Verità e calunnie su Asia Bibi

Nel rinnovare a tutti gli auguri di Buon Natale – con un pensiero e una preghiera particolare a quei cristiani che vivono la celebrazione della nascita di Gesù in condizioni precarie, cacciati dalle loro case, nei campi profughi o in carcere – vi segnalo un nuovo articolo di Paolo Affatato su Asia Bibi, pubblicato su Vatican Insider.

Sono rimasto colpito e sorpreso da alcune reazioni all’intervista ad Asia Bibi. Non tanto per quelle sguaiate dei “coraggiosi” che su facebook o nei blog si trincerano dietro l’anonimato (poverini, sparano le loro vigliacche pallottole di carta e nascondono la manina), quanto piuttosto per quella di chi ha messo in dubbio l’autenticità dell’intervista stessa, citando fonti quelle sì davvero dubbie.

Forse qualcuno si è sentito chiamato in causa per il fatto che Asia Bibi ha chiesto di non essere strumentalizzata. Eppure sarebbe bastato leggere quest’altro ottimo articolo di Affatato, nel caso ci fosse stato bisogno di delucidazioni sul contesto e sulle strumentalizzazioni alle quali la stessa Asia Bibi faceva riferimento.

Ecco, criticate e attaccate pure, ma riflettete un momento prima di accusare con leggerezza gli altri di produrre testi apocrifi soltanto perché gli intervistati non dicono ciò che qualcuno vorrebbe dicessero: l’autore dell’intervista, giornalista dell’agenzia vaticana Fides e firma di Vatican Insider, ha seguito il caso di Asia Bibi fin dal primo giorno, ha scritto decine di articoli, è in contatto con le persone a lei più vicine. La semplicità cristiana, l’esperienza di fede di Asia che emergeva da quella intervista era ed è una vera perla nella conchiglia.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Print
Pubblicato il da Andrea Tornielli Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.