“Lampedusa, colpa del Papa!”

Ci sono affermazioni che si stenta a credere possano essere fatte. E che comunque dicono molto di ciò che realmente pensano certi ambienti. L’ultima della serie arriva dal politologo statunitense Edward Luttwak, ed è destinata a far contenti certi nostrani leghisti. Gli sbarchi a Lampedusa, l’arrivo massiccio di immigrati sarebbe una responsabilità di Papa Francesco. Luttwak ne ha parlato in un’intervista nel prigramma “La Zanzara” su Radio24.

“Ero assolutamente scioccato quando il Papa è andato a Lampedusa per benedire l’arrivo illegale di immigrati illegali – ha detto Luttwak – Il Papa è andato lì a incoraggiare lo sbarco di persone che vengono illegalmente in Italia e che sono cittadini illegali”.

“Il Papa fa queste cose – ha aggiunto il politologo americano – perché ormai in Italia è diventato normale far morire e seppellire lo stato di diritto. Chi se ne infischia della legge e della legalità? E’ normale questo sorridere ad ogni forma di illegalità”.

Le affermazioni si commentano da sé. E mostrano a quale livello sia arrivata quella che Francesco ha definito “globalizzazione dell’indifferenza”. Ma tant’è. Dobbiamo sorbirci anche queste lezioni da “padroni” del mondo.

Di Luttwak non riesco a dimentcare un esilarante intervento in diretta con un noto talk show italiano di qualche anno fa. C’era a tema il razzismo, e lui disse qualcosa del genere: per noi americani è inconcepibile ogni forma di razzismo. Pensai allora: non male, per un Paese nel quale, ancora negli anni Sessanta, c’erano governatori che andavano di persona nelle università per impedire fisicamente l’ingresso di studenti dalla pelle nera.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Print
Pubblicato il da Andrea Tornielli Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

1.205 risposte a “Lampedusa, colpa del Papa!”

  1. stefano scrive:

    Certo, è intollerabile che chi scappa non si curi neppure un po’ della legalità. Ohibò!
    P.S.: Forse Luttwak teme il prossimo viaggio del Papa a Tijuana, alla frontiera tra la California e il Messico.

  2. Dondi scrive:

    Che in italia non ci sia più legalità, non penso che stupisca nessuno…perchè non è così? Unpaese di bonaccioni che tutto va bene…Per quanto riguarda il Papa, penso che il minimo che un pastore può fare e dire…per il discorso della collegialità nel governo della Chiesa resto molto perplesso in quanto i famosi “C8″, se proprio doveva essere collegiale, li dovevano votare i cardinali e non sceglierseli il Papa…ognuno sceglie sempre chi vuole e quindi ancora una volta non è collegialità, ma una forma diversa di potere e centralismo papale.

    • stefano scrive:

      …a ben pensarci, anche Pietro, Giacomo e Giovanni se li scelse Gesù quando volle salire sul monte santo. Non furono votati dal collegio.

    • timorato scrive:

      che non ci sia più legalita, al di la di quanti vogliono rivestire di innocenza la Chiesa e i papi postconciliari, è in gran parte dovuto alla Chiesa che predica un Dio sdolcinato ed impossibilitato ad imporre castighi terreni ed eterni!

      si guardi cosa è Lampedusa per “furboni salvati comunque”!!!!!

      ——————————————————————————————–

      Segnalazione di Redazione Il Faro sul Mondo

      di Mauro Indelicato

      A Lampedusa la processione continua; passerelle di ministri, presidenti di Camere, perfino il presidente della Commissione Europea sarà costretto mercoledì ad affacciarsi sulla più grande delle Pelagie per mostrare, non si sa con quale tipo di faccia, “rispetto” davanti a quelle povere bare simbolo di una tragedia numericamente ed umanamente inaccettabile. Una passerella che, oltre a voler commuovere una società civile perennemente indifferente alle sorti del sud del mondo, serve forse anche a mascherare il vero marcio che si cela dietro questi viaggi terribili, spesso culminanti con tragedie indescrivibili.

      Non solo il piano Kalergy, di cui spesso si è scritto in passato, ma anche singoli e piccoli interessi economici fanno sì che, dietro urla, lacrime e proclami, ci siano numerosi personaggi a cui, nella migliore delle ipotesi, conviene non far mutare il quadro drammatico della tematica dell’immigrazione. Prosegui la lettura »
      .

      http://www.ilfarosulmondo.it/wp/?p=26120

    • timorato scrive:

      al di la di certi discorsi contenuti nel video, è bene conoscere il Piano Kalergi
      per l’impressionante richiamo storico che si collega, appunto: ad un piano davvero diabolico degno dei maestri di Satana, che non ha niente a che fare con quella solidarietà e carita (che loro non esercitano, ma che usano come clava contro di noi:cristiani!) con cui ci vogliono “bloccare” quando si tratta di chiederci persino: “il perché” di tutta questa immigrazione!!!!! oltre al resto che si può scoprire di conseguenza!

      ——————————————————————————————–

      IL PIANO KALERGI E IL GENOCIDIO DEI POPOLI EUROPEI

      http://perchiunquehacompreso.blogspot.it/2013/07/il-piano-kalergi-e-il-genocidio-dei.html

      • vincenzo da torino scrive:

        @Timorato. E’ normale per gente come lei abboccare a qualunque piano fantasioso, purchè porti acqua alle sue idee strampalate. Su internet ne prova in abbondanza e per tutti i gusti. Le vere realtà sono solo due. La necessità di bloccare con la politica lo strapotere della finanza. La necessità di regolare il flusso delle migrazioni, poiché essa è causata dalle guerre e dalla povertà di interi continenti, dove i vari mezzi di comunicazione in primis la tv , incitano ad andare dove si può meglio vivere. L’unico pericolo viene dagli estremisti islamici che vorrebbero conquistare l’Europa attraverso l’emigrazione, fatto tutto da provare nella realtà e nei numeri. Certamente l’Europa con la natalità bassa obbliga l’inserimento necessario di un gran numero di immigrati, pena lo stallo e decrescita economica.

        • timorato scrive:

          x vincenzo

          lo dimostri che è “fantasioso”, perchè i fatti dimostrano il contrario (anche quelli che indirettamente ha enunciato lei)……..

          Ps
          ben tornato, ero preoccupato per lei, sta bene?
          Che le Anime del Purgatorio possano aiutarla e benedirla.

        • Cherubino scrive:

          sto piano kalergi viene spesso citato insieme ad altre fantasiose affermazioni (ovviamente false):
          - l’aids non esiste
          - l’inflazione non esiste
          - le camere a gas non esistevano

          Come si può vedere sono le solite sparate di quanto hanno l’allergia per le istituzioni.

  3. timorato scrive:

    al di la della “legittima difesa” che dovremmo noi tutti, italiani ed europei (CATTOLICI),
    opporre sempre verso i “padroni del mondo” come li ha definiti il dott. Tornielli e che dovrebbe aiutare il nostro desiderio di indipendenza capace di raggiungere una “certa unita” per divenire una” terza” potenza mondiale sotto il “segno” della Croce, devo riconoscere che non ha tutti i torti il dott.Luttwak a deplorare l’incoraggiamento che è venuto dalla visita del Papa a Lampedusa, per l’arrivo degli “immigrati illegali”.

    Non ha tutti i torti il dott. Luttwak, non tanto per i problemi di illegalità che si vengono a produrre ma per i problemi di ordine pratico che si creano in un isola -che puta caso- “eccelle” per disoccupazione giovanile. In un isola quale è la Sicilia,in cui i giovani SCAPPANO verso il nord Italia- e non solo-, per trovare un “pezzo di pane (uso l’espressione tipica di quelle parti)” perché nella loro terra non lo trovano più e invece ci si deve poi preoccupare per darlo a quanti arrivano da altre tragedie, senza se e senza ma! E SOPRATUTTO SENZA AVERLO “QUESTO PEZZO DI PANE!!!!” Questo lo racconto senza voler fare nessun tipo di propaganda, tantomeno politica, e a favore degli ideali leghisti etc., ma seplicemente per denunciare
    l’ipocrisia che guida certe affermazioni e certi gesti, ad iniziare quello del Papa che come Primate d’Italia dovrebbe conoscere le terribili situazioni di miseria che si vivono in regioni come la Sicilia che rasentano davvero la disperazione, e che per questo dovrebbe essere molto ma molto più prudente e caritatevole verso quelli, piaccia o no, sono i suoi figli!

  4. domenico scrive:

    En passant: fin’ora quanti monasteri sono stati aperti ai profughi giunti in Italia?
    Sono sicuro che in Sicilia ci sono tanti monasteri vuoti o mezzi vuoti.
    Il dott. Tornielli sono certo che ci informerà.

    • timorato scrive:

      I Monasteri sarebbe bene riempirli di consacrati capaci di pregare bene e fare penitenza, alfine di: “riparare” i peccati che causano le guerre, i dittatori tiranni, , i fulmini, le pestilenze, la fame, la miseria e tutte quelle cose la Scienza (sacra) della Chiesa di sempre ha visto come CAUSATI DAL PECCATO e che con questi Monasteri pieni di consacrati si eviterebbero alla radice!

      Un buon Papa dovrebbe conoscere questa scienza e soprattutto dovrebbe preoccuparsi di farla conoscere, non dico ai lontani ma ai cattolici !

      • Squilpa scrive:

        Bisognerebbe rendere penalmente perseguibili per legge coloro che hanno ancora l’improntitudine di sostenere questa storia che i mali sono causati dai peccati .

        • domenico scrive:

          chi provoca le guerre che stanno spingendo questi uomini a fuggire, chi depreda i paesi africani spingendo questi uomini a fuggire, chi prende questi uomini e li mette su quelle carrette del mare, ebbene tutti costoro stanno commettendo peccati. E quindi il richiamo di timorato è giusto.

          • timorato scrive:

            x domenico

            La ringrazio per aver compreso -almeno nella dimensione orizzontale- la mia condanna al peccato che fino a PROVA CONTRARIA E’ ASSOLUTAMENTE LA CAUSA DI TUTTI I MALI!

            Al di la di quanti, nella loro ipocrita difesa della Giustizia vogliono affermare, io lo gridero sempre: IL PECCATO E’ LA CAUSA DI TUTTI I MALI!!!

            La ringrazio per aver compreso e anche per avermi difeso, anche se non servira a nulla la spiegazione che lei benignamente ha dato ,perché ci sono altri interessi che spingono a colpire la Legge di Cristo, che sono quelli di: colpire la Chiesa per odio ed invidia!!!!

          • homo biblicus scrive:

            il richiamo di Timorato è giusto … tranne quando parla di fulmini e pestilenze che comunemente si considerano fenomeni naturali e quindi non ascrivibili al malanimo umano.

          • timorato scrive:

            x homo biblicus

            la ringrazio della “benedizione” ma devo ancora smentirla con mio dispiacere.

            Se Lei controlla, nel Rituale Romanum, trovera le Litanie di Tutti i Santi dove si canta:

            A Fulgure et Tempestate, Libera nos Domine;
            A Peste Fame et Bello, Libera nos Domine;
            Ab Ira Tua, Libera nos Domine;
            Ab omni malo, Libeera nos Domine.

            TRADUZIONE:
            Dai fulmini e dalle tempeste, liberaci o Signore,
            Dalla peste, dalla fame e dalla guerra, liberaci o Signore,
            Dalla Tua Ira, liberaci o Signore,
            Da ogni male, liberaci o Signore.

            Da cio, può dedurre che la Santa Chiesa di Sempre (come può considerare anche la sua mente sgombra però da certe prediche che presentano la Fede in chiave razionalistica) ha pregato affinché, quelli che Lei chiama “fenomeni naturali”, venissero sempre allontanati per Pieta, da Quel Dio, che per essere Creatore e Signore oltre che Salvatore, HA IL POTERE di agire sulle sue creature quali i fulmini etc.in tutti i modi! quindi si renda conto che le mie non sono superstizioni da medioevo o da selvaggio, ma “Cose” attinenti alla Teologia e alla Liturgia della Chiesa! cercando anche di capire che nella Chiesa di oggi c’è veramente una crisi che inizia nella Sua Teologia adulterata da correnti filosofiche anche stupide!!!

            Le faccio presente che tali Litanie si cantavano nelle Processioni dette delle: Rogazioni seguendo il Santissimo Sacramento nel triduo dell’Ascensione -secondo la antica Liturgia- e che servivono proprio per allontanare i Divini Castighi!

            Questo Rituale, che risale – se ricordo bene- al 1500 0 1600 e che ha subito solo piccole riforme lungo questi secoli, fino a quella tragica di Papa Paolo VI e Giovanni Paolo II e che ha fatto dire ( TRALALTRO NON VOLUTA DALLO STESSO VAT.II) – a proposito di danno liturgico- a Padre Amorth, che tale rituale è solo buono per cacciare le mosche(visto poi che contiene anche i riti dell’Esorcismo)!
            Tant’è che lo Stesso Padre Amorth per ovvie necessita ha usato sempre il Rituale antico.
            Oggi poi con la liberalizzazione di Benedetto XVI il problema non esiste più(?).

          • Ilsanta scrive:

            @Domenico

            La tendenza dei credenti a scaricare tutte le responsabilità al di sopra o al di sotto del livello umano è un espediente ormai spuntato. Per chi crede che l’uomo sia stato creato da un ente superiore c’è da chiedersi per quale motivo sia stato fabbricato così male.
            Infine vorrei sommessamente ricordare che “chi provoca le guerre che stanno spingendo questi uomini a fuggire, chi depreda i paesi africani” spesso è colpevole di delitti contro l’umanità, cosa ben più grave dei peccati dei quali è sufficiente liberarsi magari con una bella confessione.

          • Mimma scrive:

            @ Domenico
            Se il cattolicesimo si limitasse unicamente alla dimensione contemplativa ignorando quella orizzontale che va incontro all’uomo , non avrebbe ragione di chiamarsi tale.
            Quando la finirete di sparare sentenze dall’alto della vostra saccenza?
            Indossate un grembiule ed iniziate a “servire”!
            Scoprirete quanto è bello amare!

        • timorato scrive:

          x sguilpa

          sarebbe lei, la sapiente conoscitrice della Giustizia tanto da dare la forca a chi smaschera le ideologie (opportuniste e maledette dalla Unica e Vera Legge di Cristo), perché questa Legge smaschera o perché è più iniqua della sua ?

      • Nan scrive:

        Scusa, ma se non ci sono vocazioni, cosa puo’ fare il Papa per riempire questi posti di consacrati. Per lui a questo preciso momento lo spazio e’ piu’ utile ai bisognosi anziche’ tenere questi palazzi chiusi o con pochi fratelli ordinati. Per me questo e’ un buon Papa misericordioso e non politicante come alcuni del passato.

    • Cherubino scrive:

      domenico fa delle affermazioni poco documentate. Perchè i conventi non sono gli unici luoghi dei cattolici. Nei conventi spesso si provvede al cibo di prima necesità, con mense calde, panini, uso dei gabinetti. Alcune congregazioni fanno anche dell’ospitalità.
      Poi vi sono migliaia di cooperative e associazioni cattoliche, gestite da laici e religiosi/e, che fanno un servizio capillare, spesso in assenza di interventi pubblici anche lì dove sarebbero garantiti dalla nostra Costituzione (pensiamo alla salute, ai minori).
      Io stesso personalmente ho prestato servizio in diversi di questi luoghi. Chissà se domenico era presente quando al Cottolengo di Torino aiutavo a dare centinaia di panini e assistenza ai casi di disabili e malati extracomunitari ? Chissà se ha mai passato un’ora al “rifugio” di Fratel Ettore (se non sa cos’è clicchi sul link nei blog amici). Chissà se ha mai frequentato la mensa dei Cappuccini di Milano. O le case delle Suore della Carità di Madre Teresa.

      Ma forse per Luttwak anche questo servizio è un incentivo a venire in Italia e quindi complicità in omicidio colposo. Strana logica però. Chi agisce per quei disgraziati sarebbe colpevole di ciò che gli altri non fanno, mentre questi ultimi sarebbero innocenti perchè non fanno. Il punto problematico è che il pregiudizio sottostante è che in fondo quei poveracci possono starsene nella loro disperazione, l’importante è che non la mostrino troppo. E’ in fondo solo una questione di “vista”. Finchè la povertà non va in Tv non esiste. La colpa del papa in fondo è di averla fatta vedere, di aver alzato il tappeto dove viene nascosta. Quasi che mostrarla sia crearla. A tal punto è arrivata la tv-dipendenza di certo pubblico americano ? A tal punto stiamo soccombendo sotto il potere delle televisioni e dei loro proprietari ? In fondo, il problema della democrazia italiana, non è nato proprio con le tv, la loro influenza negli orientamenti di voto, il conflitto di interesse irrisolto ?

      • domenico scrive:

        ah certo…
        Quindi quando il papa ha detto “A cosa servono alla Chiesa i conventi chiusi? I conventi dovrebbero servire alla carne di Cristo e i rifugiati sono la carne di Cristo” evidentemente era poco documentato.
        E quindi rinnovo la domanda: da quando il papa ha fatto questo appello quanti conventi si sono aperti ai rifugiati?

  5. rosanna scrive:

    Chi è Luttwak? Per conto di chi sta in Italia? A chi Pap a Francesco
    ha messo i bastoni fra le ruote nella questione siriana? Taluni cominciavano a credere che i consensi mediatici , nonché deformanti , prodigiosamente offerti al nostro Papa fossero il segno inequivocabile della sua affinità con la mentalità di questo mondo? Non temete, perché la becera menzogna di Luttwak non è che un assaggio di quanto accadrà onde demolire la buona fama di ,Papa Francesco e cercare di metterlo in un angolo. Forse a molti cattolici è sfuggita la dichiarazione di guerra fatta dal nostro pontefice a Mammona , a chi gestisce in maniera criminale il traffico di es seri umani, ai poteri finanziari che si nascondono dietro questi traffici. Ripeto, chi è Luttwak? È un turista americano in Italia?

  6. Luttwak esprime quell’atteggiamento WASP tipicamente protestante, bianco e se possibile anglo-sassone….

    Noi siamo invece cattolici, di ogni colore e di ogni cultura. già ciò dovrebbe metterci in guardia sulla capacità di intendere cosa il cattolicesimo, solo vero universalismo come la sua etimologia insegna, insegni.

    Nella realtà la problematica è la seguente: io non conosco nessun padre di famiglia numerosa, lui stesso povero e lavoratore che non sia capace di invitare alla mensa familiare lo straniero, gli amici dei figli, altri bimbi abbandonati o malati: si allunga il brodo e si tagliano fette di carne e pane più sottili e il miracolo dei pani e dei pesci si riedita.

    Noi cattolici promuoviamo una società per la vita! Impedirsi di procreare ha la stessa radice che rifiutare lo straniero; abortire la stessa che mettere da parte il povero; eutanasiare è lo stesso movimento che disinteressarsi del carcerato, dell’idiota, del malato. Luttwak esprime l’essenza del messaggio della società di morte che ci vogliono imporre ateisti, liberali, “gender-isti”, protestanti e altri abortisti.

    Insomma, invece di aver paura del sicuro disagio che queste persone comportano, perché non immaginare cosa possiamo fare per loro? Invece di guardare cosa mi possono togliere, perché non concentrarmi su cosa posso fare concretamente per loro? Sono il Cristo, dopotutto!

    In Pace

    • Josh scrive:

      il 7 ottobre è stato l’anniversario della Battaglia di Lepanto, in cui le truppe di San Pio V vinsero gli Ottomani.
      San Pio V ricondusse lo storico evento della vittoria di Lepanto alla preghiera che la cattolicità in pericolo aveva indirizzato alla Vergine nel Rosario.
      In quello stesso giorno infatti San Pio V mentre era intento a recitare il rosario ebbe una visione, in cui i cristiani avevano vinto sui turchi, e qualche giorno dopo un messo di Don Giovanni d’Austria gli confermò la notizia.
      In ricordo di ciò il papa rifinì l’Ave Maria nella forma in cui la recitiamo oggi, stabilì che ogni chiesa suonasse le campane al mattino, a mezzogiorno e alla sera per ricordare la vittoria dei cristiani sui musulmani,
      aggiunse le Litanie Lauretane alla recita del Rosario, vi aggiunse l’appellativo “Auxilium Christianorum” e stabilì inoltre che il 7 ottobre diventasse un giorno festivo consacrato a Santa Maria delle Vittorie sull’Islam.

      Oggi invece si auspicano “copiosi frutti del ramadan”.

    • Josh scrive:

      comunque Luttwak non è un WASP ma un signore ebreo.

    • Luciano67 scrive:

      Mi permetto di farle notare che i piu’ feroci anti-abortisti e anti-genderisti negli USA sono tutti cristiani conservatori evangelici e sono tutti dalla parte di Luttwak (Tea-party e consimili).

  7. Squilpa scrive:

    WASP ?
    Simone de cyrene non vede ,al solito, molto più in là del proprio naso.
    Nei paesi dell’Europa centrosettentrionale si è data accoglienza ad un numero di profughi dieci volte maggiore che in Italia (come l’Europa stessa ha ricordato). Tra l’altro, se venisse “centralizzato” il problema –come i nostri governanti si sbracciano a domandare– saremmo noi a dover sostenere finanziariamente gli altri governi, appunto perchè da noi , di immigrati, ne arrivano un decimo.
    Simone è un facile venditore di fumo : noi cattolici “di ogni colore etc etc” il meglio che abbiamo saputo fare in diciassette secoli è stato arricchire la casta clericale, laddove i nostri governanti non dimostrano la capacità di affrontare e pianificare il problema con la mentalità razionale e scientifica che sarebbe necessaria (ma solo col pietismo e l’atteggiamento pelosamente caritatevole).
    Negli altri paesi, lo sanno fare perchè è stato insegnato ai popoli di non inginocchiarsi e chiedere miracoli, ma affrontare i problemi con la forza dell’organizzazione razionale.

    • domenico scrive:

      c’è una bella differenza tra il ricevere profughi che arrivano via terra e riceverli quando arrivano via mare. I profughi che vanno in Germania non rischiano di morire in mare. Per l’Italia c’è una situazione geografica diversa che impegna maggiori risorse. E gli altri paesi lo sanno.

  8. Squilpa scrive:

    Non è un problema squisitamente tecnico sulle qualità geografica della frontiera, come tu vuoi far credere, Domenico. E’ una questione di uomini e di mentalità : oggi, non mancano le tecniche per controllare le acque al pari delle terre.
    Ti ricordo che l’impero romano, già duemila anni fa, era in grado di controllare il mediterraneo; e ,poichè tu hai citato la Germania, stà sicuro che se i tedeschi abitassero questa penisola, non si farebbero sfuggire di mano il problema , ma lo metterebbero sotto controllo (come li tengono tutti, peraltro, a casa loro).

    • domenico scrive:

      e io ti ricordo che il Frontex è gestito proprio da quei paesi che secondo te sanno come vanno fatte le cose. Ma i risultati del Frontex non si vedono.
      E visto che parli della Germania, sappi che la Merkel ha ammesso che il modello multiculturale della Germania è fallito:
      http://www.bbc.co.uk/news/world-europe-11559451

  9. Lia Orsenigo scrive:

    Mi pare davvero che la signora Squilpa abbia ragione.
    Il risentimento di Simon de Cyrene contro le società gestite dai protestanti colpisce particolarmente per la sua risibile , partigiana, sgangherata inconsistenza.
    Le società, infatti, che Simon de Cyrene ottusamente condanna sono in grado di offrire accoglienza, assistenza e lavoro agli immigrati; questa è vera attribuzione di dignità, e non le chiacchiere vane di un paese che si sciacqua la bocca con la retorica cattolica, ma poi prende i migranti a “Calderolate” in faccia e li segrega in topaie inumane. E non dimentichiamo che il leghismo nordista non si presenta certo disinteressato a buoni rapporti col Vaticano…
    Cito, a sostegno della mia argomentazione, una unica considerazione : sono i migranti medesimi a pensarla così, tant’è vero che la loro meta ideale è precisamente l’Europa, mentre l’Italia è considerata solo un forzato ponte di passaggio.
    L.O.

    • domenico scrive:

      fra le società gestite dai protestanti ci sarebbe proprio l’America di Luttwak e quindi stai dando ragione a lui contro Tornielli?

      • stefano scrive:

        Domenico, il suo tentativo di riportare Lia e Squilpa alla ragione è lodevole, ma pietosamente vano con chi non sa neppure distinguere un profugo da un immigrato.
        Vorrei vedere, poi, l’accoglienza, la solidarietà, il lavoro e l’assistenza che riceverebbero tutti quei disperati se anziché sbarcare a Lampedusa naufragassero un giorno sì e l’altro pure con i loro barconi stracarichi nel bel mezzo del Boden See o di un suggestivo fiordo norvegese. Queste ignorano che se non hai le qualifiche che servono per lavorare alla Volkswagen o nell’industria edilizia, e non dimostri di poter parlare la loro lingua, col cavolo che i tedeschi e quant’altri ti rilasciano il permesso di soggiorno e di lavoro. Davvero la gente parla e straparla dalla pienezza della sua boria.

        • Annarita scrive:

          Se poi aggiungiamo che in Germania sta arrivando il flusso migratorio degli italiani, si può capir bene come siamo messi da queste parti. Comunque in Germania è vero, lavori se conosci la lingua e hai una certa profesionalità, altrimenti nisba.

        • stefano scrive:

          P.S.: rileggendomi mi sono accorto di essere stato fin troppo diplomatico. Se i tedeschi (e mi limito a loro) sono gli stessi che governano oggi in Grecia con i loro kommissari (ce n’è ogni ministero), riducendo quel popolo alla fame finché non abbia restituito fino all’ultimo spicciolo svendendo ogni proprietà e attività, se quello è il paradigma dell’assistenza e della solidarietà che hanno appreso i figli di Lutero, allora, di fronte agli sbarchi che abbiamo avuto noi, non v’è dubbio che non avrebbero esitato a riaprire i campi. Nel pieno rispetto della legalità, si intende.

      • Ilsanta scrive:

        @Domenico

        Premetto che dare la colpa al Papa per gli sbarchi è una id…zia, ma mi permetto di dire anche che è una id…zia pure attribuire a Luttwak il ruolo di maître à penser e di rappresentante degli USA. Parlare degli statunitensi come i “padroni del mondo” (comunico che stanno ricevendo lo sfratto e fra poco i nuovi padroni di casa avranno gli occhi a mandorla) o fare i piccati sulle loro leggi razziali è assurdo tanto quanto pensare che Borghezio sia la faccia italiana in Europa e nel mondo.
        Ogni tanto, magari spesso, saper relativizzare sarebbe cosa buona altrimenti corriamo il rischio di essere tutti paragonati ad alcuni figuri come quello succitato …

    • lauraromana scrive:

      @lia Orsenigo
      …infatti quei furbacchioni dei Tedeschi protestanti hanno detto che i profughi siriani li accolgono soltanto se sono laureati e cristiani.

  10. Iva scrive:

    Qui mi pare che non è in questione il razzismo, ma il senso della misura, cioè verificare e rispettare in un territorio i limiti di accoglienza sostenibile.
    Limiti OGGETTIVI, visto che la terra abitabile di un’isola non è elastica.
    Gli abitanti di Lampedusa sono esasperati e vogliono andarsene, lasciando l’isola in mano agli immigrati che arrivano a frotte senza alcun limite nè controllo di presenze eventualmente pericolose.
    Per capire meglio che cosa sta succedendo, lo stato di compressione e di PAURA in cui vivono gli abitanti, guardare questo video:

    http://www.youtube.com/watch?v=H6sjKz6h1VQ

    “Il governo ha deciso di metterli TUTTI QUA, e noi allora ce ne andiamo….”
    “c’è gente anche cattiva, che inizia a rubare, invadere le case ecc….”
    “é un’emergenza, qui possono abitare solo 2-3000 persone al massimo…..”

    Ascoltare anche l’altra campana può giovare a trovare un po’ di obiettività, mi pare.
    Non è rassicurante nè per noi nè per loro sentire come certi nuovi arrivati si precipitano a fare man bassa con intrusioni e ruberie nelle case, dove i proprietari tornando trovano rapine in corso e vengono pure aggrediti, e le forze dell’ordine, chiamate, non ce la fanno ad intervenire, perchè superimpegnate nell’accoglienza degli sbarchi continui.
    Chi di voi (o noi), tanti bravi teorici accoglienti al 100% senza alcun limite nè regola nè controllo vorrebbe abitare in quell’isola, dopo aver visto e sentito le lamentele degli abitanti ?

    • homo biblicus scrive:

      Per quale legge tutti gli immigrati che sbarcano a Lampedusa “devono” stare così a lungo a Lampedusa? È una illuninazione che chiedo, non è un’accusa.

      • stefano scrive:

        Perché tutti chiedono lo status di rifugiato e il Governo tramite i Consolati è tenuto a fare tutte le verifiche del caso per poter stabilire se sussistono i requisiti. Faccio notare che la maggior parte arriva senza documenti, oppure li ha persi, oppure sono falsi.

  11. Alessio scrive:

    Povero dott. Tornielli, quanta demagogia, quanta ipocrisia. Provo molta compassione e spero di avere la forza di pregare anche per Lei. E siccome è talmente pieno della Sua sicumera, probabilmente non capirà mai il perchè. Senza rancore ma con dolore. Saluti. Alessio.

  12. peccatore scrive:

    Lampedusa stessa è una “barca”, una scialuppa disponibile per chi annaspa alla deriva.
    Non è però terra di nessuno, ma “è parte di”. Di che cosa?
    Di uno Stato, che ha tessuto relazioni formali con una Comunità di Stati.
    Ebbene se un mio dito mi duole, tutto me stesso è “coinvolto”, non solo la mano.
    E se il problema al dito è grave, ne viene coinvolta tutta la mia famiglia perché potrei non poter guidare o scrivere come si conviene.

    Qui però non si guarda solo a Lampedusa e a chi ci abita, ma soprattutto verso chi ci arriva: non costituisce un “accidente”, ma è gente, umanità messa in condizione di rischiare la vita dagli accidenti capitati presso le rispettive terre costringendoli all’avventura e al pericolo.

    L’indifferenza per queste tragedie sgorga fluida dal legalismo che pretenderebbe di contenere anche le vite appese a un filo al rigore burocratico e normativo.
    E.L. non da oggi rappresenta la quintessenza dei megafoni mediatici di certi esclusivi ed influenti circoli globali, quelli dei “padroni del mondo”.

    Questi sepolcri imbiancati non esitano a bombardare (“intelligentemente” per carità), a impoverirti ad usura (secondo “trattati”), a vanificare ogni tuo sforzo con un semplice giudizio di un’agenzia di rating (asservita alle leve di comando che sfornano i conflitti che poi intervengono a “sanare”).

    I sepolcri imbiancati dell’avidità legale, globalizzata, delirante onnipotenza proprio mentre disprezza Dio, avendoLo sostituito con il potere, il denaro e il vizio (sapendoli usare anche per asservire e ricattare), sanno di poter pontificare persino sugli atti del pontefice.

    Questa gente sa indignarsi, sa ergersi a paladino, sa occupare scranni dai quali vomitare retorica per far sembrare “legale” e “giusto” il proprio smisurato potere, pari solo all’orgoglio e alla boria che riesce a sostenerne il peso.

    Non è la legge a salvare. I detentori della legge, pronti a riscriversela a proprio beneficio ogni volta che potrebbe mettere i bastoni tra le ruote delle loro macchine da guerra, sono sempre irritati da chi osa guardare oltre, là dove a far luce e scaldare i cuori è la misericordia, un barlume di umanità nei bilanci e nei codici di tronfi tromboni assoldati dal principe di questo mondo per dominare.

    In italia non c’è legalità e il diritto è asfittico. Verissimo. E ce ne dovremmo accorgere dai barconi naufraganti? Dovremmo diventare più “virtuosi” facendoci pescecani come E.L e i suoi burattinai?

    Lampedusa è terra di confine. Non è più nemmeno una spiaggia che ti ricorda la vacanza. C’è chi sorseggia il drink, grattandosi la panza. Poi spara la propria sentenza. Un inelegante rutto può persino sfuggire, mentre sul conto corrente arriva altra linfa per il proprio avido benessere, tra un colpo di mazza al golf e una telefonata al trader, per spostare qualche cifra da un titolo all’altro. Titoli di coda. In testa le corna…

  13. Annarita scrive:

    Mah! Il fatto è che tante guerre sono proprio volute per creare flussi migratori che destabilizzino l’Europa, perchè si prenderebbero così due piccioni con una fava, da una parte demolire del tutto la civiltà cristiana, dall’altro creare delle tensioni con i mussulmani, in modo da avere l’espediente per eliminarli con altre guerre. Chi vuole ciò? Chi vuole un mondo globalizzatodove la Verità sia bandita in un panteon relativista. Chi oggi impedisce tale globalizzazione? chi ha una fede granitica impedisce e chi oggi ha una fede granitica? Mica i cattolici, ma i mussulmani. Due piccioni con una fava, prima pensano di finire i cattolici sia per sfinimento (già belli sfiniti dai nemici interni alla Chiesa) e magari con qualche bella guerra santa interna all’Europa, poi una volta eliminato il nemico numero uno, si passa ad eliminare quello meno pacifico, i mussulmani. E finalmente si arriva al mondo nuovo, quello descritto da Huxley. Ma non hanno fatto i conti con Dio.
    C’è inoltre da dire che quando si fa guerra a Dio, spesso la terra si trasforma in una piaga e mi pare che non si trovino oggi sulla terra tante società rette, ma purtroppo l’uomo non solo ha ripudiato Dio e le sue leggi, ma ha deciso di sfidarlo, offendendolo pubblicamente. Un po’ da stolti, se si capisce a chi si sta facendo guerra.

    • cuba_libre scrive:

      Questa e’ fantapolitica allo stato puro! “La distruzione della civiltà cristiana” e’ un non-senso vivente, poiche’ come ho riportato in diversi interventi, spesso le nazioni piu’ colonizzatrici della storia sono andate a fare quello che hanno fatto con la Bibbia in una mano e il fucile nell’altra. Per non parlare delle teo dittature di Spagna, il Portogallo di Fatima, Ungheria, Croazia. Per non parlare dello IOR invischiato nelle peggiori e torbide operazioni finanziarie del pianeta.
      Ma lei pensa veramente che sono gli stati sovrani che comandano oggi? O le lobbies e le banche che dettano le condizioni che se non vengono rispettate, interi stati vengono strangolati?
      I musulmani: come si fa a considerare moderati stati come l’Arabia Saudita o il Kuwait dove vi e’ lo schiavismo per il 50% dell’universo umano, parlo di quello femminile?? Non se lo chiede questo?
      No, non se lo puo’ chiedere fintantocche’ continuera’ a vedere il mondo con questa mentalità schematica dove i buoni e i cattivi sono rigorosamente allineati secondo una sua discriminante non interpretativa.
      Al potere costituito (e quando parlo di potere costituito mi riferisco anche a quello che per parecchi secoli ha governato nel segno della croce) non frega niente del colore che uno porta, l’importante e’ che quel colore faccia i suoi interessi. Il resto e’ solo facciata. Se il chador o il burqua fosse funzionale al potere economico in Europa, vedrebbe per esempio che come per incanto sparirebbero in Euripa tutti i divieti per le coperture integrali.
      Lei per esempio vedo che vede il 68 come se fosse Belzebù; ebbene le dico, io che ho vissuto il post 68, che il 68 e’ stato una grande incompiuta; il potere SE NE E’ IMPOSSESSATO nella sua forma piu’ genuina riproponendolo in una forma retorica distorta e mistificata che NULLA aveva a che fare con quelli che erano stati i suoi principi ispiratori : il 68 non era anarchia, libertinaggio, promozioni senza studiare; era una rivendicazione di sacrosanti diritti che erano fino a quel momento compressi in una logica soffocante, ipocrita e, diciamolo pure, clericale, che fecero vacillare l’intera Europa e quello che rappresentavano; in America si contestava la guerra in Vietnam (non per niente fecero fuori i due Kennedy e Martin Luther King).
      E quando il potere si vede vacillare, e non puo’ rispondere con le repressione fisica, adotta sempre la stessa tattica secolare, che purtroppo l’infantilismo politico ha sempre fatto risultare vincente: panem et cincenses! Tutto il resto sono chiacchiere!

      • Annarita scrive:

        Cuba libre lei non crede che ci sia in atto da sempre una guerra tra il demonio e la Chiesa di Cristo? Non crede che il padrone del mondo non abbia alleati umani che portano avanti questa guerra? Che tentano di distruggere ciò che Gesù ha costruito?
        Comunque non so se rispondeva a me, visto che io non mi sogno di parlare di miussulmani moderati, ma ho ben specificato che non sono pacifici. E poi non ho parlato di Stati sovrani che comandano, perchè gli Stati non sono sovrani, ma sottoposti a lobby massoniche e le loro banche.
        Perciò credo lei rispondesse a qualcun altro.

        • cuba_libre scrive:

          No, no rispondevo proprio a lei. Ma evidente mi devo abituare a vedere giocare a bastoni, anche se il gioco e’ a coppe!

          • Claudio2 scrive:

            @cuba uso il termine fornicatori per semplificare:) ho convissuto anch’io (mi sarei pure sposato, ma questa e’ un’altra storia) e purtroppo o per fortuna tutte le coppie ‘riuscite’ felici &fedeli che conosco con l’eccezione dei miei genitori sono ‘irregolari’ in un modo o nell’altro (uno poi e’ il mio cuginetto in felice civil union col suo compagno, quindi il ‘problema’ si pone in altre forme:). Quindi si, lo so che il mondo non si riduce alla dicotomia ‘sposi felici’ / Rocco Nazionale, e che tra i due estremi ci sono differenze anche significative:)
            Un saluto

  14. Annarita scrive:

    Se almeno gli uomini di Chiesa e i cattolici cercassero di riparare, ma vivono nell’indifferenza, perchè non amano abbastanza Dio.

  15. Reginaldus scrive:

    …commento prima passato e poi tolto : ora rimesso in circolo e posto in attesa di moderazione! ma insomma BISOGNA per forza ADORARLO questo Bergoglio??? Il giudizio di Luttawak può solo essere ESECRATO??? Qiuando si dice dei binari obbligati del Pensiero Unico e Omologato!!! E poi avete la faccia di denunciate i ROGHI altrui!

  16. J scrive:

    Come si sa, il nostro scassatissimo ufficio del territorio, è in grado non solo di scoprire una casa abusiva, anche un garage abusivo fino ad arrivare ad una cuccia del cane, abusiva nel giardino di casa. Per mezzo delle foto satellitari.
    Possibile che i nostri super pagati generali, non siano in grado di controllare il limite delle acque territoriali della costa egiziana, libica, tunisina per intercettare quelle pericolose carrette che fanno il traffico di schiavi ? Possibile che non possano far sostare un paio di navi (civili o militari) al di fuori delle acque territoriali, dove accogliere quelli che illegittimamente tentano la traversata ? A bordo potrebbero fare le verifiche del caso, accogliere i meritevoli e riportare indietro gli irregolari. Costerebbe meno della manutenzione dei cosiddetti centri di accoglienza che tanto spesso vengono datri alle fiamme dagli stessi occupanti e qualora lo Stato fosse proprio spinto dalla così detta vena misericordiosa, potrebbe allestire dei campi sulla costa da dove i clandestini sono partiti e affidarli alle cure di locali stipendiati dal consolato dopo aver stipulato accordi con i governi responsabili. Non sarebbe cosa difficile né complicata. Quindi la domanda è sempre Qui prodest ?
    Se la situazione è quella che è, è proprio perché coloro che dovrebbero essere amanti della legalità benedicono l’illegalità senza nemmeno sentire “la Vergogna” di sentirsi responsabili per l’invito indiretto a peccare ?
    “Poiché quale associazione hanno la giustizia e l’illegalità? Chiunque pratica il peccato pratica anche l’illegalità, e il peccato è illegalità. Tuttavia, non tutti hanno ubbidito alla buona notizia..Tuttavia, non in tutti è questa conoscenza; ma alcuni, essendo finora abituati all’idolo, mangiano il cibo come qualche cosa sacrificata all’idolo, e la loro coscienza, essendo debole, è contaminata ( 2 Cor.6.14; 1 Gv 3.4; Rm 10.16; 1Cor 8.7)
    Viene da dire a Luttwark : “Perché copi le mie idee?”

    • Ilsanta scrive:

      @J

      Lei stà descrivendo un film che ha visto al cinema di recente?
      “Come si sa, il nostro scassatissimo ufficio del territorio, è in grado non solo di scoprire una casa abusiva, anche un garage abusivo fino ad arrivare ad una cuccia del cane, abusiva nel giardino di casa. Per mezzo delle foto satellitari.”
      Infatti è proprio per questo che soprattutto nel sud Italia non c’è nemmeno una cuccia abusiva, vero?
      Il resto viene da se …

      • J scrive:

        @ Ilsanta
        Distinto il santa, se questa mattina avesse ascoltato la trasmissione “Radioanch’io” (può sempre farlo recuperandola dal sito di RadioRai1) avrebbe scoperto che il responsabile militare interrogato sull’argomento, ha spiegato che si tratta di “volontà politica assente” piuttosto che di fattibilità operativa che è funzionante e che verrà anche rafforzata, stando all’intervento del rappresentante della UE.

        Se nel Sud d’Italia non c’è nemmeno una cuccia abusiva, dipende dalla mancata volontà politica, sa, sono tutti una famiglia al sud, e nessuno vuol danneggiare la propria. Come lei può facilmente comprendere, la famiglia è più indirizzata alla tolleranza che a implementare disciplina. Nessuno vuol rischiare di farsi un nemico in famiglia e tutti preferiscono vivere tranquillamente piuttosto che cercare grane. Sembra che sia una caratteristica derivante da un certo tipo di educazione tutta rivolta alla tolleranza onde guadagnarsi il paradiso.
        Non dice il vangelo : “correndo dietro a questo amore alcuni sono stati sviati dalla fede e si sono del tutto feriti con molte pene.”(1Tim 6.10) Tutto torna caro il santa. Tutto torna. E’ come la matematica !

        • Ilsanta scrive:

          @J

          Il controllo di vaste aree del territorio italiano è già difficile di per se (partendo da risorse comunque scarse), non parliamo del controllo capillare di territori decine di volte più vasti al di fuori del nostro Paese.
          Personalmente credo che la teoria del tappo sia perdente alla lunga, se non sostenuta da politiche diverse nel confronto dei nostri vicini di continente. Un buon anestetico che rischia di far peggiorare il male che soggiace.
          Saluti.

  17. peccatore scrive:

    Potrei dare ragione a chi critica l’ipocrisia di chi parla di accoglienza (certi soloni europei e nostrani) lasciando ad altri la fatica di darla (e non è il caso della Chiesa)…

    Potrei dare ragione a chi lamenta l’assurdità di chi dispone di mezzi per controllare persino una cuccia di cane e non li usa a beneficio di chi rischia di morire annegato…

    Potrei dare ragione a chi denuncia il sistema di illegalità diffusa, tollerata e anzi alimentata a monte delle situazioni che poi seminano tragedie e suscitano solidarietà senza più nemmeno confini tra legalità e illegalità…

    Potrei dare ragione a chi ha ormai compreso che ci sono disegni innominabili, orchestrati ad arte per costruire le basi per accreditarsi legittimi e necessari nel “portare ordine” e “dispensare raccomandazioni” che sembrano sempre più delle manette nelle prigioni in cui viviamo sorvegliati dai burattinai dei vigilantes…

    Potrei dare ragione a mille ragionamenti, ma mai potrò accreditare le false ragioni dei sepolcri imbiancati e le velenose carognate contro chi sta smascherandone la logica.

  18. giovannino scrive:

    Non ho molto da dire , infatti su questo tema sono completamente d’ accordo con il Papa e trovo l’ opinione di Luttwak insensata. Certamente il Papa deve predicare il rispetto e l’obbedienza dell’ autorità civile, A MENO CHE questa non contrasti l’ etica naturale , il Vangelo e la retta coscienza. Quando il comportamento dell’ autorità civile induce al peccato , a compiere il male, a colpire la vita umana , il Papa non può che stare dalla parte di Dio , perchè l’ obbedienza a Dio viene prima dell’ obbedienza all’ uomo. Date a Cesare quel che è di Cesare , ma DATE A DIO QUEL CHE E’ DI DIO.

    • J scrive:

      “Ogni sommozzatore che scende porta con sé una coroncina del rosario benedetta da Papa Francesco.“
      h**p://www.avvenire.it/Cronaca/Pagine/lapedusa-199-corpi.aspx

      Che se ne faranno mai, i cadaveri, della corona del rosario ? Mica potranno recitarlo nel paradiso di Allah. Lì ci sono le 70 vergini e i fiumi di miele, mica hanno tempo per le litanie.
      Glielo avranno detto a Francesco che la maggioranza sono mussulmani ? Magari li vuole convertire da morti !

      p.s.
      Che il lupo perde il pelo ma non il vizio è chiaramente indicato da Wikipedia : “ era per volontà di Dio che gli africani fossero schiavi di padroni bianchi e cristiani. Essi meritavano tale sorte non solo perché appartenevano presumibilmente alla razza su cui ricadeva, secondo la Bibbia, la maledizione lanciata da Noè sui discendenti del figlio Cam. Il vescovo di Darien ebbe a dichiarare nel 1519 che gli amerindi erano «a mala pena uomini e la schiavitù è il mezzo più efficace ed in realtà l’unico utilizzabile con loro»” h**tp://it.wikipedia.org/wiki/Schiavismo#La_Chiesa_cattolica_e_lo_schiavismo

      Fu solo Carlo V che decise l’abolizione della schiavitù, ma “ La scoperta del Nuovo Mondo aveva infatti posto nuovi problemi teologici alla Chiesa. ..Si trattava di stabilire «quali possibilità di salvezza avesse l’uomo virtuoso rimasto nell’ignoranza della religione» La Chiesa rispose sostenendo che anche i popoli rimasti fuori della Chiesa potevano partecipare della salvezza grazie all’assistenza diretta dell’Onnipotente.”
      Ma si erano dimenticati del Vangelo : “Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato,” ( Mc 16.16) Anche oggi.
      Che se ne faranno allora della corona del rosario ?

      • Chi perde il pelo ( il nick) ma non il vizio sei tu, Sal ;-)
        In Pace

        • J scrive:

          Distinto Simon, la prego di comprendere, non lo faccio per nascondermi, ma per aggirare la “moderazione”. Lei sa che nick e email contraddistinguono l’intelocutore insieme all’IP. Se la moderazione continua, occorre aggirare l’ostacolo. Non crede ? Non è difficile. Tanto chi è scaltro come lei che sostiene che i figli si fanno col preservativo, non ha difficoltà a scoprire chi sta dietro al nick. Sarei ingenuo se pensassi di potermi nascondere dietro ad un altro nick.
          Stia bene

      • Luciano67 scrive:

        Non so cosa se ne faccia un musulmano della corona del Rosario, Sig. J. ma posso dirle da non credente che io trovo molto bello che la Chiesa si preoccupi anche delle anime di chi dice di non credere in Essa, invece di ripetere “brucerete tutti all’inferno” come ha fatto fino a 50 anni fa.

  19. Laura scrive:

    sui profughi solo ipocrisia e ideologia allo stato puro.
    A papa Francesco comincerò a credere che sia uomo di Dio quando cominceranno ad attaccarlo fino ad adesso se è lusingato da certi ambienti vuol dire che asseconda una certa mentalità mondana quella di portare anzichè il vangelo nel mondo il mondo dentro al vangelo per questo quest’uomo mi è completamente indifferente nè sono convinta che farà cose buone ma solo evidentemente pasticci g8 compreso e commissioni varie incluse non vale neanche il detto tutto cambia per non cambiare nulla vale piuttosto cambio tutto per sfasciare le poche certezze dottrinali che avevo

    • Cherubino scrive:

      “se è lusingato da certi ambienti” … ma il thread non parte proprio dagli attacchi ricevuti dal papa da “certi ambienti” ?

      Mah … pur di accusare contraddite anche l’evidenza …

      • Annarita scrive:

        Il fatto Cherubino che il papa è criticato dai cattolici e osannato dai mangiapreti, dunque non mi pare sia un buon segno.

        • stefano scrive:

          Mia cara Annarita, mi fa specie di lei! Pensavo lei sapesse che il diavolo prima prova a sedurti con l’adulazione e con i piaceri della carne (che includono anche l’orgoglio spirituale e la superbia), e solo dopo, quando tu resisti, ti perseguita. L’osanna dei mangiapreti è solo una dissimulazione. Molti si convertiranno, ma molti resteranno mangiapreti e non tarderanno ad uscire allo scoperto. Stia in pace.

        • Luciano67 scrive:

          Si sbaglia, Sig. Annarita, il papa e’ criticato dai clericali e dai mangiapreti a oltranza. E’ amato dai cattolici e da quei non credenti che pensano ci possa essere un dialogo tra persone che non hanno le stesse credenze.

  20. giovannino scrive:

    Qualche amara riflessione sui limiti della ragione umana si impone. Ci sono quelli che sono ( giustamente) contrari all’ aborto , ma non ci trovano nulla di male a lasciare annegare i bambini africani. Quelli che vogliono ( giustamente ) soccorrere e aiutare i profughi , ma sono favorevoli all’ aborto. Quelli che sono contrari all’ aborto , ma anche contro la procreazione responsabile , che senso ha , chiedo , favorire l’ esplosione demografica dell’ Africa se quel continente non ha , attualmente , la capacità di assicurare il minimo vitale ai suoi popoli ? Certo molto si può fare per lo sviluppo economico dell’ Africa , ma nel frattempo è ragionevole e umano limitare le nascite con la contraccezione volontaria e non con l’ aborto coercitivo come fanno i cinesi. Quelli che credono ( giustamente ) all’ evidenza scientifica quando dimostra che la vita umana inizia col concepimento , ma non ci credono quando dimostra l’ evoluzione delle specie. Quelli che , al contrario , credono nell’ evoluzione , anzi l’ adorano, ma si rifiutano di vedere l’ ecografia , come Simplicio non voleva vedere col canocchiale e , per colmo , si proclamano seguaci di Galilei. Come non credere alla divina Provvidenza ? Come non pensare che la cieca evoluzione e la stupidità umana avrebbero già distrutto il creato , senza l’ intervento, invisibile alla nostra modesta scienza, della Sapienza del Creatore ?

  21. dafne scrive:

    quando dimostra l’ evoluzione delle specie.

    l’evoluzione delle specie non è affatto dimostrata.
    La teoria evoluzionistica secondo la quale da una specie ne deriva un’altra come “adattamento” all’ambiente, è completamente campata in aria, una “teoria” appunto, ma senza nessuna possibilità di dimostrazione nè empirica nè storica.

    L’inizio della vita col concepimento ha invece evidenza scientifica INOPPUGNABILE.

    • Ilsanta scrive:

      @Dafne

      Calma, calma …
      La teoria evoluzionistica è teoria perchè al momento non sono dimostrabili tutte le sue implicazioni, così come la teoria della relatività è teoria ma che si è decisamente dimostrata corretta sotto molti aspetti anche terribilmente pratici.
      Altro è dire che è campata in aria come vorrebbe far credere lei, anzi le basi di tale teoria si sono enormemente rafforzate in seguito alla scoperta del DNA con tutte le conseguenze del caso.

      “L’inizio della vita col concepimento ha invece evidenza scientifica INOPPUGNABILE.”
      Non è affatto inoppugnabile! Ovuli e spermatozoi sono vivi a prescindere e prima del concepimento, se lei poi vuole parlare di vita “umana” beh allora è meglio che ci mettiamo daccordo su cosa intendiamo visto che anche un corpo in attesa di essere espiantato degli organi è vivo e allora dovremmo di omicidio anche il quel frangente?

      • dafne scrive:

        1- sì, intendevo l’inizio della vita di un essere umano;
        2- sì, riguardo a un corpo in attesa di subire espianto è omicidio, anche in quel caso, perchè è risaputo che
        l’espianto degli organi si fa a cuore battente!
        purtroppo è risaputo ma NON LO DICONO.
        Leggasi:
        QUELLO CHE NON TI HANNO DETTO
        Non ti hanno detto che l’espianto di organi quali cuore, fegato, polmoni, reni, ecc., si effettua da persona in coma, sottoposta a ventilazione mediante intubazione, e non da un morto in arresto cardio-circolatorio-respiratorio, come tutti intendiamo.
        La persona viene incisa dal bisturi mentre il suo cuore batte, il sangue circola, il corpo è roseo e tiepido, urina, può muovere gambe, braccia, tronco, ecc… Le donne gravide portano avanti la gravidanza.
        Non è vero che prima si interrompa la ventilazione che poi, a cuore e respiro fermi, si inizi il prelievo, ma è proprio l’opposto.
        Gli organi vengono tolti da persona che ha perso la coscienza, le cui reazioni alla sofferenza prodotta dall’espianto sono impedite da farmaci paralizzanti o da anestetici.

        (segue elenco medici responsabili delle realtà suddette):
        Prof. Dr. Massimo Bondì, L.D. Pat. Chir. e Prop. Clin. Univ. La Sapienza Roma, chirurgo generale e patologo generale: “La morte cerebrale è ascientifica, amorale e asociale” (Audizione Commissione sanità 1992).
        Dr. David W. Evans, Fellow Commoner of Queens’ College Cambridge, …..
        Dr. Robert D. Truog, Dr. James C. Fackler, Harvard Medical School Boston: …..
        Prof. Peter Singer, Presidente dell’Associazione Internazionale di Bioetica: “…la morte cerebrale non è altro che una comoda finzione. Fu proposta e accettata perché rendeva possibile il procacciamento di organi” (Congresso di Cuba 1996).
        Dr. Cicero Galli Coimbra, Head of Department neurology and neurosurgery, Univ. Sau Paulo, Brasil:……
        IL DIBATTITO SCIENTIFICO INTERNAZIONALE E’ ROVENTE, MA IN ITALIA CONTINUA LA CENSURA.

        http://www.antipredazione.org/quelche.htm

        • dafne scrive:

          integro: “….elenco medici responsabili, ricercatori e DICHIARANTI che ci informano -in scienza e coscienza- sulle realtà suddette….”

      • dafne scrive:

        1- sì, intendevo l’inizio della vita di un essere umano;
        2- sì, riguardo a un corpo in attesa di subire espianto è omicidio, anche in quel caso, perchè è risaputo che
        l’espianto degli organi si fa a cuore battente!
        purtroppo è risaputo ma NON LO DICONO.
        Leggasi:
        QUELLO CHE NON TI HANNO DETTO
        Non ti hanno detto che l’espianto di organi quali cuore, fegato, polmoni, reni, ecc., si effettua da persona in coma, sottoposta a ventilazione mediante intubazione, e non da un morto in arresto cardio-circolatorio-respiratorio, come tutti intendiamo.
        La persona viene incisa dal bisturi mentre il suo cuore batte, il sangue circola, il corpo è roseo e tiepido, urina, può muovere gambe, braccia, tronco, ecc… Le donne gravide portano avanti la gravidanza.
        (segue elenco medici responsabili dichiaranti informatori delle realtà suddette)
        h…/antipredazione.org/quelche.htm

        • Ilsanta scrive:

          @Dafne

          Se intende l’inizio della vita di un essere umano allora deve definire cos’è per lei “vita umana”.
          In merito all’espianto sò esattamente come avviene e immagino lei sia contraria, lascio a lei la sua decisione così come vorrei fosse fatto per me che la penso diversamente da lei.

      • Annarita scrive:

        E si Ilsanta eh si! Lo sa perchè si sono inventati il coma depassè? per poter togliere organi vitali da persone ancora vive. Il cuore non può essere espiantato da un morto, deperirebbe in fretta e servirebbe a poco. Una volta per dichiarare la morte di una persona il cuore non doveva più battere, non bastava l’elettroencefalo piatto. Perciò cauti, perchè finchè si dona un rene o il midollo osseo o il sangue è un conto, ma quando c’è da donare fegato, cuore, polmoni…sarei cauta. Si è scoperto ultimamente in Canada che un encefalo piatto non significa che la persona sia morta, il cuore batte ancora e facendo indagini sull’Ipocampo si è scoperto che il cervello era ancora vitale. Dunque su questo argomento c’è da stare cauti. Non sarebbe la prima volta che una perona considerata in coma irreversibile si sia poi risvegliata. E’ un campo molto delicato, ci sono ancora tante scoperte da fare sul cervello umano, perciò non prenderei le cose troppo alla leggera.

        • Ilsanta scrive:

          @Annarita

          Guardi Annarita, lei può fare le ipotesi che vuole e vanno assolutamente rispettate.
          Però l’autore dello studio da lei citato scrive “Amzica, che ha diretto lo studio, ha sottolineato che questa scoperta non mette a rischio la validità degli attuali criteri per stabilire la morte di una persona, basati appunto sull’elettroencefalogramma: “Le persone che hanno deciso di ‘staccare la spina’ a un parente in stato di morte cerebrale non devono preoccuparsi o dubitare del proprio medico. Gli attuali criteri per la diagnosi di morte cerebrale sono estremamente rigorosi e prevedono nel caso di incidenti, ictus e simili anche la prova di un danno cerebrale strutturale irreversibile.”

          A lei le considerazioni del caso.

          • Annarita scrive:

            E il cuore battente dove lo mettiamo? A parte che il cervello è ancora un mistero per i medici, non si conosce tutto, ma ciò che vorrei sottolineare è che se uno ha anche un danno irreversibile, ma è ancora vivo, perde la sua dignità di persona? Non so se uno ha un danno irreversibile, ma non è morto (cuore battente) gli si possono prelevare gli organi? E’ ancora un uomo o è un oggetto? Come capita per l’embrione, quando diventa un uomo con una dignità? Solo quando nasce e allora si possono fare esperimenti su di lui, finchè non è nato?
            Non credo che i medici fossero più stolti quando definivano morta una persona se tale persona oltre a non avere attività cerebrale non aveva neppure il battito. Certo oggi abbiamo macchine che possono tenere in vita un uomo giusto il tempo per espiantare il cuore, ma non so se sia cosa etica. Finchè c’è vita, anche danneggiata inesorabilmente, non so se sia etico portar via organi. Vede io non voglio giudicare, dico solo che nel dubbio, starei molto accorta. Certo dei medici bisogna aver fiducia, ma è questione che è cambiata proprio la concezione di vita e di morte, di dignità, di uomo e non uomo, non so dunque dire se fosse meglio prima o se sia giusto ora. Certo oggi la medicina ha cambiato la visone della dignità umana, decenni fa i medici giuravano di non somministrare farmaci che potessero danneggiare o uccidere una persona, nemmeno se questa persona sofferente lo chiedesse. Oggi invece siamo nell’era dell’aborto e dell’eutanasia, e dunque tutto è cambiato, infatti non si fa più il giuramento di Ippocrate. La cosa non è così semplice moralmente parlando.

          • Ilsanta scrive:

            @Annarita

            “E il cuore battente dove lo mettiamo?”

            Verrebbe da dire che lo mettiamo nel petto di un’altra persona perchè continui a vivere.

            “A parte che il cervello è ancora un mistero per i medici, non si conosce tutto, ma ciò che vorrei sottolineare è che se uno ha anche un danno irreversibile, ma è ancora vivo, perde la sua dignità di persona?”

            Anche i cadaveri hanno una dignità eppure li seppelliamo o cremiamo, cosa c’è di poco dignitoso nell’espianto degli organi?

            “Non so se uno ha un danno irreversibile, ma non è morto (cuore battente) gli si possono prelevare gli organi?”

            Rigiro a lei la domanda, quando pensa sia possibile asportare un organo? Lei dà forse più importanza al cuore che al fegato o ai polmoni?

            “E’ ancora un uomo o è un oggetto? Come capita per l’embrione, quando diventa un uomo con una dignità?”

            Un essere umano completo ha delle capacità minime che un embrione o un corpo con un cervello “morto” non hanno, ciò non significa che non vadano trattati con dignità.

            “Solo quando nasce e allora si possono fare esperimenti su di lui, finchè non è nato?”

            Ho già risposto.

            “Non credo che i medici fossero più stolti quando definivano morta una persona se tale persona oltre a non avere attività cerebrale non aveva neppure il battito.”

            Erano solo più ignoranti, etimologicamente parlando.

            “Certo oggi abbiamo macchine che possono tenere in vita un uomo giusto il tempo per espiantare il cuore, ma non so se sia cosa etica.”

            Sono le stesse macchine che tengono in vita le persone sottoposte a grandi interventi chirurgici non è che le abbiano inventate apposta, sul fatto che sia cosa etica dipende dalla sua sensibilità. Per me gettare degli organi quando potrebbero salvare una vita è assurdo, per lei non sò.

            “Finchè c’è vita, anche danneggiata inesorabilmente, non so se sia etico portar via organi.”

            Visto che parla di vita in senso così ampio allora perchè pensare solo al cuore, finchè il fegato è vivo perchè espiantarlo? Se la pelle è viva perchè allora donare le cornee?
            Se aspettiamo che il corpo, tutto visto che non credo che il cuore abbia maggior dignità del fegato, muoia, che cosa resterebbe da espiantare?

            “Vede io non voglio giudicare, dico solo che nel dubbio, starei molto accorta. Certo dei medici bisogna aver fiducia, ma è questione che è cambiata proprio la concezione di vita e di morte, di dignità, di uomo e non uomo, non so dunque dire se fosse meglio prima o se sia giusto ora.”

            I dubbi, su temi così delicati poi, sono legittimi.

            “Certo oggi la medicina ha cambiato la visone della dignità umana, decenni fa i medici giuravano di non somministrare farmaci che potessero danneggiare o uccidere una persona, nemmeno se questa persona sofferente lo chiedesse.”

            Non mi risulta che fosse così, ogni farmaco ha degli effetti collaterali, anche l’aspirina. Il fatto che poi oggi si usino di più (e l’Italia è rimasta in questo ultima come sempre) terapie per alleviare il dolore, no mi pare scandaloso, qualche analgesico lo prenderà pure lei ogni tanto, no?

            “Oggi invece siamo nell’era dell’aborto e dell’eutanasia, e dunque tutto è cambiato, infatti non si fa più il giuramento di Ippocrate. La cosa non è così semplice moralmente parlando.”

            Veramente di aborti se ne fanno meno oggi che 20 anni fa e di eutanasia, purtroppo, in Italia non si può quasi discuterne.

            Saluti.

  22. quel continente non ha , attualmente , la capacità di assicurare il minimo vitale ai suoi popoli ? “

    Caspita! L’Africa è probabilmente il continente che è il più ricco del pianeta in termini di risorse petrolifere, miniere, agricole e forestiere e la sua popolazione rappresenta meno del 13% della popolazione mondiale.

    Dare loro la contraccezione per essere meno poveri è l’idiozia estrema, in quanto un’economia si sviluppa in una popolazione che si sviluppa non in una che regredisce: infatti le nostre di economie, già mezze moribonde, sopravvivono grazie ai flussi migratori che vengono compensare il massivo genocidio compito dalle proprie madri sui loro stessi figli nel loro grembo: più di 220’000 aborti in Francia l’anno scorso, ad esempio ( cifre fra l’altro che, anno dopo anno da 50 anni, continuano a mostrare la diretta correlazione diretta tra l’uso della contraccezione e la frequenza dell’aborto).

    Insomma certuni qui vogliono genocidare l’Africa: razzismo puro o egoismo che si disinteressa delle periferie?
    In Pace

    • Ilsanta scrive:

      @Simon

      Prima di ogni principio economico viene il principio ecologico.
      Le risorse disponibili sul pianeta già oggi non sono in grado di sostenere una popolazione illimitata, il resto è propaganda se non si dimostra il contrario.

      • Cherubino scrive:

        che affermazione banale … è ovvio che risorse limitate non bastano mai per un consumo illimitato !
        Ma chi ha mai parlato di consumo illimitato ? Basterebbe evitare gli sprechi (cibo buttato) e gli eccessi (obesità in aumento, specie nei paesi “civilizzati”) per soddisfare tutti.

        • Ilsanta scrive:

          @Cherubino

          Che risposta banale.
          Se il consumo non può essere illimitato allora dobbiamo pensare a definirlo questo limite o ce ne freghiamo altamente?
          L’idea poi di portare il panino che ci avanza al povero africano affamato è a dir poco degna del, bellisssimo, libro cuore, ma poi nella pratica il trasporto di beni deperibili in quantità tali da sfamare le popolazioni in difficoltà in zone remote del globo è di fatto improponibile visti i costi necessari, le risorse (navi treni aerei e camion) e le distanze in gioco.
          Per cui, gentilmente, eviti lei per primo le banalità.

          • Cherubino scrive:

            Lei non ha perso il vizio di parlare di cose serie come al baretto di provincia … beni deperibili vengono spostati di migliaia di chilometri ogni giorno e in ogni caso quasi sempre non vi sono distanze enormi da percorrere. L’Africa, ad esempio, è a due passi da noi europei. Ma è comodo lavarsene le mani come fa lei. In due-tre ore in centro Africa potrebbero ricevere tonnellate di derrate che noi buttiamo solo perchè prossime alla scadenza e invendibili nel sistema di distribuzione (dove spesso restano molto più a lungo di quanto ci vorrebbe a trasportarle altrove).
            Per sua conoscenza, poi, sappia che vi sono imprese virtuose che già operano in modo da non buttare gli inevitabili eccessi di produzione. Inoltre queste cessioni gratuite risultano convenienti dal punto di vista contabile-fiscale.

            Come vede l’esempio del panino poteva venire solo a chi è abituato a fast-food e paninoteche.

          • Cherubino scrive:

            giusto per leggere qualcosa di diverso dal solito giornale calcistico:
            http://www.bancoalimentare.it/

          • Cherubino scrive:

            Ben 1,3 miliardi di tonnellate di alimenti persi ogni anno a livello mondiale, 8% di eccedenze alimentari prodotte dalle industrie alimentari, 4 milioni di italiani sostenuti con aiuti per sopravvivere.
            Sembrano cifre da bollettino di guerra, ma rappresentano il paradosso delle eccedenze alimentari da un lato e della crescente povertà dovuta alla crisi dall’altro. Di questo si è parlato al primo dei CaffExpò promossi all’interno Festival del Diritto dal Centro di Ricerche Opera della Cattolica, che ha visto come ospite il direttore generale della Fondazione Banco Alimentare, Marco Lucchini. Il tema è divenuto oggi oggetto di vivace dibattito anche in sede europea fra quanti sostengono la necessità ridurre il potenziale produttivo per evitare sprechi e quanti invece ritengono che le eccedenze possano rappresentare un’opportunità.
            Sollecitato dalle domande di Planchenstainer, studente della scuola di dottorato Agrisystem, l’ospite ha raccontato il quotidiano lavoro del Banco Alimentare nel trasformare le eccedenze della filiera agro-alimentare in aiuti per le associazioni in prima linea nel sostegno degli indigenti. Questo servizio non solo garantisce un costante flusso di derrate ai soggetti del terzo settore, ma riduce anche i costi di smaltimento di alimenti altrimenti destinati al macero.

            Fonte: Libertà di Piacenza
            http://www.bancoalimentare.it/it/Sono-quattro-milioni-gli-italiani-sostenuti-dagli-alimenti-invenduti

          • Ilsanta scrive:

            @Cherubino

            “Lei non ha perso il vizio di parlare di cose serie come al baretto di provincia …”

            E lei non perde occasione di fare il saputello.

            “beni deperibili vengono spostati di migliaia di chilometri ogni giorno e in ogni caso quasi sempre non vi sono distanze enormi da percorrere.”

            Ma bravo e come pensa vengano spostati questi beni? Con il teletrasporto o su mezzi che hanno costi di gestione e mantenimento? Chi pagherebbe questi costi? Dove pensa di poter far approdare navi e atterrare aerei nel cuore dell’Africa? Come pensa di spostrare le merci da porti e aereoporti anche se fossero capillarmente distributi, senza l’ausilio non dico di autostrade ma anche di semplici strade asfaltate? Come pensa di poter conservare per il tempo necessario le derrate prima del consumo?
            Aspetto le sue illuminanti risposte da lei che certo non è uomo da bar ….

            “L’Africa, ad esempio, è a due passi da noi europei.”

            La distanza dal punto più settentrionale (Ras ben Sakka, immediatamente a ovest di Cap Blanc, in Tunisia, a 37°21′ N) al punto più meridionale (Cape Agulhas in Sudafrica, a 34°51’15″ S) è pari a circa 8.000 km mentre dal punto più occidentale (Capo Verde, a 17°33’22″ O) a quello più orientale (Ras Hafun in Somalia, 51°27’52″ E) è pari a circa 7.400 km. Il territorio complessivo del continente misura circa 30.221.000 km² … due passi di salute!

            “Ma è comodo lavarsene le mani come fa lei.”

            E lei che ne sà di cosa faccio io? Certo è molto bello fare come lei che a parole parla di trasporti internazionali come se parlasse della gita fuori porta, poi però c’è la realtà dei fatti.

            “In due-tre ore in centro Africa potrebbero ricevere tonnellate di derrate che noi buttiamo solo perchè prossime alla scadenza e invendibili nel sistema di distribuzione (dove spesso restano molto più a lungo di quanto ci vorrebbe a trasportarle altrove).”

            Primo, due o tre ore col cavolo, parliamo di almeno 6/8 ore di volo senza scali per coprire 4000 km, poi consideriamo che le derrate in scadenza devono essere trasportate ai consumatori finali e per farlo molte devono essere refrigerate, cosa che avviene facilmente da noi, meno in Africa a meno che lei non commerci ghiaccioli colà …

            “Per sua conoscenza, poi, sappia che vi sono imprese virtuose che già operano in modo da non buttare gli inevitabili eccessi di produzione. Inoltre queste cessioni gratuite risultano convenienti dal punto di vista contabile-fiscale.”

            Quantità! Parliamo di quantità tali da sfamare non solo qualche villaggio ma quasi un intero continente …. alla faccia della semplificazione pelosa.

            “Come vede l’esempio del panino poteva venire solo a chi è abituato a fast-food e paninoteche.”

            Povero Cherubino, che faticaccia per lei tentare di indovinare che persona io sia, dalla sua risposta potrei dedurre che lei invece è abituato solo a cibi da gourmet, ma dimostrerei solo di essere superficiale quanto lei …

          • Ilsanta scrive:

            @Cherubino

            ” 4 milioni di italiani sostenuti con aiuti per sopravvivere ”

            Ha letto? Ha letto bene? ITALIANI c’è scritto proprio italiani, non senegalesi o eritrei.

          • Cherubino scrive:

            Al solito lei non legge quello che viene postato. Intanto il sito del banco alimentare parla chiaro e non sono le sue sparate a confutarlo.
            E’ ovvio che il Banco si occupa ANCHE di italiani, ma se si fosse degnato di andare sul sito avrebbe visto che si occupa soprattutto di paesi in via si sviluppo.

            Quanti ai costi, studi economici seri, non da baretto di provincia ovviamente, dimostrano la convenienza economica di spendere in questo senso. A parte il fatto che anche costasse sfamare la gente è una questione che non può essere fondata solo e principalmente sui costi. La giustizia e la vita umana non hanno valore.

            Quanti ai voli si informi meglio: da Roma al centro Africa (es. Nigeria) ci vogliono 5-6 ore, 3 per Asmara in Eritrea. E se non lo sapesse in Africa ci sono aeroporti e porti navali.

            In ogni caso lei perda pure tempo a sparare cavolate, noi cattolici continuiamo a fare i “buoni smaritani” sull’esempio di Gesù. Se ne ricordi quando avrà bisogno di soccorso.

          • Ilsanta scrive:

            @Cherubino

            Provi a leggere questo documento dove si parla del banco alimentare e di altre associazioni analoghe e poi mi dica, se riesce, dove si parla di progetti per portare derrate alimentari in eccedenza o scadenza all’estero (non parlo di qualche trasporto per casi di emergenza, parlo di trasporto sistematico ed organizzato).

            http://www.barillacfn.com/wp-content/uploads/2012/06/PP_PDF_Spreco_Alimentare.pdf

            “A parte il fatto che anche costasse sfamare la gente è una questione che non può essere fondata solo e principalmente sui costi. La giustizia e la vita umana non hanno valore.”

            Ancora il libro cuore …. i costi sono fondamentali visto che finiti i soldi finito tutto, se non ha i soldi per rifornire le navi e gli aerei come pensa di fare a portare cibo per un continente intero?
            Il suo è un buonismo astratto e come tale inconsistente.

            “Quanti ai voli si informi meglio: da Roma al centro Africa (es. Nigeria) ci vogliono 5-6 ore, 3 per Asmara in Eritrea. E se non lo sapesse in Africa ci sono aeroporti e porti navali.”

            Detto nel modo più dolce possibile: frottole!
            La distanza in linea d’aria fra Roma e Asmara è di oltre 3800 km, un volo di linea mediamente ha una velocità di crociera fra i 700 e gli 800 km/h, per cui solo di volo sarebbero 5 ore (escluso decollo ed atterraggio che si effettuano a velocità più basse) senza scali, un volo di linea da Roma impiega almeno 14/15 ore con due scali.
            Non legga gli orari dei voli su Topolino per favore.
            Il fatto che ci siano porti e aereoporti è ovvio, meno ovvio per lei è che le persone che hanno bisogno delle derrate non si trovano solo vicino a porti e aereoporti.

            “In ogni caso lei perda pure tempo a sparare cavolate, noi cattolici continuiamo a fare i “buoni smaritani” sull’esempio di Gesù. Se ne ricordi quando avrà bisogno di soccorso.”

            Chi spara cavolate, dati alla mano, si è visto benissimo. Lei continui pure a fare il buono se questo la appaga, ma sappia che se avesse bisogno di aiuto lei potrebbe trovare anche qualche ateo dentro una ambulanza a fare il volontario.

      • Annarita scrive:

        Che belle fandonie dice Ilsanta. Non vede al TG che buttano e macerano quintali di arance, verdure, frutta, devono buttare il latte, perchè altrimenti l’UE fa le multe. Il cibo ci sarebbe per tutti se l’economia non fosse solo al servizio del dio denaro. Inoltre ricordo che anche in Africa hanno terre buone da coltivare, sarebbe opportuno farsi su le manche e iniziare a lavorare, ma da una parte anche qui vigono le leggi economiche che strozzano i più deboli e dall’altra la poca voglia di lavorare di tali popolazioni.
        Comunque dico io, questi benedetti ecologisti, che tanto odiano l’uomo da inventarsi ogni anno aumenti demografici inesistenti, (anzi tra guerre, aborti, incidenti etcc..mancano all’appello milioni di giovani), tanto assurdi da dire persino che i peti delle mucche inquinano, beh! perchè questi buoni ecologisti non si tolgono loro dai piedi? Vadano in Olanda, si portino con se tutti i cultori dell’eutanasia e pratichino quello che tanto acclamano, ma che vogliono solo per gli altri. Fino qualche anno fa parlavano di imminenti sicità e desertificazione impellente e da quando hanno acclamato ciò non fa che piovere e nevicare.
        Caro Ilsanta l’uomo è più importante del principio ecologico, certo dovrà interessarsi e ben governare la terre, ma non diventare vittima della dea Gaia. A tutto c’è un limite.

        • Ilsanta scrive:

          @Annarita

          “Che belle fandonie dice Ilsanta.”

          Io ho fornito numeri, lei solo parole.

          “Non vede al TG che buttano e macerano quintali di arance, verdure, frutta, devono buttare il latte, perchè altrimenti l’UE fa le multe.”

          E quindi cosa facciamo? Le carichiamo su una nave e le mandiamo in Africa? Vediamo di non confodere piani diversi, una cosa è limitare gli sprechi qui, altro è pensare che il cibo prodotto da noi possa essere trasportato con un carrettino in Africa.
          NB: che io sappia infatti, nessuna delle associazioni che si occupa di recuperare derrate alimentari ha mai attivato un piano per trasportare tali rissorse a migliaia di chilometri di distanza, se non per piccole partite di beni particolari.

          “Il cibo ci sarebbe per tutti se l’economia non fosse solo al servizio del dio denaro.”

          Il cibo è per tutti? Dipende da quanti sono questi tutti.

          “Inoltre ricordo che anche in Africa hanno terre buone da coltivare”

          Non è vero o meglio non nei termini che riporta lei.

          “sarebbe opportuno farsi su le manche e iniziare a lavorare, ma da una parte anche qui vigono le leggi economiche che strozzano i più deboli e dall’altra la poca voglia di lavorare di tali popolazioni.”

          Fannulloni …. che muoiano di fame allora …
          (spero si capisca il sarcasmo)

          “Comunque dico io, questi benedetti ecologisti, che tanto odiano l’uomo da inventarsi ogni anno aumenti demografici inesistenti, (anzi tra guerre, aborti, incidenti etcc..mancano all’appello milioni di giovani),”

          L’appello l’ha fatto lei?
          A me risulta che la popolazione sia ancora in crescita, è chiaro che prima o poi si fermerà … pseriamo non del tutto.

          ” tanto assurdi da dire persino che i peti delle mucche inquinano, beh!”

          Che mangiare un chilo di carne sia enormemente più inquinante e costoso che mangiare vegetali (a parità di apporto nutrizionale) è palese.

          “perchè questi buoni ecologisti non si tolgono loro dai piedi? Vadano in Olanda, si portino con se tutti i cultori dell’eutanasia e pratichino quello che tanto acclamano, ma che vogliono solo per gli altri.”

          Che confusione nella sua testa. Non è che chi è a favore dell’eutanasia voglia suicidarsi oggi, ne scappare in Olanda ridurrebbe i problemi del mondo.

          “Fino qualche anno fa parlavano di imminenti sicità e desertificazione impellente e da quando hanno acclamato ciò non fa che piovere e nevicare.”

          Dati please, altrimenti sono le solite corbellerie.

          “Caro Ilsanta l’uomo è più importante del principio ecologico, certo dovrà interessarsi e ben governare la terre, ma non diventare vittima della dea Gaia. A tutto c’è un limite.”

          L’uomo è un animale inserito in un ambiente, se muore l’ambiente muore l’animale, e visto che ambienti di scorta non ne abbiamo ….

          • Annarita scrive:

            Mi scuso Ilsanta per averla replicata con troppa foga e un po’ maleducatamente, però vede il problema non sta nel fatto che non ci sono risorse sufficienti per tutti, il problema sta nel fatto che ai signori dell’economia fa comodo tenere dei popoli deboli, o per meglio dire, se ne fregano che ci siano persone che muoiono di fame, perchè così la ricchezza si spartisce per poche persone, sempre più ricche. Dunque non è questione di ecologia, di sovrappopolazione, è questione di egoismo e di deificazione del denaro. C’è da dire che alla fine tutti moriremo, ricchi e poveri e i ricchi non potranno portarsi nulla di la, dunque avranno solo accumulato un bagaglio di peccati, nulla di più.
            Ma scusi che dati vuole sulla pioggia? guardi fuori dalla finestra, non è che ci si deve rivolgere ad un ente di statistica basta guardare fuori dalla finestra e mi pare che anche negli anni passati si sia parlato di nubifragi e piogge in tutto il mondo. E poi diciamolo, siamo nelle mani di Dio, mica degli ecologisti che oltretutto sono talmente assurdi che fanno si che non si puliscano più i letti dei fiumi, così i fiumi pieni di schifezze appena piove un po’, straripano. Io non sono nè simpatizzante dei pacifisti, nè degli ecologisti, ma cerco di fare il mio dovere, sia per inquinare poco, visto che mi piace stare nel pulito, sia per non danneggiare il prossimo, senza fare troppe propagande.

          • Ilsanta scrive:

            @Annarita

            “Mi scuso Ilsanta per averla replicata con troppa foga e un po’ maleducatamente,”

            Capita a tutti me compreso, non deve scusarsi.

            “però vede il problema non sta nel fatto che non ci sono risorse sufficienti per tutti, il problema sta nel fatto che ai signori dell’economia fa comodo tenere dei popoli deboli, o per meglio dire, se ne fregano che ci siano persone che muoiono di fame, perchè così la ricchezza si spartisce per poche persone, sempre più ricche.”

            Il problema che anche se non siamo così ricchi, io almeno non ho questa fortuna, il contributo ad affamare certe popolazioni lo diamo tutti, anche io e lei.

            “Dunque non è questione di ecologia, di sovrappopolazione, è questione di egoismo e di deificazione del denaro.”

            E invece no gentile Annarita, chi fa denaro se ne frega generalmente delle ricadute sull’ambiente. Difficilmente il grosso industriale (altra cosa sono gli artigiani casa e bottega) vive con la sua famiglia a ridosso della sua fabbrica.
            Il problema è che lo stile di vita che abbiamo oggi non è sostenibile e non è detto che anche cambiandolo oggi si possa fermare il declino del pianeta, per cui non rimane che agire su entrambi i fronti, cambiare (spesso pure in meglio) il nostro stile di vita (anticipo che NON sono un fautore della “decrescita felice”) e fermare la crescita della popolazione visto che è ovvio che non si possa sostenere una popolazione illimitatamente crescente.

            “C’è da dire che alla fine tutti moriremo, ricchi e poveri e i ricchi non potranno portarsi nulla di la, dunque avranno solo accumulato un bagaglio di peccati, nulla di più.”

            Da non credente io la metto su un piano evoluzionistico … visto che ho dei figli vorrei evitare di lasciargli in eredità una pattumiera.

            “Ma scusi che dati vuole sulla pioggia? guardi fuori dalla finestra, non è che ci si deve rivolgere ad un ente di statistica basta guardare fuori dalla finestra e mi pare che anche negli anni passati si sia parlato di nubifragi e piogge in tutto il mondo.”

            Ma si parla anche di desertificazione, le due cose non sono in contrasto, se la temperatura sale evapora più acqua sia dalle zone dove ce ne poca (eccco la desertificazione) sia dagli oceani, solo che questo provoca fenomeni più violenti laddove però già normalmente piove, quindi creando più danno che beneficio.

            “E poi diciamolo, siamo nelle mani di Dio, mica degli ecologisti”

            Siamo nelle mani del nostro pianeta e parzialmente nelle nostre (cosa più preoccupante).

            “che oltretutto sono talmente assurdi che fanno si che non si puliscano più i letti dei fiumi, così i fiumi pieni di schifezze appena piove un po’, straripano.”

            I fiumi non straripano perchè sono pieni di schifezze (al massimo un contributo sarebbe la pulizia delle rive che mi pare sia promossa anche dagli ecologisti) ma perchè abbiamo invaso le zone dove normalmente i fiumi si espandono in caso di piena.

            “Io non sono nè simpatizzante dei pacifisti, nè degli ecologisti, ma cerco di fare il mio dovere, sia per inquinare poco, visto che mi piace stare nel pulito, sia per non danneggiare il prossimo, senza fare troppe propagande.”

            Un aforisma recita: non si può pulire niente senza sporcare qualcosaltro, ma si può sporcare tutto senza pulire niente.

            Saluti.

    • cuba_libre scrive:

      Simon, con questo lei non ha dimostrato proprio niente!!

      I numeri bisogna saperli interpretare! Cosa vuol dire che se aumentano i numeri degli aborti ne consegue che vi e’ una diretta correlazione fra diffusione degli anticoncezionali e aborto?
      Mi sembra un paradosso vivente.

      Adesso glieli fornisco io dei dati italiani, ma che potrebbero essere estesi anche in altri paesi in Europa. Dati che proprio ieri l’altro ho letto in un giornale mentre andavo al lavoro in metro’.

      Questi dati affermano che il 46 % delle ragazze che si avvicinano per la prima volta al sesso NON fa nessun uso di anticoncezionali, Ignoranza? Incoscienza? Timore? Faccia lei! Ma, Santo Iddio, non metta il numero di aborti in relazione all’USO degli anticoncezionali, ma al suo DISUSO; altrimenti e’ un’idiozia che rappresenta un’ìnsulto all’intelligenza umana!

      • domenico scrive:

        ma cosa dice? lo sa che l’Italia è uno dei paesi europei con il più basso tasso di aborti tra le adolescenti mentre in effetti è uno dei paesi in cui i contraccettivi sono usati meno?
        Il paese europeo con più aborti è la Gran Bretagna paese dove in effetti la contraccezione tra gli adolescenti è molto più usata che in Italia.
        Ora faccia 2+2…

        • cuba_libre scrive:

          Se io dovessi fare 2+2, con i presupposti che lei porta a sostegno della sua tesi dovrei arrivare a due conclusioni, una che esclude l’altra.

          la prima che 2+2 # 4 , poichè non riesco a vedere la logica fra un alto uso degli anticoncezionali e un alto numero di aborti

          la seconda e’ che 2+2 =4 e quindi i preservativi inglesi sono scadenti (attenzione alla marca, quindi!)

          • Claudio2 scrive:

            ehm, i preservativi inglesi funzionano (per fortuna!), e sono distribuiti gratis agli studenti (avendo studiato sia in Italia che in Uk posso dirvi che la cosa ha notevoli vantaggi in termini sia di uso continuativo che di riduzione della spesa mensile). Solo che non funzionano se te li metti in tasca e-o in testa, ma in parti e situazioni apposite, so to say; quello che non considerate della situazione UK e ‘ la variabile, importantissima per capire i costumi sessuali albionici, ‘alcolismo giovanile di massa’, che rende spesso difficoltoso anche ricordare con chi si sia andati a letto, let alone mettersi un preservativo. e se e’ vero che distribuire preservativi non risolve tutto (e’ l’altissima ratio di aborti UK ne e’ purtroppo una prova) non distribuirli risolve….niente, e anzi renderebbe la situazione ancora piu’ pazzesca di quanto gia’ non lo sia.
            Ps gli aborti in Italia sono in calo(per fortuna) e al tempo stesso l’uso degli anticoncezionali dite che e’ basso; quindi che sta succedendo? Gli adolescenti e i giovani adulti hanno improvvisamente riscoperto le gioie della castita’ prematrimoniale, oppure a differenza dei loro coetanei UK gli anticoncezionali li usano eccome, ma magari non ve lo vengono a dire?
            PPSS scusate il tono sarcastico, ma seriamente; il sesso prematrimoniale e’ peccato, ok. Ma partendo dall’amara constatazione che le persone fanno sesso; voi preferite dei fornicatori vivi, che magari poi si ravvedono, o dei fornicatori malati di AIDS e-o dei fornicatori che poi abortiscono?

          • cuba_libre scrive:

            Magistrale la tua risposta, Claudio!

            Con questo sei arrivato al corto circuito del discorso e cioe’ che la questione non si puo’ ridurre nel fare 2+2!!! (Infatti io ho esordito dicendo “Se dovessi fare 2+2…” (periodo ipotetico), si arriverebbe alle considerazioni illustrate, un po’ come si fa quando si vuole dimostrare un teorema di analisi matematica per assurdo.

            Infatti la realtà e’ quella che hai teste’ descritto e che avevo descritto anch’io in un thread precedente in una risposta (mi sembra) a Johnatan, e tu me ne dai la conferma dal vivo visto che vivi li’.
            Ma siccome le false coscienze sono presenti ovunque…

            Un solo appunto :-) i “fornicatori” sono tali per i cattolici… e all’interno di essi si devono fare i giusti distingui: un convivente quale io sono stato per esempio, non e’ la stessa cosa di un Rocco Siffredi :-)
            ciao

          • domenico scrive:

            ma certo che in UK tutto va bene… al punto che ormai dopo aver riempito i giovani di preservativi ora li vogliono riempire di pillole del giorno dopo, dopo le pillole del giorno dopo stanno pensando di far direttamente gli impianti fissi anticoncezionali così le ragazze non devono neanche ricordarsi di prendere la pillola o portarsi il preservativo e quindi anche se sono ubriachi il problema è risolto…
            Quale sarà il passo successivo?

            p.s. e sì contrariamente a quello che pensi in Italia i giovani fanno sesso molto dopo i loro coetanei europei.

          • Ilsanta scrive:

            @Domenico

            “p.s. e sì contrariamente a quello che pensi in Italia i giovani fanno sesso molto dopo i loro coetanei europei”

            Non mi risulta.

          • domenico scrive:

            guarda il primo risultato che ho trovato su google:
            “Un primo risultato, in accordo alla letteratura su questo tema, consiste nell’evidenziare
            che le età al primo rapporto sessuale è più elevata per gli studenti italiani rispetto ai loro
            coetanei nord-europei.”
            http://www.dip-statistica.uniba.it/html/convegno2/riassunti/GabrielliG.pdf

          • cuba_libre scrive:

            “…le età al primo rapporto sessuale è più elevata per gli studenti italiani rispetto ai loro
            coetanei nord-europei…”

            Domenico, ma anche ammesso che sia così, anzi, diamo per scontato che sia cosi’…. tutto questo per dimostrare che cosa?

    • giovannino scrive:

      caro Simon de Cyrène, non mi offendo per essere definito idiota , ma vorrei replicare al merito delle tue argomentazioni . L’ Africa ha certamente un immenso potenziale , ma al momento questo è sfruttato a esclusivo vantaggio dell’ imperialismo cinese e occidentale complice la indegna corruzione delle élites (!) politiche africane . Approfitto per dire che la ribellione contro questa politica criminale mi sembra giusto , non meno cristiano che pregare nei monasteri. Inoltre la crescita demografica è il propellente della crescita economica QUANDO si mantiene al di sotto di certe soglie. La Cina ha incrementato la popolazione di circa 1/3 con ottimi risultati . L’ India è raddoppiata e ha ottenuto risultati minori. La Nigeria che nello stesso intervallo temporale ha quintuplicato la popolazione è nel caos. Una popolazione troppo giovane ostacola lo sviluppo come una troppo vecchia. Del resto anche in Italia la crescita moderata del secondo dopoguerra ha prodotto il miracolo economico , mentre la crescita impetuosa di inizio ’900 ha prodotto la prima industrializzazione ma anche : emigrazione di milioni di italiani , destabilizzazione dello Stato liberale sotto la pressione delle organizzioni politiche di massa ,socialiste e cattoliche e nazionaliste , la partecipazione alla grande Guerra , il biennio rosso , il fascismo. Non sono certo un partigiano della decrescita felice , ma di una crescita equilibrata che necessita un andamento demografico equilibrato . Oggi invece nascono troppi pochi bambini in Europa e troppi in Africa . In questa situazione il flusso migratorio è inarrestabile. Sarebbe dunque socialmente utile aumentare il numero delle nascite in Europa , con programmi sociali che scoraggino l’ aborto e incoraggino la formazione di famiglie fertili , come sarebbe socialmente utile diminuire il numero delle nascite nei paesi africani , diffondendo l’ uso della pillola contracettiva e del preservativo. La ricchezza dell’ Africa andrebbe poi usata a vantaggio degli africani e potrebbe accompagnare una prolungata crescita sostenibile di tutto quel continente che amo tanto. Se ho dato l’ impressione di essere razzista o insensibile ai problemi delle “periferie” , mi sono spiegato male o non sono stato compreso , o non mi hai voluto comprendere. Spero di avere chiarito.

      • Annarita scrive:

        Claudio 2, non si potrebbe ammettere che qualcosa non funziona se la scuola invece di educare distribuisce preservativi? Mi pare che non sia sintomo di civiltà, anzi si riscontra una debolezza educativa: visto che non si riesce più a crescere ragazzi temperati, allora risolviamo con i preservativi a scuola. Ma a scuola si va a far che? Mi viene da domandarmelo, se la scuola si sente in dovere di distribuire preservativi, con i risultati poi che dice lei. Si è creata una generazione di viziosi che non sanno nemmeno cosa significhi la parola RESPONSABILITA’. Gli adulti hanno gettato la spugna e invece di essere presenti e ricordare che fare sesso libero oltre a non portare felicità, fa dannare le anime, distribuiscono preservativi. Mah! Sta di fatto che questa mentalità non porta nulla di buono, se si pensa poi ai bambini sacrificati in nome del sessso a tutti i costi. Come se l’astinenza fosse roba da scemi.
        Il problema sta alla radice, non si crede più nel peccato e non si crede nel castigo, dunque si dice, visto che il vizio c’è, allora cerchiamo di tappare i buchi con un pezzo di lattice, ma è perchè non temendo più Dio e non amandolo, si smette di amare anche le anime e non si pesa più cosa capiterà a queste anime se non verranno educate, non si pensa più che si può perdere il Paradiso e si può finire eternamente all’Inferno. Si vive come se non ci fosse un giorno un Giudizio. Peccato, una vita sprecata.

        • cuba_libre scrive:

          “Gli adulti hanno gettato la spugna e invece di essere presenti e ricordare che fare sesso libero oltre a non portare felicità, fa dannare le anime, distribuiscono preservativi. Mah! Sta di fatto che questa mentalità non porta nulla di buono, se si pensa poi ai bambini sacrificati in nome del sessso a tutti i costi.”

          Invece era meglio la RESPONSABILIZZAZIONE di una volta, quando l’unico sesso libero era quello a pagamento e fra l’altro si era esentati dal confessarlo al prete (n.d.r.)
          E già perchè sessualità ( e non sesso) responsabile e’ sinonimo SEMPRE E COMUNQUE di sesso libero.

          “Come se l’astinenza fosse roba da scemi.”

          Affermativo!! E diro’ di piu’: e’ un crimine contro natura! (quella IMPOSTA ovviamente)

          “Il problema sta alla radice, non si crede più nel peccato e non si crede nel castigo, dunque si dice, visto che il vizio c’è, allora cerchiamo di tappare i buchi con un pezzo di lattice,”

          La morale cattolica sul sesso e’ una pura invenzione della chiesa, lasci perdere Dio (ahi, ahi, 2° comandamento)

          “Peccato, una vita sprecata.”

          Sono contento che la sua non la senta sprecata!

          • Annarita scrive:

            Cuba libre non è che se uno critica la deresponsabilizzazione attuale, significa che è per i bordelli di una volta. Non era cosa buona quello che facevano una volta e non è nemmeno buona quella che si fa oggi. Le ribadisco che non sono una sostenitrice del bigottismo e dell’ipocrisia, dunque non sono certa una che pensa che basti andare a confessarsi dal prete per poi ricominciare a peccare tranquillamente. Non le passa mai per la mente che uno possa cercare di essere coerente con le proprie idee? Cioè non riesce proprio a credere che uno possa cercare di vivere secondo la legge di Dio senza dover essere falso, bigotto e scemo? Che uno tenti di migliorarsi, nonostante possa cadere e voglia amare Dio liberamente e senza ipocrisia? Lei ha stabilito a priori che se uno è contrario al sesso libero e non è d’accordo che nelle scuole si distribuiscano preservativi ( la scuola ha altre cose da fare) o è un represso o un ipocrita. Forse non si sarà in molti, ma alcuni, Cuba libre ,cercano di vivere ed educare secondo la legge di Dio, non tanto per paura, ma per amore, perchè sono consapevoli del Bene che è Dio e consapevoli del valore di ogni singola anima.
            Certo posso comprendere che sia difficile credere che ci siano ancora persone stile Panda, in via d’estinzione, ma non è detto che solo per il fatto che la maggior parte della gente pensa al corpo, ma non alla propria anima o a quella altrui, sia nel giusto. Non sempre la maggioranza ha ragione. Vede non siamo tutti uguali per fortuna. Il mondo non si divide in cattolici ipocriti e superstiziosi e in atei (o semicredenti a modo mio) intelligenti ed illuminati. Ci sono anche le sfumature.

          • cuba_libre scrive:

            Vede Annarita, mi aspettavo una risposta del genere, anzi l’ho provocata a bella posta! Non che non pensassi realmente quello che ho scritto, ma lei sa benissimo che le cose si possono enfatizzare in modo diverso, per dare maggior risalto a delle cose piuttosto che ad altre e quindi dare spunto ad un certo tipo di risposte o ad altre. E ci sono riuscito!
            Stia calma per favore, il mio non e’ cinismo, ma volevo semplicemente vedere fin dove si spingesse. E i risultati non si sono fatti attendere!
            Purtroppo, vede, lei scrive delle cose che in fondo, guardando il mondo che ci circonda, potrebbero in parte essere condivisibili, ma il suo pensiero soffre di un peccato originale, che non e’ facile estirpare, che non e’ bigottismo, o scimunitaggine ma e’ qualcosa che vi accompagna perennemente nei vostri rapporti col prossimo e si chiama integralismo. Ripeto, a costo di essere pedante, e per la sessantacinquesima volta, cosa si intende per integralismo: voler dare al prorpio pensiero una valenza e una visione universale, tale da travasarlo anche in chi non non lo condivide. E questo suo (ma non solo suo) integralismo non le permette di fare i giusti distingui fra le varie situazioni che incorrono in ogni istante della nostra vita nelle quotidiane interrelazioni col prossimo: lei è in senso assoluto fautrice della abrogazione della 194, in senso assoluto contraria ai rapporti fuori dal matrimonio, che considera negativi a priori, contraria in senso assoluto a credere che ci possano essere anche musulmani moderati. etc.. etc.. etc.. e questo suo modo di porsi fa si’ che stravolge qualsiasi mio tipo di intervento polarizzandolo verso direzioni che io non mi sognavo neppure: vedasi quello sul 68, sul femminismo, sull’analisi storica del colonialismo… tutto in senso negativo!!!
            Ma insomma chi e’ lei, una delegata dello Spirito Santo, la reincarnazione di Pio X, una novella Maria Goretti? Chi? ma e’ possibile che togliendo i ladri, le mignotte, i fornicatori, i senza dio, i protestanti, gli islamici … vi salviate solo VOI???
            Io, e lo ripeto, sono rispettosissimo verso chiunque professi qualunque credo, A PATTO CHE questo rispetto sia reciproco, non come lei che non fa altro che lanciare anatemi, e terrore del giudizio finale, cose che non puo’ in alcun modo provare ma che accetta solo per fede, data da una sua personale interpretazione delle Sacre Scritture! Ma fin qui la cosa si potrebbe anche accettare: in fondo uno resta nelle proprie convinzioni e festa finita. Ma quello che a me personalmente da’ piu’ fastidio, e le garantisco che mentre scrivo sto cercando di rimanere calmo, e’ il fatto che lei accomuna TUTTI coloro che perseguono uno stile comportamentale non conforme ai suoi canoni, in un unico calderone di negatività!!!
            E quindi… una che va ad abortire in conseguenza di uno stupro e’ anch’essa un’assassina al pari di una che va a farsi sbarttere in allegria nel primo pub; uno che ha dei rapporti d’amore con la propria donna al di fuori del matrimonio alla stessa stregua di uno che fa il pornostar, un divorziato e’ uno che non ha saputo avere il senso della famiglia, uno che dialoga con altre fedi e’ uno che vuole sgretolare la chiesa e minare il cattolicesimo….
            Insomma , basta per favore! Se lei e’ cosi’ convinta, che tutto cio’ sia ascrivibile alla legge di Dio, segua pure questi dettami, nessuno glielo impedisce, ma lasci alla gente la facoltà di pensarla, (e quindi agire) in modo diverso SEN-ZA-GIU-DI-CA-RE!
            Qui non si tratta di ADEGUARSI alla realtà, ma di capirla ed interpretarla, per cercare di non incorrere negli errori del passato! Lo peno anch’io che essere maggioranza non significa avere per forza ragione, ma Santiddio, possibile che la verità stia sempre e solo da una parte?

        • Claudio2 scrive:

          Annarita, ‘qualcosa che ‘non funziona’ evoglia che c’e', e non e’ un’invenzione dei giorni nostri o un risultato della zozza modernita’ o della perdita del senso del peccato, ma e’ qualcosa che e’ connaturato alla natura umana; chiamasi peccato originale, chiamasi concupiscenza, ovvero tendenza al male e debolezza dell’essere umano. Siamo creature fragili; e per quanto riguarda i peccati de sexto, siamo perlopiu’ fragilissimi. Dico con questo che ‘va tutto bene’, copuliamo come conigli e poi tutti in paradiso? No. Pero’; di fronte al dato di fatto che molta gente fa sesso, per debolezza o semplicemente perche’ se ne frega o…mille ragioni, che fare? Promuovere almeno una sessualita’ responsabile come male minore , o buttarla in fanta-epidemiologia promuovendo messaggi VERAMENTE irresponsabili tipo ‘il preservativo non serve a prevenire l’AIDS’? Perche’ con l’AIDS la confessione sacramentale e il fermo proposito a non peccare piu’ non bastano Annarita, basta un errore (e tutti sbagliamo nella vita) e poi sono c….amari…
          io come cattolico, ed essere umano, non mi devo interessare solo alla salute dei cattolici osservanti e che si attengono senza sgarrare alla dottrina cattolica in materia, io ho il dovere di pensare a tutti.
          Dici l’educazione; pensi che sapere che qualcosa e’ sbagliato (il sesso prematrimoniale in questo caso) serva per non sbagliare? Se fosse cosi’ semplice Dio non ci avrebbe mandato Suo figlio, sarebbe bastato , chesso’, un Socrate…

          • cuba_libre scrive:

            Caro Claudio, piu’ ti leggo e piu’ ti apprezzo, soprattutto per il modo intelligente con cui sai coniugare l’essere cattolico con l’analisi e la valutazione della realtà. Avrei qualcosina da dire sull’ultimo capoverso, ma comunque…. va bene così. :-)

          • stefano scrive:

            Claudio, anch’io, come cuba, avrei qualcosina da ridire sull’ultimo capoverso. Se non altro per la consecutio logica. Perché né Socrate, né Gesù avrebbero approvato il tuo approccio al problema AIDS.

          • cuba_libre scrive:

            Qualcosa mi dice che non abbiamo da dire la stessa cosa… ma ripeto, va bene anche cosi’…

    • giovannino scrive:

      caro Simon de Cyrène , non hai compreso o non hai voluto comprendere il mio intervento . Probabilmente mi sono spiegato male , cerco di essere + chiaro. L’ Africa ha certamente un elevato potenziale di sviluppo economico , ma al momento questo non è in atto . Le ragioni sono semplici .
      1. Le risorse non sono indirizzate al benessere degli africani , ma agli interessi dell’ imperialismo cinese e occidentale , che di fatto domina in Africa con la complicità di una classe politica corrotta e incapace. Per inciso , credo che ribellarsi a questi governi criminali sia altrettanto cristiano che pregare in un monastero.
      2. La crescita demografica è un fattore di sviluppo economico quando contenuta entro un determinato range. Una popolazione troppo giovane frena lo sviluppo , anche se meno di una troppo vecchia. Non credo alla decrescita felice , ma alla crescita equilibrata e lo sviluppo sostenibile. La Cina ha avuto una crescita economica formidabile con una crescita demografica di 1/3 , la Nigeria ha quintuplicato la popolazione nello stesso intervallo di tempo e affonda nel caos , nonostante le ingentissime ricchezze naturali. Riflettendo sullo sviluppo economico italiano , la crescita demografica moderata di metà secolo scorso produsse il “miracolo economico” mentre quella impetuosa di inizio secolo che pure diede propellente alla prima industrializzazione del nostro Paese ha comportato una emigrazione di massa e la destabilizzazione dello Stato liberale a causa della manipolazione delle masse ignoranti da parte dei partiti e movimenti di massa ( la ripetizione è voluta ) , socialisti , cattolici e nazionalisti.
      3. non sono razzista e amo l’ Africa , per questo mi spiace questa contrapposizione Europa -Africa che si manifesta a Lampedusa , ma ha le sue radici nello squilibrio demografico. Per questo, a presindere da considerazioni etiche , è ragionevole incentivare le famiglie fertili e scoraggiare l’ aborto in Europa come lo è incoraggiare l’ uso della pillola contracettiva e del preservativo ( che inoltre contrasta la diffusione dell’ AIDS ) in Africa. Qui il razzismo non c’ entra , anzi vorrei vedere milioni di bambini africani sani e con una lunga prospettiva di vita , e non vederli annegare nelle acque territoriali italiane. Una crescita equilibrata sarebbe una crescita prolungata e alla fine del processo porterebbe a un maggiore incremento della popolazione , senza creare flussi migratori ingovernabili.

      • Annarita scrive:

        Cuba libre, guardi comprendo a pieno il suo ragionamento, perchè pensavo anch’io come lei pochi anni fa. Ma vede con Dio o si è “integralisti”o si è contro, non ci sono dei cattolici a metà, oppure, si ci sono cattolici a metà e anche a meno di metà, ma da Gesù sono definiti tiepidi e i tiepidi non sono proprio quelli che Dio vuole. Lei quando parla di integralismo si immagina nella mente gente armata fino ai denti, pronta ad assaltare le povere e pacifiche persone che vogliono vivere come pare loro. Ma non è così, significa Cuba, cercare, e dico cercare, perchè non siamo super man, o angeli, cercare insomma di fare il nostro dovere, cioè volendo il bene delle anime, cercare con quelle a noi affidate di dare ciò che è buono e giusto. Poi alla fine un’anima deciderà cosa fare (libero arbitrio), ma almeno avremo fatto ciò che dovevamo. E’ dovere degli adulti educare, ognuno cerca di fare il proprio dovere secondo il suo stato, poi naturalmente al resto a quello che non si può, penserà Dio.
        E’ sbagliato pensare che siccome uno deve essere libero di fare ciò che vuole, bisogna evitare di educarlo. Dio ci affida delle anime, che sono i nostri figli, i nostri parenti, i nostri amici e ognuno deve cercare, sia con l’esempio, sia con le parole, indirizzare le anime al Bene. Poi ribadisco alla fine ogni anima sarà responsabile di se difronte a Dio per le scelte fatte. Non si può obligare nessuno, ma non è nemmeno lecito fregarsene e lavarsene le mani. Dunque famiglia ed istituzioni (scuola, Stato, Chiesa…) devono far si che le persone perseguano agilmente il loro fine: conoscere, amare, servire Dio, per poi goderlo, non devono invece far si che sia sempre più facile peccare. Non so se mi spiego. Insomma è assurdo che vengano distribuiti preservativi a a scuola, la scuola è li per istruire e per educare, non pewr pervertire le anime. Poi se uno vuole peccare a tutti i costi, va in farmacia con i suoi soldi e si compra tutti gli anticoncezionali che vuole a discapito suo sia per salute del corpo, che dell’anima e del portafoglio. Perchè io con le mie tasse dovrei permettere che vengano praticati gratuitamente gli aborti e distribuiti i preservativi a scuola? Per un bene superiore? Quale bene? Da una parte ci si lava le mani e si delega l’educazione dei figli agli altri e pure gli altri, la scuola per prima invece di educare diseduca, poi visto che con questo atteggiamento si formano degli smidollati senza volontà e irresponsabili, rimediamo, offrendo anticoncezionali e aborto gratuiti? Che bella generazione di peter Pan che siamo, nessuno vuole nessuna responsabilità, tutti Ponzi Pilato che se ne lavano le mani. Poi quando non saremo più ragazzini spensierati e ci ritroveremo al Giudizio di Dio, chi ringrazieremo per i peccati commessi e per il bene non fatto? Saremo grati a questi adulti buonisti e larghi di maniche che invece di educare hanno distribuito preservativi? Boh! Temo che non si ringrazierà, ma si maledirà chi ci ha con tanta faciloneria mandati all’Inferno.

        • cuba_libre scrive:

          Vede Annarita, più cerco di torvare un bandolo di matassa per poter cotruire un discorso razionale con lei, piu’ tutte le speranza vanno deluse! E mi creda…. qui Dio non c’entra proprio niente! Da come lei si pone, Dio e’ ridotto ad un’entità dietro cui lei si appoggia per avvalorare a ritroso la sua visione del mondo.
          Cerco di spiegarmi, non che speri un risultao ma almeno giustifico le mie parole.
          Intanto, non riesco a capire, nonostante abbia spiegato in tutte le lingue cosa sia l’integralismo, (mi manca il cinese, ma purtroppo non lo conosco) ancora lei si appiglia sugli specchi per trarne un significato diverso: io non immagino l’integralista come gente armata fino ai denti (anche segli islamici in effetti si comportano cosi’), ma come chiunque pretende di dare connotazioni universali al proprio pensiero, senza peraltro non portare niente di provato a questo comportamento. Tutte le religioni possono essere integraliste, piu’ che mai quelle monoteiste, ma le diro’ di piu’: anche un’ideologia laica puo’ essere integralista, SE e’ vissuta come una religione (nazismo, stalinismo).
          Lei non ha idea di quanti hanno cercato di convertirmi: Testimoni di Geova, Mormoni, Neocatecumenali, Hare Krishna… io parlo con tutti, ma alla fine mi faccio una mia idea con la mia testa.
          Quindi se lei dice che e’ giusto dare un’educazione in base alle propire convinzioni, lo posso anche accettare, ma poi ognuno fa le proprie scelte. Si rende conto che il suo stesso identico ragionamento lo potrebbe fare un islamico, un ebreo, un buddista tibetano etc.?
          Chi ha ragione? La risposta mi sembra scontata: ognuno pensa di avere la ragione dalla parte sua, persino quelli che vanno a fare la guerra dicendo: “Dio e’ con noi”!

          Comunque lei ha ragione: un cattolico o e’ un cattolico o non lo e’, e chi e’ un cattolico? Colui che segue fedelmente la dottrina di Santa Romana Chiesa, la quale si ritiene l’unica depositaria della Verità rivelata. Non si puo’ essere cattolici a metà o a tre quarti perche’0 se si mettesse in discussione anche un solo rigo della dottrina, si metterebbe in discussione anche la divinità che l’ha rivelata. Il problema invece e’ un altro. Ci si crede o no che quella dottrina sia REALMENTE rispecchio della Verità rivelata? Se si’, la scelta e’ obbligata; se no, uno puo’ avere una sua fede, un proprio credo, un proprio cammino, ma non può considerarsi cattolico. E infatti io non posso considerarmi cattolico…. perchè non credo a quanto sopra riportato. Non la sento come vero … e la storia parla chiaro: che lei voglia o no il cattolicesimo ha una data di nascita ben precisa: il 325 d.C. a Nicea…. su cui pesa un peccato originale grosso quanto il Colosseo e sa bene a cosa mi riferisco … l’ho detto tante volte: quando le basi della chiesa nascono da fondamenta macchiate di sangue, di violenza, di intrigo e di potere politico….. come ci si puo’ meravigliare che la storia della chiesa sia nel corso dei secoli sia stata quello che e’ stata. E come si puo’ pensare che c’entri Dio in tutto questo?
          E’ vero, non tutto e’ stato negativo, la chiesa e’ stata piena di persone sante ed integerrime… ma qual e’ la vera chiesa? la prima o la seconda? O nessuna delle due? Non crede che quindi ognuno debba segire ilm proprio cammino per arrivare alla verità?
          Io vedo che lei continua imperterrita a mettere nello stesso calderone tutto cio’ che lei ritiene contro la “Volontà di Dio”, mettendo una coppia che usa i profilattici alla stessa stregua chi abortisce con nonscialanza…. Mi creda, questa strada non solo non porta a niente, ma va nella direzione opposta a quella che illusoriamente crede di perseguire.
          Io ne sono una prova vivente, per tanti anni ho odiato i preti per il solo fatto che fossero tali, per i modi terroristici che usavano nel propinare le loro dottrine, ero arrivato a non dormire la notte, e solo dopo aver usato la RAGIONE, ovvero quella dote che permette di fare i giusti distinguo, ho attenuato i miei rancori.
          La saluto

        • cuba_libre scrive:

          “Dunque famiglia ed istituzioni (scuola, Stato, Chiesa…) devono far si che le persone perseguano agilmente il loro fine: conoscere, amare, servire Dio, per poi goderlo, non devono invece far si che sia sempre più facile peccare. Non so se mi spiego. Insomma è assurdo che vengano distribuiti preservativi a a scuola, la scuola è li per istruire e per educare, non pewr pervertire le anime. Poi se uno vuole peccare a tutti i costi, va in farmacia con i suoi soldi e si compra tutti gli anticoncezionali che vuole a discapito suo sia per salute del corpo, che dell’anima e del portafoglio. ”

          Ho letto questa frase con piu’ attenzione, l’intervento di cui sopra l’ho fatto di corsa data l’ora e mi era sfuggito un particolare che merita approfondimento: quando lei dice che la lo Stato, la scuola e la chiesa devono perseguire il loro fine di amare e servire Dio, in partica lei vuole lo stato teocratico! E ci risiamo: fin quando si parla della chiesa, Ok, perche’ e’ questo il suo compito, ma lo stato e la scuola NO!, non e’ questo il loro compito, perche’ non esistono solo cattiolici in uno stato e nelle scuole: questwe due istituzioni devono essere LAICHE, nel senso che devono essere slegate da qualsiasi ideologia confessionale, ed educare secondo i principio di reciproco rispetto e secondo le leggi di quello stato che deve fornire i servizi per soddisfare i bisogni dei cittadini. Nient’altro!
          E questa sua tendenza si estrinseca nella frase seguente quando associa la distribuzione degli anticoncezionali alla PERVERSIONE delle anime e se uno vuol PECCARE che vada in farmacia!
          Con questi presupposti ribadisco il concetto espressso nel messaggio precedente: procedendo in questa direzioni, l’unico effetto che avrete sarà l’allontanamento dalla chiesa sempre maggiore da parte della gente.
          Se mai esistesse l’inferno, per fortuna non sarà lei che ci manderà li’, ma Qualcun Altro che saprà giudicare attraverso parametri di valutazione ben diversi.

      • cuba_libre scrive:

        Ottimo Giovannino. Va benissimo cosi’!
        Questo significa fare le analisi storiche!
        Buona giornata.

  23. Reginaldus scrive:

    non passano ancora i miei commenti precedenti posti in attesa di moderazione…. Nel frattempo posso solo chiedere perché questi clandestini prendono i barconi rischiando qualche vilta la vita, e non, con una spesa dieci volte inferiore, un aereo con visto turistico? O perchè non istituire traghetti appositi dieci volte al giorno per trasbordare di qui in tutta sicurezza e comfort i cercatori di libertà e felicità? Queste domande il Bergoglio vestito di bianco se le è poste, e se sì , perché non le ha poste alla attenzione di tutti, invece che dire agli altri, a noi, di vergognarci???

    • cuba_libre scrive:

      Reginaldus.

      Visto che lei queste domande se le e’ poste, a che conclusioni e’ arrivato?

      • Reginaldus scrive:

        io non sono deputato né pagato per prendere decisioni, mi pare lapalissiano….Io vorrei solo capieci qualcosa…. pere sempio: adesso hanno istituito una tak force aerea e marittima nel e sopr il canale di Sicilia che nemmeno durante la guerra ne avevamo una simile ( e ci vyuol poco, ammetto…): perfare che??? Non sarebbe meglio e meno dispendioso e più sicuro e più efficiente (alo scopo ) istituite questi famosi traghetti dlle coste africane a qui? Due quattro volte al giorno, bastano??? 1000/ 10.000 trasbordati al giorno? Con cappellano Francischiano a bordo a guidare e preghiere??? Perché si preferisce il salvataggio dei barconi??? E’ più avventuroso, è più patetico, è più da buon samaritano, questa volta le onde del mare come briganti che si abbattono sui poveretti – e le poverette, coi bimbi in seno e al fianco – - nel loro viaggio di là
        cuba_libre.
        a qua, e subito quello che arriva a soccorrerli? Una spiegazione, please….Senza poi insistere , e chiedere perché quelli verranno qui a godere dei frutti del lor status di rifugiati, a spese e alla faccia di chi qui non ce la fa a tirare avnti??? Siete voi che dovete dare delle spiegazioni, voi e il vostro ineffabile Francesco che dice che dobbiamo vergognarci se chiudiamo il nostro cuore….Ma alla nostra ragione che dice, che dite???

        - e poi mi permetta, a lei così esperto di Cuba e della sua storia e dei suoi eroi, posso chiedere che ne dice del libro di un altro esperto di Cuba e amico( non so lei ) di Fidel e del Chè, che ha per titolo “Elogio delle Frontiere”, di quell’esperto e amico della Revolucion e dei suoi protagonisti, Régis Debray??? Ne la ringrazio.

  24. cuba_libre scrive:

    Scusate tutti, il mio potrà sembrare un intervento presuntuoso (e forse in parte lo e’), ma state affrontando l’argomento Africa, con annessi e connessi, in maniera errata, poiche’ basato su presupposti anch’essi errati.
    E qui tiro fuori il mio background marxista che non ho mai messo del tutto in soffitta:
    non si puo’ fare un discorso a tutto campo della situazione odierna dell’Africa, se non si fa un’analisi storico-economica seria. E’ vero che l’Africa e’, da un punto di vista delle risorse, uno dei continenti piu’ ricchi del pianeta, ma guarda caso, e’ uno dei continenti piu’ poveri per reddito pro capite. Come mai? E’ da qui che bisogna partire, altrimenti non si verra’ mai a capo di niente, neanche se vi portiamo milioni di crocifissi o se distribuiamo milioni di preservativi.
    E il quid ha un nome (anzi due nomi) ben precisi: colonialismo e neo colonialismo! Il colonialismo e’ quello che noi tutti sappiamo che e’ stato in cui si sono contraddistinti i cristianissimi stati europei con le loro crudeltà inenarrabili e che hanno depredato in maniera legale fra l’altro in quanto i territori colonizzati erano considersati parti integranti delle nazioni madri. Il piu’ crudele di tutti, questo e’ un fatto poco noto, fu il cattolicissimo re del Belgio Leopoldo II, che considerava il Congo suo feudo personale, con sadico potere di vita e di morte sulla popolazione.
    Quando alla metà degli anni 50, inizio’ la decolonizzazione, questa non avvenne perche’ all’improvviso gli stati europei erano stati illuminati dallo Spirito Santo, ma perchè economicamente le spese per mantenere un apparato militare che reprimesse tutte le istanze di libertà di quei popoli erano ddivenute tropo esose; gli unici a non capirlo furono i francesi che andarono incontro in Algeria (evidentemente la disfatta di Dien Bien Phu in Vietnam non era serita a niente) ad una vera e propria guerra civile e si deve ringraziare la lungimiranza di De Gaulle, richiamato in tutta fretta per salvare la patria da un probabile colpo ddi stato dei generali nazifascisti dell’OAS , se le ripercussioni non furono ulteriormente pesanti.
    Ma come lasciarono l’Africa i paesi colonialisti: da un punto di vista economico, disastrato, visto che si erano guardati bene da lasciare le infrastrutture per potersi gestire da se’ dopo la loro dipartenza (calcolo studiato a tavolino) e da un punto di vista politico ancora peggio, perche’ non si e’ tenuto nel minimo conto, nella formazione degli stati i conflitti tribali che sarebbero nati, mettendo insieme etnie fra le quali covavano antichi rancori tribali: provate a guardare la cartina politica dell’Africa: sembra che i confini fra gli stati siano stati fatti con riga e squadra!
    Ed e’ qui che e’ nata la seconda parte del colonialismo, ancora piu’ mostruosa del precedente, ovvero il neo colonialismo: ovvero si e’ sostituito il colonialismo politico (divenuto troppo oneroso) con il colonialismo economico, ovvero strangolare quei paesi, mettendo a capo degli stati dei regimi fantocci, asserviti all’occidente (clamorosi quelli della Repubblica Centrafricana con a capo il cannibale Bokassa asservito ai francesi, e l’Uganda di Idi Amin asservita agli inglesi), tramite le multinazionali. Ricordiamo tutti la tragedia di Enrico Mattei: sappiamo tutti che fu assassinato dalle sette sorelle petrolifere perche’ voleva una piu’ giusta equiripartizione dei proventi del petrolio fra i produttori e le compagnie petrolifere.
    E il neo colonialismo e’ ben lungi dall’essere stato sconfitto, anzi (e qui Marx e’ stato chiaroveggente nel prevedere con sbalorditiva precisione tutto il mccanismo di sfruttamento) vi si e’ aggiunta anche la Cina che fa affari d’oro indovinate con chi? Con gli integralisti islamici sudanesi, per la concessione di intere aree alle compagnie cinesi, costringendo la popolazione ad emigrare!!
    E poi ci si meraviglia che dell’esodo della popolazione dalla miseria e dallo sfruttamento? E non ci si deve meravigliare che non si distribuiscano gli anticoncezionali, perche’ come predisse Marx, il capitalismo per sopravvivere ha bisogno di due cose: manodopera a basso costo e creazione di nuovi mercati; In questo si sovrappone l’idiozia dei cattolici, che osteggiando gli anticoncezionali , non si accorgono di essere i primi responsabili della diffusione dell’AIDS.
    Devo continuare? Penso possa bastare!

    • Ilsanta scrive:

      @cuba

      La sua anlisi è certo molto più completa della mia, direi però che aggiunge altri elementi fondamentali per cui risulta assurdo pensare che basti sbarcare qualche tonnellata del cibo che ci avanza per risolvere il problema della fame e della povertà.

      • domenico scrive:

        invece sbarchiamo casse di profilattici che immancabilmente si rovinano con il caldo e l’umidità di quelle parti…

        • J scrive:

          Interessante la sua informazione. Saprebbe indicare da quale cappello l’ha fatta uscire ? Giusto per curiosità, sa com’è, Tommaso mette il naso.

        • Ilsanta scrive:

          @domenico

          Lei paragona la durata di un profilattico con quella di un litro di latte?
          Non occorre arrampicarsi sugli specchi tutte le volte …

          • domenico scrive:

            quando mai io ho parlato di latte… non attribuisca a me quello che dicono altri utenti e se sta discutendo con loro non mi tiri in mezzo.

          • Ilsanta scrive:

            @domenico

            E allora mi dica quanto dura un profilattico secondo lei in Africa.
            Tanto per evitarle figuracce ricordo che l’umidità non è problema visto che sono in confezioni ermetiche e che la temperatura li deteriora solo se esposti per lungo tempo al calore o a maltrattamenti meccanici (succede anche in Europa se uno li tiene sempre nelle tasche dei pantaloni o sul cruscottto dellauto).
            Molto di più conta per l’efficacia del profilattico il modo di usarlo … cosa che si potrebbe spiegare se non vi fossero preconcetti.

        • J scrive:

          @ domenico
          “immancabilmente si rovinano con il caldo e l’umidità di quelle parti…”

          Distinto Domenico, “Immancabilmente “? E’ sicuro ? “Immancabilmente” ? Quindi secondo lei in Africa non esiste un preservativo. Le case produttrici sono guidate da sprovveduti che li inviano solo per farle rovinare. Ordinati da altrettanti sprovveduti che non sanno che si deteriorano per il caldo.
          Sarà, ma dovrebbe sapere per es. che in Etiopia la temperatura media di Addis Abeba è di circa 15 °C in dicembre e di circa 18 °C in maggio. Luglio e agosto, i mesi delle grandi piogge, hanno temperature medie intorno ai 15-16 gradi (minime intorno agli 11). Le minime più basse (5-6 °C) si hanno in novembre e dicembre. – Wikipedia
          Non sembra così caldo no ?

          In Sud Africa Il territorio sudafricano è in gran parte formato da altopiani, ..raggiungendo quote comprese fra i 900 e i 1.800 m Il clima del Sudafrica è notevolmente vario in rapporto sia alla grande estensione territoriale,.. La latitudine subtropicale e il profondo influsso marittimo sono all’origine del clima mediterraneo che caratterizza la parte meridionale del territorio, dove le temperature sono miti e le precipitazioni superano i 600 mm
          Il territorio del Kenya è alquanto complesso. Pur essendo un paese equatoriale, e tropicale, presenta climi molto vari. Nel nord si trovano aree desertiche, e nel centro sud altopiani, con boschi e savane. Il clima, molto caldo e umido nelle regioni costiere, diventa più mite e asciutto nel cuore del Paese,
          Forse ci vuole ripensare ?

          • domenico scrive:

            lo sa che un profilattico non va messo nel portafoglio su cui magari ci si siede?
            ora se sono così delicati immagini cosa subiscono durante i viaggi intercontinentali e nei depositi africani fino alla destinazione d’uso.

          • Ilsanta scrive:

            @domenico

            Guardi che nemmeno in estate in Europa i profilattici viaggiano in camion refrigerati.
            Poi una cosa è sedersi sopra per settimane o metterlo nel cruscotto dove si raggiungono temperature di 70 80 gradi, altro è tenerli anche a 40 gradi (la temperatura del corpo umano è di 37 gradi e di certo non si rovinano per questo !!!)

          • domenico scrive:

            guardi che una cosa è un camion che trasporta i cartoni; un’altra sono i container di metallo al cui interno la temperatura può essere molto alta.

          • Ilsanta scrive:

            @domenico

            Quindi lei sa per certo che i profilattici viaggiano in container e non su telonati, ad esempio?
            Mi inchino alla sua sapienza!

          • domenico scrive:

            come no: dall’Europa e dall’America i profilattici in Africa ci arrivano con i telonati…

          • Ilsanta scrive:

            @Domenico

            Chiudo la disputa ridicola dicendo solo che i profilattici, come molte merci, viaggiano in tutto il mondo anche fra Paesi “avanzati” e non si sono riscontrati mai problemi relativi alle condizioni di trasporto (molte su quelle di utilizzo), pertanto la sua polemicuccia è solo l’ennesimo tentativo di sullo stile la volpe e l’uva.

      • cuba_libre scrive:

        @ Ilsanta

        Infatti non l’ho mai detto; tutt’al piu’ puo’ servire per rintuzzare un’emergenza, ma il problema va risolto in maniera strutturale, e non certo con anatemi sessuofobici dei soliti noti.
        un saluto

        • Ilsanta scrive:

          @Cuba

          Mi scuso ma ho inserito questa osservazione non in riferimento al suo post ma a quello di un altro utente.
          Pardon …

        • Annarita scrive:

          Ilsanta, forse non ci sono problemi alle condizioni del profilattico, ma bisogna vedere come viene usato, in Africa a volte ( e non datemi della razzista) non si tiene la stessa igiene che c’è qui, specialmente nelle popolazioni più ignoranti (non è razzismo, significa che ignorano) dove c’è promiscuità, cioè si va con diverse donne, a volte si usa lo stesso preservativo.

          • Ilsanta scrive:

            @Annarita

            E allora insegniamo ad usarlo correttamente così come insegniamo altre cose.
            Guardi che anche in Italia motli uomini non lo usano perchè lo ritengono poco virile, a volte non serve fare viaggi lunghi per trovare sacche di ignoranza.

    • domenico scrive:

      cosa c’entrino gli anticoncezionali con l’AIDS lo sa solo lei a meno che non pensi che la pillola sia una barriera contro il virus…

    • domenico scrive:

      tutto bene, peccato che per esempio proprio i paesi che sono stati causa del colonialismo nei commenti più sopra siano stati indicati come esempi che l’Italia dovrebbe seguire perchè loro sono quelli efficienti e moderni.
      Peccato che proprio quei paesi che sono stati colonizzatori e tutt’ora sfruttano quei paesi ora sono i primi che vogliono riempire l’Africa con gli anticoncezionali…

      • Ilsanta scrive:

        @domenico

        Lei invece preferisce che si riproducano morendo a frotte, questione di punti di vista e di sensibilità personale ….

        • domenico scrive:

          appena mi presenterà un africano che affermi che non usa il profilattico perchè lo dice il Papa non mancherò di rivedere la mia opinione.

          • Ilsanta scrive:

            @domenico

            Facciamo varie ipotesi quindi:

            - gli africani se ne fregano di quello che dice il Papa;
            - gli africani capiscono quello che dice il Papa ma fanno come vogliono perchè capiscono che dice corbellerie.

            In ogni caso il Papa dovrebbe ripensare al modo di fare comunicazione …

            In Italia persone che non usano il profilattico perchè contrario ai dettami della Chiesa ce ne sono e se vuole posso presentargliele.
            Se ritiene che gli africani siano meno ligi al Papa è un suo parere, sarebbe interessante sapere da cosa lo deduca …

          • domenico scrive:

            Ilsanta, il cattolico se è cattolico 1) non fa sesso prima del matrimonio; 2) dopo il matrimonio fa sesso solo con il coniuge; 3) per la sua famiglia ricorre ai metodi di pianificazione naturale.
            Se ci sono cattolici che se ne infischiano di ciò sono sicuro che se ne infischieranno anche dei divieti dell’uso del profilattico. E questo sia in Italia che in Africa.
            Se lei conosce persone che in Italia non usano il preservativo perchè lo dice il papa devo supporre che quindi siano sposate (perchè altrimenti non potrebbero fare sesso).

          • Ilsanta scrive:

            @domenico

            “Se lei conosce persone che in Italia non usano il preservativo perchè lo dice il papa devo supporre che quindi siano sposate (perchè altrimenti non potrebbero fare sesso).”

            E allora?

          • domenico scrive:

            se sono sposate e non usano il preservativo dove sarebbe il problema?

          • Ilsanta scrive:

            @domenico

            E se uno dei due coniugi è sieropositivo?

          • domenico scrive:

            senta Ilsanta,
            perchè vuole sempre cambiare argomento? lei mi ha scritto che “In Italia persone che non usano il profilattico perchè contrario ai dettami della Chiesa ce ne sono e se vuole posso presentargliele.”
            Lei non mi ha detto che conosceva coppie sposate di cui una sieropositiva. Quindi chi mi voleva presentare?

          • Ilsanta scrive:

            @Domenico

            Egregio Domenico, la informo che le malattie a trasmissione sessuale in realtà si possono contrarre anche in altri modi (trasfusioni ad esempio o in altri tempi a meno che lei non pensi che una persona che ha avuto da giovane esperienze diverse non possa più convertirsi) per cui la questione del profilattico, comunque la metta, è un autogol clamoroso per la Chiesa.
            I suoi correligionari li usano, poco, ma li usano, perchè è una proibizione priva di ogni senso.

          • domenico scrive:

            prendo atto Ilsanta che lei non conosce nessuno cattolico che non usi il profilattico solo perchè lo dice il papa…

      • cuba_libre scrive:

        E’ inutile stare a discutere con chi ha un firmware preinstallato (schematismo ideologico-clericale) al posto del sistema operativo (uso della ragione).

        Vada a studiare invece di sparare mistificazioni a raffica (tipo la pillola, che io non ho mai nominato, per combattere l’AIDS), e soprattutto scrollatevi di dosso una volta per sempre questa sindrome monotematica di sessuofobia.

        • domenico scrive:

          lei ha scritto di anticoncezionali a cui la chiesa si oppone favorendo l’AIDS in Africa. Fra gli anticoncezionali ci sono le pillole. E’ in grado quindi di capire quello che lei stesso scrive o è capace solo di ricorrere agli insulti?

          • cuba_libre scrive:

            In effetti ha ragione!! vede Domenico, io purtroppo ho un grosso difetto, quello di credere nell’elasticità mentale delle persone e che le stesse mi seguano nel ragionamento (non dico “condividerlo”, ma almeno seguirlo). E mi sa che sono troppo ottimista e devo cambiare registro.
            Se si parla di AIDS, e’ noto che l’unico metodo che ne riduce il contagio e’ il profilattico e non la pillola, quindi lo davo (erroneamente, lo ammetto) per scontato.

          • domenico scrive:

            Vede in verità gli unici metodi sicuri al 100% per la prevenzione dell’AIDS sono la continenza e la fedeltà.
            Sull’efficacia dei profilattici lascerei stare visto che non conosco statistiche e percentuali attendibili.

          • Ilsanta scrive:

            @domenico

            Fonte CE:
            Una ricerca europea che ha coinvolto più istituti, finanziato dalla Commissione
            europea attraverso vari progetti di ricerca, tra cui “AIDS: heterosexual transmission”
            (AIDS: trasmissione eterosessuale) e “EC concerted action on the heterosexual
            transmission of HIV” (azione concertata a livello CE sulla trasmissione eterosessuale
            dell’HIV), ha seguito, per un periodo di 12-21 mesi, oltre 563 coppie con un partner
            sieropositivo. Nelle 123 coppie che utilizzavano il preservativo ad ogni rapporto
            vaginale o anale non si è avuto alcun caso di sieroconversione, mentre si sono
            registrate 12 sieroconversioni tra i 122 partner che non utilizzavano il preservativo
            con regolarità. Il consorzio ha concluso che non si ha trasmissione dell’HIV tra
            soggetti che fanno un uso sistematico del profilattico.

          • Ilsanta scrive:

            @domenico

            Fonte UE:
            Una ricerca europea che ha coinvolto più istituti, finanziato dalla Commissione
            europea attraverso vari progetti di ricerca, tra cui “AIDS: heterosexual transmission”
            (AIDS: trasmissione eterosessuale) e “EC concerted action on the heterosexual
            transmission of HIV” (azione concertata a livello CE sulla trasmissione eterosessuale
            dell’HIV), ha seguito, per un periodo di 12-21 mesi, oltre 563 coppie con un partner
            sieropositivo. Nelle 123 coppie che utilizzavano il preservativo ad ogni rapporto
            vaginale o anale non si è avuto alcun caso di sieroconversione, mentre si sono
            registrate 12 sieroconversioni tra i 122 partner che non utilizzavano il preservativo
            con regolarità. Il consorzio ha concluso che non si ha trasmissione dell’HIV tra
            soggetti che fanno un uso sistematico del profilattico.

          • domenico scrive:

            grazie per l’informazione Ilsanta ma lei dovrebbe sapere che una cosa è la popolazione generale, un’altro è il campione preso in esame .
            Io voglio sapere quanto è sicuro il preservativo per la prevenzione dell’AIDS nella popolazione generale che è quella a cui vengono maggiormente rivolti i messaggi sull’uso del preservativo.

            Ma mi tolga una curiosità: ma come l’hanno fatta quella ricerca? hanno detto a 123 coppie di usare il profilattico regolarmente e alle altre 122 di usarlo irregolarmente?
            Mi dica che non è andata così….

          • Ilsanta scrive:

            @Domenico

            “grazie per l’informazione Ilsanta ma lei dovrebbe sapere che una cosa è la popolazione generale, un’altro è il campione preso in esame .”

            E lei dovrebbe sapere che vengono utilizzati i campioni perchè (se ben scelti) sono rappresentativi della popolazione.

            “Io voglio sapere quanto è sicuro il preservativo per la prevenzione dell’AIDS nella popolazione generale che è quella a cui vengono maggiormente rivolti i messaggi sull’uso del preservativo.”

            Tutti i dati che cerca sono disponibili, basta moltiplicare la propbabilità che il preservativo si rompa, per quella di incontrare un partner sieropositivo, per quella di essere infettati al primo rapporto ed ottieni il dato che cerchi.
            Che ci vuole?

            “Ma mi tolga una curiosità: ma come l’hanno fatta quella ricerca? hanno detto a 123 coppie di usare il profilattico regolarmente e alle altre 122 di usarlo irregolarmente?
            Mi dica che non è andata così….”

            Le dico che basterebbe leggere … “ha seguito, per un periodo di 12-21 mesi, oltre 563 coppie con un partner sieropositivo. ” come può leggere non c’è stata alcuna imposizione ne in un senso ne nell’altro, le coppie “hanno fatto come gli pareva” e i ricercatori hanno raccolto i risultati.

          • domenico scrive:

            “le coppie hanno fatto come gli pareva?”
            e i medici stavano a guardare senza intervenire con quelle coppie che stavano mettendo a rischio la loro salute? questa sarebbe una ricerca scientifica? bell’esempio di etica medica e scientifica.

          • Ilsanta scrive:

            @Domenico

            “e i medici stavano a guardare senza intervenire con quelle coppie che stavano mettendo a rischio la loro salute? questa sarebbe una ricerca scientifica? bell’esempio di etica medica e scientifica.”

            Ma lei ha dei problemi, e pure gravi.
            Prima di tutto che un feroce oppositore dei profilattici si scandalizzi perchè i medici non sono intervenuti è decisamente ridicolo. Cosa dovrebbero fare? Imporlo per legge?
            Ha mai sentito parlare di libertà di scelta terapeutica? Un medico ha il dovere di informare ma non può imporre nemmeno una aspirina ad un paziente se questi è capace di intendere e volere.
            Mamma mia …. che livelli ….

          • domenico scrive:

            E io che ho detto … stavano a guardare…

          • Ilsanta scrive:

            @Domenico

            Mah … c’è da chiedersi dove viva lei ma soprattutto cosa ci sarebbe di poco etico in questo .. vabbè …
            In ogni caso almeno i medici informano correttamente le persone, non come fà la Chiesa, e questo si che è poco etico …

          • domenico scrive:

            guardi se io ero un medico a conoscenza dello scarso uso del profilattico in coppie come quelle quanto meno avrei prescritto medicinali da prendere dopo ogni rapporto non protetto per minimizzare i rischi . Comunque grazie ho appena letto lo studio ed è molto interessante sotto tanti punti di vista.
            Certo il fatto che coppie altamente a rischio come quelle e nonostante la precisa informazione medica che hanno ricevuto per la metà non usavano correttamente il condom mi lascia molti dubbi sull’efficacia della comunicazione su questi argomenti nella popolazione generale.

          • Ilsanta scrive:

            @Domenico

            “guardi se io ero un medico a conoscenza dello scarso uso del profilattico in coppie come quelle quanto meno avrei prescritto medicinali da prendere dopo ogni rapporto non protetto per minimizzare i rischi .”

            E chi le dice che non sia stato prescritto?
            E’ una sua ipotesi come al solito.

            “Comunque grazie ho appena letto lo studio ed è molto interessante sotto tanti punti di vista.
            Certo il fatto che coppie altamente a rischio come quelle e nonostante la precisa informazione medica che hanno ricevuto per la metà non usavano correttamente il condom mi lascia molti dubbi sull’efficacia della comunicazione su questi argomenti nella popolazione generale.”

            Immagini poi se anche una aiutorità religiosa dice che sono inutili ….

    • stefano scrive:

      @cuba_libre
      invece di sparare slogan e cavolate a raffica, perché non prova a dimostrare quanto afferma, che cioè la cultura monogamica che educa le persone – ogni persona – ad un’affettività veramente umana e alla responsabilità, sarebbe la principale responsabile della diffusione dell’AIDS. Di converso, provi a dimostrare che la cultura del preservativo – o per meglio dire la dittatura anticoncezionale – che diseduca all’esercizio della libertà e cresce generazioni di individui nell’irresponsabilità delle proprie azioni, nell’immaturità affettiva e relazionale, e nel culto narcisistico del desiderio come esercizio del diritto alla felicità, provi a dimostrare che questa sorta di cultura abbia in qualche modo frenato, piuttosto che massimamente accelerato la diffusione dell’AIDS.

      • Ilsanta scrive:

        @Stefano

        Perchè una cosa escluderebbe l’altra secondo lei?

      • cuba_libre scrive:

        Se lei crede che io sia cosi’ idiota che mi abbassi a discutere con chi vorrebbe dare delle risposte preconfezionate (cultura monogamica, dittatura degli anticoncezionali), si sbaglia di grosso.

        vale anche per lei: si tolga il firmware ideologico e installi un bel sistema operativo e poi dialoghiamo.

        P.S.: Se le analisi storico-politiche che ho esposto per lei sono solo slogan e cavolate, le dico di andare in cameretta a studiare.

        • stefano scrive:

          No, effettivamente non la facevo così idiota. Non dirà sul serio?

          • cuba_libre scrive:

            Dico sul serio si’!!
            Io discuto con tutti, non ho problemi a confrontarmi con chicchessia anche perche’ credo che gli argomenti non mi manchino, e le potrei smontare i suoi argomenti uno per uno, al netto delle scelte individuali di ognuno di noi, che vanno sempre e comunque rispettate; ma quando come cappello lei mette già la lista dei buoni e dei cattivi (intesi come stili comportamentali), non si capisce piu’ di cosa si possa discutere.
            Scenda dal suo piedistallo ideologico e discutiamo, ma non da posizioni oltranziste tipo “la dittatura degli anticoncezionali” che associa “all’immaturità relazionale”; da parter mia non mi sembra che l’abbia mai tacciata di essere pirla perche’ lei non usa gli anticoncezionali. Non so se ho reso l’idea!

          • stefano scrive:

            Perché non si limita a dimostrare quanto lei ha detto sopra a riguardo delle responsabilità della Chiesa nella diffusione dell’AIDS. Dimostrare, non sparare slogan come un piccolo Luttwak. Se può smontare i miei argomenti uno a uno, faccia pure. Ma prima dia una risposta alla mia domanda.

          • cuba_libre scrive:

            Cerchiamo di capirci, Stefano. Se lei vuole che risponda a quella domanda non ho problemi a farlo e mi sembra di aver dimostrato che non mi sono mai tirato indietro; ma quello che mi ha dato fastidio anzi mi ha irritato e’ tutto il suo intervento delle 12:01 che sottintende che le sue posizioni sono le migliori e costruttive, contrapposte a quelle di altri che sarebbero malsane e distruttive! E’ questo che io contesto di voi cattolici (non tutti ovviamante) : vi mettete in una torre d’avorio da cui guardate la gente dall’alto in basso forti della vostra verità (v. Domenico) . Mi spiace, non ci sto ad andare in loop, perche’ sono sicuro che finirebbe cosi’ (v. la polemica sterile fra lo stesso Domenico ed Ilsanta), e a differenza di Ilsanta, io mi incazzo! A meno che non mi garantisce un’obiettività scevra da posizioni ideologiche precostituite.

          • stefano scrive:

            Gliela garantisco. Parola di scout.

          • cuba_libre scrive:

            @ Stefano

            Benissimo, la prendo in parola.

            In effetti era un po’ difficile rispondere alla domanda posta sullo slancio di quello che avevo detto nella parte finale del mio intervento sull’analisi storico-economica dell’Africa, senza considerare le sue considerazioni in materia, in quanto le due cose sono strettamente correlate.
            Le parlo ovviamente da posizione non cattolica. La cosiddetta cultura monogamica, diretta conseguenza della scelta cattolica, sicuramente diminuisce a dismisura le probabilità di contagio dell’AIDS, anche se non le annulla, perche’ lei saprà senz’altro che l’AIDS non si trasmette solo per via sessuale, ma anche tramite siringhe infette, e persino se una ferita viene a contatto con un oggetto infetto. Comunque dobbiamo valutare il fenomeno in termini di probabilità.
            Ma la cultura monogamica non e’ solo prerogativa del cattolicesimo, perche’ per esempio un ateo puo’ scegliere di essere fedele alla propria moglie o alla propria compagna senza bisogno di invocare il sesto o il nono comandamento, e io ne conosco. D’altro canto, non riesco a vedere legati i concetti di irresponsabilità dovuta alla ricerca del piacere e gli anticoncezionali. A meno che lei non sia un neocatecumenale che associa i rapporti fuori dalle regole, quindi anche quelli dei coniugi che fanno uso di anticoncezionali, con rapporti di carattere prostitutori, se la qual cosa fosse cosi’le dico subito che il colloquio puo’ terminare qui (Due di questi che mi fecero allora un discorso del genere a casa mia penso che abbiano ancora la stampa del mio numero di scarpa nel sedere!). Chi lo stabilisce qual e’ una sessualità responsabile? Lei pensa che quella con tutti i crismi cattolici sia davvero responsabile, dove arrivano una nidiata di figli che non si sa come mantenerli, o per far fare loro una vita grama? Ma li legge le cronache quotidiane specie quelle degli ultimi tempi,dai quali si vince che cui la maggior parte delle violenze sulle donne sono consumati all’interno del nucleo familiare? Quindi la violenza esiste anche all’interno della coppia tradizionale. Per contro ci sono coppie di fatto che vanno d’amore e d’accordo o magari perchè no, uomini o donne che preferiscono non sposarsi, ma non per questo rinunciare alla sessualità. Lo so che e’ una posizione non cattolica, ma e’ una realtà da considerare e per questo il modo per uscirsene e’ uno e uno solo: il rispetto reciproco. Ecco perche’ il suo intervento di prima mi ha fatto incazzare: perche’ vi ho ravvisato un disprezzo recondito dovuto ad una concezione soffocante del pensiero altrui che non si inquadra rigorosamente in certi canoni.
            Quanto sto dicendo per introdurre l’oggetto del nostro discorso: il preservativo come mezzo per prevenire il contagio di AIDS: se si e’ in ambienti sieropositivi, e l’Africa lo e’, perche’ lo si deve osteggiare, ponendo a fronte della propria posizione (non mi riferisco a lei) tutte le stronzate che ho visto scritte su questo blog nella giornata odierna: scadenza dei preservativi, temperatura alla quale sono conservati, trasporto si larga scala, e cose di questo genere che denotano una cultura atavica che non contribuisce di certo a favore di un approccio intelligente al problema, perchè sa benissimo che il problema e’ un altro.
            Se poi uno, PER SCELTA, non intende usare il preservativo, ha il mio piu’ totale rispetto, ma per favore, finitela una volta per sempre di demonizzarne l’uso, anche perche’, secondo dati recenti, da verificare, per restare in Italia, solo un 5% arriva vergine al matrimonio! E mi risulta, molto, molto, ma molto difficile credere che fra il restante 95% non vi sia neppure un cattolico!!
            Concludo con una considerazione: e’ chiaro che se non vi e’ alcuna coscienza, e l’intervento di Claudio 2 sulla situazione in UK lo testimonia in pieno, non vi sarà nessuna campagna contro l’AIDS che tenga, ma per fortuna, gli scambisti e i fautori dei riti orgiastici non sono la maggioranza. Una buona e sana educazione LAICA nelle scuole e’ quello che auspico; POI, ognuno e’ libero di fare la propria scelta anche in forza delle proprie credenze religiose.
            Spero che la risposta sia esaustiva, anche se non pretendo la condivisione di vedute, cosa che mi sembra scontata.

          • stefano scrive:

            Caro cuba,
            in risposta alla mia domanda di chiarimento mi pare che possiamo ritenere sufficiente la sua ammissione iniziale: “La cosiddetta cultura monogamica, diretta conseguenza della scelta cattolica, sicuramente diminuisce a dismisura le probabilità di contagio dell’AIDS…”.
            Con questo suo riconoscimento lei ammette dunque di avere calunniato gratuitamente e con gravissima accusa la Chiesa e i suoi insegnamenti.
            Ciò premesso, tralascio di commentare altre sue considerazioni perché ci porterebbe fuori dal thread, ma mi riservo di esprimere la mia posizione sulla sessualità responsabile appena ce ne sarà l’occasione. Vorrei invece riformulare in modo consequenziale l’auspicio che lei esprime alla fine: “Una buona e sana educazione CATTOLICA nelle scuole è quello che auspico; POI, ognuno è libero di fare la propria scelta anche in forza delle proprie credenze laiche.
            Considerato quanto sopra, sono certo che anche lei ora possa convenire.

          • cuba_libre scrive:

            @ Stefano

            purtroppo la sua risposta e’ la conferma confermata che i presupposti iniziali che sono allìorigine del mancato dialogo fra di voi e il resto del mondo sono ben lungi dall’essere rimossi. e questi presupposti risiedono in questa vostra supponenza di ritenervi nel giusto e per questo affrontate ogni tipo di discorso con mentalità tolemaica, cioe’ partendo dall’assioma che le vostre posizioni sono quelle veritiere e vi costruite attorno tutto il vestito. Ne’ più, ne’ meno come fanno i musulmani che tanto disprezzate e con cui, con i dovuti distinguo marginali, potete andare a braccetto.
            Non e’ un caso che non intervengo praticamente MAI nelle dispute fra voi , i tradizionalisti, i TDG, papisti e antipapisti, tifosi di Fatima contro tifosi di Mejougorie, perchè sono cose che non mi riguardano e che nel 99,9999999% delle volte non hanno portato a niente, anzi a rafforzare orgogliosamente le proprie vedute, senza fare un minimo passo verso l’interlocutore (la sfido a dimostrarmi il contrario). E’ un concetto che non mi appartiene, perchè sono orgoglioso di dire che tante, e forse troppe volte ho dovuto mettere in discussioni cose a cui credevo ciecamente (una fra tutte il marxismo) in virtù di esperienze, di eventi e di relazioni con la gente che hanno portato ad orientarmi ANCHE in altre direzioni.

            Tutto questo in lei e in tanti come lei (tanti non vuol dire tutti e chi mi legge sa a chi mi riferisco) non lo percepisco per niente!

            Partiamo dall’ultimo suo asserto:

            ” “Una buona e sana educazione CATTOLICA nelle scuole è quello che auspico; POI, ognuno è libero di fare la propria scelta anche in forza delle proprie credenze laiche.
            Considerato quanto sopra, sono certo che anche lei ora possa convenire.”

            Convenire???? ma se convenissi penso che sarei tentato di mettermi in testa il famoso cappello con su scritto “asino” che i maestri elementari una volta facevano mettere agli alunni ritardati, poi guardarmi allo specchio, additarmi e ridere (anche se c’e’ ben poco da ridere)!
            Ma dico… e perche’ non un’educazione islamica? perche’ non un’educazione d cultura ebraica? peerche’ non buddista o scintoista? perche’ non una scuola di partito su basi marxiste (per non fare torto a nessuno)? Ma lei lo sa cosa vuol dire LAICO? Laico vuol dire “aconfessionale”, ossia svincolato da qualsiasi autorità confessionale, ecclesiastica, e quindi da qualsiasi confessione religiosa. SOLO così uno sarà libero di fare le proprie scelte responsabilmente!! Si immagina un musulmano che si deve sorbire lezioni di monogamia, quando nell’Islam è permessa la poligamia fino a quattro mogli? Magari la LEGGE DELLO STATO glielo proibirà, ma LA LEGGE, non una religione che lui abiura.

            Poi l’altra chicca:

            “in risposta alla mia domanda di chiarimento mi pare che possiamo ritenere sufficiente la sua ammissione iniziale: “La cosiddetta cultura monogamica, diretta conseguenza della scelta cattolica, sicuramente diminuisce a dismisura le probabilità di contagio dell’AIDS…”.
            Con questo suo riconoscimento lei ammette dunque di avere calunniato gratuitamente e con gravissima accusa la Chiesa e i suoi insegnamenti.”

            Io non ammetto proprio niente, e’ lei che surrettizziamente vuol far passare, scusi la battuta colorita, coglioni per lampioni! Intanto il paradigma deve essere riportato in maniera completa, non faccia pateticamente il furbetto con me, perche’ sono abbastanza scafato contro questi trucchetti buoni solo per i minchioni.
            In pratica lei sta dicendo: considerando che se uno esce fuori casa (ergo: abbia rapporti sessuali fuori della coppia) vi e’ il pericolo che un cornicione gli cada in testa, o che venga messo sotto una macchina o che si possa venire stuprate (se si e’ donna), meglio stare a casa (ergo: castità e monogamia) cosi’ si e’ sicuri e al ripario dai pericoli esterni (ergo: AIDS) !! Bella filosofia di vita: se la tenga pure, la rispetto mi creda, ma Perdio, non venga ad imporla agli altri!!!!!!
            Per gli “altri” il problema non si risolve in questo modo, masi risolve stando attenti, quando si esce fuori casa, a non attraversare le strade fuorio delle strisce, a non andare in città a 120 all’ora, a non frequantare di notte luoghi poco affidabili, a non passare sotto i ponteggi dei lavori in corso (ergo: usare il cervello responsabilmente e ergo-al-quadrato: usare il preservativo e anticoncezionali!!).
            Mi msi mpotra’ obiettare che il pazzo che investe la gente che sta sul marciapiede o che il corniocione di un palazzo non soggetto a ponteggi potrà sempre cadere in testa (ergo: fallimento dell’anticoncettivo), ma questo fa parte del gioco delle probabilità, perche’ e’ anche vero che anche se si sta a casa tranquilli, puo’ venire il terremoto (ergo: violenza domestica!!).

            Adesso se permette, inizio a lavorare!!

          • stefano scrive:

            Insomma cuba, non ci giri troppo intorno: sull’accusa infamante che lei (come altri) ha fatto alla Chiesa di diffondere l’AIDS con i suoi insegnamenti in campo morale, lei conferma o ritratta? Non serve che mi faccia un’altra conferenza sui valori laici, basta una parola.

          • cuba_libre scrive:

            Corrige:
            “….ergo: abbia rapporti sessuali fuori della coppia…”

            Deve essere inteso “fuori dagli schemi cattolici” non certo in termini di libertinaggio!

          • cuba_libre scrive:

            Purtroppo le mie sensazioni all’origine erano giuste, ovvero che lei fa domande sorttintndendo risposte preconfezionate. Purtroppo mi sono lasciato convincere, sprecando due ore del mio prezioso tempo, ma le assicuro che non accadrà più.
            Pensi quel che vuole, vada pure a dire in giro che mi piace fare sesso appollaiato al lampadario, se questo la ringalluzzisce. Le persone intelligenti capiscono!!
            Vada al diavolo (e sono buono!)

        • timorato scrive:

          x Cuba-libre

          carissimo, mi aspettavo un po appoggio alle critiche che ho fatto più su al Papa, a proposito dei suoi interessi a favore degli immigrati e non dei siciliani e di tutti i giovani meridionali disoccupati -che dovrebbero aver in un un certo senso la Precedenza- , e lei si mette a discutere sul preservativo ?
          Lasci perdere questi problemi secondari e mi aiuti a far emergere quello che è il problema dei problemi per una società che si dice avanzata e poi costringe tanti giovani a scappare dalla loro terra al pari di quelli -che certamente meritano nei limiti del possibile di essere aiutati- che poi: sono i “soli” aiutati!

          • cuba_libre scrive:

            Se io avessi minimamente immaginato che da un rigo in postilla ad un tomo volto ad una analisi storica sulla causa dei mali dell’Africa (a cui NESSUNO ha risposto se non in maniera marginale) si sarebbe scatenata da parte di qualche represso freudiano la solita caccia al preservativo, non l’avrei minimamente menzionato, a costo anche di parlare dei maggiordomi di William e Kate. Riconosco che ingenuamente ho accettato la polemica. Ma e’ stato un grosso errore: experientia magistra vitae est!
            Il discorso sugli emigrati sarebbe troppo lungo da fare: io sono uno di questi, dato che ho lasciato in pianta stabile la mia terra che ero appena ventenne. Ma io vedo una verosimiglianza fra la situazione di allora nei confronti dei meridionali e quella di adesso nei confronti di coloro che vengono dal sud del mondo: le cause non e’ che siano troppo diverse: quando la ricchezza e’ mal distribuita, non ci si puo’ meravigliare delle lacerazioni che crea, e’ solo una quetione di quantità, non certo di sostanza che, con i dovuti distinguo, sono pressappoco simili.
            Quindi non aiuta di certo farsi la guerra dei poveri, perch’ quando c’e’ fame, si e’ disposti a tutto, anche a correre il rischio di morire fra i flutti.

  25. J scrive:

    @ Ilsanta
    “risulta assurdo pensare che basti sbarcare qualche tonnellata del cibo che ci avanza per risolvere il problema della fame e della povertà.”

    Infatti lei ha ragione, ma sembra che lei sia rimasto vittima della propaganda, caro il Santa, non si capisce da dove deriva il concetto che l’Africa abbia bisogno di qualche tonnellata di cibo. L’Africa non è il paradiso della fame e della povertà. Forse non sa che l’Africa è il territorio che racchiude il maggior numero di ricchezze, minerarie, petrolifere, agricole ecc. Non dovrebbe confondere l’incapacità di sfruttarle o la mancanza di volontà, con la povertà e dovrebbe aggiungere al quadretto che in Africa, come in molte altre parti del mondo la ricchezza è concentrata nella mani di pochi che egoisticamente non la mettono a disposizione della collettività. Anche in Italia il 50% della ricchezza è concentrata nella mani del 10% degli individui.
    h**p://www.lettera43.it/economia/macro/la-banca-d-italia-il-10-delle-famiglie-detiene-il-50-della-ricchezza_4367576288.htm

    Qui può capire come la ricchezza è distribuita ne mondo.
    h**p://www.linkiesta.it/la-distribuzione-della-ricchezza-globale-e-sempre-piu-iniqua
    E Qui può trovare una dettagliata analisi sulla ricchezza dell’Africa.
    h**p://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&ved=0CDgQFjAA&url=http%3A%2F%2Fwww.wikispaces.com%2Ffile%2Fview%2FRicchezza%2Be%2Bpovert%25C3%25A0%2Bin%2BAfrica.doc&ei=TRVVUs37EYrdsgapnIGQDA&usg=AFQjCNHrHlgBx0yf8PvMBjlzaIBIIVM4Zg&bvm=bv.53760139,d.bGE&cad=rja

    La questione è sempre la stessa, i soliti furbetti del quartierino hanno a disposizione una quantità di servi disposti a far apparire “il dolce per l’amaro e vv.” Lo aveva già scritto Isaia : “Guai a quelli che dicono che il bene sia male e che il male sia bene, quelli che mettono le tenebre per la luce e la luce per le tenebre, quelli che mettono l’amaro per il dolce e il dolce per l’amaro! ( Isa 5.20)

    “ Perciò il mio popolo dovrà andare in esilio per mancanza di conoscenza; e la sua gloria saranno uomini affamati, e la sua folla sarà inaridita per la sete.” ( Isa 5.13)
    Non si faccia rinchiudere anche lei in un recito di falsità ideologica.

    • Ilsanta scrive:

      @J

      ” caro il Santa, non si capisce da dove deriva il concetto che l’Africa abbia bisogno di qualche tonnellata di cibo.”

      Non è un concetto mio e non lo condivido come metodo standard (le situazioni di emergenza sono altra cosa), l’ho ripreso da altri ….
      saluti.

  26. Annarita scrive:

    Posso comprendere che le varie dittature che si susseguono in Africa e le guerre, possano determinare la povertà etcc. Ma mi pare anche che culturalmente gli africani non siano proprio dei lavoratori incalliti. Io credo che mollati a se gli africani riescano a fare poco, eppure terre fertili ci sono anche in Africa, è solo a causa di una cattiva politica, del colonialismo che queste persone non si danno da fare? Le dittature non possono essere ribaltate anche li? Siamo sicuri che sia sempre colpa degli altri? Gli italiani hanno passato guerre, dittature, sono stati anche costretti ad andare all’estero, ma le maniche se le sono sempre tirate su e hanno sempre lottato per costruire il proprio Paese. Quando gli italiani se ne sono andati dall’Eritrea, Somalia e Libia colonizzata per pochi anni, cosa hanno fatto gli autoctoni? Si sono finalmente goduti la libertà lavorando, ricostruendo? Nemmeno le strade avevano prima dell’arrivo degli italiani. Con ciò non per difendere il colonialismo, ma per dire che non mi pare che gli africani siano un popolo con iniziative e voglia di lavorare. Cultura? Religione? Sicuramente la superstizione rende ancora più schiavi. Solo la Verità rende liberi e fa si che un uomo decida di lottare, abbia l’impulso di fare, muoversi, creare anche se ci fosse da perdere la vita, avendo sempre la speranza che comunque la vita non sarebbe persa, ma guadagnata. Non so , certo hanno una differente concezione di come si costruisce una società e visto che da soli a parte fare guerre, danzare o starsene a terra ricoperti di mosche non fanno, gli altri ne approfittano e li sfruttano ed ora persino decidono per loro se devono o non devono fare figli. Purtroppo è finita l’era (semai fosse mai iniziata) dove gli altri pensano anche per te, è ora di svegliarsi e cambiare le cose a casa propria. E’solo il ccolonialismo che blocca certi popoli? Ho è perchè mancano di quella Verità che fa muovere la mente umana e la volontà? Quanta differenza tra i Paesi occidentali che hanno conosciuto il cristianesimo e quelli dove vige la superstizione o l’islam. Pare che li tutto sia bloccato, persino il pensiero, l’intelletto, il lavoro, l’arte, la letteratura, la scienza, rimasti indietro anni luce. Solo per colpa del colonialismo? Il rovescio della medaglia in occidente è che abbiamo mollato Dio e le sue leggi e stiamo tornando indietro pure noi, basta guardare l’arte per comprendere come sia profonda la decadenzain atto.

    • Cherubino scrive:

      “culturalmente gli africani non siano proprio dei lavoratori incalliti”

      Il bieco razzismo di Annarita è quanto di più lontano dal vangelo, oltre ad essere un affermazione del tutto indimostrata. Se poi Annarita prova a fare un giro nelle campagne della Campania e della Calabria o nei mercati ortofrutticoli delle grandi città italiane, vedrà quanti africani si spaccano la schiena a raccogliere pomodori e altro per 10 ore al giorno per pochi euro che mandano alle famiglie, vivendo qui in condizioni al limite del sopportabile.
      Vergogna !

      • cuba_libre scrive:

        No Cherubino, non e’ razzismo. e’ schematismo clerico-ideologico, e non so cosa sia peggio.

        Vorrei cogliere l’occasione offertami per ricordare che gli italiani (brava gente!) nella loro opera civilizzatrice, per conquistare l’Etiopia usarono i gas nervini dagli aeroplani contro la popolazione, e i criminali Badoglio e Graziani si resero responsabili di una carneficina di migliaia di persone fra cui molti preti copti, come rappresaglia per il fallito attentato a Graziani.

        • domenico scrive:

          adesso Cuba_libre ci spiegherà perchè questi criminali di guerra non vennero processati dopo la seconda guerra mondiale nonostante la richiesta dell’Etiopia…
          Chi è che li proteggeva?

          • cuba_libre scrive:

            Prenditi un bel libro di storia SERIA e lo saprai.
            Io non accetto imperativi!

          • domenico scrive:

            e lei un bel libro di grammatica per capire i diversi usi del futuro…
            ma capisco la sua reticenza sull’argomento.

          • cuba_libre scrive:

            Nessuna reticenza:

            1) questo e’ un thread dedicato alla tragedia di Lampedusa e invece si e’ trasformato (mannaggia a me quando ho fatto un solo accenno al problema AIDS) dai soliti noti sessuofobici in una crociata contro il preservativo;

            2) Ho fatto un’analisi storica sull’Africa (condivisibile o meno) e non mi sembra il caso di andare a fare voli pindarici sul perche’ tizio o caio non sono stati giudicati (la qual cosa fra l’altro non e’ a rigori vera)

            3) imperativi nel senso di spocchia e baldanza non certo perche’ non distinguo le modalità grammaticali dei verbi.

          • domenico scrive:

            “spocchia” e “baldanza”…
            cos’è si vede in uno specchio?

      • Annarita scrive:

        E ridaie con sto razzismo, non sapete fare altro che dare dei razzisti agli altri?

  27. J scrive:

    @ domenico
    “lo sa che un profilattico non va messo nel portafoglio su cui magari ci si siede?
    ora se sono così delicati immagini cosa subiscono durante i viaggi intercontinentali e nei depositi africani fino alla destinazione d’uso.”

    Ah si ? vedo che è pratico di preservativi. Però la domanda era : “Da dove attinge l’informazione che i preservativi si deteriorano ? E’ una sua idea o ha qualche fonte ?

    Mi risulta che la durata, prima della data di scadenza sia di almeno 3 anni. Ma questo ci porta off topic. Non so se l’argomento proposto era la pericolosità del preservativo piuttosto che “la colpa del papa” per il richiamo dei clandestini.

    Alla fine della fiera, non dovrebbe essere parte della responsabilità personale di ciascuno sia l’uso del preservativo, come l’idea che con 1500$ pagati ai negrieri si possa raggiungere la terra promessa a seguito del richiamo cantato della sirena ? Sembra che Ulisse si facesse legare per non subire il canto delle sirene. Ma non tutti decidono di non farsi influenzare dalle sirene.

    • domenico scrive:

      guardi traggo l’informazione dal semplice fatto che le organizzazioni internazionali che distribuiscono questi preservativi raccomandano che siano conservati in ambienti climatizzati o ventilati e che non devono stare troppo tempo chiusi nei container. Se penso all’Africa penso che sia molto difficile rispettare questi parametri.

      • Ilsanta scrive:

        @domenico

        Anche al sud Italia in estate ma non credo che si incorra in una ecatombe di profilattici …

      • J scrive:

        Allora è una sua idea. Lei trae le informazioni da ma… non può dire che quelle siano le reali condizioni di trasporto e di conservazione. Dovrebbe sapere che per vendere di più quelli sono disposti a dire che si deteriorano solo dopo 1 mese. Ma
        Le illazioni non hanno cittadinanza quando si ragiona sui fatti e sulle prove. Sempre meglio un preservativo in più di un contagiato in più non crede ?

        Non sarebbe meglio ragionare sulla capacità di autogestione del desiderio sessuale piuttosto che sulla validità del preservativo ? Lei dimentica che preservativo o no, Gesù disse : “Avete udito che fu detto: ‘Non devi commettere adulterio’. Ma io vi dico che chiunque continua a guardare una donna in modo da provare passione per lei ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore” (Mt 5.27-28) Quindi non ha senso ragionare sul pezzo di gomma di lattice se ben mantenuto o no le pare ?

        • domenico scrive:

          e Gesù a chi non è sposato cosa diceva?

          • J scrive:

            “Ora circa le cose di cui mi scriveste, è bene per l’uomo non toccar donna;  ma, a causa del prevalere della fornicazione, ciascun uomo abbia la propria moglie e ciascuna donna abbia il proprio marito. “ (1Cor 7.1-3)

  28. J scrive:

    “A proposito di Papa Bergoglio, l’arcivescovo emerito di Guadalajara ha detto: «Tutti sapevamo che è un uomo spirituale, e questo conta molto perché cercavamo una persona capace di trascinare più con l’esempio che con i decreti, qualcuno capace di ispirare.”
    h**p://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/papa-el-papa-pope-28447/

    Ergo, non serve lo spirito santo, serve l’uomo giusto alla bisogna. Però pare che non funziona….
    “L’Arcivescovo di Bangui guida una delegazione in visita nella diocesi di Bangassou, fra villaggi dati alle fiamme e gruppi di autodifesa”
    h**p://vaticaninsider.lastampa.it/nel-mondo/dettaglio-articolo/articolo/centrafrica-chiesa-church-iglesia-28446/

    “La polemica sulle parole del presidente dei vescovi polacchi che a proposito di pedofilia clericale parla delle responsabilità delle famiglie. E poi chiede scusa”
    “Ha aggiunto, si potrebbero evitare molti casi di molestie «se le relazioni fra i genitori fossero sane», alludendo alle ferite procurate ai bambini dalle separazioni e divorzi. «Spesso atteggiamenti inconvenienti nascono, quando un bambino cerca l’amore. Il bambino si attacca perché cerca. In questo modo sta dannando se stesso e coinvolge un’altra persona»,”
    h**p://vaticaninsider.lastampa.it/nel-mondo/dettaglio-articolo/articolo/polonia-poland-polonia-28441/

    Così adesso i responsabili della pedofilia sono i bambini in cerca di qualcuno che non sa trattenersi così si abbassa ad usarlo, ma la colpa è del bambino corrotto a cui lui non ha potuto resistere. Simile alle condanne delle streghe. Era sempre colpa della strega se il prete era tentato e non sapeva resistere.
    Non c’è male per un presidente di episcopato. Ma dove li trovano ?

    • J scrive:

      p.s.
      «Tutti sapevamo che è un uomo spirituale, e questo conta molto perché cercavamo una persona capace di trascinare più con l’esempio che con i decreti, qualcuno capace di ispirare.

      Non risulta che Gesù volesse trascinare qualcuno… forse c’è un nuovo vangelo ma quello vecchio dice : “Allora Gesù disse ai suoi discepoli: “Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce [il suo palo di tortura] e mi segua di continuo.”( Mt 16.24; Mc 8.34)
      Non sembra che abbia voluto fare il trascinatore…. Anzi : “Chi non porta il suo palo di tortura e non viene dietro a me non può essere mio discepolo.” ( Lc 14.27)
      Se poi l’esempio deve essere quello di scendere a patti con la dittatura argentina per ottenere la liberazione dei due gesuiti che accusavano di “delazione” non sembra che Gesù sia mai sceso a patti con qualcuno neanche per ottenere un favore.
      Forse era un radicale ? O un Fanatico rivoluzionario intollerante intransigente estremista e fanatico ?

      • Claudio2 scrive:

        “e poi l’esempio deve essere quello di scendere a patti con la dittatura argentina per ottenere la liberazione dei due gesuiti che accusavano di “delazione” non sembra che Gesù sia mai sceso a patti con qualcuno neanche per ottenere un favore”.
        Gia perche’ se un innocente e’ incarcerato, torturato e messo a morte da un regime sanguinario il cristiano non ha il dovere di fare il possibile per salvarlo; anzi, ha il dovere di non fare niente e starsene al calduccio nella sua cameretta, un po come hanno fatto i TdG americani coi vostri correligionari europei durante il nazismo, che se sono sopravissuti lo devono anche al satanico ‘mondo’ e non certo alle vostre str…ate;
        “Non risulta che Gesù volesse trascinare qualcuno…”
        Eggia’, perche’ notoriamente Nostro Signore Gesu’ Cristo ha detto agli Apostoli; “NON andate e NON annunciate la buona novella.Pietro, in particolare tu NON confermare i tuoi fratelli”.
        Comunque si ammettiamo che Gesu’ non abbia mai detto di trascinare la gente; c’e’ dunque speranza che la finiate di importunare il prossimo la domenica mattina annunciando l’imminente Armageddon?No, perche’ le do una notizia;siete fastidiosi forte.
        Il palo da tortura….. Ho capito perche’ la gente rimane nei TdG; vi dicono che il mondo fuori dalla Sala del Regno e’ crudele e malvagio, poi vi mandano allo sbaraglio dicendo queste e simili str…ate, la gente ovviamente o vi ride appresso o vi tira sassi e quindi avete la ‘prova provata’ del ‘malvagio stato di cose’. Geniale!

  29. cuba_libre scrive:

    Anch Don Ciotti e Andrea riccari, il fondatore della comunità di S. Egidio si sono espressi per l’abrogazione della Bossi-Fini

    • cuba_libre scrive:

      “Riccardi”

      • Claudio2 scrive:

        @ cuba stefano domenico e Ilsanta; calma amigos!
        allucinante il tipo di dialogo che si sta sviluppando, e che sempre si sviluppa parlando di preservativi , che evidentemente per entrambe le parti in causa sono oggetti magici, diabolici per i cattolici, panacea di tutti i mali per gli anticlericali;
        x Ilsanta featuring J (che per una volta che la sua setta gli concede qualcosa si sente figo&moderno come un Valdese) il preservativo risolverebbe tutti i problemi dell’Africa; la guerra, la fame, probabilmente fa diventare pure biondi e con gli occhi azzurri. oggetto fantastico e portentoso; ma ovviamente, la malvagia Chiesa di Roma, da quella nemica del genere umano che e’, ne vieta l’uso e la distribuzione; sia dannata quella associazione a delinquere!
        X stefano domenico e Simon (con cui in linea di massima sono sempre d’accordo, oggi non vi capisco:) il preservativo e’ invece malvagio;non solo non serve a niente, sfascia pure le famiglie, incentiva il libertinaggio e una ‘mentalita’ contraccettiva che e’ responsabile di tutte le sciagure ‘de sexto’ , aborti e malattie sessuali comprese.

        Il problema e’ che non e’ un oggetto magico. Gli anticlericali che danno addosso al Papa che vieta il preservativo sono assurdi; come dice saggiamente domenico, se sei cattolico osservante fai sesso solo con tua moglie e usi i mezzi naturali. Tutte le varie altre combinazioni immaginabili (sesso prematrimoniale, sesso omosessuale, ‘adulterio’) sono peccati, con o senza preservativo, quindi di che parliamo? se fai sesso fuori dal matrimonio vuol dire che di quello che dice la Chiesa in materia o te ne freghi ( quindi te ne fregheresti pure dell’improbabile ‘permesso papale’ ad usare il preservativo)o sai di star peccando, non e’ che pecchi di meno perche’ stai usando il preservativo o no (al massimo non aggiungi peccato a peccato).
        Tanto assurdi pero’ mi sembrano i cattolici che negano l’evidenza, ovvero che il preservativo e’ il ‘male minore’ in un mondo in cui,ohime’ !, i non sposati fanno sesso, con tutte le conseguenze del caso (aborti e malattie sessualmente trasmissibili in primis).

        @ cuba; uso il termine fornicatori per semplificare; ho convissuto anch’io e mi sarei pure sposato , ma questa e’ un’altra storia….

        • Ilsanta scrive:

          @Claudio2

          “x Ilsanta featuring J (che per una volta che la sua setta gli concede qualcosa si sente figo&moderno come un Valdese) il preservativo risolverebbe tutti i problemi dell’Africa; la guerra, la fame, probabilmente fa diventare pure biondi e con gli occhi azzurri.”

          Mai detto, è una astrazione la sua, per far risultare che chi ne sostiene l’uso sia un “invasato del lattice”.
          E’ semplicemente uno strumento utilissimo, privarsi di qualcosa di utile o anche solo propagandarne l’abbandono è sciocco.

          “ma ovviamente, la malvagia Chiesa di Roma, da quella nemica del genere umano che e’, ne vieta l’uso e la distribuzione; sia dannata quella associazione a delinquere!”

          La dannazione la lascio a voi, qui si tratta di una battaglia da vincere che non riguarda noi e voi, atei o credenti, ma persone che possono rimanere sane e vive oppure morire.

          “come dice saggiamente domenico, se sei cattolico osservante fai sesso solo con tua moglie e usi i mezzi naturali. ”

          Sono lieto che voi siate dei perfetti cattolici se questo vi aggrada, ma, da ricordi nemmeno troppo lontani, questa perfezione non è così diffusa fra i cattolici. Inoltre una cosa è dire che è uno strumento vietato dalla sua religione, altra cosa è dire che non funziona o che dove è stato usato la situazione è peggiorata a causa del profilattico. Una cosa sono le motivazioni religiose altro quelle scientifiche.

          • domenico scrive:

            non esistono perfetti cattolici. Le chiese dei puri e perfetti le lasciamo ad altri.
            La chiesa cattolica è formata da peccatori ed abbraccia tutti i peccatori.

          • Ilsanta scrive:

            @Domenico

            Quindi vediamo …
            Ci sono peccatori che ad esempio hanno rapporti prematrimoniali con varie persone (non necessariamente 100 bastano 2) e allora cosa dice la Chiesa? “In ogni caso non usare il profilattico MAI”
            Logica stringente ….

          • domenico scrive:

            come da discussione precedente, se due cattolici hanno rapporti prematrimoniali la questione da affrontare è questa e non certo l’eventuale uso del profilattico. La posizione della Chiesa è MAI rapporti prematrimoniali. Poi ovviamente i due ne parleranno con la loro guida spirituale che saprà consigliarli per il meglio.

          • Ilsanta scrive:

            @Domenico

            Non provi a rivoltare la frittata un’altra volta, se nessuno, lei mi pare abbia detto così, è pefetto allora vuol dire che qualche credente stì rapporti li avrà lo stesso e poi correrà a confessarsi.
            A questo punto però vogliamo ammettere che pur nel peccato è comunque sempre meglio progettersi da malattie e gravidanze indesiderate o no?

          • Claudio2 scrive:

            @”Sono lieto che voi siate dei perfetti cattolici se questo vi aggrada, ma, da ricordi nemmeno troppo lontani, questa perfezione non è così diffusa fra i cattolici”.
            Ilsanta, stiamo dicendo piu’ o meno la stessa cosa.
            questa perfezione non e’ diffusa per niente,checche’ ne dicano i miei correligionari, e per questo io mentre trovo assurdo imputare la diffusione dell’AIDS al divieto papale (divieto che, lo ripeto, e’ rivolto solo a quelle persone che possono ‘liceamente’ fare sesso nel cattolicesimo,ovvero gli sposati monogami; tutti gli altri secondo il cattolicesimo peccano comunque, con o senza preservativo)trovo altrettanto assurde le prese di posizione di chi demonizza il preservativo sic et simpliciter e ne auspico la diffusione, non come panacea di tutti i mali (perche’, vedi lo UK, da solo non basta) ma perche’ non usarlo non risolve…nulla, e anzi peggiorerebbe ulteriormente una situazione gia di per se disastrata. mi sembra di averlo detto prima, magari in maniera confusa.
            Ciao

    • stefano scrive:

      Claudio,
      grazie per avermi tirato dentro l’off-topic, anche se ne sarei rimasto volentieri fuori.
      Tutti parlano di morale cattolica, ma poi, vai a vedere, pochi la conoscono. I più calzano il preservativo come fosse un elmetto prussiano e partono a testa bassa contro chi li guarda e sorride. Allora arriva il momento di mettere bene i puntini sulle i. Cominciamo.
      La Chiesa definisce moralmente illecita la contraccezione. E fa bene, vediamo perché.
      Il Papa dialogando con Scalfari ha ricordato come la stessa Verità sia relazione, e che essa si dona a noi come e attraverso una Relazione. Ne discende che la verità della nostra umanità è in stretta “correlazione” con la verità delle nostre relazioni, quindi alla nostra autentica capacità di relazionarci.
      Ora, analizzando il concetto di contraccezione (da contra-accipere, contro-accettare, rifiutare), non si può non vedere come esso derivi da una riserva interiore, una chiusura spirituale, o qualunque altra cosa che impedisce di fatto la totalità di una relazione, quindi di una relazione vera, cioè in definitiva di una relazione veramente umana. L’atto della contraccezione sarebbe dunque obiettivamente un atto in sé cattivo.
      Se poi si passa dall’atto in sé alla mentalità diffusa, all’opinione corrente, alla cultura dominante che fa di questo atto una capacità-potenza in grado di controllare il proprio destino, la propria ricerca di felicità, allora, chi ha il coraggio di ammetterlo non può non riconosce che la mentalità contraccettiva non favorisce a livello sociale lo sviluppo di capacità di relazioni interpersonali. Al contrario, agisce nella direzione opposta, cioè di ridurre progressivamente ogni relazione, fino alla completa estinzione di ogni vero rapporto umano. Ciò confina la persona sempre più nella gabbia del proprio individualismo narcisistico che tutti gli psicologi riconoscono essere la cifra delle società post moderne.
      Questo è l’insegnamento della Chiesa, e questo è ciò che capiscono le persone di buona volontà. A questo sono legati tutti gli altri insegnamenti riguardo alla monogamia, alla sacralità del matrimonio, al dono dei figli, ecc, in una parola al benessere esistenziale. Tutti argomenti oggi molto più comprensibili sul piano intellettuale, anche grazie all’apporto delle scienze psico-sociologiche, ma che invece mai come oggi si chiede alla Chiesa di rinnegare.
      I rilievi statistici registrano inoltre che, paradossalmente, a un aumento dei casi di ricorso alla contraccezione corrisponde un aumento dei casi di ricorso all’aborto. Incidentalmente, questo dato smentisce chi intenderebbe curare tale piaga con una maggior diffusione della pillola. Al contrario, sono convinto che, piuttosto che con azioni preventive e dirette contro la stessa pratica dell’aborto, questo male si potrebbe combattere assai più efficacemente proprio con una efficace campagna di sensibilizzazione e di contrasto alla cultura contraccettiva da cui discende in linea retta.
      Il paradosso è infatti solo apparente, e si spiega col fatto che la mentalità abortiva e quella contraccettiva sono la stessa cosa (contra-accipere, rifiutare). Ciò perché l’aborto interviene a completare l’azione della contraccezione quando questa fallisce, e anche perché la mentalità contraccettiva favorisce il ricorso diretto all’aborto come mezzo succedaneo “contra-acceptionem”. Tale comportamento si riscontra sia nelle fasce più degradate della società, sia tra le adolescenti, indipendentemente dalla classe sociale. Cioè proprio laddove, per motivi diversi, è più evidente l’assenza di categorie come frutto, progetto, futuro, impegno, amore, ecc.
      Ultimamente poi, con l’avvento delle pillole del giorno (cosiddette micro-abortive) e del pesticida umano la RU84, le stesse pratiche contraccettiva e abortiva si sono praticamente fuse.
      Ciò che rimane come costante è il rifiuto del prodotto (di scarto) della relazione. Che a questo punto da nessuna angolazione può più essere definita pienamente umana.
      Ora, mi domando: chi (a parte cuba) ha il coraggio di dire che questi insegnamenti metterebbero le persone a rischio di contagio?
      L’equivoco su cui gioca la cultura del preservativo è quello di assimilare tale oggetto ad un presidio igenico-sanitario. Il paradigma è questo: allo stesso modo come devo mettere la mascherina per operare in un reparto di malattie infettive, così, se vado in Africa (leggi, se ho rapporti occasionali), devo sempre portare con me i preservativi, insieme all’amuchina da mettere nell’acqua e al chinino per la malaria. E’ previsto dalla 626 (sicurezza sul lavoro).
      Da lì a concludere che è giusto permettere anche gli africani di godere dei nostri stessi standard di tutela sanitaria il passo è breve. E la Chiesa invece che fa? Come i dirigenti della fabbrica dell’eternit, la Chiesa se ne frega della nostra salute e di quella degli africani e ci vorrebbe tutti morti. Vero cuba?
      Ma alla fine, il messaggio che rimane è solo questo: se vuoi tenere comportamenti a rischio fai pure, anzi che aspetti? solo metti il cappuccio come forma di cortesia verso il tuo partner, specie se hai l’AIDS.
      Se non è un inganno questo, che cos’è? E’ la vittoria del politicamente corretto, ma è la sconfitta dell’uomo. E anche della lotta all’AIDS, con buona pace di cuba. Saluti.

      • Claudio2 scrive:

        Stefano, la dottrina cattolica in materia, e le ragioni profonde dietro quello che la vulgata vede solo come un ‘procreate fino a schiattare’, la conosco e la condivido. E si, se tutti facessero come dice il Papa (sesso solo ed esclusivamente all’interno di matrimonio monogamico) le malattie sessualmente trasmissibili (MST) non esisterebbero.
        Problem is; viviamo in un mondo in cui la gente si fa guidare in materia de sexto dal Papa?No. E’ mai esistito un mondo in cui la gente non pecca, e in particolare in materia de sexto?No. Basta insegnare che qualcosa e’ ‘male’, let alone peccato, affinche’ qualcuno non lo faccia? No. La maggior parte della gente , cattolica o no, fa sesso pre matrimoniale? Si. Il sesso non protetto causa gravidanze indesiderate e-o MST? Si. E allora che si fa, per quel 95% di persone che non possono-non vogliono-non riescono (ne converrai che e’ una dottrina abbastanza difficile da portare avanti)seguire la dottrina cattolica in materia? Facciamo informazione su anticoncezionali e preservativi, e cerchiamo almeno di evitare che un errore si trasformi in una tragedia (MST o peggio aborti), o ci raccontiamo che un giorno vicino vivremo in una terra senza peccato e peccatori in cui tutti fanno sesso solo col coniuge ?
        Come dicevo in una risposta ad Annarita andata credo perduta, il cattolico piu’ di chiunque altro sa che siamo fragili , e quando si parla de sexto, fragilissimi, e facciamo tanti errori; correre ai ripari, affinche’ un errore non si trasformi in tragedia, non mi sembra irrazionale ne irresponsabile; molto piu’ irresponsabile buttarla in fantaepidemiologia dicenndo che ‘il preservativo non serve contro l’AIDS (io so come tu sai che BXVI non ha detto cosi’; ma molti correligionari nostri sembrano sostenere cio’, e questa, alas, e’ proprio una str…ata. ).

        • stefano scrive:

          Claudio, leggo solo ora la tua replica. Non vorrei darti l’impressione di mancare di realismo. Personalmente apprezzo e condivido il tuo senso pratico, ma proprio il realismo e il senso pratico, per non dire il semplice buon senso, mi orientano con sempre maggior convinzione nella direzione che ho detto.
          Certo, in una circostanza in cui si devono fare delle scelte con un rischio calcolato, è giusto prendere tutte le cautele del caso per pervenire a un determinato fine. Per esempio, se devo entrare nel reattore di Fukujima, è certamente meglio che mi metta lo scafandro, piuttosto che ci entri a piedi scalzi. Ma è proprio di questo che stiamo parlando? No.
          Qui si parla di combattere una malattia a trasmissione sessuale incoraggiando la pratica sessuale attraverso campagne che promuovono stili di vita dissipativi, disordinati e irresponsabili, e che indeboliscono fino all’estinzione il senso morale dei giovani. Tutto questo è assurdo.
          Ti faccio un esempio: di fronte a quel fenomeno che sta diventando sempre più di moda, che vede alcuni giovani gareggiare di notte a folle velocità sulle strade cittadine, di solito legato a giri di scommesse, cosa diresti se qualcuno sfoggiando un pratico realismo proponesse di sensibilizzare i ragazzi perché almeno indossino la cintura? O di liberalizzare la droga, così almeno non ci guadagnano più gli spacciatori? O di legalizzare la prostituzione per combattere l’evasione fiscale di quel settore d’impiego? Ma questo è il trionfo dell’insipienza.
          No, io penso che il realismo e il senso pratico del vivere, uniti al residuo istinto di sopravvivenza, ci difendano proprio dal fatalismo e dal nichilismo. Se no, a cosa ci servono? Sono come il sale che ha perso sapore.
          Se il realismo non riconosce più la realtà delle cose, che cos’è? E’ un realismo surreale.

          • cuba_libre scrive:

            Stefano, i paragoni devono essere fatti in maniera logica ed intelligente, non in maniera sciocca, patetica e fuorviante.
            Gli esempi che ha portato lei assimilandoli al sesso fuori da matrimonio e/o protetto non hanno il minimo nesso con quello che ha detto Claudio, perche’ le corse notturne con le macchine, le droghe, la prostituzione rappresentano tre esempi negativi già nella loro essenza.
            Non cosi’ la sessualità: intanto fare sesso non e’ la stessa cosa che fare all’amore, e quindi il matrimonio li’ non c’entra una fava, perche’ sa benissimo, e se non lo sa, glielo dico io, che vi sono matrimoni che esistono solo sulla carta o dove vi e’ una violenza strisciante quotidiana, e per contro esistono coppie non sposate che hanno rapporti piu’ che quotidiani!
            Ma oltretutto, avere una relazione non e’ la stessa cosa che andare sul set di un film porno, o fare lo scambista (caso mai sono questi ultimi esempi che puo’ assimilare ai tre che ha fatto, in quanto a rischio).
            E ancora, se uno/a divorzia, anzi piu’ esattamente subisce il divorzio cosa fa?
            Voto di castità per tutta la vita?
            Dove sta scritto? nell’Humanae Vitae, che fra l’altro e’ ancora oggetto di controversie e critiche anche all’interno del mondo cattolico?
            Faccia come crede, nessuno la obbliga a niente, ma per favore eviti questi paralleli ridicoli per cercare di avvalorare surrettiziamente certe posizioni, che non reggono all’impatto con la logica (e soprattutto con le leggi di natura)

          • stefano scrive:

            Grazie cuba, ma mi piacerebbe sentire anche il parere di Claudio.
            Tornando a noi, se possiamo passare a toni più confidenziali caro cuba – ormai ci conosciamo abbastanza – quando parti, dovresti essere un po’ più morbido sulla frizione: ti scappa troppo spesso e non mantieni più il controllo. Cosa c’entrano le coppie non sposate, la violenza in famiglia e tutto il resto? Io non stavo giudicando quello che fai sotto le lenzuola, qui la morale non c’entra. Chiedevo a Claudio solo di capire secondo quale logica de-umanizzare il sesso scindendolo dal rapporto di coppia – attraverso le campagne sull’uso del preservativo – come ciò possa aiutare a combattere la piaga dell’AIDS. A me sembra come voler spegnere il fuoco con la benzina, ma, chissà, forse mi sbaglio.

          • cuba_libre scrive:

            Non mi e’ affatto scappata la frizione e questo suo intervento ne e’ la conferma.
            Lei continua ancora a sostenere che il sesso e’ “deumanizzato” al di fuori della coppia. E poiche’ lei e’ cattolico, presumo che per coppia lei intenda, come del resto ha sempre sostenuto, la coppia tradizionale sposata in chiesa. o mi sbaglio?
            Assunto questo, perche’ il rapporto al di fuori di questi schemi e’ deumanizzante? ma se le ho appena detto che il fatto di essere coppia tradizionale non e’ garanzia di niente!

            Non si puo’ generalizzare, riconducendo tutto a degli schemi prestabiliti, e’ questo che sto cercando di sostenere (invano) da ille tempore.

            claudio mi e’ sembrato di capire, ha sostenuto che vi e’ uan realta’ di fatto, piaccia o non piaccia, dove l’AIDS e’ sempre in agguato, anche perche’ ricordo, che essa non e’ trasmissibile esclusivamente attraverso il sesso, ma anche attraverso una trasfusione sbagliata, o una puntura con siringa infetta.
            Come si fa a combatterla?
            E di nuovo: cosa c’entrano i paralleli con gli altri tre casi da lei citati?

          • stefano scrive:

            Caro cuba, io parlo di de-umanizzazione del sesso perché di questo si tratta secondo l’antropologia cristiana (non secondo me). Naturalmente, il relativismo non pone limiti, per cui chiunque può intervenire adesso e reclamare che anche il sesso con gli animali è invece umanissimo (non è un’esagerazione, lo ha già fatto pubblicamente Paolo Villaggio).
            Perciò penso che sia opportuno mantenere l’antropologia cristiana come salda base di riferimento. Se questo non sarà più possibile neppure con chi dice di andare in chiesa e di fare la comunione, vorrà dire che mi ritirerò a parlare solo col mio cane.

          • cuba_libre scrive:

            Si’, ma lei sta parlando con me, non con Paolo Villaggio, che per me fra l’altro e’ stato sempre un coglione, degno del personaggio che interpretava (Fantozzi).
            E le rinnovo l’invito: cerchi di operare razionalmente i dovuti distinguo, ma non solo qui, ma in tutto, altrimenti se dobbiamo scavare un fossato fra cio’ che e’ cattolico ee cio’ che non lo e’, si arriverevve all’assurdo che fra Rodrigo Borgia e Bergoglio non passi alcuna differenza.

      • cuba_libre scrive:

        Bene, adesso che ha finito la sua requisitoria, non le resta che ritirarsi in camera di consiglio ed emettere la sentenza! Faccia pure, il tribunale dei millantatori e dei mistificatori non lo riconosco. Lascio agli altri l’incombenza di risponderle, se lo vorranno.

      • giovannino scrive:

        Non è vero che la contraccezione sia contraria all’ etica cristiana e cattolica . Il cristiano è chiamato a fare buon uso del proprio corpo e della sessualità , che è voluta da Dio che ci ha creati maschi e femmine , è chiamato a fare tutto il possibile per creare le migliori condizioni possibili per far nascere , crescere ed educare i figli . Per questo la pianificazione famigliare e la procreazione responsabile sono cristiane, quando messe al servizio della vita e della famiglia. Se per il bene del nascituro una coppia decide di aspettare prima di avere un figlio , dov’ è il peccato ? E poichè la dottrina cristiana non è certo contraria al corretto uso della tecnologia in generale e in particolare incoraggia la medicina in tutti i suoi sforzi al servizio della vita, non c’è ragione perchè sia contraria alla pillola anticoncezionale o al profilattico. Quanto all’ uso del preservativo nel contrastare la diffusione dell’ AIDS , mi pare che gli studi evidenzino che non è sufficiente , ma non che non è utile . Per tornare al tema , la chiesa cattolico-romana ,che fa moltissimo per i popoli dell’ Africa dovrebbe ripensare la sua prassi verso la contraccezione . In Africa c’è grande bisogno di procreazione responsabile e di lotta contra il virus H(I)V.

        • Povero Giovannino,
          più confuso di così è proprio difficile…
          In Pace, però

        • stefano scrive:

          Giovannino, non voglio dire come Simon che lei sia confuso, ma male informato sì.
          Se poi davvero, come lei dice, “In Africa c’è grande bisogno di procreazione responsabile”, allora converrà che urge insegnare la responsabilità per formare uomini e donne responsabili. Cosa diversa dal distribuire i preservativi (quando in Africa ci sarebbe invece bisogno di vaccini).
          Del resto, anche accettando che l’uso del preservativo diventi il parametro per misurare della responsabilità di una persona, se uno è responsabile se li procurerà anche senza l’aiuto dell’ONU. Se invece è irresponsabile, cosa gli impedirà di scambiarli per un pacchetto di sigarette o una barretta di cioccolato?
          Personalmente, però, credo che il bisogno di procreazione responsabile non sia un bisogno solo africano.

          • giovannino scrive:

            caro stefano , condivido pienamente le tue affermazioni , che , ho l’ impressione , completano e non contraddicono le mie. Certo la pianificazione famigliare è desiderabile anche in Europa , solo che in Europa servirebbero più figli e dunque politiche di sostegno alle coppie stabili e fertili , cioè quelle sposate canonicamente o equivalenti , inclusi i divorziati risposati e i conviventi more uxorio. Un maggior equilibrio demografico ridurrebbe i flussi migratori e le sofferenze ad esso legati. Il razzismo non c’ entra niente , non è che desidero più bambini bianchi e meno di colore ! Se potessi esibire la mia biografia zittirei chi (mal)pensa questo.

        • cuba_libre scrive:

          Giovannino, grazie della sua lucidità dimostrata con la quale affronta l’argomento anteponendo la perspicacia e lungimiranza all’irrazionalità e al massimalismo dottrinario.
          Molte volte non ho condiviso le sue posizioni (rispettabili), ma stavolta l’appoggio senza riserve.
          Un saluto

          • giovannino scrive:

            Grazie caro cuba_libre . Anch’io leggo con piacere i tuoi interventi e mi piace il tuo approccio , mi sentirei di darti un consiglio , quello che do a me stesso : un maggior approfondimento della dottrina cattolica. E’ giusto pensare con la propria testa, ma bisogna stare attenti a non criticare quello che non si conosce. La conoscenza dottrinale non da la fede , ma la fortifica e le da concretezza.

          • cuba_libre scrive:

            Grazie Giovannino.

            Quello che lei mi dice cerco di farlo quotidianamente a largo spettro: io non disdegno di parlare con chiunque, mi sono confrontato in passato persino con i Mormoni e gli Hare Krishna, quindi da questo punto di vista, non ho problemi. Il problema sorge invece quando l’interlocutore, INDIPENDENTEMENTE da ciò che professa o che dice di essere, assume un atteggiamento impositivo e di scherno verso qualsiasi altro cammino intrapreso che non collima rigorosamente con i canoni.
            Sicuramente dovrei approfondire certi canoni della dottrina cattolica, il fatto e’ che purtroppo ho un’esperienza con i cattolici che non e’ affatto positiva, fin dai tempi della preadolescenza, quando alcuni di questi campioni si sono posti negli stessi termini in cui vorrebbero i vari Iva, Reginaldus, Lt ed altri e questo e’ stato il risultato. E’ già tanto che non abbia perso la fede del tutto, cosa che invece e’ successo a tanti miei altri conoscenti e amici.
            Adesso con l’età della ragione, i problemi li affronto ovviamente con altro approccio, anzi le diro’ che se c’è una cosa di positivo in quelle mie negative esperienze e’ stato proprio quello dell’odio viscerale verso ogni forma di massimalismo, e quindi anche laico, motivo per cui mi allontanai dal marxismo, perchè fra i due non e’ che passi troppa differenza: gli estremi si toccano perche’ hanno tutti un unico fine: l’ideologia di cui si fanno carico e’ solo un modus attraverso cui veicolano il proprio disprezzo verso gli altri: su un altro blog fra me e un altro blogger che vorrebbe tutti i preti penzolare dalle forche, volano parole pesantissime, rispetto alle quali il linguaggio di qui sono mortaretti.
            Il discorso caro Giovannino e’ che non vi e’ più razionalità nell’affrontare qualsivoglia argomento, ma solo schematismo che e’ una cosa ben diversa se non addirittura antitetica: la razionalità e’ quella qualità dell’uomo che permette di operare le debite distinzioni in ogni manifestazione quotidiana, che sia di studio, di confronto, di operato, di valutazione E NON di accomunare sotto un’unica bandiera sulla base appunto dei propri schemi ideologici.
            Insomma per dirla in due parole: due piu’ due e’ uguale a quattro, ma anche la radice quadrata di sedici e’ uguale a quattro, anche il logaritmo decimale di diecimila porta a quattro… il risultato e’ uguale, ma il cammino e’ diverso!! Il problema sorge quando qualcuno impone che SOLO due piu’ due porta a quattro (vedi per esempio l’approccio di Stefano)! E allora non c’e’ piu’ discussione che tenga.
            A risentirla, con stima

      • Ilsanta scrive:

        @Stefano

        Tralascio tutta la prolusione inutilmente lunga e tralascio il fatto che la contraccezione sia questione di coppia decisa da entrambi i partner non da un sacerdote. Mi domando però come si concili questo con i cosiddetti metodi “”"naturali”"” ammessi dalla Chiesa. Metodi di cosa quindi? Non contraccettivi? E perchè no visto che il fine ultimo è quello della regolazione delle nascite?
        Ipocrisia distillata e concentrata.

        “cultura dominante che fa di questo atto una capacità-potenza in grado di controllare il proprio destino”
        E una cosa che facciamo tutti i giorni quella di controllare il nostro destino (destino indipendente dalla volontà divina evidentemente) quando lei guida un’auto lascia il volante a Dio o guida lei?

        “la mentalità contraccettiva non favorisce a livello sociale lo sviluppo di capacità di relazioni interpersonali.”
        E se lo dice il Papa allora …
        Anzi dovrò dirlo subito a mia moglie “sai cara noi non abbiamo mai sviluppato capacità di relazioni interpersonali” immagino ne resterà sorpresa.

        “I rilievi statistici registrano inoltre che, paradossalmente, a un aumento dei casi di ricorso alla contraccezione corrisponde un aumento dei casi di ricorso all’aborto.”
        Infatti in Italia i casi IVG sono passati da oltre 161000 del 1990 ai meno di 115000 del 2009, dati ISTAT, poi se lei ha i dati del Vaticano non sò ….

        “Ora, mi domando: chi (a parte cuba) ha il coraggio di dire che questi insegnamenti metterebbero le persone a rischio di contagio?”
        Chi, a parte lei, non capisce che qualora una persona decida di non seguire l’insegnamento della castità allora il preservativo diventa vitale?

        “L’equivoco su cui gioca la cultura del preservativo è quello di assimilare tale oggetto ad un presidio igenico-sanitario.”
        Invece è lo strumento di Satana ….

        “Da lì a concludere che è giusto permettere anche gli africani di godere dei nostri stessi standard di tutela sanitaria il passo è breve.”
        Pensa che non dovrebbero godere dei nostri standard? Niente vaccini? Niente antibiotici?

        “Se non è un inganno questo, che cos’è?”
        Prevenzione!
        L’inganno è invece pensare che per il fatto che il Papa dica di non avere rapporti con più partner questo sia ciò che tutti, anche i credenti, fanno. Sappiamo tutti che la situazione è diversa, ma lei preferisce tenere la testa sotto la sabbia.

        • cuba_libre scrive:

          Ilsanta, lei ha una lucidità di ragionamento che le invidio, glielo dico da credente.

        • stefano scrive:

          Caro santa, sull’insegnamento cattolico in campo morale – qualora l’argomento sia davvero di suo interesse – mi sento di raccomandarle di non affidarsi alle sue poche nozioni, radicate ma erronee. La rimando pertanto al Catechismo della Chiesa Cattolica, certamente più chiaro della mia povera prosa ed esaustivo di un post.
          Per tutto il resto, non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire e di chi considera gli insegnamenti morali una minaccia al proprio stile di vita e alle proprie abitudini, nonché ai propria salutare e corroborante laicità sgangherata.

          • Ilsanta scrive:

            @Stefano

            Mi permetta, la prima domanda è semplicissima e non richiede la lettura di tomi voluminosi.
            I metodi “”"naturali”"” di controllo delle nascite in cosa differiscono dal profilattico, dalla pillola o magari dai rilevatori di concentrazione ormonale nelle urine (conosco la differenza sostanziale ovviamente)?
            Perchè questi metodi non vengono chiamati contraccettivi?
            Se invece che usare il termine contraccettivo usiamo il termine “metodo di controllo delle nascite” automaticamente anche il preservativo diventa “buono”?
            Insomma ne stiamo facendo una questione di vocabolo o di sostanza?

            “chi considera gli insegnamenti morali una minaccia al proprio stile di vita e alle proprie abitudini”
            Quindi un credente non può/deve sentire tale insegnamento come una minaccia? E se succede cosa gli risponderebbe? Forse è prooprio l’esiguità e l’ambiguità delle risposte fornite dalla Chiesa a non convincere la maggior parte dei credenti, ci pensi.

            “nonché ai propria salutare e corroborante laicità sgangherata”
            Le minacce alla laicità sono altre, nondimeno se una cosa è una palese sciocchezza lo rimane sia che la dica il Papa, che la dica Marx o che lo dica io.

          • stefano scrive:

            Sempre rimandandola al Catechismo, che sarà anche un tomo voluminoso, ma che all’argomento dedica solo pochi paragrafi (numeri dal 2331 al 2391 – le lascio anche il link alla relativa pagina: h**p://www.vatican.va/archive/catechism_it/p3s2c2a6_it.htm), la risposta alla sua domanda perché i metodi naturali non sono chiamati contraccettivi è: perché non lo sono.
            Non lo sono, non perché siano poco sicuri e allora questo li renda più accettabili. Intanto non è vero che siano meno sicuri, e non è vero che tale circostanza li renderebbe più accettabili.
            I metodi naturali non possono essere definiti contraccettivi perché non alterano la natura dell’atto matrimoniale che nell’antropologia cristiana (cioè secondo Dio Creatore) è al tempo stesso unitivo e procreativo.
            Non sono contraccettivi perché la loro pratica richiede l’esercizio della responsabilità con la quale i coniugi rispettano la natura dell’atto, cioè inscindibilmente unitiva e procreativa, e perché tale pratica richiede il rispetto dei tempi naturali del ciclo biologico femminile.
            Non sono contraccettivi perché, in tal modo, questa pratica educa al rispetto dei coniugi e alla loro reciproca comprensione.
            Se però lei ritiene ancora che i metodi naturali siano anticoncezionali, forse è perché non ha ancora superato la mentalità contraccettiva. Se permane l’intenzione cattiva, non è il mezzo buono che rende migliore l’atto.

          • cuba_libre scrive:

            @ Ilsanta

            Carissimo, le raccontero’ un episodio di cui io fui protagonista durante il corso prematrimoniale che teneva un catechista.

            Durante il corso della serata dedicata alla sessualità, questo catechista inizio’ a parlare, sparando a raffica contro i rapporti prematrimioniali, gli anticoncezionali e esaltando i metodi naturali. Alla fine, come era nelle sue abitudini, poneva domande alla platea seguite pedissequamente da risposte che lui stesso si confezionava; insomma lui domandava e lui si rispondeva! Una queste:
            Domanda: chissà quanti di voi avranno già avuto rapporti sessuali, e cosa ve ne e’ rimasto?

            Risposta: niente, il vuoto assoluto!

            Domanda: chissà quanti di voi usano anticoncezionali e che sensazione avete avuto?

            Risposta: stessa di prima!

            e cosi’ via, finche’ il sottoscritto, stanco di questo modo di procedere gli disse: E a te tutte ‘ste cose chi te le ha dette?
            Lo dico per esperienza.

            Mi sembra un po’ strano che parli per eseprienza visto che hai otto figli!! Al che ci fu un po’ di ilarità.

            Invece – ribattei – te la voglio porre io una domanda: tu dici che i metodi naturali sono accettati dalla chiesa, perche’ sono aperti alla vita e perche’ non ostacolano l’azione di Dio, se Egli volesse intervenire nella procreazione , cosa che invece non potrebbe essere se metti un preservativo. Non pensi che cosi’ sminuisci la figura di Dio?

            E lui stralunato, come uno che non credeva ai suoi occhi di come si osasse contarddirlo: Perchè dici cosi’?
            Ed io: Ma pensi che se Dio volesse veramente intervenire si faccia mettere paura da un preservativo?

            E di rincalzo: si’, ma il tuo atteggiamento sarebbe un modo di porti contrario alla vita!

            Ed io: manco per niente, perche’ anche se adotti metodi naturali, il fatto stesso che lo fai, ti poni gia’ con la mente verso una volonta’ di NON procreare; quindi potenzialmente contro una volontà di Dio. E’ solo una questione di probabilità.

            Poi, visto che la platea stava cominciando a rumoreggiare, orientandosi verso la mie tesi, lui cambio’ discorso senza rispondere!

          • Ilsanta scrive:

            @Stefano

            “I metodi naturali non possono essere definiti contraccettivi perché non alterano la natura dell’atto matrimoniale che nell’antropologia cristiana (cioè secondo Dio Creatore) è al tempo stesso unitivo e procreativo.”

            E come sarebbe che non alterano la natura procreativa dell’atto scusi?
            Se sono sicuri allora è evidente che se ho un rapporto in periodo non fertile non posso incorrere in una gravidanza, ergo disgiungo eccome la natura procreativa da quella unitiva!

            “Non sono contraccettivi perché la loro pratica richiede l’esercizio della responsabilità con la quale i coniugi rispettano la natura dell’atto, cioè inscindibilmente unitiva e procreativa, e perché tale pratica richiede il rispetto dei tempi naturali del ciclo biologico femminile.”

            Cosa centra l’esercizio della responsabilità con l’essere o meno un metodo contraccettivo?
            Vuole dirmi che l’effetto contraccettivo viene meno tanto più è complesso da gestire il metodo?
            Allora come valutare quelle macchinette che sulla base di un semplicissimo stick identificano i giorni fecondi? Troppo facile? Troppo deresponsabilizzante?
            O forse non è contraccettivo perchè rispetta il ciclo biologico femminile?
            In ogni caso l’effetto del metodo non varia, l’effetto è evitare gravidanze indesiderate, il resto sono fiocchetti rosa per abbellire e ingannare.

            “Non sono contraccettivi perché, in tal modo, questa pratica educa al rispetto dei coniugi e alla loro reciproca comprensione.”

            Scusi anche qui centra come i cavoli a merenda, inotre perchè mai una coppia che usi la pillola non dovrebbe essere educata al rispetto e alla comprensione reciproca? Un altro pregiudizio ….

            “Se però lei ritiene ancora che i metodi naturali siano anticoncezionali, forse è perché non ha ancora superato la mentalità contraccettiva.”

            Veramente per me definire un metodo contraccettivo, anticoncezionale o per il controllo delle nascite è indifferente. E’ lei che ne fa una questione semantica e si para dietro elucubrazioni per giustificare la sua posizione.
            Poi in realtà sarà lei a dover usare certi metodi per cui non è che la cosa mi tocchi da vicino, solo che sparare sentenze alla cavolo non è bella abitudine.

            Se permane l’intenzione cattiva, non è il mezzo buono che rende migliore l’atto.

          • Ilsanta scrive:

            @Cuba

            Abbiamo avuto esperienze simili anche se effettivamente il teatrino marzulliano del “si faccia una domanda e si dia una risposta” me lo sono evitato!

          • stefano scrive:

            Cuba e Santa
            Non fate i finti tonti, che poi lo sembrate per davvero.
            Il metodo naturale si contrappone ontologicamente alla contraccezione. Le due cose non possono essere neppure accostate.
            La locuzione “naturale” non richiama l’affinità del metodo con l’ecologia (ad es, una un prodotto naturale rispetto ad uno chimico), lasciando inalterato il fine (la contraccezione).
            Naturale si riferisce alla naturalità dell’atto, cioè alla sua naturalità secondo la natura umana immagine di Dio.
            La contraccezione invece altera la natura dell’atto coniugale che – per così dire – non è più umano, o pienamente umano.
            Ma mi rendo ora conto che per capire questo non basta rimandare alla pagina tot del catechismo. Bisogna ricominciare dalla pagina 1.

          • cuba_libre scrive:

            “La contraccezione invece altera la natura dell’atto coniugale che – per così dire – non è più umano, o pienamente umano.”

            E come lo definirebbe? anche i vaccini alterano l’equilibrio del corpo umano. E allora? Torniamo alle vecchie malattie ormai quasi del tutto estinte?

            “Ma mi rendo ora conto che per capire questo non basta rimandare alla pagina tot del catechismo. Bisogna ricominciare dalla pagina 1.”

            Non ve ne e’ bisogno, lo conosco praticamente a memoria; ma il conoscerlo non vuol dire assoggettarvisi.

          • stefano scrive:

            @cuba
            ma lo vede che è proprio di legno? ho appena detto che il rispetto della natura – nel senso di equilibrio ecologico – non c’entra niente. I vaccini sono cosa buona e giusta, così come lo sono anche i progestinici, ma non se vengono usati per fare contraccezione. Capito?
            In fondo bisogna fare solo un piccolo sforzo per afferrare che i metodi naturali non sono né più, né meno che il modo naturalmente umano – cioè secondo la natura umana di uomini fatti a immagine e somiglianza di Dio – di praticare l’amore coniugale. Che è donazione totale, e dunque esclude anche solo l’ombra della contraccezione.
            Io più di così non so dire. Vi affido alla Madre della Sapienza.

          • cuba_libre scrive:

            “In fondo bisogna fare solo un piccolo sforzo per afferrare che i metodi naturali non sono né più, né meno che il modo naturalmente umano – cioè secondo la natura umana di uomini fatti a immagine e somiglianza di Dio – di praticare l’amore coniugale. Che è donazione totale, e dunque esclude anche solo l’ombra della contraccezione.”

            mi scusi una cosa Stefano, adesso cambiamo registro linguistico e andiamo sul colorito, visto che e’ lei che vi si sta portando:

            se lei dice che i metodi definiti naturali rappresntano il modo naturalmente umano di praticare l’amore coniugale, il coito interrotto o tutte le decine e decine posizioni del Kamasutra che non prevedono la penetrazione ma lo stimolo del piacere reciproco come le definisce, naturali o artificiose (ergo: contraccettive anche loro)?
            Da quel che ne so, anche quelle la chiesa condanna (e puoi capire…)

          • Ilsanta scrive:

            @Stefano

            “Non fate i finti tonti, che poi lo sembrate per davvero.”

            Non è che dare dei tonti agli altri aumenti di molto la credibilità delle sue parole …

            “Naturale si riferisce alla naturalità dell’atto, cioè alla sua naturalità secondo la natura umana immagine di Dio.”

            Questa è un’altra delle super…. (chi ha visto almeno una volta Amici miei avrà capito).
            Faccio sommessamente presente che la natura umana, immagine di chi pare a lei, è quella che rende la donna fertile una volta al mese e proprio in quel periodo la combinazione degli ormoni secreti la rende più disponibile all’atto sessuale. Ora che lei mi dica che un metodo di controllo delle nascite che per sua costituzione impone di non avere rapporti proprio nei giorni in cui la natura (immagine divina) lo prevederebbe, sia naturale è risibile.

            “La contraccezione invece altera la natura dell’atto coniugale che – per così dire – non è più umano, o pienamente umano.”

            Quindi per il catechismo un atto è umano in funzione dei mezzi con cui lo si attua e non per il fine o per l’intenzione che vi soggiace?
            Come dire che cuocere con la legna è umano ma con il microonde no!

            “Ma mi rendo ora conto che per capire questo non basta rimandare alla pagina tot del catechismo. Bisogna ricominciare dalla pagina 1.”

            Guardi, se un argomento è malposto lei può leggersi un intero libro è trovarlo corretto, ma quel argomento specifico, in quella pagina rimarrebbe una corbelleria comunque.

            “I vaccini sono cosa buona e giusta, così come lo sono anche i progestinici, ma non se vengono usati per fare contraccezione. Capito?”

            Ma allora vuole dirmi che la malattia non è parte della natura umana divinamente ispirata? Per cui posso combattare la malattia con qualsiasi mezzo senza violare le leggi di natura, ma non posso usare un farmaco per ottenere lo stesso effetto (e lei aggiunge pure con lo stesso grado di sicurezza) dei metodi “”"naturali”"”?

            “In fondo bisogna fare solo un piccolo sforzo per afferrare che i metodi naturali non sono né più, né meno che il modo naturalmente umano – cioè secondo la natura umana di uomini fatti a immagine e somiglianza di Dio – di praticare l’amore coniugale.”

            E’ biologicamente dimostrato che è una sciocchezza questa, il bello è che continuate a propagandarla come fosse un vanto.

            “Che è donazione totale, e dunque esclude anche solo l’ombra della contraccezione.”

            Infatti una donna che stà facendo la conta dei giorni oppure che misura la temperatura basale o altre cosette del genere non stà affatto pensando di non volere una gravidanza in quel momento (contraccezione appunto), nooooo!!!

            “Io più di così non so dire. Vi affido alla Madre della Sapienza.”

            Non sà cosa dire perchè non c’è niente che possa dire se non le classiche frasi fatte ….

        • giovannino scrive:

          caro Ilsanta , ho apprezzato questo post e come cristiano vorrei approfondire un punto che tu tralasci . La famiglia è una comunità naturale , ma la famiglia cristiana è anche comunità religiosa , simile a una chiesa in miniatura , a partire dal sacramento del matrimonio i cui ministri sono gli sposi ( Ratzinger ) . E allora non dovrebbero gli sposi decidere sulla procreazione e non il prete ?

          • stefano scrive:

            Questa poi! E quando mai i preti hanno preteso di dire se e quando gli sposi debbano fare figli? Qui si è perso proprio il senso della realtà.

          • cuba_libre scrive:

            Lo hanno preteso si’, non sia ipocrita, per favore!! Dal momento che per la chiesa la contraccezione e’ peccato, e i metodi naturali hanno una probabilità di fallimento altissima, a meno che per cautelarsi uno non contempli un margine di tempo molto ampio in cui non avere rapporti, il resto viene da se’!!
            Fuori i preti dalle camere da letto!! TUTTI!!

          • Ilsanta scrive:

            @Giovannino

            “la famiglia cristiana è anche comunità religiosa , simile a una chiesa in miniatura ”
            ” E allora non dovrebbero gli sposi decidere sulla procreazione e non il prete ?”

            Me lo dovrebbe dire lei questo, nel senso che se è un chiesa in miniatura dovrebbe avere il “potere” di prendere delle decisioni per conto suo.
            Invece così non è.
            Nel momento in cui una coppia cattolica decide di aderire e partecipare alla vita della sua Chiesa deve sottostare a delle direttive che essa le dà se vuole essere in comunione con essa.
            In ogni caso io da non credente non discuto sulla dottrina di una Chiesa che non mi riguarda, tuttavia quando si fanno pubbliche affermazioni sullo stile “noi siamo umani, aperti, comunicativi, ecc. e voi siete … l’opposto” beh allora è chiaro che di fronte ad una presa in giro una persona reagisce.
            Detto questo come è giusto che nessun sacerdote entri nel letto di un non credente è altrettanto vero il contrario, non discuto la scelta, discuto la propaganda che taluni fanno della loro scelta.
            Saluti.

  30. Iva scrive:

    guarda caso, esponenti illustri della S. Egidio: la gran promoter del panteon ecu-masso-mondialista “Assisi1-2-3″________ovvero______fili della storia che convergono verso un unico fascio_____:
    l”inesorabile “cupio dissolvi” dell’Europa (ex)cristiana e cattolica, tutti plasmati, UE benedicente, al pensiero unico (v. ritrattazione Barilla) in attesa del futuro (unico e sommo) padrone del mondo a cui inchinarsi, come pecore cieche ( marchiate) condotte al macello della Fede e della ragione

  31. lauraromana scrive:

    Apprendo oggi dal Gr1 che il Governo ha stanziati 180 milioni di euri ( leggasi centottanta ) per assistere gli immigrati. I suddetti milioni sono soldi di tutti noi contribuenti. Chiedo però: lo sapete, lo sappiamo che non abbiamo la possibilità di dare a queste persone un lavoro e cioè quel futuro di benessere in cui loro sperano o piuttosto si illudono? Ci rendiamo conto che non possiamo accogliere tutta l’Africa e tutti i Paesi islamici né a Lampedusa né in Italia né in Europa?
    E poi veniamo ai fatti concreti: chi si offre volontario di farsi carico di uno di questi disgraziati, di portarselo in casa, di sfamarlo e vestirlo e di garantire per lui finché non trovi una sistemazione degna? Perché le chiacchiere stanno a zero, ma la Carità si fa a spese proprie, rimettendoci anche , o con le sole offerte dei benefattori come fecero S. Giovanni Bosco e S. Giuseppe Benedetto Cottolengo: la Carità non si fa con i soldi dei contribuenti.

    • giovannino scrive:

      cara lauraromana , non mettiamo troppi paletti alla Provvidenza divina e alla buona volontà umana . Anche in questo momento difficile , un immigrato , magari con la solidarietà della Chiesa , può avere accesso a un’ esistenza dignitosa. Senza entrare troppo nei dettagli , per rispetto della privacy, ti racconto la storia di una famigliola nigeriana , che abitava a Bolzano, dove il padre lavorava come operaio in fabbrica. La fabbrica ha chiuso e la famiglia non aveva di che pagare la casa. Ha trovato ospitalità presso la parrocchia in un piccolo paese della Provincia di Bolzano , viveva quasi in canonica Gli inizi non sono stati facili , ambiente molto chiuso e poi in città avevano imparato l’ italiano , in paese si parla esclusivamente dialetto tirolese ( dunque un dialetto germanico) . Dopo lunghe ricerche il padre ha trovato lavoro presso una struttura , un tempo della diocesi , oggi provincializzata , che si occupa di assistenza ai disabili. Anche qui gli inizi non sono stati facili , trattare coi disabili è parecchio diverso da fare l’ operaio in fabbrica, ma oggi le cose si sono sistemate. La cosa più bella è vedere il bambino ben integrato ,sentirlo parlare fluentemente dialetto e vederlo giocare nella squadra giovanile di calcio , dove è uno dei migliori. Speriamo che non esageri e non cominci a discriminare i Walschen , come in Tirolo chiamano tutti quelli che non sono
      ( siamo) dei loro , italiani in primis.

  32. Cherubino scrive:

    Non è vero che non c’è lavoro per questi immigrati. Ci sono fabbriche del nord Italia (ma anche nel sud) che hanno bisogno di operai e spesso gli unici che trovano sono questi immigrati. Senza di loro dovrebbero ridurre l’attività.
    Ci sono migliaia di anziani con le loro famiglie che senza la loro badante extracomunitaria avrebbero seri problemi.
    Se poi guardiamo alle qualifiche “alte”, il rendimento universitario e professionale dei figli di immigrati spesso è superiore alla media e portano lustro e produttività alla nostra realtà economica.
    Solo l’ottusità leghista può continuare a raccontare la favoletta che si risolve tutto alzando barriere e dazi.

    • J scrive:

      @ Cherubino
      “Non è vero che non c’è lavoro per questi immigrati. “

      Già sembra che abbia proprio ragione il sig. Cherubino. Basta dare un occhiata quà : http://tv.ilfattoquotidiano.it/2012/12/20/arance-rabbia-e-schiavitu-rosarno-rischia-unaltra-rivolta-dei-migranti/214748/

      Manca solo la frusta e il battitore segnatempo…. poi la schiavitù è completa.

      • Cherubino scrive:

        quello che lei scrive conferma ciò che ho detto, perchè proprio questo sfruttamento dimostra che la domanda di lavoro c’è ed è alta, perchè altrimenti gli imprenditori non rischierebbero commettendo degli illeciti anche gravi.

    • Eremita scrive:

      Cherubino, non so inb che paese vive, io opero in uno sportello per la ricerca di lavoro della diocesi, e le assicuro che proprio lavoro non c’è: quando nelle nostre riunioni periodiche dei vari gruppi qualcuno dice che ha trovato lavoro per un caso, dico UNO, scatta l’applauso. Per UNO solo…che altri casi non ce ne sono.

      • Cherubino scrive:

        Le generalizzazioni sono sempre errate in questi discorsi. Il lavoro c’è e non c’è, dipende di quale lavoro si tratta. L’economia è cosa complessa e nello stesso tempo incui c’è chi impoverisce c’è anche chi arricchisce. Prendiamo il mercato dei beni materiali. Quando ci sono meno soldi diffusi per beni costosi, succedono tre cose:
        - diminuisce il numero di vendite di questi beni
        - aumenta il numero di vendite di beni meno costosi che rispondono allo stesso bisogno
        - aumenta il prezzo dei beni più costosi, richiesti da un target di nicchia che vuole distinguersi e apparire al di sopra della gente comune.
        Paradossalmente l’effetto può essere che alla fine i ricavi sono maggiori, sia per i beni più cari (meno venduti ma ad un prezzo maggiore) sia per i beni meno cari (maggiori vendite).

        Nel contesto lombardo in cui vivo, ad esempio, vi sono centinaia di stranieri che magari sono laureati, ma fanno gli idraulici e i muratori. E sono ben pagati. Poi vi sono i pensionati che lavorano in nero, oltre a prendere una buona pensione, e così tolgono molto lavoro ai giovani che potrebbero essere assunti. Ovviamente in questo modo l’imprenditore evita di pagare tasse, evita di dover rispettare le regole del diritto del lavoro, evita di mettere in discussione l’organizzazione della sua impresa.
        Poi c’è il problema del cambiamento. La nostra mentalità è statica, pigra nello studio. Invece il mondo del lavoro richiede elasticità mentale, apprendimento rapido, creatività, tecnica e innovazione. L’informatica è ancora tabù per molti, per non parlare delle lingue straniere (già basterebbe l’inglese). L’impresa media che non sa dialogare con l’estero ha vita breve. Tanti imprenditori quando dovrebbero iniziare a cambiare, innovare, cercare mercati nuovi, risolvono il problema portando (o facendo portare da qualcuno) un bel sacco di contanti per i sentieri che vanno dall’Italia alla Svizzera, poi fanno fallimento lasciando dipendenti e creditori a bocca asciutta e se ne vanno alle isole Cayman a prendere il sole.
        La verità è che la nostra economia non è povera, è malata, che è un’altra cosa. Malata di egoismo.

        • Eremita scrive:

          Cherubino, ha mai provato a lavorare in proprio? Se non l’ha fatto, la smetta di riportare i vecchi temi della sinistra assistenziale dell’impiego pubblico.

      • Cherubino scrive:

        neanche a farlo apposta, leggo ora:
        “ROMA – Italiani ”poco occupabili”, visto che dall’indagine Ocse ”usciamo con le ossa rotte” in fatto di di competenza linguistiche e matematiche minime per sopravvivere nel contesto attuale. E’ il pensiero del ministro del Lavoro Enrico Giovannini, espresso l’indomani dell’indagine Ocse su 24 Paesi che boccia senza appello i cittadini d’Italia in lettere e matematica. …”
        http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/inbreve/2013/10/09/Giovannini-italiani-poco-occupabili-_9436531.html

        • lauraromana scrive:

          @cherubino, Giovannino & co.
          E’ evidente che a stare a giornata davanti al computer si perdono completamente i contatti con la realtà. A Roma ci sono centinaia di immigrati, per lo più africani, che con la scusa di vendere fazzoletti di carta, strofinacci e calzini, in pratica chiedono l’elemosina perché non trovano più neppure da lavare i piatti – in nero – in un ristorante o pizzeria; a Roma come a Milano ci sono badanti disoccupate che si accontentano anche di lavorare per un solo giorno a due euri l’ora.
          Imprese e fabbriche chiudono al ritmo di decine o centinaia al giorno e vorrei capire da dove esce la bufala delle fabbriche che hanno bisogno di operai.
          Giustamente il Papa ha detto ai Sardi che senza lavoro non c’è dignità; poiché attualmente questa dignità non riusciamo a darla neppure gli italiani, prometterla agli stranieri è un atto irresponsabile.
          Inoltre: questi viaggi “della speranza” costano da due a cinquemila euri( o dollari, poco cambia) a persona, ossia una cifra che in tutti i paesi di provenienza di questi immigrati è una piccola fortuna; allora le domande sono due: 1)sono proprio così disperati questi disperati? 2) Disponendo di un minimo di duemila euri o dollari a testa perché non si comprano un biglietto aereo? Non sarà che nonostante tutti i rischi conviene venire in Italia da clandestini per avere vitto e alloggio tutto gratis, che poi se non è di proprio gradimento si può sfasciare e mettere tutto a ferro e fuoco, tanto i danni li pagano i soliti contribuenti-Pantalone e magari i Signori Immigrati trovano pure un magistrato compiacente che li assolve, anzi li giustifica pure?
          Non facciamo diventare il gigantesco anelito di carità di Papa Francesco una scusa per continuare a fare con gli immigrati la stessa cosa che fanno con i cani abbandonati certe donne di cuore pietoso, le quali cominciano a prendersi in casa prima un cane poi due, poi tre, poi quattro, e ancora e ancora: poi non hanno i soldi per sfamarli, né per farli periodicamente visitare dal veterinario e lavare garantendo la necessaria igiene;
          poi i cani si azzuffano, qualcuno magari è aggressivo e mordace e pericoloso per gli altri abitanti del palazzo.
          E’ esattamente questa la politica per gli immigrati che l’Italia sta attuando con la complicità dell’Europa e dei pietismi di chi è bravissimo e generosissimo a progettare con i soldi della collettività.

    • domenico scrive:

      in Italia ci sono 382 mila immigrati disoccupati (dati ufficiali). Il resto sono chiacchiere.

      • domenico scrive:

        e aggiungo che l’Italia ha solo l’obbligo di accogliere i profughi (rivedendo la legge come detto da Napolitano) e non gli immigrati in cerca di lavoro per i quali ci sono altri canali per entrare (anche in questo caso si potrebbe rivedere la legge).

  33. peccatore scrive:

    Papa Francesco sta per compiere il vero “gesto rivoluzionario”, di quelli destinati a segnare il pontificato e la storia.
    Quasi alla chetichella, contro i soliti benpensanti curiali con il freno a mano tirato e tutti e due i piedi sul freno a pedale, sta per consacrare il mondo alla Madonna (di Fatima, facendola venire appositamente dal Portogallo).
    Sembra una “cosa grossa”, cui non sarebbe estraneo il Papa emerito, che a Fatima, nel 2010, disse alcune delle cose più significative sulla Chiesa, il mondo e la storia.
    Apprestiamoci a unirci in preghiera.
    E’ un tempo difficile, ma non manca certo la grazia di Dio.
    Caso mai manca la voglia di contenerla e di provare a farci abitare dallo Spirito santo.
    La tristezza è tutta di chi preferisce fare altrimenti…

    • homo biblicus scrive:

      Non penso che sia questo “gesto rivoluzionario”, di consacrare il mondo alla Madonna, a impensierire i benpensanti della curia, forse hanno accusato maggiormente la riforma dello IOR.
      L’importante è smetterla con i catastrofismi e i millenarismi (rubo le espressioni ad Andre) che proprio da Fatima hanno ricevuto notevole impulso per poi essere ripresi e amplificati (3 segreti … 10 segreti) a Medjugorje.

      • Iva scrive:

        Il 13 giugno 1929, come ricorda nel suo scritto Memorie, Suor Lucia riceve ancora una visita della Madre di Dio, come promesso. “Poi la Madonna mi disse:
        «È arrivato il momento in cui Dio chiede che il Santo Padre faccia, in unione con tutti i Vescovi del Mondo, la consacrazione della Russia al Mio Cuore Immacolato, promettendo di salvarla con questo mezzo. Sono tante le anime che la giustizia di Dio condanna per i peccati commessi contro di Me, che vengo a chiedere riparazione: sacrificati per questa intenzione e prega». Informai di tutto il confessore, che mi ordinò di scrivere ciò che la Madonna voleva che si facesse.”

        Suor Lucia rivela anche che successivamente, (la data non è specificata e non sappiamo se ciò è avvenuto giorni o anni dopo), la Madonna le disse lamentandosi: «Non hanno voluto soddisfare la Mia richiesta!…Come il re di Francia, si pentiranno e la faranno, ma sarà tardi. La Russia avrà già sparso i suoi errori per il mondo, provocando guerre, persecuzioni alla Chiesa: il Santo Padre avrà molto da soffrire».*
        (*Memorie di Suor Lucia, SECRETARIADO DOS PASTORINHOS, Versione Italiana, Pag.192)
        ———————-
        per biblicus: Medjugorie NON HA NULLA A CHE FARE con Fatima, essendone la negazione vivente e pervicace, (se non la parodia o parafrasi) sia rispetto alla serietà, sobrietà e santità d’atteggiamento e parole della Madre di Dio, che riguardo la portata gravissima dei suoi avvisi autentici, sia per la totale aderenza al Vangelo e alla dottrina cattolica, cosa che non può affatto dirsi per la gospa (ecumenista, “leggera” a tratti strana e teatrale, e fuorviante dalla retta Fede). Sarei felice di ricredermi.
        ————————

        Dunque, è evidente che non è QUESTO attuale (regnante…) il papa che consacrerà la Russia al Cuuore Immacolato di Maria, come da Lei richiesto.
        (anche qui, sarei felice di ricredermi)

      • timorato scrive:

        x homo biblicus

        invece di ringraziare la Madonna Santissima che si degna, tramite le Sue vere apparizioni di metterci in guardia contro gli inganni del demonio e dei suo ministri carnali, lei disprezza e attacca la Gloriosa Vergine di Fatima ?

        e come la legge la Bibbia, con il traduttore di alice nel paese delle meraviglie ?

        e poi…. non è vero che lei sia un neocatecumenale ! li conosco ……io!
        hanno il suo stesso spirito giudaizzante e luterano che li porta ad odiare la Madonna !

        non scherzi con la Madonna Santissima, Dio Onnipotente è più geloso della Gloria di Sua Madre che della Sua!

        A.M.D.G. e M.

        • homo biblicus scrive:

          secondo me scherza con la Madonna Santissima chi pretende di metterle in bocca e in testa una teologia che contrasta col Vangelo e Dio è geloso del suo modo di pensare e di amare
          utilizzo la sua formula stile SMS, lo fa anche la Madonna a Medjugorje (G.A.R.M.C. grazie per avere risposto alla “mia” chiamata)
          A.M.D.G. e M.

          • timorato scrive:

            infatti la madonna di mediugorie è stata maledetta come: una diabolica apparizione!!!
            sia dai vescovi del luogo che sono gli unici competenti a farlo!
            sia da un illustre demonologo ed esorcista come è S.E.R. Mons. Gemma.

            A.M.D.G. e M.

          • Mimma scrive:

            E finiscila , deficiente!

          • timorato scrive:

            grazie, ma detto da una come te, non fa altro che rafforzare la certezza che quella falsa madonna è SOLO IL DIAVOLO che genera diavoli, repressi, zitelli e inaciditi……..

            e si!

    • Annarita scrive:

      Magari se facesse anche consacrare in particolare la Russia come richiesto dalla Madonna, non sarebbe male.

  34. andre scrive:

    La consacrazione del mondo alla Madonna è al contempo un gesto bello e terribile.
    Bello perchè mettersi sotto la protezione di una Madre è quanto di più tenero si possa fare, oltrechè essere gesto di espressione di totale affidamento a Colei che ha messo al mondo Cristo.
    Senza voler essere catastrofisti o millenaristi, è anche terribile, perchè segno dei tempi difficili che stiamo vivendo e rispetto ai quali lo stesso Benedetto ha ricordato che sbaglierebbe chi pensasse che le profezie di Fatima sono esaurite.

    • timorato scrive:

      x Andre

      innanzitutto di deve riflettere: perché la Madonna di Fatima ha parlato di un antipapa massone collaborato dai dei cardinali partigiani del diavolo!
      se si vuole essere autentici devoti della Madonna di Fatima!!!!

      altro che gesti tattici e populistici di “consacrare” il mondo!!!!!

      Il mondo lo si cerca di salvare certamente con la Preghiera, ma anche con La Sana Predicazione, quella che non fa il Papa quando antepone la liberta di coscienza alla Stessa Legge di Dio anche quella più semplice e “naturale”!!!!

      Questo culto idolatrico e diabolico della libertà di coscienza oltre ad essere di chiara matrice massonica: è pura follia, è pura rovina delle anime, non solo per l’altra vita ma anche per questa!!!!!

  35. Iva scrive:

    consacrare il mondo alla Madonna, e NON la Russia, come la Madonna ha esplicitamente chiesto a suor Lucia: lo stesso errore di papa GPII

    • Cherubino scrive:

      infatti la Russia è sulla Luna, non sulla Terra …

      • peccatore scrive:

        Segni dei tempi:
        1) il mondo è più che mai in potere del maligno e anche senza essere catastrofici il futuro appare assai incerto, visto che chi guida (umanamente) sugli scogli ha convenienza a portarci di proposito.
        2) oggi la Russia è molto più cristiana degli USA di Obama e dell’Europa massonica.
        3) in curia ci sono dei “benpensanti” al cui confronto Scalfari è un vero devoto.

        • Iva scrive:

          “conversione della Russia”, per mezzo della consacrazione al Cuore Immacolato di Maria, significa evidentemente anche il dono di Grazia divina del RITORNO degli ORTODOSSI alla Chiesa Una Santa Cattolica Apostolica, da cui essi si divisero con lo scisma di Fozio ! dono concesso solo per intercessione del Cuore Immacolato di Maria.

          capite ora perchè S. Kolbe disse:

          L’ecumenismo è il nemico dell’Immacolata
          (intendendo ovviamente quello “falso”, cioè la finta unione con eretici e scismatici lasciati nei loro errori, cioè il mitico dialogo inclusivo del cv2)?

          • Cherubino scrive:

            ancora con questa favola … è accertato che il senso del termine “ecumenismo” inteso da S. Massimiliano Kolbe, secondo l’accezione comune ai suoi tempi, è diverso da ciò che la Chiesa intende ora per ecumenismo.
            La pianti con questa metodica e costante disinformazione ! E’ un peccato (mortale) contro l’ottavo comandamento.

          • Iva scrive:

            ah sì …dunque, che cosa la Chiesa intende ora per ecumenismo ?
            faccia conto che io sono ignorante, lo sono, e lei insegni, prescindendo dall’8. comandamento, poichè io riferisco ciò che ho letto, non invento nulla! e visto che tutti stiamo seguendo la nostra coscienza, come dice Bergoglio, e ciascuno mette in campo il suo piccolo bagaglio di cognizioni, (sempre da precisare se incomplete o inesatte), qui si tratta piuttosto di CONFUSIONE, GREGGE NON GUIDATO da un pastore con chiarezza e ferma affidabile custodia contro i lupi; non esistono più certezze, quindi che c’entra l’8 comandamento ? non è lei che possiede l’intera verità su Fatima, dato che ci sono quelli che seguono la vicenda da decenni, e sono anche perseguitati dal Vaticano, ad es. p. Gruner, e lei se ne chieda il perchè, e ce lo spieghi a tutti … se onestamente vuole divulgare la verità dei fatti !
            ma lei ha solo una gran voglia di accusare i suoi interlocutori, anche se non c’è motivo, sempre e comunque di peccati, permettendosi di giudicarli in foro interno, non si sa con quale autorità!ù
            per non dire che resta da spiegare perchè Bertone & C dissero nel 2000 che il segreto era già CONCLUSO, tutta la isione avverata, e fu poi clamorosamente SMENTITO DA BXVI, quindi dica: spono io che sto mentendo ?
            o sono i fatti e i vari discorsi che smentiscono continuamente i prelati che vogliono ancora occultare il segreto ?
            infine: fu proprio GPII a dire chiaramente che la russia NON ERA STATA CONSACRATA

          • Iva scrive:

            …stia ben attento lei alle sue accuse che sono GIUDIZI TEMERARI verso il prossimo, di cui non conosce nè vita, nè parole nè recondite intenzioni. Ciò che ho detto l’ho letto su tanti resoconti e art. sul web di Socci, Paolini, p. Kramer e vari studiosi di Fatima, noti al LARGO pubblico, quindi che sta sparlando di 8. comandamento ?
            legga piuttosto il resoconto della famosa consacrazione fatta da GPII quando disse:

            “L’ATTO DI AFFIDAMENTO
            Roma, 7 giugno 1981

            «O Madre degli uomini e dei popoli, Tu conosci tutte le loro sofferenze e le loro speranze, Tu senti maternamente tutte le lotte tra il bene e il male, tra la luce e le tenebre che scuotono il mondo, accogli il nostro grido rivolto nello Spirito Santo direttamente al Tuo cuore ed abbraccia con l’amore della Madre e della Serva del Signore coloro che questo abbraccio più aspettano,
            e insieme coloro il cui affidamento Tu pure attendi in modo particolare.
            Prendi sotto la Tua protezione materna l’intera famiglia umana che, con affettuoso trasporto, a Te, o Madre, noi affidiamo. S’avvicini per tutti il tempo della pace e della libertà, il tempo della verità, della giustizia e della speranza».
            quindi
            1-fu un ATTO DI AFFIDAMENTO E NON DI CONSACRAZIONE,
            cose ben diverse !
            2- rimandava al futuro la consacrazione della Russia, con l’allusione:
            …..coloro il cui affidamento Tu pure attendi in modo particolare
            era l’anno 1981.
            …..
            Se vuole il chiaro resoconto della consacrazione INSUFFICIENTE DEL 1984, eccolo:
            http:// http://www.ilsegretoancoranascosto.it/pdf/appendice5.pdf
            “Il 13 maggio 1981 Papa Giovanni Paolo II subì un attentato da parte di Ali Agca,
            sfuggendo per poco alla morte. Il Papa comprese che la sua vita era stata risparmiata
            dall’intervento della Madonna di Fatima. Si recò quindi il 13 maggio 1982 per ringraziare la Madonna, e in quel giorno consacrò il mondo al Suo Cuore Immacolato.
            Il Papa inviò poi il Nunzio Pontificio, Arcivescovo Sante Portalupi, a conferire con
            Suor Lucia il 21 marzo 1982, e nuovamente il 19 marzo 1983; in tali occasioni venne
            chiesto alla suora cosa volesse esattamente la Madonna di Fatima dal Papa, affinché
            potesse essere esaudita la Sua richiesta di consacrazione.
            Suor Lucia spiegò i seguenti punti:
            • La consacrazione richiesta dalla Madonna di Fatima doveva essere una
            consacrazione pubblica e solenne della Russia e del popolo Russo.
            • Il Papa e i vescovi Cattolici di tutto il mondo dovevano compiere questa
            consacrazione, nello stesso giorno e alla stessa ora.
            Tutte le consacrazioni compiute da Papa Pio XII, Paolo VI e Giovanni Paolo
            II non avevano esaudito la richiesta della Madonna di Fatima.

            Papa Giovanni Paolo II voleva obbedire alla Madonna di Fatima. Voleva con
            sacrare la Russia come Ella aveva specificamente richiesto.
            L’8 dicembre 1983, Festa dell’Immacolata Concezione, Papa Giovanni Paolo
            II scrisse a tutti i vescovi, chiedendo loro di unirsi a lui in preghiera per consacrare
            pubblicamente il mondo al Cuore Immacolato di Maria. Nel febbraio del 1984 venne
            pubblicato su L’Osservatore Romano il testo della preghiera di Consacrazione che
            aveva intenzione di utilizzare.
            Prima di inviare effettivamente tale richiesta ai vescovi, Papa Giovanni Paolo
            II aveva sperato di poter esaudire la richiesta della Madonna per una Consacrazione
            della Russia, pubblica e solenne, al Suo Cuore Immacolato. Tuttavia, egli venne persuaso nel NON farla dal Cardinale Tomko e da altre persone all’interno della gerarchia Cattolica,
            per paura di offendere il Patriarca Russo Ortodosso ed i suoi colleghi.
            Venne quindi deciso di NON menzionare la Russia per ragioni “diplomatiche”
            ….
            ….

          • Iva scrive:

            …Invece di obbedire alla Madonna egli procedette, ancora una volta, ad un altro
            atto di consacrazione del mondo al Cuore Immacolato. Questo era già stato fatto da
            Pio XII nel 1942, da Paolo VI nel 1964 e dallo stesso Giovanni Paolo II nel 1982. E in
            ciascuna occasione, Suor Lucia aveva spiegato che tali consacrazioni non avevano esaudito la richiesta della Madonna di Fatima.
            Nostro Signore Gesù Cristo, in persona,
            spiegò a Suor Lucia che l’Atto di Consacrazione del mondo Gli era gradito ma che
            NON avrebbe portato la pace nel mondo.

            Solo la Consacrazione pubblica, solenne e specifica della Russia, da parte del
            Papa e dei vescovi Cattolici di tutto il mondo, potrebbe far scaturire la pace nel
            mondo.
            Per oltre 60 anni Suor Lucia [inascoltata nei fatti] ha spiegato che la Madonna di Fatima aveva chiesto solamente la Consacrazione della Russia.

            Fu così che, verso le ore 12 del 25 marzo 1984, mentre era prostrato in ginocchio
            dinanzi alla statua originale e solo pochi paragrafi dopo aver compiuto l’atto
            di consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria, Papa Giovanni Paolo II
            si discostò dal testo preparato e aggiunse queste parole indirizzate alla Madonna di
            Fatima:
            “Illumina specialmente i popoli di cui Tu aspetti la nostra consacrazione e
            il nostro affidamento” (vedi pag. 264), un chiaro riferimento al popolo della Russia e
            al fatto che la Consacrazione della Russia non era ancora avvenuta.

            Papa Giovanni Paolo II si rendeva perfettamente conto di non aver esaudito la
            solenne richiesta della Madonna di Fatima affinché si consacrasse la Russia al Suo
            Cuore Immacolato. Quest’omissione pesò moltissimo sul Papa, come ci dimostra il
            fatto che egli ritornò su quell’argomento, solo tre ore dopo aver compiuto la consacrazione del mondo.

            Alle ore 16 di quel pomeriggio, infatti, il Papa pregò ancora dinanzi alla
            statua della Madonna di Fatima…..

            http://www.ilsegretoancoranascosto.it/pdf/appendice5.pdf

            vedere bene sul doc in pdf il trafiletto dell’OSSERVATORE ROMANO di quel giorno, che riporta le parole esatte della preghiera del papa:

            “….di quei popoli per i quali Tu stessa ASPETTI IL NOSTRO ATTO DI CONSACRAZIONE ecc…”
            —————————————-
            è CHIARO ora, egr. Cherubino ?
            e poi vediamo se sono io che sto trasgredendo l’8. comandamento, o qualcun altro !

          • Cherubino scrive:

            bel raccontino, peccato che sia infarcito di affermazioni del tutto false.

            Comunque giro il suo post a padre Amorth, chissà che qualche sua preghiera non le faccia bene …

      • Iva scrive:

        la Madonna aveva promesso la pace dopo la consacrazione della Russia, *Russia* precisamente e testualmente detto e ripetuto così più volte sia dalla Vergine che da Nostro Signore, dietro richiesta espressa di suor Lucia, per ordine dei confessori ;
        se fosse stata valida quella “del mondo” di papa GPII, avremmo GIA’ VISTO avverarsi LA CONVERSIONE DELLA RUSSIA (dall’ateismo comunista e ritorno degli ortodossi al cattolicesimo!) E LA PACE DI CRISTO NEL MONDO, quella vera divina, completa e stabile, (non la tregua armata “si vis pacem para bellum….”equilibrio precario di blocchi di potere), avremmo ricevuto il dono come la Vergine aveva promesso, cosa che NON E’ avvenuta, come tutti possono constatare.
        Dio non parla per scherzo o “per modo di dire”.

        • homo biblicus scrive:

          Un’idea di “conversione”, “metanoia”, molto particolare! Grazie alla quale ci sono tante persone o, addirittura, categorie, “che non hanno bisogno di conversione”. Quelli che hanno la fortuna di non essere atei comunisti e neppure ortodossi, quindi i cattolici! Personalmente sono contento di appartenere alla folta schiera di quelli che sentono il bisogno di convertirsi ogni giorno perché ogni giorno sentono il bisogno di orientare la propria vita al pensiero di Dio che non è né cattolico né ortodosso e non corrisponde nemmeno alle formule del catechismo che abbiamo imparato a memoria. È più semplicemente il Vangelo (come buona notizia per i peccatori) da accogliere ogni giorno.

          • timorato scrive:

            no mio caro, Dio è cattolico, perché nel Suo Figlio Diletto che è la Stessa Virtù, e la Virtu di Fede ci ha dato il Modello Unico (che è anche “Strumento” della nostra Salvezza) al Quale conformarci!
            Sta scritto:

            Senza la Fede è impossibile piacere a Dio

            Il giusto vivrà mediante la Fede

            Quello di cui parla lei è il Cammino della Perfezione cristiana che si esercita ogni giorno!
            La Fede e la Conversione è una altra cosa.

      • Annarita scrive:

        Allora lei è più intelligente della Madonna vero Cherubino? Visto che la Madonna non ha detto consacrare il mondo, ma la Russia. Però se lei è più sapiente…..la Madonna si adeguerà.

        • Cherubino scrive:

          Quello che ha detto la Madonna non lo ha detto a lei, ma ai pontefici, i quali hanno inteso applicare quell’invito nel modo in cui hanno fatto.
          Sul piano sostanziale c’è poco da girarci intorno, consacrando tutto il mondo i pontefici hanno consacrato anche la Russia. Negarlo è infantile e contro la nuda realtà.
          Del resto i frutti di quella consacrazione si sono visti, prima con la fine della seconda guerra mondiale, con la sconfitta dell’asse satanico hitleriano-mussoliniano, poi la terza guerra mondiale è stata evitata per un pelo, come sappiamo, proprio per l’intervento di Giovanni XXIII durante la crisi di Cuba. La decisione dell’Unione sovietica di non forzare il blocco, a poche miglia dallo stesso, fu un chiaro intervento del “dito di Dio” e della protezione della Madonna.

        • Cherubino scrive:

          visto che continua seminare falsità che alimentano ansia e timore nei semplici, scusandomi con Tornielli posto l’articolo di padre Amorth sull’avvenuta consacrazione della Russia:

          “C’è da pensare che, prima del trionfo del Cuore di Maria ci sia ancora una dura prova per l’umanità. Sì, avremmo voluto che la consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria, pronunciata dal Papa in unione con tutti i vescovi, fosse stata fatta prima del 25 maggio 1984, quando fu solennemente pronunciata in Piazza S. Pietro. Ma è sbagliato quello che il redattore aggiunse in coda al mio articolo pubblicato nel N. 72. in cui afferma che la richiesta della Madonna risale al 1917. Non e così e, per un atto di tanta importanza, mi piace che i lettori ne ripercorrano il cammino con precisione.

          Nel 1917 avvennero le sei grandi apparizioni della Madonna di Fatima alla Cova da Iria (che significa Conca della Pace). La più importante di queste apparizioni è quella del 13 luglio, in cui la Madonna fece vedere l’inferno ai tre pastorelli e rivelò i famosi tre segreti, di cui l’ultimo non è stato ancora pubblicato. In quella occasione la Madonna disse: “Verrò a chiedere la consacrazione della Russia al mio Cuore Immacolato e la Comunione riparatrice nei primi sabati”. Solo questo. E perciò un errore dire che la consacrazione era stata chiesta nel 1917.

          La Madonna adempì la sua promessa (“Verrò a chiedere”…) in due tempi diversi. Il 10 dicembre 1925, mentre Sr. Lucia era a Pontevedra, in Spagna, la Madonna le apparve per chiedere la comunione riparatrice. Il 13 giugno 1929, mentre Sr. Lucia era a Tuy (pure in Spagna), la Vergine le apparve di nuovo per chiedere la consacrazione della Russia: “E arrivato il momento in cui Dio chiede che il Santo Padre faccia, in unione con tutti i Vescovi del mondo, la consacrazione della Russia al mio Cuore Immacolato…”. E da questo momento che incomincia il periodo della richiesta. E si notino due cose:

          1) Sempre, conforme ai messaggi ricevuti, Sr. Lucia ha unito insieme le due richieste, quella della consacrazione della Russia e quella della Comunione riparatrice. Sono richieste integranti ed è errato vederle separate.
          2) Non si parla ancora di consacrazione del mondo.

          Poi avvenne che le richieste di Sr Lucia andarono a rilento. Intanto comparve un’altra richiesta, inoltrata al S. Padre ad opera di una grande carismatica, Alessandra Da Costa: la consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria. Per un complesso di motivi che non sto a dire, questa richiesta camminò più in fretta di quella di Lucia, tanto che l’Episcopato Portoghese la fece propria, ossia fu l’Episcopato a presentarla al S. Padre.Il direttore spirituale di Sr. Lucia, al corrente di quanto i vescovi stavano per fare, consigliò a Sr. Lucia di aggregarsi alla richiesta che era partita da Alessandra Da Costa. La suora, avutone il consenso dal Cielo, accolse il suggerimento. Fu così che essa scrisse a Pio XII, il 2 dicembre 1940, richiedendo la consacrazione del mondo “con menzione particolare della Russia”.

          La sensibilità di Pio XII fu molto sollecita, dal momento che consacrò il mondo al Cuore Immacolato di Maria nel 1942, con un chiaro accenno alla Russia (ma si era in guerra!). Consacrò poi direttamente i popoli della Russia nel 1952. Un rinnovo della consacrazione operata da Pio XII avvenne da parte di Paolo VI, il 1° novembre 1964 di fronte all’assise del Concilio Ecumenico Vaticano II. Poi più volte l’attuale Pontefice ha consacrato il mondo, fino alla forma più solenne, quella del 25 marzo 1984, in unione con tutti i vescovi. …”

          • Iva scrive:

            veda l’art. che ho linkato sopra:

            …Invece di obbedire alla Madonna egli procedette, ancora una volta, ad un altro
            atto di consacrazione del mondo al Cuore Immacolato. Questo era già stato fatto da
            Pio XII nel 1942, da Paolo VI nel 1964 e dallo stesso Giovanni Paolo II nel 1982. E in
            ciascuna occasione, Suor Lucia aveva spiegato che tali consacrazioni non avevano esaudito la richiesta della Madonna di Fatima.
            Nostro Signore Gesù Cristo, in persona,
            spiegò a Suor Lucia che l’Atto di Consacrazione del mondo Gli era gradito ma che
            NON avrebbe portato la pace nel mondo.

            Solo la Consacrazione pubblica, solenne e specifica della Russia, da parte del
            Papa e dei vescovi Cattolici di tutto il mondo, potrebbe far scaturire la pace nel
            mondo.
            Per oltre 60 anni Suor Lucia [inascoltata nei fatti] ha spiegato che la Madonna di Fatima aveva chiesto solamente la Consacrazione della Russia.

            Fu così che, verso le ore 12 del 25 marzo 1984, mentre era prostrato in ginocchio
            dinanzi alla statua originale e solo pochi paragrafi dopo aver compiuto l’atto
            di consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria, Papa Giovanni Paolo II
            si discostò dal testo preparato e aggiunse queste parole indirizzate alla Madonna di
            Fatima:
            “Illumina specialmente i popoli di cui Tu aspetti la nostra consacrazione e
            il nostro affidamento” (vedi pag. 264), un chiaro riferimento al popolo della Russia e
            al fatto che la Consacrazione della Russia non era ancora avvenuta.

            Papa Giovanni Paolo II si rendeva perfettamente conto di non aver esaudito la
            solenne richiesta della Madonna di Fatima affinché si consacrasse la Russia al Suo
            Cuore Immacolato. Quest’omissione pesò moltissimo sul Papa, come ci dimostra il
            fatto che egli ritornò su quell’argomento, solo tre ore dopo aver compiuto la consacrazione del mondo.

            Alle ore 16 di quel pomeriggio, infatti, il Papa pregò ancora dinanzi alla
            statua della Madonna di Fatima…..

            http://www.ilsegretoancoranascosto.it/pdf/appendice5.pdf

            vedere bene sul doc in pdf il trafiletto dell’OSSERVATORE ROMANO di quel giorno, che riporta le parole esatte della preghiera del papa:

            “….di quei popoli per i quali Tu stessa ASPETTI IL NOSTRO ATTO DI CONSACRAZIONE ecc…”
            capito, egr. Cherubino ?
            e poi vediamo se sono io che sto trasgredendo l’8. comandamento, o qualcun altro !

          • Iva scrive:

            probabilmente Cherubino ora vorrà accusare Nostro Signore di essere alquanto….infantile e capriccioso con la sua insistenza sulla Russia ?
            oppure insinuare che suor Lucia era una volgare mentitrice e mitomane con questa “fissa” della Russia?
            tertium non datur

          • timorato scrive:

            e si, per Cherubino quanto non si servono gli ideali del cattolicesimo liberale condannati dai veri Papi, tutto diventa diabolico(????)!!!!

            mica hanno fede, usano la Chiesa!

          • Annarita scrive:

            Ma mi rifaccia il piacere!

          • Cherubino scrive:

            Che pena che fate … prendete una frase generica e l’applicate come volete voi. E queste sarebbero “prove” ?

            Infantile non è il Signore ma voi che raccontate storielle stravolgendo il senso di frasi vere e poi pestate i piedi per terra perchè dovremmo prenderle per vere.

            Comunque la vostra contestazione è contro la Chiesa intera, perchè se Giovanni Paolo II avesse omesso colpevolmente la Consacrazione della Russia avrebbe commesso un atto non consono con il titolo di Beato e ancor meno con la canonizzazione prossima.
            E dato che la canonizzazione investe l’infallibilità pontificia il papa sarebbe erroneo e quindi non vero papa. Questo ovviamente è del tutto falso-
            Alla fine voi arrivate sempre lì, ad attaccare il cuore della Chiesa, la pietra sui cui si appoggia: il Papa.

  36. J scrive:

    @ Claudio2
    1.“Gia perche’ se un innocente e’ incarcerato, torturato e messo a morte da un regime sanguinario il cristiano non ha il dovere di fare il possibile per salvarlo;
    Non so dire, sono scelte personali, sa, ci sono tanti cristiani….. ma non risulta che Gesù sia andato a liberare Giovanni Battista quando era in prigione. Non è nemmeno andato a trovarlo. Chissà perché !

    2.“Eggia’, perche’ notoriamente Nostro Signore Gesu’ Cristo ha detto agli Apostoli; “NON andate e NON annunciate la buona novella.Pietro, in particolare tu NON confermare i tuoi fratelli”.”
    Infatti non l’ha detto, rimangono scelte personali e private, nessuno doveva sentirsi obbligato.

    3.“Comunque se ammettiamo che Gesu’ non abbia mai detto di trascinare la gente; c’e’ dunque speranza che la finiate di importunare il prossimo la domenica mattina annunciando l’imminente Armageddon?”
    Non so dire, dovrebbe chiedere a loro. Io risponde sempre per me, e non mi pare di essere venuto alla sua porta, però è strano che lei continui a dialogare con me se critica quelli. Non dovrebbe dialogare neanche con me. No ? Semplice coerenza.

    4.“Il palo da tortura…..”
    La croce è un palo di tortura no ? Vede il fatto che io preferisco usare la loro traduzione, non fa di me automaticamente un Tdg non crede ? In ogni caso non è un problema che la riguarda lo ha detto Bergoglio : “ Proselitismo è una solenne sciocchezza”
    h**p://www.agerecontra.it/public/pres30/?p=13097
    “le nostre missioni hanno questo scopo: individuare i bisogni materiali e immateriali delle persone e cercare di soddisfarli come possiamo.”
    Agenzia di assistenza sociale per morti di fame.
    “ ciascuno deve obbedire alla propria coscienza.” Mica al vangelo ! Quindi se non lo fanno i cattolici lo fanno i Tdg e lei non dovrebbe lamentarsi proprio perché Gesù non ha detto di NON andare, ma di andare. E’ Bergoglio che dice: “sciocchezze”
    p.s.
    La traduzione del NM non dice “confermare i fratelli”, dice “rafforza” i fratelli. ( Lc 22.32) sa, è questione di traduzioni. V. quì : h**p://www.jw.org/it/pubblicazioni/bibbia/nwt/libri/luca/22/

    • Claudio2 scrive:

      La Traduzione del Nuovo Mondo non e’ una Traduzione ‘diversa’, e’ una traduzione sbagliata:
      http://www.infotdgeova.it/bibbia/tnm2.php
      (interessante cio che dice su Matteo 28:19)

      Sulla Onlus, l’andare a trovare i carcerati etc:
      31 Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. 32 E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, 33 e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra. 34 Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. 35 Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, 36 nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. 37 Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? 38 Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito? 39 E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti? 40 Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me. 41 Poi dirà a quelli alla sua sinistra: Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli. 42 Perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare; ho avuto sete e non mi avete dato da bere; 43 ero forestiero e non mi avete ospitato, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato. 44 Anch’essi allora risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo visto affamato o assetato o forestiero o nudo o malato o in carcere e non ti abbiamo assistito? 45 Ma egli risponderà: In verità vi dico: ogni volta che non avete fatto queste cose a uno di questi miei fratelli più piccoli, non l’avete fatto a me. 46 E se ne andranno, questi al supplizio eterno, e i giusti alla vita eterna».

      PS noi non stiamo dialogando;la mia e’ piu’ un opera di misericordia spirituale (colga lei quale) unita a qualche bonario pernacchio (che magari puo’ essere utile non tanto a lei ma a chi ci legge e sente parlare di Gesu’ impalati e fratelli ‘rafforzati nella Fede)

      • J scrive:

        @ Claudio2
        “ La Traduzione del Nuovo Mondo non e’ una Traduzione ‘diversa’, e’ una traduzione sbagliata.. “Sulla Onlus, l’andare a trovare i carcerati etc”

        Confesso che non ho capito qual è il punto ! Se volesse perdonare la mia ignoranza ed essere più esplicativo, proverei a replicare secondo il mio punto di vista e con molta umiltà. E’ pericoloso prendere pernacchie. Cerco di evitarle anche se non stiamo dialogando, ma è solo beneficio di chi legge. Convengo !
        Grazie.
        p.s. ho già replicato alla prima parte.

  37. Iva scrive:

    Nel maggio 2010, quando BXVI si recò a Fatima, molti siti web rivolsero al papa Benedetto XVI la supplica perchè egli esaudisse la richiesta della Madonna di Fatima; ecco quella del blog unafides33:

    Noi, Santità, speriamo e preghiamo Iddio in ginocchio, affinché “il santo Padre” di cui profetizzò nel 1917 la Madonna, dicendo che avrebbe infine consacrato al Suo Cuore Immacolato la Russia, SIA PROPRIO LEI!
    Vogliamo credere e sperare, con tutti noi stessi, che la nostra Santissima Madre stesse pensando a Lei, come a quel docile strumento della Grazia divina che, leggendo i segni dei tempi, sarebbe finalmente giunto alla determinazione di ottenere, a questa nostra Chiesa martoriata e all’umanità tutta, con la Conversione della Russia, la salvezza di molte anime e la Pace nei cuori.

    Papa BXVI non ha ritenuto opportuno esaudire la richiesta consacrazione (finora)
    però, riferendosi al 3. segreto, accennò alla “Passione” in atto nella Chiesa, al peccato in seno ad essa che ne è causa ecc. , alludendo a profezie che si vanno nel tempo sviluppando e manifestando, anche con riferimento al papa (o ai papi?):
    “sono realtà del futuro che man mano si sviluppano e si mostrano… sofferenze della Chiesa che si annunciano”….
    e pronunciò infine questa preghiera:
    “Possano questi sette anni che ci separano dal centenario delle Apparizioni (2017) affrettare il preannunciato trionfo del Cuore Immacolato di Maria a gloria della Santissima Trinità”.

  38. Eremita scrive:

    Non riesco ad accettare con la facilità di molti le apparizioni ed i messaggi dell’aldilà, perché faccio fatica a conciliare questa smania acritica di soprannaturale con il Vangelo della scorsa domenica:
    Lc 16:”Ma Abramo rispose: Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro.
    E lui: No, padre Abramo, ma se qualcuno dai morti andrà da loro, si ravvederanno.
    Abramo rispose: Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi».

  39. giovannino scrive:

    Ieri è stata abrogato il reato di immigrazione clandestina , una norma ingiusta e inefficace. Penso che dobbiamo ringraziare anche la visita del Santo Padre Lampedusa. Per regolare i flussi migratori non serve il diritto penale , basta una polizia efficiente. In Danimarca non mettono in galera i clandestini , ma è molto difficile entrare in quel Paese senza passaporto. In Italia il reato non serviva a regolare l’ entrate nel Paese ( anche da noi è obbligatorio il passaporto ) , ma a colpevolizzare l’ immigrato regolare . Fuggire da una situazione di pericolo è conforme al diritto naturale pertanto non è peccato e non è opportuno che sia un reato. Naturalmente resta il diritto dello Stato a regolare l’ accesso al Paese e il dovere di difendere i cittadini dall’ intrusione di delinquenti, cose che si possono attuare con strumenti amministrative , senza intasare l’ attività giudiziaria e sovraffollare le carceri. Depenalizzare i reati minori , questa può essere una strada percorribile per avere carceri più umane . Scarcerare i criminali recidivi è invece un esempio di buonismo stupido. Chi si è dimostrato pericoloso per la società è bene che stia in carcere , dove si dovrebbe rieducarlo ( non è facile , ma almeno provarci ) . Ma, ripeto , uno che fugge dalla fame o dalla guerra , non ha senso ritenerlo per questo solo fatto un delinquente. Lo faremmo anche noi e non escludo che lo faremo , con una “m” sola , se l’ economia procederà a lungo come negli ultimi anni.

    • domenico scrive:

      ecco uno che non ha nemmeno letto i titoli dei giornali.
      Il reato di immigrazione clandestina con tanto di reato di favoreggiamento esiste in Spagna, Francia, Germania, Gran Bretagna…
      In questo caso sembra che seguire l’esempio dell’Europa non sia di moda…

    • J scrive:

      @ Giovannino
      “Per regolare i flussi migratori non serve il diritto penale , basta una polizia efficiente. In Danimarca non mettono in galera i clandestini , ma è molto difficile entrare in quel Paese senza passaporto.”

      Per chi lo avesse dimenticato, la norma penale “reato di clandestinità” è stato introdotto per poter rispedire a casa coloro che non rispondevano ai requisiti di richiedenti asilo.
      Era un modo per poterli espellere senza l’attesa di un processo e quant’altro. Ma poiché la magistratura si è messa di traverso, anche in questo caso è stato vanificato l’escamotage del reato penale, perché con tutto l’arretrato che ha la magistratura teme di rimanere senza lavoro se non processa i clandestini e autorizza l’espulsione. E’ chiaro ? E’ stata l’insorgenza del “vero potere” a rendere inutile un provvedimento studiato per facilitare non per colpevolizzare. Ringraziamo come sempre la Repubblica dei magistrati ficcanaso sempre pronti a contrastare anche l’acqua fresca o calda.

  40. homo biblicus scrive:

    da Timorato
    “no mio caro, Dio è cattolico, perché nel Suo Figlio Diletto che è la Stessa Virtù, e la Virtu di Fede ci ha dato il Modello Unico (che è anche “Strumento” della nostra Salvezza) ”
    Attenzione a parlare di Modello Unico perché uno pensa alle tasse da pagare.
    Tra le accezioni di “cattolico” presumo che Dio preferisca quella di “universale”, “alla portata di tutti”, peccatori e non cattolici compresi.
    Lo dico anche se lei conosce il mio pensiero nei minimi dettagli, da quando ha studiato molto da vicino i neocatecumenali.

    • timorato scrive:

      x homo biblicus

      il suo “presumere” è appunto: qualcosa di insicuro!

      certamente l’accezione di “cattolico” riguarda l’universalità, ma non solo nel senso comunista come lo storpiano gli eretici modernisti, ma anche e soprattutto nel credere: nella TOTALITA’ dei Dogmi che la Chiesa propone a credere e nel modo in cui la Chiesa propone a credere questi Dogmi! e cioè nella ” maniera ortodossa, nella maniera retta!” quella che piace a Dio! e non al “politicamente corretto” extra e intra ecclesia!!!!

      Dice San Tommaso d’Aquino ( che presumo lei apprezzi molto meno di Kiko): chi nega un dogma nega tutta la FEde!

      ps
      non speculi sul mio linguaggio anche perché il termine Modello viene usato spesso nella liturgia odierna, talaltro!
      non leggo il pensiero, mi servo solo della Saggezza popolare che dice: “fammi assaggiare l’acqua e ti diro la fonte!” e la sua acqua l’abbiamo assaggiata!!!

      A.M.D.G. e M.

      • homo biblicus scrive:

        il mio “presumere” è entrare scalzo nel pensiero di Dio; vede, io Dio non me lo figuro realizzando il puzzle dei dogmi, andando alla ricerca di tutto ciò che, nei secoli, è stato definito; il Denzinger non può sostituire il Vangelo; mi sono, più semplicemente, affezionato al Dio che traspare dal Vangelo, quello raccontato (con le parole e con i fatti) da Gesù, quell’ebreo vissuto circa 2000 anni fa e ucciso proprio per l’immagine “non canonica”, “blasfema” che aveva di Dio.

  41. Iva scrive:

    riguardo alla disgrazia (non propriamente “strage”, visto che piuttosto essa è causata e organizzata dagli scafisti-affaristi, responsabili più diretti degli italiani che si sono affannati ad accogliere i sopravvissuti, come sempre, e che NON è nè giusto nè onesto colpevolizzare)

    un Vescovo ha detto :

    “Ascoltando le reazioni alla tragedia di Lampedusa non si può fare a meno di rilevare una ipocrisia così diffusa che finisce per essere una connivenza, una collusione con i responsabilidi questa situazione che sembra incredibile in una realtà sociale come quella in cui viviamo.

    Come pochi vanno ripetendo da molto tempo,
    il problema degli sbarchi non è la questione che spiega ciò che è accaduto.
    In questo senso hanno perfettamente ragione coloro che dicono che queste tragedie si potranno ripresentare a scadenze che sono anche largamente prevedibili sul piano temporale, se non si affronta la questione in tutti i suoi fattori e identificando le responsabilità.

    Anzitutto però è doveroso riconoscere che il popolo italiano, in questo caso come in tutti i casi precedenti, ha mostrato una generosità e una capacità di dedizione che fa onore alla nostra etnia; perché il nostro è un popolo coraggioso, generoso, che si assume le responsabilità anche oltre il dovuto.
    Vedere come questa gente anche in questo caso si è prodigata per ridurre l’entità della strage, è una cosa che ci fa onore. Perciò ben venga un amplissimo riconoscimento a questa popolazione, come quello del premio Nobel per la pace, che così si riscatterebbe da altre e ben più infelici attribuzioni date in un passato recente, vedi Obama.

  42. Iva scrive:

    Ma la vera questione è guardare da dove queste persone fuggono.

    Non si può affrontare il problema prendendo in esame solo lo sbarco.
    Deve essere detto con chiarezza che sono gravissime le responsabilità della comunità internazionale perché queste persone fuggono da Stati dove non c’è libertà, non c’è pane, non c’è giustizia, dove i diritti dell’uomo e della donna vengono sistematicamente calpestati, dove – ci piaccia o no – un’ideologia di carattere religioso copre e giustifica tutto questo, dove esistono satrapie locali intollerabili nel terzo millennio, gente che vive concedendosi un lusso sfrenato depauperando le risorse del popolo e della nazione. E questi regimi sono stati e sono sostenuti non solo dai paesi occidentali, ma anche dalla Russia, dalla Cina. Sono sostenuti per motivi economici o strategici, per accedere a fonti energetiche o per il business della vendita delle armi.
    etc.

    Immigrati, il problema è da dove fuggono
    art. di mons. Luigi Negri
    http://www.lanuovabq.it/it/articoli-immigrati-il-problema-e-da-dove-fuggono-7454.htm
    ————————
    risalire alle vere CAUSE di un male è questione di onestà intellettuale e morale, in omaggio alla verità dei fatti.

    • Annarita scrive:

      E c’è da chiedersi, come mai l’America che si fa sempre paladina della libertà altrui (dove c’è il petrolio), non interviene mai in questi luoghi dove la libertà non c’è, sarà perchè non c’è nemmeno il petrolio? Siamo in un mondo di ipocriti, che fanno tanto i ben pensanti, che a scuola ti fanno fare il minutino di silenzio per i vari olocausti, poi però tali Stati tra cui il nostro fanno affari con nazioni dove la libertà non esiste ed i gulag sono un’officina di lavoro gratuito e quando non bastasse anche officina di organi da epiantare, es la Cina. Che ipocrisia, quante belle parole al vento. Tutti buoni, nessuno razzista, finchè non si tocca il proprio orticello.

  43. J scrive:

    @ Claudio2
    “la mia e’ piu’ un opera di misericordia spirituale (colga lei quale) unita a qualche bonario pernacchio (che magari puo’ essere utile non tanto a lei ma a chi ci legge e sente parlare di Gesu’ impalati e fratelli ‘rafforzati nella Fede)”

    Sono lieto e la ringrazio per la fatica che compie per la mia salvezza e quella di altri. Mi ha incuriosito il fatto della “Traduzione sbagliata.”

    Il sito da lei citato riporta : “«Andate dunque, e ammaestrate tutte le genti…»” Mentre la traduzione CEI ( La Parola.net) riporta: “Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni,” ( Mt. 28.19 CEI) – Mentre la CEI 2008 riporta “Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli “ ( Mett. 28.19 CEI 2008)

    La Nuovo Mondo traduce : “Andate dunque e fate discepoli di persone di tutte le nazioni”. (Mt 28,19 NM)
    Ha qualche idea perché tre traduzioni cattoliche traducono in modi diversi lo stesso verso ?
    Il sito da lei citato riferisce : “Per inculcare l’idea che non tutti gli uomini sono chiamati alla salvezza e che solo un’esigua minoranza si convertirà e sarà salvata, i Testimoni traducono l’espressione “mathêteusate panta ethnê” (“ammaestrate tutte le genti”) con «fate discepoli delle persone di tutte le nazioni».”

    Mi pare di ricordare però, e sembra che anche lei l’abbia scordato che fu lo stesso BXVI a dire in proposito che la salvezza non è per tutti ma per alcuni. “Diario Vaticano / “Per molti” o “per tutti”? La risposta giusta è la prima” h**p://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350236

    Se la salvezza è per molti e non per tutti, è corretto dire “ammaestrate tutte le genti” ma di tutte solo alcuni di quelle genti avrebbero accettato la salvezza; mentre dire ammaestrate “tutte le nazioni” non ha senso perché non sono le nazioni ad accettare la salvezza, ma è riferito ad alcune persone di quelle nazioni che avrebbero accettato o rifiutato. Ugualmente errato è dire “ fate discepoli tutti i popoli”, perché non sono popoli interi che accettano la salvezza, ma solo alcuni uomini appartenenti ai popoli che accettano o rifiutano.
    Quindi rimane più corretto dire “fate discepoli di persone di tutte le nazioni”(o di tutti i popoli) Come traduce la NM. Infatti da ogni nazione e da ogni popolo, solo alcuni di quella nazione o di quel popolo accettano andando a formare una nuova nazione composta da persone di tutti i popoli come ha ricordato Gesù stesso “Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti. ( Mc 14.22 CEI 2008) Molti non sono tutti i popoli o tutte le nazioni. Vero ? A proposito di pernacchio pirituale…… Lo dica agli autori di quel sito che smentire perfino il papa non pone bene per loro.

    • Claudio2 scrive:

      Sui molti le rispondono proprio nell’articolo qui (grazie per il link senza ironia). Diamo la parola a BXVI, che di tutto parla tranne di quello che intende lei:
      “Allora, però, domandiamo: perché Gesù ha detto così? La ragione vera consiste nel fatto che Gesù in tal modo si è fatto riconoscere come il servo di Dio di Isaia 53, che egli si è rivelato come la figura annunciata dalla profezia. Il timore reverenziale della Chiesa davanti alla parola di Dio, la fedeltà di Gesù alle parole della “Scrittura”: è questa doppia fedeltà il motivo concreto della formulazione “per molti”. In questa catena di riverente fedeltà, noi ci inseriamo con la traduzione letterale delle parole della Scrittura.
      Come prima abbiamo visto che il “per voi” della tradizione paolino-lucana non restringe ma rende concreto, così ora possiamo riconoscere che la dialettica tra “molti” e “tanti” ha una sua importanza. “Tutti” si muove sul piano ontologico: l’essere e l’agire di Gesù comprende l’intera umanità, il passato, il presente e il futuro. Ma di fatto, storicamente, nella comunità concreta di coloro che celebrano l’eucaristia egli giunge solo a “molti”. Si può quindi riconoscere un triplice significato dell’attribuzione di “molti” e “tutti”.

      Ma poi BXVI aggiunge:
      ” La forma in cui il Signore raggiunge gli altri – “tutti” – a modo suo, in fondo rimane un suo mistero”

      Un mistero, ma Gesu’ e morto per tutti e la salvezza e’ offerta a tutti, anche a chi (senza colpa) non lo conosce , come dice il passo evangelico che le ho citato.
      quindi; i TdG mi dicono che olo un’esigua minoranza si convertirà e sarà salvata (guarda caso, solo i TdG); Gesu’ ci dice che anche chi non lo conosce, ma agisce facendo la sua volonta’ (visitando i carcerati etc) sara’ salvato.Il carcerato, l’ignudo, l’assetato etc sono anzi il Cristo stesso, e Francesco, in coerenza ha detto che
      le nostre missioni hanno questo scopo: individuare i bisogni materiali e immateriali delle persone e cercare di soddisfarli come possiamo.”
      Lei perche’ liquida questa affermazione come ‘OnG per morti di fame?

    • anastasia scrive:

      Qualche buona lettura può annichilire le idiozie geoviste!

      http://www.gris-imola.it/sette_cristiane/TdG_Bibbia_pg_1.php

  44. Reginaldus scrive:

    cancellato tutto quello che non è conforme: grazie Dott. Tornielli, un bel ripetto della libertà di espressione! Ma quando si ha paura di essa significa che le proprie ragioni fanno davvero acqua: e con la censura si perde anche l’onore!

  45. Reginaldus scrive:

    “Revelabitur ille iniquus! (2Tess.)

    Uno scrittore di prim’ordine, Donoso Cortès-1809/1853 – , ha avuto come una intuizione dell’impero nefasto dell’ ‘homo iniquus’, nei progetti attuali della DEMAGOGIA:

    “…da qui, queste aspirazioni immense alla DOMINAZIONE UNIVERSALE tramite la futura DEMAGOGIA, che si estenderà su tutti i continenti e fino alle estreme regioni della terra; da qui, questi progetti caratterizzati da una follia incontenibile, che pretende mischiare e confondere tutte le famiglie, tutte le classi, tutti i popoli, tutte le razze degli uomini, per pestarle insieme nel gran mortaio della rivoluzione, affinché da questo oscuro caos grondante sangue, sorga un giorno il DIO UNICO vincitore di tutto ciò che è diverso; il DIO UNIVERSALE, vincitore di tutto ciò che è particolare…” adorato nel tempio dei moderni pacificatori e rigeneratori dell’ umanità ….

  46. macv scrive:

    Vi racconto la mia esperienza. Come medico vado spesso “volontario” in Africa , in qualche missione in qualche orfanotrofio. Trovo l’esperienza molto bella e dico sinceramente che sono IO che ricevo di più di quanto do’ agli altri. perciò non mi considero un “benefattare” ma un benificato.
    detto questo vi dirò che entrare , per esempio , nel Senegali. una persona deve chiedere il visto on-line e pagarlo 50 euro, deve poi recarsi DI PERSONA a farsi prendere le impronte digitali in un Consolato o Ambascita del Senegal in Italia. Deve poi firmare una carta in cui dichiarea che se anche qualcuno gli offrisse un lavoro in Senegal non accetterà.
    Benissimo, sono regole dure , ma si può capirle. Sulle regole il Senegal ci batte.
    Noi italiani non solo siamo una nazione di serie C o D o Z , ma siamo talente allergici alle regole che anche il buon senso ci viene a mancare: io non dico che per venire in Itali ci voglia il visto ( 50 euro) o le impronte digitali o firmare la carta che non si accetteràà alcun lavoro, non non dico questo, ma almeno i “documenti2 mi sembra il minimo.
    Si vuole abrogare il reato di clandestinità. bemnissimo, ma se abrogarto è per legge il reato non si abroga la realtà. La realtà sono le presone che arrivano senza passaporto, senza, documenti, e senza che si possa sapere nulla di loro.
    Capisco che inItalia le “regole” non contino nulla. Ma prendiamo esempio dal Senegal!
    Il Senegal ci batte quanto a rispetto delle regole, senso dello Stato, ordine, disciplina.

    • J scrive:

      @ macv
      “Il Senegal ci batte quanto a rispetto delle regole, senso dello Stato, ordine, disciplina.”

      Troppo difficile da spiegare. Specialmente a coloro che di malaffare sono pratici e da quell’orecchio non ci vogliono sentire. Anzi più stanno in alto più sono “ammanicati sordi.”
      “Vaticano, emessa nuova legge su trasparenza e vigilanza finanziaria”
      “La Santa Sede prosegue il suo cammino verso la trasparenza finanziaria… e mentre procedono speditamente i lavori delle due commissioni nominate da Papa Francesco..il Vaticano ha emanato una nuova legge sulla trasparenza, la vigilanza e l’informazione finanziaria. Il nuovo provvedimento normativo consolida la disciplina esistente in materia di misure di prevenzione e contrasto del riciclaggio e finanziamento del terrorismo
      h**p://www.ilfattoquotidiano.it/2013/10/10/vaticano-emessa-nuova-legge-su-trasparenza-e-vigilanza-finanziaria/738869/

      Come dire fino a ieri era prassi “favorire il riciclaggio e finanziare il terrorismo” lo sapevano tutti ma andava bene lo stesso da oggi per piacere non fatelo più che andiamo all’inferno perché ci scoprono.

      E lei si preoccupa del rispetto delle regole, il senso dello stato, ordine e disciplina ? Ma no…. Suvvia. Quelli parlano francese. Questo è il paese che prima o poi arriva, quando è costretto da altri a divenire virtuoso ! Non sia così pretenzioso da volere tutto e subito. Ogni cosa a suo tempo. Se c’è arrivato il Senegal ci arriveremo anche noi. Prima o poi. Meglio poi….

    • Cherubino scrive:

      lei “medico volontario” ? Non sembra affatto.

  47. macv scrive:

    Che poi il cattocomunismo ci abbia abituato alla mentalità “volemose tutti bene” è solo
    una conseguenza non è la causa: la conseguenza di una mentalità ben radiata in Italia per
    cui “svaccare” , infischiarsene delle regole è furbo, è giusto. Prima viene la mentalità italiana dell’assoluta mancanza di senso civico, dell’assoluta emotività e soggettività di ogno cosa, per cui la legge NON è uguale per tutti, m è dura per quelli che ci stanno atipatici mentre è molto lassa per chi ci fa pietà, prima viene , dico , tale mentalità, e poi si spiega la fortuna della democristianeria in Italia, del cattocomunismo.
    Noi italiani vivremo e morireremo democristiani, ipocriti, buonisti.
    Meglio emigare in Senegal!!!!

  48. macv scrive:

    Capisco chi si indigna per le parole di Luttwack come Tornielli e Simone de Cyrene.
    luttwark non è un democristiano ne’ un cattocomunista. E’ un Wasp come l’ha definito Simone.
    Cioè un discendente dei puritani, dei protestanti.
    per la mentalità cattolica niente è peggio dei wasp, che credono nell’iniziativa individuale, nella RESPONSABILITA individuale, nel duro lavoro, nella meritocrazia ecc.
    perchè l mentalità democristiana invece crede solo nell’assistenzialismo, nel buonismo, nel siamo tutti eguali e chi eccelle deve vergognarsi, nel chi se ne frega se lavori o no tanto lo Stato e madre Chiesa penseranno comunque a te!
    per Tonielli e Simone anzi chi eccelle, chi col duro lavoro è arrivato in alto, dovrebbe vergognarsi 1 E Luttwark dovrebbe vergognarsi!
    Tutti noi dovremmo vergognarci secondo questa mentalità: non gli stati dell’Eritrea e della Somalia da cui arrivano i profughi, non gli cafisti, no , gli italiani che lavorano e sono onesti e pagano le tasse dovrebbero vergognarsi! perchè? Non si sa .
    IO NON MI VERGOGNO! si vergognino pure i cattocomunisti da strapazzo che alla loro vergogna non aggiungono MAI , dicasi MAI, azioni conseguenti…

    • Annarita scrive:

      Attenzione tra poco arriverà qualcuno che le darà del fascista, nazista e naturalmente razista. Come diceva Giovannino Guarreschi i cervelli ormai sono all’ammasso.

    • Andre scrive:

      Cosa c’entra questo con l’accoglienza di immigrati che fuggono, comprese donna incinte che partoriscono su un barcone prima di morire annegate (e puoi muore anche il bambino)?
      Gli vuole chiedere il documento?

      • J scrive:

        @ Andre
        “Gli vuole chiedere il documento?”

        E’ la legge caro Andre, perchè, a lei glielo possono chiedere e a quelli no ? Sempre le solite preferenze per gli amici degli amici. La cultura dell’illegalità ?

        • Andre scrive:

          Stiamo parlando di gente stremata che sta morendo e mette piede sul suolo italiano e fugge da persecuzioni e dalla fame e voi gli volete chiedere per prima cosa il documento?
          Ma vi rendete conto???
          Sapete cosa é il diritto d’asilo?se volete vi faccio una lezione.
          sapete cos’é la carità cristiana?se volete vi faccio una lezione anche su quella, tratta dal Magistero, perché se cito il vangelo poi passo per protestante.

          • macv scrive:

            le sue lezioni sul diritto d’asilo e sulla carità cristiana Andre sarebbe meglio le andasse vada a farle sulle rive della Libia, dove ci sono i punti di raccolta dei disgraziati che da tutta l’Africa sub.sahariana tentano di espatriare in Europa. E’ inutile che le lezioni di carità cristiana le tenga agli italiani cristiani . vada a tenerle ai mercanti di carne umana, agli scafisti, ai fondamentalisti musulmani .
            Il business della tratta dei disgraziati è enroeme: si tratta di MILIONI di persone. Le sue lezioni di carità cristiana vada a farla a TUTTi i paesi in guerra nel mondo di cui, secondo lei, l’italia dovrebbe assorbire tutti i profughi. Tutti i profughi di ogni guerra nel mondo dovrebbero venire in italia per carità cristiana , e naturalmente gli italiani dovrebbero VERGOGNARSi e sentisi in colpa per ogni guerra in ogni luogo del pianeta e per ogni profugo.

        • anastasia scrive:

          Il J-Sal. da buon tdg annuncia disastri ma non smuove un dito per far del bene. Come i Tdg del mondo intero. Intenti a fare soldi Fregandosene di chi soffre! Se riflettesse un poco, non direbbe tante idiozie.

          http://www.roccopoliti.it/?p=2632

      • Annarita scrive:

        Non è colpa degli italaini se ci sono scafisti che si fanno pagare fior di quatrini e lasciano morire la gente in mare. Le leggi ci devono essere, o siccome muoio delle persone in mare l’Italia deve far entrare tutti senza chiedere i documenti? Ogni nazione ha delle leggi e le fa rispettare, noi non dobbiamo averle, magari facciamo pure entrare tranquillamente i terroristi, visto che non dobbiamo controllare, ma solo accogliere. lei farebbe entrare chiunque a casa sua?

    • Cherubino scrive:

      Ecco la solita accozzaglia di luoghi comuni infarciti di xenofobia e pregiudizio etnico-culturale.
      Che i protestanti puritani credessero nel lavoro duro ecc. ecc. è il solito mito, sfatato da mille evidenza storiche. Basta vedere come hanno trattato gli indiani d’America e come si sono impossessati delle loro terre con “trattati di pace” che erano delle vere e proprie truffe. Sono documenti storici e non favolette come quelle raccontate sopra.
      Che poi la mentalità cattolica sia opportunista e assistenzialista è un altro mito negativo che divulgando in modo ottuso il famoso studio di Max Weber sull’etica protestante e lo spirito del capitalismo ne fa quasi un vangelo, una “metafisica” direbbe Popper, una ideologia direbbero i sociologi della Scuola di Francoforte.
      E con buona pace dei meriti indiscussi di Weber, quella ricerca è stata da molti decenni rivista e confutata. Suggerirei, per esempio, gli studi eccellenti sulla nascita delle corporazioni medievali cattoliche da parte di un eccellente economista come Zamagni. Per non parlare della nascita del credito e della ragioneria moderna, di cui la partita doppia -creata dal frate matematico italiano Luca Pacioli nel 1494- è uno strumento fondamentale.
      Quanto alla democrazia cristiana, ha avuto il suo volto oscuro, ma è innegabile che se l’Italia è diventato uno dei paesi del G8, partendo dalle macerie della seconda guerra mondiale, qualche merito lo si deve attribuire senza dubbio alla DC. Così come la Costituzione italiana, anche se probabilmente all’area politica di macv la Costituzione non piace poi tanto. Per loro meglio Vittorio Emanuele o il Duce, meglio non sentir parlare i “cattocomunisti” di diritti umani, politici, lavorativi, di uguaglianza di fronte alla legge che per loro è solo un’orribile zavorra…

      • macv scrive:

        caro Cherubino , lei è felice di essere democristiano e di morire democristiano.
        per favore però, abbia almeno la bontà di non far la predica agli altri!

        • Cherubino scrive:

          Meglio democristiano che nazifascista. Comunque non sono democristiano e mi colloco nell’area di stampo sturziano e rosminiano.

      • Annarita scrive:

        Accolga Cherubino tutti a casa sua, così invece di predicare agisce bene.

  49. Laura scrive:

    Notavo il papa dice Vergogna Napolitano ripete vergogna e Letta ripete vergogna La Repubblica anche il sindaco di Lampedusa pure Rai news 24 lo stesso e potrei continuare all’infinito a me sembrano dei pappagalli dittatura del pensiero unico dello sbrodolamento piu’ irritante

    • J scrive:

      @ Laura
      “sembrano dei pappagalli dittatura del pensiero unico dello sbrodolamento piu’ irritante”

      Ma noooo, quelli parlano della LORO vergogna. Alcuni per la pedofilia, altri perchè ce l’hanno ma non vogliono pagare (v. Polonia) altri perchè sostengono quelli che sono vergognosi e si vergnognano di farlo, ma convenienza vuole che fra amici non si mozzicano. Si reggono il gioco.

    • Cherubino scrive:

      e chiedersi se per caso ci sia veramente da vergognarsi ? Magari, se lo dicono in tanti e così diversi, forse ci potrebbe essere del vero …

      • macv scrive:

        E lei caro Cherubino si è mai VERGOGNATO VERAMENTE?

        • Cherubino scrive:

          certamente. Ma qui non si sta parlando di fatti personali, ma di errori collettivi di cui dovrebbero vergognarsi quelle forse politiche che li favoriscono.
          Non sono certo le mie preferite, nè quelle che voto. Sono le stesse che hanno depredato il sud dopo l’unità di Italia, poi ne hanno fatto una colonia: c’era il permesso di immigrazione anche dalle regioni meridionali a quelle settentrionali e i discorsi erano gli stessi. Visti contingentati e disprezzo a tonnellate. Esattamente gli stessi discorsi che fate verso gli extracomunitari.
          Naturalmente ci furono anche le stragi, paesi interi rasi al suolo, mentre giravano i luoghi comuni sui terroni sfaticati, sporchi e scemi.
          Dopo 150 anni fate lo stesso con gli stranieri.
          Peccato che la verità storica che cercate di soffocare -accusando addirittura il papa- è del tutto diversa. Economie floride e in crescita, ricche di potenzialità intellettuali, distrutte dalla colonizzazione e dal dispotismo di pochi su molti.
          La storia dell’Africa è una storia di dittatori molto comodi per noi occidentali in relazione allo sfruttamento di materie prime preziosissime, il cui ricavato sarebbe bastato a fare del continente la prima economia del mondo. Ma si sa, meglio convincere gli oppressi di essere anche colpevoli. Si uccide la speranza che è forza di cambiamento. E’ stato fatto con ogni “sud” del mondo.
          La vergogna in questi casi è terapeutica per gli oppressori, è liberatoria e sanificatrice.

      • Annarita scrive:

        Inizno dunque a vergognarsi prima loro, i grandi della terra, poi magari ci vergogniamo pure noi poveracci che facciamo fatica a tirar fine mese.

  50. macv scrive:

    Siamo all’assurdo: nessuno degli stati della Eritrea e della Somalia si è fatto vivo, nessuna Ambasciata o consolato italiano di questi Stati ha espresso la minima
    pietà per i propri connazionali morti a Lampedusa. silenzio totale.
    l’Europa, i tedeschi i francesi, non hanno neppure trasmesso la notizia di lampedusa nei loro telegiornali. L’Italia ha : recuperato i morti, tentato di salvare i vivi, proclamato il lutto nazionale, speso un sacco di energie e di soldi negli aiuti ecc.
    morale della storia . chi si deve vergognare ?
    Non l’Eritrea, Non la Somalia, non gli scafisti, non l’Europa, non L’ONu, ma solo ed unicamente l’Italia e gli italiani!!!

    • macv scrive:

      nessuno che ha detto Vergogna né napolitano né il papa ha detto chi si deve vergognare.
      dire Vergogna e basta è pura DEMAGOGIA.

      • macv scrive:

        oppure si devono vergognare i pensionati italiani che prendono meno di 500 euro il mese, che sono soli ed abbandonati da tutti ( a Milano il sindaco Pisapia ha persino AUMENTATO il biglietto dell’autobus per i vecchietti sopra i 65 anni!!!!) e sulle cui tristi sorti non c’è neppure una Kyenge o una Boldrini che piangono ( perchè ovviamente costoro piangono solo dove ci sono telecamere, senza telecamere tornano subito a ciglio asciutto)?

        • Cherubino scrive:

          cosa c’entra ? è scellerato aizzare i poveri contro i poveri. E’ chiarissimo quale spirito di divisione e di odio vi muove.

          • macv scrive:

            caro Cherubino se è scellerato aizzare i poveri contro i poveri è altrettanto scellerato IGNORARE alcuni poveri, e fregarsene di loro, a vantaggio di altri poveri che possono portare più fama ( chissà come mai questi benefattori lo sono sempre con tanta pubblicità e grancassa mediatica)
            Il vecchio detto non sappia la destra cosa fa la sinistra , quello del fare del bene in silenzio e nell’anonimato, evidentamente per i nuovi “benefattori” mediatici non vale più.

          • Iva scrive:

            altrochè se c’entra !
            è una questione di EQUITA’ prudenza e buonsenso;
            solo un cieco volontario non lo capirebbe: è come se un padre di famiglia cacciasse via i propri figli in strada per far entrare in casa, e fornir loro il possibile e l’impossibile, tutti INDISCRIMINATAMENTE i passanti della strada o sopraggiunti ad ogni ora, che spingono la porta per entrare, avendo sentito dire che le case private dovranno “per legge” essere aperte a tutti ; questa è una similitudine che vuol rendere l’idea, quando vediamo un territorio che subisce un ‘invasione di massa;
            si obietterà: “ma siamo tutti esseri umani, ci vuol solidarietà ecc.”, ciò diventa la bella scusa per mandar in miseria i propri figli ? è giusto questo ?
            avete sentito gli abitanti di Lampedusa? dicono”ce ne andiamo e lasciamo l’isola in mano a loro, però ci risarciscano”!”
            e tra non molto saranno le nazioni intere ad essere invase, come Lampedusa, per UN OBBLIGO, deciso da chi ? di mettersi tutti in ginocchio davanti agli invasori chiunque siano, pronte a perdere la loro IDENTITA’.
            Su questo prossimo sbocco epocale di suicidio delle identità nazionali c’è un preciso disegno che risale ad alcuni decenni orsono…..e toglierà il sonno a molti, temo, ora che si andrà chiaramente delineando.
            Non tutti hanno l’inclinazione al cupio dissolvi, (a dire allo straniero, dopo averlo sfamato e alloggiato come dovere cristiano e umano, aggiungere: “passate pure sopra il mio corpo, depredate tutta la mia casa e la mia civiltà, distruggete come vi pare e sedetevi sulle nostre rovine,….se ciò vi aggrada, voi siate pure i nostri padroni, appropriatevi di tutto, senza complimenti, tutto è vostro, non ci appartiene più nulla, siamo POPOLI e nazioni pronti a scomparire dalla faccia della terra…” ); non tutti sono pronti ad inginocchiarsi in tal modo, ma stiamo andando in quella direzione (andate a vedere che cosa succede in Inghilterra) se non mettiamo dei “paletti” alle invasioni, andando a curare il male alla radice, cioè nei paesi d’origine dei profughi, come sottolinea mons. Negri insieme ad altre persone di buonsenso.
            Siamo avviati al suicidio delle nazioni d’Europa, “assistito” col consenso dell’UE.

          • Cherubino scrive:

            tutte scuse: in Francia, in Germania, negli USA, ci sono molti più immigrati che da noi, ma non ci sono le scene apocalittiche che inventate.
            Gli imprenditori italiani hanno bisogno di manodopera che spesso viene offerta solo da questa gente, ma voi avete il coraggio spudorato di negarlo.
            La verità è che siete bugiardi.

        • Iva scrive:

          tutte scuse: in Francia, in Germania, negli USA, ci sono molti più immigrati che da noi, ma non ci sono le scene apocalittiche che inventate.

          questa obiezione, che non condivido, è interessante per sviluppare il tema del misconosciuto progetto di genocidio culturale dei popoli europei, ordito dai poteri forti, con la suadente insegna UE. Il blogger non si rende conto che l’immigrazione di italiani europei nei paesi citati era di tutt’altra natura e condizioni sociali e storiche, e non si svolgeva come un’ INVASIONE selvaggia come quelle che subiamo ora, ben programmata e gestita da regie perverse, ormai sempre più smascherate.

          • Cherubino scrive:

            per caso ha fumato qualcosa di pesante ?

          • Annarita scrive:

            Cherubino lo ripeto accolga gli immigrati a casa sua e gli dia lei del lavoro. Non faccia il buono sulla pelle degli altri, faccia lei la prima mossa, accolga, accolga..

  51. macv scrive:

    ovviamente Repubblica ha già iniziato la raccolta di firme .. si firma per che cosa ???’ Boh , non importa si firma e basta , contro ….!
    comunque hanno già aderito i soliti Baudo, Ammanniti, ecc.
    tutti convinti che colle firme dei VIP si risolva l’immane tragedia dei disgraziati africani emigranti in Europa. ( un esodo biblico cvhe per i prossi anni è calcolato sui due – tre miliardi di esseri viventi)
    Suppongo che ai disperati africani subsahariani torturati e trattati da schiavi nei campi libici se non prima morti nella traversata del Sahara , per arrivare al mediterraneo e lì pagare 550 dollari per venire in Italia, suppongo che a queste infelici e disgraziate persone faccia molto piacere sapere che PIPPO BAUDO, milionario italiano, ha firmato a loro favore l’aèppello di Repubblica . si suppone che il suddetto Pippo Baudo una volta i i poveri africani arrivati in Italia darà loro qualche stanza della sua villa di 23 stanze nonché troverà loro un lavoro…
    si spera .. perché se no il giorno che i suddetti afriocani , in Italia senaz lavoro, senza casa, senza prospettive, insomma presi per il culo, prenderanno il machete e faranno fuori tutti VIP firmatari di Repubblica avranno tutta la mia comprensione…

    • J scrive:

      Di questo spinosissimo problema ci sono anche aspetti di cui nessuno parla.

      Per es.
      “Alle famiglie di immigrati sostegno da 2,8 milioni”
      h**p://www.ladige.it/articoli/2013/01/17/famiglie-immigrati-sostegno-28-milioni

      “SCANDALO A TRENTO: AGLI IMMIGRATI 2.000 EURO AL MESE, ALLOGGIO, BUS GRATUITO E BUONI PASTO “
      h**p://www.frontediliberazionedaibanchieri.it/article-scandalo-a-trento-agli-immigrati-2-000-euro-al-mese-alloggio-bus-gratuito-e-buoni-pasto-117855818.html

      “Senza aver mai versato contributi incassano 7.156 euro l’anno Gli extracomunitari con carta di soggiorno fanno arrivare in città i genitori over 65 che all?Inps chiedono il “vitalizio”. Tredici mensilità da 550,5 euro, mentre un modenese non ne incassa più di 500 pur avendo versato contributi per anni.”
      h**p://www.movimentolibertario.com/2011/07/miracoli-del-welfare-pensioni-boom-immigrati-stranieri/

      “Immigrati ricevono quasi 2 milioni di assegni non dovuti “
      h**p://www.galatina.it/immigrati-ricevono-quasi-2-milioni-di-assegni-non-dovuti
      Non sorprende dunque che molti sono disposti a mettere a rischio anche la vita per arrivare clandestini. Hanno abbastanza miele per il quale rischiare, e se va bene hanno assistenza medica gratuita, pensione e rimborsi per il tempo di sosta nei Centri Servizi per l’immigrazione. E più tempo stanno più soldi prendono.

      “Immigrati con la pensione sociale senza aver mai versato un contributo”
      h**p://ilportaborse.com/immigrati-con-la-pensione-sociale-senza-aver-mai-versato-un-contributo/

      Inoltre,
      “Le carrette del mare usate dai clandestini vengono abbandonate in mare, con gravi danni non solo per l’ambiente e il turismo Una media di un anno, e 40 mila euro a “pezzo”, per rimuovere i barconi”
      h**p://www.ilgiornaleditalia.org/news/cronaca/848861/Non-solo-Concordia–ecco-quanto.html

      “Quanto ci costano i clandestini: un miliardo e seicento milioni”
      h**p://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1244279/Quanto-ci-costano-i-clandestini—un-miliardo-e-seicento-milioni.html

      E’ chiaro quindi che sono molti gli avvoltoi che si sono infilati nel business, invogliandoli a venire, prendendosi cura di loro, allestendo centri per ospitarli e rifocillarli. Hanno più soldi di quanto prenderebbe un pensionato italiano al minimo. Ma certo ! fanno tutto per pura e semplice carità. Magari poi ci escono anche i seminaristi gay.
      h**p://italianspot.wordpress.com/2010/03/03/angelo-balducci-incontri-gay-a-pagamento-coi-seminaristi-del-vaticano/

      Non c’è proprio limite alla vergogna.

      • Cherubino scrive:

        infatti, è proprio una vergogna la campagna denigratoria che fate. Ma ormai è ormai noto il sistema della macchina del fango che certa destra mette in moto contro tutto ciò che la intralcia.

      • Iva scrive:

        ….se n’andò, col cuore in tempesta, ripetendo sempre quelle strane parole: – a questo mondo c’è giustizia, finalmente!
        Tant’è vero che un uomo sopraffatto dal dolore non sa piú quel che si dica.

        (I Promessi sposi, cap. 3)

        • macv scrive:

          Cara Iva non preoccuparti , il senso di giustizia del popolo comune non lo possono estirpare ne’ gli intellettuali, ne’
          gli scervellati buonisti .
          Il popolo sa ed è conscio di cosa sia giustizia.
          Il fatto che in Francia il partito di Martine Le Pen abbia superato nei sondaggi i socialisti la dice lunga.
          Nonostante il battage mediatico, nonostate i media tuuti asserviti a una solo parte, nonostante il lavaggio del cervello che TUTTi ci fanno ( anche in questo blog) il semplice e sincero popolo di Francia che pensa colla sua testa e non si fa influenzare ( ma nel futuro anche di Italia) non crede e non vuole la vita che LORSIGNORI ci vogliono spacciare per migliore: il matrimonio gay, il NUOVO ORDINE MONDIALE, i diritti, le tasse, l’uniformità, la perdità dell’identità nazionale, l’accoflienza indiscriminata degli stranieri ecc.
          Il semplice, magari poco colto popolo non ha perso l’istinto della sopravvivenza. non vuole essere spianato e ridotto come un robot a ripetere a pappagallo le massime del politically correct.
          a tutti quelli che cantavano già vittoria ( come anche i cattolici modernisti) dico non dire gatto se non l’hai nel sacco.
          sono sicuro che la vecchia , buona, santa e popolare Europa avrà la meglio sugli euroburocrati e sui
          modernisti.

        • macv scrive:

          Cara Iva a questo mondo non c’è giustizia, sicuramente, a breve tempo .
          ma è sui lunghi periodi, sui millenni, o ancora più che il disegno della Provvidenza divina si vede .
          per questo ci vuole la fede. Chi vede subito la giustizia non ha bisogno di fede.
          ne ha bisogno Giobbe, che non solo non vede subito la giustizia divina , ma ne vede l’INGIUSTIZIA.
          A breve tempo Dio sembra sempre ingiusto.

      • anastasia scrive:

        Escono invece dalle Sale del regno satanico i perversi! vedere per credere!

        http://www.roccopoliti.it/?p=2174

  52. Iva scrive:

    intanto…..guai a chi osa fare obiezioni e critiche al papa:

    Dopo l’articolo sul Papa, Gnocchi e Palmaro esautorati da Radio Maria
    http://www.riscossacristiana.it/dopo-larticolo-sul-papa-gnocchi-palmaro-esautorati-da-radio-maria/

    la dittatura del pensiero unico si afferma con forza. Ma molti credono di essere liberi, solo perchè “il guanto è di velluto”, con larghi e persistenti sorrisi di “misericordia” erga omnes…..
    Leggendo la notizia qualcuno -forse- si farà un’idea più chiara di che cosa sia la presunta “libertà d’espressione” che vige su certi siti o giornali o media già asserviti al regime del relativismo: quello tollerante a parole, proprio come il sig. Voltaire che predicava “ecrasez l’infame”, e si farà un’idea più chiara di quale sia lo “spirito” che ispira ed anima la famosa radio (“mariana” davvero nei suoi esiti pratici di rispetto della Verità, quanto il pifferaio magico di Hamelin), che a detta di alcuni ascoltatori sta deragliando dalla dottrina cattolica in modo inusitato…..
    e ci si farà un’idea di quanto si autenticamente “celeste” la gospa che presiede (?) pure alle illuminazioni fosforescenti di certe sue statue, -una di Lourdes in casa di vicka, grande neo-attrazione da luna-park-, davanti a cui tanti poveri gonzi ora gridano “miracolo!”, (mentre viso e mani restano scure, dando alla figura “sembianze di strega”, così ha detto un fan medjugoriano disilluso e spaventato dal fenomeno….); che sia scherzo goliardico (vernice fosforescente) o scherzo del demonio, la sostanza non cambia: i gonzi vanno in ricerca avida di sensazionalismo, rigettando la vera Fede e retta Dottrina. (v. S. Paolo: “per il prurito di udire qualcosa…” 2Tim4)

    come avvisava 40 anni fa suor Lucia, la grande deriva prosegue:
    Pecore accecate condotte da pastori ciechi, verso abissi di illusione apostatica, demolitrice della Fede e della ragione.

    • Cherubino scrive:

      Finalmente, era ora.

    • Iva scrive:

      gli autori “gentilmente estromessi” dalla nota radio, ne danno comunicazione personale al seg. blog:

      http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2013/10/dopo-larticolo-sul-papa-gnocchi-e.html

      utile leggere i commenti per misurare il comune “sensus fidelium” circa libertà e verità, ma soprattutto, leggendo quei blogger che dicono “bisogna adeguarsi alla LINEA scelta e IMPOSTA dai direttori” (= o ti adegui o te ne vai!) per vedere quale sia OGGI il concetto di “Chiesa” nella comune accezione diffusa nell’orbe cattolico, e quanto esso sia profondamente mutato nel corso di mezzo secolo.

      Oggi,: 51 anni dall’11 ottobre 1962, giorno di apertura del mitico cv2, vediamo quanto le sue applicazioni concrete (prassi pastorali innovative e “aggiornate” alla modernità) hanno mutato -anno dopo anno, a colpi di fatti compiuti, rivoluzione in progress- il volto della Chiesa e il senso primo e ultimo della sua missione, alterando la sua identità.

      • giovannino scrive:

        La censura difficilmente è una buona cosa , ma il grido “libertà” in bocca agli pseudotradizionalisti suona stonato e di molto.A parte il fatto che l’ intervento non è stato molto duro che non è riconducibile formalmente alla Curia romana , tantomeno al Papa , Vi chiedo : non siete voi i nostalgici del Santo Uffizio e dell ‘ Inquisizione e di altre belle “tradizioni” risalenti al periodo più buio della chiesa cattolico-romana ? mi piacerebbe cosa ne pensate di come venivano trattati i pastori ugonotti in Francia nel XVI secolo , cioè incarcerati, segregati in perenne isolamente e , se pregavano ad alta voce gli veniva applicata una museruola. Se chiedete scusa per questo ( GPII lo ha già fatto ) , potrei anche esprimere una certa solidarietà.

        • cuba_libre scrive:

          E due! Oggi siamo proprio in sintonia Giovannino!

          Posso darle un consiglio sottovoce? :-) perche’ a codesti signori tradizionalisti e vetero tali non chiede della famosa strage della notte di S. Bartolomeo del 1572, quando il cattolicissimo Carlo IX figlio di quella baldracca di Caterina de’ Medici fece sterminare a Parigi gli Ugonotti in un numero oscillante fra i 10.000 e i 30.000 in una sola notte?
          la risaluto

          • domenico scrive:

            come chiedere agli Anglicani di scusarsi dei massacri fatti da Cromwell per ordine di Enrico VIII in Irlanda…
            O chiedere ai francesi repubblicani e di sinistra di scusarsi dei 200mila morti vandeani…
            Adesso da bravo comincia come fate di solito a dire che sono cose diverse…

        • domenico scrive:

          i pastori ugonotti in Francia venivano trattati esattamente come venivano trattati i preti cattolici in Inghilterra, Province Unite, Ginevra…
          Con la differenza che la Francia cattolica è stato l’UNICO grande paese europeo con l’editto di Nantes a garantire libertà per i protestanti ovvero per la religione minoritaria che non era quella del regnante in contrasto quindi con quello che avveniva in tutti gli altri paesi dove veniva applicato fermanete il principio del cuius regio eius religio.

          • cuba_libre scrive:

            No, non dico che sono cose diverse, dico solo che lei approccia i problemi in maniera poco intelligente. Non e’ la prima volta infatti che quando si pongono sul tappeto delle precise responsabilità di quello che e’ stato il cattolicesimo, lei si nasconde dietro le malefatte degli altri. Della serie: io saro’ anche ladro, ma tu sei piu’ ladro di me! No, caro, il fatto che uno sia piu’ ladro di me, questo non mi rende meno ladro e non mi assolve dalle mie responsabilità.
            In quanto ai francesi repubblicani e “di sinistra”, la informo che la Rivoluzione Francese fu una rivoluzione borghese per tutto il corso ella sua durata e non una rivoluzione socialista.

          • cuba_libre scrive:

            Allora in quall’occasione vi fu un suicidio collettivo!
            vede Domenico, fin quando lei si incaponirà ad attaccare per difendersi (in perfetto stile forzitaliota) ben difficilmente si potrà avere un’approccio costruttivo volto a capire gli eventi storici. Cosa vogliono dire questi due interventi? sarebbe come dire: io sono ladro, ma tu sei piu’ ladro di me. Eh, no, non siamo all’asilo infantile: se io sono ladro, il sapere che tu sia piu’ ladro di me, non mi rende meno ladro, ne’ tantomeno mi assolve dalle mie responsabilità!
            In quanto ai francesi repubblicani e “di sinistra”, la informo che la Rivoluzione francese fu una rivoluzione borghese, non socialista, e tale rimase fino al suo esaurimento, ovvero fino all’avvento di Napoleone.

          • cuba_libre scrive:

            Due volte ho cercato di rispondere e altrettante vole non compare il mio messaggio. Boh, altri misteri…

        • timorato scrive:

          X GIOVANNINO

          la Chiesa non ha avuto “periodo buio” come vanno propagandano i prelati massoni per demonizzare la Chiesa Santa di Dio , perché in tutto quello che Essa ha fatto si è sempre ispirata alla Parola di Dio! anche quando ha fatto l’Inquisizione e il Sant’Uffizio!!!

          Se poi c’è stata gente incoerente o anche pazza che dietro il nome cattolico ha commesso delitti, questo è da imputare alla loro personale RESPONSABILITA’ che non da meno di quelli dei vostri amici democristiani e comunisti che hanno fatto di peggio dietro le quinte e non solo!!!!!!!!

          GPII ha sbagliato nel chiedere scusa perché è stato l’unico nella storia a farlo!

          GPII ha sbagliato nel chiedere scusa perché ha fatto il gioco dei più spietati nemici della Chiesa e di Cristo, i quali pretendono come credibili quelle leggende nere che loro stessi hanno costruito a danno della Gloria della Chiesa e non credono alla VERITA STORICA di Cristo quale Messia!!!!!!

          GPII ha sbagliato nel chiedere scusa, perché si è fidato di una storia, che può risultare anche falsa, se si considera che tanti storici hanno sempre manipolato i libri di storia e li hanno manipolato solo per demonizzare la Chiesa, la Cristianita!!!!!

          Giovanni Paolo II anche per questo, come si vede, non era ispirato da Dio nella sua (molto presunta ) santità;
          perché non si è visto mai un “santo” cosi privo di prudenza e cosi “ideologico”!!!!!

          • domenico scrive:

            tieni però conto di una cosa.
            Io ho letto tanti libri di storici protestanti e luterani recenti e nessuno di loro ripete le sciocchezze da leggenda nera sull’Inquisizione o il Sant’Uffizio o come sopra sulla Strage di San Bartolomeo. Per fortuna la storiografia seria è andata avanti: sono gli anticattolici viscerali che sono fermi alla storiografia di fine ottocento.

          • cuba_libre scrive:

            “la Chiesa non ha avuto “periodo buio” come vanno propagandano i prelati massoni per demonizzare la Chiesa Santa di Dio , perché in tutto quello che Essa ha fatto si è sempre ispirata alla Parola di Dio! anche quando ha fatto l’Inquisizione e il Sant’Uffizio!!!”

            Se così fosse (il “se” e’ fondamentale) questo da solo sarebbe un motivo piu’ che sufficiente per essere atei! Puo’ provare cio’ che dice? Mi pare una bizzarria un Torquemada ispirato da Dio!

            “Se poi c’è stata gente incoerente o anche pazza che dietro il nome cattolico ha commesso delitti, questo è da imputare alla loro personale RESPONSABILITA’ che non da meno di quelli dei vostri amici democristiani e comunisti che hanno fatto di peggio dietro le quinte e non solo!!!!!!!!”

            Qual e’ la linea di demarcazione fra il lecito e l’abuso nelle azioni che hanno contraddistinto la Santa Inquisizione?

            “GPII ha sbagliato nel chiedere scusa perché è stato l’unico nella storia a farlo!”

            E questo cosa prova? Ci doveva essere una prima volta.

            “GPII ha sbagliato nel chiedere scusa perché ha fatto il gioco dei più spietati nemici della Chiesa e di Cristo, i quali pretendono come credibili quelle leggende nere che loro stessi hanno costruito a danno della Gloria della Chiesa e non credono alla VERITA STORICA di Cristo quale Messia!!!!!! ”

            Fra la verità storica di Cristo e i fatti storici ben precisi che lei etichetta come leggende nere, vi e’ la stessa differenza che c’e’ fra l’olio combustibile ed il kerosene: entrambi sono prodotti petroliferi, ma hanno finalità del tutto diverse.

            “GPII ha sbagliato nel chiedere scusa, perché si è fidato di una storia, che può risultare anche falsa, se si considera che tanti storici hanno sempre manipolato i libri di storia e li hanno manipolato solo per demonizzare la Chiesa, la Cristianita!!!!!”

            Anche qui aspetto cortesemente che mi si fornisca una prova. Per quel che ne so, l’unica immensa falsificazione che conosca e’ la famosa falsa donazione di Costantino.

            “Giovanni Paolo II anche per questo, come si vede, non era ispirato da Dio nella sua (molto presunta ) santità;
            perché non si è visto mai un “santo” cosi privo di prudenza e cosi “ideologico”!!!!!”

            Insomma il povero Wojtyla in 27 anni di pontificato non ne ha azzeccata una…!

          • timorato scrive:

            X CUBA LIBRE

            ———————————————————
            Se così fosse (il “se” e’ fondamentale) questo da solo sarebbe un motivo piu’ che sufficiente per essere atei! Puo’ provare cio’ che dice? Mi pare una bizzarria un Torquemada ispirato da Dio!

            ———————————————————
            la prova giunge dalla Testimonianza della Sacra Scrittura, è scritto nella Bibbia nel Deuteronomio di bruciare le streghe gli eretici etc. ad esempio! ; certo si può parlare con critica oggi di questi fatti ,grazie anche a certi veri approfondimenti teologici, ma non per questo si deve dipingere la Chiesa come un entita fatta di mostri sanguinari e tiranni, per le suddette ragioni, come fa lei !

            Riguardo agli atei che divengono tali perché scoprono un Dio non sdolcinato e non a senso unico come la loro cattiva formazione dottrinale gli aveva dipinto, beh…. direi che il problema è tutto loro!, che da atei si trasformano in struzzi e, folli struzzi, che nascondono la testa sotto la sabbia della loro follia!!!! Se Dio esiste ed è come lo rivela la Scrittura -E LO RIVELA ANCHE COSI, MI CREDA OLTRE POI A RIVELARLO ANCHE COSI, LA STESSA VITA AL NATURALE E AL SOPRANNATURALE- quale intelligenza mostrano gli atei a mettersi contro tanto “”"debole” Entita(=Mistero) ?

            PS
            non è un caso che l’ateismo sia potuto nascere in Occidente dove i risvolti del famoso Complotto massonico contro la Chiesa hanno potuto produrre tali aberrazioni razionali, prima che dogmatiche.

          • cuba_libre scrive:

            Domenico

            Ah sono sciocchezze? Quindi non e’ mai avvenuta, sta volendo dire questo? C’e’ stato quindi un suicidio di massa!

      • domenico scrive:

        Radio Maria è stata coerente.
        Ha estromesso autori che hanno criticato Bergoglio ma avrebbe altrettanto estromesso in passato autori che avessero criticato Ratzinger.
        L’incoerenza è negli altri.
        Chi avrebbe gridato allo scandalo se RM avesse estromesso un critico di Ratzinger oggi non vede nulla di male nella cacciata dei due autori.
        Chi oggi grida allo scandalo non avrebbe detto nulla se fosse stato cacciato un critico di Ratzinger.

        • timorato scrive:

          x Domenico

          Radio Maria è stata coerente ?

          e con chi, con la Dittatura del pensiero unico ?

          o, con la dittatura del più forte perché ha sempre
          ragione ?

          Radio Maria non dimostra amore e servizio alla Vergine Santa, perché non si ispira alle Parole della Madonna di Fatima che ci mettono in guardia da un antipapa massone e per questo non collabora con quei servi di Maria Santissima che cercano di vedere la Verita in Papi dubbi come Francesco I cosi come hanno fatto i suddetti giornalisti che hanno tanti meriti per questo ed altro…….senza fini di lucro!!!!!!

          Questi eccellenti ed eroici giornalisti quali sono il Dott. Gnocchi e il dott. Palmaro che oltre alla bravura inerente alla loro professione, sono davvero eroici perché: non essendo allineati ideologicamente lavorano con molta difficolta in mezzo a gente capace di boicottare e rovinare solo perché non si fa loro adulatrice!!!!

    • Come Cherubino, penso che sia una cosa buona.
      Infatti non si può avere tale “filosofia” e dirsi cattolici e ancor meno fare uso dei vettori mediatici cattolici per la loro propaganda anti-cattolica.

      Ci sono, appunto, siti come ChiacchereEPettegolezziCalunniosi citato da Annarita, dove costoro possono esprimersi con chi assomiglia loro, nel lamento continuo e lo sguardo bieco perpetuo costantemente nella critica negativa alla ricerca di inventate pagliuzze.

      Ho molto rispetto degli altri credo religiosi come i lefebvriani o i TdG, ma mi irrita quando questi si fanno credere cattolici romani o cristiani per i secondi: ci sono limiti anche alla disonestà intellettuale!
      In Pace

      • Iva scrive:

        discorso perfettamente reversibile quello della disonestà intellettuale.
        se poi, secondo i criteri di giudizio attuali,
        riteniamo che OGNUNO segue la propria coscienza, e in ciò è sicuramente nel giusto, come afferma F. Bergoglio, CHI può essere accusato di CHE COSA ?

        NESSUNO.

        • Si vede che la Sua nozione di coscienza è quella degli ateisti: non quella dei cattolici….
          Questo è un esempio dell’assenza di formazione che ricevete nelle retrobotteghe della FSSPX.
          In Pace

          • timorato scrive:

            X SIMON DE CYRENE

            e la nozione di coscienza sua e del Papa quale è, quella dei naturalisti, tanto da non sottolineare che il primato della coscienza vale per una coscienza formata secondo la Legge ?

            Grazie a Dio la Formazione dottrinale che si da nella FSSPX è quella cattolica e quella TOTALMENTE CATTOLICA!!!

      • timorato scrive:

        X SIMON DE CIRENE

        lei non ha rispetto di nessuno, perché ha la DISONESTA’ INTELLETTUALE di non ammettere che i c.d. lefefuriani hanno lo stesso Credo cattolico suo (se lei lo professa realmente!)!!!VISTO CHE PROFESSANO PER PRUDENZA E FEDELTA, QUELLO CHE HA PROFESSATO LA CHIESA FINO AL 1962 TANTO DA ESSERE CONSIDERATI CHIESA DALLO STESSO GPII E DA BXVI CHE HANNO VOLUTO DIALOGARE E NON LI HANNO CHIAMATI MAI:”SETTA” COME LA SUA “”"”"BENGIGNITA”"”"”(????) ASSIEME A QUELLA DI CHERUBINO AVETE FATTO CON COLPEVOLE OSTINAZIONE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

        Lei ricorre solo alla “gettata di fango”!!!!!

        Dimostri dove non sono cattolici i c.d. lefeburiani!

        Dimostri se i Documenti del Magistero Irreformabile a
        cui si appellano i c.d. lefeburiani sono tali o no!

        Deve fare questo per dimostrare onesta intellettuale e poi,
        se ci sono critiche ad personam, siamo pronti a raccoglierle
        per correggerci!!!!

        • La lettura di quel che scrivete è la dimotrazione stessa.
          In Pace

          • timorato scrive:

            si, è la dimostrazione stessa della vostra faziosità, che è tale e continua a gettar fango; tentar non nuoce !!! chi lo sa se qualche cretino credera alle sue sparate diaboliche!!!!!!

          • Iva scrive:

            CVD…..
            vede, caro Timorato ?
            il sig. Simon continua a seguire esattamente l’esortazione “pedagogica” del sig. Voltaire:

            Calunniate, calunniate, qualcosa resterà!

            come ha sempre fatto, imperterrito da anni !
            senza mai chiedere scusa a nessuno dei suoi lanci di fango, impudenti e infondati, specie circa la presunta “eresia” della FSSPX e di mons. Lefebvre….

        • Cherubino scrive:

          lefefuriani ?
          Per caso lei è un puffo ?
          Anche se in realtà assomiglia più a Gargamella …

  53. orinoco scrive:

    Il vergogna del papa era rivolto a tutti i governi e politici che hanno permesso ( con le varie politiche di sfruttamento dell’Africa protrattesi per secoli ormai) che avvenissero queste tragedie, non era rivolto sicuramente all’Italia. Ci arriverebbe pure un bambino a capirlo, ma probabilmente molti hanno la mente talmente oscurata dall’odio che non riescono nemmeno a fare il minimo ragionamento. Ogni tanto poi noto che rispuntano queste leggende metropolitane di immigrati che prendono non so quante migliaia di euro al mese dal Comune, addirittura la pensione !!!!!

    • J scrive:

      @ Orinoco
      “Ogni tanto poi noto che rispuntano queste leggende metropolitane di immigrati che prendono non so quante migliaia di euro al mese dal Comune, addirittura la pensione !!!!”

      h**ps://www.facebook.com/photo.php?fbid=554944214579893&set=a.489481794459469.1073741828.489460711128244&type=1&ref=nf

  54. orinoco scrive:

    Trovo patetico e al limite del ridicolo Giuliano Ferrara e il suo giornaletto: l’ateo devoto che ha mosso guerra a papa Francesco e ospita ogni giorno sul suo quotidiano (pure stampato male) articolo contro e di critica. Certo a lui “ateo devoto” faceva comodo Ratzingher che i cattolici li faceva scappare sul serio attirando solo la cerchia super ristretta degli ultra tradizionalisti. Logico che non sopporta Francesco che invece sta riavvicinando moltissima gente.

    • domenico scrive:

      ah quindi è lecito dire che Ratzinger faceva scappare i fedeli? e quindi è lecito o no criticare i papi in carica?

    • cuba_libre scrive:

      Ma da un servo berlusconiano che piu’ servo non si puo’ cosa volevi aspettarti?

    • stefano scrive:

      @orinoco
      Però su Ratzinger si sbaglia. Ferrara ancora di si vanta essere stato lui a suggerire anzitempo al Papa di dimettersi. Che poi si sia accorto di essersi sparato in un piede, è un altro discorso.

    • timorato scrive:

      x Orinoco

      se lei non conosce la vera identità della Fede cattolica tanto da definire col suo:”ultratradizionalisti” gente che è semplicemente cattolica (ma che lei demonizza come gente violenta) per arrivare persino a dire che Raztinger faceva scappare la gente contrariamente da quando fa Francesco I quasi fosse il più buono fra i venditori di mercato;

      beh!..lei ha seri problemi spirituali, che le impediscono di capire le più elementari nozioni della Fede!!! quelle che ci dicono che il Papa non deve essere un efficiente politico che vincera alle elezioni, ma il Crocifero seguito da pochi, tanto quanto erano: la Addolorata, San Giovanni e le Pie Donne!!!!

  55. Confiteor scrive:

    Leggendo questo delirante blog sono giunta alla conclusione che il cattolicesimo vive davvero un crisi epocale da cui solo l’intervento di Cristo potrà salvarla. Non è possible tanto odio tra quelli che dovrebbero sentirsi fratelli nella fede, non è possibile amare o disprezzare i Papi a seconda di come li si colloca ideologicamente. Collocazioni, tra l’altro, del tutto arbitrarie. Leggete o non leggete il Magistero che, per volerci limitare ai soli ultimi 50 anni, ha visto il succedersi di una serie ininterrota di giganti in santità e dottrina. Sono nauseata! Simili indegni spettacoli fanno dubitare anche chi è saldo nella fede, figurasi chi dubita.

    • J scrive:

      Eppure non è complicato.

      “E deve accadere in quel giorno”, è l’espressione di Jehova, “che il cuore del re perirà, anche il cuore dei principi; e i sacerdoti certamente saranno presi da stupore, e i profeti stessi saranno sbalorditi”. “Non dovrei io chiedere conto a causa di queste medesime cose”, è l’espressione di Jehova, “o su una nazione come questa non si dovrebbe vendicare la mia anima?.. I profeti stessi effettivamente profetizzano con falsità; e in quanto ai sacerdoti, sottopongono secondo i loro poteri. Provarono essi vergogna perché avevano fatto qualcosa di detestabile? Per prima cosa, non provano positivamente nessuna vergogna; e poi, non hanno saputo nemmeno come sentirsi umiliati. ‘Poiché i figli d’Israele e i figli di Giuda hanno mostrato d’essere semplici operatori di ciò che era male ai miei occhi, fin dalla loro giovinezza; poiché i figli d’Israele mi offendono pure mediante l’opera delle loro mani’, è l’espressione di Jehova ‘Poiché questa città, dal giorno in cui la edificarono, fino a questo giorno, ha mostrato di non essere altro che causa d’ira in me e causa di furore in me, affinché io la tolga d’innanzi alla mia faccia, ..E continuarono a rivolgermi il dorso e non la faccia, benché io insegnassi loro, alzandomi di buon’ora e insegnando, ma non c’era nessuno di loro che ascoltasse per ricevere disciplina. E mettevano le loro cose disgustanti nella casa sulla quale è stato invocato il mio proprio nome, per contaminarla.” (Ger. 4.9; 5.29; 6.15; 32.30-35)

    • timorato scrive:

      carissima stia tranquilla è Nostro Signore che ci illumina nel Vangelo: “questi scandali devono avvenire” pertanto siamo nelle Sue Mani!

      Se vuole unirsi alla nostra Crociata di preghiera e invitare anche altri a farlo le sarei davvero grato.

      Con fraterno affetto e gratitudine
      =====================================================
      Invitiamo
      tutti i nostri lettori ad abbracciare con fede ed entusiasmo l’appello alla Crociata di preghiere col Rosario delle Sante Piaghe, “una preghiera che non è della Terra ma del Cielo… e può ottenere tutto”.

      http://www.unavox.it/Appello_Rosario_Favara.html

  56. timorato scrive:

    capisco che le sirene incantatrici devono celebrare come santo il Papa sempre e comunque! senza tenere conto della Madonna di Fatima che ci mette in guardia dall’antipapa massone!!!; perché quindi, lasciarsi incantare per gesti come quello di gridare “vergogna”, quando questo grido potrebbe essere la ritorsione di una fazione della Massoneria (visto che la stessa è composta da più fazioni) verso l’altra ?

    Un Papa che si rispetti, se vuole fare l’eroe, deve tagliare alla radice il male dell’immigrazione clandestina e non, deve gridare contro la Massoneria internazionale e contro le strategie che essa ha costruito per giungere a questi eventi davvero epocali !

    Il problema è sempre lo stesso: la Guerra di Religione!
    La religione della massoneria contro la Religione di Cristo!!!
    La Sinagoga di Satana che attacca la Chiesa di Cristo per vie traverse!!!!

    —————————————————————————————————–

    FRANCESCO I E IL ‘Vaticano 3’

    L’intervista di Eugenio Scalfari a papa Bergoglio

    (Repubblica, 1° ottobre 2013)

    con papa Francesco I, assistiamo all’ultima scena dell’opera di “auto-demolizione” del potere sociale del Papato ad opera di un Papa. Ma questo era il piano della Massoneria: “un Papa secondo i nostri desideri, che non sia iscritto alla Setta, ma ne abbia lo spirito e faccia lui la Rivoluzione in cappa e tiara”……………
    CONTINUA A LEGGERE

    http://doncurzionitoglia.net/2013/10/03/francesco-i-e-il-vaticano-iii-lintervista-di-eugenio-scalfari-a-papa-bergoglio/

  57. timorato scrive:

    http://librisenzacensura.files.wordpress.com/2010/10/complotto-contro-la-chiesa-maurice-pinay.pdf

    Breve presentazione: sotto lo pseudonimo Maurice Pinay un nutrito gruppo di ecclesiastici di varie nazionalità (principalmente sacerdoti italiani dell’Unione Cattolica Tridentina e messicani dell’Università di Guadalajara) scrisse in 14 mesi questo dettagliato dossier “Complotto contro la Chiesa” e lo inviò nel 1962 tutti i padri conciliari all’inizio del Concilio Vaticano II.

    Il testo inizia con questi capitoli:
    - il comunismo
    - la massoneria
    - la sinagoga di satana
    - la quinta colonna nella Chiesa

  58. timorato scrive:

    «è doveroso studiare il Complotto»

    San Pio X:

    «È doveroso studiare e trattare il Complotto, senza temere di essere derisi come “complottisti”.

    Invece minimizzare, snobbare e negligere lo studio del Complotto è una partecipazione implicita e passiva al Complotto contro Cristo, Maria, la Chiesa e la Cristianità.

    Mentre studiare per combattere il Complotto, significa partecipare attivamente ed esplicitamente al compimento dell’opera della Redenzione, ad “instaurare e restaurare tutto in Cristo”».

    http://doncurzionitoglia.net/2013/02/10/239/

    • cuba_libre scrive:

      Posso fare rispettosamente una domanda?

      Ma cosa intendete OGGI per Massoneria?

      La Massoneria e’ un termine che significa tutto o niente se non lo si contestualizza in un determinato periodo storico.

      • timorato scrive:

        la Massoneria significa tutto se si vuole vedere la sua onnipotente azione internazionale che ha origini antiche perché è nata qualche secolo fa, ma non per questo è scomparsa !

        Anzi è sempre all’opera grazie ai suoi pilastri fondati nella alta finanza internazionale, nella cultura, nella scienza, nello spettacolo e nell’arte e oggi persino “nella Chiesa”, tutti collegati alla benemerita razza ebraica; questa razza che può fare tutto e che nessuno può attaccare -anche per legittima difesa-, altrimenti viene subito fulminato con l’anatema dell’antisemitismo!!!!

  59. Reginaldus scrive:

    Dire che le frontiere sono sacre è una bestemmia??? I primi a gridare alla bestemmia on sono le sinistre in tutte le loro versioni o i loro camuffamenti??? Bene, e allora non sarà il caso di segnalare una voce fuori dal coro sinistro? Quella che eleva un “Elogio” alle “Frontiere”, di Régis Debray, che più di sinistra non si può, lui l’amico del Che e del Fidel??? E che ha il coraggio dal mezzo del coro sinistro di elevare questo elogio nel nome del rispetto reciproco e del vero avanzamento dei popoli, pena, abbattute le frontiere, l’innalzamento dei MURI tra le persone , che nessuna forza rivoluzionaria può mai abbattere perché radicati nell’anima.

  60. Ambrosianus scrive:

    In tutta franchezza… e non voglio apparire irrispettoso… trovo che Luttwak abbia in buona parte ragione. Evidentemente non è “tutta” colpa del Papa, né è “solo” colpa del Papa. Tuttavia certamente il Papa ha delle responsabilità in tutto questo, nella sua irresponsabile visita a Lampedusa.

  61. Il Santo Padre ci ricorda l’esistenza del demonio nell’omelia di oggi:
    h**p://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/francesco-francis-francisco-28523/

    Le ragioni di un Luttwack sembrano proprio essere suggestioni affini a satana.

    In Pace

  62. Andre scrive:

    Ma come, caro Simon?
    Questo Papa progressista, infedele al Vangelo e al Magistero, ci ricorda che il diavolo esiste veramente?
    Ma é sicuro che non ci sia un errore? Perché anche Gnocchi e Palmaro, difensori della retta dottrina e istitutori della nuova Congregazione per la dottrina della fede (la loro) hanno scritto che “Cristo non può essere un’opzione tra le tante. Almeno per il suo vicario”. Se questi futuri papi sparasentenze, che devono insegnare al Papa come farlo (fraintendendo completamente il suo messaggio, ovviamente) , sono stati così netti nel dire che questo Papa non ci piace, (articolo sul foglio, giornale ex papista), ci sarà un motivo…peró questa omelia sul diavolo forse risolve il problema; signore e signori, vi annuncio la scoperta dell’acqua calda: forse, ma dico forse, il Papa attuale é fedele al Magistero!! Almeno per quanto riguarda il diavolo, e non é poco.

    Domanda: come avrebbero reagito i sedicenti retti cattolici se qualcuno avesse osato scrivere lo stesso articolo (“questo Papa non ci piace”) riferito a Benedetto? Apriti cielo: lesa maestà, non si rispetta il primato pettino, ecc.

    Certe sentenze assurde e sbagliate sono comprensibili se provengono da parte laica, ma da parte cattolica sono inaccettabili: un conto poi é esprimere perplessità, un conto émettere in dubbio l’ortodossia del Papa. Pazzesco.

    • Bah, i vari timorato e altri iva e mic troveranno da ridire anche su questo.

      Ad esempio, criticheranno il Papa per ricordare il demonio ma non aver parlato degli esorcismi e che, quindi, è eretico e contro il Magistero Perenne ( cosa sia il Magistero “perenne” lo sanno solo loro…) ;-)

      Quelli poi con la coda di paglia diranno che parlando del demonio Papa Francesco si riferiva a loro in quanto il pelagianesimo è dottrina demoniaca e e che che loro si identificano al pelagianesimo, quindi urleranno che questo Papa modernista li ha ancora una volta messi da parte mancato di misericordia invrso loro ( non si cerchi una logica …) :-)

      Poi cominceranno ad insultare con MAIUSCOLE e tanti punti di esclamazione !!!!!!!!!!! trattando chi crede nel demonio di Francesco di eretici rahneriani ( non c’entra niente, ma cos`fanno finta di essere alla moda….)

      Insomma tutta colpa del CVII: senza il CVII non ci sarebbe stato bisogno di parlare del demonio che è di sinistra ovviamente, il che mostra che Bergoglio è democristiano o forse anche comunista feroce e genocidiario alla Stalin, Mao e Polpot in quanto va a Lampedusa per accrescere il numero di barconi che affondamo per eliminare tutti questi migranti.

      Non avete capito niente? Benvenuti nel mondo “tradi” anti-Tutto!!!!

      In Pace

  63. giovannino scrive:

    Ho letto il blog di don Curzio Nitoglia e mi pare che questi pseudotradizionalisti stiano oltrepassando ogni limite. Mi permetto a volte di avanzare l’ opinione che elevare Sarto all’ onore degli altari non sia stato un bene per la Chiesa, ma non mi permetterei mai di mandarlo all’ inferno , come fa contro Papa Francesco e neanche troppo velatamente questo sacerdote. Non mi piace chi distribuisce patenti di cattolicità , ma leggere un sacerdote che accusa il Papa di eresia , ma ha lasciato perplesso. E’ chiaro che quali che siano i motivi di dissenso verso Bergoglio , li si dovrà mettere per un po’ in sordina e difendere senza se e senza ma Papa Francesco dalle calunnie di questi forsennati , probabilmente spinti da interessi mondani inconfessabili.

    • Iva scrive:

      ma lei le ha lette certe affermazioni di Bergoglio ? quando si legge che un vicario di Cristo che dovrebbe essere CUSTODE DELLA DOTTRINA immutabile della Cattolica, osa affermare
      (intervista a Scalfari):
      «… Il Figlio di Dio si è incarnato per infondere nell’anima degli uomini il sentimento della fratellanza. Tutti fratelli e tutti figli di Dio. ” ???
      come dobbiamo qualificare simili esternazioni, MAI udite da alcun papa nella Chiesa bimillenaria ?
      con quale fondamento lei sta parlando di calunnie, se quelle sortite sono scritte nero su bianco note e leggibili da tutto il pubblico mondiale? lei ce l’ha una vaga cognizione di quale sia il DOGMA DELL’INCARNAZIONE E REDENZIONE DI NSGC ?
      ma certo che se la sua scuola di formazione è kikiana, non può in alcun modo capire neanche che significhi la parola “eresia” nè tantomeno “dogma” !
      ed ecco che si avverano, in questa ignoranza dilagante, le parole della Madonna di Fatima quando nomina “il dogma della fede”, in senso globale: il fondamento dottrinale del cattolicesimo, che inesorabilmente si perderà nella gran parte dell’orbe cattolico, grazie alle derive pastorali del cv2, e alle catechesi annacquate e “pluraliste”, nell’anarchia dottrinale e liturgica avallata dai custodes dormienti e/o conniventi.

      • homo biblicus scrive:

        IVA
        esternazione terrificante!
        «… Il Figlio di Dio si è incarnato per infondere nell’anima degli uomini il sentimento della fratellanza. Tutti fratelli e tutti figli di Dio. ”
        È risaputo (“rivelato” da qualche parte) che quando Dio infonde l’anima decide chi gli sarà figlio e chi figliastro; normalmente si basa sulla collocazione geografica.

        • timorato scrive:

          x homo biblicus

          La Mistici Corporis di Papa Pio XII di v.m. spiega benissimo che la fratellanza cristiana non è un fratellanza senza se e senza ma!alla maniera della ipocrita massoneria !!!
          Illustra benissimo chi sono i veri figli di Dio e i fratelli fra di loro!

          Lei che è “biblico” ed ovviamente trova sconcerto nel Magistero papale, dovrebbe sapere inoltre, che sta scritto:” chi non ha il mio spirito non mi appartiene” e ancora: ” ..i miei fratelli sono quelli che fanno la volontà del Padre Mio”!!!!

          • homo biblicus scrive:

            “Illustra benissimo chi sono i veri figli di Dio” come il Vangelo:
            “ero straniero e mi avete accolto”

          • timorato scrive:

            nessuno nega quella pagina di Vangelo che tralaltro non è il solo VAngelo da praticare….ci sono altre pagine no?

            Quella Pagina poi, che è data come “comando” personale! non si può usare con facile strumentalizzazione quando poi avete voluto lo Stato laicista!!!!
            Ci sono priorita da rispettare, anche perché non può uno Stato ospitare tutti gli abitanti della terra solo perché si dice ( e non apertamente) cristiano!

    • timorato scrive:

      sarebbe più onorevole per lei, illustrare con prove provate gli interessi mondani e inconfessabili di un forsennato come Don Nitoglia, prima di passare come il solito servo di……..pronto a gettare fango,(tanto “qualcosa restera” a danno dell’avversario )”!!! Non le pare ?

      Questo glielo insegna il suo amico prete spretato che è divenuto pure il suo direttore spirituale ?

      La differenza tra il suo prete spretato con Don Nitoglia è: che il suo prete spretato con la scusa del progressimo ad ogni livello si è adagiato sulle gioie della carne mentre Don Nitoglia in mezzo alle sofferenze della carne che gli procurano: povertà, persecuzione, solitudine, è riuscito a trovare Cristo che gli suggerisce la Verita della Fede Cattolica contro le incoerenze dottrinali di quei Papi che possono essere “giudicati” alla stessa maniera che fecero gente -non adagiata sulla gioie della carne come il suo prete sposato-, ma gente, come Santa Caterina da Siena e Sant’Atanasio !!!

      PS

      E’ ASSOLUTAMENTE FALSO POI, CHE DON NITOGLIA MANDI ALL’INFERNO PAPA FRANCESCO I.
      LA SUA E’ SOLO CRITICA TEOLOGICO-DOGMATICA AL PENSIERO E AI GESTI DI PAPA FRANCESCO I E IN RELAZIONE ALLE INFILTRAZIONI DEL PENSIERO MASSONICO NEL CLERO!!!

      • giovannino scrive:

        Cito testualmente ( è facile col copia -incolla ) don Nitoglia
        Certamente siamo arrivati alla frutta e al caffè, ma non si è fatti i conti con l’oste (il Padreterno) e i conti saranno più che salati, saranno infuocati. Solo un immane castigo, pari alla gravità dell’apostasia strisciante e pratica che viviamo sotto i nostri occhi. Monsignor Francesco Spadafora raccontava che nel suo paese d’origine vi era un cattivo prete, un certo don Antonio e i suoi fedeli esclamavano: “Povero Gesù Cristo in mano a don Antonio!”. Poi don Antonio morì e i fedeli dissero: “Povero don Antonio in mano a Gesù Cristo!”. È quel che succede adesso col ‘mistero d’iniquità’, il quale è arrivato quasi al suo zenit e tra poco sarà dissolto dal “soffio della bocca di Gesù”.
        Mi sembra evidente che Bergoglio viene paragonato a don Antonio , il cattivo prete che deve temere il giudizio di Gesù.

        • timorato scrive:

          e certo che Francesco che deve temere il Giudizio di Gesù!

          è Divino lui, o Gesù ?

          sta tradendo il suo mandato lui, o Gesù ?

          Gesù si è fatto uccidere per testimoniare una Verita eterna !!!!
          Lui si fa apprezzare per trasformare la Verita eterna secondo le mode ideologiche e politiche del momento!

          quindi è gia santo Bergoglio ?

    • J scrive:

      @ Giovannino
      E’ chiaro che quali che siano i motivi di dissenso verso Bergoglio , li si dovrà mettere per un po’ in sordina e difendere senza se e senza ma Papa Francesco dalle calunnie di questi forsennati”

      Strana opinione la sua sig. Giovannino. Rispecchia quella dell’inquisizione quando il papa aveva sempre ragione a prescindere. Non le è venuto in mente che potrebbe avere ragione Nitoglia ? Dovrebbe almeno indagare e verificare prima di sedersi in cattedra a fare l’inquisitore difensore.
      Magari scopre che non è così forsennato. Lo faccia poi ci faccia sapere perché ha scelto una posizione piuttosto che un’altra. Senza motivazioni qualunque sentenza non ha valore. Capisce ? Non si difende nessuno senza se e senza ma, se prima non si è spiegato perché.

  64. timorato scrive:

    x Andre

    bisogna vedere di quale diavolo parla il Papa!

    Tutti hanno un loro diavolo persecutore, anche i mussulmani ad esempio!

    Il Diavolo che dovrebbe contestare – almeno con le Parole- il Papa è quello che la Chiesa ha sempre riconosciuto -anche- come “Dottore delle Eresie”(cfr. Rituale Romanum); quali eresie sta contrastando Francesco I, quelle che inventa e addossa solo ai tradizionalisti e non ai massoni giornalisti e prelati che non possono essere giudicati da lui che è “nessuno” ?

    Se poi un Papa non piace a dei giornalisti che hanno la colpa di essere cattolici e difensori della Tradizione e per questo raddoppiano la: loro colpa, si abbia la decenza e la carita di dire che questi giornalisti non sono soddisfatti da un Papa perché questi “non parla da Papa” e non perché questi giornalisti inventano cose, che poi sono alla portata di tutti…..i cattolici ben formati dottrinalmente!

    • Ecco Andre, ha visto?
      Come volevasi dimostrare! :-) :-) :-)

      Insomma il Papa non parlava del diavolo cattolico, parlava del diavolo musulmano: e non ha parlato delle eresie (lefebvriane ?).

      Insomma questo Papa non è Papa è eretico e per essere nella “Tradizione” ( nuova religione) bisogna disobbedire come Lutero.

      A questo conduce ascoltare gli insegnamenti debilitanti della FSSPX!
      Fanno pena, però. Preghiamo per loro.
      In Pace

  65. Iva scrive:

    alcuni giorni fa mi hanno lanciato insulti a valanga, perchè ho epresso forti perplessità e netti DISSENSI, io come migliaia (e un po’ più) di persone sconcertate, riguardo al fatto OGGETTIVO che una epistola su un giornale, di taglio filosofico e dintorni, non è e non può essere magistero di pontefice, men che meno infallibile; e tanto meno può essere magistero, qualora si tocchi argomenti teologici, una congerie di affermazioni DISCUTIBILISSIME alla luce della Dottrina cattolica di sempre.
    Ciò che salta all’occhio di un cattolico normale di retta Dottrina, ovvero deviazioni macroscopiche da ciò che la chiesa ha SEMPRE INSEGNATO in tutti i secoli, comincia ad essere notato da moltissimi fedeli attenti, in tutto il mondo, sempre più stupefatti e sconvolti da ciò che leggono e sentono dichiarare da Bergoglio, gente che non ha mai letto Nitoglia, se ne accorge lo stesso di quelle stranezze: contenuti aberranti che si faticherebbe a credere che vengano da un uomo di Chiesa non di ultima generazione, ma sono lì sotto gli occhi di tutti, su un giornale laicista (?ATEO) e per giunta riportati sul sito vaticano.
    Il gregge di Cristo allora da che parte deve girarsi ? seguire il Magistero immutabile e la Dottrina perenne oppure ogni nuova favola teologica e ventata di novità dottrinali ri-fondatrici, come tanti teorizzano ? la Verità eterna deve essere soggetta al panta-rèi di tutte le mode ideologiche, specie il verbo marx-freudiano che impazza da quasi 50 anni, con il quale vogliono RIVISITARE e RISCRIVERE il Vangelo, tradendo pure le parole ORIGINALI con arbitrarie traduzioni, come denunciavo mesi orsono ?

  66. Iva scrive:

    x giovannino (e per tutti quelli che a causa dei pessimi insegnamenti ricevuti nelle parrocchie conciliarizzate che da almeno 30 anni non insegnano più ai bambini e ragazzi i DOGMI FONDAMENTALI del cattolicesimo), riporto qui una chiarificazione e CORREZIONE DOVEROSA E NECESSARIA, precisa ed essenziale su quelle affermazioni inaudite e inaccettabili di Bergoglio, circa la REDENZIONE DI CRISTO.
    ——————————–
    (tratto da chiesaepostconcilio)

    *Non è affatto vero che Gesù Cristo
    «si è incarnato per infondere nell’anima degli uomini il sentimento della fratellanza»,

    *ma per redimerli, da una Croce, dalla schiavitù del peccato originale, ri-generandoli nella Risurrezione, unica ragione che rende possibile ogni autentica fratellanza, che non è quella di conio umanitaristico che emerge da questi discorsi!

    *E non può essere «l’amore di ciascuno di noi verso tutti gli altri»la via della salvezza, anche se viene chiamato agape indicataci da Gesù
    perché,
    se prima non ci radichiamo in Lui e non veniamo da Lui liberati, guariti e trasformati, non possiamo essere capaci di quell’agape che ci rende fratelli in Cristo.
    !

    L’amore di ciascuno di noi verso tutti gli altri non è il punto di partenza, è il punto di approdo, in Cristo.

  67. Iva scrive:

    L’amore di ciascuno di noi verso tutti gli altri non è il punto di partenza, è il punto di approdo, in Cristo.
    ——————————-
    [segue ora precisazione IMPORTANTISSIMA, visto che oggi siamo nell'orbe intero confusi e frastornati/plagiati dall'idea FALSISSIMA di essere, tutti gli uomini "figli di Dio", propagata e avallata purtroppo da vari papi che hanno detto che cristiani, musulmani, ebrei ecc, adorano lo stesso Dio, col supporto "didattico visuale" di Assisi1-2-3, ahimè...]:

    *Inoltre, non siamo tutti figli di Dio: siamo tutti creature.
    (reply):
    non siamo tutti figli di Dio: siamo tutti creature.

    *Il Figlio è Uno solo e non è stato creato ma GENERATO prima di tutti i secoli e
    * si è fatto uomo in Gesù di Nazareth non in tutta l’umanità,
    (si legge bene?)
    *
    si è fatto uomo in Gesù di Nazareth non in tutta l’umanità, !
    * anche se ha assunto la natura umana per redimerci, il che rende possibile la fratellanza (e molto altro), ma
    * non per «darci un sentimento di fratellanza»

    * Cristo Signore non ci dà un sentimento, MA cambia la nostra natura,

    * la TRASFORMA con la sua Grazia che riceviamo nei sacramenti;
    * il che ci rende capaci di provare quel sentimento e comportarci di conseguenza.

    *Infatti Cristo è il Verbo, la Seconda Persona della SS. Trinità, GENERATO NON CREATO, della stessa sostanza (consustanziale) del Padre,
    * che si è fatto uomo nell’uomo Gesù, NON IN TUTTI GLI UOMINI!

    [chiaro allora:
    NON IN TUTTI GLI UOMINI (come abbiamo più volte sentito affermare da una voce di vescovodiroma che parla in S. Marta o lo dice sui giornali e nelle interviste ecc.)
    Il Verbo eterno del Padre Onnippotente NON SI è INCARNATO in tutti gli uomini , ma SOLO NEL SENO DELLA SS.MA VERGINE MARIA, CONCEPITA SENZA PECCATO, INCARNATO PER OPERA DELLO SPIRITO SANTO]

    *Dunque noi siamo figli solo nel Figlio e solo se accogliamo Lui.
    noi siamo figli solo nel Figlio e solo se accogliamo Lui.
    [quindi NON se siamo buddisti come Luxuria o musulmani o atei come Scalfaro che RIGETTA CRISTO SIGNORE nel quale è stato forse battezzato!]

    *Quindi gli uomini, creature pur sempre a immagine e somiglianza di Dio,
    diventano figli – e ricevono la figliolanza divina per adozione cioè vedono incorporata e trasformata ma non sostituita la loro natura umana -,
    solo se accolgono Cristo Signore.

    Gli uomini diventano FIGLI DI DIO SOLO SE ACCOLGONO CRISTO SIGNORE !
    —————–

    (grazie infinite a mic di chiesaepostconcilio. dio glliene renda merito!)

    • Iva scrive:

      Dio gliene renda merito

    • Iva scrive:

      altre importanti correzioni e chiarimenti, circa la Incarnazione e la Redenzione, e riguardo alla distorta visione della carità, ridotta e svilita al solo umanitarismo/pauperismo, che falsa sia la carità verso i poveri, sia l’importanza della SS.ma Eucaristia, quasi parificandola alla “carne dei poveri” (pernicioso guazzabuglio sentimentale che spinge gli ascoltatori sprovveduti al rischio di IDOLATRIA pauperista),
      chi vuole può leggerli qui:

      http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2013/10/svnt-nomina-rervm-cose-concrete-quelle.html

    • Cherubino scrive:

      lei è in grave errore. Tutti gli uomini sono dall’eternità Figli di Dio, la differenza è tra quelli che lo accettano e quelli che non lo accettano. Lei confonde il piano sostanziale con quello effettivo.
      Sul piano sostanziale siamo tutti figli di Dio e la prova teologica è molteplice e tradizionale:
      1) in tutti gli uomini Dio infonde l’anima che è di origine divina e infatti è immortale;
      2) nel cuore di tutti gli uomini Dio ha “scritto” la legge morale, credenti e non credenti, la e la legge morale è di origine divina;
      3) la figliolanza è una relazione che non decade se uno dei membri la rifiuta: se lei avesse un figlio che la rifiuta non per questo cesserebbe di essere suo figlio;
      4) la riprova che questo vale a maggior ragione per Dio è nella Rivelazione che non può essere cancellata, e la Sacra Scrittura mostra costantemente la volontà incrollabile di Dio di considerarsi Padre anche di chi lo rifiuta: la parabola del figlio dissoluto, i detti di Gesù (ad esempio “siate come il Padre celeste che fa piovere sui buoni e sui cattivi”), decine di pagine dell’Antico Testamento in cui Dio parla di una Alleanza che viene mantenuta da parte sua nonostante l’infedeltà del popolo…

      Dunque l’essere figli di Dio perdura anche quando lo rifiutiamo, ciò che cessa è il beneficio spirituale, la grazia, che ci permette di essere aperti alla sua guida. Diventiamo figli che vogliono vivere da schiavi. Lui però non ci vede MAI come schiavi e continua a considerarci figli.

  68. domenico scrive:

    Certo che comunque ci vuole tanto tanto coraggio a prendersela con una minoranza assoluta di tradizionalisti o sedevacantisti o come volete chiamarli che al di là di qualche blog semisconosciuto ai più (compreso me) non raggiungono certo la massa dei fedeli e non.
    Oggi avete la simpatia di Repubblica e company, i giornalisti che parlano male del Vescovo di Roma vengono prontamente rimossi, e cosa volete di più?
    Ricordatevi che i farisei contro cui Gesù predicava erano una casta di potenti e non certo una minoranza disorganizzata e velleitaria.
    E ricordatevi ancora che quando un fariseo iniziò a lodare Gesù lo fece per ingannarlo e trarlo in trappola. Gesù non cadde nella trappola. Speriamo che altri non cadano nelle trappole delle lodi.

  69. Iva scrive:

    la falsa convinzione che Gesù Cristo “si sia incarnato in certo modo in ogni uomo” proviene, guarda caso, dal doc. conciliare Gaudium et spes, dove si ritrova tale affermazione, che non è dogma, ma pur con la sua fumosità, va CONTRO il dogma della Incarnazione.
    (e per quarant’anni e oltre la “goccia ha scavato la pietra”…)

    • vincenzo da torino scrive:

      @Iva ” “si sia incarnato in certo modo in ogni uomo” bellissima espressione! Non pretendo che lei la capisca. Perché lei, Timorato e C, non andate da Mic e così ve la contate e vi consolate? Magari questo blog diventerà leggibile. Parlare con voi, che testa non avete e vi abbeverate da siti improponibili, pedanti, contestatori, saccenti ecc e poi venite qui a sproloquiare di cose che raramente capite da voi, non serve. Libera nos Domine!

  70. peccatore scrive:

    Leggendoci così intenti a polemizzare, sembra di ascoltare Gesù nel vangelo di oggi, che ricorda come Satana sia “diviso in se stesso” («Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno?).

    La rovina ci riguarderà a motivo della divisione becera e lacero-contusa?

    A motivo di chi, vantandosi di aver cacciato un demonio, se ne ritroverà in casa sette?
    Non sembra l’uomo moderno, che anche quando caccia di casa qualche diavoletto (per esempio sulla discriminazione) ne fa subito entrare altri a frotte (avidità, eutanasia, aborto, eugenetica, divorzio, sfruttamento scientifico del debito e ipocrisie varie in termini di libertà dei costumi)?

    Papa Francesco oggi è tornato a parlare del diavolo. E invita a prendere sul serio le Scritture che ne parlano. Bergoglio l’ha fatto nell’omelia di questa mattina a Santa Marta, commentando il brano evangelico di Luca dove si legge di Gesù che scaccia il demonio ma non viene compreso dai suoi.

    «Ci sono alcuni preti – ha detto il Papa – che quando leggono questo brano del Vangelo, questo e altri, dicono: ”Ma, Gesù ha guarito una persona da una malattia psichica”. Non leggono questo qui, no? È vero che in quel tempo si poteva confondere un’epilessia con la possessione del demonio – ha continuato Francesco, secondo quanto riferito dalla Radio Vaticana – ma è anche vero che c’era il demonio! E noi non abbiamo diritto di fare tanto semplice la cosa, come per dire: ”Tutti questi non erano indemoniati; erano malati psichici”. No! La presenza del demonio è nella prima pagina della Bibbia e la Bibbia finisce anche con la presenza del demonio, con la vittoria di Dio sul demonio».

    Colpisce l’invito di Francesco e non minimizzare e a non confondere l’azione del diavolo con le malattie psichiche. Francesco ha chiesto ai cristiani di «non essere ingenui» davanti al tentativo di trovare spiegazioni «per diminuire la forza del Signore». Una tentazione ricorrente quella di sminuire la figura di Gesù come fosse «al massimo un guaritore», da non prendere «tanto sul serio». Un atteggiamento, ha denunciato il Papa, che è «arrivato ai nostri giorni».

    Il Papa ha quindi indicato le tre vie per «resistere» al maligno.

    «Non confondere la verità. Gesù lotta contro il diavolo: primo criterio.

    Secondo criterio: chi non è con Gesù, è contro Gesù. Non ci sono atteggiamenti a metà.

    Terzo criterio: la vigilanza sul nostro cuore, perché il demonio è astuto. Mai è scacciato via per sempre! Soltanto l’ultimo giorno lo sarà».

    Bisogna essere molto umili per non farsi facili prede del diavolo, che è una persona molto intelligente. Per questo ha buon gioco con chi si ritiene tale. Anche tra i preti.

    E ha invitato i cristiani alla «vigilanza, perché la strategia di lui è quella: ”Tu ti sei fatto cristiano, vai avanti nella tua fede, io ti lascio, ti lascio tranquillo. Ma poi quando ti sei abituato e non fai tanta vigilanza e ti senti sicuro, io torno”. Il Vangelo di oggi incomincia con il demonio scacciato e finisce con il demonio che torna! San Pietro lo diceva: “È come un leone feroce, che gira intorno a noi”. È così».

    «”Ma, Padre, lei è un po’ antico! Ci fa spaventare con queste cose” – ha aggiunto il Papa, riferendosi a possibili obiezioni – No, io no! È il Vangelo! E queste non sono bugie: è la Parola del Signore! Chiediamo al Signore la grazia di prendere sul serio queste cose. Lui è venuto a lottare per la nostra salvezza. Lui ha vinto il demonio! Per favore, non facciamo affari con il demonio! Lui cerca di tornare a casa, di prendere possesso di noi… Non relativizzare, vigilare! E sempre con Gesù».

  71. peccatore scrive:

    Per capire come il diavolo agisce, si può pensare a come ci divide…

    C’è chi ritiene che nel passato si poteva raggiungere una presunta sintesi tra quanto veniva creduto e quanto si conosceva per altre vie, cosicché l’affidabilità della fede non strideva con altre conoscenze: oggi questo non è più e qualcuno cerca i colpevoli, altri pensano che sia meglio così. Se tra i primi abbondano degli irosi adombrati, tra i secondi abbondano i “benpensanti”, i “secolarizzatori”, i “mondanizzanti”, quelli che la fede la cercano ma non gli importa di trovarla (gli basta cercare sempre, insieme con chi sta cercando: cercatori di funghi, di guai, di lavoro, di amore… tutto fa brodo!)

    E’ l’effetto combinato della scarsità di fede (e di conoscenza di ciò che attiene la fede, ad esempio tutta la tematica del peccato originale o la veridicità storica dei vangeli, ma anche il fidarsi della misericordia e della provvidenza e non dei nostri calcoli o meriti), unito all’eccesso di affidabilità attribuita acriticamente a ciò che si accredita come in contrasto (esempio l’evoluzionismo o l’esegesi storico-critica, o un pelagianesimo comune tanto a chi contabilizza le liturgie, quanto a chi fa della Chiesa un’ONG).

    In effetti è vero che “riteniamo di conoscere” e che l’eccesso di informazione non invita all’approfondimento, mentre la dittatura culturale dominante costringe all’uniformismo e la fede è naturalmente tra le voci meno irriducibili e pertanto più costrette. Questa situazione di pluralismo antropologico ed esistenziale ci priva dell’identità e di cammini di vita già tracciati, univoci, predeterminati… Situazione confusa, che ha la pretesa di imporsi a danno della verità; ha almeno il pregio, per chi si affida davvero alla fede cristiana, di mantenere la coscienza in tensione, in un’inquietudine di ricerca necessaria e fertile, protesa verso la Verità.

    Il cristiano affronta con pazienza e speranza, senza negarla o esorcizzarla, la sfida, proprio perché si affida alla fede non fermandosi a qualche compromesso e risposta superficiale. Questo potrebbe valere anche per il non credente o il diversamente credente. Perciò il dialogo è possibile: nell’inquietudine delle rispettive ricerche, ma nella verità di ciò che si mostra davvero affidabile e non soltanto se ne vanta: il cristiano approfondisce l’amore testimoniato dal cammino di Gesù, scoprendolo non soltanto umano (grave sarebbe limitarsi a ritenerlo umano, perché non sarebbe più la fede cristiana, ma una sua riduzione).

    Dio ha già detto e fatto tutto ciò che serve: a noi cercarlo, scoprirlo, riconoscerlo, affidarvisi e distribuirlo, senza relativismo e senza fondamentalismo, perché è la ricerca umana a mostrare le risposte che sono già disponibili, anche se non tutte sono state scoperte. Serve lo Spirito santo. Bisogna chiederLo a Dio.

    • timorato scrive:

      guardi che Lo Spirito Santo è questo “fondamentalismo” che il suo fondamentalismo (incosciente) naturalista ed irenista indefinito non le fa vedere, ignorando che purtroppo: esiste un diavolo e i suoi accoliti anche carnali che possono fare solo opere di male, per via di sofismi assai artificiosi di petrina matrice!
      Nostro Signore -come si legge nel Vangelo- ad un certo punto ha chiamato Satana anche il Suo Primo Vicario san Pietro! a proposito di Papi che parlano di demonio……..!!!!!!

    • Iva scrive:

      a scanso di perniciosi equivoci,
      duri da sradicare poichè fondati su LUOGHI COMUNI che circolano nel gregge disinformato da oltre 4 decenni , e che conducono alla falsa pace =IRENISMO = abbraccio massonico di verità+errore
      (historia magistra vitae):

      1) Agostino di Ippona, Nel 395-396 viene acclamato vescovo di Ippona e, fino alla morte, si dedica alla cura della diocesi, alle controversie dottrinali e alla lotta contro le eresie.
      2) Stato di decadimento delle Istituzioni ecclesiastiche durante il
      Papato avignonese (1309-1378) e il conseguente quarantennio del grave Scisma d’Occidente (1378-1414) che portarono ad un
      >> disorientamento dottrinale e ad un rilassamento dei costumi che né i vari concili né i deboli interventi del papato posero rimedio.

      39 in tutti i tempi di CONFUSIONE DOTTRINALE (v. arianesimo) fioriscono le

      CONTROVERSIE DOTTRINALI E GLI SCRITTI apologetici e polemici (=battaglia per difendere la RETTA DOTTRINA) opere benemerite dei SANTI PADRI e Dottori DELLA CHIESA, a cui siamo debitori di chiarificazioni ulteriori, V………………Tertulliano et al.
      v. inoltre periodo successivo alla Riforma luterana, gravido di CONFUSIONI, divisioni e poi Controriforma, col Santo Concilio di ,Trento dogmatico;

      4) una nutrita classe della CDD (classificazione codificata biblioteconomica Dewey) è dedicata ad es. alle
      Controversie dottrinali ed eresie nella storia generale della Chiesa. 273.1

      5) gli scambi di lettere circa ERESIE E LORO CONFUTAZIONI sono parte della storia della Chiesa e sono documenti preziosi di come i cattolici abbiano difeso la retta dottrina -CHE è DI CRISTO, COME EGLI AFFERMA espressamente- contro tutti i propagatori di eresie

      6) Dio stesso ha comunicato ad una mistica (M. Mariana de Jesus Torres, QUITO, XVI sec.):
      “Punirò l’eresia, punirò l’empietà, punirò l’impurita’”,
      quindi siamo avvisati, e la lotta contro gli errori che infestano la Chiesa è doverosa e sacrosanta, come testimonianza di fedeltà da parte di tutti quelli che la conducono, come s. Paolo, per custodire e difendere la Fede propria e altrui, soli Deo gloria!

      • vincenzo da torino scrive:

        @E’ lei che ci dice dove sta l’eresia? Oppure il due Gnocchi-maro e Mic? . Si legga la nota critica di Gennari sul Lupus in pagina di Avvenire di ieri sul duo. Non il papa sono questi duo che non ci piacciono.

        • Iva scrive:

          E’ lei che ci dice dove sta l’eresia?….

          continuiamo a non capirci. Per la n-millesima volta ripeto:
          Iva non è nessuno, mic non è nessuno, la Tradizione e la Dottrina cattolica immutabile non l’hanno inventata nè Iva nè Gnocchi nè Pinco nè Fagiolini, ci siamo fin qui ?

          La Dottrina cattolica è l’insieme delle verità di fede che la Chiesa ha insegnato per 2 millenni 2, trasmettendo (=tradere) SENZA ALTERAZIONI E INTEGRALMENTE TUTTO CIO’ che Pietro e gli Apostoli hanno ricevuto da Cristo Signore. Ci siamo fin qui ?

          NOi sigg.ri “nessuno”, piccoli fedeli cattolici, formati alla Dottrina Cattolica DI SEMPRE, quella insegnata per 2 millenni 2, stiamo solo TRASMETTENDO sulla rete web CIO’ CHE ABBIAMO RICEVUTO dal Magistero ininterrotto, cioè il Depositum fidei integro e INALTERATO. Ci siamo fin qui ?
          ——————–
          Ora, se per 2 millenni 2 (diciamo 1932 anni) la Chiesa ha eseguito fedelmente il Divino Mandato di Nostro Signore, “insegnando ad osservare TUTTO CIO’ CHE LUI HA COMANDATO” senza alterazioni, e dal 1962 in poi ,in seguito ad “aperture conciliari dialoganti ed inclusive” di tanti errori del mondo, (considerati DIVERSE VERITA’) , si inizia ad insegnare CON LA PRASSI, (pastorali pluraliste e liturgie e movimenti d’ogni colore e spirito creativo) più che con le parole, tutt’altro, v. Assisi1-2-3, mi spiega Vincenzo a chi deve andar dietro lo sventurato Gregge, a cui il pastore oggi dice perfino:
          “Ognuno segua la propria coscienza” cioè, traducendo: “tutte le strade vanno bene, tutti gli errori sono diverse vie alla verità e a Dio….” (v. Assisi3) quindi indirettamente fa capire la non-intenzione di guidare il gregge (e le pecore smarrite) su UNA E UNA SOLA STRADA CHE è CRISTO, NELLA STRADA MAESTRA, ovvero IL MAGISTERO DI SEMPRE, senza deviazioni, in modo inequivocabile ?
          Hanno sbagliato i papi per 2000 anni, e così tutti i Santi di 20 secoli hanno sbagliato a seguire la Dottrina perenne ? ?
          La Comunione dei Santi è tutta sbagliata allora, o è una favola ?
          I Santi eran tutti dei gran cretini, stolti illusi e ciechi a seguire la Dottrina immutabile di Cristo insegnata loro dai pastori di anime, piccoli e grandi ?
          s. Paolo Apostolo delle genti un povero idiota quando ammonì di non dar retta a chi volesse sovvertire il Vangelo*
          ————————

          Se per quasi 2 millenni la somma Docenza ha insegnato: 2 + 2 = 4
          e da 50 anni e specie da 7 mesi sta insegnando che eventualmente 2 + 2 = 5, o 9 o 16 …..o “come meglio vi pare”= insegnamento ondivago, ambiguo e RELATIVISTA,
          mi spiega lei sig. vincenzo, dove sta il dogma = Dottrina immutabile da seguire, e DOVE sta l’eresia da non seguire ? me lo dica lei, che possiede forse la VERA DOTTRINA che fino al 1965 non era ancora rivelata (???)
          visto che le dicevo, sono una sig. nessuno, e ho solo TRASMESSO CIO’ CHE HO RICEVUTO, in quel dogma dell’Incarnazione che ho precisato, avvalendomi di una sintesi di una blogger, CHE NON HA INVENTATO NULLA di testa sua, ma a sua volta ha RICEVUTO DAI SECOLI di DI MAGISTERO ininterrotto DELLA CHIESA, che ci trasmette(va) il contenuto dottrinale di 2000 anni di Magistero APOSTOLICO: la Dottrina perenne e INALTERABILE che risale a Cristo Signore, come Egli ha detto di sè:

          La mia dottrina non è mia, ma di colui che mi ha mandato

          *s. Paolo nella lettera ai Galati:
          se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema!
          (notare: “se anche NOI STESSI”> mette in conto che anche gli apostoli o loro successori possano propagare falsi insegnamenti e un falso Vangelo, confondendo il gregge, ecco l’importanza della Tradizione, che NON ALTERA il Depositum Fidei)

          • vincenzo da torino scrive:

            @Iva. Il problema che voi taroccate il senso della Tradizione e del Magistero a vostro uso e consumo, come spesso vi ho segnalato senza che voi riusciate mai a darmi una risposta! Poi, senza papa e concilio non vi è nessuna certezza ne di verità e quindi neppure di eventuale eresia, poiché lo stesso Depositum fidei viene custodito nei fedeli ed interpretato solo dalla chiesa. Ora qualcuno dice che abbiamo un papa eretico! Voi siete senza guida sicura e, se non cambiate, sarete una setta non più cattolica. Mi auguro che presto questo accada, poiché siete solo petulanti e presuntuosi. Se non fossi cattolico sempre con il papa, sentire voi mi viene voglia di farmi mussulmano o tibetano…Lei riempie il blog di continue citazioni dai soliti blog , che credo condivida, ma che non riesce minimamente a comprendere e separare il buono dall’idea personale dell’autore. Il suo problema e dei suoi amici è che, senza offesa, siete tonti ed inadatti a qualunque seria discussione. Ci fa le prediche, come se molti di noi non conoscessero forse meglio di lei la dottrina e la storia ecclesiastica. Vada da Mic e li rimanga! Ho provato con qualche commento a cercare di svelenire e rimettere in careggiata la signora. Dopo tre interventi mi ha bloccato dicendo che la “sto prendendo per sfinimento” e vuole solo citazioni del magistero. E’ molto ben preparata, ma sfarfalla su troppe cose,.Solo lei sa ben interpretare!. Mic va bene per lei, non per me. La vostra chiesa non mi interessa, proprio perché si ferma al 1962. Un assurdo nella storia della chiesa. Meglio che faccia altro e se vuole proprio fare cosa utile vada in convento a pregare, unica cosa che probabilmente sa fare bene.

          • timorato scrive:

            x vincenzo

            guardi che ci può cacciare solo il padrone del blog!

            il Magistero per sua NATURA non necessita di interpretazioni!

            le sue sono solo aggressioni dettate da paura per la Verita! che riusciamo a far emergere!!!!

            Se fosse come dice lei a proposito del: “potere del Papa (e tralaltro con eresia) assieme ai vescovi” non avremmo avuto Sant’Atanasio che fu un solo Vescovo come Mons. Lefebure e che fu scomunicato per due volte e che poi RISULTO l’UNICO DEPOSITARIO DELLA VERITA’

            basta con questi suoi attacchi!!!

  72. timorato scrive:

    Simon de Cyrène scrive:

    11 ottobre 2013 alle 16:21

    “…………Ecco Andre, ha visto?
    Come volevasi dimostrare! :-) :-) :-)

    Insomma il Papa non parlava del diavolo cattolico, parlava del diavolo musulmano: e non ha parlato delle eresie (lefebvriane ?).

    ——————————————————————————————————

    perché non lo dimostra che il diavolo citato da Francesco è quello della Chiesa ?

    basterebbe ad esempio occultare le parole di Benedetto XVI sulla liturgia (che rappresenta un tradizione ancor facilmente reperibile) e cosi riuscire a far passare come sante le sue prese di posizioni (dietro le quinte) contro le buone cose che ha detto Benedetto XVI, ed ecco che il gioco è fatto!

    Si legga l’articolo di Magister:

    ——— ——————- ———— ————

    ‘intenzione di papa Ratzinger – espressa in una lettera ai vescovi di tutto il mondo – era di restituire alla liturgia cattolica lo “splendore di verità” offuscato da tante innovazioni postconciliari, grazie a un vicendevole arricchimento tra le due forme antica e moderna del rito romano.

    L’opinione in proposito di papa Francesco è invece più riduttiva. Nell’intervista a “La Civiltà Cattolica” ha detto che la facoltà di celebrare in rito antico è una semplice concessione alle nostalgie di “alcune persone che hanno questa sensibilità”.

    Con i tradizionalisti Bergoglio non è tenero. Nella stessa intervista ha giudicato “preoccupante il rischio di ideologizzazione del ‘vetus ordo’, la sua strumentalizzazione”. E in altre due occasioni li ha bollati come fautori di una “restaurazione di condotte e forme superate che neppure culturalmente hanno capacità di essere significative”………………..CONTINUA A LEGGERE

    http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350621

  73. timorato scrive:

    Simon de Cyrène scrive:

    11 ottobre 2013 alle 16:21

    “…….Insomma questo Papa non è Papa è eretico e per essere nella “Tradizione” ( nuova religione) bisogna disobbedire come Lutero.

    ———————- ——————————- —————————

    dimostri anche che la Tradizione ossia il Magistero infallibile gia pronunciato e per questo irreformabile e per questo ort0dosso e sicuro, che difendono i c.d. lefeburiani è la nuova religione ?

    si fa cosi!, caro simon, si danno prove provate prima di parlare!!!!! e non ci si attacca alle “urlate” di evangelica memoria dei nostri avversari!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    si, bisogna disubbidire come a Lutero ad un Papa che con le sue trovate supera Lutero!!!

    con la differenza pero, che Lutero e Francesco I disubbidiscono a tutti i Papi della Storia, noi solo ai Papi disubbidienti del postConcilio ambiguo e malefico!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  74. timorato scrive:

    Simon de Cyrène scrive:

    11 ottobre 2013 alle 16:21

    “,,,,,,a questo conduce ascoltare gli insegnamenti debilitanti della FSSPX!
    Fanno pena, però. Preghiamo per loro.
    In Pace
    ——————————————————————————————————

    no, non preghi per noi, abbiamo anime di grande penitenza che già lo fanno!

    mi sembra proprio una di quelle pie donne a cui Cristo sulla Via del Calvario disse: piangete per voi e per i vostri figli!

    Piuttosto stia attento agli insegnamenti proteici suoi e dei suoi compagni che oggi, con Francesco I che vuole ridurre all’osso anche i “tradizionalisti” brillantisti e conciliaristi come quelli che ha licenziato (SENZA RAGIONE ) dalla Congregazione del Culto divino, diventano “causa” di odio papale!!!!!

    Lo vede che la Penitenza di lefeburiana memoria produce sempre i suoi salutari effetti!

    CONTINUI A LEGGERE MAGISTER:
    ==========================================================
    La seconda decisione presa da papa Francesco in campo liturgico è stata di sostituire in blocco i cinque consultori dell’ufficio delle celebrazioni papali.
    ===========================================================

    Ma oltre alle due decisioni citate, papa Francesco ne ha presa in via riservata anche una terza: ha bloccato l’esame intrapreso dalla congregazione per la dottrina della fede sulle messe delle comunità neocatecumenali.

    L’ordine di accertare se in queste messe si compiano degli abusi liturgici, e quali, era stato dato personalmente da Benedetto XVI nel febbraio del 2012:

    L’avvio dell’esame era risultato decisamente sfavorevole al “Cammino” fondato e diretto da Francisco “Kiko” Argüello e Carmen Hernández, da sempre molto disinvolti nel modellare le liturgie secondo i loro criteri.

    Ma ora essi si sentono al sicuro. Hanno avuta la conferma dello scampato pericolo dallo stesso Francesco in una udienza del 5 settembre che gli aveva accordato.
    ……….CONTINUA A LEGGERE

    http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350621

  75. J scrive:

    Tanto per capire…. Dice Bergoglio su twitter, “preghiamo Dio per le vittime del tragico naufragio di Lampedusa” ma Dio non poteva impedire l’affondamento del barcone con 300 e passa persone a bordo e alcuni bambini ? Evidentemente non era interessato all’accoglienza altrimenti non avrebbe fatto affondare il barcone. E gli ulteriori 200 di oggi finiti a mare ? Malgrado l’interessamento di Bergoglio ? Non è strano ?

    • timorato scrive:

      x J

      la morte degli innocenti è uno dei più tremendi misteri della vita!
      ad esso si collega il Mistero della Morte dell’Innocentissimo Figlio di Dio Gesù il Nazareno che “passo facendo del bene a tutti”!!!!!

      Fin quando lei vorra spiegare il Mistero di Dio (e della Sua Rivelazione= ri-velazione) con i suoi teoremi, si trovera sempre nel fosso illuminato dalla luce
      limitata, la luce di Dio non ha confini, e viene elargita ai Suoi amanti e non ai Suoi studiosi!

      • J scrive:

        @ timorato
        “la morte degli innocenti è uno dei più tremendi misteri della vita!”

        Distinto timorato, Come fa a dire che è un mistero ? Forse perché lei non sa dare una spiegazione coerente al fenomeno ? Ma ciò non significa che non ci sia una spiegazione coerente e logica che altri hanno compreso chiaramente. Quindi lei basa la sua asserzione solo sull’ignoranza del problema.

        Le assicuro che la spiegazione chiara e comprensibile c’è. E’ perfino scritta in Rivelazione.
        “E il sesto angelo suonò la sua tromba. E udii una voce dai corni dell’altare d’oro che è dinanzi a Dio dire al sesto angelo, che aveva la tromba: “Sciogli i quattro angeli che sono legati presso il gran fiume Eufrate”. E furono sciolti i quattro angeli, che sono stati preparati per l’ora e il giorno e il mese e l’anno, per uccidere un terzo degli uomini.(Riv 9.13-15)

        Non c’è nessun mistero. “potete rendervi conto della mia comprensione del sacro segreto del Cristo. In altre generazioni questo [segreto] non fu fatto conoscere ai figli degli uomini come ora è stato rivelato ai suoi santi apostoli e profeti mediante lo spirito”</i< ( Efe 3.4-5)
        Ha notato non è un mistero, era un segreto ma è stato rivelato.

    • Cherubino scrive:

      Strano ? Di strano c’è che qualcuno possa sragionare come fa lei e dica che quei poveracci sono morti perchè Dio non voleva farli arrivare in Italia.
      Lei adora il dio di Hitler e di Stalin, non quello cristiano.

      • macv scrive:

        ma il Dio cristiano caro Cherubino perchè allora permette
        la Shoah e i cinque milioni di morti nei campi stalianiani?
        nel vangelo è detto “neppure un capello del vostro capo cadrà se Dio non lo vuole”.
        allora come la mettiamo? Dio non esiste? Dio esiste ma non è onnipotente e quindi non può salvare gli innocenti?
        lei caro Cherubino come la spiega la Shoah’ so di tanti ebrei che non si davano pace che Dio avesse potuto permettere tutto questo.
        Dio lo ha permesso. ha permesso la Shoah e ora permette che innocenti non solo colino a picco nel mediterraneo ma muoiano di fame un po’ ovunque in Africa siano torturati uccisi oppure muoiano di AIDS.
        lei, caro Cherubino, che sa tutto , che ha una risposta pronta per tutto, che è capace di SPIEGARE tutto, come lo spiega questo mistero?
        oppure anche per lei caro Cherubino esiste un MISTERO non spiegabile?
        “Le Mie vie non sono le vostre vie”

        • giovannino scrive:

          caro macv , mi stupisco di questo commento . Posso capire lo sgomento di un rabbino per la Shoah , perchè la religione ebraica crede che la giustizia di Dio si manifesti già su questa terra. Certo che Dio permetta tanta malvagità , può lasciare perplesso anche un cristiano , ma non contrasta la sua ( nostra ) fede. Infatti un cattolico colto , come te, dovrebbe sapere come il Manzoni che nonc’è giustizia a questo mondo . Kant poi sostiene ottimamente che il migliore argomento razionale per credere nel Giudizio finale , è proprio la palese ingiustizia del mondo. Dio è giusto e “deve” distinguere tra le buone e cattive azioni. Personalmente trovo traccia della dottrina kantiana nel libro sacro dedicato alla teodicea. Non è ragionevole pensare che Giobbe , ormai vecchio , abbia ricevuto ,in questa vita, tutta la sua numerosa famiglia e il suo ingente patrimonio moltiplicati ,non ricordo se per sette , per dieci o per che altro fattore. Giobbe , con la sua giustezza , aveva accumulato un tesoro in cielo, maggiore di quello che aveva posseduto sulla terra e l’ agiografo , che scrive quando ancora la dottrina del Paradiso non erano nota , esprime così questa verità. Inoltre il Messia è già venuto e ha annunciato che il suo Regno di pace e giustizia non è di questo mondo come credono gli ebrei , che lo aspettano ancora.Ma noi cristiani sappiamo che non tornerà per rendere giusto QUESTO mondo, la Gerusalemme storica, ma a far nuove tutte le cose nella Gerusalemme celeste ( la Terra promessa dell’ A.T. , che non è la Palestina geografica ).

      • J scrive:

        @ cherubino
        “Lei adora il dio di Hitler e di Stalin, non quello cristiano.”
        Ma sig. cherubino, che dice mai ? Il Dio non è mai cambiato è sempre quello. Prima di Gesù e dopo Gesù che lo pregava di notte e lo ha perfino fatto uccidere malgrado la richiesta : “Allontana da me questo calice”. Lo ha dimenticato ? forse si riferiva al dio cattolico…?

        Però, lei che è bene informato, ha qualche idea, come fanno i clandestini ad avere il telefono satellitare col quale mettersi in contatto con qualcuno e perfino il GPS per segnala la posizione ?
        Essi sanno per certo che stanno commettendo un azione illegale, però si premuniscono di telefonare a qualcuno per farsi raccogliere segnalando con precisione la posizione. Possibile che siano così organizzati se non avessero una certezza che qualcuno li soccorrerà sebbene l’azione sia illegale ?
        Magari hanno un contatto in Vaticano che girerà l’informazione alla Guardia Costiera. Che dice è possibile ?

        p.s.
        forse il Dio di Gesù è meno compassionevole di quanto lei si sia immaginato. Possibile ?
        “Ora se comincia prima da noi, quale sarà la fine di quelli che non sono ubbidienti alla buona notizia di Dio? “E se il giusto è salvato con difficoltà, dove si mostreranno l’empio e il peccatore?”( 1Pie 4.17-18) E poichè l’illegalità è peccato….

        • Cherubino scrive:

          confermo che l’arroganza e l’empietà delle cose che scrive sono degne di un idolo pagano e scellerato, come quello adorato da Hitler e i suoi compagni.
          Lei non è cristiano.

          • anastasia scrive:

            Ha ragione Cherubino! E’ un tdg. Loro hanno sostenuto l’olocausto degli Ebrei e si sono schierati con Hitler. E’ inutile parlare con gente così!

            http://www.infotdgeova.it/compromesso.htm

          • J scrive:

            @ cherubino
            “Lei non è cristiano.”

            Si, ha ragione. Di questo tipo di cristianesimo non so che farmene.

          • J scrive:

            @ cherubino
            “Lei non è cristiano.”

            Si, ha ragione. Di questo tipo di cristianesimo non so che farmene.

            @ anastasia
            “E’ un tdg. Loro hanno sostenuto l’olocausto degli Ebrei e si sono schierati con Hitler.”

            Distinta sig.ra Anastasia, prima di lanciarsi in bizzarre acrobazie dialettiche, provi prima a leggere “triangoli viola” Qui:
            h**p://www.cristianitestimonidigeova.net/articolo.aspx?Articolo=750
            h**p://www.triangoloviola.it/terracina.html
            h**p://www.triangoloviola.it/comhaus.html

            p.s.
            Ha qualche idea di come possano aver sostenuto il nazismo se erano già stati messi al bando ? Credo che non ha nemmeno letto ciò che è scritto nel sito da lei indicato : “Noi continueremo a conformarci alle disposizioni del bando emanato nei nostri confronti perché siamo certi che Lei, Signor Cancelliere, o i governi dei Länder, una volta a conoscenza della realtà dei fatti, vorrà abolire tali misure restrittive, a causa delle quali decine di migliaia di cristiani, uomini e donne, potrebbero subire un martirio simile a quello dei primi cristiani.”
            Sparare a vuoto non aiuta !

          • J scrive:

            @ cherubino
            “Lei non è cristiano.”

            Ho mancato di spiegare perchè non amo questo cristianesimo. Non amo i cristiani che si fanno il bango nella vasca da 15.000€ preferisco la doccia. E poi ci sono tante altre cosette di prima e di poi.
            Stia bene sig. cherubino, non se la prenda io preferisco la verità alla convenienza.

          • Cherubino scrive:

            Lei fa solo tantissima retorica da quattro soldi, propaganda politica.

          • anastasia scrive:

            Già J-Sal preferisce la Bethel di New York con piscine, saune, aerei privati, limousine e gli investimenti negli hedgefund con i narcotrafficanti e i trafficanti di armi. Le Cinque stelle dei testimoni di geova!

            http://freeforumzone.leonardo.it/lofi/IPOCRISIA-GEOVISTA-/D8637347.html

          • anastasia scrive:

            E quanto alla vostra collaborazione con Hitler, egregio, le sue menzogne non annientano la triste realtà! Rilegga la lettera che voi tdg avete inviato a quel demonio!

            http://www.infotdgeova.it/compromesso.htm

  76. macv scrive:

    Riferendo dell’incontro di Schulz con Bergoglio sualla strage di Lampedusa mi imbatto in queste incredibili parole di Galeazzi :

    L’intero Europarlamento attende la visita di un Papa di “straordinaria apertura mentale”. Ma Bergoglio non ama le passerelle mediatiche senza effettivi risultati pratici quindi un blitz papale a Strasburgo avrebbe una serrata “agenda” di temi.

    troppo divertente!
    Il papa di “straordinaria apertura mentale” (mentre Benedetto XVI era ovviamente un ottuso dal cervello piccino e Giovanni Paolo II un polacco chiuso e vecchio stampo ) “non ama le passerelle mediatiche” ( ah, no? davvero ? a noi era sembrato il contrario era sembrato che amasse alla follia le passarelle mediatiche…)
    “senza effettivi risultati pratici” ( ah, ecco con questa precisazione si spiega tutto, le passerelle van bene ma solo se danno risultati pratici, se no machimelofafa’? )

    Dico che sono divertenti ma solo perchè bisogna ridere per non piangere.

  77. macv scrive:

    Anche se da ridere c’è molto poco: ovviamente un altro barcone con 250 anime si è rovesciato, ovviamente a 70 miglia a Lampedusa e a 60 miglia da Malta, ovviamente malta ha detto occupatevene voi italiani, ovviamente le navi della marina militare italiana sono partite per cercar di salvare i disgraziate naufraghi…
    e ovviamente noi italiani , oltre che salvare i naufraghi , dobbiamo vergognarci!

  78. Eremita scrive:

    A me non tornano i conti: ancora nessuno fra i tanti sociologi che impazzano sulle televisioni ha mai portato un resoconto anche solo approssimativo delle persone che arrivano in Italia sui barconi: quanti sono i rifugiati politici veri e propri ? quanti quelli che semplicemente vogliono andarsene? Quanto hanno pagato agli scafisti? costa tanto mettere su una decina di uffici del ministero degli esteri in Libia per accertare lo status dei veri rifugiati politici eventuali, e poi mandarli in Italia su navi apposite, decenti e sicure? i nostri servizi segreti invece di approntare dossier sui politici nostrani, non possono scollare il sedere dagli uffici ed andare a fare una lista di scafisti e neutralizzarli sul posto ( con quello che ci costano i nostri 007 incollati sulle sedie a Roma..)? Se mi rispondono su questo, in forma convincente, sono anche disposto a farmi carico di un rifugiato…ma so già che non corro nessun rischio.

    • J scrive:

      Mi sa che tra un pò decideranno di mettere un servizio traghetto veloce da Misurata a Lampedusa così costerà meno trasportare gratuitamenti “i migranti” (risparmieranno sulle casse da morto, la benzina delle navi di pattuglia, gli aerei da ricognizione i satelliti di sorveglianza e quant’altro.) Poi li trasporteranno “in continente” e riceveranno biglietti gratuiti per il treno ( pendolino superveloce) per destinazioni nordiche. Tanto le tessere per telefonare a casa sono già gentile omaggio del papa. Finiranno così tutte quelle regole burocratiche del ministero per l’immigrazione, permessi di soggiorno, insegnamento della lingua italiana, contributo giornaliero documenti vari e quant’altro. Facile, semplice veloce. La vostra soddisfazione è il nostro mestiere. E se qualcosa va storto si potrà istituire il reclamo via web per ricevere le scuse e la promessa che sarà rimborsato per l’inconveniente. Con coroncina del rosario e santino allegato. W la fratellanza mondiale. Alla faccia dei pensionati nostrani che dopo 40 anni prendono 500€ al mese (v. precari)

      • Cherubino scrive:

        anche su questo ha torto marcio. Magari un giorno vi fosse la possibilità per questa gente di prendere un normale traghetto, di arrivare sulle nostre coste senza essere certi di essere rimandati indietro, se non “respinti” in mare, di presentarsi ad un ufficio che prese le generalità conceda un permesso di soggiorno e così alla luce del sole contribuire al benessere proprio e del nostro paese, che dopo alcuni anni divenga anche il loro paese.
        Hanno fatto così gli italiani che si sbarcavano a New York, napoletani, calabresi, triestini, veneti, lombardi … si pagavano il biglietto per la traversata oceanica, nello scafo affollato ma sicuro. Venivano poi giudicati sul posto per quello che facevano e non per la loro origine e spesso ottenevano grande stima e riconoscimento.
        L’ingratitudine di parte del nostro popolo è indegna sul piano morale, prima ancora che evangelico.
        E la balla dell’immigrato ricco che ruba il pane al povero pensionato grida al cospetto di Dio per quanta disumana falsità contiene. E del resto è provato che i contributi all’INPS dei lavoratori stranieri arricchisce le casse dello Stato, senza neanche avere la certezza di usufruire un giorno dei vantaggi del nostro sistema pensionistico non potendo essere certi di arrivare al minimo pensionistico, per cui è un fatto che le pensioni dei nostri pensionati sono pagate oggi anche dai lavoratori stranieri.
        Il vecchietto con la pensione minima dovrebbe dire grazie all’extracomunitario che viene qui a produrre ricchezza e a versare tasse allo Stato italiano. Al contrario dei grandi evasori di italianità accertata e dinastica, che fregano tanto il “fratello” italiano quanto l’essere umano “straniero”, quindi di serie zeta, di cui sparla come fa lei.

        • Cherubino scrive:

          ANSA del 27 ottobre 2012:

          Gli immigrati sono mediamente molto più giovani degli italiani, e quindi in proporzione tra gli stranieri ci sono più persone in età lavorativa che tra la popolazione italiana. L’età media degli immigrati è infatti di 32 anni contro i 44 degli italiani. Ecco perché, secondo le stime del Dossier sull’immigrazione Caritas/Migrantes, se il nostro sistema pensionistico regge è anche grazie ai circa 7,5 miliardi di euro all’anno di contributi pagati dagli immigrati.
          I lavoratori stranieri (poco più di 2 milioni secondo l’Istat ma 200 mila in più secondo il Dossier che include anche i non residenti) costituiscono un decimo della forza lavoro in Italia e sono determinanti in diversi comparti produttivi.

          • J scrive:

            E questo che c’entra con la religione cattolica ? I cattolici dovrebbero insegnare il vangelo mica fare l’agenzia di collocamento dei clandestini NO ?
            Se interessa potrebbe farli andare tutti a lavorare per il Vaticano, nelle stanze vuote dei monsignori.
            NO ?

          • J scrive:

            @ Cherubino
            “Hanno fatto così gli italiani che si sbarcavano a New York, napoletani, calabresi, triestini, veneti, lombardi … si pagavano il biglietto per la traversata oceanica, nello scafo affollato ma sicuro”

            Sig. Cherubino lei è di animo nobile, lo capisco ma è in errore. Dimentica che gli italiani che emigravano non arrivavano senza documenti per es. non avevano il telefono satellitare con Gps per essere assistiti. Non bruciavano i capannoni di Ellis Island e se proprio ci tiene provi a leggere su Ellis Island ( Casa di prima accoglienza-prigione) Qui : h**p://www.antoniogramsci.com/angelamolteni/ellis.htm

            Dice che si sarebbero lamentati se il cibo non era di loro gradimento ?
            “Truffatori saltavano fuori da ogni dove, rubavano il bagaglio degli immigrati durante i controlli, e offrivano tassi di cambio da rapina per il denaro che questi erano riusciti a portare con sé. Le famiglie venivano divise, uomini da una parte, donne e bambini dall’altra, mentre si eseguiva una serie di controlli per eliminare gli indesiderabili e i malati.”
            Non si faccia fregare anche lei dalla propaganda di regime. Dovrebbe essere testimone della Verità, non della faziosità. E poi, non si capisce come facciano 2 milioni di stranieri a contribuire 7,5 miliardi l’anno. Ha provato a fare la divisione per capire quanto versa ogni immigrato ? Quindi secondo lei 1 decimo della forza lavoro contribuisce per tutti. Mica male… e che fanno gli altri 9 decimi ? E se toglie quel decimo, il sistema produttivo crolla ? Beh, sarebbe ora. Tanto di ingiustizie, preferenze e favoreggiamenti tra caste e amici degli amici, non se ne può proprio più. Vada visitare Ellis Island si accorgerà che Lampedusa è un resort a 5 stelle in confronto.

          • Cherubino scrive:

            si vede che la canna ve la state girando.

          • Cherubino scrive:

            e si vede che lei il Vangelo non lo ha mai letto:

            “Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: «Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi … In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me» Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: «Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato».

  79. Reginaldus scrive:

    cancellato il post sulle istruzioni dell’ Alta Vendita…benissimo! posso almeno fare passare queste due righe – letterali – da quel documento?

    “Quello che noi dobbiamo cercare ed aspettare, come gli ebrei aspettano il Messia, si è un Papa secondo i nostri bisogni.” Cinque ne hanno già avuti, e questo attuale è il meglio di tutti! Lo posso dire???

  80. Reginaldus scrive:

    e intanto posto ache questo:

    altri morti nel mare, sempre di quel genere…. E io ancora qui a VEGOGNARMI!

  81. Reginaldus scrive:

    … nel frattempo, mentre attendo i tempi della moderazione, potrei approfittarne per chiedere in che cosa manco al codice di regolamentazione dei commenti, in inglese al ‘comment code’???

  82. Eremita scrive:

    Qui si continua a mescolare due cose diverse, l’emigrazione ed il fenomeno malavitoso dei traghettatori. L’emigrazione va controllata legalmente, i traghettatori vanno perseguiti ed i loro traffici fermati ad ogni costo.

    • timorato scrive:

      qua il problema non sono i rubagalline ma quelli che ci stanno rovinando la vita da secoli che si chiamano: MASSONERIA INTERNAZIONALE e lei si cura dei traghettarori!!!!!!!!!!

      • Eremita scrive:

        Timorato, a casa sua anche se la vaschetta del water perde sarebbe colpa della MASSONERIA INTERNAZIONALE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

        • timorato scrive:

          x Eremita

          perché vuole proteggere la Massoneria con queste risposte disarmanti ?

          Favorire l’immigrazione in maniera sistematica e ben progettata per i risvolti che sono a monte di cio, mi sembra che non sia un piccolo danno domestico!

          se poi si vanno ad esaminare gli studi che hanno indagato su tale fenomeno si accorgera (se a lei va) anche di questo

  83. Josh scrive:

    tra un po’ ce li imporranno in casa, così oltre che fare saltare l’inps (perchè percepiscono un assegno senza aver mai versato un euro, mentre a noi abbassano le pensioni), esproprieranno anche la nostra già vessatissima casa di proprietà privata. Guardate un po’ il progetto “Rifugiato a casa mia” della Caritas:

    http://www.immigrazione.biz/4316.html

  84. giovannino scrive:

    Quanti soldi ci vorrebbero per salvare i migranti ? Non pochi , ma neppure molti. Basterebbe tagliare le spese per gli F35 . Come ? Ce li vendono gli amici di Luttwak ? Ma , per carità , non pensiamo male , che si fa peccato. Lui è preoccupato per il mantenimento della legalità , mica gli importa del budget del Ministero della Difesa.

  85. Iva scrive:

    fili della storia: VEDERE dove inizia il mito dell’”unione europea”, quando e da chi è stato creato, e a quale fine ultimo, è ora di porsi queste domande; pagine che aprono gli occhi ce ne sono tante sul web, tra cui ognuno può discernere -in scienza e coscienza (sec. parole del papa, OGNUNO segua la propria idea di bene/male, se ce l’ha, ormai nessuno ci detterà norme DALL’ALTO….)- dove sia la vera causa di un fenomeno che si SVOLGE lungo anni e secoli, esplodendo nei suoi “fiori e frutti”, o emergendo a un tratto come i fiumi carsici….
    per tutti quelli che non riescono a veder che cosa sta all’origine degli attuali movimenti migratori che è sempre più difficile controllare, per chi non ha pazienza di leggere un breve scritto, eccovi una una serie didattica di immagini che risale il filo della MITICA Unione Europea, per capire DOVE TALE MITO ci stia portando, nell’incoscienza generale e connivenza dei “poteri forti”:

    http://www.youtube.com/watch?v=hSEtOnTvqXM

    • Iva scrive:

      PROGETTO:

      i popoli dell’Europa devono essere MESCOLATI PER DISTRUGGERNE L’IDENTITA’: l’idea fu elaborata da colui chè ritenuto il “padre di Maastricht”
      ———————————

      L’ESSENZA DEL PIANO KALERGI

      Nel suo libro «Praktischer Idealismus», Kalergi dichiara che gli abitanti dei futuri “Stati Uniti d’Europa”
      non saranno i popoli originali del Vecchio continente, bensì una sorta di subumanità resa bestiale dalla mescolanza razziale. Egli afferma senza mezzi termini che è necessario incrociare i popoli europei con razze asiatiche e di colore, per creare un gregge multietnico senza qualità e facilmente dominabile dall’elite al potere.

      «L’uomo del futuro sarà di sangue misto. La razza futura eurasiatica-negroide, estremamente simile agli antichi egiziani, sostituirà la molteplicità dei popoli, con una molteplicità di personalità».

      Ecco come Gerd Honsik descrive l’essenza del Piano Kalergi
      ———————————–
      Kalergi proclama l’abolizione del diritto di autodeterminazione dei popoli e, successivamente,
      l’eliminazione delle nazioni per mezzo dei movimenti etnici separatisti o l’immigrazione allogena di massa.

      Affinchè l’Europa sia dominabile dall‘elite, pretende di trasformare i popoli omogenei in una razza mescolata di bianchi, negri e asiatici. A questi meticci egli attribuisce crudeltà, infedeltà e altre caratteristiche che, secondo lui, devono essere create coscientemente perché sono indispensabili per conseguire la superiorità dell‘elite.
      Eliminando per prima la democrazia, ossia il governo del popolo, e poi il popolo medesimo attraverso la mescolanza razziale, la razza bianca deve essere sostituita da una razza meticcia facilmente dominabile.
      Abolendo il principio dell’uguaglianza di tutti davanti alla legge e evitando qualunque critica alle minoranze con leggi straordinarie che le proteggano, si riuscirà a reprimere la massa.
      [notare bene quanto segue]:
      I politici del suo tempo diedero ascolto a Kalergi, le potenze occidentali si basarono sul suo piano e le banche, la stampa e i servizi segreti americani finanziarono i suoi progetti. I capi della politica europea sanno bene che è lui l’autore di questa Europa che si dirige a Bruxelles e a Maastricht.
      Kalergi, sconosciuto all’opinione pubblica, nelle classi di storia e tra i deputati è considerato come il padre di Maastricht e del multiculturalismo.
      ….

      • giovannino scrive:

        “bensì una sorta di subumanità resa bestiale dalla mescolanza razziale.”
        Non solo senza Vangelo , ma anche col “Mein Kampf” . VERGOGNA !

        • timorato scrive:

          Il Vangelo non ha mai detto che a tutti i costi ci si deve unire con chi è pagano aiutandolo, ad esempio, nella sua religiosità! Lo si può aiutare per il resto, ma non per forza si è costretti a convivere con loro!
          E questo lo si può affermare anche per evidenti ragioni antropologiche e culturali, anche per non creare disagi da ambo le parti!!!

          quindi questa lettura unilaterale del Vangelo, la rimandi ai protestanti cattocomunisti!!!!

          • Mimma scrive:

            La sua forma di razzismo e totalitarismo è aberrante!
            Menomale che ormai siete stati definitivamente isolati.

          • timorato scrive:

            il mio unico razzismo è per le zitelle inacidite e barbute che non sapendo che fare infastidiscono i loro parroci per cercare di farsi sposare… si per queste capre ho davvero ripugnanza!!!

          • cuba_libre scrive:

            Timorato, cosa intende lei per “pagano”?
            Storicamente parlando, il paganesimo era l’insieme di tutte le religioni politeiste che si opponevano al cristianesimo. Ma parlare di paganesimo oggi ha poco senso, a meno che lei assimila il termine pagano al termine non-cattolico.
            Ma a prescindere da questo, cosa vorrebbe dimostrare con il suo asserto?
            Tanto per fare due esempi che mi vengono alla mante, il mia dimenticato Enrico Berlinguer, segretario del PCI, e ateo era sposato con una cattolica praticante, che andava regolarmente ad aspettare fuori dalla chiesa dopo la Messa, ogni domenica.
            Fra Wojtyla e il presidente Sandro Pertini, anche lui ateo dichiarato c’era un grande rapporto d’amicizia personale oltre che che di ufficialità formale, tano e’ vero che dopo l’attentato P. S. Pietro nel 1981, Pertini ando’ a vegliarlo tutta la notte al Gemelli.
            Per finire, la informo che il termine “cattcomunista”, oltre che essere un non-senso vivente, perche’ non si puo’ essere cattolici e comunisti allo stesso tempo per vie delle genesi di riferimento completamente diverse da cui nascono i due credi, era una terminologia usata in passato da formazioni fasciste di estrema destra, e ultimamente da cicisbei e pitonesse berlusconiani. Si sente assimilato a costoro?

          • cuba_libre scrive:

            Sempre per Timorato.

            Solo adesso sto vedendo il suo post a Mimma che trasuda misoginia da tutti i pori.
            Credo che Mimma le saprà rispondere a tono, ma in ogni caso, leggendo queste frasi, ci sarebbe proprio da meravigliarsi se qualcuno sia tentato di appendervi per le palle al soffitto?

          • timorato scrive:

            x Cuba libre

            sempre se le p….sono di ricotta come gli sbavosi lecca……delle zitelle inacidite! che li hanno incantati con i loro baffi!!!!

            io amo le donne senza baffi e non acide, lei ?

            quindi prima di prendermi per le p……devono passare dalle mie mani che garantisco: fanno venire la luce ai più stolti!!!!

          • Mimma scrive:

            @ timorato di Dio
            Ogni risposta conferma il suo IO represso e depresso.
            Fa tanta pena poveretto!
            Per i preti come lei , il matrimonio sarebbe stata l’unica soluzione.
            P.S. (… non ho ancora i baffi né sessualità represse… forse lei sta facendo introspezione???)

    • Iva scrive:

      DA KALERGI AI NOSTRI GIORNI

      Benché nessun libro di scuola parli di Kalergi, le sue idee sono rimaste i principi ispiratori dell’odierna Unione Europea. La convinzione che i popoli d’Europa debbano essere mescolati con negri e asiatici per distruggerne l’identità e creare un’unica razza meticcia, sta alla base di tutte le politiche comunitarie volte all’integrazione e alla tutela delle minoranze. Non si tratta di principi umanitari, ma di direttive emanate con spietata determinazione per realizzare il più grande genocidio della storia.
      In suo onore è stato istituito il premio europeo Coudenhove-Kalergi che ogni due anni premia gli europeisti che si sono maggiormente distinti nel perseguire il suo piano criminale. Tra di loro troviamo nomi del calibro di Angela Merkel o Herman Van Rompuy. [guarda caso ! provate a chiedervi QUALE merito "umanitario" abbiano questi signori, e quale sia il senso ultimo di quel premio e del personaggio a cui è dedicato.....sempre se gli occhi volete tenerli aperti, altrimenti, come non detto!]
      ….
      “Migrazioni di ricambio: una soluzione per le popolazioni in declino e invecchiamento, l’Europa avrebbe bisogno entro il 2025 di 159 milioni di immigrati. Ci si chiede come sarebbe possibile fare stime così precise se l’immigrazione non fosse un piano studiato a tavolino.
      ….
      L’unico scopo di queste misure è dunque quello di snaturare completamente un popolo, trasformarlo in un insieme di individui senza più alcuna coesione etnica, storica e culturale. In breve, le tesi del Piano Kalergi hanno costituito e costituiscono tutt’oggi il fondamento delle politiche ufficiali dei governi volte al genocidio dei popoli europei attraverso l‘immigrazione di massa. G. Brock Chisholm, ex direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dimosta di avere imparato bene la lezione di Kalergi quando afferma:

      «Ciò che in tutti i luoghi la gente deve fare è praticare la limitazione delle nascite e i matrimoni misti (tra razze differenti), e ciò in vista di creare una sola razza in un mondo unico dipendente da un’autorità centrale»
      [ecco come questo progetto paneuropeo di mix razziale confluisce in quello del NWO:
      una sola razza in un mondo unico dipendente da un’autorità centrale»]

      I sostenitori della Globalizzazione si sforzano di convincerci che rinunciare alla nostra identità è un atto progressista e umanitario, che il “razzismo” è sbagliato, ma solo perché vorrebbero farci diventare tutti come ciechi consumatori. È più che mai necessario in questi tempi reagire alle menzogne del Sistema, ridestare lo spirito di ribellione negli europei. Occorre mettere sotto gli occhi di tutti il fatto che l’integrazione equivale a un genocidio. Non abbiamo altra scelta, l’alternativa è il suicidio etnico: il piano Kalergi.

      http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=210544:il-piano-kalergi-il-genocidio-dei-popoli-europei&catid=35:worldwide&Itemid=152

      (vi consiglio di leggere anche il dibattito sottostante tra i bloggers, perchè è molto istruttivo per capire che cosa la gente SA sul pericolo esaminato, che cosa NON sa, e quali/quanti siano i luoghi comuni alla base di tanti discorsi banali di persone coi paraocchi ideologici massificanti, imposti o auto-imposti che siano, secondo disinformatja di regime).

      • vincenzo da torino scrive:

        @Iva. Se vuole gente che complotta contro l’umanità ne trova a iosa su Internet, come di persone che vogliono soggiogare il mondo oppure che ci allertano che saremo presto soggiogati .Se ne può riempire la testa quanto vuole e non dormire più la notta. La realtà, per fortuna è ben diversa. La globalizzazione è un fatto storico naturale. Il problema è dominarlo e come armonizzarlo a beneficio di tutti. Quello che risulta pericoloso è l’alleanza della componente finanziaria mondiale che, se non regolato dalla politica, veramente può creare grossi guai. Qui sta il problema vero. Purtroppo, come si è visto con Obama, la finanza non vuole regole. Se alla banche, ad esempio, fosse impedita la speculazione , come era già anni fa, non avremmo avuto il collasso del 2008, già ampiamento previsto nel 2006. La banca prende i soldi a tassi bassi dallo Stato e deve essere a disposizione dell’economia e basta. Qui i responsabili sono molti , compreso Bill Clinton che quasi costrinse le banche a dare prestiti per espandere l’economia. Anche la massoneria vuole dominare il mondo e si può alleare con la finanza, ma il suo intento è soprattutto ideologico. Pensare poi che vi sia un programma, magari anche voluto da alcuni pazzoidi, per uccidere l’Occidente ci vuole una buona dose di credulità infantile e da tubati mentali per crederlo! Vuole impazzire e fantasticare?. Lo faccia. Ma non venga a rendersi ridicola qui! Lo fa già in abbondanza con la sua ossessione religiosa stucchevole.

        • timorato scrive:

          x vincenzo

          e lei con quale PROVA PROVATA puo confutare questo discorso?

          perché questa preoccupazione a distogliere lo sguardo da qualcosa che ha un certo fondamento ?

          dove sono le prove provate che la globalizzazione è un fatto naturale ?

          ecco, vediamo se avra il coraggio di rispondere!

          • vincenzo da torino scrive:

            @Timorato. Basta avere un poco di cervello e capacità di analisi, cosa che lei non sa neppure dove trovarli, purtroppo. Tempo sprecato….

          • timorato scrive:

            x vincenz

            e se lei è santo e con il cervello, deve avere la capacita di illustrare le prove PROVATE delle sue affermazioni! anche a chi ne è privo!!!

            non le pare?

  86. Luciano67 scrive:

    Ho avuto occasione di ascoltare Luttwak qualche volta e ho sempre trovato agghiaccianti le sue affermazioni. Non esilaranti, dott. Tornielli, perche’ non c’e’ nulla che faccia ridere nei linciaggi del Ku Klux Klan o nelle violenze perpetrate dalle guardie di frontiera private che in Texas e Arizona vigilano sull’immigrazione dal Messico. Io condivido in toto la posizione del papa sull’immigrazione e di chi vuole eliminare il reato di immigrazione clandestina, in quanto inutile e dannoso, perche’ serve solo a “intasare” procure e questure e non risolve certo il problema dei migranti e sottoscrivo in pieno il post del Dott. Tornielli.
    Mi permetto pero’ una nota: in questo post si fa riferimento alla posizione dei “certi leghisti nostrati”. A me sembra che la posizione di Luttwak sia quella di tutti i leghisti e di tutti i “pidiellini”. Non posso a questo punto non ricordare che Lega e parte pdl si sono sembre dichiarati cristiani cattolici, anzi, difensori dei valori del cristianesimo contro, ad esempio, l’invasione islamica dell’Europa: si veda la teoria dell’Eurabia di Fallaci e Allam (ex-cattolico) e altri, “sponsorizzata” su La Padania, Il Foglio, Libero e Il Giornale ed elevata al rango di ideologia, mi verrebbe a dire di religione. Mi sono sempre chiesto come sia possibile definirsi cristiani e dire di essere felici se un barcone con centinaia di persone affonda o che questi devono essere bombardati, come hanno fatto tanti leghisti. Ma forse, per loro, difendere la cristianita’ significa solo inchiodare i crocifissi alle pareti dei luoghi pubblici e imporre la religione cattolica a tutti. Peraltro, il papa e’ stato criticato anche da altri e nessuno dei cattolici della Lega e del pdl ha speso una sola parola in sua difesa. E sappiamo bene che il Sen. Calderoli defini’ il Card. Tettamanzi “l’Imam di Milano” per le sue parole a favore dell’integrazione e dell’accoglienza. Dimostrando, tra l’altro, una profonda ignoranza del problema, in quanto la maggioranza degli immigrati e’ cristiana (cattolica o ortodossa) in quanto arriva da Sud America o Est Europa o Filippine e persino tra gli immigrati egiziani molti sono cristiani copti (come potrebbe un pizzaiolo musulmano osservante fare le pizze al prosciutto?).
    Se questo e’ l’esempio dei cristiani, allora non ci puo’ stupire se molte persone (come me) non si sentono piu’ minimante interessati a questa Chiesa, indipendendentemente dal fatto che credano o meno in Dio.

    • J scrive:

      “Io condivido in toto la posizione del papa sull’immigrazione e di chi vuole eliminare il reato di immigrazione clandestina, in quanto inutile e dannoso, perche’ serve solo a “intasare” procure e questure e non risolve certo il problema dei migranti”

      Scusi sig. Luciano67 ma dove ha letto che l’Italia debba risolvere il problema dei clandestini ? E come potrebbe farlo secondo lei ? Facendoli lavorare come a Rosarno ? O facendo occupare il municipio di Torino ?
      h**p://www.infoaut.org/index.php/blog/metropoli/item/9243-torino-occupata-lanagrafe-verso-il-
      h**p://www.meltingpot.org/Torino-Occupata-sala-stampa-del-Comune.html#.UlkSRVOxm20

      cosa c’entra la religione con la richiesta (anche violenta) dei clandestini (tollerati dalle mammolette cattoliche) di un benessere che non c’entra nulla con la religione ?

      • Luciano67 scrive:

        Il problema dell’immigrazione dei popoli che vogliono sfuggire a miseria e guerra non puo’ e non potra’ mai essere risolto dall’Italia e non e’ nemmeno giusto chiedere a noi di farlo, ne’ io voglio che sia fatto. Le leggi europee che dicono che dell’accoglienza deve occuparsi il primo Paese in cui gli immigrati arrivano cono leggi assurde, che nessuno dei governanti italiani degli ultimi 20 anni ha potuto o voluto contestare. L’immigrazione e’ un problema mondiale, non italiano. arrivano qui solo perche’ l’Italia e’ quello tra i grandi Paesi piu’ vicino all’Africa. non e’ vero che non arrivino anche in Spagna o Grecia, come la vulgata vuole. Qui pero’ rimangono in pochi, molti vogliono andare nel resto d’Europa. Ma non bisogna confondere l’aiuto umanitario con l’immigrazione. Non capisco come un cristiano possa essere felice dell’affondamento di barconi carichi di uomini ne’ come possa dire che vanno bombardati. Detto questo, e’ evidente che l’Italia non puo’ da sola sopportare l’intero carico dell’immigrazione dal Nord Africa, ne’ che si debba sopportare che gli immigrati pretendano diritti non si sa bene su quale base, magari anche con la violenza. ma questo e’ un altro problema. Purtroppo in Italia persone che ragionano con la testa sono ben poche (e molte stanno nella Chiesa!), la maggioranza degli italiani, come sappiamo, ragiona “con la pancia” e vota di conseguenza. Del, resto, lo squallido panorama politico italiano
        degli ultimi 20 anni ha reso praticamente impossibile che l’Italia fosse considerata un Paese serio. E questi sono i risultati.

      • anastasia scrive:

        Senta femminuccia geovista, capisco che per voi tdg la carità e l’amore è un optional del vangelo. Infatti siete capaci solo di crudeltà come queste!

        http://freeforumzone.leonardo.it/lofi/Sgamati-svergognati-e-dimostrati-falsi-/D4753933.html

    • timorato scrive:

      CARO LUCIANO67

      il problema non lo deve leggere in chiave ideologico-politica, la Fede insegna che a “certe Parole di Consiglio (di Dio)” si deve rispondere SOLO personalmente e non a livello sociale e statale.

      Certo è diabolico respingere e fare affogare gente perché non è in regola o per altri motivi mentre è li e sta per morire.

      Ma poiché la Carità -come insegnano i grandi maestri di Spirito cristiani- inzia da noi stessi, è bene provvedere in tempo e a monte nei riguardi di questo “problema” che è SOLO BEN PILOTATO!

      IL problema non sono gli italiani che non sono veri cristiani!

      Il problema sono quelli che architettano una tale immigrazione per fini non veramente umani.

      • vincenzo da torino scrive:

        @Timorato. Pilotato da lei? La smetta di dire cavolate a ripetizione! Sa cosa è la fame e la miseria?

        • vincenzo da torino scrive:

          Basta ed avanza!

          • timorato scrive:

            qua non si discute sul fatto di non soccorrere gli affamati! e….. magari tramite i governanti !!!!!!!!

            si discute sul fatto che l’avanzata degli immigrati è pilotata per altri fini!

            si possono e si (devono) aiutare nelle loro terre gli affamati, e questo lo possono fare anche molto facilmente i governanti (dei diritti umani???), quelli che dominano il mondo!!!!!!!!!che invece non fanno nulla………………

      • Luciano67 scrive:

        Gentile Timorato, condivido cio’ che del suo “piano Kalergi” ha gia’ scritto Vincenzo da Torino. Teorie, complotti, ne trova quanti ne vuole in Internet e non solo: da chi crede che la Terra sia piatta o che abbia 6000 anni a chi pensa che il virus HIV non faccia venire l’AIDS e che questa si un’invenzione delle case farmaceutiche per vendere farmaci, a chi dice che i vaccini sono dannosi, che il cancro si cura con l’acqua fresca……..Molti credono a qualcosa perche’ questo qualcosa asseconda delle loro idee preconcette. Il piano Kalergi ricorda molto da vicino “i protocolli dei savi di Sion”, che sappiamo a cos’hanno portato. In ogni caso, lei continuera’ a crederci, qualunque cosa si possa dire o fare. Ma e’ nel suo pieno diritto farlo.

        • timorato scrive:

          x Luciano 67

          non è con il pressapochismo e il pregiudizio che si possono confutare argomenti che possono dire: “altro”.

          Ci vogliono sempre le prove provate, e solo dopo si può dire che i discorsi degli altri, siano fantasie o follie !

          Se lei è in grado di opporre queste prove, io sono pronto ad accoglierle, io amo la Verita dei fatti e non chi si serve di essa per manipolarla.

  87. J scrive:

    @ Cherubino
    Distinto sig. Cherubino, non posso far altro che ringraziarla per la sua tenacia sopportando un bastian contrario come me e per avermi ricordato il vangelo di Matteo 25.34-40.(*)
    Come lei saprà meglio di me, si tratta di una parabola o di un esempio, cioè la spiegazione di un concetto difficile in modo più semplice. Una similitudine, un allegoria. Non vuole dire che quell’esempio facile debba essere ripetuto, a caso, nella realtà per avere valore, perché, se riflette sulla parabola, quando Gesù dice :- “ebbi sete e mi deste da bere. Fui estraneo e mi accoglieste in modo ospitale; nudo, e mi vestiste. Mi ammalai e aveste cura di me. Fui in prigione e veniste da me’.” – Correttamente “i giusti” a cui sono rivolte le parole poterono con sorpresa dire di non averlo mai fatto, ma la conclusione è che l’avevano fatto ai “minimi fratelli”.

    Quindi occorre mettersi d’accordo su chi sono “i minimi fratelli” e ciascuno può avere la sua idea, ma volendo essere corretti, non si possono definire “minimi fratelli” di Gesù, coloro che non condividono la sua fede o che la condividono in parte o in modo distorto, infatti fu Gesù stesso a dire : “Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato, ma chi non avrà creduto sarà condannato.”(Mc 16.16) Ponendo così le condizioni precise per essere definiti “minimi fratelli” e lei dovrà concordare con me che nessun mussulmano può soddisfare i due requisiti richiesti per essere “minimo fratello”..

    Comprendo perfettamente che può apparire altezzoso, come una mancanza di modestia, rivestita di presunzione, ma questo è il testo che va rispettato, non ciò che a noi sembra possa essere accettabile. Capisco che l’altruismo e/o la compassione sono elementi che caricano di forte emotività l’argomento, ma credo che tutta la questione su cui si è basata la religione è proprio questa, l’emotività.
    Si è distorto o nascosto il concetto di giustizia solo per dare enfasi al concetto sentimentale di compassione. Credo che le due debbano essere accuratamente calibrate perché come insegna la Bibbia tutto deve essere in equilibrio senza eccessi. Ogni barca affonda per eccesso di peso come ogni uomo si ubriaca per eccesso di vino, così anche il troppo amore è come il miele : “Hai trovato miele? Mangia quanto ti è sufficiente, perché tu non ne prenda troppo e lo debba vomitare.” ( Prov 25.16)
    “Chi è l’uomo saggio, affinché comprenda questo, sì, colui al quale la bocca di Jehova ha parlato, affinché lo dichiari?”( Ger. 9.12) forse Cherubino ?
    (*)
    “Allora il re dirà a quelli alla sua destra: ‘Venite, voi che siete stati benedetti dal Padre mio, ereditate il regno preparato per voi dalla fondazione del mondo. Poiché ebbi fame e mi deste da mangiare; ebbi sete e mi deste da bere. Fui estraneo e mi accoglieste in modo ospitale; nudo, e mi vestiste. Mi ammalai e aveste cura di me. Fui in prigione e veniste da me’. Allora i giusti gli risponderanno con le parole: ‘Signore, quando ti vedemmo aver fame e ti demmo da mangiare, o aver sete, e ti demmo da bere? Quando ti vedemmo estraneo e ti accogliemmo in modo ospitale, o nudo, e ti vestimmo? Quando ti vedemmo malato o in prigione e venimmo da te?’ E rispondendo il re dirà loro: ‘Veramente vi dico: In quanto l’avete fatto a uno di questi miei minimi fratelli, l’avete fatto a me’.( Mt 25.34-40)

    • Cherubino scrive:

      lei sta bestemmiando, i “minimi fratelli” sono tutti gli uomini, in quanto Cristo incarnandosi e dandosi per tutti si è fatto prossimo e fratello di ogni uomo. Del resto affermare che bisogna amare solo “i fratelli battezzati” è così contrario al Vangelo che afferma chiaramente di amare senza nessun riguardo alle appartenenze.
      Decine parole di Gesù lo affermano senza equivoci:

      se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste. (Mt, 5)

      Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti (Luca 14)

      E giusto per far notare il suo in premessa : Matteo 25, 31-46 NON è una parabola.

      • J scrive:

        @ Cherubino
        “lei sta bestemmiando, i “minimi fratelli” sono tutti gli uomini, in quanto Cristo incarnandosi e dandosi per tutti si è fatto prossimo e fratello di ogni uomo.”

        Ma sig. Cherubino, lei dimentica i Farisei…. Gesù non disse mai che quelli erano suoi fratelli, piuttosto : “Guai a voi, scribi e farisei, ipocriti! perché chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini; poiché voi stessi non entrate e non lasciate entrare quelli che stanno per entrare.” ( Mt 23.13-14) E dimentica che ci sono figli di Dio e figli e figli del diavolo ( 1Gv 3.10)
        Vede ? E’ caduto anche lei nella trappola del “sentimentalismo cattolico” e confonde “l’amore” con i vari significati che l’amore ha, specialmente quando l’amore è “agape”. Agape è una forma di rispetto della giustizia che non è sentimentalismo o compassione. Non confonda “l’amore” quale impegno cristiano basato sulla giustizia con l’educazione: “se salutate….” ma salutare non significa avere compassione significa essere educati.
        “Quando offri un pranzo non invitare gli amici…” – Non deve dimenticare il motivo per cui non va fatta l’azione : “perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio” perché “sarebbe per te una ricompensa” chi ha possibilità, non deve usarle per trarre un vantaggio dal suo privilegio, allargando la forbice tra ricchi e poveri spirituali, ma deve saper condividere “le sue ricchezze o possibilità” a beneficio di chi non ha le stesse opportunità. ( Luca 14.14) Quindi non si tratta di un amore per tutti indistintamente, ma di occasioni per insegnare a coloro che non hanno le medesime opportunità, quali sono i vantaggi della Giustizia. Per aver offerto non un cibo materiale ma uno spirituale.
        “Operate non per il cibo che perisce, ma per il cibo che rimane per la vita eterna,”( Gv, 6.27) Vede ? “Chiunque beve dell’acqua che io gli darò non avrà mai più sete, ma l’acqua che gli darò diverrà in lui una fonte d’acqua zampillante per impartire vita eterna”.”</i< ( Gv 4.14) E la samaritana notò che non aveva nemmeno una brocca.

        “E giusto per far notare il suo in premessa Matteo 25, 31-46 NON è una parabola.” – Ha ragione, è una promessa, se le piace di più una profezia. Ma non dimentichi : “Gesù disse tutte queste cose alle folle mediante illustrazioni. Realmente, senza illustrazioni non parlava loro; affinché si adempisse ciò che era stato dichiarato dal profeta, che disse: “Aprirò la mia bocca in illustrazioni, proclamerò cose nascoste sin dalla fondazione”.( Mt 13.34-35)
        Non deve leggere solo ciò che appare a prima vista ed è logico nella frase, ma deve inserirlo in tutto il contesto che conferisce un significato diverso e più ampio. E’ stato l’errore e la presunzione della chiesa in passato.

        • Cherubino scrive:

          Gesù ha trattato i farisei da fratelli. Lei non se ne accorge, ma anche quando Gesù rimprovera, nei vangeli, lo fa con l’apprensione di chi si accorge che le persone che ama sono fuori strada.

          Comunque, vorrei ricordare ai vari cattolici-anti-vangelo (senza non basta, voi non solo ignorate il vangelo, ma lo ostacolate addirittura) che il Concilio di Trento ha scritto a chiare lettere:

          L’economia della salvezza e il mistero della venuta di Cristo.

          Perciò il Padre celeste, padre delle misericordie e Dio di ogni consolazione, quando giunse quella beata pienezza dei tempi, mandò agli uomini Gesú Cristo, suo figlio, annunciato e promesso, sia prima della legge, sia durante il tempo della legge da molti santi padri, affinché riscattasse i Giudei, che erano sotto la legge, e i gentili i quali non cercavano la giustizia, ottenessero la giustizia; e tutti ricevessero l’adozione di figli. Questo Dio ha posto quale propiziatore mediante la fede nel suo sangue, per i nostri peccati, e non solo per i nostri, ma
          anche per quelli di TUTTO L’UNIVERSO
          .

          • J scrive:

            @ Cherubino
            “Gesù ha trattato i farisei da fratelli. Lei non se ne accorge, ma anche quando Gesù rimprovera, nei vangeli, lo fa con l’apprensione di chi si accorge che le persone che ama sono fuori strada.”

            Distinto cherubino, il semplice fatto che abbia trattato i farisei “con l’apprensione di chi si accorge che le persone sono fuori strada” non dimostra automaticamente che essi abbiano cambiato strada.

            Mi permetto anche farle notare che i “veri” cristiani dovrebbero accertarsi di quello che insegna il vangelo, non di ciò che il concilio di Trento ha stabilito dovere essere il credo dei cristiani. Il vero Maestro è uno e non è il Concilio di Trento, ma se anche il concilio di Trento ha stabilito che “Gesù dovesse riscattare i giudei e i gentili affinché ricevessero l’adozione di figli” ciò non significa che tutti i giudei e tutti i gentili abbiano approfittato dell’occasione offerta loro. Altrimenti non ci sarebbe stato bisogno che “l’onore dovesse essere per tutti, ma l’amore per “l’intera associazione dei fratelli” da cui se “intera” significa che è divisa almeno in due parti, i discendenti di Abraamo da Isacco, da considerarsi eredi o seme della promessa e quelli dagli altri figli non eredi. Non crede ?
            Stia bene

          • Cherubino scrive:

            Continuare a fare come se uno non avesse risposto e ripetete i vostri spot pubblicitari come mantra induisti o buddisti.

            Come ho già scritto l’essere fratello è una relazione bidirezionale indipendente. Si è fratelli di qualcuno anche se l’altro non lo accetta, come si è padri di qualcuno anche se il figlio se ne va sbattendo la porta.
            E il vangelo lo conferma.

            La questione della reciprocità subentra sul piano dell’effettività non della sostanzialità della fraternità o della figliolanza. Far dipendere la volontà della mia fraternità dal fatto che sia ricambiata, è proprio ciò che Gesù definisce “fare ciò che fanno i pagani”. Il cristiano, come il suo maestro, cerca di amare al di là del contraccambio, cerca di essere fratello, sorella e padre anche verso coloro che lo disprezzano.
            Gesù amava e ha dato il suo sangue anche per i farisei.

            Voi siete “carnali” per dirla con un termine di S. Paolo. Conoscete l’amore interessato, l’amore commerciale. Non la purezza dell’amore-dono.

            Il Verbo divino ha deciso di farsi fratello di ogni uomo incarnandosi in Gesù di Nazareth.

            Comunque, vedo che non ha replicato all’affermazione di anastasia secondo la quale lei è un Testimone di Geova. Se è così la chiudiamo qui, perchè la vostra ideologia è talmente chiusa e infarcita di errori grossolani che vi rifiutate di vedere che è solo tempo perso discutere con voi.

        • anastasia scrive:

          Che ridere! le parabole sono diventate illustrazioni! Che ridicoli questi TDG!!!! Che dramma!

          http://freeforumzone.leonardo.it/lofi/Chiedeva-GIUSTIZIA-Un-altro-suicidio-Quando-finir-/D4753785.html

          • J scrive:

            @ anastasia
            “Che ridere! le parabole sono diventate illustrazioni! “

            “La parabola è un racconto breve il cui scopo è spiegare un concetto difficile con uno più semplice o dare un insegnamento morale.” – Wikipedia

            La parola greca parabolè (accostamento, raffronto) ha un significato più ampio dei termini italiani “proverbio” e “parabola”. “Illustrazione” è un termine più generico, fra i cui significati sono da includersi “parabola” e in molti casi “proverbio”. Un “proverbio” racchiude una verità espressa con linguaggio vivace, spesso metaforico, e una “parabola” è un paragone o una similitudine, una breve narrazione, di solito immaginaria, da cui si ricava una morale o una verità spirituale.

            Diz. Treccani
            paràbola s. f. [dal lat. parabŏla, gr. παραβολή, der. del tema di παραβάλλω «confrontare»]. –

            1.
            a. Presso i Greci e i Latini, termine che significò propriam. comparazione, similitudine, per mezzo della quale si chiarisce un argomento difficile avvicinandolo a uno più chiaro e più noto, .. la narrazione di un fatto immaginario ma appartenente alla vita reale, con il quale si vuole adombrare una verità o illustrare un insegnamento morale o religioso;

            b. raro e ant. Con sign. generico, racconto immaginario a carattere didascalico o tendente a illustrare una verità morale
            illustrazióne s. f. [dal lat. illustratio -onis]. –

            1. L’opera, l’attività dell’illustrare (nelle accezioni 3 e 4 del verbo): i. di un passo poetico oscuro, di una teoria; dotta, esauriente i.; i. filologiche, storiche; i. delle bellezze artistiche, …
            Non fa ridere….. !

        • Cherubino scrive:

          le faccio poi notare che voi volete che la Chiesa riprenda gli altri, ma quando lo fa con voi non ne riconoscete l’autorità.
          I veri farisei di oggi, ipocriti come quelli di allora, siete voi.

          • J scrive:

            E’ sua facolta pensarla come preferisce. IO le ho offerto una mia spiegazione. Se non la ritiene di suo gradimento non ho alcun problema. La leggerò comunque. Le ho offerto uno spunto per meditare.
            Stia bene

      • J scrive:

        @ Cherubino
        “lei sta bestemmiando, i “minimi fratelli” sono tutti gli uomini, in quanto Cristo incarnandosi e dandosi per tutti si è fatto prossimo e fratello di ogni uomo.

        Come già ho scritto, ognuno può avere la sua opinione sui “minimi fratelli” ma ritengo di dover aggiungere qualche ulteriore dettaglio su cui può riflettere.
        Ne parla Pietro:
        “ Onorate [uomini] di ogni sorta, abbiate amore per l’intera associazione dei fratelli, abbiate timore di Dio, mostrate onore al re.” ( 1Pie 2.16-17) Osservando bene l’onore che si deve a uomini di ogni sorta, è diverso dall’amore per “l’intera associazione dei fratelli” Non le pare che anche questa sia una differenzazione che va ad indicare che non tutti gli uomini sono “minimi fratelli” ? e noti che la parola “intera” ha un suo specifico significato altrimenti non avrebbe avuto motivo di specificare “intera”
        Dice Paolo : “Poiché in realtà egli non viene affatto in aiuto degli angeli, ma viene in aiuto del seme di Abraamo.” (Ebrei 2.16) Quindi non viene in aiuto di tutti gli uomini, ma solo dei figli di Abraamo.
        Chi è quindi il seme o figli di Abraamo ? Spiega Paolo – “Poiché non tutti quelli che [sorgono] da Israele sono realmente “Israele”. Né perché sono seme di Abraamo sono tutti figli, ma: “Quello che sarà chiamato ‘tuo seme’ verrà da Isacco”. Cioè i figli della carne non sono realmente i figli di Dio, ma i figli della promessa sono considerati come seme.” ( Rm 9.6-8)
        Così fa una distinzione fra figli della carne (o figli di Dio) e figli della promessa (figli di Abraamo tramite Isacco) e gli altri figli di Abraamo. Figli di Abraamo eredi della promessa e figli non eredi della promessa. Non può quindi pensare che tutti gli uomini siano i fratelli di Cristo. No ?
        Stia bene

        • J scrive:

          Errata corrige : Leggi – Così fa una distinzione fra figli della carne (o NON figli di Dio) e figli della promessa (figli di Abraamo tramite Isacco)

          Mi scuso

  88. vincenzo da torino scrive:

    Sugli immigrati si fanno tanti pasticci dialettici e dei bei calderoni. E’ assodato che l ‘Italia(come la Germania che ha appositamente fatto arrivare molti turchi per le sue industrie) senza immigrati non potrebbe sostenere la sua economia e tante fabbriche del centro e del nord chiuderebbero. Qui si tratta di persone regolarmente inserite nel lavoro sia industriale come agricolo che contribuiscono notevolmente a mantenere il sistema pensionistico in equilibrio. La stessa cosa riguarda l’esercito di badanti che accudiscono i nostri vecchi(finchè vi saranno i soldi delle vecchie pensioni!). Qui il nero però domina e contributi all’economia è relativo. La nota dolente è il settore edilizia. E’ vero che i nostri giovani fuggivano da questi lavori preferendo l’impiego o il lavoro in fabbrica(ora di meno) e pertanto l’impiego di manodopera immigrata era una necessità. Da rilevare comunque che gli imprenditori preferiscono spesso gli immigrati solo perché accettano condizioni di lavoro ed economiche inferiori. Presto però nacquero piccole imprese edili di ogni qualifica( elettricisti, tubisti, riscaldamento, piastrellisti ecc) di immigrati che hanno fatto una guerra spietata e sleale con quelli italiani lavorando quasi del tutto in nero con prezzi stracciati e spesso sfruttando i loro connazionali. Qui il danno all’economia e al tessuto imprenditoriale artigianale è stato enorme. Sono mancati i controlli! Un esempio: un mio amico aveva una ditta di impianti industriali che lo aveva reso benestante. Impiegò operai rumeni i quali dopo due anni fecero una loro ditta e in breve lo fecero chiudere, naturalmente quasi tutto in nero e prezzi stracciati. Lamentava che da lui la finanza veniva regolarmente a fargli le pulci, dai rumeni la finanza semplicemente non andava….oppure qualche volte beccati (senza un soldo o beni immobili volatizzati)in pochi giorni erano al lavoro con un’altra ditta…
    E’ chiaro che ora l’immigrazione debba essere attentamente controllata, vista anche la situazione di crisi . Ci si trova in situazione drammatica. Nel Nord Africa le guerre spingono disperati a rischiare la vita per cercare un avvenire. Qui occorre una regolamentazione del diritto di asilo e che tutta l’Europa intervenga. Sono soldi ben spesi. Ma il grosso viene da tutta l Africa. Persone che sfuggono dalla miseria e giovani che cercano un avvenire migliore sopportando itinerari di dolore incredibili. Non vi è nessun piano di politico che lo sta organizzando, come qualche buon tempone scriteriato può pensare. E’ la fame e il loro futuro. Diciamo un flusso naturale, senza escludere che i vari governanti lo facilitino per liberarsi di tante bocche, come successe per gli zingari in Romania. Credo che l’Europa intera debba muoversi velocemente ed unita per bloccare questi flussi. Non li possiamo ricevere tutti pena lo sfaldamento del tessuto sociale ed economico. E poi non va mai dimenticato che lo stato debba sempre per primo pensare ai propri cittadini, non per egoismo, ma per giustizia. Ad esempio: non farsi fregare da chi fa il congiungimento famigliare con la madre per prendere i 500 euro e poi la stessa se ne torna al paese a vivere bene con questi soldi! Qui in buonismo ci fa fessi!

  89. timorato scrive:

    visto che i paladini della giustizia(????) -avversi solo alla Chiesa- di questo blog, hanno sorvolato su questo interessante argomento lo posto di nuovo.

    al di la di certe argomentazioni più o meno discutibili che appaiono nel video, mi sembra necessario una riflessione che il video propone a proposito della immigrazione di massa verso l’Europa che come si vedrà non è un fenomeno naturale.

    ===========================================================

    IL PIANO KALERGI E IL GENOCIDIO DEI POPOLI EUROPEI

    http://perchiunquehacompreso.blogspot.it/2013/07/il-piano-kalergi-e-il-genocidio-dei.html

    • vincenzo da torino scrive:

      @Timorato. Se lei vuole continuare a fare il gonzo è libero di crederci! Ora faccio anch’io un bel piano e magari qualcuno ci crede pure.

      • timorato scrive:

        x vincenz

        le prove provate !!! le prove provate!!!

        le prove provate ci vogliono!!!: per smentire e non: “il seminar dubbi”!!!!!!

        perché poi, lei è cosi avverso anche col beneficio del dubbio a tale discorso ?

        non sarebbe il caso di valutare e produrre le prove provate dei nostri discorsi, dei nostri convincimenti sia a noi stessi che agli altri, prima di parlare senza ragionare ?

        • vincenzo da torino scrive:

          Perché occorre un genio per comprendere che su qualunque fatto vi è sempre qualcuno che vuole proporsi per manipolare i dati e farne un suo dominio? Capire che la globalizzazione sia un fatto naturale non occorre un genio. Vi possono essere governi che lo contrastino oppure chi pensa di usarla per propri fini. Non cambia la natura del fatto. Anche nella savana amazzonica arriva la radio e nella favelas la televisione. La conoscenza si è globalizzata e di pari passo va anche l’economia. Tutto dipende come la si vuole regolare e a beneficio possibilmente di tutti e non solo dei centri di potere economico e finanziario che già crea non pochi problemi. L’unico che può fare qualcosa è la Politica degli stati. Quindi anche una pressione comunitaria perché questi bene operino. I pazzi esaltati li mettiamo in gabbia, dove un poco di fresco gli possa togliere la nebbia e l’arroganza. Semplicemente ignorarli.

          • timorato scrive:

            bisogna vedere se sono pazzi o vittime di regime che magari hanno il vezzo di dire la Verita’!

            dice sant’Agostino: “..solo i pazzi e i bambini dicono la verità”

          • vincenzo da torino scrive:

            @Timorato. Come al solito non brilla per intuizione” I pazzi alla Kalergi e i creduloni come lei, amanti delle cospirazioni ad ogni costo e delle rivelazioni di Madonne e Taumaturghi sul futuro catastrofico umano e cattolico.

      • Luciano67 scrive:

        stia attento Vincenzo….qualcuno che ci crede lo trova di sicuro. Ha letto Il Pendolo di Focault di Eco?

        • timorato scrive:

          in ultima analisi questo suo discorso “delicato” deve per forza portare a respingere senza nemmeno il beneficio del dubbio, ogni tesi che non sia la sua ?

          anche a lei, le prove provate ?

          altrimenti (anche) col beneficio del dubbio (mica tanto!) non si faccia ostracismo indiretto e subdolo!!!!

  90. timorato scrive:

    pensiamo sempre alla Madonna di Fatima che ha parlato di un antipapa massone!

    pensiamo alla Madonna che non può dirci cose false e cattive!

    pensiamo che un Papa, come Francesco non può lanciarsi con questi discorsi demagogici e poi non curarsi dei suoi figli (italiani) ad esempio! quando in Italia
    sono aumentati i suicidi per perdita di lavoro, se non fosse interessato a proteggere
    la facciata di regime, la facciata di quei “democraticamente” eletti,che non possono subire il grido di vergogna da parte di un papa loro amico!!!!AVREBBE DA TEMPO SVERGOGNATO CHI DI DOVERE!!!!!!

    ALTRO CHE SANTO DELLA GIUSTIZA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Se il Papa vuole veramente svergognare gli autori della crisi economica e tutte le miserie del mondo, sa a chi sgridare!!!!

    faccia nomi e cognomi, solo cosi fara l’eroe!!!!!difensore della giustizia e della giustizia sociale!!!!!!!!!!!!!!!!

    • vincenzo da torino scrive:

      @Timorato. Lei si che è un bel demagogo! Non ha di meglio da fare che inorridirci con le sue elucubrazioni cervellotiche? Dicesse almeno cose decenti…dei gran minestroni. Si ritiri in un convento e preghi, come detto ad Iva. Forse lì è utile, altrove è solo di inciampo e di ostacolo alla fede cattolica.

      • timorato scrive:

        vincenzo da torino scrive:

        12 ottobre 2013 alle 13:35

        “…… I pazzi esaltati li mettiamo in gabbia, dove un poco di fresco gli possa togliere la nebbia e l’arroganza. Semplicemente ignorarli”
        ===========================================================
        CARO VINCENZO

        quale sarebbe la fede cattolica che professa lei, quella che le fa lanciare le suddette minaccie da regime della più spietata e disumana specie ?

  91. timorato scrive:

    x Andre

    lei che è cosi impegnato a far emergere la presunta continuita di Francesco con Bendetto XVI, potrebbe farmi vedere dove non c’è rottura e ideologia, nel provvedimento attuato da Francesco I, che di seguito posto ?

    Se non ci fosse rottura e di conseguenza ideologia non avrebbe sostituito “addetti” al Culto divino, senza nessuna ragione e senza nessuna ragione perché erano da poco a questo servizio e con una certa competenza!
    —————————————————————————————————–
    La seconda decisione presa da papa Francesco in campo liturgico è stata di sostituire in blocco i cinque consultori dell’ufficio delle celebrazioni papali.

    CONTINUA A LEGGERE

    http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350621

  92. André van Delft scrive:

    Two days ago Pope Francis received Martin Schulz, president of the European Parliament. It appears both men are keeping the European civilians responsible for the boat disasters, and immigrants should be more welcome in their view.
    If a bridge would be built across the Mediterranean Sea then Europe’s civilization will collapse under the influx; it is already under high pressure because of immigration.
    Else people will be provoked to make the risky trip overseas to Europe, as long as the European leaders allow the African immigrants to stay.
    By now the self-righteous must know the consequences of their idiotic ideals. I accuse them of malice. Among “them” are Schulz and Francis. The latter is the new leader of my church. I have very mixed feelings about him because he does also good things. Please dear Pope, come to your senses.

  93. peccatore scrive:

    Timorato,
    provi a fare un po’ più onore al suo nick.
    Infatti il timor di Dio, dono dello Spirito santo, è il primo gradino della sapienza, vertice dei doni dello Spirito.
    S. Agostino (non un pinco pallino qualsiasi…) ebbe modo di correlare il timor di Dio alla prima invocazione della preghiera che Gesù ci ha insegnato, rivolta al Padre (“sia santificato il Tuo nome”) e alla beatitudine dei “poveri in spirito” (che non è lo Spirito santo, ma riguarda quella povertà che ci fa capaci di non essere arroganti e tronfi dei beni di cui disponiamo).
    Essere poveri in spirito è rinunciare a vanità e superbia, compreso il “reputarsi grandi”, che fa -di chi poco associa al timor di Dio la povertà di spirito- dei “palloni gonfiati”: anche la scienza, la teologia, la sensazione di essere più giusti e di diventare perciò aggressivi sono a rischio di perdere la corretta proporzione (noi siamo comunque creature, dei malati da guarire, dei perduti da salvare e Dio è colui che crea, che guarisce e che salva).
    Il problema non riguarda solo i cristiani tradizionalisti, ma anche quelli conciliaristi, i più rivolti “a destra” o “a sinistra” (risibile catalogazione), i “fascisti” e i “comunisti” (ridicola altrettanto).
    Essere timorati di Dio rende umili, perciò poveri in spirito, perchè sia santificato il nome del Padre e non il nostro. La superbia rende avidi dei beni terreni e troppo schiacciati sulle modalità di gestirli. E’ vero che c’è un disegno anticristiano; è vero che si sta cercando programmaticamente di destabilizzare l’occidente cristiano. E’ vero che c’è un potere mondiale che sa ciò che sta facendo. E’ vero che ci sono gonzi che crtedono che tutto ciò non esista oppure lo sanno, ma strepitano il contrario perchè serve anche chi non faccia usare troppo il cervello.
    Eppure il timorato di Dio non può esprimersi con tracotanza.
    Il timorato di Dio santifica il nome del Padre. E’ un povero in spirito. E’ beato.
    Si fida del Signore. E ama la Chiesa.

  94. maria elena scrive:

    Il flusso di ‘migranti’ (che non sono migranti, ma per 95 % giovani che hanno pagato molto per il ‘traghetto’ in Europa, dove pensano di trovare ricchezza…) è indirettamente la colpa del Papa e di politici che danno segnali: “Venite, venite qui da noi; una volta qui da noi non dovete mai più tornare a casa!!”
    Quelle persone rischiano la loro vita, e lo sànno prima di venire in Italia.
    Ma un altro pericolo è che con l’immigrazione Italia, ed Europa, rischiano di far distruggere la società in TUTTI PAESI EUROPEI, perchè i numeri sono già troppo alti per i nostri paesi. Disoccupazione, criminaltà, ancora più islam, etcetera.
    Gli ‘immigranti’ (clandestini) vanno in Germania (2013 quasi UN MILLIONE!) e ai altri paesi nel nord. Italia è troppo povera per loro. Quei giovani sanno che nel nord avranno soldi e case dello stato (quasi mai lavoro).
    Alla fine nessun paese sara in grado di poter soppravivere questo DISASTRO di IMMIGRAZIONE (soltanto di persone senza educazione, dall’Africa e Asia).
    Per i nostri figli e nipoti dobbiamo SALVARE i nostri paesi! Perchè fra 20, 30 anni Italia, Ingleterra, Olanda, Germania saranno poveri paesi islamici.

  95. timorato scrive:

    x Peccatore

    Carissimo mi vuole incitare allo spiritualismo, all’indifferentismo e all’alienazione, solo perché ho la debolezza di attaccare un papa che non può essere tale ?

    Il Signore ci chiama nel Santo Suo Timore a servirlo con le opere che sono e fanno la Fede.

  96. Vedo che razzismo e subdolo nazismo sprizza fuori dai pori di timorato, macv e altri iva malgrado cerchino di controllarsi: non per niente sono discepoli della FSSPX e di Williamson.

    Io mi chiedo perché e percome il Dott Tornielli accetti questo tipo di commenti sul suo blog: sia questi sono poveracci fuori di testa sia sono il puro prodotto della loro chiesuola scismatica fondata da uno scomunicato.

    In ambo i casi meglio sarebbe che facessero la loro minestra altrove, a me sembra, visto tanto, che non cercano alcun dialogo ma obbligano i lettori del blog a sorbirsi le loro logorree che sanno molto di lio di ricino digitale.

    A me questi qui non piacciono come non mi piacciono neanche Gnocchi e Palmaro
    In Pace

    • timorato scrive:

      MI SPIEGA COS’E’ IL RAZZISMO E DOVE LO HO TROVATO NEI MIEI POST ?

    • timorato scrive:

      X SIMON DE CYRENE

      perché vuole minacciare subdolamente il dott. Tornielli alfine di censurarci ?

      lo dica chiaramente che lei è un liberale solo di facciata e che tutti hanno il diritto alla parola fino a quando non scoprono i suoi altarini !

      Prima di parlare tanto per……. produca sempre le prove!!!!

      Se lei poi vuole creare la bestemmia per metterci in croce, quando anche la Sociologia, l’Antropologia e la stessa Teologia condividono il nostro”"”razzismo”"”"(??????????), si ricordi: che i pifferi di montagna andarono per fischiare e furono fischiati!!!

      Ps
      Tanto per aiutare la sua memoria stordita dall’odio personale per Mons. Lefebure (che con tanta ragione cacciava dal Suo Seminario gente che faceva come lei!!) le ripeto PER L’ENNESIMA VOLTA, che: ne La FSSPX ,ne Mons. Williamson, hanno avuto mai sentimenti di razzismo o di simpatia per il nazismo.
      Questo lo prova il fatto che tra i Preti della FSSPX ci sono molti consacrati di colore e di altre nazionalità extracomunitarie ed anche di origine ebraica.
      Per quanto riguarda il nazismo il problema non si pone per le evidenti origini pagane dello stesso regime ed anche per il fatto che il padre di Mons. Lefebure fu assassinato da dei nazisti!……quindi cerchi di fischiare bene!!!!!!!!!
      se poi vuol continuare a giocare cosi, si ricordi anche del Giudizio di Dio.

    • timorato scrive:

      X SIMON DE CYRENE
      ——————————————————————————————–
      L’antipapa

      Francesco sta fondando una nuova religione opposta al Magistero cattolico

      La chiesa cattolica, da circa sei mesi, ha un nuovo dogma: la continuità. Già, perché chiunque provi a dimostrare la discontinuità innescata da Papa Francesco viene immediatamente additato all’untore e messo al neo Indice da quelli che Gnocchi & Palmaro hanno efficacemente definito, sul Foglio di mercoledì scorso, “normalisti”, ovvero quelli secondo cui nulla è cambiato a prescindere. Va da sé che la continuità, in quanto superdogma, non viene mai effettivamente dimostrata, ma, perfettamente in linea con l’odierna prassi ateoretica squisitamente conciliarista giunta al Soglio, lanciata solamente attraverso slogan……………….CONTINUA A LEGGERE

      di Mattia Rossi

      © – FOGLIO QUOTIDIANO

      http://www.ilfoglio.it/soloqui/20158

      • vincenzo da torino scrive:

        @Timoteo. Si legga su Croce-via cosa ha scritto Simon sul duo Gnocchi-Palmaro. Non so se però sia in grado di capirlo…purtroppo.

        • timorato scrive:

          x vincenzo

          non c’è nulla da sperare da Simon è troppo di parte e troppo privo di onesta intellettuale!
          Non si lasci incantare dal linguaggio intellettualistico!
          La Verità è semplice per arrivare a tutti!

          • vincenzo da torino scrive:

            @Vede che ho ragione? Lei comprende poco. Lei ha e riconosce la Verità?. Ma mi faccia il piacere! Tipico degli esaltati ed ignoranti. Ce ne fossero di onesti intellettualmente e competenti come Simon! Lei neppure si può avvicinare tanta è la sua tontaggine! Lei è solo capace di fare il soldatino ben addestrato. Si dia alla pesca e ci liberi della sua presenza almeno per decenza e amore fraterno.

          • timorato scrive:

            x vincenzo

            Simon è onesto intellettualmente, quando dopo evidenti fatti (e per suoi problemi personali) continua a chiamare setta, la Fraternità San Pio X che professa la Fede cattolica e per questo: è Chiesa e come: Chiesa! l’ha riconosciuta lo stesso Benedetto XVI, quando ha richiesto il dialogo con Essa ?

      • Reginaldus scrive:

        e questo qui sarebbe papa, Timorato, uno che fonda una nuova chiesa opposta a quella che abbiamo conosciuta come Chiesa Cattolica??? Ma un po’ di comprensione la riservo per questo Bergoglio: è in buona compagnia coi suoi ‘santissimi’ 4 antecessori- considerando il quinto ancora suo consocio…

        • timorato scrive:

          caro Reginaldus, la cosa più importante non è il riconoscere come vere ed autorevoli le tesi sedevacantiste; la cosa più importante è non perdere tempo in dibattiti accademici, ma opporre resistenza al cattivo papa come insegna il Bellarmino!!! PRINCIPALMENTE per evitare che le anime si perdono nella Dannazione eterna!

          Perché queste ulteriori divisioni tra “tradizionalisti” e “sedevacantisti” ?
          Non c’è tempo da perdere, il Giudizio di Dio ci chiedera conta anche di questo, uniamoci senza cadere nelle diatribe inutili quando l’urgenza ci impone una certa “tolleranza” verso i teoremi imperfetti.

          • Reginaldus scrive:

            ma caro Timorato,
            non si può veramente parare i colpi del serpente se non decidendosi di tagliargli la testa: in questo caso denunciando l’ appropriazione indebita del soglio pontificio, da parte di questo e di questi ‘papi’ conciliari! Perché fino a che li riconoscete papi, vana sarà la vostra critica: loro saranno sermpre gli eletti dello Spirito Santo ( vedi thread successivo)… Altro che discorsi accademici!!!

    • macv scrive:

      caro Simone le accuse contro di me sono del tutto fuori luogo : non sono seguace della FSSPX, sono un cattolico normale con una vita religiosa normale. Vado alla Messa la domenica, il mio Parroco mi conosce e può testimoniare per me . ( qualora lei volesse denunciarmi per una “rieducazione ” nei lager del NUOVO PENSIERO UNICO)
      Quale grande errore Simone! Un errore di superbia. glielo dico col cuore non siate così superbi non disprezzate gli altri.. io non sono un seguace della FSSPX ma un semplice fedele cattolico, ma se mi tormentate , mi torturate, mi disprezzate e mi sputate in un occhio, allora forse divernterò un seguace della FSSPX… ci pensi caro Simone che si firma sempre In pace il suo disprezzo e la sua alterigia e il suo livore cosa hanno a che fare colla pace?

  97. mauro scrive:

    Caro peccatore,

    Sant’Agostino, è proprio un pinco pallino perchè confuse i “poveri” con i “poveri in spirito”, ovvero chi si relaziona alla materia con chi si associa allo spirito, ovvero a Dio. (Discorso 14.1)
    Il povero è “chiunque non disponga di ciò che è essenziale” e poiché è riferito a Dio si va a collegare all’offerta di una nuova vita promessa all’uomo in cambio della conversione. Chiunque non sia convertito è “povero” mancando in lui la promessa e l’attesa “di quella nuova vita spirituale”, ovvero della fede in una vita spirituale futura.
    E non si rese neppure conto che il Vangelo, mettendo a confronto le ricchezze instabili sulla terra(D. 14.6), voleva esaltare la ricchezza certa ed immodificabile di una vita spirituale futura proprio perchè, provenendo da un essere superiore all’uomo, veniva assicurata da Gesu’ stesso che risorse.

    Discorso tenuto a Cartagine nella basilica Novarum in giorno di domenica sul versetto del salmo: “IN TE SI ABBANDONA IL POVERO, TU SARAI IL SOCCORSO DELL’ORFANO”

    Eppure povero ed orfano, riferendosi a Dio, indicano entrambi la mancanza di un elemento spirituale che si potrà ottenere solo attraverso la conversione. Orfano della vita eterna o povero di vita eterna sono la medesima considerazione.

    “un povero in spirito” non è un “beato” ma chi non intende diventarlo, non si fida del Signore e non ama la Chiesa. Lo ha confuso con chi è “ricco in spirito” ma è normale per un cattolico.

  98. timorato scrive:

    X PECCATORE

    —————————————————————————————————–

    IL PIANO MASSONICO PER LA DISTRUZIONE DELLA CHIESA CATTOLICA

    Un prete francese che ha abiurato la sua appartenenza alla Massoneria, ha reso noto questo piano massonico che egli seguiva quando faceva parte della sétta.

    Come abbiamo ricevuto questo documento così lo pubblichiamo, chiedendo ai nostri lettori di offrire, su questo punto, un contributo di discernimento e di ulteriore documentazione.

    Direttive del gran Maestro della Massoneria ai Vescovi cattolici massoni, effettive dal 1962. (Aggiornamento del Vaticano II). Tutti i confratelli massoni dovranno riferire sui progressi di queste decisive disposizioni. Rielaborate nell’ottobre 1993 come piano progressivo per lo stadio finale. Tutti i massoni occupati nella Chiesa ………
    CONTINUA A LEGGERE

    http://perchiunquehacompreso.blogspot.it/2013/06/il-piano-massonico-per-la-distruzione.html

    • stefano scrive:

      Timorato, scusi se glielo dico, ma lei mi sembra proprio ossessionato dal dover scoprire chissà quali segreti. Ora questo prete spretato al contrario che ci racconta i piani della massoneria, domani un’altra cosa. Sarà anche vero, ma chi ci dice che non siano storie anche un po’ romanzate? Per lei tutte le storie sono vere solo se sono segrete? Non trova che questo suo strabismo possa diventare controproducente?
      Voglio dire, ma non le bastava leggere la Carta della Laicità di Hollande?
      (h**p://www.tempi.it/la-carta-della-laicita-voluta-da-hollande-e-tale-e-quale-a-quella-della-massoneria-sicuramente-una-coincidenza#.UllVj9KnaE0)

      • Claudio2 scrive:

        Timorato, continui a volere ‘prove provate’ e quale sarebbero le prove? La testimonianza misteriosa e rigorosamente anonima di un ‘prete ex massone’ su un bloggaccio…non so Timorato, se io ti linkassi la testimonianza anonima, e per questo inverificabile, di un misterioso ‘fuoriuscito dalla FSSPX’ che, non so,che ci parla della ‘lunga mano dei satanisti ‘ dietro lo scisma lefebvriano (fasi del piano;1) creare una Chiesa alternativa 2)confondere i fedeli, 3)far perdere fiducia nella autorita’ ecclesiastiche, etc…se ci pensi, funziona:) tu l’accetteresti questa ‘prova’, o diresti giustamente che trattasi di una stronzata, creata ad hoc per supportare la tesi FSSPX=Satanisti?

        L’onere della prova per chi fa affermazioni ‘importanti’ come te (CVII eretico, Chiesa postconciliare oramai nella mani della massoneria, etc) e’ tuo, sei tu che devi portare prove provate e non possono essere simili abborracciate stronzate, o tue personali interpretazioni di Rivelazioni Private (che riribadiamolo, NON FANNO MAGISTERO)…
        PS quel cavalleresco ‘saluto alle armi tra noi sul post precedente mi era piaciuto, ma Timorato, con sti attacchi ad hominem da fascistello troppo cresciuto a Mimma e a Cuba stai letteralmente scagando. Fossi in te farei rispettosamente marcia indietro, che stai facendo una discreta figura di merda, non siamo al ginnasio.

        • timorato scrive:

          X CLAUDIO2

          SE volevi fare il cavaliere della giustizia perduta dovevi attaccare prima di me, ad esempio, Cuba, quando ha dato della pazza a Iva e quando Mimma ha lanciato una infinita di insulti a me a Iva e a tutti quelli che difendono la Tradizione della Chiesa, non ti pare ?

          • timorato scrive:

            x Cluadio2

            intanto sarebbe onorevole per te, sempre per amore di quelle “prove provate” dimostrarmi perché è un bloggaccio il blog in questione!

            Per un ulteriore aggiunta alle mie prove provate, potrei chiederti, ad esempio, perché: stava per giungere sulla scrivania del compianto Papa Luciani una lista di prelati massoni, che puta caso, il pontefice non ebbe il tempo di visionare ?
            ———————————————————
            Alcune tappe del piano massonico contro la Chiesa

            Direttive, piani e risoluzioni ai fratelli massoni (1961)………….continua a leggere

            Bilancio sull’applicazione dei Decreti conciliari e previsione per il Postconcilio.
            Dalla rivista massonica L’Humanisme, Novembre/Dicembre 1968
            ……….continua a leggere

            http://www.preghiereagesuemaria.it/sala/alcune%20tappe%20del%20piano%20…‎

          • timorato scrive:

            x Claudio2

            spero che le prove provate che mi chiedi non siano di natura scientifico-matematica.

            ———————————————————

            http://librisenzacensura.files.wordpress.com/2010/10/complotto-contro-la-chiesa-maurice-pinay.pdf

            Breve presentazione: sotto lo pseudonimo Maurice Pinay un nutrito gruppo di ecclesiastici di varie nazionalità (principalmente sacerdoti italiani dell’Unione Cattolica Tridentina e messicani dell’Università di Guadalajara) scrisse in 14 mesi questo dettagliato dossier “Complotto contro la Chiesa” e lo inviò nel 1962 tutti i padri conciliari all’inizio del Concilio Vaticano II.

            Il testo inizia con questi capitoli:
            – il comunismo
            – la massoneria
            – la sinagoga di satana
            – la quinta colonna nella Chiesa

          • timorato scrive:

            x Claudio2

            non ti dice nulla il provvedimento (antiRaztinger )a favore dei neocatecumenali di Francesco I, che riporta Magister (più su lo puoi trovare) ?

            Studiosi attestano che questo Movimento trae origini dalla Massoneria; e in questo Movimento Francesco I ha tratto molto della sua(pseudo)spiritualita. Basta vedere ad esempio, perchè si inchina alla Consacrazione e non si genuflette -che è lo stile dei celebranti delle loro Messe-, per capire la sua vicinanza; io posso testimoniare questo anche perché ho fatto parte di questo movimento!

            ——————————————————–
            IL SOCIOLOGO MARCO MARZANO E LA “SETTA” DEI NEOCATECUMENALI DI KIKO
            Scrive Marzano: “ Il Cammino neocatecumenale presenta molte caratteristiche di quelle che, in termini sociologici, si può definire una “setta religiosa”.

            Secondo Bryan Wilson (1990), il sociologo britannico che, forse più di ogni altro, ha studiato il fenomeno con passione e costanza per quasi mezzo secolo, una setta religiosa, in particolare una setta cristiana, si distingue in primo luogo per il carattere minoritario, non solo perché a essa aderisce una parte molto ridotta della popolazione, ma soprattutto perché la setta rivela una differenza marcata (nella dottrina, nella pratica, nel linguaggio, nell’ethos sociale) rispetto alla religiosità più diffusa e maggioritaria. Da questo punto di vista, i neocatecumenali si definiscono cattolici e come tali sono riconosciuti nella chiesa, ma la maggior parte della popolazione ..CONTINUA A LEGGERE

            http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/consacrati/12283-il-sociologo-marco-marzano-e-la-setta-dei-neocatecumenali-di-kiko

          • Claudio2 scrive:

            1)Dai Timorato, insultare una donna dandole della ‘zitella baffuta a caccia di preti da sposare’ non e’ da galantuomo, e period.Non mi sembra che Mimma ti abbia dato del , chesso’,lefebvriano minidotato. Siamo tutti umani, ci scaldiamo, poi per sua natura il mezzo internettiano e’ deresponsabilizzante (un po come gettare un sasso al buio) ma comunque :cerchiamo di non trascendere.
            2) ‘Bloggaccio”:Blogghino o blogghetto ti piace di piu’?Sia; diciamo che le ‘testimonianze anonime’ e non documentate o verificabili, lasciano il tempo che trovano. Ti ripeto; ne avessi tempo e voglia, potrei aprirmi anch’io un blog, e riportare presunte testimonianze di , rigorosamente anonimi, ‘ex della FSSPX’ che parlano, chesso’ ,di riti orgiastici omosessuali tra Lefebvre e i suoi seminaristi nelle segrete di Econe. La accetteresti questa ‘prova’?
            3) Il primo link non funziona, il secondo si. Si tratta di un testo abbastanza voluminoso ( e c’avrei anche una tesi da finire, tra una litigata su Sacri Palazzi e l’altra:)ti chiedo (non per sfottere ma per capire); come posso sapere che tutti i padri conciliari l’hanno ricevuto?Dove l’hai trovato? Da che anno si e’ iniziato a parlare di questo scritto? Come posso sapere che non si tratta di un ‘apocrifo’, e che non sia stato scritto dopo il 1962 per dare credibilita’ alla tesi del Grande Complotto?
            Io mi muovo, o cerco, di muovermi cosi’; e sulla prova provata, dico semplicemente che chi fa affermazioni ‘forti’ (la Chiesa in mano ai massoni, il Nuovo Ordine Mondiale, i vaccini fanno male, etc) deve dotarsi di prove (testuali, storiche, scientifiche nel caso dei vaccini etc) inoppugnabili e quanto piu’ certe e verificabili possibili e non su materiale piu’ o meno oscuro, piu’ o meno anonimo, piu’ o meno tendenzioso.
            Poi capiamoci,ovvio che spesso piu’ che cercare la verita’ vogliamo essere confermati(inconsciamente o meno) nei nostri pregiudizi; io, che come avrai notato non sono un grande fan dei TdG, se leggessi la testimonianza di un ‘ex TdG anonimo’ che racconta di Messe Nere alla Betel magari sarei di primo impulso portato a crederci. Ma sarebbe un comportamento intellettualmente irresponsabile, cosi’ come credere alla ‘anonima testimonianza del prete ex massone’. Capisci che intedo?

          • anastasia scrive:

            Beh! Tra TDG e Massoneria c’è un chiaro connubio!

            http://www.infotdgeova.it/zucchini.htm

          • timorato scrive:

            x Claudio2

            quindi sarei solo io il colpevole ?
            Visto che mi citi la Mimma, non so poi perché con questo zelo, lo sai le offese gravi ha saputo dire, la benedetta ?

            riguardo al primo post prova con le seguente link e troverai l’archivio
            http://www.preghiereagesuemaria.it

            ———————————————————

            il testo in questione ovviamente e di comune appartenenza alle Congregazioni tradizionalisti e sedevacantiste. C’è pure il formato cartaceo risalente all’epoca e che io ho avuto fra le mani tempo fa. Dovresti informarti presso i Priorati della Fraternita San Pio X che possono fornire documentazione ben più dettagliata per quel fu il cosidetto Coetus internationalis patrum (l’ala conservatrice al Concilio) e le iniziative a favore di quanto abbiamo postato.

            Ps
            col motore di ricerca su San PIo X.it, potrai contattare anche un sacerdote che ti aiutera.

      • timorato scrive:

        X Stefano

        e per le tutte le storie sono vere se sono timbrate dai sigilli degli uomini di potere ?

        Non bastano le storie segrete a svelarci i retroscena e i cuori dei papi! abbiamo gesti e parole che fanno vedere a chiare lettere che: l’acqua che si versa è scaturita dalla massonica fonte!

        Un Papa che antepone la liberta di coscienza -di chiara matrice massonica- alla stessa legge naturale (senza parlare della “fondamentalista” Legge di Cristo, per carita!), come lo “legge” ?

  99. Reginaldus scrive:

    censurato o bannato nel nome dello Spirito Santo…

  100. Serena scrive:

    “Amare non è solo dare al povero qualcosa del nostro superfluo,
    ma ammetterlo nella nostra vita.
    Bisogna riconoscere con coraggio che con degli alberi di Natale
    non si risolverà la questione sociale,
    né il problema della fame e della lebbra.
    Il povero, il perseguitato, il malato, ha una sete confusa di ritrovarsi,
    di avere coscienza che è un uomo come gli altri
    e che ha il diritto di vivere e il dovere di sperare.
    Non accontentarsi quindi di lasciargli cadere in mano l’offerta,
    ma condividere la sua sofferenza, la sua ira, i suoi desideri,
    ed ammetterlo alla conoscenza dei nostri sentimenti:
    questo vuol dire amarlo….
    Che il buon Dio ci dia delle noie,
    se queste noie ci conducono sul cammino dei nostri fratelli.
    Che ci faccia la grazia di essere angosciati dalla miseria universale,
    in modo che noi, gente terribilmente felice,
    possiamo chiedere scusa della nostra felicità (se l’abbiamo),
    imparando così ad amare” (Raoul Follereau)

    • Mimma scrive:

      @Serena
      Condivido in tutto la meditazione che citi , ma sempre attenzione a ciò che chiedi al Signore. .. Egli accoglie sempre ogni nostra preghiera ed ogni nostra offerta.

  101. Iva scrive:

    GRAZIE A a Josh per la segnalazione:

    Guardate un po’ il progetto “Rifugiato a casa mia” della Caritas:

    http://www.immigrazione.biz/4316.html

    Penso inoltre che ci convenga leggere attentamente, in modo stereoscopico a questo temna attuale su cui dialoghiamo, un altro simile ad es.:

    Cari africani, vi stanno ingannando (l’altra verità su Lampedusa)
    su Il Giornale.
    art. di Marcello Foa

    seguendo i post dei commentatori, che integrano bene i nostri, e danno il “polso” di come è sentito il problema dall’italiano medio, che si spera abbia ancora un briciolo di senso dell’identità culturale e cattolica del nostro paese, in quest’Europa ormai avviata al suicidio culturale, con la scusa dell’integrazione (necessaria? e chi lo stabilisce? v. pianificazioni decise “in alto” come si diceva…),
    la civiltà cristiana ormai in ginocchio davanti all’islam (approvata moralmente dal degrado liturgico dell’ultimo Giovedì Santo) che dilaga dappertutto, come previde il card. Biffi.

  102. Iva scrive:

    Ma perché l’immigrazione clandestina anziché diminuire continua ad aumentare? «Fuggono dalla povertà», rispondono tutti. Vero. Ma non basta. Se così fosse i racconti di chi da noi non ce l’ha fatta e vive spesso in condizioni peggiori e più disumane che nel proprio Paese, dovrebbero bastare per scoraggiare i propri connazionali a intraprendere l’avventura. E le notize, sconvolgenti, di stragi come quelle di Lampedusa dovrebbero rappresentare il più formidabile deterrente.

    Ma così non è per una ragione semplice eppure ignorata da tutti: in Africa queste notizie sovente non arrivano. Anzi,
    i media continuano a diffondere il mito di un’Europa idilliaca, paradiso terrestre dove tutto è facile, dove la gente è bella, agiata, sorridente. E fino a questo mito non sarà smontato, la battaglia contro l’immigrazione clandestina non sarà mai vinta.
    …..

    • Mimma scrive:

      @Iva
      Tu non hai idea di cosa stai dicendo!
      Il Signore abbia misericordia di te e di noi tutti.
      Che vita riesci a condurre con tale cinismo?

  103. Iva scrive:

    PER GLI AFRICANI L’EUROPA E’ UNO SPOT DOVE TUTTO BRILLA

    “Nella maggior parte dei Paesi del Continente nero
    le scuole esaltano l’Europa come culla della democrazia, dei diritti umani, del progresso e i ragazzi, persino i bambini alle elementari, subliminalmente, iniziano a desiderarla.
    Quando diventano adulti la simpatia si trasforma in bramosia, perché in Africa la tv, il cinema, la radio tendono a evidenziare gli aspetti più accattivanti della nostra realtà. L’Europa è uno spot, dove tutto brilla.
    Non hanno da mangiare ma si indebitano per comprare i cellulari, inutili in contesto di enorme povertà, eppure irresistibile oggetto del desiderio.
    Le brutte notizie non sono gradite. E le inchiese dei media più autorevoli improbabili, non fosse che per mancanza di mezzi.

    La distorsione è accentuata dai racconti di chi lavora nel Vecchio Continente e che per orgoglio mente sulle proprie condizioni. Non potendo ammettere il fallimento di fronte alla famiglia, s’inventa una vita di successi. E basta poco per proiettare un’immagine di benessere: un vestito elegante, qualche regalino, la foto al volante di un’auto di marca. Così il mito cresce e si propaga di villaggio in villaggio.

    Quando gli africani decidono di emigrare non conoscono neppure le nostre consuetudini sociali e dunque non immaginano di dover adattare il loro stile di vita al nostro. Sono talmente sprovveduti da non conoscere neppure le condizioni climatiche. «Non immaginano che fuori possa fare più freddo che dentro un frigorifero», mi disse tempo fa un prete cattolico del Togo..

    Ciò che manca è una comunicazione adeguata e a promuoverla non può che essere l’Occidente. Dobbiamo essere noi occidentali a smontare il mito dell’immigrazione, non ai nostri occhi ma a quelli degli africani. Nel loro interesse prima ancora del nostro.
    L’ILLUSIONE E’ FONTE DI TRAGEDIA
    Perché l’illusione è fonte di tragedia, fonte di crudeltà. E fino a quando non verrà smascherata, il dramma continuerà a perpetuarsi, con la morte in mare o una vita d’inferno, immorale e inaccettabile, nella “scintillante” Europa. ”
    …..

  104. macv scrive:

    Leggo oggi questa magnifica frase di Sciascia ( un ateo comunista )
    “Se ci fosse ancora la Messa in Latino , i preti non dovrebbero preoccuparsi del problema delle chiese vuote”
    Se persino un ateo, (molto intelligente) ha capito questo, che tutto parte dalla Liturgia ,
    dalla sacralità del rito , perchè questo vogliono i fedeli, un rito sacro che li immerga nella dimensione del sacro e non del profano,
    come non lo capiscono gli uomini di Chiesa? O forse la loro professione , cioè l’essere preti li ha disamorati e annoiati della loro unica ragion d’essere cioè celebrare degnamente il RITO di Santa Romana Chiesa? Posso capire che un prete , la cui vocazione non è magari tanto limpida , si sia stufato di celebrare Messe sempre cogli stessi gesti, impartire estreme unzioni, confessare, ecc. ecc., e preferisca fare il salvatore di tossicodipendenti e prostitute , apparire in televisione, diventare famoso come Don Ciotti , Don Mazzi, Don Pincopallino… almeno è più interessante…
    Il RITO è ormai odiato e rinnegato , rimane il mito… il mito del Papa povero e pauperista, il mito dei preti “rivoluzionari” e alter ego dei marxisti alla Che Guevara. Che tristezza!

    • macv scrive:

      Per la prima volta nella storia abbiamo questo paradosso una categoria di persone
      ( il clero) che detesta se’ stesso e la propria vocazione e cerca spasmodicamente di essere tutt’altro e di fare tutt’altro.. essere un semplice prete oggi non è più possibile .. devi essere come minimo un prete “scomodo2 e se sei papa devi essere un papa “rivoluzionario”.
      insomma non ci si accontenta più di essere dei semplici preti, vescovi, papi.
      no bisogna essere eccezionali e fare tutto e parlare di tutto meno di quello che ci verrebbe chiesto dalla nostra vocazione. perciò se sei un prete ti devi occupare di politica, di econiomia , di sociologia, di psicologia, dei problemi dei divorziati e dei gay, dei problemi degli immigrati, insomma di tutto se no non sei moderno, non sei alla page sei un “cristiano da salotto2 sei un prete retrò..
      e se sei un papa devi occuparti di tutto, parlare di tutto , pontificare su tutto,
      insomma essere un “tuttologo” altrimento non sei alla page..
      Cristo , ai suoi tempi , non fece il tuttologo e non rimase famoso per essere uno che parlava di ogni cosa contemporanea, dalla politica dell’Impero Romano all’economia, dalla filosofia alla poesia, ma rimase famoso per essere un povero ebreo morto in croce. Altri tempi, altre congiunture storiche , ma che fortuna in un certo senso per Lui! Non era obbligato a dialogare col più famoso filosofo greco o romano del suo tempo, stile Scalfari ! non era obbligato alla passerella mediatica! !Insomma in quei tempi BEATi in cui il nostro Salvatore discese sulla terra era tutto più semplice, più genuino, più spontaneo e improvvisato, più povero e più spirituale , più terraterra e più vero, più violento e più sincero.

  105. iva scrive:

    proprio così macv.
    Una volta i missionari cattolici andavano in terre di missione per cristianizzare quei popoli facendo loro conoscere e amare Gesù Cristo Salvatore che dà ali uomini la vita eterna, il “potere di diventare figli di Dio”, figli adottivi elevati alla vita divina , INNESTATI IN LUI COME TRALCI NELLA VITE.
    Oggi invece l’occidente opulento e affogato nell’edonismo consumismo e corruzione morale invita cooi suoi luccichii diabolici i poveri del terzo mondo per CORROMPERLI, additando loro i paradisi artificiali della sazietà di beni materiali, supermarket, svaghi e magari droghe…..altro che evangelizzazione: bisogna rispettare le loro credenze e culture, nessuno più pensa di additare loro il Paradiso e portarli alla vera religione, macchè!
    la Chiesa, che non vuol essere più Apostolica, ma dialogante, rinuncerà alla propria identità e funzione,rinnegherà il suo Signore e Salvatore, per “amore” fraterno e apostata con i vari pagani, specie islamici, se come disse un loro principe……”conquisteranno l’Europa con le pance delle loro donne”!
    Se poi aumenteranno imatrimoni misti, certamente tra i due coniugi, il cattolico si farà musulmano, oppure meglio….ateo !

    • Mimma scrive:

      È bene che continuiate a blaterare tra di voi… certe teorie naziste siete im grado di comprenderle ed assecondarle, non tirate in ballo il Vangelo pero , Non è cosa per voi!

      • cuba_libre scrive:

        Da mo’ che lo sto dicendo, cara Mimma. Senti che chicca:

        “… Questa nostra Patria è stata fondata dalla razza bianca e per la razza bianca, e ogni tentativo di trasferire questo controllo sulla nazione a favore di razze inferiori come la negra, va palesemente contro il volere divino e costituisce una violazione della Costituzione… L’uguaglianza sociale dovrà dunque essere bandita per sempre, perché essa rappresenta un passo pericoloso verso l’uguaglianza politica o, peggio, verso i matrimoni misti e la produzione di una sottospecie di bastardi e di degenerati…”

        (Dal Credo” del Ku Klux Klan, cui i nuovi affilati dovevano sottostare)

        Qualcuno mi dica la differenza con certi interventi di certi blogger. E’ proprio vero che la storia e’ una ruota che gira!

        P.S.: allora e’ vero che i pagani sono identificati con i non cattolici. Azzzz… non sapevo di essere un pagano!

        • Mimma scrive:

          E ora lo sai!
          Te lo hanno appena finito di spiegare i lefebvriani!

        • Mimma scrive:

          Se tu sapessi , caro Cuba-libre , quanto cammino dobbiamo fare noi tutti ,per poterci dire cristiani e fedeli al Vangelo…
          altro che puntare il dito contro i musulmani…
          Prima di aprir bocca e parlare di Cristo , dovremmo sedere su cenere e vestire di sacco…

          • macv scrive:

            ma voi cara Mimma vi credete così cristiani ad insultare gli altri?
            io non sono ne’ razzista ne’ del Klu KLUX Can , Tu tu tise nti tnto cristiana a parlare male degli altri? ma il papa francesco non velo ha detto a chiare lettere. la maldicenza viene dal demonio?
            tu ti senti contenta ad insultare me , che non conosci neanche e chje sono colpevolo solo di dissentire da te, e bollarmi di razzista e di xenofobo?
            cara Mimma credo che dovresti RIFLETTERE e non solo parlare per slogan, anche peralare e SPARLARE per slogan non è cristiano!
            La tua cara Madonna di Medjugore non chiedo che ti chieda di sparlare con cattiveria degli altri cristiani!

          • macv scrive:

            e pi certo cara Mimma meglio i musulamani meglio gli atei che i cristiani che non la pensano come te , no?
            la misericordia deve essere per tutti , tranne che per i fratelli cristiani che non la pensano come Mimma, no? Mimma e quello che lei pensa è il centro del mondo..
            tutti quelli che dissentono da Mimma sono da
            esecrare .. E’ questa la vostra MISERICORDIA? il vostro dialogo?
            ma non vi rendete conto di contraddire le vostre parole coi vostri Fatti, cara Mimma?
            mai ho letto da te una parola veramente misericordiosa: mai.. eppure tuti vanti di avere non solo il possesso della verità ma anche il monopolio della misericordia…
            I cristiani un tempo erano i più colti e i èiù intellifgenti oggi evidentemente sono olo le donnette bigotte e ristrette di mente.. non importa mettersi il saccao cara Mimma, basterebbe aprire la mente e PENSARE! attività credo a te sconosciuta…

          • Mimma scrive:

            Gentile macv , le sue dichiarazioni parlano per lei.
            Io ho unicamente letto nei suoi commenti , comr in quelli di iva una certa tendenza a definire il disagio delle nostre società occidentali in qualche modo paragonabile a quelli dei paesi in questione.
            Lei poi come definisce una teoria che tende a differenziare la razza europea da quella africana?
            Si vuole spiegare meglio , o sta tentando di arrampicarsi sugli specchi?

          • Mimma scrive:

            Vedo che a scaldarsi tanto imvece , è proprio lei… mi pare di capire che anche lei è fatto di carne e sangue!
            La Verità ultima per me è quella che ogni creatura , inquanto tale ha un’unica paternità ed è l’Onnipotente!
            Che le piaccia o no , bianchi , neri, gialli , di qualsiasi razza , popolo o nazione….
            E non faccia il processo alle intenzioni , si assuma piuttosto la responsabilità delle scemenze che dice!
            La fede senza le opere è nulla!

          • Annarita scrive:

            Mimma, al massimo qualcuno ha puntato il dito contro i mussulmani, ma i mussulmani invece puntano il macete contro i colli dei cristiani. Preferisco alla lunga che mi puntino il dito che il macete.

    • Claudio2 scrive:

      Iva, sono appena tornato da Messa. Nella Chiesa che frequento qua a Londra io il parroco e il diacono siamo gli unici bianchi europei, tutti gli altri ( e la Chiesa e’ sempre stracolma) sono o africani o asiatici (filippini perlopiu’). Altro che minaccia alla societa’ cristiana; se ci sara’ ancora una presenza cristiana in Europa lo dovremo sempre piu’ all”’apporto esterno’!

      • Iva scrive:

        Credo che non esista vera civiltà e umanità in senso compiuto, naturale e soprannaturale, senza la Fede cattolica,poichè la Grazia perfeziona la natura: solo i cristiani sono elevati a “figli di Dio” nel Figlio Unigenito Gesù Cristo.
        La cultura dell’occidente, la sua grande civiltà, la sua arte, la sua umanità “elevata” al di sopra di tutti gli altri popoli che non ancora conoscevano Cristo, è frutto e dono di Grazia del cristianesimo diffuso nell’Impero dagli Apostoli della Chiesa nascente.
        Sarebbe perciò una grande conquista di civiltà se gli immigrati islamici o di altre religioni pagane fossero convertiti al cristianesimo, allora non dovremmo temere quello scadimento al livello “subumano” derivante da MISCELA FORZATA (di cui si parlava nel progetto Kalergi) cui fatalmente si scende quando l’uomo da cristiano ridiventa pagano, come oggi accade nella gran parte dell’occidente evoluto e SAZIO DI GODIMENTI MATERIALI, pronto a idolatrare il benessere, la fitness, la scienza, la tecnica e tutto ciò che attiene solo al CORPO;
        tuttavia bisogna chiedersi: in quale tipo di Chiesa “cattolica” oggi entrano costoro, SE davvero si convertono ? che cosa è diventato il cattolicesimo in 50 anni di modernizzazione conciliare ecumenista INCLUSIVA di tutto e di più?
        qual è il concetto di “Chiesa” che viene loro insegnato e mostrato ?

        Claudio, vada a vedere quelle specie di “presepi” moderni apparsi sul web di recente, in cui facevano bella mostra vari personaggi e oggetti, di diverse culture ed epoche, in modo simbolico e anacronistico, ma ELOQUENTE IN SENSO ECUMENISTA-INDIFFERENTISTA, e dove erano affiancati minareti mezzelune e altri simboli religiosi alla capanna di Gesù….
        e capirà che cosa voglio dire.

        • Cherubino scrive:

          si decida però: sono gli stranieri a minacciare la Chiesa o è la Chiesa ad essere una minaccia per gli stranieri ?

          La sua logica fa acqua da tutte le parti. La verità è che volete solo contestare tutto ciò rappresenta un ostacolo al Regime.

          • timorato scrive:

            esiste anche una contro-Chiesa, una Chiesa cioè che ha solo l’etichetta e il potere e la fama di essere la: Chiesa, ma poi non ha la Fede cattolica che è e fa la Vera Chiesa di Cristo!

            Studi un po di sano catechismo, sano anche per la chiarezza!!!!

          • Cherubino scrive:

            non ha risposto, lei va avanti a monologhi e spot pubblicitari

          • timorato scrive:

            e i suoi interventi che non confutano mai gli argomenti ma si affrettano a demonizzare i suoi interlocutori, quale regime vogliono proteggere ?

          • Cherubino scrive:

            quale argomento , la “contro-Chiesa” ? E’ come se uno volesse la confutazione dell’esistenza degli UFO…

            Lasci perdere, prima o poi ci rimette il fegato.

          • timorato scrive:

            lasci stare, non si preoccupi siamo abituati a soffrire per la Chiesa!

            lei nega la presenza della contro-Chiesa, senza avere la prova provata che non esiste ?

            Troppo leggero, e poi ci fu uno studio che provo
            la presenza di tale contro-Chiesa e che venne presentato all’epoca del Concilio ai Vescovi.

            http://librisenzacensura.files.wordpress.com/2010/10/complotto-contro-la-chiesa-maurice-pinay.pdf

          • Cherubino scrive:

            ah e quello sarebbe lo “studio” che “prova” la stupida teoria del sedevacantismo ?
            Tanto per cominciare non prova proprio nulla, è un bel racconto che starebbe bene con quelli di Dan Brown.
            Ad esempio in quel testo si leggono frasi assurde e ignobili come “Non sussiste ormai alcun dubbio sul fatti che gli ideatori del comunismo furono gli ebrei”.

            Alla fine è il solito antisemitismo infarcito di stupide teorie razziali e pregiudizi fondati su luoghi comuni che solleticano il desiderio della gente di scaricare su un capo espiatorio le proprie paure.

            Le ricordo comunque che il nostro codice penale vieta di bollare in modo offensivo e teso a creare odio intere etnie. Spero che gli amici della polizia postale tengano traccia delle sue affermazioni e dei testi che cita.

          • timorato scrive:

            e lei in SOLI dieci minuti si è letto un libro abbastanza ricco ed articolato ?

            il libro che è SICURAMENTE uno studio! non vuole provare altro che le infiltrazioni dei nemici della Chiesa: dentro: la Chiesa!!!!

            QUEI NEMICI INTERNI DI CUI PARLA SAN PIO X

            QUEI NEMICI INTERNI DI CUI PARLA LA MADONNA IN TUTTE LE SUE APPARIZIONI AUTENTICHE COME: LA SALETTE E FATIMA.

            Se per lei è scomodo un tale studio, lo dica chiaramente invece di ricorrere alle sue solite denigrazioni atte solo a fare cattiva propaganda alla verità di uno STUDIO!

            Quindi…. dire, che Carlo Marx- che fu il padre del comunismo- era un ebreo: è fare dell’antisemitismo ?

            E opporre una LEGITTIMA DIFESA all’odio -che si tradotto in stragi di cristiani- dei comunisti è antisemitismo, solo perché questi sono veramente: ebrei e come tali hanno la giustificazione a tutte le loro malefatte in maniera assoluta, a priori e comunque ?

            questa sua solita favoletta atta a demonizzare i tradizionalisti con l’accusa di antisemitismo se la può ben risparmiare, proprio perché il Nostro Dio e Salvatore è di questa Nobile Razza Ebrea!, che di conseguenza non ci puo essere MAI SGRADITA!!!!!

            Spero poi che gli amici della Polizia postale tengono conto dell’odio che alimenta lei senza nessuna prova verso il mondo tradizionalista e la Fraternità San Pio X, quando la addita come una setta e quando definisce “mercenari” i Suoi Sacerdoti! -come i suoi post, che io conservo, possono testimoniare- e per tutte le altre accuse di nazismo, fascismo, razzismo e …..; e questo dopo, che infinitamente abbiamo sottolineato il carattere spirituale delle nostre contestazioni!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

            La liberta di parola e di pensiero è concessa dalla nostra Costituzione.

            Il libro suddetto è stato pubblicato e usato ormai da 50 anni senza nessuna censura.

            La diffusione di tale libro non viene fatta per incitare nessun odio ma solo per informare i cattolici di fatti storici.

            VUOLE IMBAVAGLIARMI ED IMBAVAGLIARCI ?

          • Mimma scrive:

            @Timorato
            ….imbavagliarti non sarebbe male come idea, sarebbe un bene per l’umanità!
            La tua matrice non è certo quella di Gesù di Nazareth!

  106. macv scrive:

    I nuovi cristiani che hanno il MONOPOLIO della verità e della misericordia hanno epurato due cristiani colpevoli del fatto che non gli piace papa Bergoglio e che l’hanno scritto in un articolo. ANATEMA!
    gnocchi e plamaro sono stati licenziati seduta stante da RADIO MARIA.
    Peccato che non ci siamo i gulag staliniani se non celi potevano mandare!
    Cube libre ne sarà felice e anche Mimma . Anche a Cuba epuravano quelli a cui non piaceva Fidel Castro e li mandavano in galera .
    stessi metodi, stessa mentalità. la giustizia, la verità la misericordia A SENSO UNICO, cioè unicamente quando riguardi chi la pensi come noi. Tipico della mentalità meschina e conformista . IN GALERA! chi non la pensa come Mimma , come Cuba Libre , come Cherubino…

    • Mimma scrive:

      Continui purtroppo con molte idiozie…
      la galera te la stai costruendo da solo , perché non hai la libertà interiore di guardare negli occhi il fratello e dirgli ti amo , volio aiutarti e desidero che tu viva una vita dignitosa.

    • vincenzo da torino scrive:

      Macv. Lei sta straparlando.. Gnocchi-Palmero hanno fatto un articolo non di critica , ma di dileggio contro papa Francesco facendo deduzioni e un processo alle intenzioni veramente ignominioso. In pratica essi vogliono insegnare al papa il Vangelo e dicono apertamente al papa che deve essere più umile verso il Cristo. Loro! Il minimo che Radio Maria, che fedele al papa lo vuole essere , abbia potuto fare è l’ostracismo. Credo che non finisca qui ed il duo riceveranno un bel poco di critiche sdegnate e di distinguo, salvo forse dai soliti tradi-protestanti che sono notoriamente in perpetua confusione circa il Magistero. Si legga il bel commento di Gennari su Avvenire e qualche appunto-contestazione su Croce-via di Mistrel e poi dica anche la sua, ma con il cervello non con la pancia.

    • cuba_libre scrive:

      Vede, Macv, lei ha la mente cosi’ ottenebrata dal suo schematismo integralista che non sa neppure quello che dice: Stalin, Fidel Castro, Cuba…. mancano solo Mao e Pol Pot, poi il campionario di idiozie e’ completo!
      Ma… la vostra intelligenza e’ tutta qui o la scatola cranica e’ solo ornamentale? Non c’e’ un minimo di consecutio razionale nel suo (e non solo suo) intervento; io Radio Maria non la sento anche perche’ trattasi di un’emittente che irradia (o almeno irradiava) ad una potenza cosi’ alta da interferire con le frequenze aeronautiche dei voli civili, creando quindi dei potenziali pericoli per gli aerei, quindi non so neppure di cosa lei stia parlando.
      Io sono sempre piu’ convinto che se per uno strano scherzo della natura foste nati in un paese islamico, sareste andati ad ingrossare le file di Al Qaeda, o se foste stati comunisti , sareste confluiti nelle brigate rosse: chi sa guardare il mondo solo attraverso il filtro della propria miopia, vedra’ solo una certa porzione di realta’, l’unica che riconosce e attraverso la quale veicola il proprio disprezzo del prossimo: la misoginia, la misandria, e piu’ in generale la misantropia, passano da questa strada.

  107. Iva scrive:

    il card. Biffi aveva acutamente previsto il grande pericolo che stiamo correndo, (ora senza più freni da quando stanno decidendo di abolire in Italia il reato di clandestinità)

    Utile lettura:
    Vi mostriamo un drammatico video che spiega, dati alla mano, che il Cardinal Biffi aveva visto giusto nel 2000 mettendo in luce il problema della denatalità e della necessità di selezionare i flussi migratori.

    L’EUROPA O RIDIVENTERA’ CRISTIANA O DIVENTERA’ MUSULMANA
    di Giacomo Biffi

    Dovrebbe essere evidente a tutti quanto sia rilevante il tema dell’immigrazione nell’Italia di oggi; ma credo sia altrettanto innegabile l’inadeguata attenzione pastorale e lo scarso realismo con cui finora esso è stato valutato e affrontato. Il fenomeno appare imponente e grave; e i problemi che ne derivano – tanto per la società civile quanto per la comunità cristiana – sono per molti aspetti nuovi, contrassegnati da inedite complicazioni, provvisti di una forte incidenza sulla vita delle nostre popolazioni. (…)

    PROGETTI REALISTICI COMPLESSIVI

    Ciò che dobbiamo augurare al nostro Stato e alla società italiana è che si arrivi presto a un serio dominio della situazione, in modo che il massiccio arrivo di stranieri nel nostro paese sia disciplinato e guidato secondo progetti concreti e realistici di inserimento che mirino al vero bene di tutti, sia dei nuovi arrivati sia delle nostre popolazioni.
    Tali progetti dovrebbero contemplare tanto la possibilità di un lavoro regolarmente remunerato quanto la disponibilità di alloggi dignitosi non gratuiti: per questa strada si potrà arrivare a un sicuro innesto entro il nostro organismo sociale, senza discriminazioni e senza privilegi.
    Chi viene da noi deve sapere subito che gli sarà richiesto, come necessaria contropartita dell’ospitalità, il rispetto di tutte le norme di convivenza che sono in vigore da noi, comprese quelle fiscali. Diversamente non si farebbe che suscitare e favorire perniciose crisi di rigetto, ciechi atteggiamenti di xenofobia e l’insorgere di deplorevoli intolleranze razziali.
    …….
    [parla poi della convenienz di preferire immigrati di religione cattolica o cristiani più affini a noi e facili ad integrarsi, quali latino-americani, filippini, eritrei, europei dell'est, poi passa a parlare del problema più grave che è quello dei MUSULMANI,evidenziando i problmio che rendono impossibile l'integrazione di costoro nel paese ospitante cattolico...]
    IL CASO DEI MUSULMANI

    Se non si vuol eludere o censurare tale realistica attenzione, è evidente che il caso dei musulmani vada trattato a parte. Ed è sperabile che i responsabili della cosa pubblica non temano di affrontarlo a occhi aperti e senza illusioni.
    Gli islamici – nella stragrande maggioranza e con qualche eccezione – vengono da noi risoluti a restare estranei alla nostra “umanità”, individuale e associata, in ciò che ha di più essenziale, di più prezioso, di più “laicamente” irrinunciabile: più o meno dichiaratamente, essi vengono a noi ben decisi a rimanere sostanzialmente “diversi”, in attesa di farci diventare tutti sostanzialmente come loro.
    [si è capito ? stanno in mezzo a noi, NON integrati,
    in attesa di farci diventare tutti sostanzialmente come loro!

  108. Iva scrive:

    In un’intervista di una decina d’anni fa, mi è stato chiesto con molto candore e con invidiabile ottimismo: “Ritiene anche Lei che l’Europa o sarà cristiana o non sarà?”. Mi pare che la mia risposta di allora possa ben servire alla conclusione del mio intervento di oggi.
    Io penso – dicevo – che l’Europa o ridiventerà cristiana o diventerà musulmana.
    ***Ciò che mi pare senza avvenire è la “cultura del niente”, della libertà senza limiti e senza contenuti, dello scetticismo vantato come conquista intellettuale, che sembra essere l’atteggiamento largamente dominante nei popoli europei, più o meno tutti ricchi di mezzi e poveri di verità.***
    Questa “cultura del niente” (sorretta dall’edonismo e dalla insaziabilità libertaria) non sarà in grado di reggere all’assalto ideologico dell’Islam, che non mancherà: solo la riscoperta dell’avvenimento cristiano come unica salvezza per l’uomo – e quindi solo una decisa risurrezione dell’antica anima dell’Europa – potrà offrire un esito diverso a questo inevitabile confronto.

    Purtroppo né i “laici” né i “cattolici” pare si siano finora resi conto del dramma che si sta profilando.
    I “laici”, osteggiando in tutti i modi la Chiesa, non si accorgono di combattere l’ispiratrice più forte e la difesa più valida della civiltà occidentale e dei suoi valori di razionalità e di libertà: potrebbero accorgersene troppo tardi.

    I “cattolici”, lasciando sbiadire in se stessi la consapevolezza della verità posseduta e sostituendo all’ansia apostolica il puro e semplice dialogo a ogni costo, inconsciamente preparano (umanamente parlando) la propria estinzione.
    La speranza è che la gravità della situazione possa a un certo momento portare a un efficace risveglio sia della ragione sia dell’antica fede.
    È il nostro augurio, il nostro impegno, la nostra preghiera.

    http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=1980

  109. Iva scrive:

    quindi, come al solito……
    non è la miserabile Iva o il blogger pinco pallino che inventa queste sacrosante verità basate sulla CRUDA realtà di fatti, (dacchè l’historia è magistra vitae) e sulla sana ragione derivante da grazia di stato e lunga esperienza di vita, di studi e di sacro ruolo di pastori di anime;
    quindi la smettano certi bloggers buonisti più o meno isterici di stracciarsi le vesti gridando “ecco gli spietati ! malvagi, senza cuore! senza vangelo!” e simili idiozie colossali senza fondamento, e che sono polvere di fronte ai FATTI, di fronte a fenomeni etnologici e culturali INOPPUGNABIILI, che si mostrano oggi in tutta la loro gravità, essendo stati visti e previsti non da una insignificante blogger di nome Iva, ma da tanti piccoli fedeli preoccupati a ragione, vari studiosi e illustri cattolici, ed eminenti pastori quale il card.Biffi, che ci avvisa a chiare lettere:

    I “cattolici”, lasciando sbiadire in se stessi la consapevolezza della verità posseduta e sostituendo all’ansia apostolica il puro e semplice dialogo a ogni costo, inconsciamente preparano (umanamente parlando) la propria estinzione.

    (esattamente il pericolo che esponeva nella mia riflessione più sopra).

  110. Iva scrive:

    a conclusione e conferma della parole del card. Biffi,
    il sito ospitante mostra un filmato eloquente circa il pericolo islamico:

    Nota di BastaBugie:
    vi invitiamo a guardare il filmato “La vera fine del mondo” che, dati alla mano, fa capire la drammaticità della situazione in Europa

    http://www.youtube.com/watch?v=aDaUppMaoEI

    (l’uploader chiede: è questo il mondo che vuoi lasciare ai tuoi figli?)

  111. Iva scrive:

    In realtà la distinzione tra islam fondamentalista e islam moderato è fuorviante.
    Come ad esempio è fuorviante distinguere tra droghe leggere e pesanti. La droga fa male sempre. Tutta.
    L’islam è sempre totalitario, cioè mira alla conquista e sottomissione del mondo intero. Cambiano solo i modi, ma il fine è lo stesso.
    L’islam fondamentalista usa i modi della minaccia, del terrorismo, degli attentati.
    L’islam moderato invece usa la finanza, la diffusione capillare della popolazione musulmana, le scuole, le televisioni, ecc.
    Ma il fine è lo stesso per tutti i musulmani: la conquista del mondo!
    Mettiamocelo bene in testa! Così voleva Maometto, così c’è scritto sul Corano. Il resto sono chiacchiere.
    Alcune citazioni dal Corano
    “Combattete coloro che non credono in Allah e nell’ultimo giorno, che non vietano quello che Allah e il suo messaggero hanno vietato, e quelli, tra la gente della Scrittura, che non scelgono la religione della verità, finché non versino umilmente il tributo, e siano soggiogati… i nazareni dicono: Il Messia è figlio di Allah. Questo è ciò che esce dalle loro bocche. Ripetono le parole di quanti già prima di loro furono miscredenti. Li annienti Allah. Quanto sono fuorviati!” (Sura IX 29,30).
    “O voi che credete, combattete i miscredenti che vi stanno attorno, che trovino durezza in voi” (Sura IX 123).
    “Se non vi lancerete nella lotta, [Allah] vi castigherà con doloroso castigo” (Sura IX 39).”Vi è stato ordinato di combattere, anche se non lo gradite” (Sura II 216).
    “Preparate, contro di loro, tutte le forze che potrete e i cavalli addestrati per terrorizzare il nemico di Allah” (Sura VIII 60).
    “…uccidete questi miscredenti ovunque li incontriate, catturateli, assediateli e tendete loro agguati” (Sura IX 5).

    • cuba_libre scrive:

      Tutto vero cio’ che dice il Corano (anche se mi piacerebbe leggere tutti i paradigmi da cui sono estrapolate quelle parti di sure).

      Ma mi permetto di porre una domanda: cosa fate voi per essere tanto diversi da loro? Non vi rendete conto che la stessa arroganza di credere di possedere l’unica verità traspare in ogni rigo dei vostri interventi?

      Un’altra similitudine con gli islamici: i vostri piu’ temuti nemici sono i cattolici del Concilio Vaticano II, i piu’ temuti (e quindi oggetto di persecuzioni e attentati) dei fondamentalisti islamici sono le stesse confessioni opposte nel loro interno (sunniti, sciiti, salafiti).

      Insomma… non avete voluto capire che l’integralismo, la folle convinzione di stare sempre e comunque dalla parte del giusto, NON HA AGGETTIVI. Mettetevelo bene in zucca.

      Se, mai si verificasse, che un movimento integralista qualsivoglia dovesse prendere il potere, mi darei subito alla lotta armata. LO GIURO!!

      • Mimma scrive:

        Con loro serve a poco Cuba , il loro fariseismo non gli consente di “vedere” che ad un palmo del loro naso.

      • macv scrive:

        M certo caro Cuba Libre. ilassati quelli ch non la pensano come te e Mimma e Cherubino saranno annientati come diceva Lenin ” la controrivoluzione ha alzato il suocapo criminale. Ma i cospiratori saranno annintati. Ne’ esitazione ne dubbi. Fermezza costanza disciplina e risolutezza.! Il Comitato Rivoluzii Pietroburgo 25 ottobre 1917

        • cuba_libre scrive:

          Senta Macv, vada a noleggiare un ippogrifo, faccia un rapido viaggio sulla luna a riprendere il senno che qualcuno ha li’ relegato, e poi potremo parlare.

    • vincenzo da torino scrive:

      @Iva. Lei come al solito è troppo ansiosa e prende tutto per oro colato. Lo stesso Egitto dimostra che gli estremisti trovano vita dura anche tra gli stessi mussulmani. La maggioranza dei mussulmani vuole benessere, pur non rinunciando a qualcosa della loro religione. I pericoli veri arrivano dagli estremisti che cercano e si impongono alla massa in genere poco ben voluti, ben foraggiati proprio dal Qatar e dall’Arabia Saudita che fa il solito doppio gioco. Questi possono veramente combinare guai e veramente vogliono la conquista mussulmana del mondo. In Europa il pericolo non esiste e siamo ben lontani anche come numero per una reale conquista. Si può ipotizzare che in futuro molto remoto per la decrescita demografica di europei vi possa essere un sorpasso. Pura ipotesi. Già oggi ci si rende conto che gli immigrati sono troppi e si dovrà per forza trovare una soluzione per il loro decremento. E’ vero che i mussulmani come anche gli indiani non si integrano se non in misura minima. Come è vero che si ha troppa paura di loro , tanto da non contrastarli a dovere. Come la stessa Merkel dice il multiculturismo ha fatto cilecca. Comunque il pericolo non viene e non verrà mai dall’Europa , stia tranquilla. Da temere invece qualche gruppo o stato islamico che venga a farci guerra. Per fortuna e per tradizione gli arabi sono per natura litigiosi. Possono trovare un capo che li riunisca? Si accettano scommesse. Viva serena e non si riempia troppo la testa di…paure.

    • Cherubino scrive:

      Quanto lei dice è falso. Basterebbe chiedere ai musulmani moderati cosa pensano dei fondamentalisti e come interpretano quei passi del Corano alla luce di altri di senso diverso. Conosco musulmani molto più rispettosi e desiderosi di vedere rispettare le nostre leggi e le nostre istituzioni, e che si scandalizzano quando vedono il poco rispetto verso di esse da parte di certi partiti e uomini politici.

      Quanto al Corano, tutti sanno ormai che l’Islam non è una religione omogenea e che tra i vari sufi (i maestri della religione) vi sono differenze anche notevoli nella lettura di quei passi.

      • timorato scrive:

        questa sua propaganda implicita a favore dell’Islam è davvero strana!

        perché ci tiene a portarci dentro i mussulmani , quando la stessa Antropologia e Sociologia insegnano che la separazione delle culture non è per nulla un male ?

        A proposito di questa favoletta dei musulmani buoni belli e lavati con ……;sarebbe utile riascoltare le dichiarazioni del Vescovo di Smirne che intervenuto nel Sinodo di qualche anno fa (ora non ho le date precise, ma quando prima procurero il testo tratto dal quotidiano Avvenire) parlava del suo cameriere musulmano -una persona abbastanza pacifica- il quale gli assicurava che quando sarebbe scoppiata la guerra santa, anche lui doveva partecipare con l’uccidere gli infedeli (cioè i cristiani) a partire dallo stesso Vescovo di Smirne, che pero: per “benevolenza, avrebbe subito una morte meno atroce!

        Mi vuole spiegare quindi, perché ha questa smania di portarci i musulmani dentro casa ?
        a proposito, lei respira nella sua casa abitata dai musulmani che ospita senza numero ?

        • Iva scrive:

          è chiaro, Timorato, che molti non tengono in nessun conto l’avviso del card. Biffi, realistico e serissimo, che si sta avverando.
          Preferiscono fare come gli struzzi, oppure…..vige il principio tristemente famoso del “tanto peggio tanto meglio” ! (….e si torna così a Kalergi e agli stimati funzionari europei Van Rompuy et al. sfascisti della civiltà cristiana cattolica)

          • Cherubino scrive:

            kalergi o alergik … alla democrazia ?

          • timorato scrive:

            perché esiste la democrazia ?

            e poi non è un dogma di fede, la democrazia!!!

            la Chiesa tollera la democrazia come “male minore” poiché come ideale Essa -secondo le Testimonianze della SAcra Scrittura- deve PREDILIGERE la Monarchia!

            Lei non lo sa che i Re gia nell’Antico Testamento venivano unti col sacro Crisma come i Sacerdoti e i Profeti ?

            sono secoli che ci chiama “antiVAngelo” e poi non conosce i fondamenti ?

            mi sa che lei usa il Vangelo come i protestanti e i pentecostali
            lo usa come clava contro i veri seguaci di Cristo, che piaccia o no, siamo noi poveri cattolici (tradizionalisti)sempre perseguitati?

          • Cherubino scrive:

            alla faccia dell’ignoranza ! E poi vi dite tradizionalisti.
            Come poteva essere l’unzione dei Re nell’Antico Testamento operata con il “sacro Crisma” (lo ha scritto lei !!!) se non c’erano ancora il battesimo, gli altri sacramenti e quindi neanche la Messa crismale del Giovedì santo in cui il Vescovo consacra appunto l’olio che diventa il Crisma ?

            Lei spara della cavolate talmente grosse che la sua faccia di impostore che di dottrina cristiana non sa nulla di nulla si vede da lontano.

            Il sacro Crisma nell’Antico Testamento … incredibile !!!

        • timorato scrive:

          veramente il più ignorante è lei che non capisce una espressione detta solo per indicare la sacralità dell’unzione!

          veramente fa pena, nel vedere come ricorre a tutto pur di stornare un discorso che smaschera il suo incantesimo fatti a colpi di Vangelo!!!!

          Sappiamo benissimo che il sacro Crisma inteso come lo si intende con l’avvento del Cristianesimo, non c’era; c’erano pero i simboli della consacrazione con l’Olio Sacro, che prefigurando i Sacramenti futuri procuravano ugualmente il Diritto e la Grazia che imploravano con il Rito Sacro!

          Il problema pero non era questo, ma quello di far notare che la democrazia non è mai stata di matrice biblico-evangelica (visto che lei sempre cita il Vangelo come faceva Lutero per accusare la vera Chiesa!), e che lei evidentemente non vuole far….notare!!!

    • Reginaldus scrive:

      e mi permetto di aggiungere, Iva, sempre dal Libro Santo loro:

      “Allah ama quelli che giungono fino ad uccidere sul suo sentiero [= per la sua causa]” (Corano 61,4 ).

      Una aggiunta che rivela tutto un programma!

      • Reginaldus scrive:

        e poi dicono, i nostri malpancisti affetti dal verme dell’ irenismo ad ogni costo, che chi tra loro uccide, e fa strage, è un fuori-testa, un fondamentalista, un terrorista, ancora non toccato dal vento della modernità liberal-pensante! Quando essi sono i veri musulmani, i sottomessi alla volontà di Allah, che tramite loro vuol fare piazza pulita delle sconcezze mondane con la guerra santificatrice, foriera dell’avvento di Isa, figlio di Maria, il Messia, ora in riserva presso Allah- Cor. 4,156 -, in attesa del gran ritorno, per stabilire definitivamente il dominio di Allah, il grande e il misericordioso! Che almeno imparassero tutti a trattenersi nel loro impeto, a MODERARE il loro zelo, nella verssione per noi accettabile di MODERATI!

        • Reginaldus scrive:

          Secondo uno studio del Middle East Media Research (MEMRI) pubblicato in Settembre u.s.. e segnalato oggi da Asia News, i manuali scolastici pakistani insegnano agli scolari che l’assassinio dei cristiani è un “obiettivo da raggiungere”, giacché i tal modo si aiuteranno i membri della minoranza (termine dispregiativo che indica i cristiani ) a raggiungere il martirio per la lorofede….. (cfr:www.christianophobie.fr/breves/tuer-les-chretiens-ce-nest-pas-un-probleme-pour-les-manuels-scolaires-pakistanais

          ( e magari ci penserà poi Papabergoglio a farne una bella proclamazione a…santi!)

  112. giovannino scrive:

    Buona domenica a tutti, anchi a chi gufa contro la sperata e forsr già iniziata primavera della chiesa cattolico-romana , passo necessario per ricomporre ad unità , nei limiti del possibile, la Chiesa visibile e quella invisibile . A chi minaccia scismi , vorrei citare un passo del catechismo di san Pio X . Non prendetela come una provocazione , ma come un’ interrogazione , davvero non capisco come sia possibile conciliare questo catechismo con la disobbedienza al Romano Pontefice .
    “141. Apostolica. – Vedrà il fedele, nel percorrere la storia ecclesiastica, succedersi, fra incredibili difficoltà, tanti Romani Pontefici, tutti nella persona di Pietro rivestiti delle stesse prerogative date a lui da Gesù Cristo, DIFFONDERE LA GIURISDIZIONE ANCHE AI SUCCESSORI DEGLI ALTRI APOSTOLI, dei quali nessuno erasi mai separato da Pietro siccome ora nessuno potrebbe separarsi dalla Sede Romana, senza cessare di appartenere alla Chiesa, che perciò è realmente e dicesi apostolica. …

    Ma la verità, che si vedrà risultare dalla storia, è questa: che i primi Papi per vari secoli furono giustamente innalzati agli onori degli altari, avendo molti versato il sangue per la fede; che quasi tutti gli altri splendettero per egregie doti di sapienza e di virtù, sempre intenti ad istruire, a difendere e santificare il popolo cristiano, sempre pronti, come i loro predecessori, a dare la vita per rendere testimonianza alla parola di Dio. – Che importa (dacché sgraziatamente vi fu tra i dodici un apostolo malvagio), che importa se pochissimi fra tanti fossero stati meno degni di salire su quella suprema Sede, dove ogni macchia appare gravissima? – Dio lo permise per far conoscere la sua potenza nel sostenere la Chiesa, MANTENENDO UN UOMO INFALLIBILE NEL SUO INSEGNAMENTO BENCHE’ FALLIBILE NEL SUO PERSONALE OPERARE ”
    Secondo Papa Sarto è dunque impossibile che il magistero , pardon Magistero , di Papa Bergoglio sia errato e a Papa Bergoglio spetta il potere di giurisdizione sulla Chiesa . Chi disubbidisce a Papa Bergoglio , disubbidisce anche a san Pio X , a Gregorio VII , a san Pietro e in ultima analisi a Cristo stesso , questo almeno è ciò che crede un vero tradizionalista.Nessuno può giudicare il Papa secondo il punto XIX del Dictatus Papae. Chi si definisce tradizionalista , ma contesta l’ autorità di Papa Francesco non è tradizionalista anzi secondo il punto XXVI del Dictatus Papae , non è cattolico .

    • domenico scrive:

      Mi sfugge perchè hai voluto citare qualcosa che ti si ritorce contro.
      Allo stato attuale l’unico insegnamento infallibile di Bergoglio è la Lumen Fidei.
      Tutto il resto (interviste, lettere, omelie, telefonate) rientrano proprio in quello che Pio X come hai tu stesso indicava come “BENCHE’ FALLIBILE NEL SUO PERSONALE OPERARE ”

      • giovannino scrive:

        caro domenico , allora sei d’ accordo che per quante stranezze , a giudizio dei sedicenti tradizionalisti , Papa Francesco possa mai fare , egli manterrà sempre la giurisdizione su tutta la chiesa e l’ infallibilità magisteriale ? allora sono , siete , pregati di obbedirgli e riverirlo , perchè questo ha detto Ratzinger , questo ha detto Sarto e , secondo l’ interpetrazione magisteriale, questo è scritto nel Vangelo stesso.

    • timorato scrive:

      giovannino scrive:

      11 ottobre 2013 alle 15:45

      Ho letto il blog di don Curzio Nitoglia e mi pare che questi pseudotradizionalisti stiano oltrepassando ogni limite. Mi permetto a volte di avanzare l’ opinione che elevare Sarto all’ onore degli altari non sia stato un bene per la Chiesa, ma non mi permetterei mai di mandarlo
      ——————————————————————————————————

      Caro Giovannino, fa come il demonio, che usa la Parola di Dio per tentare Cristo nel deserto ?

      Come si legge dal suo suddetto post, lei demonizzava San Pio X, ora lo prende: come strumento per demonizzare quei CATTOLICI che disubbidiscono ad un Papa che non merita di essere ubbidito perché disubbidisce a tutti gli altri Papi predecessori ?

      ANCHE I PAPI SUCCESSORI HANNO IL DOVERE DI OBBEDIRE AI PRONUNCIAMENTI INFALLIBILI SECONDO LA FEDE (MA ANCHE SECONDO LA RAGIONE !) DEI LORO PREDECESSORI!

      Vuole usare il potere papale come una clava per la propaganda di regime ?

      Cristo non è: ne comunista ne democristiano ne fascista, è solo il Re dei Re che Francesco I non vuole servire in questo , ma come un “cristo” “profeta” del Filantropismo del Liberalismo della Massoneria!

      Guai a Francesco I e guai a tutti quelli che per soldi o per servizio ai partiti politici, fanno questo !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      • giovannino scrive:

        caro timorato , ti sfugge che il Papato è una monarchia assoluta. Quindi l’ unico che può decidere se Papa Francesco contraddice o meno il magistero dei suoi predecessori è lo stesso Francesco. Immaginavo che il Dictatus Papae fosse uno dei vostri “cavalli di battaglia” , vedo che manco lo conoscete . Sentenza XIX ” Quod a nemine ipse iudicare debeat ” dove ipse è il Papa. Dunque nessuno ha diritto di giudicare il Papa .

        • timorato scrive:

          caro Giovannino, il “nostro cavallo” di battaglia come lo chiama la tua mentalita che tutto riconduce alla lotta di classe e alla lotta ideologico-politica, non intende correre per queste vallate! ma per quelle della spiritualita cristiana e apartitica!!!!!

          Il Papa è un monarca assoluto nelle vesti di Vicario di Colui che è la Stessa Verità e la Stessa Giustizia! e PERTANTO SI DEVE ATTENERE A SERVIRE QUESTA VERITA E NON AD USARLA, QUESTA VERITA!!!!!!

          Quella Verità che non può essere ne oltraggiata ne strumentalizzata e che Essa Stessa ha posto dei paletti da non superare!!!

          Quindi anche voi, sia tu che il Papa siete pregati di ubbidire e riverire i Papi preconciliari che non sono scaduti come la mozzarella!!!!anche se sono corrosivi per le vostre ideologie come l’acido muriatico!!!!!!!!!!!

  113. Iva scrive:

    givoannino spieghi per favore:
    dove si ravvisa il cosiddetto magistero papale nella lettera a Scalfari, CHE COSA insegna, a quale livello di autorità (infallibile? ossequiabile ? indiscutibile?)

    e dica se un papa, che, per MANDATO DIVINO espresso da Cristo Signore e Fondatore, deve (se si chiama papa, cosa che Bergoglio rifiuta in fatti e atti tangibili e concreti, dall 13-03-13, rifiutando il triplice MUNUS=buongiorno/buonasera ecc.) ,
    Vicario che dovrebbe TRASMETTERE INALTERATA LA DOTTRINA DIVINA E PERENNE DI CRISTO, si può permettere -E se MAI un papa nella storia si sia permesso-
    di affermare co