorale assolutamente NON INFALLIBILE.Ricordo che se Gesù Cristo avesse voluto rendere infallibile OGNI insegnamento,della Chiesa,avrebbe potuto farlo,invece non lo ha fatto perchè le condizioni vdi infallibilità sono ben definite,non possiamo allargarle a piacimento,se no andiamo contro il dogma stabilito dal Conc. vat.I e siamo eretici.Come potrebbe entrare a far parte della Tradizione(=fonte della Rivelazione)un simile insegnamento privo della garanzia della Verità?Me lo spieghi lei sign.Marino

      • vincenzo da torino scrive:

        @Murmex. Lei è monotona nel ripetere le stesse cose sul concetto di “pastorale” Cherubino le ha risposto più volte adeguatamente per cosa si intende per tale termine e il tipo di obbedienza dovuto a quello che l’unico magistero autentico , in questo caso poi magistero straordinario. Si rilegga il tutto e la faccia finita. Se non la convince e libera di starsene fuori…Voi spesso non fate critica, ma disobbedienza e disprezzo.

        • murmex scrive:

          Continuo a ripeterle perchè non riuscite a capirle,o forse non volete proprio capirle perchè dovreste dare una adeguata confutazione.Cherubino non ha confutato nulla,ha solo dimostrato la sua ABISSALE IGNORANZA,disconoscendo la TRADIZIONE come UNA DELLE DUE FONTI DELLA RIVELAZIONE.

    • timorato scrive:

      x vincenzo in rif. post ore 18,25

      noi non siamo scismatici perché ubbidiamo a tutti quei Papi che hanno dato ordini irrevocabili ai quali dovevano stare sottomessi anche i Papi successori a questi!
      Anche i Papi -nel momento che disubbidiscono agli ordini irrevocabili dei loro Predecessori- DIVENTANO SCISMATICI, come nella fattispecie è avvenuto con la trasgressione dell’Indulto PERPETUO della Bolla Quod Primum Tempore sulla S.Messa tridentina (Rito proveniente dall’epoca apostolica) commessa da Paolo VI e successori .
      Scismatico è infatti solo colui che non riconoscendo l’Ufficio petrino disubbidisce a tutti gli ordini e non solo ad alcuni che tralaltro -per quanto detto sopra- non era possibile imporre!!!

      • Teobaldo scrive:

        Voi lefreviani siete sismatici, con tanto di documentazione papale regolarmente eletto , unico autorizzato a tale atto.
        ——————
        Chi glielo ha detto che la FSSPX è SISmatica ( si scrive SCIsmatica) lei? Il povero GPII? Colui che ha baciato il corano? ….o è stata la sua gospa balcanica? cosa significa SCIsmatici? Non lo sa? Si prenda il vocabolarietto..
        SCISMA= ROTTURA….

        Bene partendo da questo elementare concetto …chi e cosa è scismatico? chi come lei, come da prassi protestante, selezionate parti del Vangelo, per fargli dire ciò che volete voi? Ricorda il discorso su COLLEGGIALITA’, dove ella, e congrega da gran ‘saputi’ avete, osato dire che la collegialità aumenta il Primato di Pietro, MINANDO LE BASI del Dogma INTOCCABILE ED INVIOLABILE del Pastor Aeternus?
        Oh….. ma che ingegno….ma che preparazione…..

        ancora il da torino scarabocchia:

        Non fate più parte integrante della chiesa, se non vi ravvedete.
        Chi lo decide lei e congrega, chi non fa più parte della Chiesa? Lei che è protestante viene a dire ai VERI Cattolici se son dentro o se son fuori?….
        ———————-
        RAVVEDERE di cosa? Di aver criticato e non accettato i documentacci del cv2 pastorale?… dove E’ STATA DECISA LA MORTE della Tradizione= Deposito= Chiesa Cattolica Apostolica, della S.Messa = Gloria, Lode, Onore a Cristo?
        Ma le pare che, i VERI Cattolici, coloro che hanno DIFESO tutto ciò, debbano ravvedersi di qualcosa?
        Mi faccia il piacere….. stia al suo posto e metta le zampette altrove…magari aiuti la sua assistita, papessa protestante, a fare la calzetta.

        di nuovo:
        ————–
        E’ inutile inventarsi un papa eretico, da parte di uno sparuto gruppo telebano che si si permette di eleggere vescovi senza autorizzazione papale
        ——————
        Oh….ancora con la storia dei Vescovi senza autorizzazione…. Solo un emerito nullasapente …continua a ripetere la stessa bestemmia storica…uno come lei inficiato di protestantesimo, seguace della gospa balcanica…che ha raccomandato di disubbire sia al papa che al vescovo…

        e questo emerito nullasapente, viene fare le pulci in casa d’altri…..uno che, non sa nulla di Storia e di come sono andate le cose….ma malgrado questo, posta le sue pirlate….

        …..nessuno si inventa il papa eretico….. di fatto, i papi post conciliari, hanno commesso atti di cui dovranno rendere conto a Dio….. e mi ritorna in mente Papa Innocenzo III, tra le fiamme, del Purgatorio…perché non si inchinava alla recita del Credo….
        Nessuno può giudicare il papa…solo un altro Papa…. Con ciò ….quando, Dio deciderà di donarci un Papa VERAMENTE Cattolico….ne vedremmo delle belle….

        e ripete:
        —————-
        Siete una contraddizione vivente e incasinati logicamente. – “la monarchia è di Diritto divino”. Si sente bene?
        ——————–
        Si egregio sapientone, LA MONARCHIA PAPALE E’ UN DIRITTO E ORDINE DIVINO!!!
        Solo i protestanti, gli scismatici, gli apostati di ogni tempo hanno sempre negato che lo fosse!!!

        Si metta a studiare il catechismo di S. Pio X… le potrà far solo che bene …la sua è precaria salute spirituale….

        • Teobaldo scrive:

          il post è indirizzato a tal vincenzo da torino in realzione al suo

          vincenzo da torino scrive:
          3 luglio 2013 alle 18:25

  91. Reginaldus scrive:

    Una messa cattolica a Londra, di fresca fresca osservazione. Ingresso del prete incasulato in verde preceduto da tre ragazzotti in bianco abito lungo: un nero un bianco e una fanciulla: proclamazione del bando alle discriminazioni sessuali e di razza. Bene. Omaggio dovuto alla modernità più cogente.

    Poi comincia il rapido bla bla bla delle preghiere dell ‘inizio e subito l’attacco delle letture biascicate in accento cockney e la predica che non vedi l’ora che finisca presto…La fatica della pazienza e dell’attesa si spezza finalmente quando arriva il momento della cosiddetta comunione. Il prete si volge verso i fanciulli servienti e dà loro la tonda particola con aggiunta di sorso di vino dal ‘calice’..Poi vedi una donna attempata in larghe braghe capienti e maglietta senza maniche e braccia nude e grassocce salire i gradini del vecchio altare appoggiato al fondo della chiesa e come se estraesse un panno da spolverare da un cassetto aprire la porticina del ‘tabernacolo’ e sfilarne la ‘pisside’, che va ad appoggiare sulla tavola antistante, dove il prete l’attende, per vederli l’uno piazzarsi sulla parte antistante la tavola, e le due donne con il cosiddetto calice in mano sistemarsi sulla stessa linea agli estremi destra e sinistra della chiesa con ciascuna un calice in mano, dal quale i ‘comunicandi’ , dopo avere imboccato la particola presa dal prete si dirigono per il sorso di vino dal ‘calice’, che a distribuzione finita le due pie donne provvedono subito a consumare se mai ne è restato di avanzo..E finalmente eccoci alla benedizione finale e, questa volta, all’ ìHappy Birthday to You ( plus… the name ) in augurio a una vecchiettina con bastone che quel giorno compie gli anni, e ringrazia commossa inchinandosi qui e là…..L’unico che se l’ è passata senza traumi è il nipotino di 4 anni che se l’è dormita beato sulle mie gamba dal principio alla fine della commovente e devota cerimonia….

    E da questa parte della Manica, il “monsignore 500”, operante nei Recinti dei Sacri Palazzi, per operazione esterna ad essi, finito in prigione per riciclaggio, chiede gli arresti domiciliari in chiesa per potere celebrare …’messa’! Quando si dice la faccia!!!

    • Sal scrive:

      Aggiungo…. e così, zitti zitti piano piano stanno lavorando sotto sotto….vince l’ecumenismo a dispetto di tanti difensori della tradizione.
      Attenzione…. da oggi non si mangia se non è Kosher… !

      p.s. E si ritorna al Sabato.

      • Sal scrive:

        Avevo dimenticato il link…..
        h**p://www.affaritaliani.it/esteri/cristiani-e-ebrei-pregano-insieme020713.html

        • Mimma scrive:

          @Sal
          Mediti sulla sua WTS. Ne guadagnerebbe in dignità.

          Meccanismo perverso Fondo Sale del Regno

          Il meccanismo perverso del Fondo della Società per le Sale del Regno.

          Sembrerebbe che per la Watchtower, ogni sistema sia buono per accumulare ricchezze!

          Dopo aver sfruttato a fondo per oltre un secolo il ramo editoriale e quello edilizio, accumulando averi terreni al di la di ogni ragionevole aspettativa per un ente che condanna il materialismo, vede come sempre imminente la distruzione del mondo e che dice di promuovere gli interessi spirituali, ecco che da quasi trent’anni, la Watchtower ha saputo sfruttare un nuovo filone, quello del meccanismo perverso che sta dietro alla catena di prestiti e restituzione di fondi da usare per l’acquisto di beni immobiliari intestati a se stessi.

          Il meccanismo è stato chiamato “Fondo della Società per le sale del regno” ed è stato introdotto negli Stati Uniti e il Canada il 1° settembre 1983, mentre in Italia e in Francia, come pure progressivamente in tutti gli altri paesi del mondo, è stato introdotto il 1° settembre 1986.

          Come funziona questo meccanismo e perché viene qui definito “perverso”?

          La lettera che segue, che potrebbe perfino essere usata come modello da tutti i Corpi degli Anziani locali, è sufficiente per illustrare il meccanismo e denunciare la sua iniquità.

          I riferimenti alle pubblicazioni della Watchtower che confermano quanto questa lettera ha voluto illustrare saranno resi disponibili nell’apposita sezione del sito http://www.testimoni-di-geova.info/ .

          http://testimoni-di-geova.blogspot.it/2011/02/il-meccanismo-perverso-del-fondo-della.html

      • Reginaldus scrive:

        e questa è la messa ecumenica, esattamente sub specie utraquista, e poi c’ è la messa del carnevale quella di halloween quella gay quella rock quella metallara…. quella che vi pare…ma quello che non cambia mai, sempre identico, è il culto del dio ORO, che tutti abbraccia in un unico rito……

        • murmex scrive:

          Tristezza infinita per irrispettosità e sacrilegi.Ma tanti dormono beati,salvo svegliarsi per insultare chi vuol far loro aprire gli occhi.E la presunta gospa perchè non dice niente?

          • Reginaldus scrive:

            sacrilegi non certo per la profanazione del Corpo e Sangue di Cristo, che in ‘queste’ messe (tutte, quelle secundum Novum Ordinem ) non si dà, ma sacrilegi certamente per la parodia o caricatura dell’ azione sacra per eccellenza della (vera) Chiesa, che spesso raggiungono gli estremi anche della sopportabilità estetica…

          • Reginaldus scrive:

            “non si dà”, perché messe fasulle ( Dio non può permettere di essere irriso ufficialmente da una falsa chiesa )…

  92. Sal scrive:

    Dopo aver abbondantemente riflettuto sulla nuova trinità $ -€ – £ mi è capitata sotto il naso la notizia della FAAC di cui solo pochi sono al corrente. Pare che essendo deceduto mr. Faac (quello dei cancelli elettrici) e avendo lasciato un eredità di quasi 2 miliardi di €, sono saltati fuori 3 testamenti di cui ciascun possessore rivendica l’autenticità.
    Così ora è il tribunale che deve sciogliere la grana. Ma indovinate chi è il detentore di uno dei 3 testamenti ? La curia. La curia di Bologna.

    Beh, mi sono venute in mente un po’ di consigli evangelici che devono aver dimenticato da quelle parti e dicono pressappoco così: “Il vescovo deve perciò essere …non amante del denaro, ( 1 Tim 3.2-3) E questi vanno perfino in tribunale per rivendicare il possesso di qualcosa per cui non hanno mai lavorato. Mi sembra proprio la faccia come…il bronzo !

    Poi ho pensato a 1Tess 4.11 che dice ai cristiani : “e ad avere la mira di vivere quietamente e di pensare ai fatti vostri e lavorare con le vostre mani,
    E questi voglio i soldi per i quali non hanno nemmeno lavorato togliendolo ai legittimi eredi. Beh, anche se fosse autentico quel testamento estorto in un attimo di follia dovrebbe essere gettato nel cestino non rivendicato. Il paradiso non si compra, non è in vendita. Dovrebbero insegnarlo alle loro pecore invece di tosarle.
    Si rafforza il simbolo trinità… in tempi di carestia tutto fa brodo. Franchi e Yen non si butta niente.

    H**p://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&ved=0CDEQFjAA&url=http%3A%2F%2Fbologna.repubblica.it%2Fcronaca%2F2012%2F10%2F09%2Fnews%2Feredit_faac_il_giudice_ordina_il_sequestro_dell_azienda-44155088%2F&ei=DS7TUY6SBInwsgbeoIDYDg&usg=AFQjCNFxZ9s93h5W7TtbW9f1_NopC-AOuA&sig2=M655_s9i16MsjD76mi5ltg&bvm=bv.48705608,d.Yms&cad=rja

    • Mimma scrive:

      @Sal
      Siete Davvero capaci di rendere la vita degli altri un inferno, e poi venite a fare la morale. Ma statevi zitti che fate meglio. La vostra Trinità che adorate bene è il Dio quattrino. Con gli interessi hedgefund.

      La storia di Marinica, uscita dal gruppo:
      “I miei cari mi considerano morta”
      La mia vita, un inferno
      Ha “osato” lasciare i Testimoni di Geova.
      CHIVASSO – “La gente crede che siano delle pecorelle, ma la realtà è ben diversa: o sei con loro o contro di loro”. Marinica Casulli, 38 anni, dipendente Sorin da sempre residente a Chivasso, per quasi vent’anni è stata una fervente Testimone di Geova. I suoi problemi sono iniziati tre anni fa, quando ha deciso di dare una svolta alla propria vita, lasciando la congregazione. “Sono stata una testimone di Geova – racconta Marinica Casulli – a partire dai diciotto. Nello statuto esiste la possibilità di distaccarsi, io l’ho fatto chiedendo semplicemente di non essere importunata. Loro hanno iniziato a telefonarmi, chiedendo di prendere una decisione, altrimenti mi avrebbero ‘dissociata’, un provvedimento che si prende nei confronti degli eretici. Ho spedito una lettera, scritta dal mio avvocato, l’hanno usata contro di me dicendo che avevo rinnegato la fede. Ripeto, io non ho rinnegato nulla, ho semplicemente deciso di lasciare i Testimoni di Geova. Dal pulpito, nella Sala del regno, davanti a quattrocento persone hanno detto che mi ero dissociata. Mi hanno denigrato, da quel momento la mia vita è cambiata: quelli che erano miei amici mi trattano male, se mi incontrano per strada nemmeno mi salutano. Da allora non ho più avuto contatti con i miei fratelli e con i miei nonni, Testimoni di Geova, per loro non esisto più. Eppure io non ho fatto nulla, non ho né rubato né commesso adulterio, Dio non ha bisogno di una lettera di dimissioni. Per anni ho partecipato attivamente alla vita della comunità, poi mi sono resa conto che c’erano delle pecche [per esempio denunciavano l'ONU come organizzazione satanica ma nel silenzio e nell'omertà generale l'organizzazione è stata un membro attivo come ONG fino allo sputtanamento da parte del uil THE Guardian].

      E ho fatto una scelta, nemmeno il matrimonio è così vincolante.
      Internet è pieno di siti di persone che sono uscite dai Testimoni di Geova e che hanno i miei stessi problemi, noi stiamo lottando non per noi stessi, ma per la difesa dei diritti umani. Non mi interessa se gli ex amici non mi salutano, è una questione di principio: ora sono sola, per i miei familiari sono come morta. E la mia unica colpa è stata quella di spedire Una lettera chiedendo di essere lasciata in pace. Dal punto di vista personale tutto questo mi è costato tantissimo: a 38 anni mi trovo a dover ricominciare una nuova vita e ad essere considerata quello che non sono. In fin dei conti, non ho fatto nulla di male.
      Mauro Bellucca è il responsabile delle relazioni esterne dei Testimoni di Geova chivassesi dice mentendo: “Ognuno è libro di entrare e di uscire dalla congregazione come meglio crede. C’è la massima libertà, ma quando si entra nella congregazione ci sono delle norme molto chiare. E chi vuole allontanarsi conoscendo quelle norme nate da un profondo studio, e che sono accettate dopo un percorso di mesi o di anni, sa benissimo a cosa va incontro”.
      Marco Bogetto

      http://www.investireoggi.it/forum/testimoni-di-geova-predicano-bene-ma-sono-fetenti-vt60599.html

      • mauro scrive:

        Legga bene. Il Bellucca dice che si può uscire liberamente e ciò significa che non si è costretti a rimanere. Anche dal cattolicesimo lo si può fare ma si diventa apostati, soggetti alla maledizione ed a mali sociali e morali conseguenti.

        I soliti preblemi con la comprensione di un testo? Crede forse di essere nella cattolica isola felice, dovesse uscirne, tanto da aspettarsi la benedizione?

        • Mimma scrive:

          @Mauro esca lei dalla fanatica menzogna geovista.

          I Testimoni di Geova e la speranza terrena della Grande Folla

          Secondo gli insegnamenti dei Testimoni di Geova, e contrariamente a quanto afferma l’apostolo Paolo in Efesini 4:4 che esiste “un’unica speranza”, Dio avrebbe offerto ad un ristretto e limitato numero reale di 144’000 persone una “speranza celeste”, mentre per il resto della stragrande maggioranza dei fedeli, identificati con il termine di “grande folla”, una “speranza terrestre”.

          Basano la loro credenza sul capitolo 7 di Rivelazione o Apocalisse, che vede, da una parte, ai versetti 3 a 8, 12’000 eletti da ciascuna delle dodici tribù di Israele identificati come “schiavi del nostro Dio” che devono essere suggellati sulla terra e, ai versetti 9 e 10, una “grande folla” che sta dinanzi al trono e dinnanzi all’Agnello – vedi in calce la citazione dalla Bibbia.

          Dall’esame dei versetti qui citati, è vero il contrario: da una parte i 144’000 si trovano … sulla terra mentre sono suggellati e, dall’altra, una grande folla che si trova … in cielo, dove si trova presumibilmente il trono di Dio!

          A conferma del fatto che la “grande folla” si trova in cielo e non sulla terra, è sufficiente leggere la seguente scrittura:

          (Rivelazione 19:1) …Dopo queste cose udii ciò che era come l’alta voce di una grande folla nel cielo. Dicevano: “Lodate Iah! La salvezza e la gloria e la potenza appartengono al nostro Dio…

          Per evitare che si faccia il ravvicinamento tra la “grande folla” di Rivelazione 7:9 e quella di Rivelazione 19:1, la Traduzione del Nuovo Mondo, edita dai Testimoni di Geova, aggiunge un esponente [M] dopo l’espressione “grande folla nel cielo” che riporta alla scrittura di Daniele 7:10 dove, non si parla di “grande folla” ma, riferendosi agli angeli, di “mille migliaia che lo servivano”, distogliendo così l’attenzione dell’ignaro lettore dal termine qui usato “grande folla” e concentrandolo sull’opinabile applicazione di “angeli”.

          In questa scrittura di Rivelazione 19:1, la “grande folla” è intenta a promuovere la lode a Jah, e a lodarlo essa stessa, gridando “la salvezza e la gloria appartengono al nostro Dio”. Similmente, la solita “grande folla”, questa volta quella prediletta dai Testimoni di Geova come erede della speranza terrena, dice esattamente la stessa cosa in Rivelazione 7:10 “E continuano a gridare ad alta voce, dicendo: “La salvezza la dobbiamo al nostro Dio” e, per di più, lo fanno “davanti a Dio che siede sul trono”, davanti al quale essi sono in piedi, ossia in cielo!

          Indipendentemente dalla credenza se ci sia o meno una speranza terrena, in nessun modo, come abbiamo visto, la scrittura di Rivelazione 7:9 può essere usata per provare tale credenza!

          Riferimenti scritturali:

          (Rivelazione 7:3) …“Non danneggiate la terra né il mare né gli alberi, finché non abbiamo suggellato gli schiavi del nostro Dio sulle loro fronti”…

          (Rivelazione 7:4) …E udii il numero di quelli che erano suggellati, centoquarantaquattromila…

          (Rivelazione 7:9) 9 Dopo queste cose vidi, ed ecco, una grande folla, che nessun uomo poteva numerare, di ogni nazione e tribù e popolo e lingua, che stavano in piedi dinanzi al trono e dinanzi all’Agnello, vestiti di lunghe vesti bianche…

          (Rivelazione 19:1) …Dopo queste cose udii ciò che era come l’alta voce di una grande folla nel cielo. Dicevano: “Lodate Iah! La salvezza e la gloria e la potenza appartengono al nostro Dio…

          (Rivelazione 7:10) 10 E continuano a gridare ad alta voce, dicendo: “La salvezza la dobbiamo al nostro Dio, che siede sul trono, e all’Agnello”.

          (Daniele 7:10) …C’erano mille migliaia che lo servivano, e diecimila volte diecimila stavano in piedi proprio davanti a lui….
          Posted by Roberto di Stefano – Osservatore e Critico del movimento religioso dei Testimoni di Geova

          http://testimoni-di-geova.blogspot.it/2013/03/i-testimoni-di-geova-e-la-speranza.html#more

          • Sal scrive:

            @ Mimma
            “Daniele 7:10 dove, non si parla di “grande folla” ma, riferendosi agli angeli, di “mille migliaia che lo servivano”, distogliendo così l’attenzione dell’ignaro lettore dal termine qui usato “grande folla” e concentrandolo sull’opinabile applicazione di “angeli”.”

            Sono davvero curioso di capire perché, se lei dice che si tratta di una considerazione ”opinabile”, l’opinione debba essere necessariamente sbagliata. Se è opinabile può solo dire che a lei non convince o che non è della stessa opinione, ma se altri hanno un ‘opinione diversa dalla sua o la demolisce portando altrettante prove contrarie o rimane neutra. Ma non può affermare che un’opinione è errata se è opinabile senza avere alcun risconto diverso e contrario.
            Ma a lei nessuno ha mai insegnato la logica ?

        • Reginaldus scrive:

          Ehhhhh , ma guardali questi cattolici apostati a che vita d’inferno sono costretti!!! sarà per colpa dell’ apostasia generale che siamo piombati in questa crisi??? In fondo, però, c’è del vero…

      • Sal scrive:

        @ Mimma
        “CHIVASSO – “La gente crede che siano delle pecorelle, ma la realtà è ben diversa: o sei con loro o contro di loro”.

        Vede che farebbe meglio ad osservare il comando di 1 Tim 2.11 ? Lei scrive scemenze e non si accorge nemmeno che sono contro il vangelo . Dovrebbe studiare di più. Ha dimenticato ciò che disse Gesù : “Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde.” ( Mt.12.30)

        E lei si va lamentando perché quelli osservano le parole di Gesù ? Deve essere da manicomio. Va cianciando di cristianesimo e poi lo fa anche al contrario ? Piango per lei. Che pena….

      • Sal scrive:

        @ Mimma
        “Nello statuto esiste la possibilità di distaccarsi, io l’ho fatto… Loro hanno iniziato a telefonarmi, chiedendo di prendere una decisione, altrimenti mi avrebbero ‘dissociata’,… Ho spedito una lettera, scritta dal mio avvocato, l’hanno usata contro di me dicendo che avevo rinnegato la fede…..Dio non ha bisogno di una lettera di dimissioni.

        Ma lei ci fa o ci è ? Ma legge quello che scrive o scrive a casaccio ? Se Dio non ha bisogno di una lettera di dimissioni….perchè mai l’ha fatta scrivere dal suo avvocato ?
        Se non son matti non ce li vogliono ! Ha collegato la spina ?

        “Internet è pieno di siti di persone che sono uscite dai Testimoni di Geova e che hanno i miei stessi problemi, noi stiamo lottando non per noi stessi, ma per la difesa dei diritti umani.

        E quale sarebbe il diritto umano che è stato disatteso ? Lo dice lei stessa “è un suo problema” se lo risolvesse da sola, e come lo fa ? facendo il pianterello di Mimma ? Dovrebbe fare una denuncia alla Procura se pensa che un suo diritto è stato disatteso o no ?

        Secondo me lei disubbidisce anche a 1 Cor. 14.34 – “le donne stiano in silenzio nelle congregazioni, poiché non è loro permesso di parlare, ma siano sottomesse,” specialmente se poi dicono un sacco di fesserie.
        che tristezza Mimma e che figure ha già fatto fin’ora …. ogni volta spara a casaccio !

    • minstrel scrive:

      “non amante del denaro” nel senso che non può preferire lui a Dio. I Vangeli combattono l’abuso e la ricerca costante della ricchezza, non la ricchezza in quanto tale.
      Fine del cinema.

      • Sal scrive:

        @ MInstrel
        “Il vangeli combattono l’abuso e la ricerca”

        Ma che bell’esempio di equilibrio sig. minstrel….. e a proposito di ricerca non mi dice nulla del testamento di Mr. FAAC ? Quella non è ricerca del denaro ?
        Tanto per fare un esempio…..

        • minstrel scrive:

          ho scritto “ricerca del denaro”?
          Ho scritto “ricerca costante della ricchezza” e intendendo ricchezza in senso biblico, cioè intendendo lo sproposito, il superfluo che si fa cardine della vita, il di più solo per aver di più o per schiacciare meglio chi non ha o ha meno.
          Cose così, ‘nsomma.

      • Reginaldus scrive:

        ma con questo ‘cinema’ ci siamo visti i Sindona i Calvi i Marcinkus e i “Monsignor 500″… per scoprire i quali ( mi riferisco a questi ultimi, ché gli altri ci hanno pensato ‘loro’ a dileguarsi, l’arcivescovo – noblesse oblige – l’unico in maniera indolore…) non è bastato un ‘papa’ di rinforzo, pescato di lontano, ma la magistratura di …Salerno! ( ché lui, il compassionevole eil misericordioso, non ha tempo per vedere e decidere, ché la sua attenzione ce l’ ha tutta , lui personalemente, per i trasbordati a Lampedusa, povere cretaure, con donne e soprattutto bambini, che per loro da succhiare ce ne sarà sempre qui da noi, che moriamo pure di fame, noi…)

  93. Mimma scrive:

    E come direbbe Gesù di cose simili ne fate tante.

    http://www.nocensura.com/2013/01/testimoni-di-geova-le-rivelazioni.html

  94. Mimma scrive:

    Il Papa: fuggiamo dal peccato senza averne nostalgia, dobbiamo essere forti nella debolezza

    Il cristiano è chiamato ad essere coraggioso nella propria debolezza. E’ quanto sottolineato da Papa Francesco nella Messa di stamani alla Casa Santa Marta. Il Papa ha affermato che, a volte, dobbiamo riconoscere che siamo deboli e dunque dobbiamo fuggire senza nostalgia del peccato, senza guardare indietro. Alla Messa, concelebrata dal cardinale Manuel Monteiro de Castro e mons. Beniamino Stella, hanno preso parte un gruppo di sacerdoti e collaboratori del Tribunale della Penitenzieria Apostolica e un gruppo della Pontificia Accademia Ecclesiastica. Il servizio di Alessandro Gisotti:

    Agire con lentezza, guardare indietro, avere paura e rivolgersi al Signore, alla grazia dello Spirito Santo. Nella sua omelia, Papa Francesco ha preso spunto dalle Letture di oggi per soffermarsi su quattro “atteggiamenti possibili nelle situazioni conflittuali, nelle situazioni difficili”. Il primo atteggiamento è quello della “lentezza” di Lot. Egli, ha osservato il Papa, era deciso a lasciare la città prima che fosse distrutta, ma lo fa piano piano. L’angelo gli dice di fuggire, ma c’è in lui l’“incapacità del distacco dal male, dal peccato”. Noi, ha aggiunto, vogliamo uscire, siamo decisi,” ma “c’è qualcosa che ci tira indietro” e così Lot si mette a negoziare perfino con l’angelo:

    “E’ tanto difficile tagliare con una situazione peccaminosa. E’ difficile! Anche in una tentazione, è difficile! Ma la voce di Dio ci dice questa parola: ‘Fuggi! Tu non puoi lottare lì, perché il fuoco, lo zolfo ti uccideranno. Fuggi!’. Santa Teresina del Bambin Gesù ci insegnava che alcune volte, in alcune tentazioni, l’unica soluzione è fuggire e non avere vergogna di fuggire; riconoscere che siamo deboli e dobbiamo fuggire. E il nostro popolo nella sua semplice saggezza lo dice un po’ ironicamente: ‘Soldato che fugge, serve per un’altra guerra’. Fuggire per andare avanti nella strada di Gesù”.

    L’angelo, ha aggiunto, dice poi di “non guardare indietro”, di fuggire e guardare avanti. Qui, ha detto, c’è un consiglio a vincere la nostalgia del peccato. Pensiamo al Popolo di Dio nel deserto, ha sottolineato: “Aveva tutto, le promesse, tutto”. Eppure, “c’era la nostalgia delle cipolle d’Egitto” e questa “nostalgia faceva dimenticare loro che quelle cipolle le mangiavano sulla tavola della schiavitù”. C’era la “nostalgia di ritornare, ritornare”. E il consiglio dell’angelo, ha osservato il Papa, “è saggio: Non guardare indietro! Va avanti”. Non dobbiamo fare come la moglie di Lot, dobbiamo “tagliare ogni nostalgia, perché c’è la tentazione anche della curiosità”:

    “Davanti al peccato, fuggire senza nostalgia. La curiosità non serve, fa male! ‘Ma, in questo mondo tanto peccaminoso, come si può fare? Ma come sarà questo peccato? Io vorrei conoscere…’. No, lascia! La curiosità ti farà male! Fuggire e non guardare indietro! Siamo deboli, tutti, e dobbiamo difenderci. La terza situazione è sulla barca: è la paura. Quando viene nel mare un grande sconvolgimento, la barca era coperta dalle onde. ‘Salvaci, Signore, siamo perduti!’ Dicono loro. La paura! Anche quella è una tentazione del demonio: avere paura di andare avanti sulla strada del Signore”.

    C’è la tentazione che dice che è “meglio rimanere qui”, dove sono sicuro. “Ma questo – ha avvertito – è l’Egitto della schiavitù!”. Ho “paura di andare avanti – ha ribadito il Papa – ho paura di dove mi porterà il Signore”. La paura, però, “non è un buon consigliere”. Gesù, ha soggiunto, “tante volte, l’ha detto: ‘Non abbiate paura!’. La paura non ci aiuta”. Il quarto atteggiamento, ha poi sottolineato, “è la grazia dello Spirito Santo”. Quando Gesù fa tornare la bonaccia sul mare agitato, i discepoli sulla barca sono pieni di stupore. “Sempre, davanti al peccato, davanti alla nostalgia, davanti alla paura”, ha affermato, dobbiamo rivolgerci al Signore:

    “Guardare il Signore, contemplare il Signore. Questo ci dà questo stupore, tanto bello, di un nuovo incontro con il Signore. ‘Signore, io ho questa tentazione: voglio rimanere in questa situazione di peccato; Signore, io ho la curiosità di conoscere come sono queste cose; Signore io ho paura’. E loro hanno guardato il Signore: ‘Salvaci Signore, siamo perduti!’ Ed è venuto lo stupore del nuovo incontro con Gesù. Non siamo ingenui né cristiani tiepidi, siamo valorosi, coraggiosi. Siamo deboli noi, ma dobbiamo essere coraggiosi nella nostra debolezza. E il nostro coraggio tante volte deve esprimersi in una fuga e non guardare indietro, per non cadere nella cattiva nostalgia. Non avere paura e sempre guardare il Signore!”

    • Teobaldo scrive:

      FUGA DAL PASSATO, GUARDARE AVANTI…… CATTIVA NOSTALGIA…..

      una predicuzza che lascia il tempo che trova…..

      anzi il papa Bergoglio insiste con il non guardare indietro….chissà a chi sarà rivolto…. ma certo perbacco a coloro ai quali vorrebbero che la Chiesa RITORNASSE QUELLA GLORIA DI CRISTO CHE ERA UN TEMPO….

      ma che bravo, questo papa…che coraggio da lupo….. sarà ricordato nella storia della Chiesa….non so come e a che titolo ma sarà ricordato…..

      son curioso di leggere la nova enciclica a 4 mani….. si son proprio curioso….

    • timorato scrive:

      visto che non sa essere per niente educata, tanto da impicciarsi della vita privata di Teobaldo fino a chiamarlo con il titolo di ecclesiastico, mi dica gentile dama di corte, tutta panna e miele, tutta zucchero e cannella: il suo caro coniuge ex prete si è stufato di stare con lei e ha trovato qualche bella biondazza, oppure continua a sopportarla?

      • Teobaldo scrive:

        E mi ha tolto le parole di bocca….. carissimo Timorato….

        ricordo come fosse ieri, quando la tizia in questione ha portato avanti con tanto di link…. la questio dei poveri ‘preti’ sposati, e le ‘ragioni ‘ delle povere moglòiettine al seguito….. ecco mi dica lei Timorato, poi come interpretare le pasticche ideologiche dell’attuale papa Bergoglio….

        Inoltre sono rimasto scioccato, tanto che non dimenticherò mai ciò che ha fatto il Giovedì Santo….

        ora il Bergoglio ha in mente di andare a Lampedusa…. ma dico io…. con TUTTI I VERI POVERI CHE CI SONO… poveri nella Fede, nello Spirito….. questo novo papa verrà ricordato nella Storia …. si verrà ricordato…non in bene sia chiaro ….. ma per quel che si merita….

        Non si inginocchia davanti al Sacramentato, non fa il segno della Croce, si è messo alla pari dei visitatori della piazza ….

        EPPURE…. un suo Predecessore molto Ortodosso, tale Innocenzo III uno che difese il Primato di Pietro e della Chiesa Romana ….. apparve a…..

        Santa Lutgarda ( monaca benedettina, mistica) riferì che il pontefice, subito dopo la morte, le apparve tutto avvolto nelle fiamme: era in Purgatorio, condannato a starci fino al giorno del giudizio, a meno che non fossero state offerte preghiere in suffragio.

        La santa raccontò che Innocenzo disse d’esser stato punito da Dio per tre colpe: una era non aver mai voluto chinare il capo durante la recita del Credo niceno in segno d’umiltà, le altre due non sono state riportate.

        Avrebbe meritato l’Inferno, ma la Vergine Maria, cui il papa era devoto, gli ottenne il Purgatorio, nonché la possibilità di ridurre le sue pene.

        Il cardinale Roberto Bellarmino disse al riguardo: “Se un Papa così degno di encomio e che passa così santo agli occhi degli uomini, si trova sottoposto ai più orribili tormenti fino alla fine del mondo, che cosa sarà mai riserbato agli altri ecclesiastici, religiosi e fedeli?”

        • timorato scrive:

          x Teobaldo

          come interpretare le pasticche ideologiche di Bergoglio? Abbastanza male!
          Bisogna pregare e pregare molto, la S.Vergine lo ha preannunziato un papa massone, e siccome un papa anche in buona fede lo potra essere – nel senso di incarnare gli ideali massonici come una forma di progresso- massone, dobbiamo sempre stare a vigilare.
          Va a lampedusa e non vuole tappeti rossi, pero i milioni di euro per la sicurezza li farà spendere per quella che è una visita assolutamente inutile e folkloristica!!!
          Vorrei solo avere la grazia di provarlo io, nel suo eroismo di santa povertà, magari invitandolo ad andare a dormire con i barboni di stazione Termini, visto che non gradisce il Palazzo apostolico!
          Quante ingiustizie dobbiamo sopportare, quante bestemmie dobbiamo udire, quante sceneggiate dobbiamo ingoiare!

          • Teobaldo scrive:

            Carissimo Timorato grazie!!!

            Non ero al corrente dei quattrini spesi per il viaggio folkloristico a Lampedusa…. ma che bravo….. che esempiodi vera umiltà…..

            ma il papa Bergoglio, lo sa che quei ‘poveretti’ li abbiamo sulle spalle noi italiani, senza lavoro e senza oramai più dignità?

            lo sa questo il Bergoglio?

            vedrà che dopo il suo viaggetto propagandistico, quanti altri di nuovi ne arriveranno….

            e pasticca dopo pasticca…. dove arriveremo?

          • Cherubino scrive:

            a parte il fatto che la sicurezza nei viaggi del pontefice -che non sono certo viaggi turistici- non è sicuramente un optional o uno spreco, ma mi piacerebbe sapere quale fonte autorevole gli spargi-fango del blog portano a riprova dei “milioni di euro” di cui (s)parlano.

        • murmex scrive:

          Non conoscevo questo avvenimento,ora mi inginocchierò durante il Credo ,quando ci conferma nella Fede nell’Incarnazione,con ancora più devozione.Grazie Teobaldo

          • vincenzo da torino scrive:

            Se permette non credo che il buon Dio possa punire per un inchino, cosa di per sé assurda. Potrebbe solo spiegarsi se vi era una regola per fare questo inchino ed il papa volutamente in modo superficiale e senza rispetto l’avesse violata dando anche un pessimo esempio. Dio non condanna tanto l’atto in sè , se non è grave come materia, ma le cattive intenzioni degli atti o mancanza di atti dovuti. E’ il cuore che Dio vuole, sempre.

          • Teobaldo scrive:

            paura eh…. che ne sa lei di cosa Dio punisce e cosa non punisce….ah certo la gospa balcanica a cui ei si alimenta…. si è scordata di dirlo ai suoi figliolini…..

            Dio CERTO che può!!! Non dimentichiamo che il papa HA DELLE ENORMI RESPONSABILITA’..

            Infatti, lui ha dato il cattivo esempio a quanti hanno visto….e imparato da lui… Dio non punisce a casaccio….. vi sono le gerarchie di responsabilità….e quindi di colpe….certo che un semplice fedele… se avesse commesso questo abuso e irriverenza…non sarebbe stato aggravato allo stesso modo….

            e mi vengono i brividi, pensare ai papi postconciliari…..con tutto ciò che hanno fatto ….quest’ ultimo, poi che non si inginocchia davanti al Sacramentato, non da’ le Benedizioni ma si fa benedire da tutti eretici scismatici …. e non fa il Segno della Croce….

      • Mimma scrive:

        @Timorato,
        tutto veleno e viperaio, tutto demente e fanatico, le annuncio che è in effetti il prete che lei portava in casa sua intimamente. Attenzione lei è in pericolo di…….

        • timorato scrive:

          solo lei poteva accontentarsi di un prete postconciliare sessantottino, brutto e nichilista!

          • Mimma scrive:

            Solo lei poteva essere un perverso e un frustrato sessuale che ama i preti tradizionalisti intimamente…. Lei si deve vergognare!

          • Teobaldo scrive:

            ma si vergogni troll ‘mimma’ …..

          • Mimma scrive:

            @Teobaldo
            Si vergogni lei fanatico teobaldo e il suo perverso amico Timorato. Siete voi due la vergogna di questo blog, caro monsignore in tre pizzi e galero paonazzo.

        • timorato scrive:

          se crede di ferirmi nell’ orgoglio ha sbagliato preda!

          mi dica piuttosto, chi e quanto la pagano per stare nel blog?

          • vincenzo da torino scrive:

            @ Timorato. Con una tale bassa insinuazione lei può solo chiedere scusa e dileguarsi. Non è credibile.

          • Teobaldo scrive:

            lei invece da torino….lei farebbe bene a chiedere scusa, per questo intervento da il moralista da strapazzo…. ha seguito tutti gli insulti e le protervie, uscite dalla bocca della sua assistita….e poi com’è che lei, moralista puritano promedjugorie, non è intervenuto quando la sua assistita ha più volte portato le ragioni dei ‘preti’ sposati?

            e poi si rivolge a Timorato con questo tono, si vergogni!

  95. Lt scrive:

    come sarà questo peccato? Io vorrei conoscere…’. No, lascia! La curiosità ti farà male!

    ma bella roba, non c’è che dire ! e questo sarebbe il discorso DIDATTICO-morale DI UN PASTORE DI ANIME ? è allucinante sentir parlare così il supremo pastore del gregge di Cristo, che dovrebbe indicare il rretto sentiero alle pecore, già confuse da decenni di false dottrine, ad opera di lupi eretici sparsi, fin dal 1968, nei pluri-movimenti, fautori di confusione e falsificazione della FEde !
    questo è un discorso terrificante, nel suo potere di CONFONDERE le coscienze, istigandole a non voler IMPARARE LA DOTTRINA CRISTIANA, per quel che concerne la natura e la gravità del peccato/dei peccati -a confronto coi 10 comandamenti e coi VIZI CAPITALI- e la NECESSARIA DISTINZIONE o discernimento tra peccato mortale e peccato veniale, con tutto quel che comporta l’ESAME DI COSCIENZA, ai fini del fuggire il male e scegliere il bene,
    come la Chiesa aveva sempre insegnato in 2000 anni.
    E’ raccapricciante che un papa istighi il popolo cattolico a non voler sapere quali sono i peccati da scansare per non finire all’inferno !
    Invece di dire “Studiate, imparate la Dottrina di sempre che vi insegna che cos’è la Grazia santificante e come ci si santifica, andando poi spesso al Sacramento della Confessione, dove bisogna fare l’accusa dei peccati, CON LE ALTRE 4 CONDIZIONI per una buona Confessione, nientemento costui dice: “non guardare, non cercare di capire che cos’è il peccato e come ti può portare alla dannazione eterna! non voler IMPARARE, fuggi e basta…”
    fuggi da che? dall’insegnamento e discernimento bene/male ?
    “fuggi? e come si fa a fuggire se prima tu pastore non dici al penitente: “Ecco, ti mostro e ti spiego la gravità enorme del tuo peccato al cospetto DELLA SANTITA’ DI DIO, che hai offeso, abusando dei suoi doni e della sua misericordia, disprezzando gli aiuti della Grazia, per leggerezza o per superbia ecc.” ?
    Dovrebbe caso mai indicare ai sacerdoti COME far riconoscere ai fedeli le occasioni di peccato, le tentazioni da fuggire, con quella delicata (delicata, quindi senza addentrarsi nei torbidi dettagli del male) sapienza pedagogica che i pastori d’altri tempi avevano, v. Santo Curato d’Ars, S. Alfonso M. dei Liguori, S. Giovanni Bosco e tanti altri santi pastori che oggi NON SI VOGLIONO NE’ RICORDARE, nè nominare
    (associati forse nella tacita damnatio memoriae a quella di regime contro lo zelante vescovo custode della Fede cattolica, missionario e pastore di anime che fu Mons. Levebvre, come se non fosse mai esistito: scorderemo TUTTI i santi sacerdoti vescovi e papi, cancellando dalle memorie ottuse e ben”lavate” dalla propaganda conciliare l’intera storia ecclesiale, di santità e custodia della Fede vissuta in 19 secoli, come i catto-protestanti qui reclamano, la Chiesa bimillenaria deve andare al macero, Lutero lo vuole e il cv2 benedice)
    ma proprio un bell’insegnamento cattolico, da vero pastore del Gregge di Cristo, non c’è che dire !

    • Lt scrive:

      però, come si vede fare da tre mesi, un “insegnamento” lanciato, buttato lì come viene viene, con una specie di nonchalance, in bocca ai media che facciano da rilanciatori sulle folle multicredenti, che se lo prendono a volo e rimasticano a loro piacimento…..perchè si sa che è un discorso “versatile”: adatto a tutti i gusti e tutti i palati, specie a quelli dei credenti “a modo loro” = atei e protestanti pratici…
      un input vago e allusivo, che dice di tutto un po’ -toccata e fuga e mai niente di preciso e chiarificatore- come al solito in forma sommamente AMBIGUA, in modo che si possa interpretare come ognuno vuole, in modo da poter dire, se sorgessero contestazioni, “ma io non ho spinto la gente alla ignoranza, sono loro, gli ascoltatori confusi che hanno capito così!”;
      abilità di buttare sassi nello stagno già torbido della gran confusione di coscienza, per intorbidarlo ancora di più, poi ritirare la mano e vedere l’effetto che fa, non ritenendosi responsabili della confusione che aumenta….
      tanto ha detto delle cose “a braccio”, perchè vogliamo dargli tanto peso ?
      ognuno si regoli come vuole, risponda di sè e delle proprie conoscenze e DECISIONI morali ! il supremo pastore che c’entra con le nostre coscienze ? nulla, proprio nulla: lui parla secondo il suo “stile”, poi tocca a noi agire, senza far riferimento alle sue parole….(sì o no? chi lo sa!)

      perchè dopo certe parole MULTI-significanti, tantissimi si guarderanno tra loro sbigottiti e si chiederanno:
      “ma che avrà voluto dire?….”
      e uno dirà:”Ecco, te lo spiego io:……(spiegazione A)”
      e un altro dirà: “Noo, non è come dici tu…..in parte sì, però….(spiegazione B)”
      “Ma che avete capito! ora ve lo dico io…..(SpiegazioneC)”
      e così via……in un marasma di confusione generale, quanto alla retta Dottrina, (e conseguente MORALE CRISTIANA, del tutto stravolta, ( visto che ognuno traduce a modo suo i precetti della Chiesa, NON PIU’ INSEGNATI DAI PASTORI) che sta ingigantendo, travolgendo come un ciclone la Fede dei piccoli, spegnendo le poche certezze che alcuni conservavano……caos e maremoto quale mai la Chiesa aveva visto al suo interno, favorite dal Soglio di Pietro!
      questa è la più grande tempesta della Chiesa, prevista da S. Giovanni Bosco nel suo “sogno delle due colonne”, che durerà, temo, ancora diversi anni, se Dio non ci mette uno “stop” definitivo, per mezzo della Sua Madre Immacolata, come promesso in numerose apparizioni a mistici e Santi nei secoli antichi e recenti.

  96. mauro scrive:

    Cara Mimma,

    Per uscire da qualcosa è indispensabile esservi dentro! Lei ha grossi problemi se mi chiede di uscire!

    Lei ha postato la classica testimonianza della persona irresponsabile che crede di aver unicamente diritti, e nessun obbligo, a fronte di una scelta che ha liberamente fatto.
    Eppure il cristianesimo insegna che se si dovesse rinnegare la libera scelta di affidarsi Dio non vi è alcuna possibilità di pentirsi e ciò porta a non poter piu’ rientrare nella grazia di Dio, escludendosi in tal modo dalla possibilità di ottenere la vita eterna. Da ciò appare evidente che scegliere Dio porti a vincolarsi a Lui per tutta la vita per ottenere quella vita eterna promessa. Di che ha da lamentarsi quella tal Marinica se quel vincolo è così ferreo quanto è stata la sua libera scelta e volontà a renderlo indissolubile? Si deve credere che entrando a far parte dei Tdg abbia scelto Buddha, Visnu’ od altri?
    E perchè lamentarsi se i Tdg le chiedevano di ripensarci (ravvedersi) quando quel suo rifiuto le avrebbe impedito di beneficiare della vita eterna?
    Marinica è talmente irresponsabile che fa scrivere agli avvocati e ciò va ad attestare il rifiuto definitivo e pubblico di Dio e per tal motivo viene abbandonata da nonni amici etc., tutti appartenenti ai Tdg.
    Ma cara, Mimma, anche i cattolici, protestanti, ortodossi, etc.,dovrebbero abbandonarla, evitarla, per quel suo rifiuto pubblico di Dio, in quanto appartengono tutti al cristianesimo, tutti sventolano la stessa bandiera.

    Lei no, per quel presentarla come un’eroina.

    • Mimma scrive:

      @Mauro
      La racconti ai polli che credono nella “strategia teocratica” che vi assolve da ogni menzogna. Stia bene.

      • mauro scrive:

        Vi è un’unica scelta di Dio e quella tale Marinica l’ha fatto entrando a far parte dei Testimoni di Geova secondo le tradizioni famigliari. L’ha rifiutata pubblicamente e dunque è fuori dal Cristianesimo, ed è in tal senso pagana.

        Gliel’ho scritto qualche settimana fa che il cristianesimo non è per lei in quanto è evidente che lei si è costruita una religione a sua immagine e somiglianza, ovvero senza doveri e solo diritti, esattamente come le insegna la Chiesa Cattolica che carica di doveri chi non ha alcun rapporto con il Cattolicesimo.

        • gibici scrive:

          Cara Mimma,
          Mauro ci da’ lezioni di cristianesimo.
          Da ridere, se non fosse che non si rende conto della sua radicale ignoranza.

          • mauro scrive:

            Caro Gibici,

            Già, lei conosce il cattolicesimo che non ha ben poco a che fare con il cristianesimo così come anche lei è di quelli che credono che i Tdg, i protestanti, gli ortodossi, etc. si affidino a Budda, Visnu’ od altri a piacere suo.

          • Teobaldo scrive:

            Mauro suvvia…. mi meraviglio che lei abbia detto al gbc platealmente protestante….che conosce il cattolicesimo …. voi state facendo una parodia, e fate finta di essere contro uno con l’altro, in realtà appartenete alla stessa matrice….. è lapalissiano!!!

  97. giovannino scrive:

    La penosa lettura dei commenti pseudotradizionalisti , mi conferma sempre più nella convinzione che costoro hanno tradito il messaggio di Gesù e soffocato la Sua voce nella loro coscienza. Ogni volta che il Papa fa qualcosa a imitazione di Cristo piovono critiche e lamenti . Ci vuole una bella faccia tosta a sostenere che colui che , almeno secondo loro , sarebbe il vicario di Cristo , non può comportarsi con umiltà e misericordia come Gesù , ma deve dimostrare orgoglio e potenza come un Re di questo mondo. Sono secolarizzati , per di più di un secolo passato , e hanno la faccia di tolla di dire che combatterebbero il secolarismo. Come il Grande Inquisitore di Dostojevskij , non credono nel Vangelo , ma “credono” in una religione terrena che sia strumento di potere, di manipolazione delle coscienze e di sottomissione delle masse. Il fatto che trovino appigli alle loro argomentazioni in documenti e atti della chiesa cattolica del passato , getta evidentemente gravi ombre sulla stessa. Se la chiesa gerarchica fosse stata fedele a Dio , come avrebbe potuto generare questi traditori ? Se davvero costoro sono interpreti autentici del pensiero di Pio X ( spero di no) , allora è evidente che ci sono errori nel magistero preconciliare . Sta dunque a chi crede nella continuità , dimostrare che questi traditori non sono veri seguaci di Pio X . Diversamente sarà inevitabile un riesame critico di certe posizioni del magistero passato , come corollario del giudizio sullo scisma pseudotradizionalista.

    • Lt scrive:

      1) chi sono i VERI tradizionalisti e chi sono i FALSI ?

      2) TUTTO E’ VERO
      TUTTO E’ FALSO
      TUTTO E’ OPINABILE;

      NON esiste una verità oggettiva e assoluta, tale che TUTTI si debbano inchinare ad essa.
      A nessuno è concesso di DISTINGUERE BENE/MALE, VERO/FALSO,
      LEALE/TRADITORE:
      come Tizio dice a Caio: “tu se traditore”,
      ANCHE Caio può dire a Tizio: “sei tu il traditore, PARI PARI A ME!”
      E’ vero questo che ho detto ?

      SE ciascuno ha la SUA VERITA’ personale,
      (v. scuola Assisi1-2-3)
      ne consegue che TUTTE LE DIVERSE VERITA’ devono essere rispettate ed avere PARI cittadinanza nel mondo e nella Chiesa, visto che la Chiesa (dal 1962 in poi) abbraccia TUTTO IL MONDO e TUTTI i modi di pensare.
      E’ vero o falso questo ?

      Da 50 anni, e specie nel prec. dpontificato, ci hanno rintronati dicendo:

      “Nella Chiesa c’è POSTO PER TUTTI, senza differenze”,
      quindi: per santi e peccatori, veritieri e menzogneri, grano e zizzania, ortodossi ed eretici, VERO E FALSO credente, IN PAR CONDICIO, buoni fidati e traditori;
      e allora egregio amico,
      se c’è posto per TUTTI nella barca, traditori compresi, visto che state sempre a straparlare di misericordia smisurata (PRIVA DI GIUSTIZIA)
      ne consegue che anche i traditori devono essere accolti e rispettati nella Chiesa,
      COSì COME SONO, secondo logica dell’INCLUSIVITA’ illimitata !
      esattamente come accogliamo coi barconi tutti quelli che vengono, anche se sono criminali, a braccia aperte, senza alcuna paura, nè precauzione nè diffidenza nè controlli.

      Se Dio ama e accetta TUTTI COME SONO, allora qui dentro tutti devono accetttare tutti, così come sono, senza giudicarli nè capire chi sia vero e chi sia falso.
      Non eravate voi conciliaristi che sproloquiavate di “accogliere, non criticare nessuno ecc.” ?
      E allora, un po’ di coerenza, per favore.

      Tutti vanno bene come sono, i PALETTI TRA BENE E MALE non esistono, sono miti del magistero sbagliato arcaico pre-conciliare !

      OK ?
      tutto OK. Io so no Ok, tu sei Ok.
      Dov’è il problema ?

      • Lt scrive:

        correggo:

        . Io sono Ok, tu sei Ok.
        tuttovabenmadamalamarchesa, lodiceilgranconcilio !

        ma andava bene lo stesso, ANCHE con l’errore di digitazione ovviamente: TUTTO va bene, QUALSIASI COSA uno stia affermando, in nome dell’onni-inclusività:
        l’ERRORE NON ESISTE
        IL MALE NON ESISTE,
        IL PECCATO NON ESISTE;
        giusti e sbagliati, siamo TUTTI dentro la grande chiesa planetaria INDIFFERENTISTA !
        visto inoltre che state sempre a predicare che anche Giuda stava tra i discepoli, o no ??

        Dunque in futuro si vedrà chi venderà il Corpo Mistico di Cristo ai crocifissori per trenta denari:
        lo vedremo tra pochissimo tempo, non vi annoierete ad aspettare molti anni….

        • Teobaldo scrive:

          Bravissimo Lt!!!

          CONCORDO!!!

          Questi novi ovi evangelizzati, che son tutti protestanti, avrebbero la pretesa di insegnare la religione cattolica ai cattolici e in più decidere , chi sia vero e chi sia falso, in base alla loro eretica religione …..

          cose dell’altro mondo….solo che come ha ben sottolineato lei….questi novi ovi evangelizzati protestanti modernisti scismatici ed eretici, parlando di accoglienza, pace unità ….dicevo….. accolgono tutti tranne chi difende la Tradizione.

          E osservo con meraviglia, che quando vi è qualcuno che difende la Tradizione Cattolica, chi conosce la Storia della Chiesa, viene accusato di essere scismatico eretico come la fsspx…..

          non manca post, dove viene nominata invano, la fraternità e il suo benemerito fondatore….

          paludono agli eretici come il gallo e altri fac simil che sono alloggiati, promossi ed ossequiati, da questa nova chiesa postconciliare VATICANOSECIONDISTA che NON E’ CATTOLICA Apostolica Romana…come ci insegna la Storia, senza parlare di Tradizione…basta solo la Storia….

          questo Bergoglio…..se penso a Papa Innocenzo III, apparso tra le fiamme, perchè ha mancato di chinarsi ….al Credo…… Bergoglio, che evita il segno della Croce e non si inginocchia davanti al Sacramentato….. ben tremo per lui al sol pensiero….

          Inoltre, ho visto foto VERE dove costui si fa benedire dagli eretici e scismatici…. e qui in ginocchio…..come, al Giovedi’ Santo, si è inginocchiato per ben 12 volte per baciare i piedi a islamici e altri diversamente credenti….

        • Eremita scrive:

          Aspettando Godot.

          • Eremita scrive:

            Questo blog è meglio di un romanzo di Don Brown.

          • Teobaldo scrive:

            Quest’anno pare che le cavallette siano in minor numero….spero lei eremituccio, ne abbia fatto scorta…vedo che è un po’ agitatello….

            altrimenti, si nutra di ghiande…cambiar dieta, male non fa…..

        • minstrel scrive:

          Mizzega, sembra di essere tornati a Protagora vs Platone, solo che loro dibattevano con argomenti seri e convincenti.
          Partiamo dall’assunto principe lt: Platone FA DIRE A Protagora nel Teeteto che “tutte le opinioni sono vere” in modo da OBIETTARE poi che se tutte le opinioni sono vere , é vera anche l’ opinione che sostiene che non tutte le opinioni sono vere e , quindi , anche quella che sostiene che la tesi di Protagora é falsa.
          Ergo nessuno oggi, DA PROTAGORA IN POI (!), può dirsi relativista in modo tanto scemo.
          Dunque la Verità esiste, MA se esiste DEVE necessariamente ESSERE PIU’ grande dell’uomo poiché la verità NON E’ umana, ma sovra-umana. Appartiene anche all’uomo perché è essa, la verità che si identifica nel Divino che è l’essere per sé sussistente, è creata dalla Verità.

          La Verità esiste, ma nessun uomo può possederla poiché nessun uomo può possedere Dio tutto intero.
          Siamo d’accordo sull’assunto?
          Bon, allora rilegga le sue affrettate conlcusioni su ciò che nessuno qui pensa (nessuno eh!) e rifletta.

          Ah, visto che dico sempre che i vostri interventi sono carenti di fonti e quelli degeli altri si faccio il saputo fino in fondo e le metto una bellissima lettura, alè!

          “Penso che ci troviamo proprio in questa fase, in cui vediamo nella Chiesa solo ciò che è fatto da se stessi, e ci viene guastata la gioia della fede; che non crediamo più e non osiamo più dire: Egli ci ha indicato chi è la verità, che cos’è la verità, ci ha mostrato che cos’è l`uomo, ci ha donato la giustizia della vita retta. Noi siamo preoccupati di lodare solo noi stessi, e temiamo di farci legare da regolamenti che ci ostacolano nella libertà e nella novità della vita.

          Se leggiamo oggi, ad esempio, nella Lettera di Giacomo: «Siete generati per mezzo di una parola di verità», chi di noi oserebbe gioire della verità che ci è stata donata? Ci viene subito la domanda: ma come si può avere la verità? Questo è intolleranza! L’idea di verità e di intolleranza oggi sono quasi completamente fuse tra di loro, e così non osiamo più credere affatto alla verità o parlare della verità. Sembra essere lontana, sembra qualcosa a cui è meglio non fare ricorso. Nessuno può dire: ho la verità – questa è l’obiezione che si muove – e, giustamente, nessuno può avere la verità. E’ la verità che ci possiede, è qualcosa di vivente! Noi non siamo suoi possessori, bensì siamo afferrati da lei. Solo se ci lasciamo guidare e muovere da lei, rimaniamo in lei, solo se siamo, con lei e in lei, pellegrini della verità, allora è in noi e per noi. Penso che dobbiamo imparare di nuovo questo «non-avere-la-verità». Come nessuno può dire: ho dei figli – non sono un nostro possesso, sono un dono, e come dono di Dio ci sono dati per un compito – così non possiamo dire: ho la verità, ma la verità è venuta verso di noi e ci spinge. Dobbiamo imparare a farci muovere da lei, a farci condurre da lei. E allora brillerà di nuovo: se essa stessa ci conduce e ci compenetra.”

          Ratzinger, Joseph – Benedetto XVI. Omelia della Santa Messa a conclusione dell’incontro con il “Ratzinger Schulerkreis”, 2 settembre 2012

          • Teobaldo scrive:

            Mizzega, sembra di essere tornati a Protagora vs Platone, solo che loro dibattevano con argomenti seri e convincenti.
            ——

            il solito minestrone che si da manica di conoscere la filosofia….si, quella RIVEDUTA DAGLI AMBIENTI PROTESTANTI quelli che il minestrone è solito, nutrirsi…..

            così come, le nuove traduzioni bibliche, tipo la Tob, rivedute da chi? ma dai protestanti ovvio….

          • minstrel scrive:

            Studio in questo periodo su Vanni Rovighi e Barzaghi OP.
            Includa anche questi scolastici nel suo elenco nero, caro papa teobaldo.

            Piuttosto, come mai passa con nonchalance dall’ambito filosofico a quello di critica testuale parlando della Tob? D’accordo voli pindarici, ma da uno che parla facendo la morale sui minestroni mi aspetterei più coerenza.
            Mi resti sul pezzo papa teobaldo e vedrà che le sue blog-encicliche potrebbero riceverne giovamento.

          • Teobaldo scrive:

            oh, il minestrone….. pare che ella, malgrado faccia intendere di leggere e di studiare….. in realtà stia solo mescolando di tutto e di più…..

            veda caro minestrone se fossi papa, quelli come lei saprei come farle abbasare la cresta, punto primo…

            2) il minestrone che si da manica di filosofo e di studiare la scolastica…purtroppo di scolastica non ne emette mai…. eh! si vede che il campione della insipienza che si da manica di saputo…..come ho già sottolineato, usa libri RIVEDUTI E RITRADOTII IN LINGUA PROTESTANTE…. proprio come la Tob….

            che non sapeva che la Tob, contiene parecchie RITRADUZIONI bailame protestanti?

            Uh….che peccato …. come son dispiaciuto….

          • minstrel scrive:

            Ma lei è già papa di sé stesso, il fatto che la mia cresta sia ancora luccicante non dipende dal fatto che non lo è, ma dal fatto che disputa in modo incoerente e ad hominem pertanto non disputa affatto.

            Quanto alla Tob: non sapevo semplicemente che lei, oltre all’infallibilità pontificia, avesse anche i titoli di filologo specializzato in ecdotica.

            Brao.

          • Teobaldo scrive:

            uh …minestrone caro…. vada con dio il suo dio …ovviamente…che certo , NON quel Dio che ha fondato la Chiesa Una Santa Cattolica Apostolica….

            quanto alla Tob…mio caro non serve essere esperti in ecdotica…..basta guardare le RITRADUZIONI …e saper leggere e scrivere…. quello che a quanto pare, non sa fare lei, che accusa me di non portare argomentazioni valide…saranno valide le sue…..

            vediamo se indovina….. libro di Ester….. nella Bibbia Ufficiale Catolica Apostolica Romana ante cv2 vi è un solo libro di Ester tradotto dalla Vulgata che a sua volta era parte dei Settanta…. mentre nella Tob è stato aggiunto il testo di Ester della tradizione ebraica….. con le solite spiegazioni che immancabilmente finiscono a denunciare l’ antisemitismo…..per favore…un po’ di serietà….

            il cv2, e chi l’ha voluto ha imposto questo dogma….. antisemitismo …..parolina magica…. come se i semiti fossero solo gli ebrei….. studi la geografia mio caro che le farà un gran bene!!!

            stia bene minestrone …..che si crede pure filosofo……

          • minstrel scrive:

            Ester nella TOB è in doppia traduzione, non manca nulla anzi c’è di più.
            Poi se lei è pure esperto in ebraico antico biblico, ‘zzo mi inchino alla grande!

            Ma che poi… chemmefrega.

          • Teobaldo scrive:

            minestrone non faccia il solito minestrone…se fosse stata più ricca, l’avrebbero inclusa a suo tempo i Settanta e la Vulgata…o vuole insunuare che S. Girolamo era un poveretto?

            vada a raccogliere pomodori, invece di fare l’esegeta…..e pensi alla sua congrega invece di fare inutili sofismi e sembrare anche dotto….

            questi protestanti…se avessero più rispetto verso i Cattolici , incominciando a non pensare di poter raccontare tutto quello che volete….sicuri come siete della vostra ‘superiorità’ come lo e sempre stato nei secoli

            non a caso le nazioni protestanti quali la Germania e altri paesi nord europei…hanno degli Italiani una concezione di inferiorità….

            poveretti…..la Storia vi ha già giudicati.. Storia vera non quella che viene imposta a scuola ….

          • minstrel scrive:

            0_____0

          • Teobaldo scrive:

            ma come senza parole minestrone? lei così ‘dotto’ così ‘addentrato’…. …. ohibò è caduto un ‘mito’……

            il libro di Ester della tradizione ebraica ha arricchito…. e S. Girolamo che non lo ha NEMMENO CONSIDERATO ….. era un analfabeta ……

            questi protestanti, si son messi in testa di insegnare ai Cattolici come essere dei Cattolici…. loro si che son maestri…..e con ciò il cv2 da 50 anni prepara ‘preti’ protestanti…e a buon titolo, dunque dal cv2 in poi si parla nova ova evangelizzazione….SIC!!!!

          • minstrel scrive:

            “L’opera    ci    è    pervenuta    in    una ver sione ebraica breve che, secondo la maggioranza degli studiosi, costituirebbe il testo originale. Ma esiste anche una versione greca molto più lunga che traduce liberamente l’ebraico e vi inserisce sei ampie aggiunte. Questo testo greco è giunto a noi in due forme alquanto differenti: (1) il testo dei LXX (o testo B), relativamente fedele a quello ebraico; (2) il testo A, un tempo considerato la recensione lucianica dei LXX, ma oggi riconosciuto come una traduzione greca indipendente, probabilmente da un altro originale ebraico. Gerolamo aveva segnalato nella Vg le aggiunte del testo greco, riunendole però tutte insieme in appendice. Questi brani sono stati ora rimessi al loro posto e indicati con lettere maiuscole (l’uso scientifico oggi comune) e in margine sono indicati i riferimenti alla Vg. (II) Canonicità.
            Il giudaismo ha accettato so lo la parte corrispondente al testo ebraico, e dopo notevoli esitazioni, probabilmente perché la storia manca di elementi religiosi. Questa motivazione può anche spiegare l’assenza di testi di Ester a Qumran. Le aggiunte greche furono dichiarate canoniche dal Concilio di Trento, ma vengono elencate tra gli apocrifi nelle bibbie protestanti.
            [...]
            È universalmente riconosciuto che le aggiunte greche sono un commento religioso e devozionale, dovuto alle convinzioni di fede e alla fertile immaginazione di traduttori/autori successivi. Focalizzando Dio come salvatore, esse spostano radicalmente il centro dell’attenzione del racconto originale, che era puntato su Mardocheo ed Ester. Inoltre ampliano notevolmente gli orizzonti della narrazione, dandole una prospettiva apocalittica con il sogno di Mardocheo che dà inizio al racconto e l’interpretazione di quel sogno che lo conclude; il racconto assume in tal modo proporzioni cosmiche.”

            Raymond E. Brown, S.S. Union Theological Seminary, New York, NY Joseph A. Fitzmyer, S J. (emerito) Catholic University of America, Washington, D.C. Roland E. Murphy, O. Carm. (emerito) The Divinity School, Duke University, Durham, NC, Nuovo grande Commentario Biblico, Seconda Edizione, Brescia, Queriniana pp. 751 -752

          • Teobaldo scrive:

            e il minestrone…posta cosa?

            spiegazioni che a lui sembrano rilevanti….si dal pun to di vista protestante.

            Ora, caro il minestrone, come al solito ha dimenticato di SOTTOLINEARE UN FATTO … anzi il FATTO….OSSIA CHE S. GIROLAMO SE NON L’HA INCLUSO , e così nemmeno TUTTI GLIA LTRI GRANDI Traduttori PRECONCILARI… il motivo è che di quella versione ebraica…non è stata nemmeno considerata canonica ….

            bravo minestrone, protestante…e lui crede di essere credibile, per via di inserire qualche citazione, tra l’altro molto discutibile….sia dal punto di vista storico, culturale che dottrinale…. primo fra tutti il NON INSERIMENTO da parte di S. Girolamo… remember? lo spieghi su…. lo dica che S. Girolamo era un mentecatto…su che aspetto!!!

          • minstrel scrive:

            “The Greek Septuagint (LXX) text is much longer than the Hebrew text because of numerous additions.
            St. Jerome, in translating the Vulgate, followed the Hebrew version, then translated the Greek additions, which he added to the end of the book. According to the Vulgate numbering, which the Douay follows, these Greek additions
            extend from 10.4 through 16.24. The CCD version, however, gives these sections in the order in which they are found in the LXX but designates them with successive letters of the alphabet, with Arabic numerals for the verses, in order to avoid disturbing the regular chapter
            and verse enumeration. The major sections are as follows: Mordechai’s dream and his discovery of a plot (A.1–17; placed before 1.1); the edict sent out by Haman (B.1–7; placed between 3.13 and 3.14); the prayers of Mordechai and Esther (C.1–30) and Esther’s reception by the king (D.1–16; placed after 4.16); the king’s edict protecting the Jews (E.1–24; placed between 8.12 and 8.13); and the epilogue (F.1–11; placed at the end of the book). These different recensions seem to reflect successive stages in the development of the story arising from popular Jewish tradition. The Greek additions (midrashic amplifications;
            see MIDRASH) spiritualize the nonreligious tenor of the more primitive Hebrew text. Even with these additions the largely secular tone of the book and its almost savage nationalism contrasts unfavorably with the far more elevated and religious atmosphere of the Book
            of Judith.
            [...]
            Canonicity of the Greek Additions. Jerome and
            other Fathers questioned the authenticity of these passages. However, because of the influential position of the LXX, the Greek text with these deuterocanonical additions gradually won acceptance in the Christian Church. The Council of TRENT proclaimed the canonicity of the whole book as contained in the Vulgate.
            Bibliography: Encyclopedic Dictionary of the Bible, tr. and adap. by L. HARTMAN (New York 1963) 690–693. J. CHILDENBERESTHER GER, Lexikon für Theologie und Kirche, ed. J. HOFER and K. RAHNER, 10 v. (2d, new ed. Freiburg 1957–65); suppl., Das Zweite Vatikanische Konzil: Dokumente und kommentare, ed. H. S.
            BRECHTER et al., pt. 1 (1966) 3:1115–16. H. BARDTKE and W. WERBECK, Die Religion in Geschichte und Gegenwart, 7 v. (3d ed. Tübingen 1957–65) 2:703–708. A. ROBERT, ‘‘Historique (Genre),’’ Dictionnaire de la Bible, suppl. ed. L. PIROT, et al. (Paris 1928–) 4:20–23. A. BARUCQ, tr., Esther [Bible de Jérusalem, 14 (Paris 1952)]. L. SOUBIGOU, La Sainte Bible, ed. L. PIROT and A. CLAMER,
            v.4 (Paris 1952). B. W. ANDERSON, ‘‘The Place of the Book of Esther in the Christian Bible,’’ Journal of Religion, 30 (Chicago 1950) 32–43. H. RINGGREN, ‘‘Esther and Purim,’’ Svensk exegetisk a°rsbok 20 (1955) 5–24.
            [E. A. BALLMANN]

            ESTHER, BOOK OF, New Catholic Encyclopedia, II edition, pp. 372 – 373

            oh… è troppo giovane, inquinata dal vomito del Vaticano II… rimediamo.

          • minstrel scrive:

            St. Jerome, finding them in the Septuagint and the Old Latin version, placed them at the end of his almost literal translation of the existing Hebrew text, and indicated the place they occupied in the Septuagint. The chapters being thus rearranged, the book may be divided into two parts: the first relating the events which preceded and led up to the decree authorizing the extermination of the Jews (i-iii, 15; xi, 2; xiii,7); the second showing how the Jews escaped from their enemies and avenged themselves (iv-v, 8; xiii-xv).

            The Book of Esther, thus taken in part from the Hebrew Canon and in part from the Septuagint, found a place in the Christian Canon of the Old Testament. The chapters taken from the Septuagint were considered deuterocanonical, and, after St. Jerome, were separated from the ten chapters taken from the Hebrew which were called protocanonical. A great many of the early Fathers clearly considered the entire work as inspired, although no one among them found it to his purpose to write a commentary on it. Its omission in some of the early catalogues of the Scriptures was accidental or unimportant. The first to reject the book was Luther, who declared that he so hated it that he wished that it did not exist (Table Talk, 59). His first followers wished only to reject the deuterocanonical parts, whereupon these, as well as other deuterocanonical parts of the Scriptures, were declared by the Council of Trent (Sess. IV, de Can. Scripturæ) to be canonical and inspired. With the rise of rationalism the opinion of Luther found many supporters. When modern rationalists argue that the Book of Esther is irreligious in character, unlike the other books of the Old Testament, and therefore to be rejected, they have in mind only the first or protocanonical part, not the entire book, which is manifestly religious. But, although the first part is not explicitly religious, it contains nothing unworthy of a place in the Sacred Scriptures . And any way, as Driver points out (Introduc. to the Lit. of the Testament), there is no reason why every part of the Biblical record should show the “same degree of subordination of human interests to the spirit of God “.

            http://www.catholic.org/encyclopedia/view.php?id=4379
            From Volume 5: 1909

          • Teobaldo scrive:

            lo sa minestrone che lei è veramente comico?

            comunque a scanso di equivoci…. lei come voltaire fa uso di erbacce….. infatti voltaire diceva che il libro di Tobia ..tra cui è inserito anche Ester di S. Girolamo…che non erano Canonici…..

            il resto son chiacchiericci tra pseudo cultori di bibbia….. sa prima la storia poi tutto il resto….le chiacchiere a casa mia stanno a zero…come a zero stanno i suoi discorsi da, protestante taizeiniano.

            staia bene….

            ma non si preoccupi oggi e più sotto riprenderò il discorso…

          • minstrel scrive:

            Lo riprenda quanto vuole, ma se mette opinioni sue credo che sarà solo tempo sprecato visto che nemmeno la leggerò.
            Se cita fonti spero solo siano autorevoli quanto quelle qui sopra postate.

          • Teobaldo scrive:

            Se cita fonti spero solo siano autorevoli quanto quelle qui sopra postate.
            —-

            autorevoli per chi per lei?

            mi faccia il piacere…… si vede cosa ha postato finora….. e per farla breve….io non gurdo le DATE deilibri….MA IL CONTENUTO ….. mio caro minestrone…..

            poi la smetta di fare il saputello, pseudo filosofico, inceramente ha rotto le scatole…con questa sua immagine da verginella scalza….

    • timorato scrive:

      x Giovannino

      quindi il vero interprete del Cristianesimo sarebbe lei e i suoi compagni che vi impegnate a seminare il dubbio sulla Chiesa preconciliare?
      Non sa che il “POTERE ” appartiene a Dio? E non sa che il Papa quale Vicario di Cristo, deve esercitare anche il potere?

    • murmex scrive:

      Benissimo,lei ipotizza che ci possano essere errori nel Magistero preconciliare,che in quanto univoco e concorde con tutto l’insegnamento millenario della Chiesa non può contenere errori,e poi dogmatizza,contraddicendo Giov. XXIII,il pastorale conc.Vat.II.Ma si accorge della sua illogicità?

      • Teobaldo scrive:

        No, cara Murmex….questi son convinti che, noi VERI Cattolici Apostolici Romani siamo un’accozzaglia puzzolente di idioti… che non sappiamo distinguere il bene dal male gli impostori dalle persone sagge e sincere…..

        pensano di poter imbottirci di c…e, bestemmie storiche e dottrinali, così impunemente …. e altresi, si son messi intesta di insegnare a noi come essere dei Cattolici….. lupi che faranno la fine, del compare lupo, narrato nella fiaba di Cappuccetto Rosso!!!

        questi sono i protestanti di ogni risma e fazione, compresi gli ortodossi, che nelle loro nazioni a maggioranza, trattano i cattolici a pesci in faccia…. tal quali i protestanti quì presenti….

        infatti costoro son quelli che voglionoi la che sia messo in atto al più preso l’eresia della colleggialità!!!.

        • Mimma scrive:

          …che finezza di linguaggio eccellenza…!

          • Teobaldo scrive:

            e la papessa protestante, malgrado le evidenze, e dopo aver profuso insulti a destra e a manca ….parla di finezza di linguaggio….

            papessa.. si rintani nella sua setta protestante, pro ‘preti’ sposati e impari a fare la calzetta….

          • Mimma scrive:

            Visto l’accanimento per l’argomento ,eccellenza ci lascia presagire un qualche rimpianto… ma ormai alla sua età…. si rintani lei in cappellina e pieghi le ginocchia e il cuore davanti al suo Creatore al posto di giudicare tutto e tutti.

        • murmex scrive:

          Aggiungo,caro Teobaldo,che il domenicano p Barzaghi ,bolognese,è illustre esponente ,al pari della storicistica scuola di Bologna(Dossetti,Alberigo,ora Melloni,che naturalmente imperversa in TV)della c. d. ERMENEUTICA DELLA ROTTURA ,stigmatizzata dal pur timido papa Benedetto

          • minstrel scrive:

            Anche se fosse (e non lo so poiché non mi è mai interessato cosa pensasse Barzaghi su questo fronte), mi spiega cosa centra? Questo è il classicissimo errore ad hominem poiché si cerca di contrastare un argomento, screditando la persona per altro su un fronte che non attiene l’argomento stesso.
            Infatti non potrebbe attenere l’argomento stesso. L’unico che qui cita Barzaghi sono io e io lo cito SOLO per argomenti filosofici e non di interpretazione magisteriale o di dogmatica.
            Argomentazione fallace.
            Commento inutile.

  98. CRISTIANOTRIESTE scrive:

    Dan Brown non ha previso le chierichette e la danza liturgica.

    • macv scrive:

      Ma la realtà della Chiesa cattolica odierna supera di gran lunga la scarsa fantasia di Dan Brown e di qualunque romanziere anche di fantascienza!
      Quale romanziere avrebbe potuto inventarsi un maggiordomo pontificio che ruba la corrispondenza del Papa e pure una PEPITA D?ORO dicendo di” fare la spia per conto dello Spirito santo?
      Oppure il presidente della CEI Cardinale Bagnasco che , dopo essersi fatto zittire e fischiare dall’assemblea, da’ la comunione a un trans dichiratamente buddista duranti i funerali di un prete dichiaratamente comunista al suono di bella Ciao e col contorno di pugni chiusi?
      Oppure un Papa che si rifiuta di stare negli appartamenti papali? e via discorrendo…La realtà supera sempre la fantasia….

    • murmex scrive:

      Appunto,Minstrel,lei cita fonti che,oltre a essere inficiate da una visione storicistica,di rottura,(già condannata)non sono fonti magisteriali,sulle quali unicamente (e aggiungerei i Santi e Dottori)ci si può basare per una argomentazione seria.Se no il discorso non approda a nulla

  99. gibici scrive:

    Bentornato Minstrel,
    e buona giornata!
    Non mi sembra inopportuna citazione della decisione della chiesa caldea sulla gestione dei beni della chiesa, tratta dall’odierno Vatican insider:

    “D. Nel suo primo provvedimento da Patriarca, Lei ha congelato i fondi e i conti correnti della Chiesa. E poi ha creato una commissione di laici per la loro gestione. Perché è partito da lì?

    R.“Da quei fondi era sparito molto denaro. Ammanchi grossi. Sono state vendute anche case e proprietà della Chiesa, non si sa dove sono spariti i soldi, e la gente crede che siano finiti nelle tasche di chi gestiva quei beni. Vescovi e preti devono controllare, ma è meglio che l’economo non sia un sacerdote. Con quei soldi avremmo potuto comprare case per le famiglie che hanno più bisogno”.

    D. Anche su questo terreno avete operato scelte eloquenti…

    R. “Il vecchio edificio del seminario a Baghdad viene trasformato in un complesso di appartamenti per nuclei familiari in difficoltà economica. Avranno la casa gratuitamente per un anno, e poi dovranno pagare solo una piccola quota per la manutenzione. Noi dobbiamo annunciare il Vangelo, il nostro compito non è fare affari. Le cose economiche lasciamole a laici onesti, che possono fare meglio di noi”.

  100. il maccabeo scrive:

    Scusate l´Off-topic, ma mentre tutti si concentrano sullo Ior silenzio assoluto sui cristiani stuprati e uccisi in Siria da mesi e mesi ad opera delle “truppe di Liberazione” sostenute dall´Occidente.
    Gentilissimo Andrea, non sarebbe ora di parlarne, o di riparlarne nel caso fosse giá stato fatto, anche su questo blog?
    Su certe testate ci si preoccupa se una tataruga ha la polmonite, ma se 100.000 cristiani all´anno son massacrati in diversi paesi non se ne accorge nessuno?
    Che tristezza.
    Ultimo caso, Miriam, 15 anni, violentata piú volte e poi uccisa peggio di una bestia, secondo ” la fatwa emessa da Yasir al-Ajlawni – uno sheikh salafita di origine giordana, residente a Damasco – che dichiarava lecito per gli oppositori del regime di Bashar al-Assad lo stupro perpetrato ai danni di “qualunque donna siriana non sunnita” come risulta da: http://oraprosiria.blogspot.it/
    Buona lettura.

    • Teobaldo scrive:

      Carissimo Maccabeo…. ai cristiani uccisi, pare non glieni importi nemmeno al novo papa…..

      nemmeno al Bergoglio….che invece di Celebrare S. Messe OGNI GIORNO in suffragio a queste povere anime….preferisce celebrare una messa per e tra i ‘poveri’ clandestini, a Lampedusa….e magari tra questi, …ci sono coloro che hanno commesso gli atti denunciati…. e come se non bastasse, il Bergoglio, ama sproloquiare predicuzze INCOMPRENSIBILI E ORRIBILI…..

      Una vergogna tutta postconciliare, di questa nova ova chiesa, dove ogni giorno che passa, mi rendo conto CHE NON E’ CATTOLICA!!!

      e penso a Papa Innocenzo III, tra le fiamme….per non aver mai voluto chinare il capo durante la recita del Credo niceno in segno d’umiltà……

      • Eremita scrive:

        Un vicino mio sosteneva che gli extraterresti vivono fra di noi, ed ogni volta che poteva mi abbordava per indicarmi quali dei compaesani nostri erano probabili invasori alieni. Al principio cercavo di farlo rinsavire ragionandoci insieme, quando mi resi conto che non serviva a nulla ho cominciato a non seguirgli la corrente, e mi limitavo a qualche battuta. E’ quello che faccio in questo blog.

        • Teobaldo scrive:

          ehehe…. si si , ha ragione l’eremituccio….

          parla di extraterrestri… lui che si nutre di cavallette….

          a dire il vero, potevano farlo SOLO I VERI SANTI…. lei invece che santo non è, sta rappresentando a meraviglia i VERI marziani, gli impostori che si spacciano per quello che non sono…

          Infatti, lei ha descritto la trama del film….. alieni….i quali per riuscire a nutrirsi dei poveri umani, si travestivano da umani…..

          povero eremituccio dei miei stivali…. su su, si comporta almeno da eremita, altrimenti il suo travestimento non funziona…….. taccia, preghi studi….. ma che dico studi questo non sa manco c’ omè fatto un libro…..

        • Teobaldo scrive:

          gli alieni, che non sanno com’è fatto un libro, sono attenti all’ortografia….

          povero eremituccio, suvvia si rintani nell’eremosuo….. opps errore di ortografia…..

    • timorato scrive:

      ringrazio il Maccabeo per il suo intervento e mi unisco all’appello

    • Cherubino scrive:

      la cosa comica è che basta così poco per mostrare quanto siete falsi …

      AGI, 5 giugno 2013:
      http://www.agi.it/estero/notizie/201306051101-est-rt10066-siria_papa_rinnovo_con_forza_appello_pace_e_aiuto_profughi
      “Di fronte al perdurare di violenze e sopraffazioni rinnovo con forza il mio appello alla pace”. Papa Francesco ha pronunciato queste parole subito prima dell’Udienza Generale di oggi, incontrando i partecipanti all’Incontro di coordinamento tra gli Organismi caritativi cattolici che operano nel contesto della crisi in Siria e nei Paesi vicini, promosso dal Pontificio Consiglio “Cor Unum”.
      E il Papa grida, in Siria “tacciano le armi!”
      “Alla Comunita’ internazionale – ha poi aggiunto – accanto alla ricerca di una soluzione negoziale del conflitto, chiedo di favorire l’aiuto umanitario per i profughi e i rifugiati siriani, mirando in primo luogo al bene della persona e alla tutela della sua dignita’”. “La preoccupazione della Santa Sede per la crisi siriana e in modo piu’ specifico per la popolazione, spesso inerme, che soffre le conseguenze del conflitto, e’ ben nota”, ha aggiunto Francesco ricordando che “Benedetto XVI ha ripetutamente chiesto che tacciano le armi e che si possa trovare una soluzione nel dialogo per giungere ad una profonda riconciliazione tra le parti”. “Inoltre – ha ricordato – Papa Benedetto aveva voluto esprimere la sua personale vicinanza lo scorso novembre, inviando il cardinale Sarah in quelle zone, accompagnando tale gesto con la richiesta di “non risparmiare alcuno sforzo nella ricerca della pace” e manifestando la sua concreta e paterna sollecitudine con un dono a cui hanno contribuito pure i Padri Sinodali lo scorso ottobre”. “Anche a me personalmente – ha scandito Bergoglio – la sorte della popolazione siriana sta particolarmente a cuore. Il giorno di Pasqua ho chiesto pace ‘soprattutto per l’amata Siria, per la sua popolazione ferita dal conflitto, e per i numerosi profughi che attendono aiuto e consolazione. Quanto sangue e’ stato versato! E quante sofferenze dovranno essere ancora inflitte prima che si riesca a trovare una soluzione politica alla crisi?’”.

      SOSTENERE INIZIATIVE INTERNAZIONALI A FAVORE PACE

      “Vanno sostenuti i tentativi” per trovare una soluzione pacifica alla crisi della Siria. Lo ha affermato Papa Francesco subito prima dell’Udienza Generale di oggi, incontrando i partecipanti all’Incontro di coordinamento tra gli Organismi caritativi cattolici che operano nel contesto della crisi in Siria e nei Paesi vicini, promosso dal Pontificio Consiglio “Cor Unum”.
      “Nelle ultime settimane – ha detto – la comunita’ internazionale ha ribadito l’intenzione di promuovere iniziative concrete per avviare un dialogo fruttuoso con lo scopo di mettere fine alla guerra”. Per Papa Francesco, dunque “sono tentativi che vanno sostenuti e che si spera possano condurre alla pace”.

      LA CHIESA NON ABBANDONA CRISTIANI IN DIFFICOLTA’

      “Il pensiero del Papa va in questo momento anche alle comunita’ cristiane che abitano la Siria e tutto il Medio Oriente. La Chiesa sostiene quelle sue membra che oggi sono particolarmente in difficolta’ e che hanno il grande compito di continuare a rendere presente il Cristianesimo nella regione in cui e’ nato”, ha detto Papa Francesco incontrando, subito prima dell’Udienza Generale di oggi, i partecipanti all’Incontro di coordinamento tra gli Organismi caritativi cattolici che operano nel contesto della crisi in Siria e nei Paesi vicini, promosso dal Pontificio Consiglio ‘Cor Unum’. “E’ un nostro impegno – ha assicurato il Pontefice – favorire la permanenza di questa testimonianza. La partecipazione di tutta la comunita’ cristiana a questa grande opera di assistenza e di aiuto e’ un imperativo del momento presente”. (AGI) .

      • Teobaldo scrive:

        LA SANTA MESSA PUBBLICA QUOTIDIANA IN SUFFRAGIO DELLE ANIME DI QUESTI E ALTRI MOLTISSIMI MARTIRI CRISTIANI…..

        altro che le solite chiacchiere di circostanza…..

        i protestanti, non sanno più che cosa inventarsi per coprire la vergognosa farsa vaticanosecondista!!!

  101. CRISTIANOTRIESTE scrive:

    Nessuno si può occupare dei cristiani uccisi poichè uno dei dogmi della nuova chiesa conciliare è che gli uomini sono tutti, indistintamente, buoni e portati al bene.

    Non facciamo entrare in crisi la nuova religione per un migliaio di innocenti ammazzati curiamo piuttosto il dialogo e il prossimo raduno di Assisi.

    • Teobaldo scrive:

      Proprio così, caro Cristiano, proprio così…… e il Bergoglio, va ad incontrare abbracciare, baciare accarezzare….. clandestini che notoriamente son quelli che scappano dallepatrie galere e arrivano facendosi scudo di donne incinte e bambini….ma questo nessuno lo dice, malgrado sia stato più volte denunciato, da chi conosce e osserva la situazione.

      Che poi, basta guardarsi intorno….. nella realtà delle nostre città….. e anche in quelle europee….ogni giorno succedono cose terribili a causa di questi pseudo poveretti….. ma la tv di regime tace…..

      Così, dopo il GPII, fanatico proextracomunitari, colui che li festeggiava 4 volte all’anno, dando il via alla più massiccia penetrazione extracomunitaria nel nostro paese….. colui che ha baciato pure il corano….. ora abbiamo il Bergoglio che va a Lampedusa…… invece di CELEBRARE S. MESSE PUBBLICHE IN SUFFRAGIO DEI POVERI MARTIRI CRISTIANI DI TUTTO IL MONDO….. e mi ritorna in mente il Papa Innocenzo III, un grande Papa veramente cattolico….. tra le fiamme del Purgatorio…..

      • timorato scrive:

        ben detto caro Teobaldo, come possiamo continuare a vedere, questi falsi cattolici sanno inventare di tutto pur di giungere ai loro diabolici fini!

        Buona giornata e grazie ancora.

  102. timorato scrive:

    x cherubino in rif. post 8,40

    su non ci vuole la laurea per capire che si spenderanno milioni di euro per garantire l’incolumità del papa nei suoi viaggi!

    Mi può spiegare quale è la necessita di questo viaggio del papa a Lampedusa?

    • minstrel scrive:

      macché milioni, MILIARDI di euro!

      Ma che dico… fantastiliardi!
      No: cosmilioni!
      Anzi!

      “Quasi uno, quasi due, quasi tre, quasi quattro, quasi cinque, quasi sei”.
      “E’ troppo poco. Senti questi: uno stramilione di biliardoni, un ottone di millantoni, un meravigliardo e un meraviglione”.
      “Io allora inventerò una tabellina:
      - tre per uno Trento e Belluno
      - tre per due bistecca di bue
      - tre per tre latte e caffè
      - tre per quattro cioccolato
      - tre per cinque malelingue
      - tre per sei patrizi e plebei
      - tre per sette torta a fette
      - tre per otto piselli e risotto
      - tre per nove scarpe nuove
      - tre per dieci pasta e ceci.
      “Quanto costa questa pasta?”
      “Due tirate d’orecchi”.
      “Quanto c’è da qui a Milano?”
      “Mille chilometri nuovi, un chilometro usato e sette cioccolatini”.
      “Quanto pesa una lagrima?”
      “Secondo: la lagrima di un bambino capriccioso pesa meno del vento, quella di un bambino affamato pesa più di tutta la terra”.
      “Quanto è lunga questa favola?”
      “Troppo”.
      “Allora inventiamo in fretta altri numeri per finire. Li dico io, alla maniera di Modena: unci dunci trinci, quara quarinci, miri miminci, un fan dès”.
      “E io li dico alla maniera di Roma: unzi donzi tenzi, quale qualinzi, mele melinzi, riffe raffe e dieci”.

      Gianni Rodari – A inventare i numeri. Favole al telefono.

    • Cherubino scrive:

      QUINDI come supponevo, era solo la solita sparata.

      Che bisogno c’è che il papa si faccia prossimo agli ultimi ? Ha ragione … in fondo che bisogno c’era che la seconda persona della Trinità si facesse prossimo ai miserabili uomini di ogni tempo, colore della pelle, condizione sociale …

      • Teobaldo scrive:

        ecco il ‘cherubino’ e il minestrone all’opera…..

        IL PAPA DEVE REGGERE , CONFERMARE, CUSTODIRE LA FEDE …. non fare il crocerossino ….quello lo sanno fare anche le organizzazioni umanitarie massoniche….

        poveracci, questi protestanti….non sanno più cosa dire….

      • timorato scrive:

        e vuole paragonare il viaggio di un papa con la Passione e Morte di N.Signore ?

        Si vergogni!

        Forse il viaggio di un papa, dove si faranno solo chiacchiere e spese di milioni di euro (a suo tempo le sapro quantificare sia a lei che al verginale minstrel, i MILIONI SPESI) è davvero paragonabile alla Divina Redenzione? lei è davvero comico!

        E poi anche se fosse un solo centesimo, e sempre uno spreco e un peccato il farlo, specie se poi tutto servira a creare disordini e una cultura di iniquità che si preoccupa della fame dei lontani e non di quella dei suo figli!

  103. mauro scrive:

    Caro Teobaldo,

    mi permetta ma il suo credere che gibici ed io siamo protestanti può essere vero solo se solo se si intende che siamo quelli che protestano, ovvero hanno un’idea diversa ma poiché le idee di gibici e le mie non coincidono affatto se ne deve dedurre che il suo attribuire agli altri di essere protestante non abbia il significato religioso che lei intende.
    In breve lei attribuisce agli altri una identificazione fuorviante per il solo gusto di porsi al di sopra, essere a tutti superiore e lo sta a dimostrare quel ritenere che facciamo, lui ed io, una parodia, quando è del tutto evidente che proprio per ciò che ha scritto ci ha estasiato con la parodia di sé stesso: “sono superiore a voi”, quando nel cristianesimo vi è un solo essere superiore a tutti gli uomini, Dio e gli uomini sono sono considerati su un piano di parità senza godere di alcun privilegio meritorio.

    • Teobaldo scrive:

      caro Mauro ciò che ho scritto riguardo lei, gbc e altri accoliti al seguito, ovvero che appartenete alla galassia protestante tra cui, sono annoverati i tdg è lapalissiano…… creda a me lasci perdere, il teatrino è evidente.

      stia bene

      • mauro scrive:

        Caro Teobaldo,

        Non fa che confermare quanto le ho scritto. Non c’erano dubbi tanto era evidente.

        Stia allegro che il Cielo l’aiuterà, prima o poi.

        • Teobaldo scrive:

          mauro caro….e il vostro teatrino protestante…..

          ma credete davvero che tutti i Cattolici Apostolici Romani, siano così idioti? …ma per favore…… meno supponenza e arroganza…..

          • mauro scrive:

            Caro Teobaldo,

            il suo dare del protestante agli altri non ha nulla a che vedere con il protestantesimo ma con suo ritenersi superiore agli altri e quindi in grado di capire.
            Se avesse capito la risposta che le ho dato su quel protestante e parodia, si sarebbe reso conto che insistendo va a confermare quanto le ho scritto.

          • Teobaldo scrive:

            senta mauro…non venga a spiegare a me cosa sia il protestantesimo….. a meno che lei non sappia nemmeno di esserlo….ma dubito assai….

            è fin troppo chiaro lei e i suoi amici appartenenti alla ciurma protestante, con a capoi la capo branco, in realtà fate finta di litigare…. è una tattica, per pilotare il discorso verso altro.

            Portare la mente ad un finto problema…per impedire che si parli di cose serie….

            strategia che si usa nei regimi.. ‘democratici’

            stia bene!!!

          • mauro scrive:

            Caro Teobaldo,

            Non le ho affatto spiegato cosa sia il protestantesimo ma che lei usa la parola protestante in modo illogico essendo questo un blog a carattere religioso. Quanto ai miei amici in realtà sono i suoi proprio perchè cattolici come lei e non si può non notare che bisticciate come degli anticristiani.
            Non c’è alcuna stragegia da parte mia, ma non funziona la sua di non capire un’acca di ciò che scrivo in quanto rimane sempre che non intende la minima parte delle mie risposte.

    • timorato scrive:

      x mauro

      ma Dio è presente nei Suoi Santi e tramite i Suoi Santi!

      Il Dio Cristiano non è un Essere astratto e lontano!

      La Liturgia cattolica canta: Benedetto Dio nei Suoi Angeli e nei Suoi Santi

      • mauro scrive:

        Caro timorato,

        sembra che anche lei non abbia mai letto il Vangelo. I santi sono coloro che si sono convertiti, persone viventi, e lo attestano le lettere degli apostoli.
        Santo dal latino sanctus, participio passato di sancire [da sanctus=sacro] corrisponde a prescrivere per legge o per precetto e propriamente è rendere sacro. E’ il battesimo, a fronte della conversione, che rende l’individuo sacro a Dio (ovvero connesso a Dio) e per tale ragione è santo.

        Comunque non ho inteso a cosa si riferisse la sua risposta e gradirei capire quale fosse il suo proposito.

  104. Cherubino scrive:

    forse dovremmo lasciare cuocere nel loro brodo avvelenato i vari spargi-fango e godere di notizie come quella della prossima canonizzazione di due colonne della Chiesa: i beati Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II.

    • Teobaldo scrive:

      si si …..’ cherubino’ protestante…… vedremo quando verrà santificato il GPII, cosa succederà…..

      l’Immacolata Concezione a Luordes….ci ha già fatto sapereche:

      19 gennaio 2012 l’Unitalsi porta le reliquie di GPII a Luordes….. non sono potute entrare ….la Grotta è stata sommersa dalle acque

      18 giugno 2013….. danno annuncio che è stato approvato il 2° e definitivo ‘miracolo’….per la ‘santificazione’

      la Grotta e il Santuario di Lourdes sommersi da metri di acqua…..

      e mi ritorna in mente, il Papa Innocenzo III, un grande Papa molto ortodosso, apparsdo tra le fiamme del Purgatorio, per non aver mai voluto chinare il capo durante la recita del Credo niceno in segno d’umiltà……

      • Eremita scrive:

        Non sapevo che tutte le volte che Dio si arrabbia (ma non erano solo gli umani che si arrabbiavano?) il Gave esonda.

        • Teobaldo scrive:

          uh eremituccio….. digerito male?

          Eh ….come si vede che non conosce il VERO Dio…..

          Si eremituccio….. l’Immacolata Concezione, ha dato a chi vuol vedere dei SEGNI INEQUIVOCABILI!!!!!

          si prepari fin che è in tempo….con Dio e con la Sua Chiesa non si scherza!!!!

    • timorato scrive:

      x cherubino

      il problema più grande è che voi gia siete stati cotti dal brodo dell’ideologia! tant’è senza nessun timore di Dio vi fate pure i santi su misura!
      Giovanni XIII e Giovanni Paolo II colonne della Chiesa? forse di cartapesta….

      Stia attento a non dirlo più forte, non vorrei che qualche martire che venne immolato per non aver gettato il chicco di incenso nel braciere degli idoli, impedisca l’accesso in Paradiso di Giovanni Paolo II, che ha ritenuto uno scherzetto baciare il Corano!!!!!!!!!

      • Cherubino scrive:

        Certo che ne avete di fantasia …
        Comunque la Chiesa va avanti per la sua strada e le canonizzazioni che si avvicinano lo dimostrano.

        Le vostre frasette da markettari sono le stesse che da anni, anzi decenni, i lefebvriani e i sedevacantisti, che ormai sono più o meno la stessa cosa, vanno dicendo ad ogni occasione: le varie beatificazioni, i vari eventi ecumenici di Assisi, le varie GMG, i vari convegni dei movimenti, lo stop dei pontefici alle pretese di Fellay e a seguaci …
        Solite esternazioni, solite sceneggiate apocalittiche, soliti anatemi … sono serviti a fermare la Chiesa ? Assolutamente no, e sarà così anche questa volta.

        • Teobaldo scrive:

          ahhahahhahha

          vedremo vedremo…. a ‘cherubino’ lei che appartiene al movimento ‘ecclesiale’ del rns….. dove al suo interno si praticano i rituali nati in seno cataro, eresia condannata dalla Chiesa…..

          prima di nominare la Fraternità… ogni volta, qualcuno SMASCHERA I VOSTRI crimini contro la Verità storica e Dottrinale….si sciacqui la bocca!!!!

        • murmex scrive:

          Cherubino,qui non si tratta di fantasia.Il bacio al corano c’è stato è documentato da foto,che io,vedendola per la prima volta,ho ritenuto esser un fotomontaggio dei nemici della Chiesa.Poi,con sgomento ,ho capito che non era così(c’era stato anche l’arrampicamento sugli specchi vaticano,secondo cui il papa era solito baciare tutti i doni,non si era reso conto che quel librone verde con scritte in arabo,donatogli da dignitario arabo,era un corano)Le rivelo che è stata proprio quell’orribile foto che mi ha spinto ad approfondire i temi di cui parliamo

        • timorato scrive:

          x cherubino

          “..le pretese di Fellay” -come le fa dire la sua arte di untore- non sono altro che le pretese di Cristo Stesso presente nella Tradizione

          Vedrà un giorno con quali ritorsioni Cristo li farà pentire amaramente per non aver ascoltato la Voce della Tradizione!

          • Cherubino scrive:

            Meno male che quello di cui parla lei non è Gesù Cristo, ma quello che comunque cerchi di guastare l’opera di Dio, non ha mai l’ultima parola.

          • Teobaldo scrive:

            ma quello che comunque cerchi di guastare l’opera di Dio, non ha mai l’ultima parola.

            ———–

            infatti così sarà…, quando il Padrone della Messe, deciderà di intervenire e caciare gli impostori dal Sacro Ovile …li vedremo correre a 4 gambe…. tra questi ci saranno lei, tutti i movimenti protestanti che ora si spacciano per ecclesiastili, e tra questi ci sarà anche lei…. stia bene….

  105. Mimma scrive:

    Papa nella Festa di San Tommaso: Dio si incontra baciando le piaghe di Gesù nei fratelli più deboli

    Per incontrare il Dio vivo è necessario baciare con tenerezza le piaghe di Gesù nei nostri fratelli affamati, poveri, malati, carcerati: è quanto ha detto stamani il Papa nella Messa a “Santa Marta” commentando il Vangelo proposto dalla liturgia nella Festa di San Tommaso Apostolo. Erano presenti sacerdoti e collaboratori del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso guidati dal cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del dicastero. Il servizio di Sergio Centofanti:

    Gesù, dopo la Resurrezione, appare agli apostoli, ma Tommaso non c’è: “Ha voluto che aspettasse una settimana – ha spiegato Papa Francesco – Il Signore sa perché fa le cose. E a ciascuno di noi dà il tempo che lui crede che sia meglio per noi. A Tommaso ha concesso una settimana”. Gesù si rivela con le sue piaghe: “Tutto il suo corpo era pulito, bellissimo, pieno di luce – sottolinea il Pontefice – ma le piaghe c’erano e ci sono ancora” e quando il Signore verrà, alla fine del mondo, “ci farà vedere le sue piaghe”. Tommaso per credere voleva mettere le sue dita in quelle piaghe:

    “Era un testardo. Ma, il Signore ha voluto proprio un testardo per farci capire una cosa più grande. Tommaso ha visto il Signore, è stato invitato a mettere il suo dito nella piaga dei chiodi; mettere la mano sul fianco e non ha detto: ‘E’ vero: il Signore è risorto!’. No! E’ andato più oltre. Ha detto: ‘Dio!’. Il primo dei discepoli che fa la confessione della divinità di Cristo, dopo la Resurrezione. E ha adorato”.

    “E così – prosegue il Papa – si capisce qual era l’intenzione del Signore nel farlo aspettare: prendere anche la sua incredulità per portarla non all’affermazione della Resurrezione, ma all’affermazione della sua divinità”. Il “cammino per l’incontro con Gesù-Dio – ha sottolineato – sono le sue piaghe. Non ce n’è un altro”:

    “Nella storia della Chiesa ci sono stati alcuni sbagli nel cammino verso Dio. Alcuni hanno creduto che il Dio vivente, il Dio dei cristiani noi possiamo trovarlo per il cammino della meditazione, e andare più alto nella meditazione. Quello è pericoloso, eh? Quanti si perdono in quel cammino e non arrivano. Arrivano sì, forse, alla conoscenza di Dio, ma non di Gesù Cristo, Figlio di Dio, seconda Persona della Trinità. A quello non ci arrivano. E’ il cammino degli gnostici, no? Sono buoni, lavorano, quello, ma non è il cammino giusto. E’ molto complicato e non ti porta a buon porto”.

    “Altri – ha spiegato il Papa – hanno pensato che per arrivare a Dio dobbiamo essere noi mortificati, austeri, e hanno scelto la strada della penitenza: soltanto la penitenza, il digiuno. E neppure questi sono arrivati al Dio vivo, a Gesù Cristo Dio vivo. Sono i pelagiani, che credono che con il loro sforzo possono arrivare”. Ma Gesù ci dice che il cammino per incontrarlo è quello di trovare le sue piaghe:

    “E le piaghe di Gesù tu le trovi facendo le opere di misericordia, dando al corpo – al corpo – e anche all’anima, ma al corpo – sottolineo – del tuo fratello piagato, perché ha fame, perché ha sete, perché è nudo, perché è umiliato, perché è schiavo, perché è in carcere, perché è in ospedale. Quelle sono le piaghe di Gesù oggi. E Gesù ci chiede di fare un atto di fede, a Lui, ma tramite queste piaghe. ‘Ah, benissimo! Facciamo una fondazione per aiutare tutti quelli e facciamo tante cose buone per aiutarli’. Quello è importante, ma se noi rimaniamo su questo piano, saremo soltanto filantropici. Dobbiamo toccare le piaghe di Gesù, dobbiamo carezzare le piaghe di Gesù, dobbiamo curare le piaghe di Gesù con tenerezza, dobbiamo baciare le piaghe di Gesù, e questo letteralmente. Pensiamo, cosa è successo a San Francesco, quando ha abbracciato il lebbroso? Lo stesso che a Tommaso: la sua vita è cambiata!”.

    Per toccare il Dio vivo – ha affermato il Papa – non serve “fare un corso di aggiornamento” ma entrare nelle piaghe di Gesù e per questo “è sufficiente uscire per la strada”. Chiediamo a San Tommaso – ha concluso – la grazia di avere il coraggio di entrare nelle piaghe di Gesù con la nostra tenerezza e sicuramente avremo la grazia di adorare il Dio vivo”.

    • Teobaldo scrive:

      “E le piaghe di Gesù tu le trovi facendo le opere di misericordia, dando al corpo – al corpo – e anche all’anima, ma al corpo – sottolineo – del tuo fratello piagato, perché ha fame, perché ha sete, perché è nudo, perché è umiliato, perché è schiavo, perché è in carcere, perché è in ospedale.

      ———–

      Quindi per il Bergoglio sono più importanti le opere di Misericordia corporali che quelle Spirituali….. ma bravo bravo bravo…. ma lo sa il Bergoglio che questi poveri ce li abbiamo tutti inseriti nelle onerose tasse?

      Già quindi dovremmo tutti andare in Paradiso…perchè di opere di Misericordia corporale ne facciamo a sufficienza, tanto da non arrivare a fine mese……..

      altra predicuzza quotidiana che lascia il tempo che trova…. filantropia pura…anzi oramai sembra che il suo disco si sia incantato….. sembra un infermiere mancato……

    • timorato scrive:

      la finisca di invadere il bloggggg!!!!!!!!!

      Se ne vada via e non abusi della pazienza dei veri cattolici!

      L’hanno capito tutto che la sua è sola una tattica per infangare la Vera Chiesa Cattolica !

      Risponda alle domande: è sposata con un ex prete?

      Appena rispondera vedrà come la sgrideranno i buoni cattolici del blog, che hanno subito tutte le sue prediche di santona balcanica

      • minstrel scrive:

        0_0

        • Teobaldo scrive:

          Bravo Timorato!!!

          minestrone….. lo sappiamo che lei ha oramai le pupille dilatate ….e non solo quelle……

          si tranquilizzi via…..

          • minstrel scrive:

            le do ragione: what a balls!

            meno male che non ho più tempo ora da passare qui, passatela bene vah!

          • Teobaldo scrive:

            no minestrone, non mi dia ragione…non è come pensa lei…. le sue pupille son dilalate dagli agenti fumogeni, di cui è saturo il suo ambiente…quanto al resto…intendevo diladazione confusionaria a cui è soggetto …

          • minstrel scrive:

            Cosi parlò Zaratheobald.

      • Mimma scrive:

        Mi spiace deluderla sparasentenze!
        Ho avuto sette mariti ma nessuno di essi prete….

        • Teobaldo scrive:

          ha avuto sette mariti…… …ma nessuno di essi prete…..

          e la tizia pare pure dispiaciuta…..

          su su, non si abbatta….vedrà troverà anche l’ottavo….

          poveretta…che pena…..mi fa…..

          • Mimma scrive:

            Chiedo scusa, ho fatto male i conti… i mariti sono stati sette e uno dei primi era un prete di cui non mi ricordavo più… sa, e passato così tanto tempo…
            E lei monsignore, da quanto non confessa con sana lealtà le sue infedeltà alla Chiesa sua sposa?

          • Teobaldo scrive:

            si si …ha ragione papessa protestante…. si si…. comunque ….la papessa a buon titolo ha portato le ‘ragioni’ dei pretonzoli maritati e rispettive mogliettine….rimandando pure ai link…. dei ‘preti’ sposati….. infatti solo una appartenente a quella congrega protestante poteva e in tutta libertà……….

            mediti il Papa Innocenzo III tra le fiamme del Purgatorio……..mediti papessa protestante, pro gospa balcanica… e abbassi la cresta!!!

          • Mimma scrive:

            Non si dia pena per me monsignore … del mio futuro eterno risponderò io e tutti i miei mariti.
            Pensi invece ai suoi rinnegamenti al Magistero della chiesa e ai suoi rifiuti per i fratelli che lei ritiene non “degni”!
            di quanto amore avremo dato renderemo conto nel giorno del giudizio.
            Si chieda lei che pastore è stato e quante pecore smarrite ha riaccolto con amore nel santo ovile!
            Ipocrita!
            Tolga la trave dal suo occhio!

          • Teobaldo scrive:

            papessa protestante, guardi che io non mi preoccupo per lei…piuttosto mi preoccupano i poveri polli, che seguono le sue eresie ….anzi, a dire il vero costoro come lei egregia e grigia papessa protestante….Dio vi ha già giudicati…. le parole le eresie, la falsa dottrina i travestimenti che voi avete adottato per ingannare i Cattolici….ecco di questo dovete RENDERE CONTO e non credo vi sia sconto…

            lo avete fatto (e continuate a farlo)consapevoli e con deliberato consenso!!!

          • Mimma scrive:

            @teobaldo
            Pensi a contemplare il suo di grigiore… io ho ancora esattamente la metà dei suoi anni e inoltre lei è grigio per l’impossibilità sua di godere della Gioia donataci da Cristo e per l’impossibilità conseguente di renderne partecipi i fratelli.

    • Sal scrive:

      @ Mimma
      “Per incontrare il Dio vivo è necessario baciare con tenerezza le piaghe di Gesù nei nostri fratelli affamati, poveri, malati, carcerati:”

      Non è roba per lei, dovrebbe sapere che la donna è a gloria dell’uomo e sarà tenuta in salvo mediante il parto: “ma la donna è gloria dell’uomo… sarà tenuta in salvo per mezzo del parto, purché rimangano in fede e amore e santificazione insieme a sanità di mente. (1Cor 11.7; 1Tim 2.15)

      Secondo me farebbe meglio a trovarsi un marito e fare dei figli, perché se rimarrà zitella sarà dura per lei trovare “una stagione di ristoro.” ( Atti 3.19) anche se ha baciato le piaghe (fa un po’ schifo in verità ed è antigienico)

      Perché vuol fare tuttoe questo e non fare quello che le viene detto ? Non è contraddittorio ? Gesù dice : “Se, dunque, porti il tuo dono all’altare e lì ricordi che il tuo fratello ha qualcosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, e va via; prima fa pace col tuo fratello, e poi, una volta tornato, offri il tuo dono.” ( Mt 5.23-24)

      Capisce ? C’è un prima e un dopo. Prima fai ciò che devi fare poi farai il resto.
      Le deve essere gloria dell’uomo non può essere gloria di Dio. L’ha stabilito Lui e lei non può cambiare ciò che è scritto. Neanche il papa. Quindi è del tutto inutile ciò che sta facendo. Fosse almeno farina del suo sacco ? Fa solo il trombone stonato delle prediche altrui. Ci metta del suo per partecipare alla discussione altrimenti non ha scopo !

      • Mimma scrive:

        @Sal
        Gliel’ho già detto voi testimoni di geova, purtroppo, siete troppo misogini e le donne vi piace guardarle, da veri guardoni, da prospettive “troppo basse”. Lei si deve curare come questo suo confratello. Buona terapia.

        http://www.roccopoliti.it/?p=1676

        • Sal scrive:

          @ Mimma
          “Gliel’ho già detto voi testimoni di geova, purtroppo, siete troppo misogini e le donne vi piace guardarle, da veri guardoni, da prospettive “troppo basse”.”

          Devo dedurre che non sa nemmeno leggere il Vangelo. Non l’ho scritto io è così da sempre, e ha pure l’imprimatur. Confessi che a lei non piace, invece di nascondersi dietro alle scuse “troppo basse”.
          Lei evita le risposte, si rifugia in corner attaccando sempre tutto e tutti per non essere toccata. Non fa un buon servizio alla sua scalcinata ormai causa.
          “ma la donna è gloria dell’uomo… sarà tenuta in salvo per mezzo del parto, purché rimangano in fede e amore e santificazione insieme a sanità di mente. (1Cor 11.7; 1Tim 2.15)

          Sa perché “Anna” [la mamma di Samuele] era preoccupata ?(1Sam 1.1-20) Perché non aveva figli ! La sterilità è definita “ammortimento del seno” ( Rm 4.19)
          Pensi che opinione potrebbe avere di lei il Dio, se questo ammortimento se lo procura volontariamente.
          “Quando Rachele vide che non aveva partorito figli a Giacobbe, Rachele divenne gelosa di sua sorella e diceva a Giacobbe: “Dammi dei figli, altrimenti sarò una donna morta”” ( Gn 30.1) Vuole essere anche lei “una donna morta “ ?
          Deve fare dei figli sig.ra Mimma, altrimenti sarà una donna morta ! Pensi, Sara concesse ad Abraamo pure la sua schiava per avere figli e lei ci rinuncia potendoli fare ? Non crede di stare violando pure il comando “siate fecondi e moltiplicatevi “ ? ( Gn 1.28) Al posto suo mi preoccuperei.

  106. Sal scrive:

    Tanto per tornare al tema, notavo la bella foto che il Dr. Tornielli ha inserito a corredo del tema.
    Una volta andavano in giro con il breviario o il vangelo sotto il braccio. Noto che oggi vanno con le 24 ore da uomini d’affari, che non hanno tempo per le avemaria, ma hanno sempre fretta, sempre molto impegnati a siglare scartoffie o leggere memo sui valori di borsa.
    E’ un segno dei tempi anche questo.

    • Mimma scrive:

      @Sal
      Guardi invece in casa Bethel di New York dove si viaggia in aerei privati, in limousine e si vive in grattacieli da supermiliardari con tanto di palestre, piscine e saune e si investe in hedgefund. Dovrebbe indignarla di più questo. Visto che mentre voi andate di casa in casa, il CD della Wts si gode il suo “bel paradiso terrestre”.

      • Sal scrive:

        @ Mimma
        “Guardi invece in casa Bethel di New York dove si viaggia in aerei privati, in limousine e si vive in grattacieli da supermiliardari con tanto di palestre, piscine e saune e si investe in hedgefund.”

        Lei non capisce davvero, non vorrà mica paragonare quegli eretici, pagani, idolatri, approfittatori avidi con l’unica vera, santa, sola, approvata religione cattolica… no ? Fondata su Pietro “il terrorista”.
        Non si può fare il paragone, quelli sono eretici, superstiziosi, fanatici, bugiardi, approfittatori. Lo sanno tutti. Mica sono vecchi di 2000 anni.
        Noi vogliamo parlare della salvezza, mica della perdizione. Già sappiamo che per quelli non c’è speranza. Ma scusi,…..lei quando vuole imparare una lingua, non comincia mica dalle sgrammaticature, no ? Parliamo invece delle cose sante, utili, che salvano, perché mi ribadisce sempre quello che fanno gli eretici. Cos’ha una punta di invidia ? Lei deve seguire il vangelo no ? E’ parola di Dio, la trinità ($ – € – £). No ?

  107. Annarita scrive:

    Che strano, proprio ora che Papa Francesco mette sotto inquisizione lo Ior, un prelato si fa beccare in flagrante. Sarà una fortuna sfacciata, oppure sara il solito capro espiatorio che ogni tanto nella storia viene sacrificato, perchè gli altri vivano in pace?
    Ma staremo a vedere, e mentre la Chiesa è sotto ai riflettori di chi giudica, Gesù continua ad essere offeso, senza che si faccia qualcosa di concreto.

    • Teobaldo scrive:

      No!! non è una sfortuna sfacciata ….hanno trovato il capo espiatorio…..come sempre……

  108. Iva scrive:

    Una volta andavano in giro con il breviario o il vangelo sotto il braccio.
    Noto che oggi vanno con le 24 ore da uomini d’affari, che non hanno tempo per le avemaria, ma hanno sempre fretta, sempre molto impegnati a siglare scartoffie o leggere memo sui valori di borsa.
    E’ un segno dei tempi anche questo.

    ———————-

    Verissimo.

  109. Cherubino scrive:

    Questa è una bella notizia (riportata da Vaticaninsider): il vescovo di Locri Gerace ha emesso un decreto che
    “avrà decorrenza dal prossimo 15 luglio e prevede la sospensione dall’incarico in caso di rinvio a giudizio (art. 1) o la destituzione in caso di sentenza definitiva di condanna (art. 6) per i “fedeli, laici o religiosi o chierici, che fanno parte di Confraternite o di altre Associazioni pubbliche diocesane”. Se il soggetto coinvolto non comunichi, per “negligenza o dolo”, l’inizio del procedimento penale, ogni fedele ha il dovere di informare almeno l’Ordinario diocesano” (art. 2, par. 2). E’ fatto salvo il segreto della confessione e della direzione spirituale. Se il procedimento penale sia iniziato a carico di un responsabile della confraternita o dell’assocaizione, l’ordinario diocesano valuterà eventualmente la nomina di un Commissario (art. 3). Tali norme dovranno trovare attuazione, com’è ovvio, pure nelle parrocchie nelle quali operano associazioni ecclesiali.”

    Speriamo che divenga norma generale nella Chiesa. Certi personaggi, specie politici di una certa destra, che si lavano la bocca di cattolicesimo e poi collezionano condanne per corruzione e altri pesantissimi reati, non devono aver posti di responsabilità nella comunità cristiana.

    • Teobaldo scrive:

      certi personaggi di una certa destra ha scritto il ‘cherubino’……

      ahhahhahahhaah

      da spiaccicarsi dalle risate…..ahahhhahhaha…..

      come se in politica appartenenti a confraternite o associazioni diocesane non siano in maggioranza quelli di sinistra…coloro che hanno propugnato leggi, affinchè nelle nostre tasche VENGA PRELEVATO denari per mantenere gli extracomunitari….

      NON A CASO SI PARLA DI CATTOCOMUNISTI…. mai sentito di cattodestri

      a ‘cherubino’ spari meno pirlate…. le farebbe bene alla già precaria salute mentale…..

    • timorato scrive:

      LO DICA CHIARAMENTE CHE LA CHIESA ODIERNA FA POLITICA E
      POLITICA DI SINISTRA!

      • Cherubino scrive:

        storicamente è certo che la mentalità mafiosa è molto più di destra che di sinistra. Il rapporto è grosso modo di dieci a uno.

        • Teobaldo scrive:

          ahhahhaha

          un’altra pirlata del ‘cherubino’….

          sicchè storicamente la mentalità mafiosa è di destra… ma certo… come no…. se lo dice il ‘cherubino’…. infatti …dopo la carboneria= massoneria, dopo aver fatto saltare la Monarchia al Sud… e dopo aver preso ogni potere….. è nata la mafia….. e la massoneria è NOTORIAMENTE DI SINISTRA…..

          Qund’è che finirà con ste pirlate?

          • vincenzo da torino scrive:

            @Teobaldo. Dove trova assurdità tali e non l’unica, purtroppo. La Mafia di sinistra? Vede sempre film grottescamente taroccati. Ormai è al livello di Sal….nella conoscenza della storia

          • Teobaldo scrive:

            ah vincenzì….studi caro studi….la mafia è nata in seno alla carboneria= massoneria…la quale ha messo le radici nel Sud Italia…. Sud che era più ricco del Nord…. poi arrivò…. il bon’omo di garibaldi….. carbonaro……che fece sparire i Regnanti…..

            LA MASSONERIA E’ DI SINISTRA…mio caro…..prima di mettere le zampette sulla tastiera e rispondere di pancia…. studi vincenzì…studi…altrimenti interroghi la sua gospa balcanica…

            infatti, non serve essere chissà che esperti per capire che la massoneria è di sinistra e con ciò anche la mafia…. basta leggere i programmi e idelai della massoneria e compararli con la sinistra….pigi il ditino su massoneria e vedrà che google la porterà a destinazione…..

          • minstrel scrive:

            pizza numero 6!

          • Cherubino scrive:

            studi un pò la storia … la destra non è certo solo la monarchia. Anzi, si può dire che il Fascismo ha avuto molti rapporti con una parte della Massoneria.
            In realtà la Massoneria astutamente giocava su più tavoli, quello socialista e quello fascista. E Mussolini giocava una doppia faccia: quella ufficiale contraria, quella reale con molte collusioni e rapporti con la Massoneria. In realtà la posizione di Mussolini si inseriva in una lotta interna tra gruppi massonici, come ad esempio i Rosa Croce che contestavano la Massoneria ufficiale. Va ricordato, tra l’altro, che la Massoneria di Piazza del Gesù e quela bolognese appoggiarono il Fascismo, e che c’erano contrasti tra la Massoneria anglosassone e quella italiana, per cui l’appoggio della prima alla destituzione di Mussolini si inquadra più in una lotta di supremazia tra alte-borghesie in competizione che in una lotta tra destra e sinistra.
            Piccolo particolare interessante è lo Stemma della Repubblica Sociale Italiana che conteneva un’immagine identica all’effigie del Rito Simbolico Italiano http://www.ritosimbolico.net/attivita/attivita_017.gif
            Nel dopo-guerra poi i rapporti tra logge massoniche più o meno regolari e personaggi della destra più o meno estrema si sprecano. dire che la P2 sia di sinistra e non di destra fa realmente scompisciare dalle risate …

        • timorato scrive:

          storicamente la mentalita mafiosa è stata solo opportunista come certi cherubini, che negano Cristo presente nella Tradizione, alfine di poter avere il salario di certi papi ai quali non piace la Tradizione!

        • timorato scrive:

          storicamente la mentalita mafiosa è stata solo opportunista come certi cherubini, che negano Cristo presente nella Tradizione, alfine di poter avere il salario di certi papi ai quali non piace la Tradizione!

  110. Sal scrive:

    “«I preti non siano dei “piccoli sceicchi”» ( Vaticani Insider)

    “Da quei fondi era sparito molto denaro. Ammanchi grossi. Sono state vendute anche case e proprietà della Chiesa, non si sa dove sono spariti i soldi, e la gente crede che siano finiti nelle tasche di chi gestiva quei beni. Vescovi e preti devono controllare, ma è meglio che l’economo non sia un sacerdote. Con quei soldi avremmo potuto comprare case per le famiglie che hanno più bisogno”. (Il Patriarca caldeo Sako )

    “Nel cammino verso Dio, la Chiesa ha commesso degli errori” ( Vatican Insider)

    Qualcuno si farebbe operare da un chirurgo che commette molti errori ?

    Nominerebbe amministratore della propria anima chi crede di essere un piccolo sceicco e sa che gli frega i soldi ?
    Solo uno sciocco.

    “Perché il “cammino per l’incontro con Gesù-Dio – ha sottolineato il pontefice – sono le sue piaghe. Non ce n’è un altro”.” Già, per questo hanno fatto molti errori, hanno fatto molte guerre e cadaveri, hanno fregato molti soldi, perché vale sempre il detto : “Fai come ti dico ma non come faccio”.

    “Gesù ci chiede di fare un atto di fede,” Ma la loro fede non è in armonia con quella richiesta. Non sembra una presa per il fondo dei pantaloni ?

    • Mimma scrive:

      @Sal
      Non avete nulla da insegnare ali altri voi tdg, ma proprio nulla. Ve lo dicono i vostri stessi “congregazionisti russi”. Si guardi bene dentro casa geovista. Altro che sale del regno….

      “Testimoni di Geova” contro la “Torre di Guardia”

      “Per nulla è segreto, che non debba essere manifestato, né di segreto che non debba essere conosciuto e venire alla luce.” Vangelo di Luca (capitolo 8, pag. 17)

      “Testimoni di Geova” contro la “Torre di Guardia”

      Cari cittadini della Federazione Russa e di paesi stranieri!

      Noi sottoscritti, membri a pieno titolo della organizzazione religiosa dei Testimoni di Geova (in seguito – ROSI), essendo di mente sana e consapevole dell’importanza ed urgenza dei problemi evidenziati di seguito, facciamo presente questa DICHIARAZIONE:

      I recenti avvenimenti negli Stati Uniti relativi alla dimostrati in tribunale i fatti di molestie sessuali su minori da parte dei funzionari incaricati (inclusi gli anziani), Testimoni di Geova, per esempio,

      -L’anziano Claude Martin, 77-anni che è stato condannato ad una pena detentiva di due anni (sospesa) per l’abuso sessuale su ragazza di 10 anni (che ha toccato le natiche e la vagina attraverso il suo abbigliamento nel 2000-2001., Mentre ha prestato servizio come anziano del locale Meeting – Elder ottiene due anni di libertà vigilata per aver molestato una ragazza di 12 anni, l’anziano Guelph Mercurio, Canada 6 gennaio 2007, http://www.guelphmercury.com, ReligionNewsBlog.com • Articolo 17053 • Inviato: Sabato 6 gennaio 2007)

      ci ha spinto a scrivere questa dichiarazione, nella quale vogliamo esprimere le loro opinioni su questi eventi e per la posizione di senior management ROSI, rappresentanti della quale sono la Watchtower Bible and Tract Society of Pennsylvania (in seguito – la Società Torre di Guardia, OSB) e altri non-profit ad esso associati organizzazione.

      1 Dirigenti ROSI – Organo direttivo dei Testimoni di Geova – su questo tema sia in silenzio, facendo finta che nulla stia accadendo o è limitato a frasi generiche come:. ”Il nostro amorevole Padre celeste spiega nella sua Parola, la Bibbia, che odia la crudeltà con i bambini “o” Continueremo a fare tutto il possibile per proteggere i bambini da questo orribile crimine e peccato “(pubblicato sul sito della costa meridionale giornale Oggi 11 Maggio 2007, la fonte di informazione – Associated Press giornalista Rose francese).Tuttavia, non possiamo rimanere in silenzio, vedendo tutto questo, quando si confronta con essa nella vita di tutti i giorni e di sperimentare un senso di confusione e di vergogna quando indichiamo tali eccessi. Qui in Russia, siamo anche molto preoccupati per questi fatti.

      2. Siamo ben consapevoli del fatto che l’ordine esistente all’interno della nostra organizzazione è contribuire a favorire l’occultamento come la sopra descritta, e altri tali violazioni della legge. Con tutta la responsabilità dichiariamo che Testimone ogni di Geova, che si adopera una giusta punizione del peccatore da parte delle forze dell’ordine, si immergeranno condannato da esercitare il controllo della riunione dei Testimoni anziani di Geova e la conseguente boicottaggio totale dal resto del ROSI, se solo lui, con il punto di vista degli anziani non sarà sufficiente prova contro l’imputato.

      Questa politica alll’interno dell’organizzazione – la cosiddetta ”La politica dei due testimoni” – è il seguente. Secondo le regole stabilite nel processo ROSI di reati (anche indossando volutamente di natura penale), di cui una pubblicazione speciale, “Vegliate su voi stessi e su tutto il gregge”, progettato per gli anziani e ROSI chiuse per la maggior parte del ROSI, per stabilire che un reato che comporta violenza contro un’altra persona (inclusi i bambini), è necessario (nella maggior parte dei casi) o di una confessione da parte del presunto colpevole, – la presenza e la testimonianza di due testimoni per il reato.

      In questo caso, la testimonianza di singoli reati testimoni non sono presi in considerazione, e la testimonianza della parte lesa non è sufficiente a costituire un reato che si sia verificato. Pertanto, l’autore del reato (per esempio, un molestatore di bambini di minori) gli è possibile rimanere impunito, rendendo difficile l’azione di natura penale e da solo la sua vittima. Il libro per gli anziani “Vegliate su voi stessi e su tutto il gregge”, a pagina 111 dice:

      “Che tipo di materiale probatorio è accettabile? Ci dovrebbero essere due o tre testimoni, non solo ripetendo quello che hanno sentito di non intraprendere alcuna azione, se vi è un solo testimone (Vtor.19: 15; Ioan.8: 17). Dichiarazione di colpevolezza per iscritto o per via orale può essere preso come prova conclusiva senza sostenere ulteriori prove (Giosuè Nav.7 19.) ”.

      Non siamo a conoscenza di casi in cui gli anziani incontri ROSI fece appello alle forze dell’ordine dello Stato, una dichiarazione circa l’inchiesta sulla seduzione di minori, anche se è noto che un reato di questo tipo dovrebbe indagare il livello adeguato di esperti legali e di formazione forense. Questo non accade perché tra i testimoni di Geova non sono tali crimini efferati, ma perché crediamo che gli anziani della assemblea ROSI nella stragrande maggioranza sono legati al aziendale interna normative ROSI, prescritto dal comitato direttivo dei Testimoni di Geova e la ritenne responsabile come guida Affiliati ROSI in tutto il mondo, e attraverso la pubblicazione di OSB. Questa regolazione è strettamente necessario per assistere a qualsiasi di Geova che ha voluto restare un membro di ROSI e di non essere sottoposto a condanna totale (boicottaggio) dai loro compagni di fede. Secondo la normativa, il trattamento dei testimoni di Geova nelle forze dell’ordine (polizia o polizia) autorità o di prova, pubblici ministeri, di sicurezza pubblica, ecc) a qualsiasi pretesa nei confronti dei loro correligionari (comprese dichiarazioni circa Causato morale, materiale o danno fisico e di commettere altri atti di natura illegale del suddetto correligionari) senza in realtà (in genere per via orale) il permesso degli anziani (cioè senza la conferma effettiva della loro illegalità lato delle azioni segnate sopra per quanto riguarda i correligionari del ricorrente!) è considerato un comportamento peccaminoso , e può essere punito con la condanna pubblica del richiedente, il quale, a sua volta, può portare al boicottaggio pubblico unilaterale (nella terminologia ROSI – ‘esclusione dalla riunione “o” perdita di comunicazione “) per calunnia maligno contro la ormai ex compagno di fede, che ha portato querela. Così, noi sosteniamo che gli anziani della chiesa ROSI, così come il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova si assumono la responsabilità per l’attuazione di indagini senza un tribunale o un ufficio del pubblico ministero, gestito dal processo pubblico non autorizzato e la condanna delle persone sospettate di aver commesso reati gravi (abusi sessuali). Il libro per gli anziani “Vegliate su voi stessi e su tutto il gregge”, a pagina 107 afferma: E ‘nominato anziani per servire come consulenti e giudici (Is.1: 26). ”

      A causa del fatto che le attività di cui sopra non sono sanzionati dalle autorità giudiziarie dello Stato, noi sosteniamo che:

      1) la competenza degli anziani, che funge da “investigatori”, “ministeri” e “giudici” è questione abbastanza ambigua, soprattutto quando si tratta di reati gravi; 2) A sua volta, questo fatto alla luce delle decisioni organizzative cioè della “politica dei due testimoni”, porta al fatto che la persona che effettivamente ha commesso un crimine, può facilmente eludere la propria responsabilità con l’inganno gli anziani ROSI; 3) La vicinanza di un tale “procedimento giudiziario” consente di nascondere questi crimini e coloro che li commettono, dallo stato della giustizia.

      Al momento non siamo a conoscenza di casi di pedofilia tra i Testimoni di Geova in Russia. Tuttavia, in relazione ai reati di natura diversa normalmente associato con l’inflizione di fisico, materiale o morale, danno a un membro del ROSI dal personale dirigente (anziani) ROSI, ci sono informazioni credibili che tali reati sono presentati come qualcosa di completamente piccolo e insignificante. Spesso in questi casi vi è una sminuire deliberata di danni o persone vygorazhivanie causare danni, dai più alti membri Rosi (anziani e sorveglianti viaggianti).

      Tutto questo crea in noi un senso di genuina indignazione e disgusto. Abbiamo molti esempi dei reati di cui sopra, ma questa affermazione non ha come obiettivo primario della loro promulgazione.

      Tuttavia, non possiamo fare a meno di notare il fatto che il mantenimento dell’autorità di alcuni anziani e delle organizzazioni religiose in generale è diventata testimone di Geova sono molto più importanti di adesione ai fondamenti biblici della morale e la morale cristiana. Saremo lieti di fare un errore nelle nostre conclusioni, ma finora i fatti parlano a favore di tale conclusione.

      3. A nome di tutti i testimoni di Geova, irritato da questa politica del consiglio di amministrazione di ROSI, vogliamo portare le mie sincere scuse a tutte le persone colpite da queste azioni dei Testimoni di Geova. Ci sentiamo profondo rammarico per la situazione in quanto tale.Noi questo sapendo che il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova, a seguito della loro pratica fuori posto, “Privacy”, non ha mai fatto e non lo ha fatto. Il pubblico ha bisogno di sapere che i Testimoni di Geova in Russia ci sono centinaia (e in tutto il mondo – migliaia) di persone oneste, che vedono tutti i mali all’interno della loro organizzazione e sinceramente piangono a causa di questo.

      4. Siamo anche consapevoli del fatto che molti degli insegnamenti della nostra organizzazione non sono veramente biblici, e si basano sui dogmi e false interpretazioni della Bibbia, Esodo e composto direttamente dal Consiglio Direttivo dei Testimoni di Geova. La più sicura prova di questa conclusione è, in particolare, e nella corrente politica ROSI psevdobibleyskaya di “due testimoni” in realtà – una politica di occultamento di diversi reati (compresi penale) membri Rosi (soprattutto anziani), avviata da questo Consiglio. Sulla base della nostra esperienza e le nostre osservazioni, i Testimoni di Geova “ordinariamente”spesso storcono il naso su questa pratica, ma stanno in silenzio o per paura di rappresaglie da parte dei partiti di governo (solo interessati a mantenere l’immagine del ROSI), o da un senso di solidarietà aziendale, temendo ” vergogna per il nome di Geova e la sua organizzazione “(ad esempio, l’installazione procede dal consiglio di amministrazione). 5. Alla luce di questa affermazione, vogliamo particolarmente sottolineare il fatto che, in conformità con le loro convinzioni, non vogliamo essere condannati da Dio, insieme con i membri della ROSI che persiste nel suo errore sul tema in oggetto (vedi 2 Tessalonicesi 2:11-12). Sperando per la sua misericordia, il tutto passa nelle sue mani (1 Pietro 5:6), preghiamo per i nostri fratelli e vogliamo aiutarli a vedere la luce, affinchè si pentano e si convertano dalle loro azioni dal corso distruttivo (Romani 10:1). Cordiali saluti, membri a pieno titolo dell’organizzazione mondiale dei Testimoni di Geova

      http://www.roccopoliti.it/?p=1822

    • Mimma scrive:

      @Sal
      Se non lo capisce in italiano, lo ascolti in inglese. La sua WTS naviga nell’oro, alla faccia di chi come lei suda per le strade per vendere le torri di carta. Povero pollo.

      http://www.youtube.com/watch?v=BbxeqbONXQY

  111. cuba_libre scrive:

    Chiedo scusa se l’argomento non e’ attinente a quello proposto, ma saluto con gioia e tanta speranza il rovesciamento del prete Morsi in Egitto, che stava riportando l’Egitto al Medio Evo, con la complicità dei suoi pasdran, i bipedi salafiti.
    E’ inutile illudersi, dovunque vi sia uno stato teocratico. QUALUNQUE stato teocratico, non potra’ mai esservi sviluppo, tanto meno libertà e democrazia ed emancipazione.
    Questa si’ e’ una vera rivoluzione, sperando che i militari appoggino realmente le sacrosante istanze popolari.
    Quello che avviene oggi in Egitto, sara’ domani in Turchia, in Tunisia, in Iran….. e in VATICANO, dove Francesco fara’ sprofondare nelle fogne da cui provengono tutti gli anticristi dello IOR e compagni di merende!! Proprio ieri mi sono rivisto il film “I banchieri di Dio”: quantunque l’abbia visto almeno dieci volte, ogni volta che lo vedo mi vengono i brividi. Lo consiglio a TUTTI!!

    • gibici scrive:

      Gioisco con lei, ma mi rattrista il rischio di prolungate agitazioni e non riesco a togliermi dalla testa la responsabilita’ dell’EU, ma soprattutto degli USA che hanno fatto di tutto per far fare la riforma prima da Mubarak, poi dall’esercito invece di promuovere con aiuti di tutti i tipi l’esplicito desiderio di democrazia degli egiziani. Allora sarebbe stato facile e pagante. Possibile che il gruppetto di ebrei di New York riesca a far fare quel che vuole dal governo usa?

      • cuba_libre scrive:

        Affermativo, Gibici! Ha colto nel segno. Se lei qualche sera a tarda ora si riesce a sintonizzare sulla CNN, e vede i reportage da Wall Street, vedra’ nelle didascalie sottostanti le immagini che tutti gli operatori di borsa hanno cognomi ebrei!!
        L’errore che fanno in m olti e’ pensare che l’America influenzi la politica israeliana! Niente affatto, e’ proprio il viceversa, tanto e’ vero che nei programmi di Romney se fosse stato eletto vi era una piu’ stretta collaborazione militare con Israele, fino a non disdegnare affatto l’azione militare contro l’Iran. Per fortuna non e’ andata cosi’, anche se Obama sta dimostrando che non puo’ fare cio’ che aveva promesso: la potentissima lobby delle armi National Rifle Association ha al suo interno una fortissima componente ebrea, nonche’ una meno forte ma non meno pericolosa che si rifa’ al Ku Klux Klan, tant’e’ che Obama non riesce a far promulgare la legge sul controllo sulle armi.
        L’integralismo islamico e’ purtroppo figlio anche di questa politica scellerata sionista (ecco un altro stato teocratico di stampo razzista fra l’altro).
        Spero che l’Egitto prenda coscienza dei propri mezzi e che faccia fuori tutti questi integralisti che alla stessa stregua di altre parti, infestano i quattro angoli del pianeta.

  112. federica scrive:

    Milioni di euro per la sicurezza? Ma di cosa blaterate che sarà una visita di tre ore e senza ciarlatani e politici in mostra così si risparmia ancora di più….. ( Alfano il leccapiedi del nano bisunto dal diavolo voleva andare ma ha ricevuto un bel 2 di picche).
    Comunque qui qualcuno ha grossissimi problemi, consiglio uno bravo. (quello che continua a citare Dante e l’Inferno come fosse una storia vera….)
    Adieu !!!!

    • Teobaldo scrive:

      Comunque qui qualcuno ha grossissimi problemi, consiglio uno bravo.
      —-
      infatti …in quel qualcuno entra a pieno titolo anche lei…stia bene….

      • Mimma scrive:

        @Teobaldo
        Mi chiedo infine carissimo monsignore qual’è l’obbiettivo ultimo della sua soffocante presenza su questo blog.
        Qual’è il suo obbiettivo?
        Lei sa bene che tutti coloro che lei definisce protestanti, luterani, nuovi evangelizzati ma con buona pace dei nostri cuori siamo in realtà cattolici convinti e ferventi, e siamo sicuramente(grazie a Dio) in netta maggioranza… ecco mi chiedo, eccellenza, ma che cosa vuole ottenere con questo fiume di giudizi, calunnie ed insulti?Cosa c’è che le brucia tanto?
        La gerarchia ecclesiastica l’ha solata?
        E che vuole che sia!
        Beati gli ultimi…

        • timorato scrive:

          quale è il suo obiettivo, invece?

          Ancora aspetto sapere chi la paga e quanto la pagano per trincerarsi dietro il Nome cattolico e spargere subdolamente eresie e veleni contra la Fede santa e cattolica

          LEI CHE VUOLE FARE SPOSARE I SACERDOTI DI CRISTO!!!!!!

          • Mimma scrive:

            @Timorato
            Non le è dato di sapere chi io sia, sappia certamente che la doppiezza non mi appartiene.
            Le posso garantire con sicurezza che le certezze e la fiducia in Dio non hanno prezzo e mai nulla e nessuno mi ha potuto impedire di essere me stessa.
            I SACERDOTI SONO DI CRISTO E SPOSI ALLA SANTA MADRE CHIESA! E TALI RIMANGONO IN ETERNO!
            La sua malafede e quella del suo compare vescovo emerito teobaldo ha fatto in modo di TRAVISARE ED INTERPRETARE MALEVOLMENTEl’attenzione che ho posto in evidenza su un problema esistente all’interno della Chiesa e non di scarsa importanza.
            Non avevo capito bene che bisogna fare pulizia????
            O vi piace continuare a sguazzare nel fango per sempre allontanando i cuori e le anime da Cristo e dalla Chiesa?

          • Teobaldo scrive:

            ma ha sentito questa stolta presenza, caro Timorato?

            ha avuto il coraggio di scrivere:

            ——————–

            Lei sa bene che tutti coloro che lei definisce protestanti, luterani, nuovi evangelizzati ma con buona pace dei nostri cuori siamo in realtà cattolici convinti e ferventi, e siamo sicuramente(grazie a Dio) in netta maggioranza

            ———–

            ha capito questa poveraccia dove voleva arrivare e di chi è la portavoce? dei calvinisti, luterani, e dei ‘preti’ sposati…..

            ecco che le sue finte battaglie contro i tdg, appaiono in tutta chiarezza, ….e a che cosa servono…. questa sgradevole presenza, finalmente ha gettato l’ultimo pezzo della sua miserabile maschera….

          • Mimma scrive:

            Povero Teobaldo, stanco, angustiato, deluso dalla sua carriera e sfinito da un lotta contro i mulini a vento per affermare se stesso sopra tutti….!
            Si consoli, caro monsignore, fra qualche tempo, quando tutto sarà finito, si accorgerà che non ce n’era bisogno e che nell’eternità la gerarchia non esiste più…

          • Teobaldo scrive:

            O vi piace continuare a sguazzare nel fango per sempre allontanando i cuori e le anime da Cristo e dalla Chiesa?

            ———–

            la smetta di bestemmiare, nominando il nome di Dio invano…. i protestanti, sono coloro che hanno lacerato l’ Una Santa Cattolica Apostolica….e mi viene a parlare di Cristo e la sua Chiesa?

            Si vergogni e pensi alla sua congrega protestante, invece di insegnare ai cattolici come essere Cattolici…. ma chi le da’ tale diritto? solo satana ha tanta sfacciataggine….

          • Mimma scrive:

            Eccellenza, ritengo proprio che satana guardando alla sua superbia ha già sfregato le mani nellacertezza di averla fatto suo per sempre.
            Il Santo Rosario eccellenza, è solo quella la sua salvezza!

          • cuba_libre scrive:

            Mimma, Mimma…..

            …. ma ancora non hai capito del perche’ i quattro dell’apocalisse ti prendano tanto di mira? Perche’ tu rappresenti un pericolo per loro, piu’ di quanto lo potrebbe rappresentare un agnostico o un ateo. In quanto questi ultimi sono considerati dei nemici, tu invece che sei cattolica rappresenti un’eretica; e da che mondo e’ mondo agli occhi e per la mentalità degli integralisti un eretico e’ molto piu’ pericoloso di un nemico, in quanto il nemico aggrega la gente contro un obiettivo comune, l’eretico invece disgrega le certezze di cui vanno tronfi.
            La stessa cosa avviene nel mondo islamico: per gli integralisti con la mezza luna chi e’ piu’ pericoloso un infedele di un’altra religione o un cosiddetto moderato musulmano? La risposta e’ solare.
            Quindi non cadere nella trappola, se mi posso concedere un umilissimo consiglio, utilizza il tuo tempo in cose piu’ proficue che ti arricchiscano realmente, nel tuo cammino, invece di scorticarti il fegato in battaglie che non hanno la minima possibilità non dico di essere vinte, ma neanche di far arrivare ad un punto comune. Buona notte.

  113. Sveno Grandinera scrive:

    Ma allora questo è l’inferno !
    di Sveno Grandinera

    Sognai stanotte che tra cento anni
    Teobaldo e Timorato dipartìron :
    essendo buon cristiani da tant’anni
    in Paradiso tutte e due finìron.
    Le vesti bianche eran i loro panni,
    ma senza pizzi gliele impreziosiron:
    già questo un poco a loro fe’ girare
    le scatole, ma … ascoltate il seguitare.

    I beati, notarono i due nostri,
    parevan alquanto un po’ disordinati:
    chi stava in piedi, chi coi capi prostri,
    chi pien di gioia con i nasi alzati
    danzava ed altri come nelli chiostri
    pregavano raccolti recitando
    salmi divini insiem cantilenando.

    Vediamo se cantano in latino
    si dissero Teobaldo e Timorato
    ma tesero l’orecchio al più vicino
    e inorridendo intesero l’odiato
    cinese e un po’ più in là il mandarino,
    l’indiano, e lo spagnolo poco amato.

    Chiesero allora a un agnol di passaggio
    dove mai fosse la Chiesa exstraordinaria,
    e quello un po’ stranito pel messaggio
    a loro disse : qui stiam tutti in aria
    e ognuno gode non picciol assaggio
    ma pienamente di vision primaria:
    i due delusi, allor, pur nell’eterno,
    si dissero l’un l’altro : qui è l’inferno!

    • Teobaldo scrive:

      e l’immancabile ‘ poeta’ fallito della ciurma protestante ..tale sveno …stavolta si è SVENATO….

      • timorato scrive:

        X TEOBALDO

        si, il fine del suo discorso -della papessa- era quello di mostrare la forza dei muscoli, però la povera sventurata non sa| che Qualcuno c’è che già ha mostrato la Sua forza!

        Non avendo luce, mica potra capire ad es. che la morte esiste veramente e con essa il giudizio divino, si è ubriacata di illusioni e di denaro e di……

        • Teobaldo scrive:

          Si carissimo Timorato, la papessa protestante….gran brutta fine farà…..

          Questa tizia è la dimostrazione, più palese che satana quando acalappia la preda non la lascia andare tanto facilmente…. però, vi è da aggiungere che vi sono coloro come la tizia, che è convinta e consapevolmente accetta questa prigione….. satana ha vittoria facile sulle persone superbe, arroganti, le quali una volta prese …le rende ceche, sorde e mute…oltre che violente, false e vendicative,…. come la suddetta tizia…. che credeva di ingannare gli sprovveduti…invece Dio non lascia i Veri Cattolici, in balia di questi empi…..li illumina quel tanto che basta, per smascherare anche chi come la papessa, credeva di potercela fare…..

          • Mimma scrive:

            Carissimo monsignore,
            è diventato irrimediabilmente noioso e ripetitivo.
            Io non so perchè ce l’abbia tanto con me, ma le assicuro che non io soltanto ma i bloggers tutti siamo davvero stufi delle sue tediosissime tiritere.
            Basta, la prego, ci usi la carità , unitamente a timorato, murmex, Lt(ex IVA), macv ecc.
            FATEVI UNA CHIESA CON SU SCRITTO TRADIZIONE e poi fatecelo sapere… verremo all’inaugurazione.
            Mi riconoscerà, sono vestita a lutto per la perdita dei miei sette mariti.

    • Mimma scrive:

      @Svevo Grandinera
      Grande Sveno!
      Azzeccatissima sintesi dell’amara esistenza di due pezzi da 90 stracolmi di un gigante IO!
      Grazie!

      • Teobaldo scrive:

        ….. si chiama SVENO e non svevo il suo amico SVENATO ….

        ahhahahha ad una certa ora…la papessa protestante ha le trabeccole…..

        • Mimma scrive:

          @>Teobaldo

          Come lei si chiama Braccobaldo show! O le piace forse farsi chiamare Snoopy? Vada a cuccia Snoopy!